Organizzazione Positiva

Organizzazione Positiva

ORG+: la nuova frontiera di Valore Consulting

L’organizzazione positiva (org+) è un modello culturale basato sulla presa di coscienza che l’azienda sia un sistema complesso e adattivo, soggetto a continue trasformazioni che scaturiscono da interazioni sia interne che esterne. Il proposito di tale modello è creare – e rendere sostenibile – un luogo in cui ciascuno possa sentirsi valorizzato e realizzato, in quanto messo in grado di esprimere appieno le proprie potenzialità.

Alla luce delle recenti rivoluzioni nell’architettura e nell’organizzazione del lavoro e grazie al contatto con le molteplici realtà aziendali con cui la nostra attività ci permette quotidianamente di confrontarci, ci siamo chiesti se i modelli organizzativi su cui finora è stato costruito il mondo del lavoro siano gli unici possibili o i più adeguati a governare evoluzione e complessità.

La scienza ha ormai ampiamente comprovato che gli stereotipi, su cui storicamente si fondano i modelli aziendali tradizionali, presentano difetti ed inefficienze.

La convinzione secondo cui sotto sforzo e tensione costante produciamo di più e raggiungiamo meglio gli obiettivi, subordinando a questo sforzo il successo e la gratificazione, si contrappone al fatto che è proprio tale sforzo che genera lo stress, nemico del problem-solving, dell’ascolto e della creatività, oltre che ovviamente della salute.

Anche la “legge del più forte”, convinzione secondo cui per sopravvivere ed evolverci dobbiamo necessariamente combattere e difenderci dagli altri, si contrappone alla natura sociale dell’essere umano per cui è proprio la cooperazione a costituire il principale vantaggio evolutivo.

Infine, la convinzione che successo e felicità siano direttamente connessi a ruolo, retribuzione, poteri, privilegi e tempo dedicato all’accumulo di competenze e conoscenze, esclude completamente la valorizzazione della consapevolezza di sé stessi, dei propri bisogni, valori e talenti che sono invece alla base della motivazione e del coinvolgimento.


Nel concetto di organizzazione positiva un’azienda non è una macchina composta da elementi separati e le persone che ne fanno parte non sono ingranaggi da manipolare, controllare, contare, spostare, ma collaboratori da mettere nelle condizioni di realizzare pienamente il proprio potenziale.


Gli studiosi di organizzazioni positive confermano che le persone, nel momento in cui sono orientate a identificare e condividere un bene superiore, tendono ad unirsi trascendendo dagli interessi personali in favore del gruppo. Perciò è necessario che felicità costituisca una vera e propria strategia organizzativa, sostenendo e sviluppando leader consapevoli, progettando ed implementando pratiche finalizzate al benessere e promuovendo una cultura aziendale guidata da un proposito comune e condiviso.

Oggi la felicità è una scienza, a supporto delle imprese

Parlare di felicità in azienda significa rompere un tabù: spesso questa parola associata all’azienda sembra invasiva, incoerente, fuori contesto. La felicità è una sfida e numerosi studi scientifici dimostrano che essa è una competenza che può essere allenata e che ha reale impatto sui risultati: secondo le indagini della società americana di consulenza Gallup, in tutto il mondo l’85% dei dipendenti è demotivato, perdendo mediamente il 18% della produttività. Quando sul lavoro si è felici, si stima che la produttività aumenta del 37% e la capacità di innovare addirittura del 300%!

La scienza oggi è in grado di offrire strumenti e soluzioni concrete, applicabili in ambito organizzativo, sociale e politico, ai manager e ai leader che vogliono garantire successi a lungo termine, crescita, stabilità e vantaggi competitivi per organizzazioni di cui fanno parte. La scienza della felicità applicata a contesti organizzativi ha quasi un secolo di storia: già negli anni ’20 lo studio “Happy Productive Worker“, dimostrava che il benessere dei dipendenti detemina un aumento della produttività e dei profitti.
Il rapporto sulla politica globale di felicità e benessere 2019 è una ricerca che ha concluso che “Esiste una grande, positiva correlazione tra il benessere dei dipendenti e le misure aggregate aziendali a livello di performance in tutti i tipi di industrie. Questo rapporto è particolarmente forte in termini di soddisfazione del cliente e turnover del personale, fattori che guidano la redditività complessiva“.

La scienza della felicità non intende costituire l’ennesimo alibi per il totalitarismo d’impresa, non si tratta di dittatura della felicità o tirannia dell’ottimismo ad ogni costo: nella sua ottica la felicità è una scelta che deve restare libera.

Valore Consulting è tra le prime aziende italiane a dotarsi oggi di un Chief Happiness Officer certificato



Insieme al nuovo Chief Happiness Officer inizia una nuova fase di crescita per Valore Consulting: sono i nostri valori quali il lavoro di squadra, l’entusiasmo ed il miglioramento costante che ci impongono di impegnarci a essere un’organizzazione positiva.

Lo dobbiamo al nostro #teamdivalore che ogni giorno ci dedica impegno ed entusiasmo, lo dobbiamo ai Clienti che scelgono di riporre in noi la loro fiducia e, perché no, lo dobbiamo al mondo che crediamo meriti lo sforzo di tutti per essere migliore.


Il CHO è esperto di organizzazioni positive e sa considerare l’azienda come organismo vivente, complesso e adattivo, costituito da interazioni e da persone caratterizzate da bisogni, talenti, valori e capacità. All’abilità di osservare l’organizzazione in maniera allargata, quindi nella sua dimensione esterna, questa figura aggiunge la capacità di osservare in modo integrato anche la sua dimensione interna.

Nello specifico i compiti del CHO sono:

  • Promuovere la cultural transformation orientando l’organizzazione verso un proposito forte, ancorato a finalità collettive, atto a generare un impatto sociale, ambientale e di promozione del bene comune.
  • Presidiare l’area della cosiddetta corporate happiness, traducendo la felicità in una strategia organizzativa coerente.
  • Coltivare la positive leadership, incentivando la crescita di leader positivi, consapevoli del proprio scopo e che vivano il proprio ruolo come un servizio agli altri in ottica di benessere.
  • Patrocinare la positive organization, designando e gestendo processi e pratiche in armonia con la strategia identificata e capaci di generare benessere e percezione di coerenza.

Le sue principali competenze sono:

  • Organization Epigenetics
    Intercettare i principali modelli culturali dell’organizzazione definendo quali incentivare o disattivare in coerenza con la strategia sulla scienza della felicità.
  • Evolutionary Cultural Change
    Definire una visione più grande dell’organizzazione, di tipo eco-sistemico ed implementare appropriati modelli di comportamento.
  • Positive Leadership Development
    Definire, promuovere ed implementare un piano di sviluppo della leadership positiva diffusa a tutti i livelli dell’organizzazione.
  • Self Energy Management
    Coltivare le proprie energie e allenare la propria felicità come competenza attraverso la definizione di un proprio piano di azione orientato al benessere per poter ispirare e rappresentare un esempio coerente.
  • Positive Future Planning.
    Comprendere le connessioni tra i principali trend e scenari futuri, gli impatti sul benessere delle persone e le politiche di gestione e sviluppo dell’organizzazione positiva.
  • Positive Practices Strategy 
    Selezionare ed implementare pratiche e strumenti che generino benessere e positività verso collaboratori, clienti, fornitori, investitori e tutti gli stakeholders in generale.
  • Positive Organizational Management
    Analizzare, ridefinire, misurare e monitorare i principali processi di gestione delle persone definiti dalla happiness @work.
  • Happiness @work strategy
    Definire un piano strategico per innestare la scienza della felicità nella cultura e nei processi organizzativi in grado di produrre risultati misurabili e positivi sul bottom line.

La Scienza della Felicità e delle Organizzazioni Positive è già stata integrata con successo in master e corsi presso le più prestigiose Università in tutto il Mondo come Harvard, Berkeley, Michigan, Stanford, London BS.

L’Italian Institute for Positive Organizations è il centro studi nato nel 2019 dall’esperienza di 2BHappy Agency, la prima realtà italiana che dal 2015 si occupa di scienza della felicità, con gli obiettivi di fare ricerca sulle Organizzazioni Positive in Italia, raccogliere e mettere a disposizione i dati e le best practices in grado di ispirare e guidare i leader delle Organizzazioni italiane (aziende, scuole, ospedali, territori) nel trasformare la cultura del lavoro e delle relazioni nella direzione del benessere, della cooperazione e della felicità. S’impegna inoltre a tracciare traiettorie trasversali tra le buone prassi italiane e quelle internazionali, per allargare lo sguardo e renderlo sistemico ed efficace.

La certificazione di Chief Happiness Officer viene rilasciata da 2BHappy Agency con l’innovativa tecnologia “open badge”, uno strumento digitale nato per mappare, acquisire e valorizzare le competenze e che costituisce un vero e proprio attestato elettronico virtuale pubblico, condivisibile e parte integrante del Curriculum Vitae.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci












Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter











Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification