Notizie e Bandi

Regione Sicilia | Gal Valle del Belice | Attività Extra Agricole

Regione: Sicilia
Tipologia: Settore agricolo
sicilia-gal-valle-del-belice-attività-extra-agricole-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Sicilia, mediante il GAL Valle del Belice, sostiene iniziative non agricole nelle zone rurali, volte alla nascita, al consolidamento e all’innovazione di attività e servizi in ambito turistico, culturale e ricreativo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • gli agricoltori (imprenditori agricoli) ed i coadiuvanti familiari;
  • le persone fisiche;
  • le micro e piccole imprese.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o sede operativa localizzata esclusivamente nelle zone rurali all’interno di uno dei 12 comuni del GAL Valle Del Belice, ovvero: Caltabellotta, Contessa Entellina, Gibellina, Menfi, Montevago, Partanna, Poggioreale, Salaparuta, Salemi, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita di Belice, Santa Ninfa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • attività di trasformazione che non riguardino prodotti agricoli;
  • ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di beni immobili;
  • sviluppo di servizi turistici, ricreativi, culturali, ristorativi e per l’integrazione sociale;
  • creazione di attività in grado di fornire servizi importanti come quelli culturali e ricreativi;
  • servizi di guida ed informazione finalizzati alla fruibilità di musei e beni culturali;
  • servizi di guida ed accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve, parchi ed altri elementi naturali;
  • attività di intrattenimento, divertimento e ristorazione;
  • servizi di digitalizzazione e informatizzazione dedicati ai beni storici, culturali, naturali e paesaggistici;
  • servizi per allestimenti di esposizioni e performances nelle arti teatrali, visive e musicali;
  • servizi innovativi inerenti le attività informatiche e le tecnologie di informazione e comunicazione a supporto della popolazione e delle imprese sul territorio;
  • divulgazione della civiltà rurale attraverso spazi espositivi raccolte di attrezzi ed elementi testimoniali, documentazioni fotografiche, proiezione di filmati multimediali.

Il progetto dovrà essere cantierabile entro e non oltre 90 giorni dalla pubblicazione della graduatoria definitiva.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 30.000,00 ed € 93.000,00.

Il tempo massimo concesso per l’esecuzione degli interventi finanziati è fissato al massimo in 12 mesi per gli investimenti relativi a macchine e attrezzature e in 24 mesi per investimenti relativi a strutture, impianti e tipologie analoghe.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono avere ad oggetto:

  • opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale;
  • opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%;
  • tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera, listini ufficiali dei prezzi elementari;
  • acquisizione di beni materiali (compresi hardware e software, attrezzature e macchinari), non compresi nelle voci dei prezzari di riferimento;
  • spese finalizzate a garantire la visibilità delle opere realizzate, con attività informative e pubblicitarie;
  • inoltre, sono ammissibili le seguenti spese generali, entro il limite del 12% delle spese complessive ammissibili, e così distinte:

1) onorari di professionisti e/o consulenti, per:

  1. studi di fattibilità;
  2. valutazioni di incidenza e di impatto ambientale;
  3. stesura e predisposizione di tutti gli elaborati progettuali a corredo della domanda di sostegno;
  4. direzione, contabilizzazione, rendicontazione e collaudo dei lavori;
  5. predisposizione della documentazione tecnico-contabile e amministrativa ai fini della presentazione delle domande di pagamento anticipo, SAL e saldo, nonché della domanda di sostegno;
  6. redazione del piano di sicurezza e coordinamento, nel caso in cui ne ricorrano le condizioni nel cantiere di lavoro.

2) altre spese:

  1. spese per consulenze finanziarie;
  2. spese per la tenuta di conto corrente dedicato esclusivamente all’operazione;
  3. spese per garanzie fideiussorie per la concessione di anticipi;
  4. spese inerenti all’obbligo di informazione e pubblicità sugli interventi finanziati dal PSR.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale pari al 75% della spesa ammissibile.

La presente agevolazione può essere cumulata con altri aiuti de minimis.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 15/09/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci












Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

Iscriviti alla Nostra Newsletter











Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification