Notizie e Bandi

Dicembre 23, 2020
decreto-rilancio-fondo-salvaguardia-livelli-occupazionali-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Il Governo sostiene i livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa, nei casi in cui la cessazione dell’attività svolta o la delocalizzazione dell’attività stessa, produca un rilevante impatto sociale ed economico.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese titolari di marchi storici di interesse nazionale e le società di capitali in difficoltà economico-finanziaria e con un numero di dipendenti pari o superiore a 250.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la proposizione di un programma di ristrutturazione finalizzato alla salvaguardia dei livelli occupazionali e alla prosecuzione dell’attività d’impresa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà una delle seguenti forme:

A) per i beneficiari che non versano in uno stato di difficoltà, il Fondo interverrà nel capitale di rischio del beneficiario tramite l’assunzione di una partecipazione nel capitale dell’impresa richiedente;

B) per i beneficiari che versano in stato di difficoltà, il Fondo interverrà nel capitale di rischio del beneficiario, e, solo su richiesta dell’impresa e a condizione che la stessa abbia beneficiato del predetto intervento nel capitale di rischio, mediante la concessione di contributi a fondo perduto commisurati agli impegni occupazionali assunti dal beneficiario.

Nel caso in cui il beneficiario abbia sede o unità produttiva in aree del Paese svantaggiate dal punto di vista economico e produttivo, l’incentivo è incrementato del 50% per lavoratore e la durata è aumentata di due anni.

L’intervento complessivo del Fondo in favore delle imprese in difficoltà economico-finanziaria, nonché per il sostegno all’occupazione, non potrà superare l’importo € 10.000.000,00.

La fruizione delle agevolazioni relative al sostegno dell’occupazione non preclude l’accesso, ove ne ricorrano i presupposti, agli strumenti di politica passiva del lavoro.

TERMINE

La Misura rimarrà aperta fino ad esaurimento delle risorse.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 18, 2020
sardegna-fondo-resisto-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Fondo sostiene le imprese nell’adattarsi al cambiamento e nell’attenuare l’impatto dello shock causato dalla pandemia da COVID-19, al fine di salvaguardare i livelli occupazionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede operativa in Sardegna e con almeno un dipendente, operanti nell’ambito di uno dei settori della strategia di sviluppo regionale S3, i lavoratori titolari di Partita IVA residenti in Sardegna e le grandi imprese operanti nella filiera turistica.

INTERVENTI

Gli interventi devono avere ad oggetto la presentazione di una domanda al Fondo per mantenere inalterato il livello occupazionale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Per le micro, piccole e medie imprese il contributo corrisponderà al massimo al 30% del costo del lavoro annuo; l’aiuto verrà concesso a condizione che, nel periodo di riferimento indicato (11/03/2020 – 30/06/2020), sia mantenuto almeno il 50% degli effettivi in servizio rispetto al medesimo periodo dell’anno 2019 in termini di Unità Lavorative Annue.

Il contributo è concesso fino a un importo di € 500.000,00.

Per i lavoratori titolari di Partita IVA e i titolari di imprese, l’agevolazione corrisponde al 30% del reddito imponibile annuo, entro la misura massima di € 4.500,00.

Per le grandi imprese, l’agevolazione assumerà la forma di una sovvenzione per il pagamento dei salari. L’aiuto è ammesso fino al 60% della retribuzione mensile lorda del personale destinatario. L’importo massimo della sovvenzione sarà pari ad € 1.000.000,00.

MICRO IMPRESE PICCOLE IMPRESE MEDIE IMPRESE
% 30% del costo del lavoro annuo 2019 20% del costo del lavoro annuo 2019 15% del costo del lavoro annuo 2019

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 31/01/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 16, 2020
cciaa-bari-formazione-lavoro-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Bari sostiene le imprese nell’inserimento in azienda di risorse umane funzionali al rilancio produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Bari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • Misura A: inserimento di figure professionali nei settori in emergenza di rilievo territoriale, colpiti dall’emergenza Covid-19;
  • Misura B: inserimento di figure professionali con l’obiettivo di innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

  • tirocini extracurriculari, contratti di apprendistato, assunzioni a tempo determinato e indeterminato;
  • servizi di consulenza o formazione;
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione funzionali;
  • attività del personale interno coinvolto nello sviluppo dell’azione.

Sono ammissibili le spese sostenute dallo 01/03/2020 fino al 120° giorno successivo alla concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% della spesa ammissibile, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità alle imprese in possesso del rating di legalità fino a € 500,00.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo, aiuti de minimis ed aiuti concessi ai sensi di un Regolamento di esenzione.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 12:00 del 23/12/2020 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 4, 2020
sardegna-sostegno-economico-settore-vitivinicolo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sardegna adotta misure straordinarie per il contenimento della crisi socio-economica derivata dall’emergenza sanitaria da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese, operanti nel settore delle cantine e delle vigne e che svolgano attività di cui al codice ATECO 2007 11.02.

I beneficiari devono avere sede operativa attiva nel territorio della Regione Sardegna e aver mantenuto i livelli occupazionali per i mesi da giugno a dicembre 2020.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di sostegno economico al fine di mantenere inalterato il livello occupazionale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo parametrato in base al costo effettivo del personale, inquadrato nelle categorie degli operai, degli impiegati e dei quadri, relativamente alle mensilità da giugno a dicembre 2020, per i soli dipendenti che abbiano un contratto di lavoro già esistente al 31/12/2019, non abbiano subito interruzioni, ed al netto delle eventuali indennità percepite a titolo di Cassa Integrazione Guadagni per effetto dell’emergenza Covid-19.

L’intensità massima dell’agevolazione è pari al 15% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 18/12/2020 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Novembre 17, 2020
abruzzo-incentivi-occupazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Abruzzo favorisce la permanenza dei cittadini sul territorio dell’Area Basso Sangro Trigno per creare occupazione, attrarre nuovi investimenti, valorizzare le risorse e le potenzialità locali e migliorare la qualità della vita.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese e i datori di lavoro aventi la sede operativa localizzata nei comuni ricadenti nell’area interna Basso Sangro Trigno quali: Borrello, Carunchio, Castelguidone, Castiglione Messer Marino, Celenza sul Trigno, Civitaluparella, Colledimacine, Colledimezzo, Fallo, Fraine, Gamberale, Gessopalena, Lama dei Peligni, Lettopalena, Montazzoli, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Montenerodomo, Palena, Pennadomo, Pietraferrazzana, Pizzoferrato, Quadri, Roccaspinalveti, Roio del Sangro, Rosello, San Giovanni Lipioni, Schiavi d’Abruzzo, Taranta Peligna, Torrebruna, Torricella Peligna, Villa Santa Maria, Altino, Archi, Atessa, Bomba, Carpineto Sinello, Casalanguida, Casoli, Civitella Messer Raimondo, Cupello, Dogliola, Fara San Martino, Fresagrandinaria, Furci, Gissi, Guilmi, Lanciano, Lentella, Liscia, Monteodorisio, Paglieta, Palmoli, Perano, Roccascalegna, San Buono, San Salvo, Scerni, Tornareccio, Tufillo, Vasto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’assunzione di lavoratori a partire dal 16/11/2020.

I lavoratori da assumere sono i disoccupati abruzzesi la cui l’assunzione deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, determinato o apprendistato, anche a tempo parziale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nelle seguenti misure:

Assunzioni a tempo indeterminato full time o part time:

  • € 8.000,00 per assunzioni disposte in favore di lavoratori uomini dai 18 ai 49 anni, fino a un massimo del 40% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto;
  • € 10.000,00 per assunzioni disposte in favore di tutte le lavoratrici e lavoratori over 50, fino a un massimo del 50% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto.

Assunzioni a tempo determinato full time o part time:

  • € 4.000,00 per assunzioni disposte in favore di lavoratori uomini dai 18 ai 49 anni, fino a un massimo del 40% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto;
  • € 5.000,00 per assunzioni disposte in favore di tutte le lavoratrici donne e di lavoratori uomini over 50, fino a un massimo del 50% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 20:00 del 30/04/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 4, 2020
comune-di-milano-creazione-e-stabilizzazione-posti-di-lavoro-valore-consulting.jpg

 FINALITÀ

Il periodo di sospensione delle attività dovuto al Covid-19 ha generato un duro contraccolpo sulle imprese e sui lavoratori. Per tale ragione il Comune di Milano mette a disposizione contributi per le micro imprese di vicinato e prossimità dei settori economici più colpiti dall’emergenza al fine di favorire l’occupazione e il rilancio delle attività economiche.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro imprese che esercitano un’attività commerciale nella città di Milano in uno dei seguenti settori: 47.19.90, 47.51, 47.52.30, 47.52.40, 47.53, 47.54, 47.59.10, 47.59.20, 47.59.40, 47.59.50, 47.59.60, 47.59.91, 47.59.99, 47.63, 47.64, 47.65, 47.71 (escluso il codice: 47.71.20), 47.72, 47.75.20, 47.77, 47.78 (ad esclusione dei codici: 47.78.20 – 47.78.40 – 47.78.60), 47.79 (ad esclusione dei codici: 47.79.10 e 47.79.40), 55.10, 55.20.20, 56.00, 56.3, 79.10, 93.29.10, 96.02, 96.04, 96.09.02.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • numero di lavoratori occupati non superiore a 5 alla data dello 01/06/2020, non computando nel calcolo le assunzioni per le quali viene richiesto il contributo;
  • avere unità operative nel territorio del Comune di Milano, con vetrine ed accesso ai locali al piano strada, attive e aperte al pubblico almeno dallo 01/01/2020;
  • aver osservato un periodo di chiusura obbligatoria dell’esercizio di almeno 56 giorni in adesione alle disposizioni governative e in caso di attività commerciali miste non aver aperto l’attività parzialmente nemmeno per svolgere le attività commerciali consentite;
  • alla data dell’assunzione non avere in atto sospensioni dal lavoro connesse a trattamenti di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, Fondo di Integrazione Salariale per le causali previste in materia di cassa integrazione guadagni straordinaria o altro ammortizzatore sociale equivalente salvo i casi di lavoratori assunti/trasformati inquadrati ad un livello diverso da quello posseduto dai lavoratori sospesi;
  • non aver ricevuto altro contributo per le medesime spese che saranno rendicontate nell’ambito del presente Avviso.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • nuove assunzioni di personale, con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato o a tempo determinato della durata di almeno 12 mesi o con contratti di apprendistato;
  • stabilizzare tramite la sottoscrizione di un contratto di lavoro a tempo indeterminato il rapporto di lavoro di personale già assunto a tempo determinato, con contratto in scadenza.

Non sono destinatari degli interventi ammissibili sopra descritti quei lavoratori che sono stati licenziati nei sei mesi precedenti da parte di un datore di lavoro che, al momento del licenziamento, presenta assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume, ovvero risulta con quest’ultimo in rapporto di collegamento o controllo.

Ciascun beneficiario può presentare una sola domanda, che può avere ad oggetto l’assunzione di più lavoratori.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dall’impresa a titolo di retribuzione fissa e continuativa per prestazioni di lavoro relative a rapporti di lavoro instaurati a decorrere dal 01/06/2020 ed entro il 30/12/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo, la cui intensità sarà pari all’80% della spesa ammissibile ed i cui massimali sono i seguenti:

  • € 20.000,00, a copertura delle spese sostenute per rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato full time;
  • € 15.000,00, a copertura delle spese sostenute per rapporti di lavoro subordinato a tempo determinato della durata di almeno 12 mesi e per contratti di apprendistato full time.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 29, 2020
provincia-autonoma-di-trento-sostegno-aggregazioni-aziendali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese che costituiscono reti e consorzi o procedono, attraverso operazioni di fusione, scissione o acquisto d’azienda di imprese in difficoltà aventi sede operativa nel territorio provinciale e che si impegnano per un periodo di 5 anni a garantire i livelli occupazionali e a permanere sul territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese quali:

  1. soggetti, in forma individuale o collettiva, che esercitano attività di impresa commerciale;
  2. consorzi, società consortili e reti di impresa iscritte al Registro delle Imprese dotate di soggettività giuridica, che risultano da operazioni di aggregazione aziendale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto operazioni di aggregazione aziendale realizzate attraverso i seguenti istituti:

  1. fusione, scissione, acquisto d’azienda o di ramo d’azienda e acquisto o scambio di partecipazioni di controllo;
  2. costituzione di reti di imprese dotate di soggettività giuridica;
  3. costituzione di consorzi e società consortili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, il cui ammontare complessivo non può eccedere € 120.000,00.

Il contributo è pari:

  • nel caso di operazioni di fusione, scissione, conferimento d’azienda o di ramo d’azienda, acquisto o scambio di partecipazioni di controllo:
  1. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno 4 ULA o più sul territorio provinciale: € 5.000,00 per ogni ULA già operativa nel territorio provinciale nel 2019 che viene mantenuta per almeno 5 anni sul territorio provinciale dalla data di presentazione della domanda; € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva rispetto al numero di ULA già operative;
  2. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno meno di 4 ULA sul territorio provinciale, € 10.000,00, incrementato di € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva;
  • nel caso di costituzione di reti di impresa € 10.000,00 per ogni rete costituita;
  • nel caso di costituzione di consorzi e società consortili € 15.000,00 per ogni consorzio costituito.

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi nel rispetto delle disposizioni in materia di cumulo previste dalle pertinenti normative dell’Unione europea.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 16/11/2020 alle ore 12:00 del 30/06/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 28, 2020
provincia-autonoma-di-trento-assunzioni-manager-aziendali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le piccole e medie imprese mediante un contributo per l’assunzione di un manager qualificato negli ambiti dell’innovazione, digitalizzazione e/o promozione della competitività mediante l’internazionalizzazione, con contratto di lavoro subordinato dipendente, a tempo determinato o indeterminato, con l’intento di contenere l’emergenza sanitaria COVID-19 e rilanciare il sistema economico del Trentino.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese iscritte al Registro delle Imprese della provincia di Trento ed aventi una sede legale o un’unità operativa in Trentino.

INTERVENTI

L’intervento ammissibile deve avere ad oggetto l’assunzione di un manager con almeno 5 anni di esperienza nelle attività afferenti il progetto che il beneficiario intende realizzare e in almeno uno dei seguenti tre ambiti:

A. Innovazione:

  • innovazione aziendale come di prodotto, processo o organizzativa;
  • riconversione della produzione su prodotti più richiesti;
  • sviluppo di nuovi prodotti più aderenti alle nuove richieste dei mercati;
  • supporto al re-design dei processi per accrescere la capacità di risposta a fluttuazioni di produzione;
  • introduzione di processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale.

B. Digitalizzazione, Promozione e Comunicazione:

  • supporto alla definizione di una strategia di comunicazione anche attraverso strumenti digitali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la predisposizione e traduzione dei cataloghi e brochure;
  • realizzazione di video promozionali e documentazione di supporto alla promozione;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • sviluppo di applicazioni e strumenti digitali da utilizzare per il mantenimento delle relazioni con i clienti;
  • digitalizzazione dei processi di vendita (e-commerce) e della gestione dei processi di fornitura e di logistica digitale;
  • sviluppo di attività e servizi post vendita attraverso Artificial Intelligence e Internet of things.

C. Promozione della competitività mediante l’internazionalizzazione:

  • sviluppo ed implementazione di una strategia commerciale e accrescimento delle capacità manageriali al fine di individuare nuovi clienti o consolidare i propri mercati;
  • sviluppo di strategie di approccio ai mercati esteri o trasferimento metodologico di competenze legate a sostenere i processi di internazionalizzazione d’impresa;
  • sviluppo commerciale di uno specifico mercato, mediante la presenza in loco di uno specifico manager;
  • partecipazione in presenza o virtuale a fiere, B2B, missioni e road show di sistema.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le spese relative al costo lordo a titolo di retribuzione del manager assunto con contratto di lavoro di tipo subordinato.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto nel limite massimo del 50% delle spese ammissibili nei seguenti limiti:

  1. fino ad € 60.000,00 nel caso in cui il manager sia impiegato nell’ambito dell’innovazione e provenga da ruoli di un centro di ricerca pubblico del Trentino (Università di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Mach);
  2. fino ad € 50.000,00 in tutti gli altri casi.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/11/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 13, 2020
provincia-autonoma-di-trento-contributi-assunzioni-settore-turismo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento concede contributi a favore degli operatori economici dei settori legati al turismo che assumono nella stagione estiva 2020 un numero di dipendenti almeno parzialmente in linea rispetto a quello dei dipendenti assunti nell’anno 2019, nonostante gli effetti dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nel territorio della provincia di Trento le quali esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • 47 – Commercio al dettaglio;
  • 49 – Trasporto terrestre;
  • 55 – Alloggio;
  • 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour opartor e servizi di prenotazione;
  • 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’assunzione di personale per l‘estate 2020, in misura almeno pari alla metà delle spese di personale sostenute l’anno precedente, ovvero per l’estate 2019.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto entro il limite massimo di € 40.000,00 pari al:

  • 15% della quota di costo del personale giugno-settembre 2020 eccedente il 50% e fino al 70% del costo del personale giugno-settembre 2019;
  • 25% della quota di costo del personale giugno-settembre 2020 eccedente il 70% fino al 100% del costo del personale giugno-settembre 2019;
  • 15% del 50% del costo del personale registrato nel periodo giugno-settembre 2020 se il beneficiario ha iniziato a sostenere costi del personale dopo lo 01/06/2019;

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi, anche finanziari, emanati per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 del 23/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 17, 2020
cciaa-bergamo-voucher-sostegno-occupazione-valore-consulting-1280x616.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Bergamo sostiene le imprese nella ricerca di risorse umane, di collegamento scuola-lavoro e università-lavoro, oltre che di formazione e certificazione delle competenze, incentivando lo sviluppo occupazionale e la ripartenza dell’economia locale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o almeno un’unità locale nella provincia di Bergamo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’inserimento in azienda di figure professionali a seguito della sottoscrizione di contratti di:

  • Linea 1: tirocinio extracurriculare, della durata di almeno 3 mesi;
  • Linea 2: assunzione a tempo determinato, della durata di almeno 6 mesi;
  • Linea 3: apprendistato;
  • Linea 4: assunzione a tempo indeterminato e trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato.

Sono ammissibili i contratti che prevedono l’attivazione dell’attività lavorativa dallo 01/09/2020 al 31/12/2020.

Sono esclusi i contratti di lavoro intermittente (c.d. a chiamata) e di somministrazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto (voucher), con importo massimo di:

  • Linea 1€ 1.000,00;
  • Linea 2€ 2.000,00;
  • Linea 3€ 2.500,00;
  • Linea 4€ 4.000,00.

Ai beneficiari in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di € 250,00.

In relazione alle Linee 2 e 4, in caso di assunzione o di trasformazione di un lavoratore di età inferiore ai 30 anni verrà riconosciuta una premialità di € 1.000,00.

Gli aiuti sono cumulabili con altri aiuti in regime de minimis e con aiuti in esenzione o autorizzati dalla Commissione nel rispetto dei massimali previsti.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification