Notizie e Bandi

Regione Piemonte | Gal Langhe Roero Leader | Attività Extra Agricole

Regione: Piemonte
Tipologia: Settore Ricettivo Turistico
piemonte-gal-langhe-roero-leader-attività-extra-agricole-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Piemonte, attraverso il GAL Langhe Roero Leader, concede un sostegno ad investimenti realizzati dalle microimprese del settore turistico e finalizzati a creare e sviluppare servizi al turista (diversi rispetto ai servizi di pernottamento, ristorazione, enogastronomia e food-wine) che consistano in attività ricreative, ludiche e/o di svago, che offrano la possibilità di impiegare il proprio tempo libero durante la sua permanenza in Langhe e Roero, consentendogli di vivere il territorio e trovare motivi per prolungare la sua permanenza.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Microimprese non agricole, in forma singola o associata, con sede legale e/o operativa in uno dei Comuni del GAL Langhe Roero Leader, attive ed operanti nell’ambito delle seguenti attività:

  1. dell’accoglienza, dell’ospitalità e della ricettività (alberghiera ed extra-alberghiera), codici ATECO di riferimento: 55.10, 55.2, 55.3;
  2. della ristorazione tipica, codici ATECO di riferimento: 56.10.11;
  3. della fornitura di servizi al turista, codici ATECO di riferimento: 77.21.01, 77.21.09, 93.21.00, 93.29.90, 79.90.19.

Non rientrano tra i beneficiari:

  • imprese agricole, comprese quelle finalizzate alla creazione di attività agrituristiche o di piccola ospitalità contadina;
  • associazioni, con o senza scopo di lucro, anche se esercitanti attività economica/commerciale e in possesso di REA;
  • imprese che esercitino esclusivamente l’attività di intermediazione nel settore del turismo (Tour Operator, Agenzie di Viaggio, ecc..);
  • imprese che erogano servizi alla collettività e non svolgono in modo caratteristico attività a contatto con i turisti, sebbene erogatrici di servizi di cui i turisti potrebbero genericamente usufruire (es. una palestra o una piscina).

Nel caso di interventi di sostegno richiesti da forme associative ammissibili, la durata minima prevista della forma associativa richiedente deve essere almeno pari alla durata del vincolo di destinazione delle opere finanziate.

I beneficiari devono aderire a reti/circuiti/itinerari/accordi afferenti la promozione e/o la commercializzazione dell’offerta turistica locale. Sono possibili le seguenti alternative:

  • adesione a reti/circuiti/itinerari territoriali di promozione e/o commercializzazione esistenti o costituendi (es. Strade, Itinerari, Club di Prodotto, ecc…);
  • adesione ad accordi commerciali con operatori turistici locali (consorzi, tour operator, altri operatori della filiera operanti nella fase della commercializzazione, ecc…) che regolamentino la compravendita del servizio sviluppato dall’impresa richiedente.

L’inserimento in reti/circuiti/itinerari/accordi può essere:

  1. precedente all’intervento oggetto di domanda;
  2. successivo all’intervento oggetto di domanda.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono essere volti ad implementare l’offerta turistica, non ricadenti in ospitalità, enogastronomia, food-wine, e che non prevedano la creazione di posti letto o coperti.

Tipologia A – Realizzazione e/o potenziamento di servizi turistici (outdoor, wellness e attività ludico-sportive, didattica esperienziale per l’integrazione fra turismo, filiere produttive e patrimonio paesaggistico, ambientale e culturale del territorio, accessibilità per tutti, servizi di trasporto, mobilità e accessori), quali ad esempio:

  1. servizi di supporto alla fruizione del turismo outdoor inerenti sentieri, piste cicloturistiche e cicloescursionistiche, itinerari locali collegati alla Rete Patrimonio Escursionistico locale, intesi come vera e propria strutturazione di servizio turistico continuativo e non come attività di organizzazione/ promozione/ comunicazione una tantum (non organizzazione di evento/i, neanche in forma di più eventi coordinati ad es. in forma di festival, non attività ordinaria), quali a titolo esemplificativo: noleggio di equipaggiamenti, attrezzature ludico-sportive e relativi servizi di assistenza e manutenzione (es. biciclette, e-bike, mountain bike, equipaggiamento per il fit-walking, …), allestimento di aree attrezzate per il ricovero e la manutenzione di biciclette e/o altre attrezzature ludico sportive, allestimento di spogliatoi e locali di accoglienza per gruppi di escursionisti, servizi per l’ippoturismo, allestimento di maneggi, tettoie di ricovero per i cavalli, aree di sosta attrezzate su percorsi ippici aziendali, postazioni attrezzate per attività sportiva all’aria aperta, campo di beach/green volley, campo di calcetto, altri servizi riferibili al presente ambito;
  2. servizi wellness e attività ludico-sportive – implementabili esclusivamente all’interno di strutture ricettive-ristorazione – per la realizzazione di: piscine, spa, aree e percorsi wellness composti da un insieme correlato di attività fruibili in sequenza, saune e hammam, aree fitness, percorsi vita e benessere indoor e outdoor, altri servizi riferibili al presente ambito;
  3. servizi didattico esperienziali per l’integrazione fra turismo, filiere produttive e patrimonio paesaggistico, ambientale e culturale del territorio. In tale ambito è consentita la realizzazione di aree/locali/laboratori/percorsi aventi natura formativo-educativa e specificatamente attrezzati per l’offerta di attività esperienziali e per la trasmissione al turista di tradizioni e saperi locali, in forma ricreativa, purché l’intervento sia connotato da un vero e proprio progetto didattico sottostante. Negli spazi destinati all’attività didattica dovranno essere realizzati allestimenti materiali sia di natura “espositiva”, sia di natura “strumentale” che consentano il coinvolgimento diretto del turista nell’attività esperienziale. Per l’ambito dei servizi didattici è ammesso anche il settore “food-wine”.
  4. servizi volti a favorire lo sviluppo di un turismo accessibile “for all”: realizzazione di locali e spazi con dotazioni, attrezzature, allestimenti e opere atte a consentire la fruibilità di servizi turistici a favore di persone con disabilità (fisico-motoria, sensoriale, cognitivo-intellettiva) o di categorie deboli e con esigenze particolari, in un’ottica di inclusione e di accessibilità per tutti. Per il presente ambito è ammessa anche la realizzazione/adeguamento di posti letto e/o coperti, che consentano alle persone con disabilità fisico-motoria e/o sensoriale e/o cognitivo-intellettiva di accedere ai locali per l’ospitalità e/o la ristorazione.
  5. servizi di trasporto, mobilità e accessori, organizzazione di servizi di mobilità e di trasporto locale per visitatori (con piccoli automezzi specializzati), biciclette e/o bagagli (furgone, carrello, porta-bici su gancio traino), in particolare per la fruizione degli itinerari della rete escursionistica di interesse presenti sull’area GAL, installazione di punti/aree di rifornimento/alimentazione per mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (bici e/o auto elettriche), esclusivamente in prossimità di strutture ricettive/ristorazione/fornitori di servizi beneficiari e non in aree isolate o solitarie, servizi di prelievo e consegna di prodotti enogastronomici e/o artigianali e/o attrezzature sportive presso le strutture di fruizione turistica e sportiva a domicilio, trasporti e mobilità, ecc…, servizi di organizzazione logistica e trasporto per la migliore fruizione delle risorse e attrattività dislocate sul territorio GAL, allestimento aree camper presso le strutture ricettive/ristorazione, altri servizi riferibili al presente ambito.

Tipologia B – Adeguamento/ampliamento di strutture esistenti, direttamente connesso all’erogazione del servizio turistico che si intende creare/implementare: piccoli interventi di natura edile, di ristrutturazione di edifici e/o di rinnovo degli allestimenti, riqualificazione di parti di edifici e/o loro pertinenze al fine di renderli direttamente strumentali all’erogazione del servizio turistico che si intende implementare.

Tipologia C – Adeguamento/ampliamento di strutture esistenti, finalizzato a rendere più gradevole la struttura e/o ad incrementare il livello di tipicità, quali:

  • miglioramento qualitativo degli spazi comuni compresi la realizzazione e/o il potenziamento di servizi per favorire la conoscenza, da parte del turista, della storia, delle emergenze storico-architettoniche, delle tradizioni del territorio;
  • miglioramento qualitativo degli spazi esterni;
  • interventi di ripristino degli agroecosistemi e del paesaggio rurale e di mitigazione e mascheramento di criticità originate da diverse tipologie di alterazione, con la finalità di aumentare il “valore scenico” del paesaggio e valorizzarne la componente “scenico-percettiva”: ripristino nell’area oggetto dell’intervento principale di aspetti tradizionali del paesaggio costruito e naturale (manufatti e pertinenze), mitigazione dell’impatto ambientale e paesaggistico di infrastrutture e insediamenti produttivi e commerciali, schermature di elementi estranei al paesaggio tradizionale, attrezzature e dotazioni a completamento dell’offerta di svago.

Tipologia D – Commercializzazione di servizi turistici da parte delle imprese richiedenti, alle seguenti condizioni congiuntamente:

  1. se correlata a servizi turistici di Tipologia A sviluppati dall’impresa richiedente con il presente Bando e direttamente erogati dalla stessa impresa richiedente, e se funzionale alla vendita dei servizi stessi al pubblico;
  2. esclusivamente per interventi finalizzati all’implementazione di sistemi tecnologici automatizzati di prenotazione e di e-commerce e per attività ad elevato contenuto tecnologico e/o informatico collegate allo sviluppo del servizio;
  3. con tassativa esclusione di attività di natura promozionale e/o pubblicitaria che richiedano la realizzazione di scatti fotografici, filmati, video, app, ecc…

Si precisa che non è ammissibile l’attività di intermediazione/commercializzazione da parte di Tour Operator o di Agenzie di Viaggio o comunque da parte di soggetti per lo svolgimento di attività di intermediazione nel settore del turismo.

Per la realizzazione delle varie Tipologie di intervento A, B, C, D valgono le seguenti limitazioni:

  • la Tipologia A è considerata prioritaria, al fine di incrementare il livello dei servizi offerti dal sistema turistico locale. In tal senso, la spesa per gli interventi di Tipologia A+B deve obbligatoriamente rappresentare almeno il 50% delle spese complessive ammissibili;
  • gli interventi di cui alle Tipologie B, C, D sono ammissibili a finanziamento esclusivamente se complementari ad almeno un intervento di cui alla Tipologia A; il beneficiario può, cioè, realizzare investimenti di adeguamento/ampliamento di strutture esistenti solo nel caso in cui il suo progetto preveda anche il completamento dell’offerta turistica stessa con la realizzazione di nuovi servizi al turista e/o il potenziamento dei servizi esistenti.

I beneficiari devono presentare anche un progetto esecutivo. L’intervento deve concludersi entro 12 mesi dalla data della comunicazione di ammissione a finanziamento.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 10.000,00 ed € 50.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibli le seguenti voci di spesa:

  • investimenti materiali di tipo fondiario e/o edilizio di recupero, restauro e riqualificazione di edifici, manufatti e loro pertinenze di modesta entità (miglioramento e/o ristrutturazione di immobili aziendali, costruzione limitatamente a opere e locali, entrambi al servizio dell’offerta turistica sviluppata e con una stretta connessione con l’offerta stessa), finalizzati all’attivazione negli stessi di nuovi servizi al turista e/o al completamento di quelli già esistenti o finalizzati a rendere più gradevole la struttura ed incrementarne il livello di tipicità;
  • acquisto e installazione di macchinari e impianti tecnologici funzionali alla realizzazione degli interventi ammissibili; sono esclusi gli impianti fotovoltaici e gli impianti genericamente e unicamente finalizzati all’efficientamento energetico delle strutture e alla produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • acquisto di arredi, strumenti, equipaggiamenti, attrezzature (incluso hardware) e automezzi specializzati (specificatamente connessi al servizio turistico oggetto di domanda, es. furgone per trasporto biciclette) e/o per uso collettivo, soltanto se strettamente funzionali alla realizzazione degli interventi ammissibili;
  • interventi di ripristino degli agro-ecosistemi e del paesaggio rurale e di mitigazione e mascheramento di criticità originate da diverse tipologie di alterazione, con la finalità di aumentare il “valore scenico” del paesaggio e valorizzarne la componente “scenico-percettiva”;
  • acquisto/realizzazione di programmi informatici e software;
  • realizzazione di siti web e di e-commerce e per attività ad elevato contenuto tecnologico e/o informatico;
  • consulenze specialistiche, generali e tecniche (acquisto di brevetti e licenze e know-how o conoscenze tecniche non brevettate, spese di grafica, progettazione, direzione lavori);
  • oneri per la messa in sicurezza.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale a fondo perduto pari al 40% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 23/07/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci












Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter











Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification