Notizie e Bandi

Dicembre 14, 2020
lombardia-linea-internazionalizzazione-plus-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia supporta la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite la realizzazione di programmi integrati atti a sviluppare o consolidare la presenza e la capacità di azione nei mercati esteri.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese iscritte al Registro delle Imprese da almeno 2 anni ed aventi una sede operativa in Lombardia.

Non rientrano tra i beneficiari le imprese con codice ATECO 2007 primario di cui alle sezioni A, L e K.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto programmi integrati di sviluppo internazionale per la promozione dell’export in Paesi esteri attraverso lo sviluppo e il consolidamento della presenza e della capacità d’azione delle PMI.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi a collegati quali workshop, eventi B2B e seminari, nonchè le spese per la partecipazione a fiere virtuali e per l’utilizzo di piattaforme di matching;
  2. istituzione temporanea all’estero per un massimo di 6 mesi di showroom o spazi espositivi per la promozione dei prodotti e brand sui mercati esteri. Sono inoltre ammissibili le spese per vetrine ed esposizioni virtuali;
  3. azioni di comunicazione e advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri;
  4. spese relative allo sviluppo o adeguamento di siti web o l’accesso a piattaforme cross border (B2B e B2C) per consolidare la propria posizione sui mercati esteri;
  5. consulenze in relazione al progetto e al programma di internazionalizzazione;
  6. spese per il conseguimento di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei Paesi target;
  7. commissioni per eventuali garanzie fidejussorie;
  8. spese per il personale dipendente impiegato nel progetto di internazionalizzazione;
  9. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, a copertura fino al 100% delle spese ammissibili, assumerà la duplice veste di:

  • un finanziamento a tasso agevolato, per l’80% delle spese ammissibili, compreso tra i 3 e i 6 anni, con un periodo di preammortamento massimo pari a 24 mesi;
  • un contributo a fondo perduto, per il 20% delle spese ammissibili.

L’agevolazione andrà da un minimo di € 40.000,00 ad un massimo di € 500.000,00 ed è cumulabile con altre agevolazioni concesse per le medesime spese, qualificabili come aiuti di Stato.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte di Finlombarda Spa.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 30, 2020
cciaa-reggio-emilia-voucher-internazionalizzazione-mpmi-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Reggio Emilia sostiene l’acquisizione di servizi per favorire l’avvio e lo sviluppo del commercio internazionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, anche in forma cooperativa, aventi sede legale o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia.

Rientrano tra i beneficiari anche i consorzi di imprese costituiti da PMI nonchè le MPMI che appartengono al settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli primari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

A. Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero consistenti in:

  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi Esteri o a sfruttare determinati canali commerciali;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di Temporary Export Manager e di Digital Export Manager in affiancamento al personale aziendale.

B. Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero consistenti in:

  • realizzazione di “virtual matchmaking” ovvero di incontri d’affari B2B virtuali fra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • avvio e sviluppo della gestione di business on line attraverso l’utilizzo ed il corretto posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere internazionali all’estero.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute tra lo 01/09/2020 ed il 30/11/2021. Sono altresì ammissibili le spese sostenute in data antecedente relative ad acconti per affitto dell’area espositiva o quota d’iscrizione purché riferite ad una manifestazione che si svolga nel periodo di ammissibilità delle spese sopra richiamato.

Rientrano tra le spese ammissibili le seguenti voci:

  1. servizi di consulenza o fornitura di servizi relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  2. acquisto o noleggio di beni strumentali;
  3. realizzazione di spazi espositivi compreso il noleggio e l’allestimento, nonché interpretariato e il servizio hostess e incontri d’affari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto la cui intensità sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 5.000,00.

E’ prevista una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dal 19/10/2020 al 16/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Agosto 20, 2020
simest-temporary-export-manager-paesi-extra-ue-valore-consulting-1280x617.jpg

FINALITÀ

Il MISE definisce le modalità di concessione da parte di SACE-SIMEST dei finanziamenti agevolati per l’inserimento temporaneo in azienda del Temporary Export Manager per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono imprese, di qualsiasi dimensione, costituiti in forma di Società di capitali, che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

In caso di imprese aggregate le stesse dovranno costituire una Rete Soggetto con autonoma soggettività giuridica mediante la sottoscrizione di un contratto di Rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare il settore di attività del beneficiario o del suo gruppo e coinvolgere una società di servizi che fornisca il servizio professionale di accompagnamento ai processi di internazionalizzazione d’impresa attraverso il TEM.

La Società di Servizi deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere attiva e risultare iscritta al Registro delle imprese;
  • essere costituita nella forma di società di capitali;
  • non essere destinataria di sanzioni interdittive;
  • aver realizzato almeno 5 progetti di internazionalizzazione tramite TEM negli ultimi due anni precedenti la richiesta. Sono escluse le semplici attività di consulenza;
  • avere nell’oggetto sociale l’attività di consulenza per l’internazionalizzazione delle imprese;
  • non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria nè sottoposta a procedure concorsuali.

Il beneficiario e la società di servizi dovranno stipulare un contratto che deve prevedere:

  • i dati che identificano la/e figure professionali individuate (TEM);
  • l’oggetto della prestazione professionale;
  • il calendario degli interventi da effettuarsi nel periodo di realizzazione del progetto;
  • l’indicazione dei Paesi di destinazione;
  • una durata minima almeno pari a 6 mesi;
  • il corrispettivo economico pattuito tra le parti, compresi viaggi e soggiorni;
  • altre eventuali informazioni necessarie alla gestione del rapporto.

La domanda di finanziamento agevolato dovrà riguardare al massimo tre Paesi esteri.

SPESE AMMISSIBILI

Possono essere oggetto di finanziamento agevolato:

  • spese relative alle prestazioni di figure professionali specializzate (TEM), almeno pari al 60% del finanziamento concesso;
  • spese connesse alla realizzazione del progetto elaborato con l’assistenza del TEM, ovvero:
  1. attività promozionali;
  2. certificazioni di prodotti e/o servizi, deposito di marchi o altre forme di tutela del made in Italy;
  3. formazione interna/esterna del personale amministrativo o tecnico; spese di viaggio e soggiorno da parte degli amministratori e/o titolari dell’impresa richiedente; spese di viaggio e soggiorno (incoming) di potenziali partner locali (esclusa la clientela);
  4. spese legali per la costituzione di società controllate locali o filiali gestite direttamente.

Le spese devono essere sostenute nel periodo di realizzazione del progetto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un finanziamento agevolato, il cui importo massimo non potrà superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Il limite minimo del finanziamento è pari ad € 25.000,00, mentre quello massimo è pari ad € 150.000,00. In caso di pluralità di domande di finanziamento l’esposizione massima dell’impresa non potrà essere superiore al 35% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Il finanziamento può essere garantito da:

  • garanzia autonoma a prima richiesta, senza eccezioni, rilasciata da: o banca o compagnia di assicurazioni; o confidi/intermediario finanziario convenzionato con SIMEST; o intermediario finanziario affidato da SIMEST;
  • pegno su saldo di conto corrente;
  • altre eventuali tipologie di garanzie.

La durata complessiva del finanziamento è di 4 anni, di cui 2 di preammortamento e 2 di ammortamento, a decorrere dalla Data di Perfezionamento.

Il finanziamento verrà erogato secondo le seguenti duplici modalità:

  1. prima erogazione a titolo di anticipo di importo pari al 50% del finanziamento deliberato è effettuata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle condizioni sospensive;
  2. seconda erogazione a saldo dell’importo delle spese rendicontate e documentabili è effettuata a condizione che vengano rispettati gli adempimenti fissati nella sottostante tabella.

Fino al 31/12/2020 il beneficiario può richiedere fino al 40% del finanziamento come finanziamento a fondo perduto, entro il limite di € 100.000,00.

ADEMPIMENTI TERMINI CONDIZIONI
Rendicontazione puntuale delle spese sostenute sottoscritta digitalmente dal legale rappresentate usando il portale di SIMEST. Relazione finale firmata dal rappresentante legale dell’impresa e dal TEM sull’attività svolta nell’ambito del progetto e sui risultati conseguiti 25 mesi dalla data di perfezionamento Le spese sostenute, rendicontate e ritenute ammissibili superino l’importo della prima erogazione
Presentazione delle garanzie richieste 28 mesi dalla data di perfezionamento

TERMINE

Il bando ha chiuso per esaurimento risorse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Agosto 19, 2020
cciaa-modena-voucher-internazionalizzazione-2020-valore-consulting-1280x960.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Modena rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, anche attraverso L’utilizzo di strumenti innovativi, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Modena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di iniziative sui mercati internazionali, nei seguenti ambiti di attività:

Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero

  • servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l’accesso nei mercati esteri e individuare nuovi canali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei contenuti di brochure e presentazioni aziendali;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza Covid-19;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di temporary export manager e digital export manager.

Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero percorsi di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • sviluppo della gestione di business on line, attraverso il posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • analisi e ricerche di mercato per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco;
  • ricerca clienti/partner per stipulare contratti commerciali o accordi di collaborazione.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore a € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali;
  • realizzazione di spazi espositivi, virtuali o fisici, e incontri d’affari.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 23/02/2020 fino al 120° giorno successivo alla data della Determinazione di approvazione delle graduatorie delle domande ammesse a contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 10.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 08:00 del 14/09/2020 alle ore 21:00 del 16/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Agosto 18, 2020
cciaa-verona-internazionalizzazione-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Verona rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi o primi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari, in forma singola o aggregata sono le micro, piccole e medie imprese nonchè le aggregazioni di MPMI formate da almeno 6 imprese, costituite sotto forma di ATI, accordo di progetto scritto, contratto di rete.

I beneficiari devono avere la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese/Albi della CCIAA di Verona.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero

  • servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l’accesso e il radicamento sui mercati esteri;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei contenuti di brochure e presentazioni aziendali;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri o a sfruttare determinati canali commerciali (es. GDO);
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • servizi di assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza da Covid-19;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di temporary export manager e digital export manager.

Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero lo sviluppo di percorsi di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • sviluppo della gestione di business on line, attraverso l’utilizzo e il posizionamento su piattaforme/ marketplace/ sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione e traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • realizzazione di attività ex-ante ed ex-post rispetto a quelle di promozione commerciale.

L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore a € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali;
  • realizzazione di spazi espositivi e incontri d’affari, comprendendo anche la quota di partecipazione e le spese per l’eventuale trasporto dei prodotti.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 01/02/2020 al 30/06/2021.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nella misura massima del 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di:

  • € 12.000,00, per la partecipazione in forma singola;
  • € 12.000,00 per impresa fino ad un importo complessivo non superiore a € 75.000,00, per la partecipazione in forma aggregata.

Viene riconosciuto un contributo ulteriore di € 2.500,00 per ciascuna domanda presentata da aggregazioni di imprese.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 08:00 del 20/08/2020 alle ore 21:00 del 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Luglio 16, 2020
toscana-internazionalizzazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le società consortili, costituiti o costituendi.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti esercitanti attività economica volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Toscana, essere iscritti alla CCIAA territorialmente competente ed esercitare un’attività economica rientrante in uno dei seguenti settori: B (ad esclusione dei seguenti codici: 05.1, 05.2, 08.92), C (ad esclusione dei seguenti codici: 19.1), D, E, F, H (ad esclusione dei seguenti codici: 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2), I 55.1, I 55.2, I 55.3, I 55.9, J (ad esclusione dei seguenti codici: 60, 61.9 e 63.9), M, N (ad esclusione dei seguenti codici: 82.3; compreso il codice: 79), R 90.03.02, R 93.29.20, S 96.01.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di internazionalizzazione rivolti esclusivamente a Paesi esterni all’Unione Europea.

Il progetto deve prevedere investimenti consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati per l’internazionalizzazione ed illustrare le modalità realizzative, finanziarie e gestionali.

TIPOLOGIA BENEFICIARIO INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Micro impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Società consortile/Reti soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/ATI, ATS, Reti contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (es. 30.000 se le imprese sono tre, di microdimensione, 40.000 se le imprese sono quattro ecc..). Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (es. 450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc..). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a 1.000.000 €

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. Partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  2. Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di sale espositive all’estero;
  3. Servizi promozionali (es. vetrine digitali in lingua estera, “virtual matchmaking”);
  4. Supporto specialistico all’internazionalizzazione (es. digital export manager);
  5. Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la duplice veste di una sovvenzione e di un voucher.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre come aiuti di Stato, contributi a titolo di de minimis e Fondi UE a gestione diretta.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI INTENSITA’ AIUTO E MASSIMALI DI SPESA
Micro Piccole Medie
1 Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale 50%  € 30.000,00 50%  € 40.000,00 40%  € 40.000,00
2 Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero 50%  € 80.000,00 50%  € 100.000,00 40%  € 120.000,00
3 Servizi promozionali 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 40%  € 40.000,00
4 Supporto specialistico all’internazionalizzazione 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00
5 Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00

TERMINE

La misura è stata chiusa in data 22/07/2020.


Luglio 9, 2020
umbria-voucher-servizi-consulenziali-2020-1280x766.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce l’attivazione di servizi consulenziali a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese che si presentano in forma singola sui mercati internazionali, con l’obiettivo di rafforzarne l’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative e i contratti di rete soggetto, esportatrici e non, aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA dell’Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto i servizi di consulenza orientati a supportare le imprese nel percorso d’internazionalizzazione in Paesi dell’UE ed extra UE.

Nello specifico sono ammissibili i seguenti servizi di consulenza:

  • affiancamento specialistico all’internazionalizzazione: rafforzamento delle funzioni aziendali per l’internazionalizzazione, tramite la disponibilità di un Temporary Export Manager (TEM) o di un Digital Export Manager (DEM);
  • servizi specialistici per l’internazionalizzazione:
    • assistenza legale inerente alla contrattualistica internazionale, la gestione delle controversie e recupero dei crediti con riferimento a mercati esteri;
    • consulenza fiscale su aspetti inerenti la fiscalità societaria e commerciale in contesti internazionali;
    • consulenza doganale su aspetti tecnici, legislativi e procedurali connessi all’import/export;
  • promozione digitale sui mercati esteri:
    • progettazione di show-room e vetrine virtuali, di piattaforme AR/VR Business commerce per l’export e piattaforme e-commerce B2C o B2B esistenti;
    • progettazione di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobili) finalizzati all’internazionalizzazione;
    • progettazione e sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali digitali prescelti verso i mercati esteri selezionati;
    • adeguamento e potenziamento del sito web, portali e altri ambienti web-based in inglese o nella lingua dei paesi target;
    • ideazione e realizzazione di design e brand per la penetrazione nei mercati esteri;
  • servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali:
    • per ottenere certificazioni estere di prodotto;
    • per la registrazione dei diritti di privativa industriale (marchi, brevetti) all’estero;
    • per ottenere certificazioni di qualità conformi alle pertinenti norme europee e che agevolano la penetrazione sui mercati esteri.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo come di seguito riportato:

TIPOLOGIA SERVIZIO IMPORTO MAX AMMISSIBILE (3 < DIPENDENTI A TEMPO IND < 10) IMPORTO MAX AMMISSIBILE (DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO ≥ 10)
Affiancamento specialistico all’internazionalizzazione € 14.000,00 € 20.000,00
Servizi specialistici per l’internazionalizzazione € 7.000,00 € 10.000,00
Promozione digitale sui mercati esteri € 7.000,00 € 10.000,00
Servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali € 7.000,00 € 10.000,00

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nelle seguenti misure:

  • 50% delle spese ammissibili, per tutte le tipologie di beneficiari;
  • 60% delle spese ammissibili, per le imprese già esportatrici al 2019, con una percentuale di fatturato export sul fatturato totale (al 2019) compresa tra il 10 e il 40%;
  • 70% delle spese ammissibili, per le imprese neo-esportatrici al 31/12/2019 e che dichiarano un fatturato export sul fatturato totale (al 2019) minore o pari al 10%.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 02/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Giugno 25, 2020
cciaa-prato-internazionalizzazione-imprese-valore-consulting-1280x853.jpeg

FINALITÀ

La CCIAA di Prato rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi o primi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Prato.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. percorsi di rafforzamento della presenza all’estero:
  • servizi di analisi e orientamento per facilitare l’accesso e il radicamento sui mercati esteri;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • servizi di assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di temporary export manager e digital export manager in affiancamento al personale aziendale. I servizi dovranno essere forniti da società di consulenza di cui all’elenco dei Temporary Export Manager.

2. sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero:

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero lo sviluppo di percorsi  di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • avvio e sviluppo della gestione di business on line, attraverso l’utilizzo di piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • realizzazione di attività ex-ante ed ex-post rispetto a quelle di promozione commerciale.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali funzionali allo sviluppo delle iniziative elencate;
  • realizzazione di spazi espositivi e incontri d’affari.

Le spese devono essere sostenute a partire dal 01/01/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 7.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Giugno 11, 2020
cciaa-ferrara-export-internazionalizzazione-intelligente-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Ferrara sostiene le imprese che avviano o riavviano attività di export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese manifatturiere e di alcuni servizi connessi alla manifattura, esportatrici abituali o occasionali e, in via secondaria, anche imprese non esportatrici, aventi sede legale e/o sede operativa attiva in Emilia-Romagna con un fatturato minimo di € 300.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un progetto finalizzato a supportare l’impresa sui mercati internazionali.

Il progetto potrà comprendere le seguenti principali attività:

  • attività formative, anche a carattere specialistico e di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali (es.: gestione di business on line e di supporto all’inserimento nei marketplace);
  • attività di assistenza a carattere specialistico anche di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing (es.: predisposizione o revisione del sito internet dell’impresa in lingua straniera e pubblicizzazione tramite internet);
  • sviluppo di canali promozionali e commerciali digitali attraverso l’accesso a piattaforme di e-commerce internazionali (b2b e b2c);
  • posizionamento su piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali per l’avvicinamento alla gestione di business on line;
  • partecipazione a fiere a carattere internazionale e a convegni specialistici a carattere internazionale esclusivamente in modalità virtuale;
  • protezione del marchio dell’impresa;
  • ottenimento delle certificazioni di prodotto;
  • TEM o Digital Export Manager;
  • b2b e b2c anche virtuali attraverso l’utilizzo di piattaforme digitali.

Gli interventi dovranno essere realizzati tra il 01/01/2020 ed il 31/12/2020.

Ciascun beneficiario potrà presentare un solo progetto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammonterà ad € 3.000,00, mentre quello massimo ad € 20.000,00.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del bando da parte della Camera di Commercio di Ferrara.


Maggio 27, 2020
lazio-voucher-internazionalizzazione-valore-consulting-1280x825.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene gli interventi di internazionalizzazione per favorire l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola, inclusi i liberi professionisti, titolari di partita IVA, con sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

Possono presentare istanza anche le MPMI, inclusi i liberi professionisti, che non hanno sede operativa nel Lazio, purché intendano localizzarsi in regione e si impegnino ad attivare tale sede operativa entro la data dell’erogazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di progetto:

A. Partecipazione a Fiere: manifestazioni fieristiche, saloni internazionali e rilevanti eventi commerciali in Paesi UE ed extra UE. Gli Eventi che si svolgono sul territorio nazionale sono ammissibili solo se inseriti nel calendario delle manifestazioni fieristiche in Italia;

B. Servizi TEM: acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, forniti da una “Società di TEM” (Temporary Export Manager) iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico che abbiano un’esperienza almeno triennale in progetti simili per tematica, oggetto e/o tipologia dell’intervento, documentata da almeno 8 contratti.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento A, è ammissibile la Partecipazione a Fiere prenotate prima della presentazione della domanda purché l’Evento si realizzi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando; sono ammissibili le spese relative alle tariffe di iscrizione e affitto di spazi espositivi eventualmente già sostenute alla data di presentazione della domanda, purché successive allo 01/01/2019.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento B non sono ammissibili Servizi TEM contrattualizzati prima della presentazione della domanda, resi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando.

Il Progetto include l’impegno del personale dedicato alla sua realizzazione; il relativo costo sarà riconosciuto in forma forfettaria ad incremento dell’importo dei costi di progetto da rendicontare.

I Progetti devono essere conclusi e rendicontati entro il 30/06/2021. Resta ferma la possibilità di presentare la rendicontazione non appena sia completato il progetto, cioè quando sono realizzati tutti gli eventi previsti e/o completati i servizi TEM, anticipando la richiesta di erogazione del contributo.

Ciascun beneficiario può presentare un solo progetto.

TABELLA 1 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Imorto minimo Importo massimo
Intero progetto: -Tipologia di intervento A; -tipologia di intervento B; – tipologia di intervento A + Tipologia di intervento B € 5.000,00 € 35.000,00
TABELLA 2 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia d’intervento A € 5.000,00 € 15.000,00
Singolo evento Italia € 3.000,00 € 7.000,00
Singolo evento Paesi UE € 5.000,00 € 10.000,00
Singolo evento Paesi extra UE € 7.000,00 € 15.000,00
TABELLA 3 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia di intervento B: -servizi TEM € 5.000,00 € 20.000,00

SPESE AMMISSIBILI

I costi per realizzare il progetto devono essere distinti in:

  1. costi di progetto da rendicontare;
  2. costi del personale a forfait.

Con riferimento ai costi di progetto da rendicontare, sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

A – Partecipazione a Fiere:

  • spese connesse alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, rilevanti eventi commerciali, quali affitto di spazi espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento, progettazione e allestimento dello stand, trasporto e assicurazione dei materiali, servizi di interpretariato e hostess, produzione di materiali promozionali. Non sono ammissibili le spese di viaggio, vitto e soggiorno connesse alla partecipazione all’Evento.

B – Servizi TEM:

  • spese per prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione, quali:
  1. acquisizione di competenze di management, tecniche, tecnologiche, tra le quali il Program Manager (Gestione del percorso di internazionalizzazione), l’Innovation Manager (accompagnamento all’innovazione e trasformazione digitale, di prodotto e dei modelli di business aziendali), l’Export Manager (Analisi dei Paesi target, analisi di mercato, adeguamento prodotti);
  2. analisi e ricerche di mercato;
  3. affiancamento nell’individuazione di potenziali partner industriali e commerciali e nell’acquisizione di nuovi clienti o assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale;
  4. sviluppo di competenze;
  5. supporto specialistico per la realizzazione di incontri B2B;
  6. supporto specialistico per l’adeguamento del sito e del materiale promozionale, per il web marketing per il commercio on-line e per l’adesione a piattaforme di e-commerce.

I servizi sono ammissibili solo se forniti da una “società di TEM” iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il MISE o da altri soggetti che abbiano gli specifici requisiti.

I costi di personale a forfait sono relativi al personale che partecipa all’evento e/o che opera in affiancamento al soggetto che offre Servizi TEM sono riconosciuti nella misura pari al 15% delle spese ammissibili; si considera anche il tempo eventualmente dedicato da personale non dipendente e/o dal titolare della MPMI e/o dai Liberi Professionisti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto in misura compresa fra il 45% e il 70% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 18:00 del 29/05/2020.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification