Notizie e Bandi

Dicembre 16, 2020
cciaa-bari-voucher-turismo-2020-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Bari sostiene le imprese appartenenti alla filiera turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 55, 56, 79, 54.14.00, 82.30.00, 90.04.00, 91.02.00, 91.03.00, 91.04.00, 93.21.00, 93.29.10, 93.29.20, 93.29.90, 96.04.20, 96.09.05.

Le imprese inoltre devono avere la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Bari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Misura 1: messa in sicurezza delle imprese della filiera turistica.

  • 1.1 Piano di Azione Covid-19: dotazione di un Piano che formalizzi le procedure da seguire nonché i materiali e le risorse necessarie alla sua esecuzione.
  • 1.2 Interventi di messa in sicurezza:
    • acquisto di attrezzature, kit medici, dispositivi di protezione individuale;
    • adeguamento di spazi e strumenti di lavoro per il rispetto delle misure di distanziamento sociale;
    • strumenti e consulenze tesi alla razionalizzazione del posizionamento di tavoli, ombrelloni, area di sosta per campeggi;
    • acquisto di paratie protettive;
    • acquisto attrezzature per l’allestimento dei nuovi spazi aziendali in ottica anti-covid;
    • pulizia e sanificazione degli ambienti;
    • monitoraggio di ospiti con sintomi;
    • disponibilità di materiali e protezioni per lo staff che opera nelle strutture;
    • modalità di gestione dei casi di contagi sia con riferimento al personale che alla clientela;

Misura 2: formazione del personale addetto ai servizi turistici, sia in ambito sanitario, sia in ambito di promozione e commercializzazione di una destinazione turistica.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per l’acquisto di beni e servizi, inclusi strumenti, attrezzature, dispositivi e quelle per servizi di consulenza o formazione, sostenute dallo 01/04/2020 al 30/03/2021.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% della spesa ammissibile, fino a un massimo di € 10.000,00.

Viene riconosciuta una premialità alle imprese in possesso del rating di legalità fino a € 500,00.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo, aiuti de minimis e aiuti concessi ai sensi di un Regolamento di esenzione.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 12:00 del 23/12/2020 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 15, 2020
sardegna-gal-bmg-potenziamento-strutture-ricettive-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sardegna, mediante il GAL BMG, sostiene le imprese non agricole attraverso una diversa progettazione dell’offerta turistica ricettiva coordinata, in grado di distinguersi dalle altre offerte di ricettività rurale, in quanto capace di esaltare gli elementi identificativi del territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari, in forma singola o associata, sono le micro e piccole imprese non agricole che svolgono servizi di ricettività e le persone fisiche.

I beneficiari devono avere sede legale o unità operativa nel territorio di uno dei seguenti Comuni che compongono il GAL BMG ovvero: Gadoni, Sorgono, Tonara, Desulo, Teti, Tiana, Ovodda, Belvi, Gavoi, Lodine, Ollolai, Atzara, Oniferi, Austis, Ortueri, Sarule, Olzai, Aritzo, Meana sardo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto attività di ristrutturazione e adeguamento di immobili destinati all’esercizio di attività ricettive di piccole dimensioni, non classificate come strutture alberghiere, finalizzate all’incremento o alla riqualificazione dell’offerta dei servizi di piccola ricettività.

Gli interventi sono previsti per le seguenti strutture ricettive:

  • esercizio saltuario di alloggio e prima colazione B&B;
  • esercizio di Domo e CAV;
  • esercizio di attività extra alberghiere non agricole.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

Costruzione, Acquisizione o miglioramento di beni immobili:

  • ristrutturazione e miglioramento di beni immobili e delle loro aree di pertinenza;
  • interventi finalizzati al risparmio energetico, produzione di energia per autoconsumo da impianti solari o da utilizzo di fonti rinnovabili, sistemi a basso consumo idrico, sicurezza antincendio, superamento delle barriere architettoniche/accessibilità alle persone con disabilità.

Acquisto o leasing di nuovi macchinari e attrezzature:

  • acquisto di nuovi macchinari e attrezzature, relativi e funzionali all’esercizio delle attività oggetto di contributo;
  • acquisto di arredi e complementi di arredo.

Investimenti immateriali:

  • acquisto di software, sito web;
  • spese destinate alla narrativa delle strutture a tema.

Spese generali:

  • spese per la consulenza tecnica;
  • spese per le garanzie fideiussorie e per la tenuta di un conto corrente.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità sarà pari al 50% delle spese ammissibili, entro l’importo massimo di € 20.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro il 15/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 14, 2020
comune-di-firenze-rinascimento-firenze-turismo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Città Metropolitana di Firenze sostiene le imprese operanti nel settore del turismo e della filiera culturale che hanno subito gli effetti negativi della diffusione del Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, anche non profit, con sede operativa nel territorio della Città Metropolitana di Firenze, che esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • esercizi alberghieri ed extra alberghieri, con esclusione dei B&B, affittacamere ed altre attività non gestite in forma d’impresa organizzata, con almeno 10 dipendenti;
  • attività legate alla ristorazione turistica con prevalente interesse verso quelle realtà più identitarie e storiche del territorio e con almeno 5 dipendenti;
  • attività legate ai servizi di promozione della cultura legati al turismo con almeno 5 dipendenti.

Le imprese inoltre devono aver conseguito una contrazione del fatturato 2020 non inferiore al 40% rispetto a quello dell’esercizio precedente per effetto del Covid-19;

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di consolidamento, adeguamento, innovazione o riorganizzazione delle imprese, con un chiaro impatto sociale, ovvero in grado di rilanciare l’occupazione e assicurare il mantenimento sul territorio di un sistema economico sano e propositivo di nuove attività imprenditoriali.

Il beneficiario dovrà dimostrare i KPI Sociali che intende raggiungere in un determinato orizzonte temporale, ricompreso tra 12 e 18 mesi dall’aggiudicazione del Bando.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute tra la data di aggiudicazione del Bando e i 18 mesi successivi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un pacchetto finanziario unitario, composto da un contributo a fondo perduto compreso tra € 20.000,00 e € 100.000,00, e un prestito d’impatto, compreso tra € 60.000,00 e € 500.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro lo 01/02/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 9, 2020
puglia-gal-terre-del-primitivo-offerta-turistica-di-qualita-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Puglia garantisce un’offerta turistica locale qualificata del territorio delle Terre del Primitivo tramite due interventi:

  • B 2.1 – Start-up d’impresa dei servizi turistici;
  • B 2.2 – Creazione di piccole attività di servizio per un turismo di qualità e sostenibile.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le persone fisiche e le micro e piccole imprese, non agricole, aventi sede operativa nei seguenti comuni: Manduria, Avetrana, Lizzano, Maruggio, Torricella, Fragagnano, Sava, San Marzano di San Giuseppe, Erchie, Oria, Torre S. Susanna.

INTERVENTI

Gli interventi devono avere ad oggetto l’implementazione dei servizi turistici finalizzati ad accrescere la capacità ricettiva del territorio migliorando la qualità dell’accoglienza.

Gli obiettivi sono:

  • diffondere lo spirito di intrapresa tra i giovani residenti nel comprensorio del GAL;
  • sostenere processi innovativi che valorizzino risorse endogene del territorio;
  • favorire lo sviluppo di nuove occasioni di lavoro, in particolare giovanile e femminile;
  • accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica aggregata e integrata;
  • agevolare lo sviluppo di nuovi servizi per rendere più competitiva l’offerta territoriale di turismo attivo ed ecosostenibile;
  • promuovere lo sviluppo di nuovi servizi per rendere più competitiva l’offerta territoriale di turismo enogastronomico;
  • realizzare servizi turistici a vantaggio di famiglie, bambini, anziani e diversamente abili;
  • favorire processi di creazioni di reti a supporto dello sviluppo del sistema integrato;
  • migliorare la qualità della vita delle aree rurali interessate e la fruibilità del territorio rurale, anche grazie alla fornitura di servizi turistici ad hoc;
  • accrescere la destagionalizzazione turistica offrendo servizi al turista nell’ambito del turismo naturalistico, culturale e enogastronomico.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, per l’Intervento B 2.2, devono avere ad oggetto:

  • adeguamento strutturale dei locali, adeguamenti tecnologici o eliminazione delle barriere architettoniche;
  • arredi e attrezzature;
  • automezzi ed attrezzi specifici all’erogazione del servizio;
  • attrezzature informatiche, telematiche e software;
  • investimenti immateriali come siti web o e-commerce;
  • spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume le seguenti forme:

  • B 2.1 – Start-up d’impresa dei servizi turistici: contributo forfettario di € 10.000,00, nella misura del 100% delle spese ammissibili.
  • B 2.2 – Creazione di piccole attività di servizio per un turismo di qualità e sostenibile: contributo in conto capitale nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 05/03/2021 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 2, 2020
sardegna-gal-anglona-romangia-ricettivita-extra-alberghiera-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sardegna migliora l’offerta ricettiva relativa all’ospitalità extra alberghiera finanziando attività legate allo sviluppo del turismo in ambito rurale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese non agricole e le persone fisiche con sede legale o unità operativa nel territorio di uno dei Comuni che compongono il Gal Anglona Romangia, ovvero: Bulzi, Cargeghe, Chiaramonti, Codrongianos, Erula, Florinas, Ittiri, Laerru, Martis, Muros, Nulvi, Osilo, Perfugas, Ploaghe, Santa Maria Coghinas, Sedini, Tergu.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la ristrutturazione e l’adeguamento di immobili destinati all’esercizio di attività ricettive di piccole dimensioni non classificate come strutture alberghiere, finalizzate all’incremento o alla riqualificazione dell’offerta dei servizi di piccola ricettività.

Gli interventi possono riguardare esclusivamente B&B, Domo, Residence e CAV.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. lavori edili, infissi e impianti;
  2. acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e arredi;
  3. corredi e materiale minuto;
  4. spese generali come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi studi di fattibilità;
  5. acquisizione o sviluppo di programmi informatici e di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità non potrà superare il 50% della spesa ammissibile, fino ad un massimo di € 50.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 05/02/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 4, 2020
regione-emilia-romagna-commercializzazione-turistica-2021-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna promuove lo sviluppo delle attività turistiche attraverso l’attuazione di progetti di promo-commercializzazione sia verso l’Italia che nei confronti dell’estero.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, in forma singola o associata, aventi sede operativa nel territorio regionale.

Rientrano tra i beneficiari i consorzi, le società consortili, le cooperative turistiche e le associazioni temporanee di imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono:

  • migliorare e qualificare i prodotti turistici esistenti;
  • innovare le tematiche di prodotto;
  • sperimentare prodotti di ingerenza integrata sugli ambiti;
  • utilizzare i brand riconosciuti per penetrare su specifici mercati;
  • accrescere il livello di competitività del territorio regionale, diversificando la molteplicità di opzioni di soggiorno;
  • aumentare arrivi e presenze, come pure permanenza media e MOL aziendale;
  • incrementare la quota di internazionalizzazione e la percentuale dei flussi provenienti dall’estero;
  • introdurre strumenti, linguaggi e concept di comunicazione innovativi;
  • ampliare il raggio di azione, sia sui mercati sia sui target;
  • aumentare la leadership sul web del marchio “Emilia-Romagna”;
  • realizzare l’integrazione della filiera turistica con gli altri comparti economici, come i trasporti, l’agricoltura, la cultura.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • promo-commercializzazione turistica;
  • promoter;
  • trasferta di personale per la partecipazione a incontri d’affari, eventi, seminari, workshop, educational tour;
  • prestazioni occasionali;
  • organizzazione di eventi;
  • gadget;
  • personale dipendente;
  • consulenza e assistenza tecnico-specialistica per la progettazione, sviluppo e verifica dei risultati del progetto;
  • spese forfettarie di carattere generale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto, la cui intensità varierà al variare del punteggio ottenuto dal progetto, ovvero:

  • progetti con punteggio da 100 a 80, classe di valutazione “Alta”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 50% della spesa ammissibile;
  • progetti con punteggio da 79 a 60, classe di valutazione “Media”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 40% della spesa ammissibile;
  • progetti con punteggio da 59 a 40, classe di valutazione “Bassa”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 30% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 4, 2020
cciaa-foggia-turismo-anno-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Foggia promuove la filiera turistica contribuendo allo sviluppo del sistema economico locale, nel contesto di crisi dovuto alla pandemia Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA di Foggia ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 55, 56, 79, 93.21.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Misura 1 – Messa in sicurezza delle strutture turistiche fornendo assistenza sui temi della pulizia e sanificazione, degli aspetti logistici e del personale:

  • Piano di Azione Covid-19 che formalizzi le procedure da seguire nonché i materiali e le risorse necessari alla sua esecuzione.
  • Interventi di messa in sicurezza delle strutture come ad esempio:
    • acquisto di attrezzature, dotazioni e kit medici;
    • adeguamento della logistica per rispettare il distanziamento sociale;
    • pulizia e sanificazione degli ambienti;
    • monitoraggio di ospiti con sintomi;
    • disponibilità di materiali e protezioni per lo staff;
    • modalità di gestione dei casi di contagi sia con riferimento al personale che alla clientela;
    • gestione delle forniture di beni e servizi.
  • Azioni di riorganizzazione aziendale e servizi di consulenza.

Misura 2 – Formazione del personale addetto ai servizi turistici.:

  • Definizione del piano formativo. I contenuti devono garantire che il personale sia informato sul Covid-19 in modo che possa svolgere l’attività lavorativa secondo le prescrizioni imposte e, allo stesso tempo, prevenire ogni possibile diffusione di Covid-19 all’interno delle strutture turistico-ricettive.
  • Definizione del calendario formativo: il servizio di consulenza comprende la calendarizzazione dei momenti formativi per garantire che tutto il personale abbia le conoscenze essenziali alla riapertura delle attività.
  • Sessioni formative e definizione delle modalità di realizzazione delle stesse.

Misura 3 – Gestione delle strategie di comunicazione e commercializzazione rafforzando l’elemento reputazionale della “destinazione Italia”:

  • Strategie di comunicazione adatte alla gestione della crisi.
  • Strategie di commercializzazione per individuare azioni specifiche a sostegno della distribuzione e vendita del prodotto turistico.

Misura 4 – Incentivazione del turismo in Italia, l’undertourism, il turismo culturale e quello enogastronomico:

  • Azioni per l’incentivazione e promozione dell’undertourism in Italia tramite il finanziamento di uno specifico servizio di consulenza che si occupi di definire azioni di promozione dell’offerta delle singole imprese non disgiunta dalle destinazioni turistiche e dai prodotti turistici del territorio in cui operano.
  • Campagna social per le imprese per riposizionarsi rispetto alle “nuove” esigenze poste al turismo dal Covid-19.
  • Contributi per le imprese turistiche che adottano comportamenti “slow” e sostenibili.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di consulenza, formazione e promozione;
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi strumenti, attrezzature, dispositivi e spese di connessione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità alle imprese in possesso del rating di legalità e alle imprese femminili.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo e aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 07/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 14, 2020
provincia-autonoma-di-trento-qualita-in-trentino-strutture-ricettive-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese ricettive tramite un contributo a fondo perduto per effettuare investimenti di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle unità destinate all’alloggio dell’ospite, degli spazi comuni, nonché interventi di adeguamento di strutture funzionali all’attività ricettiva turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese, con sede legale o unità operativa nella provincia di Trento e che esercitano una delle seguenti attività economiche:

  • esercizi alberghieri;
  • esercizi extralberghieri con servizio colazione e con unità anche prive di servizio autonomo di cucina;
  • rifugi escursionistici;
  • strutture ricettive all’aperto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. miglioramento degli spazi esistenti destinati all’alloggio dell’ospite;
  2. miglioramento degli spazi esistenti destinati a zone comuni di permanenza dell’ospite o spazi ad esse funzionali;
  3. adeguamento delle strutture in funzione dell’offerta turistica tramite il cambio di destinazione d’uso di strutture funzionali all’attività d’impresa.
INTERVENTI AMMISSIBILI LIMITE MINIMO VALORE INTERVENTO LIMITE MASSIMO VALORE INTERVENTO
1. miglioramento dei locali di alloggio € 30.000,00 € 300.000,00
2. miglioramento degli spazi comuni € 50.000,00 € 600.000,00
3. completamento e adeguamento della struttura ricettiva € 70.000,00 € 600.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

A) Investimenti immobiliari:

  • opere edili, murarie e impiantistiche inerenti la ristrutturazione, l’ammodernamento o il cambio di destinazione d’uso degli immobili, nonché spese per acquisto o costruzione di parcheggi;
  • spese tecniche di progettazione, direzione lavori, sicurezza, certificazione e collaudo statico.

Sono, inoltre, ammissibili operazioni di leasing che abbiano per oggetto le spese elencate sopra.
Per gli interventi di importo fino ad € 300.000,00 è ammessa anche la sola disponibilità, da parte del beneficiario, dell’immobile oggetto delle opere di ristrutturazione/ampliamento. Resta comunque fermo il vincolo decennale di utilizzo.

B) Investimenti mobiliari:

  • acquisto di mobili, arredi e attrezzature destinati all’alloggio agli spazi comuni o alla fornitura di servizi aggiuntivi alla clientela, inclusi sistemi informatici hardware e software.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto in conto capitale delle seguenti intensità:

  • 30% delle spese ammissibili, in regime de minimis;
  • 20% delle spese ammissibili per le piccole imprese, secondo il Regolamento GBER;
  • 10% delle spese ammissibili per le medie imprese, secondo il Regolamento GBER.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/03/2021.


Ottobre 13, 2020
sicilia-gal-tirrenico-mari-monti-borghi-turismo-sostenibile-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Il Gal Tirrenico promuove la diffusione di attività destinate ad incrementare la qualità di servizi per il turismo, quali guide, servizi informativi, investimenti in strutture per intrattenimento e divertimento e per attività di ristorazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • gli agricoltori (imprenditori agricoli) ed i coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività attraverso l’avvio di attività extra-agricola;
  • le persone fisiche;
  • le micro e piccole imprese;
  • le associazioni e le cooperative.

I beneficiari devono essere iscritti alla CCIAA di Messina ed avere la sede legale o l’unità operativa nel territorio dei Comuni del Gal Tirrenico Mari, Monti e Borghi ovvero: Barcellona Pozzo di Gotto, Basicò, Castroreale, Falcone, Fondachelli Fantina, Furnari, Mazzarrà Sant’Andrea, Merì, Novara di Sicilia, Oliveri, Rodì Milici, Terme Vigliatore, Tripi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti per:

  • attività di B&B;
  • attività di turismo rurale e valorizzazione di beni culturali ed ambientali;
  • servizi turistici, ricreativi, di intrattenimento, per l’integrazione sociale in genere;
  • servizi di manutenzione ambientale, per la fruizione di aree naturali;
  • attività per la valorizzazione del patrimonio culturale, la cultura materiale, per la promozione turistica.

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili le spese per la realizzazione di:

  • opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale;
  • opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%;
  • tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera, listini ufficiali dei prezzi elementari e tabelle ufficiali con tempi di realizzazione;
  • acquisizione di beni materiali compresi hardware e software, attrezzature e macchinari;
  • spese finalizzate a garantire la visibilità delle opere realizzate, con attività informative e pubblicitarie.

Inoltre sono ammissibili le seguenti spese generali:

  • onorari di professionisti e/o consulenti, per:
  1. studi di fattibilità;
  2. valutazioni di incidenza e di impatto ambientale;
  3. stesura e predisposizione di tutti gli elaborati progettuali a corredo della domanda di sostegno;
  4. direzione, contabilizzazione, rendicontazione e collaudo dei lavori;
  5. predisposizione della documentazione tecnico-contabile e amministrativa ai fini della presentazione delle domande di pagamento anticipo, SAL e saldo, nonché della domanda di sostegno;
  6. redazione del piano di sicurezza e coordinamento, nel caso in cui ne ricorrano le condizioni nel cantiere di lavoro.
  • Altre spese:
  1. consulenze finanziarie;
  2. tenuta di conto corrente, dedicato esclusivamente all’operazione;
  3. garanzie fideiussorie per la concessione di anticipi;
  4. spese inerenti all’obbligo di informazione e pubblicità sugli interventi finanziati dal FEASR.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità sarà pari al 75% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di € 150.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con altre tipologie di aiuti de minimis, a condizione che non venga superato il rispettivo massimale.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 12/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 30, 2020
cciaa-mantova-turismo-2020-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Mantova supporta il comparto turistico, in termini di interventi legati all’emergenza Covid-19, di ammodernamento e di incremento della competitività.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, anche in forma cooperativa, aventi la sede legale o l’unità locale in provincia di Mantova ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 47.2, 49.32, 50.30, 55, 56, 59, 60, 77.11, 77.21, 79, 90, 91, 93.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’ammodernamento e l’incremento della competitività, anche attraverso la riduzione del divario tecnologico.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  • macchinari e attrezzature per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • apparecchi di purificazione dell’aria, anche portatili;
  • interventi strutturali per il distanziamento sociale all’interno dei locali;
  • strutture e arredi finalizzati al distanziamento sociale all’interno e all’esterno dei locali d’esercizio;
  • termoscanner e altri strumenti atti a misurare la temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  • dispositivi di protezione individuale da rischio di infezione Covid-19;
  • costi per tamponi per il personale dipendente o altri strumenti suggeriti dal medico competente;
  • acquisto di macchinari, attrezzature e arredi, nuovi di fabbrica connessi all’esercizio dell’attività primaria di impresa;
  • sistemi di cassa evoluti e Mobile Pos;
  • impianti e tecnologie per servizi digitali a disposizione dei clienti;
  • software gestionali connessi all’attività di impresa;
  • digital signage e vetrine intelligenti;
  • acquisizione e sviluppo di contenuti per migliorare la presenza sui “social” e sul web, comprese spese di comunicazione/promozione sul web e applicazioni CRM;
  • adesione a piattaforme marketplace.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 10/09/2020 al 26/02/2021.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 18:00 del 30/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification