Notizie e Bandi

Regione Veneto | Sostegno Aggregazioni di Imprese

Regione: Veneto
Tipologia: ricerca e sviluppo
veneto-contributi-aggregazioni-imprese-valore-consultingveneto-contributi-aggregazioni-imprese-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Veneto incentiva l’aggregazione tra imprese e soggetti della ricerca al fine di promuovere la tutela e lo sviluppo della ricerca applicata al sistema produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono costituiti da aggregazioni di imprese.

L’aggregazione di imprese è composta nel numero minimo di 3 imprese.

L’aggregazione deve essere costituita in una delle seguenti modalità:

  1. contratto di rete;
  2. consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
  3. associazione di imprese a carattere temporaneo, costituita per la realizzazione del progetto;
  4. associazione temporanea di scopo, comprendente, in aggiunta al numero minimo di 3 imprese, uno o più organismi di ricerca.

L’aggregazione deve prevedere per l’intera durata del progetto, il coinvolgimento di un organismo di ricerca iscritto nel portale regionale Innoveneto.

Rientrano tra i beneficiari, componenti dell’aggregazione, anche i liberi professionisti (iscritti ad un albo professionale o aderenti alle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi iscritte nell’elenco del MISE).

Ciascuna impresa partecipante all’aggregazione deve possedere i seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituita, iscritta nel registro delle imprese e attiva presso una delle CCIAA della Regione Veneto;
  • avere un’unità operativa attiva in Veneto;
  • essere autonoma rispetto ad ogni altra impresa componente l’aggregazione;
  • presentare una situazione di regolarità contributiva previdenziale e assistenziale.

Una stessa impresa può aderire fino a 3 aggregazioni per la partecipazione ad altrettanti progetti. Una stessa aggregazione può presentare un solo progetto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di un progetto per “Attività collaborative di Ricerca e Sviluppo”, riferite allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi e di tecnologie innovative sostenibili, per introdurre prodotti e impianti “intelligenti”, dispositivi avanzati di virtual prototyping e servizi ad alta intensità di conoscenza (KIBS).

Il progetto deve rientrare in almeno uno dei seguenti ambiti:

1. «Ricerca industriale»Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o apportare un miglioramento a quelli esistenti. Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi e può includere la costruzione di prototipi. Non è ammissibile lo sfruttamento industriale dei risultati della ricerca per la produzione di prodotti standardizzati (prodotti di massa) attraverso l’utilizzo di tecnologie esistenti.

2. «Sviluppo sperimentale» – L’acquisizione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati. Rientrano in questa definizione attività destinate alla definizione concettuale di nuovi prodotti, processi o servizi. Rientrano nello sviluppo sperimentale la costruzione di prototipi, la dimostrazione, la realizzazione di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi effettuate in un ambiente che riproduce le condizioni operative reali. Il progetto deve essere coerente con il “Documento di Strategia Regionale della Ricerca e dell’Innovazione” in ambito di Specializzazione Intelligente – RIS3 Veneto e riferirsi ad uno tra gli ambiti di specializzazione tra cui Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing e Creative Industries.

L’intervento ammissibile deve avere un valore minimo pari ad € 100.000,00 ed un valore massimo pari ad € 700.000,00.

L’avvio dell’intervento deve coincidere con il giorno successivo alla presentazione della domanda. La realizzazione del progetto è articolata in due periodi:

  • 1° periodo è compreso tra la data di avvio del progetto ed il 15/07/2020;
  • 2° periodo è compreso tra il 16/07/2020 ed il 01/02/2021, termine entro cui l’intervento dovrà necessariamente concludersi.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Conoscenza e brevetti: costi per le conoscenze e i brevetti acquistati o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato. Rientrano in questa voce anche le licenze di software utilizzate per la realizzazione del progetto.
  • Strumenti e attrezzature: costi per nuove attrezzature tecnico-specialistiche ammissibili limitatamente alla quota di ammortamento o al costo della locazione semplice/operativa (noleggio) o alla locazione finanziaria (leasing) per la durata del progetto e in proporzione all’uso effettivo nell’ambito del progetto.
  • Consulenze specialistiche e servizi esterni:
  1. di carattere tecnico-scientifico come consulenze o servizi informatici, consulenze tecniche o scientifiche, prove di laboratorio e attività di prototipazione, nonché i costi per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova;
  2. servizi di sostegno all’innovazione per l’impiego di figure manageriali, esterne al personale dell’aggregazione e non connesse con l’ordinaria amministrazione, quali Temporary Manager e Innovation Broker al fine di svolgere un ruolo di coordinamento e matchmaking tra i partecipanti.
  • Personale dipendente partecipante all’aggregazione per la realizzazione delle attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale, in possesso di qualifica tecnica coerente con le attività per le quali viene utilizzato. L’ammontare delle spese del personale non può superare il 70% della spesa ammissibile.
  • Realizzazione di un prototipo: materiali (componenti e semilavorati) e lavorazioni imputabili alla realizzazione del prototipo, dimostratore o impianto/linea pilota.
  • Costi di esercizio: materiali, forniture e prodotti analoghi imputabili al progetto, fino al 10% delle spese per “personale dipendente”.
  • Spese generali calcolate in misura forfettaria pari al 5% del totale della voce di spesa “personale dipendente”.
  • Spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi, purché relative alla fideiussione o garanzia di anticipo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, con le seguenti intensità:

  • 50% della spesa ammissibile – aggregazione composta da Micro, Piccole e Medie Imprese;
  • 40% della spesa ammissibile – aggregazione comprendente anche una Grande Impresa.

L’agevolazione è cumulabile con altri aiuti pubblici concessi per le medesime spese.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dal 18/06/2019 e fino alle ore 13:00 del 02/08/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci









Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter








Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification