Notizie e Bandi

Comune di Bergamo | Rinascimento Bergamo | Raffaello

Regione: Lombardia
Tipologia: Investimenti
comune-di-bergamo-rinascimento-bergamo-raffaello-valore-consulting

FINALITÀ

Il Comune di Bergamo persegue il consolidamento, il rilancio e l’innovazione delle imprese del territorio.

Nello specifico la linea di finanziamento Raffaello è pensata per tutte le aziende che intendono realizzare un progetto di sviluppo e innovazione di medio e lungo periodo, ripensando il proprio modello di business, per determinare un cambiamento significativo, anche sul territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro imprese con sede legale e/o unita locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Bergamo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

A. Adeguamento normativo propedeutico alla riapertura e al ritorno alle condizioni pre-Covid

I. Adeguamento strutturale:

  • modifica provvisoria e/o permanente dei layout a seconda degli spazi a disposizione ;
  • installazione di divisori e barriere preferibilmente in materiali eco-compatibili;
  • organizzazione e set-up degli spazi esterni;
  • acquisto arredo e complementi;
  • adeguamento impiantistica e di gestione dei rifiuti.

II. Gestione afflusso della clientela per rispetto norma Covid:

  • acquisto di DPI;
  • installazione di segnaletica e percorsi obbligatori;
  • digitalizzazione de/o messa on line dei cataloghi/offerta dei servizi;
  • sistemi digitali di prenotazione;
  • sistemi di raccolta dati per ingressi nel rispetto delle normative sulla privacy;
  • introduzione di servizi specifici per il rispetto delle norme COVID.

B. Riorganizzazione del modello di business per il mantenimento del fatturato

I. Crescita o consolidamento dimensionale:

  • accesso a nuovi mercati;
  • ampliamento portafoglio prodotti/servizi;
  • nuovi target di clienti.

II. Diversificazione di prodotti e servizi in logica multicanale:

  • acquisto di packaging con caratteristiche di sostenibilità;
  • adozione di sistemi di restituzione e riutilizzo del packaging;
  • acquisto e noleggio di beni o servizi per la gestione del delivery;
  • azioni di riorganizzazione interna funzionale all’attività;
  • impiego di nuovo personale in condivisione con altre imprese per necessità comuni;
  • assunzione di personale esterno, servizi e condivisione in outsourcing per la gestione delle attività.

III. Incremento delle transazioni digitali:

  • portali web e soluzioni di e-commerce;
  • azioni di riorganizzazione per la gestione multicanale;
  • soluzioni digitali per il commercio;
  • erogazione di servizi tramite piattaforme digitali;
  • sistemi di pagamento digitale.

C. Progetti di innovazione, anche sociale ed ecologica

I. Creazioni di prodotti e servizi innovativi

II. Realizzazione di iniziative finalizzate all’innovazione sociale:

  • pooling/aggregazione della domanda e dell’offerta per creare servizi a domanda collettiva o di reti di persone;
  • sperimentazione e messa a punto di soluzioni, prodotti, modelli e/o servizi innovativi per il territorio ad alta ricaduta sociale;

III. Interventi legati all’economia circolare, l’utilizzo e la promozione di soluzioni ecologiche ad alta sostenibilità ambientale:

  • preferenza per filiere locali;
  • riparazioni e promozione del riuso;
  • uso materiali riciclati;
  • uso materiali ottenuti da fonti rinnovabili;
  • logistica ottimizzata ed elettrica;
  • diminuzione di consumi ed energie;
  • sharing/condivisione di risorse, beni e servizi;
  • adozione di sistemi di gestione ambientale.

D. Interventi per la creazione di nuovi partenariati e per l’integrazione strategica tra imprese.

I. Integrazione verticale e/o orizzontale:

  • integrazione verticale ovvero lungo la filiera di un o prodotto/servizio, dalla ricerca e sviluppo al servizio post-vendita;
  • integrazione orizzontale ovvero diversificazione dei prodotti/servizi o approccio a segmenti di prossimità a quelli già occupati dal soggetto;

II. Creazione di partenariati e reti tra soggetti operanti in diversi settori:

  • studio di fattibilità per la realizzazione di un piano di integrazione sul territorio;
  • creazione di partenariati tra soggetti operanti in diversi settori;

III. Azioni e investimenti per la riorganizzazione del business

Gli interventi ammissibili dovranno sviluppare contemporaneamente due delle quattro aree progettuali A, B, C e D.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dal 09/03/2020 e fino alla data della rendicontazione finale delle attività, che in ogni caso non dovrà superare il 31/12/2021.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 50% delle spese ammissibili ed un valore compreso tra € 3.000,00 e € 10.000,00.

La quota non coperta dal contributo a fondo perduto può essere finanziata con un prestito d’impatto non garantito, a condizioni particolarmente favorevoli rispetto a normali condizioni di mercato, per un importo compreso tra € 9.000,00 e un € 50.000,00.

CRITICITA’ ALTA: MAX € 10.000,00 CRITICITA’ MEDIA: MAX € 7.000,00 CRITICITA’ BASSA: € 4.000,00
cliente in presenza, tempi di permanenza lunghi, picchi orari inevitabili nell’afflusso, contatto fisico ravvicinato cliente in presenza, tempi di permanenza lunghi ma legati a prenotazione e gestibilità dei picchi nell’affluenza, prodotto/servizio da sanificare, contatto fisico ravvicinato cliente in presenza, tempi di permanenza brevi, assenza e/o gestibilità di picchi nell’affluenza, prodotto/servizio non sempre da sanificare al termine dell’interazione, contatto fisico moderato o assente

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante un procedimento valutativa a sportello.

siamo qui a tua disposizione

Contattaci












Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

Iscriviti alla Nostra Newsletter











Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification