Notizie e Bandi

Regione Umbria | Sostegno Aree Crisi Diffusa | Terni e Narni

Regione: Umbria
Tipologia: Investimenti
umbria-area-crisi-terni-narni-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Umbria supporta le MPMI che intendano realizzare progetti di investimento, conseguendo l’ampliamento della capacità produttiva, nei territori localizzati nell’area di crisi Terni-Narni.

BENEFICIARI

I beneficiari sono costituiti dalle Micro, Piccole e Medie Imprese di produzione e servizi alla produzione e le Società di Capitali tra professionisti con i seguenti requisiti:

  • già costituite ed iscritte alla presentazione della domanda nel Registro delle Imprese presso la CCIAA territorialmente competente;
  • in regime di contabilità ordinaria;
  • operative e nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • attive;
  • in possesso della capacità di contrarre con la pubblica amministrazione;
  • in possesso di una situazione di regolarità contributiva nei pagamenti e adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL;
  • in regola con le norme in materia di prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro e delle malattie professionali, della sicurezza sui luoghi di lavoro, dei contratti collettivi di lavoro e tutela dell’ambiente;
  • non avere effettuato, nei due anni precedenti la domanda di partecipazione, una delocalizzazione verso l’unità locale in cui deve svolgersi l’investimento iniziale e si impegnano a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’investimento iniziale;
  • in regola con i pagamenti nei confronti della pubblica amministrazione.

Sono escluse le aziende agricole e le relative attività connesse.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili riguardano i programmi di investimento produttivo diretti alla realizzazione di nuove unità locali e all’ampliamento e/o la ristrutturazione di unità locali esistenti ed ubicate in uno dei seguenti Comuni: Acquasparta, Amelia, Arrone, Avigliano Umbro, Calvi dell’Umbria, Ferentillo, Giove, Lugnano in Teverina, Montecastrilli, Montefranco, Narni, Otricoli, Penna in Teverina, Polino, San Gemini, Stroncone e Terni.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili a contributo le spese riferite a beni nuovi di valore unitario pari o superiore ad € 1.000,00.

Tali spese possono riferirsi all’acquisto di:

  1. suolo aziendale e sue sistemazioni purchè sussista un nesso fra questa tipologia di spesa e gli obiettivi del progetto;
  2. opere murarie ed assimilate (acquisto edifici, costruzione, ampliamento, ristrutturazione, ecc.) e infrastrutture aziendali purchè sussista un nesso con gli obiettivi del progetto;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature non rientranti nel successivo punto, comprese le attrezzature ed utensili di prima dotazione necessarie e funzionali ai nuovi impianti acquisiti e fatturati dal medesimo fornitore contestualmente al bene principale cui afferiscono;
  4. macchinari, impianti ed attrezzature funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello “Impresa 4.0” comprese le attrezzature ed utensili di prima dotazione necessarie e funzionali ai nuovi impianti acquisiti e fatturati dal medesimo fornitore contestualmente al bene principale cui afferiscono;
  5. programmi informatici non rientranti nel successivo punto, esclusivamente correlati alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo, accessori rispetto a macchinari, impianti ed attrezzature (sistemi CAD/CAM, programmi per macchine a controllo numerico o connessi all’automazione meccanica…);
  6. programmi informatici (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi ad investimenti in beni materiali «Impresa 4.0» esclusivamente correlati alle esigenze di automazione e gestione tecnica del ciclo produttivo, accessori rispetto a macchinari, impianti ed attrezzature (sistemi CAD/CAM, programmi per macchine a controllo numerico o connessi all’automazione meccanica).

Le spese di cui al punto 1 sono ammissibili nel limite del 10% della spesa ammissibile; le spese di cui al punto 2 sono ammissibili nel limite del 40% della spesa ammissibile.

Tutti i beni, al momento della richiesta di erogazione del saldo, dovranno essere presenti, installati e funzionanti presso l/le unità locale/i oggetto del programma di investimento.

Si precisa che la spesa totale ammissibile agevolabile non potrà essere costituita unicamente dalle voci di cui ai punti 1 e 2, in quanto le stesse non costituiscono un programma di spesa organico e funzionale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni possono essere concesse nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento GBER o dal Regolamento “de minimis”, secondo la scelta operata dal beneficiario.

Tale contributo non potrà comunque superare l’importo richiesto dall’impresa secondo la tabella riportata in calce al presente paragrafo.

Le agevolazioni concesse non sono cumulabili con altre provvidenze comunitarie, nazionali, regionali o comunali richieste per lo stesso progetto, ad eccezione del caso di agevolazioni fiscali aventi carattere di generalità ed uniformità su tutto il territorio nazionale.

AGEVOLAZIONI PER BENI

MATERIALI/IMMATERIALI

Regolamento GBER Regolamento GBER Zone assistite Regolamento de minimis
20% Micro/Piccola 30% Micro/Piccola 25% Micro
10% Media 20% Media 25% Piccola
25% Media

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 10:00 dell’08/11/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification