Notizie e Bandi

Regione Abruzzo | Investimenti Aziendali PMI

Regione: Abruzzo
Tipologia: Investimenti
abruzzo-investimenti-aziendali-pmi-innovazione-valore-consulting

FINALITÀ

La Regione Abruzzo sostiene gli investimenti in innovazione da parte delle MPMI del proprio territorio, attraverso la realizzazione di nuovi prodotti che costituiscano una novità per l’impresa e/o per il mercato e l’innovazione dei processi produttivi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese iscritte nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio territorialmente competente e che esercitano la loro attività economica in uno dei seguenti settori:

  • C (con esclusione dei codici: 20.6, 24.1);
  • E (sono ammessi solo i codici: 38.2, 38.3, 39);
  • F (sono ammessi solo i codici: 41, 42, 43);
  • G;
  • I (sono ammessi solo i codici: 55.1, 55.2, 55.3, 55.9, 56.1, 56.2);
  • J (sono ammessi solo i codici: 58.2, 62, 63.11, 63.12);
  • M (sono ammessi solo i codici: 74.10.10, 74.10.21, 74.10.29, 74.10.30, 74.10.90, 74.20.20, 74.90.99);
  • N (sono ammessi solo i codici: 79.90.19);
  • Q (sono ammessi solo i codici: 86.2, 86.9);
  • R (sono ammessi solo i codici: 90.0, 90.02, 90.03, 91.04.00, 93);
  • S (sono ammessi solo i codici: 95, 96.01.10, 96.04).

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere attivi;
  2. avere la propria sede legale e/o unità operativa nel territorio della Regione;
  3. rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia di tutela dei portatori di handicap nonché il principio di uguaglianza di genere;
  4. rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia di prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro e delle malattie professionali, della sicurezza sui luoghi di lavoro, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela ambientale;
  5. non essere incorse nel divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione e/o aver subito provvedimenti interdittivi;
  6. rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano in materia di contrattazione collettiva;
  7. non essere state destinatarie, nei tre anni precedenti la data di presentazione della presente domanda, di provvedimenti di revoca totale di sovvenzioni, contributi e/o finanziamenti concessi dalla Regione Abruzzo, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce;
  8. non aver beneficiato per la medesima voce di spesa di altre agevolazioni pubbliche, fermo restando il credito di imposta;
  9. non aver conferito incarichi professionali né aver concluso alcun contratto di lavoro subordinato o autonomo ad ex-dipendenti della Regione Abruzzo che hanno cessato il rapporto di lavoro con l’Ente da meno di tre anni i quali, negli ultimi tre anni di servizio, hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto di quest’ultimo;
  10. essere in regola con la normativa antimafia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto proposte progettuali che contemplino una o più tipologie di intervento di seguito specificate:

  • A) implementazione di un nuovo prodotto per l’impresa e/o per il mercato;
  • B) innovazione del processo produttivo già avviato, mediante cambiamenti di tecniche, attrezzature e/o software, tendenti a diminuire il costo unitario di produzione e/o ad aumentare la capacità produttiva dell’impresa.

Il termine ultimo per la realizzazione dell’intervento è di 12 mesi dalla pubblicazione della graduatoria definitiva.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore ad € 70.000,00.

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. macchinari, impianti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale del beneficiario ed esclusi quelli relativi alla mera attività di rappresentanza; mezzi mobili, esclusi i mezzi di trasporto targati, identificabili singolarmente, a servizio dell’unità produttiva;
  2. opere murarie ed impiantistiche necessarie per l’installazione dei macchinari acquisiti e dei nuovi impianti produttivi;
  3. programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali del beneficiario; brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate, finalizzate all’implementazione di interventi ammissibili e concernenti nuove tecnologie di prodotti e di processi produttivi;
  4. servizi di consulenza ed equipollenti, compresi i servizi di consulenza gestionale, di assistenza tecnologica, servizi di trasferimento delle tecnologie, consulenza in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale e di accordi di licenza, consulenza sul rispetto delle norme;
  5. perizia giurata, rilasciata da un tecnico professionista abilitato, asseverata in tribunale;
  6. fidejussione bancaria o polizza assicurativa in favore della Regione, irrevocabile, incondizionata ed esigibile a prima richiesta.

Le spese devono essere sostenute a partire dal 06/03/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni assumeranno la forma di un contributo in conto capitale sulla spesa ammissibile fino al 50%.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 12:00 del 31/05/2020.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification