Notizie e Bandi

Fapi | Avviso 3/2019 | Formazione Lavoratori | Aggregazioni d’Imprese

Regione: Italia
Tipologia: formazione
fapi-avviso-3-2019-formazione-lavoratori-aggregazioni-imprese

FINALITÀ

L’Avviso supporta le imprese aggregate (reti), finanziando interventi di sviluppo delle competenze dei lavoratori a sostegno della competitività e dell’innovazione, del lavoro e dell’occupazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Imprese o Consorzi d’imprese (anche reti di concessionari legati a marchi, erogatori di formazione tecnica), enti di formazione o agenzie formative;
  • Associazioni Temporanee d’Impresa (ATI) o di Scopo (ATS).

I soggetti devono dare luogo ad un’aggregazione, ovvero ad una rete che può essere:

  • reti nuove (A), costituite da aziende aderenti al FAPI. Non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte;
  • reti consolidate (B), cioé reti già costituite, anche tra loro aggregate, purché con Piano chiuso; non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte;
  • incrementi di rete (C), cioé reti già costituite con piano di rete “aperto”.

Nell’incremento, possono essere aggregate solo aziende di nuova adesione al FAPI o che, iscritte al FAPI da più tempo, non hanno mai beneficiato dei finanziamenti per la formazione del Fondo.

Non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte.

I beneficiari devono risultare aderenti al FAPI.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto un programma organico di interventi concertati tra le parti sociali firmatarie, sulla base dei fabbisogni espressi dai contesti territoriali interessati, dei settori, delle aziende e dei lavoratori.

Ciascun Progetto di formazione deve essere coerente con le finalità e gli obiettivi che intende attuare e prevedere una durata adeguata alle caratteristiche degli interventi da realizzare.

Eventuali azioni preparatorie e di accompagnamento alle attività formative costituiscono parte integrante del progetto.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di piano:

  1. Piani Interaziendali: costituiti da uno o più progetti, coinvolgono più aziende ed i loro lavoratori. Le aziende devono appartenere ad un’unica regione.
  2. Piani Settoriali o di filiera o multiregionale: costituiti da uno o più progetti, coinvolgono più aziende ed i loro lavoratori di un settore/filiera specifica e/o su più regioni.

Sono ritenuti ammissibili i piani di rete presentati secondo il seguente calcolo per il massimale di finanziamento:

  • reti nuove (A) e reti consolidate (B): € 100,00 x n. totale lavoratori delle aziende della rete;
  • incrementi di rete (C): € 100,00 x n. lavoratori dell’azienda entrante nella rete già esistente.

Il piano di rete o piano formativo di massima, è un insieme organico di attività formative (progetti), attività preparatorie e di accompagnamento (propedeutiche) e attività organizzative gestionali.

Ogni impresa può partecipare ad una sola rete e quindi ad un solo piano di rete.

Il progetto formativo deve rispettare i seguenti parametri:

  • numero minimo di partecipanti per progetto è di 3;
  • numero massimo di partecipanti per progetto è di 20 lavoratori;
  • durata minima di 8 ore e massima di 60 ore;
  • contenere l’elenco delle aziende beneficiarie ed il numero dei lavoratori che ciascuna azienda mette in formazione.

Ogni lavoratore in formazione può partecipare a massimo 2 progetti (per reti di marchi: massimo 5 progetti per 80 ore complessive a lavoratore).

Le attività preparatorie e di accompagnamento devono:

  • comprendere attività e prodotti riferibili a singoli progetti e ai lavoratori ad essi associati.
  • prevedere una o più delle seguenti attività correlate agli obiettivi formativi: studio e ricerca; analisi organizzativa; analisi dei fabbisogni; Assessment; seminari/convegni di sensibilizzazione; approfondimento e diffusione; work-shop; focus group; attività di audit; studio ed elaborazione di materiali.

Le attività formative, fermo restando la definizione del numero massimo di partecipanti al singolo progetto formativo, posssono prevedere la realizzazione di sessioni congiunte (seminari, workshop, convegni) che opportunamente motivati ed esplicitati potranno vedere aumentata la presenza massima di allievi a 40 per ogni sessione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Ciascun soggetto presentatore/attuatore nonché titolare del piano, come capofila a seguito di delega delle aziende, può ottenere contributi per un ammontare complessivo non superiore al 30% del plafond disponibile.

I beneficiari, al momento della presentazione della domanda, dovranno scegliere tra il regime agevolativo individuato dal regolamento “de minimis” o quello fissato nel GBER.

TERMINE

La domanda può essere inviata fino alle ore 15:00 del 20/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci









Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter








Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification