Notizie e Bandi

Decreto Cura Italia | Produzione Dispositivi Medici

Regione: Italia
Tipologia: Decreto Cura Italia
decreto-cura-italia-produzione-dispositivi-medici

FINALITÀ

Il Governo Italiano sostiene le imprese nazionali che producono dispositivi medicali mediante l’erogazione di finanziamenti agevolati.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, di qualsiasi dimensione, costituite sotto forma di società di capitali o di persone, nonché come società cooperative e società consortili, che producono e forniscono dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere attivi, regolarmente costituiti ed iscritti nel registro delle imprese;
  • essere in regola con la disciplina vigente in materia di edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente;
  • essere in regime di contabilità ordinaria;
  • non rientrare tra coloro che hanno ricevuto e successivamente non rimborsato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  • non essere “impresa in difficoltà”.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’incremento della disponibilità nel territorio nazionale di dispositivi medici e di dispositivi di protezione individuale attraverso:

  • l’ampliamento della capacità di un’unità produttiva esistente già adibita alla produzione di dispositivi medici e/o di dispositivi di protezione individuale;
  • la riconversione di un’unità produttiva esistente finalizzata alla produzione di dispositivi medici e/o di dispositivi di protezione individuale.

Gli interventi devono essere avviati successivamente al 18/03/2020 ed essere completati entro il termine massimo di 180 giorni dalla data di comunicazione del provvedimento di ammissione all’agevolazione.

L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 200.000,00 ed € 2.000.000,00.

I beneficiari devono garantire la copertura finanziaria dell’intervento in misura almeno pari al 25% delle spese complessive ammissibili.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. opere murarie necessarie all’installazione o al funzionamento dei macchinari ad uso produttivo;
  2. macchinari, impianti ed attrezzature varie commisurate alle esigenze del ciclo produttivo;
  3. programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.

E’ altresì ritenuto ammissibile alle agevolazioni un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante fino ad un massimo del 20% delle spese ammissibili. Il capitale circolante può essere utilizzato per pagare, a mero titolo esemplificativo, materie prime, sussidiarie, di consumo, merci, canoni di locazione, costi del personale ed utenze.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un finanziamento agevolato pari, nel massimo, al 75% delle spese complessive ammissibili, fino all’importo massimo di € 800.000,00.

Il finanziamento agevolato verrà restituito dal beneficiario senza interessi, a decorrere dalla data dell’ultima erogazione, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31/05 ed il 30/11 di ciascun anno per 8 anni, incluso 1 anno di preammortamento. Il finanziamento non è assistito da particolari forme di garanzie.

Nel caso in cui l’entrata in produzione avvenga entro 15 giorni dalla comunicazione del provvedimento di ammissione all’agevolazione, è riconosciuto uno sconto in linea capitale pari al 100% dell’importo del finanziamento che il beneficiario è tenuto a restituire.

Nel caso in cui l’entrata in produzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione del provvedimento di ammissione all’agevolazione, è riconosciuto uno sconto in linea capitale pari al 50% dell’importo del finanziamento che il beneficiario è tenuto a restituire.

Nel caso in cui l’entrata in produzione avvenga entro 60 giorni dalla comunicazione del provvedimento di ammissione all’agevolazione, è riconosciuto uno sconto in linea capitale pari al 25% dell’importo del finanziamento che il beneficiario è tenuto a restituire.

Lo sconto in linea capitale verrà computato come contributo in conto impianti, per la parte di finanziamento relativa all’investimento, e come contributo in conto gestione, per la parte del finanziamento relativa al circolante.

TERMINE

Il bando ha chiuso in data 16/07/2020.

finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification