Notizie e Bandi

CCIAA Milano, Monza Brianza, Lodi | Miglioramento Qualità dell’Aria

Regione: Lombardia
Tipologia: Impatto ambientale
milano-monza-brianza-lodi-soluzioni-innovative-qualità-aria-valore-consulting

FINALITÀ

La CCIAA di Milano, Monza Brianza e Lodi e il Comune di Milano incentivano lo sviluppo di soluzioni innovative finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o unità operativa nelle province di Milano, Monza Brianza e Lodi, attive in qualsiasi settore economico ed in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscritte presso il registro delle imprese della CCIAA di Milano, Lodi, Monza Brianza;
  • non hanno in essere alcun rapporto di fornitura con la Camera di Commercio;
  • hanno assolto gli obblighi contributivi e sono in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili si distinguono in due misure:

Misura 1 – Sostegno per l’adozione di soluzioni in grado di controllare, ridurre o assorbire le emissioni inquinanti nell’aria. Gli interventi devono avere ad oggetto progetti per l’adozione di prodotti, modelli di business e servizi innovativi finalizzati al controllo delle emissioni inquinanti oltre i limiti di legge, all’interno e all’esterno della sede dell’impresa. Sono ammessi anche progetti di innovazione sociale o di responsabilità sociale d’impresa.

Gli interventi sono distinti in tre ambiti:

  1. Mobilità: progetti per l’adozione di prodotti, modelli di business o servizi in grado di ridurre le emissioni inquinanti da fonti mobili attraverso l’adozione di interventi di mobilità sostenibile, soluzioni avanzate di mobility management e di infomobilità per gestire la logistica o gli spostamenti dei dipendenti.
  2. Energia ed Edifici: progetti per l’adozione di prodotti, modelli di business o servizi in grado di ridurre le emissioni inquinanti da fonti immobili o presenti indoor.
  3. Agricoltura: adozione di prodotti, modelli di business o servizi in grado di ridurre le emissioni inquinanti da attività agricole e di allevamento.

L’intervento minimo deve avere un valore pari o superiore ad € 12.000,00.

Misura 2 – Sostegno allo sviluppo di soluzioni per il controllo, la riduzione o l’assorbimento degli inquinanti emessi o presenti nell’aria. Gli interventi devono riguardare progetti per lo sviluppo sperimentale, la dimostrazione o la prima produzione di innovazioni  anche sociali, finalizzate alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico.

Gli interventi dovranno essere applicati in uno dei seguenti ambiti:

  1. Mobilità: soluzioni che coniughino il diritto alla qualità dell’aria e alla mobilità, in particolare delle imprese. Le soluzioni devono dimostrare la capacità di ridurre le emissioni prodotte dallo spostamento di merci e persone e di soddisfare le esigenze di mobilità, ad esempio riducendo gli spostamenti su veicoli inquinanti o le emissioni prodotte dagli stessi.
  2. Energia ed Edilizia: soluzioni al problema dell’inquinamento dell’aria all’interno degli edifici e dell’impronta di carbonio. Le soluzioni devono dimostrare la capacità di ridurre le emissioni inquinanti, in particolare quelle di CO2.
  3. Agricoltura: soluzioni per diminuire l’impatto delle attività agricole sulla qualità dell’aria, così come l’impatto delle emissioni inquinanti e dei cambiamenti climatici sulle produzioni agrifood.
  4. Dati: soluzioni per aumentare la quantità e qualità dei dati disponibili sulla qualità dell’aria e sulle attività che hanno un impatto diretto su questa, migliorando consapevolezza e comportamenti di imprese e cittadini, istituzioni. Le proposte dovranno riguardare prodotti o servizi in grado di raccogliere dati e monitorare le emissioni.

L’intrervento minimo deve avere un valore pari o superiore ad € 20.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. beni e servizi strumentali alla realizzazione del progetto, tra cui investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici;
  2. servizi di ricerca e sviluppo, servizi analitici e accesso a laboratori di enti di ricerca;
  3. servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto;
  4. spese per la tutela della proprietà industriale;
  5. servizi di formazione necessari all’adozione dei progetti;
  6. spese del personale dell’azienda solo se dedicato al progetto (a forfait, fino a un massimo del 60% della somma delle voci di spesa da 1. a 5.);
  7. servizi di consulenza necessari all’adozione o allo sviluppo delle soluzioni (fino a un massimo del 50% della somma delle voci di spesa da 1. a 5.).

Tutte le spese devono essere sostenute dal 27 maggio 2019 all’1 giugno 2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di un contributo a fondo perduto erogato in un’unica soluzione.

Nella tabella sono indicati l’intensità ed il valore massimo del contributo concedibile.

MISURA 1 CONTRIBUTO CONCEDIBILE INVESTIMENTO MINIMO MASSIMO CONTRIBUTO
Micro, Piccole e Medie Imprese 60% € 12.000,00 € 20.000,00
MISURA 2 CONTRIBUTO CONCEDIBILE INVESTIMENTO MINIMO MASSIMO CONTRIBUTO
Micro, Piccole e Medie Imprese 60% € 20.000,00 € 50.000,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 12/09/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

siamo qui a tua disposizione

Contattaci









Accettazione privacy (GDPR 2016/679)
Iscriviti alla Nostra Newsletter








Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

Pending Certification