Notizie e Bandi

Regione Emilia-Romagna | Insediamento e Sviluppo Esercizi Commerciali

Regione: Emilia-Romagna
Tipologia: Investimenti
emilia-romagna-esercizi-commerciali-polifunzionali-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna favorisce la creazione, nelle località scarsamente popolate, di un presidio capace di fornire beni e servizi di prima necessità e contrastare fenomeni di rarefazione del sistema distributivo e dei servizi, mediante la concessione di contributi per l’insediamento e lo sviluppo degli esercizi commerciali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese esercenti il commercio, la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande e dei servizi, che intendono avviare un “esercizio commerciale polifunzionale” nelle aree montane e rurali, nonché nei Comuni, centri e nuclei abitati con popolazione inferiore a 3.000 abitanti o implementare con nuovi servizi offerti, nel caso di esercizi commerciali polifunzionali già avviati.

I beneficiari devono possedere i seguenti requisiti:

  1. numero di addetti non superiore a 40;
  2. regolarmente costituiti ed iscritti al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;
  3. attivi e nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  4. non ospitare sale da gioco e sale scommesse;
  5. impegno a rispettare l’apertura annuale.

Ciascun soggetto può presentare una sola domanda di contributo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibli devono avere ad oggetto l’insediamento o lo sviluppo di esercizi commerciali polifunzionali localizzati in aree comunali soggette a fenomeni di rarefazione commerciale.

Si definisce “esercizio commerciale polifunzionale” l’attività di commercio al dettaglio, con superficie di vendita non superiore a 250 metri quadrati, prioritariamente di prodotti del settore merceologico alimentare, esercitata unitamente ad almeno 3 delle attività aggiuntive previste in almeno due macrocategorie sotto riportate, ovvero:

Attività di tipo commerciale:

  1. somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
  2. attività di vendita di generi appartenenti al settore merceologico non alimentare;
  3. rivendita di giornali e riviste;
  4. rivendita di generi di monopolio e di valori bollati;

Attività di servizio alla collettività e al turista:

  1. servizio di rilascio a distanza di certificati per conto di pubbliche amministrazioni;
  2. sportello postale, mediante la sottoscrizione di apposita convenzione con l’Ente Poste;
  3. servizio bancomat, mediante la sottoscrizione di apposita convenzione con l’istituto bancario che offre le migliori condizioni;
  4. servizio di telefax, fotocopie ed Internet point;
  5. biglietteria trasporto pubblico locale, ferroviario o funiviario;
  6. servizi di informazione turistica;
  7. noleggio di attrezzature a scopo escursionistico o sportivo;
  8. dispensario farmaceutico;
  9. ogni altro servizio utile alla collettività, mediante stipula di convenzione con l’Ente erogatore.

Attività integrative e a carattere ricettivo:

  1. gestione di bed and breakfast. Tale forma di accoglienza è possibile solo in forma occasionale presso la propria abitazione di residenza o stabile dimora;
  2. gestione di unità abitative ammobiliate ad uso turistico;
  3. gestione di affittacamere anche con la specificazione tipologica aggiuntiva di locanda;
  4. gestione di rifugi escursionistici;
  5. gestione di campeggi, anche con la specificazione tipologica aggiuntiva di Centri Vacanze.

Sono ammissibili i progetti avviati dal 1° gennaio 2019 e conclusi entro il 31 dicembre 2020.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese pagate dal beneficiario dallo 01/01 al 31/12/2020 e rientranti nelle seguenti voci:

  • acquisizione, progettazione, costruzione, rinnovo, trasformazione e ampliamento dei locali da adibire all’esercizio dell’attività d’impresa e l’acquisizione delle relative aree;
  • acquisto, rinnovo e ampliamento delle attrezzature, degli impianti e degli arredi necessari per l’esercizio e l’attività d’impresa;
  • acquisto di un autoveicolo a uso commerciale, in regola con le normative vigenti per il trasporto di merci deperibili;
  • realizzazione di zone dotate di accesso pubblico alla rete telematica;
  • realizzazione di punti di informazione turistica e di sportelli di erogazione di servizi di pubblica utilità rivolti alla cittadinanza;
  • formazione di scorte necessarie alla realizzazione di programmi d’investimento entro il limite massimo del 30% del totale delle spese ammissibili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il Regolamento “de minimis” assume la veste di un contributo in conto capitale attribuito nella misura massima del 60% della spesa complessiva ammissibile e per un importo massimo di € 40.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro lo 02/09/2019. Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci









Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter








Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification