Notizie e Bandi

Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia – Macchinari Innovativi

Regione: Basilicata Calabria Campania Puglia Sicilia
Tipologia: Fabbrica Intelligente Impresa 4.0
sud-italia-macchinari-innovativi-mise-valore-consulting

FINALITÀ

Il Bando rafforza, nelle Regioni del Sud, la competitività del tessuto imprenditoriale e favorisce la transizione del settore manifatturiero verso la “Fabbrica Intelligente”.

L’erogazione delle agevolazioni avverrà in favore di programmi di investimento innovativi finalizzati ad aumentare il grado di efficienza o il livello di flessibilità dell’attività economica.

BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni le Micro, Piccole e Medie Imprese, la cui attività manifatturiera sia ricompresa all’interno della sezione C della classificazione delle attività economiche ATECO 2007, che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria, nè sottoposte a procedure concorsuali;
  • trovarsi in regime di contabilità ordinaria e disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese o aver presentato, per le ditte individuali e le società di persone, almeno due dichiarazioni dei redditi;
  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di: edilizia ed urbanistica, lavoro, prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente ed obblighi contributivi;
  • aver restituito somme dovute a seguito di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal MISE;
  • non aver effettuato, nei due anni precedenti la presentazione della domanda, una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento in relazione alla quale vengono richieste le agevolazioni ed impegnarsi a non procedere alla delocalizzazione nei due anni successivi al compimento dell’investimento stesso.

Le agevolazioni non possono essere concesse in favore di programmi di investimento inerenti il settore siderurgico, del carbone, della costruzione navale, delle fibre sintentiche, dei trasporti e relative infrastrutture, della produzione distribuzione e di energia elettrica nonché delle infrastrutture energetiche.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono prevedere la realizzazione di investimenti innovativi che consentano l’interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo, innalzando il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica, con conseguente riduzione dei costi o incremento del livello qualitativo dei prodotti.

I programmi di investimento devono:

  • prevedere spese ammissibili non inferiori complessivamente ad € 500.000,00 e non superiori ad € 3.000.000,00;
  • essere diretti alla realizzazione di una nuova unità produttiva o all’ampliamento della capacità, alla diversificazione della produzione funzionale ad ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza o al cambiamento del processo di produzione di un’unità produttiva esistente;
  • essere realizzati presso un’unità produttiva localizzata nei territori delle Regioni del Sud;
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda;
  • prevedere una durata non superiore ai 12 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni;
  • essere costituiti da immobilizzazioni mantenute per almeno 3 anni dalla data di erogazione dell’ultima quota delle agevolazioni o, acquistate successivamente, dalla data di installazione del bene, nell’unità produttiva oggetto della domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali ed immateriali. Tali spese devono avere le seguenti caratteristiche:

  • essere relative ad immobilizzazioni, materiali ed immateriali, nuove di fabbrica acquistate da terzi che non abbiano relazioni con l’acquirente e alle normali condizioni di mercato;
  • essere riferite a beni ammortizzabili e capitalizzati, che figurano nell’attivo dello stato patrimoniale dell’impresa e mantengono la loro funzionalità rispetto al programma di investimento per almeno 3 anni dalla data di erogazione a saldo delle agevolazioni;
  • essere riferite a beni utilizzati esclusivamente nell’unità produttiva oggetto del programma di investimento;
  • essere conformi alla normativa comunitaria in merito all’ammissibilità delle spese nell’ambito dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali nel periodo di programmazione 2014-2020;
  • essere pagate esclusivamente tramite bonifici bancari, SEPA Credit Transfer o ricevute bancarie (RI.BA), in modo da consentire la piena tracciabilità delle operazioni. A tal fine l’impresa può utilizzare un conto corrente vincolato o uno specifico conto corrente ordinario, anche non dedicato in maniera esclusiva alla realizzazione del programma di investimento;
  • qualora riferite a mezzi mobili, riguardare unicamente quelli non targati, necessari al ciclo di produzione e pertanto dimensionati in base all’effettiva capacità produttiva; tali mezzi mobili, inoltre, devono essere identificabili singolarmente ed essere al servizio esclusivo dell’unità operativa oggetto del programma d’investimento;
  • nel caso di programmi di investimento diretti alla diversificazione della produzione, superare almeno del 200% il valore contabile degli attivi che vengono riutilizzati, come risultante dall’esercizio finanziario precedente l’avvio dell’investimento.

Non sono ammesse le spese:

  • sostenute mediante locazione finanziaria;
  • connesse a commesse interne;
  • relative a macchinari, impianti ed attrezzature usati;
  • per l’acquisto o la locazione di terreni o fabbricati;
  • di funzionamento, ovvero scorte per materie prime, semilavorati, prodotti finiti e materiali di consumo di qualsiasi genere;
  • per consulenze e prestazioni d’opera professionale, incluse le spese notarili;
  • relative alla formazione del personale impiegato dall’impresa, anche laddove strettamente riferita alle immobilizzazioni di cui al presente bando;
  • imputabili ad imposte e tasse;
  • inerenti a beni la cui installazione non è prevista presso l’unità produttiva interessata dal programma;
  • ascrivibili a titoli di spesa il cui importo sia inferiore ad € 500,00 al netto dell’IVA.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le risorse finanziarie ammontano a € 341.494.000,00.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto impianti e di finanziamento agevolato, sulla base di una percentuale di spese nominali ammissibili pari al 75%, così ripartita:

Micro e Piccole Imprese – un contributo in conto impianti pari al 35% ed un finanziamento agevolato pari al 40%;

Medie Imprese – un contributo in conto impianti pari al 25% ed un finanziamento agevolato pari al 50%.

Le agevolazioni non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche, che si configurino come “aiuti di Stato”, incluse quelle attribuite sulla base del Regolamento “de minims”.

TERMINE

La domanda potrà essere inviata dalle ore 10:00 del 29/01/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification