Notizie e Bandi

Progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale | Artes 4.0

Regione: Italia
Tipologia: ricerca e sviluppo
progetti-ricerca-industriale-sviluppo-sperimentale-artes-4-0-valore-consulting

FINALITÀ

Il MISE, attraverso il Competence Center ARTES 4.0, finanzia progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale con i seguenti obiettivi prioritari:

  • promuovere lo sviluppo tecnologico e digitale nel settore industriale, con particolare riguardo alle piccole e medie imprese;
  • favorire il trasferimento di soluzioni tecnologiche e l’innovazione nei processi produttivi, nei prodotti e nei modelli di business;
  • favorire la collaborazione tra imprese e ARTES 4.0 per l’elaborazione di progetti che rispondano alle esigenze di innovazione e competitività;
  • agevolare lo scambio di conoscenze e competenze tra imprese e tra imprese e organismi di ricerca, incentivando la creazione di aggregazioni;
  • favorire le ricadute sul territorio in termini di impatto sociale, economico, ambientale, sul lavoro e sulla competitività del sistema produttivo italiano.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese e le Start-Up.

Tali soggetti possono partecipare in forma singola o di partenariati (ATS/ATI o altra forma contrattuale equipollenti in uso nello Stato Italiano).

Le Università e gli Organismi di Ricerca possono partecipare alle proposte progettuali non come partner ma come fornitori di beni e servizi nell’ambito di collaborazioni di ricerca, ricerca contrattuale, servizi di consulenza ed equivalenti.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • regolarmente costituiti in forma societaria ed iscritti al Registro delle imprese;
  • nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e non rimborsato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
  • in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero dello Sviluppo Economico;
  • non si trovano in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà;
  • sede legale o unità locale all’interno del territorio italiano;
  • in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori;
  • hanno assolto gli obblighi contributivi e sono in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • non risultano associati o collegati con altra impresa richiedente l’aiuto all’interno dell’aggregazione;
  • non hanno usufruito in precedenza di altri finanziamenti pubblici finalizzati alla realizzazione delle stesse spese previste nel progetto;
  • possiedono la capacità economico-finanziaria in relazione al progetto da realizzare.

Per i progetti ammessi al finanziamento, il partenariato deve essere formalizzato mediante la costituzione di ATS o ATI o altre forme contrattuali equipollenti in uso nello Stato Italiano
redatte per atto pubblico notarile, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria definitiva dei progetti ammessi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

I progetti devono prevedere:

  • un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi e tempi;
  • una stima dei benefici economici sul piano di riduzione di inefficienze, sprechi e costi, anche in termini di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;
  • la redazione di un piano finanziario a copertura dei costi del progetto;
  • un livello di maturità tecnologica in un intervallo tra TRL 5 e TRL 8 e che raggiunga, al termine delle attività, un livello pari almeno a TRL 7.

L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato e localizzato nel territorio italiano.

I progetti ammissibili al finanziamento devono:

  • utilizzare le tecnologie in ambito Impresa 4.0 finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi, servizi, modelli di business e organizzativi e al notevole miglioramento di prodotti, processi, servizi, modelli di business e organizzativi esistenti.
  • essere integralmente compresi in una o entrambe le categorie ovvero ricerca industriale o sviluppo sperimentale.

Inoltre i progetti devono essere compresi in una o un sottoinsieme delle seguenti aree tematiche focus di ARTES 4.0:

  • Robotica e macchine collaborative provviste di sensori e strategie avanzate per l’interazione sicura persona-macchina nell’ambiente di lavoro.
  • Sistemi di controllo model-based per sistemi multivariabili, in grado di gestire vincoli operativi e prestazioni ottimali.
  • Algoritmi per l’apprendimento automatico di modelli orientati al controllo a partire dai dati.
  • Sistemi di diagnostica per l’individuazione di malfunzionamenti.
  • Tecnologie per l’ottimizzazione real-time di processo, sia per il miglioramento della qualità del manufatto che per il risparmio di materiali ed energetico.
  • Realtà aumentata, virtuale e sistemi di telepresenza multisensoriale e Human Computer Interaction, in processi di progettazione e sviluppo di nuovi prodotti e servizi.
  • Tecnologie robotiche e di realtà aumentata e di sistemi di sensori per la manutenzione predittiva e training.
  • Soluzioni 4.0 per la tutela della salute dei lavoratori e la sicurezza sul lavoro.
  • Sensori realizzabili con diverse tecnologie, tra cui le tecnologie MEMS/ MOEMS, quali dispositivi elettronici, meccanici, ottici e combinazioni.
  • Modeling, sviluppo e caratterizzazione materiali avanzati.
  • Digitalizzazione e robotizzazione di processi per aumentare la produttività e la sicurezza degli operatori.
  • Tecnologie, reti e sistemi e comunicazione, wireless e wired, per connettere robot e/o macchine e persone con elevati standard di Quality of Service per la valutazione e la misura quantitativa delle performance generali del processo.
  • Applicazioni e tecnologie per archiviazione ed elaborazione di dati, per sistemi data-intensive e ad elevata sicurezza per deployment in contesti industriali con robot.
  • Infrastrutture software di base, sistemi operativi e middleware, analisi, simulazione e verifica per sistemi di controllo adattivi per il supporto di applicazioni robotiche distribuite con vincoli real-time e di affidabilità.
  • Tecnologie per la cyber-security.
  • Digitalizzazione delle attività di fabbrica, logistiche e tracciabilità delle merci ai fini dell’ottimizzazione della gestione integrata di filiere industriali.

I progetti devono avere una durata di 18 mesi, prorogabili di ulteriori 6.

L’intervento ammesso deve essere avviato entro e non oltre 30 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria definitiva.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare in una delle seguenti voci:

  • personale dipendente e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto, nella misura massima del 50% dell’ammontare del costo del progetto;
  • strumentazione e attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • collaborazioni di ricerca con soggetti pubblici e privati, costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato, nonché costi per i servizi di consulenza ed equivalenti nella misura massima del 50% dell’ammontare del costo del progetto;
  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, imputabili al progetto. Sarà ritenuto ammissibile il costo delle spese generali calcolato nella misura massima del 25% dell’ammontare dei costi complessivi sostenuti per i costi di personale.

Le spese relative al progetto ammesso al finanziamento sono rendicontabili a partire dalla data di presentazione della proposta progettuale nella FASE 2.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regolamento GBER, assume le vesti di un contributo erogato nella misura massima del 50% delle spese ammissibili e comunque fino all’importo massimo di € 200.000,00.

L’intensità di aiuto per ciascun beneficiario non supera il 50% dei costi complessivi ammissibili per la ricerca industriale e il 25% dei costi ammissibili per lo sviluppo sperimentale.

Sono previsti dei criteri di premialità, a seconda che i beneficiari siano in possesso di uno o più dei seguenti requisiti:

  • presentazione di proposte progettuali che prevedono la fornitura di beni e/o servizi da parte dell’Associazione ARTES 4.0 e dai Soci dell’Associazione ARTES 4.0.: +20 punti;
  • partecipazione in forma singola o in partenariato di PMI: +5 punti;
  • possesso del rating di legalità: +5 punti.

TERMINE

La pre-proposal deve essere presentata entro il 18/12/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci











Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter










Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification