Notizie e Bandi

Regione Umbria | Innovazione Digitale Micro e Piccole Imprese

Regione: Umbria
Tipologia: Digitalizzazione
umbria-innovazione-digitale-micro-piccole-imprese-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Umbria concede contributi per l’acquisizione di servizi digitali e per lo sviluppo dell’e-commerce al fine di favorire la migrazione verso il nuovo paradigma digitale e supportare le imprese nella competizione sul mercato globale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, in forma singola, ubicate nel territorio della Regione Umbria, in possesso dei seguenti requisiti:

  1. iscritte nel Registro delle Imprese presso la CCIAA territorialmente competente;
  2. possiedono almeno una sede operativa nel territorio umbro quale sede di attuazione del progetto, attiva e funzionante alla presentazione della domanda.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’introduzione di una o più soluzioni tecnologiche e/o sistemi digitali. In particolare:

  • E-commerce: sono finanziabili l’implementazione e la diffusione di metodi di acquisto e vendita on line di prodotti e servizi e l’adozione e il potenziamento dei servizi di e-commerce tramite la realizzazione di siti e-commerce su piattaforme software CMS (Content Management System);
  • Sicurezza digitale: sviluppo di sistemi di sicurezza informatica;
  • Manifattura digitale: sviluppo di nuove funzioni avanzate nel rapporto clienti/fornitori, condivisione e sviluppo di tecnologie open source e di sistemi ICT al fine di potenziare i sistemi di collaborazione tra aziende in particolare negli ambiti della co-progettazione, dell’attività di co-markership, della razionalizzazione logistica, riorganizzazione e miglioramento dell’efficienza dei processi produttivi all’interno della singola impresa e dei processi di innovazione di prodotto con particolare riferimento alla messa a punto ed alla sperimentazione di metodologie e applicazioni innovative nel campo della progettazione, dell’innovazione di prodotto e di processo, soluzioni ed applicazioni digitali che secondo il paradigma dell’Internet of Things consentano uno scambio di informazioni tra macchine e oggetti.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola richiesta di agevolazione.

Gli interventi devono avere un valore non inferiore ad € 10.000,00 e non superiore ad € 30.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

1. Investimenti ICT

Acquisizione di beni strumentali materiali ed immateriali. Il bene oggetto di investimento può essere un bene o prodotto già disponibile sul mercato o da progettare dall’impresa richiedente. Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di hardware, software e licenze. I costi sostenuti per l’acquisto di beni materiali/immateriali saranno ammissibili a contributo se:

  • pertinenti alla realizzazione di interventi a sostegno della sicurezza informatica e/o finalizzati all’innovazione organizzativa e all’introduzione nell’azienda di strumenti informatici e telematici avanzati e alla loro valorizzazione produttiva, dimostrando la customizzazione delle soluzioni per l’impresa e la capacità di utilizzo delle nuove soluzioni da parte dell’impresa;
  • capitalizzati quindi iscritti tra le immobilizzazioni materiali/immateriali dello stato patrimoniale.

2. Cloud

Sono ammissibili le spese a canone periodico o a consumo, in modalità Cloud Computing di servizi digitali per i mesi relativi al periodo di realizzazione dell’intervento. In particolare sono ammissibili i Servizi informatici infrastrutturali IaaS (Infrastructure as a Service), servizi digitali PaaS (Platform as a Service) e servizi applicativi SaaS (Software as a Service), solo se nuovi.

3. Servizi ICT

Sono ammissibili le spese per l’acquisizione di servizi di consulenze relativi all’installazione e/o personalizzazione di tecnologie dell’informazione e alla progettazione di software. Il progetto ammissibile dovrà indicare una spesa massima di Servizi ICT pari al 20% delle spese ammissibili rispettivamente per gli Investimenti ICT e il Cloud. Non saranno ammesse le consulenze ordinarie, contabili, fiscali, giuridico amministrative, collegate alla certificazione di qualità, ecc.

Tutte le spese dovranno riferirsi ad interventi:

  • avviati e fatturati dopo la data di presentazione della domanda; per avvio dell’intervento si intende il primo atto formale finalizzato alla realizzazione dell’intervento stesso;
  • conclusi entro 9 mesi dalla data di avvio dell’intervento e comunque non oltre 9 mesi dal ricevimento della comunicazione di concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 45% della spesa ammissibile, con le seguenti eventuali maggiorazioni:

  • del 2% per progetti che prevedano un impatto in termini di incremento occupazionale degli addetti all’unità produttiva interessata dai benefici dell’investimento;
  • del 2% per progetti che prevedano un impatto in termini di integrazione del mainstreaming di genere e di non discriminazione, descritto, concreto e verificabile;
  • dell’1% per progetti che prevedano un impatto in termini di tutela ambientale dimostrata con il possesso di certificazioni ambientali.

L’impatto in termini di incremento occupazionale può essere realizzato con l’assunzione di personale con contratto a tempo indeterminato (conteggiati quali ULA) e dimostrando l’effettiva differenza positiva tra il numero degli addetti in forza presso l’impresa al termine del periodo di validità delle spese e il numero degli stessi rilevato al momento della presentazione della domanda. L’incremento occupazionale deve essere mantenuto per i cinque anni successivi alla data di completamento dell’investimenti.

La maggiorazione relativa all’impatto in termini di integrazione del mainstreaming di genere e di non discriminazione spetta alle imprese che possono dimostrare:

  • prevalente composizione femminile sia al momento della presentazione della domanda che alla data di rendicontazione;
  • acquisizione o possesso di certificazione SA 8000 in corso di validità alla data di rendicontazione dell’intervento agevolato;
  • assunzione con contratto a tempo indeterminato di personale femminile nell’ipotesi in cui tale assunzione determini un reale incremento occupazionale.

Ai fini dell’impatto positivo in termini di tutela ambientale si considera il possesso di una delle seguenti certificazioni: registrazione EMAS, marchio Ecolabel UE, ISO14001 e ISO50001.

TERMINE

La domanda potrà essere inviata dalle ore 10:00 del 21/10 alle ore 12:00 del 06/11/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello, sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification