Notizie e Bandi

Regione Puglia | Agevolazioni Imprese Settore Turismo

Regione: Puglia
Tipologia: Settore Ricettivo Turistico
puglia-agevolazioni-imprese-settore-turismo-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Puglia sostiene le imprese del settore turistico sviluppando la loro ricettività e favorendo la destagionalizzazione dei flussi turistici.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese, in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituite ed iscritte nel registro delle imprese;
  • avere sede legale e/o unità operativa nel territorio della Regione;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • essere attive;
  • non essere impresa in difficoltà;
  • non aver effettuato delocalizzazioni nei due anni precedenti;
  • non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e non rimborsato, o depositato in un conto bloccato, gli aiuti dichiarati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  • rispettare le norme vigenti in materia edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente,
  • aver restituito agevolazioni erogate, per le quali è stata disposta dall’Organismo competente la restituzione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di:

  • nuove attività turistico-alberghiere, attraverso il recupero fisico e/o funzionale di strutture non ultimate, legittimamente iniziate, destinate ad attività turistico alberghiere;
  • ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione di strutture turistico-alberghiere esistenti al fine dell’innalzamento degli standard di qualità e/o della classificazione ATECO 2007;
  • realizzazione di strutture turistico-alberghiere aventi capacità ricettiva non inferiore a n.7 camere attraverso il consolidamento ed il restauro e risanamento conservativo di immobili che presentano interesse artistico e storico per i quali, alla data di presentazione della domanda, sia intervenuta la “dichiarazione di interesse culturale” o altro titolo;
  • consolidamento, restauro e risanamento conservativo di edifici rurali, masserie, trulli, torri, fortificazioni, al fine della trasformazione dell’immobile in strutture alberghiere aventi capacità ricettiva non inferiore a n.7 camere,
  • strutture, impianti o interventi attraverso i quali viene migliorata l’offerta turistica territoriale con l’obiettivo di favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici.

Gli interventi ammissibili devono avere i seguenti valori complessivi:

  • non superiore ad € 40.000.000,00 per le grandi imprese;
  • non superiore ad € 30.000.000,00 per le medie imprese;
  • non superiore ad € 20.000.000, 00 per le piccole imprese.

Gli interventi devono essere realizzati successivamente alla comunicazione di esito positivo della valutazione della domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • attivi materiali:
  1. acquisto di suolo aziendale e sue sistemazioni;
  2. opere murarie ed assimilabili;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica;
  4. acquisto di brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate, nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  5. acquisto di immobili, comprensivo dell’acquisto del suolo;
  • servizi di consulenza:
  1. servizi di consulenza per l’innovazione delle imprese e per migliorare il posizionamento competitivo dei sistemi produttivi locali;
  2. partecipazione a fiere.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto impianti nelle seguenti intensità:

  • 25% delle spese ammissibili per le Grandi Imprese;
  • 35% delle spese ammissibili per le Medie Imprese;
  • 45% delle spese ammissibili per le Piccole Imprese.

L’intensità dell’agevolazione può arrivare fino al 50% delle spese ammissibili nel caso in cui i beneficiari rientrino nelle seguenti ipotesi:

  1. per le imprese che si associano nella forma di rete d’impresa e per le PMI che hanno conseguito il rating di legalità, l’incremento è nella misura del 5%;
  2. per le imprese che prevedono un incremento occupazionale pari ad almeno 1 ULA per ogni € 300.000,00 di contributo ricevuto o che si obbligano al mantenimento del livello occupazionale a regime per un periodo di tempo superiore ai almeno 1 anno oltre ai 3 successivi all’anno a regime, l’incremento è nella misura del 5%;
  3. per le imprese che dimostrano particolare attenzione all’occupazione femminile (50% di donne occupate) o alla valorizzazione del capitale umano entro il terzo anno successivo all’esercizio a regime, l’incremento è nella misura del 5%;
  4. per le imprese che implementano sistemi produttivi sostenibili, in linea con i principi di economia circolare, con un impatto duraturo, l’incremento è nella misura del 5%.

TERMINE

E’ già possibile presentare la domanda.

La misura rimarrà aperta fino ad esaurimento delle risorse.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification