Notizie e Bandi

Regione Emilia-Romagna | Qualificazione Imprese | Attività Commerciali

Regione: Emilia-Romagna
Tipologia: Investimenti
emilia-romagna-riqualificazione-attività-commerciali-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna promuove la riqualificazione delle attività commerciali e di pubblico esercizio presenti nel proprio territorio in considerazione del loro ruolo come fattore determinante per l’occupazione e per l’attrattività dell’offerta turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, esercitanti una delle seguenti attività:

  • attività commerciale al dettaglio in sede fissa, anche stagionale, avente i requisiti di esercizio di vicinato (aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e a 250 mq nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti);
  • attività di pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e/o bevande (attività di vendita per il consumo sul posto in tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti in locali o superfici aperte al pubblico attrezzati a tal fine).

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. le attività di commercio al dettaglio in sede fissa devono operare in uno dei settori di attività economica appartenenti alla Sezione G, Divisione 47 dei settori di attività economica Ateco 2007, con esclusione dei seguenti gruppi e sottogruppi: – 47.11.1 “Ipermercati”; 47.11.2 “Supermercati”; 47.3 “Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione”; 47.8 “Commercio al dettaglio ambulante”; 47.9 “Commercio al dettaglio al di fuori di negozi, banchi e mercati”;
  2. le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande devono operare in uno dei settori di attività economica appartenenti alla Sezione I, Divisione 56 dei settori di attività economica Ateco 2007, con esclusione dei seguenti gruppi e sottogruppi: – 56.10.1 “Ristorazione con somministrazione; ristorazione connessa alle aziende agricole;” – 56.10.12 “Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole”; 56.10.2 “Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto; 56.10.4 Ristorazione ambulante e gelaterie ambulanti; 56.10.41 “Gelaterie e pasticcerie ambulanti”; 56.10.42 “Ristorazione ambulante”; 56.10.50 “Ristorazione su treni e navi”; 56.21 “Fornitura di pasti preparati (catering per eventi)” 56.21.00 “Catering per eventi, banqueting”; 56.29 “Mense e catering continuativo su base contrattuale”; 56.29.10 “Mense”; 56.29.20 “Catering continuativo su base contrattuale”;
  3. essere regolarmente costituiti ed iscritti nel registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono essere realizzati in unità locali dedicate all’attività di commercio al dettaglio in sede fissa e/o di pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e/o bevande, situate nel territorio della Regione e prevedere la realizzazione di una delle seguenti operazioni:

  1. riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività e delle relative pertinenze;
  2. interventi per l’offerta di nuovi prodotti e/o servizi alla clientela e/o per il loro miglioramento o consolidamento anche tramite l’introduzione delle più moderne tecnologie informatiche e digitali (sistemi per l’accettazione di pagamenti innovativi, sistemi per l’accettazione di couponing e loyalty, chioschi, totem e touchpoint, sistemi di cassa evoluti e Mobile POS, Electronic Shelf Labeling, digital signage, vetrine intelligenti, specchi e camerini smart, realtà aumentata, sistemi di sales force automation, sistemi di in store mobility, sistemi CRM, proximity marketing, sistemi di self-scanning, sistemi di video-collegamenti, sviluppo di canali digitali, di app e mobile site per supportare le fasi di prevendita, vendita post-vendita; siti informativi/e commerce e app/mobile site).

I progetti devono avere un valore non inferiore a € 15.000,00.

I progetti ammissibili dovranno essere avviati e conclusi:

  • 1° finestra di finanziamento – dal 18/02/2020 al 31/12/2020;
  • 2° finestra di finanziamento – dall’1/01/2021 all 31/12/2021.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. opere edili, murarie e impiantistiche connesse agli interventi di riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività;
  2. consulenze relative alla progettazione, direzione lavori e collaudo connesse agli interventi di riqualificazione, ristrutturazione e/o ampliamento delle strutture;
  3. acquisto di macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture e arredi funzionali all’esercizio dell’attività e all’offerta o al miglioramento di nuovi servizi e/o prodotti alla clientela nonché di sistemi per la vendita di prodotti sfusi e di vuoto a rendere;
  4. acquisto di dotazioni informatiche hardware, software e relative licenze d’uso, servizi di cloud computing funzionali all’esercizio dell’attività e all’offerta o al miglioramento di nuovi servizi e/o prodotti nonché per la realizzazione di siti internet ed e-commerce, con esclusione della manutenzione ordinaria, aggiornamento e promozione;
  5. acquisto di beni intangibili quali brevetti, marchi, licenze e know how;
  6. acquisizione di servizi di consulenza connessi alla realizzazione dei progetti e/o richiesti per la presentazione delle domande.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili.

La misura del contributo è incrementata:

  • del 5% in uno dei casi di seguito indicati:
  1. qualora i progetti dimostrino di avere ricadute positive in termini di incremento occupazionale a tempo indeterminato e stabile;
  2. qualora l’attività di impresa del richiedente sia caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile;
  3. nel caso in cui i beneficiari, che abbiano un fatturato annuo pari o maggiore ad € 2.000.000,00, siano in possesso del rating di legalità;
  4. nel caso in cui i beneficiari operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, in uno dei settori di attività economica Ateco 2007 individuati dalla Strategia di specializzazione Intelligente della Regione Emilia-Romagna (S3);
  5. nel caso in cui i beneficiari operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree montane;
  6. nel caso in cui i beneficiari operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nelle c.d AREE 107. 3. C;
  • del 10% nel caso in cui, al momento della domanda, i soggetti proponenti operino, con riferimento alle sedi operative/unità locali dove si realizza l’intervento, in locali presi in locazione con contratti regolarmente registrati.

Il contributo concedibile non potrà superare l’importo massimo di € 30.000,00.

L’agevolazione:

  • non è cumulabile, per le stesse spese, con altri aiuti pubblici di qualsiasi natura classificabili come aiuti di stato;
  • è cumulabile con altre agevolazioni pubbliche che non configurino aiuti di stato.
TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO MISURA PERCENTUALE DI CONTRIBUTO SULLA SPESA AMMESSA
Progetti di investimento senza applicazione di premialità 40%
Progetti di investimento con ricadute positive in termini di incremento occupazionale a tempo indeterminato e stabile e/o proposti da imprese caratterizzate dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile e/o con rating di legalità e/o operanti nell’ambito della S3 e/o proposti da imprese localizzate nelle aree montane e/o nelle aree 107.3.c 45%
Progetti di investimento proposti da imprese che esercitano l’attività in immobili presi in locazione con contratti regolarmente registrati 50%
Progetti di investimento con ricadute positive in termini di incremento occupazionale a tempo indeterminato e stabile e/o proposti da imprese caratterizzate dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile e/o con rating di legalità e/o operanti nell’ambito della S3 e/o proposti da imprese localizzate nelle aree montane e/o nelle aree 107.3.c e/o proposte da imprese che esercitano l’attività in immobili presi in locazione con contratti regolarmente registrati. 55%

TERMINE

La domanda può essere presentata all’interno di due finestre temporali:

  • 1° finestra: dalle ore 10:00 del 18/02/2020 alle ore 13:00 del 28/03/2020;
  • 2° finestra: dalle ore 10:00 del 15/09/2020 alle ore 13:00 del 29/10/2020.

La Regione procederà alla chiusura anticipata delle finestre indicate secondo le seguenti modalità:

  • 1° finestra: al raggiungimento di 150 domande presentate;
  • 2° finestra: al raggiungimento di 150 domande presentate.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification