Notizie e Bandi

Ottobre 21, 2020
unione-europea-digit-brain-open-call-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Con il progetto DIGITbrain, all’interno del programma Horizon 2020, l’Unione Europea consente alle imprese tecnologiche e manifatturiere europee di beneficiare del Manufacturing-as-a-Service (MaaS) basato sull’IA, che permetterà la produzione di prodotti molto più specializzati in modo economicamente vantaggioso.

BENEFICIARI

I beneficiari sono raggruppati in partenariati formati da piccole e medie imprese, mid caps e fornitori di tecnologia con sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione Europea.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la sperimentazione di soluzioni transfrontaliere altamente innovative, che sappiano razionalizzare il processo di produzione, facendo previsioni sulle problematiche di funzionamento delle macchine e prevedendo, di conseguenza, le relative esigenze di manutenzione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a supporto delle sperimentazioni transfrontaliere altamente innovative.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando.

Le domande devono essere presentate in una delle due seguenti finestre:

  • 1° Open Call: marzo 2021 – giugno 2021;
  • 2° Open Call: marzo 2022 – giugno 2022.

Luglio 16, 2020
toscana-internazionalizzazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le società consortili, costituiti o costituendi.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti esercitanti attività economica volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Toscana, essere iscritti alla CCIAA territorialmente competente ed esercitare un’attività economica rientrante in uno dei seguenti settori: B (ad esclusione dei seguenti codici: 05.1, 05.2, 08.92), C (ad esclusione dei seguenti codici: 19.1), D, E, F, H (ad esclusione dei seguenti codici: 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2), I 55.1, I 55.2, I 55.3, I 55.9, J (ad esclusione dei seguenti codici: 60, 61.9 e 63.9), M, N (ad esclusione dei seguenti codici: 82.3; compreso il codice: 79), R 90.03.02, R 93.29.20, S 96.01.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di internazionalizzazione rivolti esclusivamente a Paesi esterni all’Unione Europea.

Il progetto deve prevedere investimenti consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati per l’internazionalizzazione ed illustrare le modalità realizzative, finanziarie e gestionali.

TIPOLOGIA BENEFICIARIO INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Micro impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Società consortile/Reti soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/ATI, ATS, Reti contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (es. 30.000 se le imprese sono tre, di microdimensione, 40.000 se le imprese sono quattro ecc..). Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (es. 450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc..). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a 1.000.000 €

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. Partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  2. Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di sale espositive all’estero;
  3. Servizi promozionali (es. vetrine digitali in lingua estera, “virtual matchmaking”);
  4. Supporto specialistico all’internazionalizzazione (es. digital export manager);
  5. Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la duplice veste di una sovvenzione e di un voucher.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre come aiuti di Stato, contributi a titolo di de minimis e Fondi UE a gestione diretta.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI INTENSITA’ AIUTO E MASSIMALI DI SPESA
Micro Piccole Medie
1 Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale 50%  € 30.000,00 50%  € 40.000,00 40%  € 40.000,00
2 Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero 50%  € 80.000,00 50%  € 100.000,00 40%  € 120.000,00
3 Servizi promozionali 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 40%  € 40.000,00
4 Supporto specialistico all’internazionalizzazione 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00
5 Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00

TERMINE

La misura è stata chiusa in data 22/07/2020.


Febbraio 10, 2020
unione-europea-europeaid-supporto-paesi-acp-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando favorisce lo sviluppo socio-economico dei paesi di Africa, Caraibi e Pacifico rivitalizzando il settore culturale e quello creativo.

Si potranno presentare progetti riguardanti il miglioramento della produzione di beni e servizi culturali, il miglioramento della distribuzione/diffusione di beni e servizi culturali, con accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali, l’incremento dell’educazione alla visual litarecy per i giovani e il miglioramento dell’accesso ai meccanismi di finanziamento e ad approcci tecnologici innovativi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono persone giuridiche, ovvero fondazioni, associazioni, ONG, operatori del settore pubblico/privato, autorità locali, istituti di istruzione superiore e università e organizzazioni (intergovernative) internazionali.

I beneficiari devono avere, da almeno 3 anni, la loro sede legale e/o unità operativa in uno dei seguenti Paesi:

STATI DELL’ACP (Africa, Caraibi e Pacifico):

  • Lotto 1 – Africa Occidentale : Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Togo.
  • Lotto 2 – Africa Orientale: Burundi, Isole Comore, Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Madagascar, Mauritius, Ruanda, Seychelles, Somalia, Sudan, Tanzania, Uganda.
  • Lotto 3 – Africa Centrale: Camerun, Repubblica Centro Africana, Ciad, Congo, Repubblica democratica del Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Sao Tome e Principe.
  • Lotto 4 – Africa Meridionale: Angola, Botswana, Swaziland, Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, South Africa, Zambia, Zimbabwe.
  • Lotto 5 – Caraibi: Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Dominica, Repubblica Dominicana, Grenada, Guyana, Haiti, Giamaica, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e le Grenadine, Suriname, Trinidad e Tobago.
  • Lotto 6 – Pacifico: Isole Cook, Timor Est, Fiji, Kiribati, Isole Marshall, Micronesia, Nauru, Niue, Palau, Papua New Guinea, Isole Salomone, Samoa, Tonga, Tuvalu, Vanuatu.

STATI MEMBRI DELL’UNIONE EUROPEA E LORO TERRITORI D’OLTREMARE:

  • Austria, Belgio, Bulgaria,Repubblica Ceca, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia,Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito.
  • Anguilla, Aruba, Bermuda, Bonaire, Territori Inglesi dell’Antartico, Territori Inglesi dell’Oceano Indiano, Isole Vergini Inglesi, Isole Cayman, Curação, Isole Falkland Islands, Polinesia Francese, Territori Francesi Meridionali dell’Antartico, Groenlandia, Montserrat, Nuova Caledonia e le sue Dipendenze, Pitcairn, Saba, Saint Barthelemy, Saint Helena Ascension Island Tristan da Cunha, Sint Eustatius, Sint Maarten, Georgia del Sud ed Isole Sandwich meridionali, St. Pierre and Miquelon, Turks and Caicos, Isole Wallis and Futuna.

STATI CHE PROSSIMAMENTE ENTRERANNO A FAR PARTE DELL’UNIONE EUROPEA:

  • Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Serbia, Turchia, Repubblica del Nord della Macedonia.

STATI CHE FANNO PARTE DELL’AREA ECONOMICA EUROPEA:

  • Islanda, Liechtenstein, Norvegia.

STATI MEMBRI DELL’OECD/DAC:

  • Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, France, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Portogallo, Slovacchia Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito, Australia, Canada, Cile, Islanda, Israele, Giappone, Corea, Messico, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Turchia, Stati Uniti d’America.

ALTRI STATI CHE PARTECIPANO AL PROGRAMMA:

  • Afghanistan, Angola, Bangladesh, Benin, Bhutan, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Repubblica Centro Africana, Ciad, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Gibuti, Eritrea, Etiopia, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau, Haiti, Kiribati, Repubblica Democratica del Laos, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mozambico, Myanmar, Nepal, Niger, Ruanda, Sao Tome & Principe, Senegal, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sudan, South Sudan, Tanzania, Timor-Leste, Togo, Tuvalu, Uganda, Vanuatu, Yemen, Zambia, Repubblica Democratica di Corea, Zimbabwe, Armenia, Bolivia, Capo Verde, Camerun, Congo, Costa d’Avorio, Egitto, El Salvador, Georgia, Ghana, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Giordania, Kenya, Kosovo, Kyrgyzstan, Micronesia, Moldova, Mongolia, Marocco, Nicaragua, Nigeria, Pakistan, Papua New Guinea, Filippine, Sri Lanka, Swaziland, Repubblica Araba di Siria, Tagikistan, Tokelau, Tunisia, Ucraina, Uzbekistan, Vietnam, Cisgiordania e la Striscia di Gaza, Albania, Algeria, Antigua e Barbuda, Argentina, Azerbaijan, Bielorussia, Belize, Bosnia Erzegovina, Botswana, Brasile, Cina, Colombia, Isole Cook, Costa Rica, Cuba, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Guinea Equatoriale, Fiji, Repubblica del Nord della Macedonia, Gabon, Grenada, Guyana, Iran, Iraq, Giamaica, Kazakistan, Libano, Libia, Malaysia, Maldive, Isole Marshall, Mauritius, Mexico, Montenegro, Montserrat, Namibia, Nauru, Niue, Palau, Panama, Paraguay, Perù, Saint Helena, Saint Lucia, Saint Vincent & le Grenadine, Samoa, Serbia, South-Africa, Suriname, Thailandia, Tonga, Turchia, Turkmenistan, Venezuela, Wallis and Futuna.

I beneficiari devono dare vita ad un partenariato composto da almeno 2 soggetti, uno dei quali deve essere stabilito in uno dei Paesi dell’ACP.

Nel caso in cui la partnership conti più di due soggetti, la maggioranza deve appartenere ai Paesi dell’ACP.

Il soggetto capofila del partenariato deve avere un’esperienza dimostrabile di almeno 3 anni (maturata nel periodo 205-2019) rispetto all’attività da svolgere e possedere una conoscenza del contesto di riferimento, inoltre, deve aver concesso a terzi almeno due borse di studio (nel periodo 2015-2019 nei Paesi ACP) ed aver ottenuto sovvenzioni per un ammontare di € 100.000,00 negli ultimi 3 anni (2017-2019). I beneficiari devono dimostrare di possedere un fatturato annuo medio di almeno € 400.000,00 negli ultimi 3 anni (2017-2019).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • crescita delle entrate economiche del settore creativo;
  • creazione di posti di lavoro legati al settore culturale;
  • miglioramento dell’accessibilità al mercato da parte degli artisti ed agevolazione allo sfruttamento commerciale delle loro opere.

Gli interventi ammissibili non possono durare più di 40 mesi e devono essere realizzati in uno dei Paesi ACP.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Per ciascun lotto, riferito ad una specifica area geografica dei Paesi ACP, è fissato il budget di seguito indicato:

  • Lotto 1 – Africa occidentale: € 6,2 milioni;
  • Lotto 2 – Africa Orientale: € 6 milioni;
  • Lotto 3 – Africa Centrale: € 4,2 milioni;
  • Lotto 4 – Africa meridionale: € 3,8 milioni;
  • Lotto 5 – Caraibi: € 3 milioni;
  • Lotto 6 – Pacifico: € 2,8 milioni.

Almeno il 75% del contributo essere destinato dal beneficiario al supporto finanziario di terzi selezionati attraverso il lancio di inviti a presentare proposte (almeno uno ogni anno).

Inoltre, almeno il 15% dell’ammontare del contributo deve essere assegnato a solidi meccanismi progettati per garantire il trasferimento a terzi di competenze, know-how, esperienza di supporto, monitoraggio e valutazione, in relazione agli interventi ammissibili sopra indicati.

TERMINE

La domanda, completa di concept note e di proposta, deve essere presentata entro le ore 16:00 del 20/03/2020.


Ottobre 10, 2019
cciaa-arezzo-siena-fiere-export-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Arezzo-Siena sostiene la partecipazione delle imprese del territorio a fiere estere in collaborazione con ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane).

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese che risultano:

  • avere sede legale e/o operativa nelle provincie di Arezzo o di Siena;
  • essere attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • aver assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • di non avere debiti scaduti nei confronti della CCIAA e/o dell’Azienda Speciale Arezzo Sviluppo e/o di Promosiena SpA;
  • non avere in essere alcun genere di rapporto di fornitura, anche a titolo gratuito, con la CCIAA di Arezzo e Siena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni fieristiche in UE ed in Paesi extra UE.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo le seguenti voci di spesa:

  • trasferimento campionario;
  • locazione spazio espositivo;
  • allestimento spazio espositivo;
  • pubblicità/promozione relative all’iniziativa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un rimborso fino al 50% delle spese ammissibili per un massimo di € 1.000,00 per ogni impresa per manifestazioni fieristiche in ambito UE e fuori dall’UE, Italia esclusa.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 14, 2019
ue-horizon-2020-energia-solare-chimica.jpg

FINALITÀ

L’Unione Europea implementa la ricerca e l’innovazione relativamente alle tecnologie per lo stoccaggio della luce solare e la sua trasformazione in energia chimica per la sua successiva conservazione ed utilizzo.

BENEFICIARI

I beneficiari devono essere persone giuridiche ed avere la propria sede legale:

  • in uno degli Stati Membri dell’UE e/o le loro regioni;
  • nei territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE;
  • in uno degli Stati associati al progetto Horizon 2020: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord Macedonia, Montenegro, Serbia, Tirchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia e Armenia;
  • in uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Costa d’avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldives, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome and Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba della Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I beneficiari devono essere almeno 3, avere sede in differenti Stati ed essere giuridicamente indipendenti l’uno dall’altro.

I partecipanti devono inoltre costituire una partnership.

Si precisa che uno dei 3 soggetti partecipanti alla partnership deve necessariamente appartenere ad uno di questi Paesi: Australia, Brasile, Canada, Cile, Repubblica Popolare Cinese, India Indonesia, Giappone, Messico, Corea del Sud, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Stati Uniti.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’innovazione di tutte quelle tecnologie impiegate nel recepimento e nell’accumulo dell’energia solare, portando, tali processi ad un livello di 4-5 TRL.

Gli interventi ammissibili dovranno incentrarsi anche sui seguenti aspetti:

  • ridurre l’impatto ambientale rispetto alle tecnologie attuali, possibilmente attraverso un’analisi LCA;
  • migliorare l’efficienza delle risorse;
  • superare le problematiche relative all’accettazione sociale di queste nuove tecnologie, ai problemi socioeconomici rilevati dalle analisi di mercato.

Il progetto deve tenere in conto le dimensioni della sostenibilità, dell’efficienza e dell‘utilizzo delle risorse ed affrontare una delle sottoelencate sfide tecnologiche:

  • Migliore raccolta della luce e separazione efficiente della carica nei sistemi fotocatalitici;
  • Cellule fotoelettrochimiche – PEC e sviluppo del catalizzatore;
  • Percorsi termochimici per sostanze chimiche ricche di energia (utilizzando luce solare concentrata);
  • Progettazione e ingegnerizzazione di dispositivi, sistemi o prototipi che integrano insieme diversi processi, con controllo giorno e notte e applicabilità per la produzione di vettori ricchi di energia chimica.

Gli interventi che hanno ad oggetto elettrolizzatori non rientrano in questa call.

Il progetto deve avere un potenziale plausibile di EROI (energia restituita rispetto all’energia investita) > 10.

Inoltre, tutti i dispositivi utilizzati devono essere completamente riciclabili, in osservanza dei principi dell’economia circolare.

La partnership dovrebbe anche finanziare la divulgazione, lo scambio di ricercatori ed il networking in relazione alla presente Call.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un finanziamento pari al 100% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 27/08/2019

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 14, 2019
ue-horizon-2020-fonti-rinnovabili-sistema-energetico-1280x852.jpg

FINALITÀ

L’UE sostiene il bilanciamento della rete elettrica e aumenta la flessibilità del sistema energetico mediante il potenziamento delle fonti di energia rinnovabili, come ad esempio la bioenergia e l’energia idroelettrica. La sfida della Call è aumentare il potenziale e le prestazioni delle tecnologie per dare una maggiore flessibilità al sistema energetico. Lo strumento di finanza agevolata individuato per l’iniziativa è il contributo europeo a fondo perduto.

BENEFICIARI

I beneficiari devono essere persone giuridiche ed avere la propria sede legale:

  • in uno degli Stati Membri dell’UE e/o le loro regioni;
  • nei territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE;
  • in uno degli Stati associati al progetto Horizon 2020: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord Macedonia, Montenegro, Serbia, Tirchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia e Armenia;
  • in uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Costa d’avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldives, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria,
    Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome and Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba della Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I beneficiari devono essere almeno 3, avere sede in differenti Stati ed essere giuridicamente indipendenti l’uno dall’altro. I partecipanti devono infine costituire una partenership.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • Vettori bioenergetici: sviluppo di vettori bioenergetici intermedi da residui biogenici, rifiuti e colture energetiche da terre marginali per l’energia ed il trasporto. Tutto questo deve avvenire attraverso l’utilizzo di tecnologie flessibili, materie prime il cui costo di conversione è ridotto di almeno il 25% con una maggiore densità energetica, con specifiche caratteristiche di stoccaggio e commercio e, ove possibile, una diminuzione delle emissione di gas serra. Esclusa la produzione di alimenti o mangimi.
  • Energia idroelettrica: sviluppo di apparecchiature a bassa e ultra bassa prevalenza e resistenti all’acqua di mare (come ad esempio le turbine a bulbo-pompa) che garantiscono almeno il 70% di efficienza; realizzazione di depositi di acqua di mare a bassa prevalenza e altre applicazioni con la medesima tecnologia in luoghi inesplorati (ad esempio dighe costiere e isole), riducendo al minimo gli impatti potenziali sul pesce.
  • Virtual Power Plant: aumentare le prestazioni di un portafoglio integrato di fonti di energia rinnovabili (vale a dire una combinazione di produzione variabile e di fonti rinnovabili) per operare insieme come una centrale elettrica virtuale, in grado di fornire flessibilità e servizi ausiliari al sistema energetico. La soluzione deve essere competitiva rispetto a quelle che combinano fonti rinnovabili variabili con lo stoccaggio elettrochimico.

Gli interventi devono innalzare il livello tecnologico fino a 4-5 TRL.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento a fondo perduto pari al 100% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 27/08/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 14, 2019
ue-horizon-2020-energia-solare-processi-industriali.jpg

FINALITÀ

L’Unione Europea sostiene i progetti in grado di fornire all’industria la possibilità di applicare l’energia solare nei propri processi produttivi, mediante l’utilizzo di soluzioni di pronto utilizzo.

BENEFICIARI

I beneficiari devono essere persone giuridiche ed avere la propria sede legale:

  • in uno degli Stati Membri dell’UE e/o nelle loro regioni;
  • nei territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE;
  • in uno degli Stati associati al progetto Horizon 2020: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord Macedonia, Montenegro, Serbia, Tirchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia e Armenia;
  • in uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Costa d’avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldives, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria,
    Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome and Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba della Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I beneficiari devono essere almeno 3, avere sede in differenti Stati ed essere giuridicamente indipendenti l’uno dall’altro. Devono infine dare luogo ad una partenership.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno riguardare soluzioni che coprono mediante l’utilizzo dell’energia termica solare la quota più elevata possibile della domanda di riscaldamento e/o raffreddamento di uno o più processi industriali. In caso di riscaldamento, la temperatura di processo deve essere superiore a 150°C.

I singoli siti industriali e/o parchi industriali (accoppiati a una rete di teleriscaldamento e/o di raffreddamento) rientrano nell’ambito dell’intervento.

I predetti interventi devono portare ad una riduzione della dipendenza dai combustibili fossili e a minori emissoni inquinanti in atmosfera.

I progetti devono portare le tecnologie applicate a livello TRL 4-5.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento a fondo perduto del 100% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 27/08/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 14, 2019
ue-horizon-2020-emissioni-carbonio-valore-consulting.png

FINALITÀ

L’Unione Europea finanzia progetti che elaborino un piano dettagliato su come catturare, trasportare, stoccare ed utilizzare la CO2 prodotta dalle imprese che operano settori economici ad alta produzione di tale gas (ad es. acciaio, ferro e cemento, raffinazione del petrolio, produzione di idrogeno, lavorazione del gas, produzione di biocarburanti ed impianti di incenerimento dei rifiuti).

BENEFICIARI

I beneficiari devono essere persone giuridiche ed avere la propria sede legale:

  • in uno degli Stati Membri dell’UE e/o le loro regioni;
  • nei territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE;
  • in uno degli Stati associati al progetto Horizon 2020: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord Macedonia, Montenegro, Serbia, Tirchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia e Armenia;
  • in uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Costa d’avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldives, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria,
    Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome and Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba della Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

Per partecipare alla presente call i beneficiari devono essere almeno 3, avere sede in differenti Stati ed essere giuridicamente indipendenti l’uno dall’altro.

I partecipanti devono infine costituire una partenership.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto principalmente attività dirette a produrre piani, disposizioni o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati. Gli interventi possono includere la prototipazione, test, dimostrazioni, prove pilota, prodotti su larga scala, convalida e replica del mercato.

I progetti possono includere attività limitate di ricerca e sviluppo.

Gli stessi infine, devono innalzare il livello tecnologico fino a 6-7 TRL.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento pari al 70% delle spese ammissibili. Tale finanziamento può arrivare al 100% delle spese ammissibili nei confronti delle persone giuridiche senza scopo di lucro.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 27/08/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 25, 2019
ue-eni-cbc-med-call.jpg

FINALITÀ

Il programma di cooperazione transfrontaliera nell’area del vicinato mediterraneo (da cui l’acronimo ENI CBC MED: European Neighbourhood Instrument – Cross Border Cooperation – Mediterranean) è strutturato in due obiettivi generali e in quattro obiettivi tematici. Lo strumento di finanza agevolata individuato dal programma è il contributo europeo a fondo perduto.

Gli obiettivi generali sono:

  • promuovere lo sviluppo economico e sociale
  • affrontare le sfide comuni sul fronte ambientale

I quattro temi fondamentali riguardano:

  • business e sviluppo delle PMI
  • supporto ad educazione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione
  • promozione dell’inclusione sociale e lotta alla povertà
  • protezione ambientale e adattamento al cambiamento climatico

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese con sede e/o unità operativa in una delle seguenti Regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Molise, Abruzzo, Marche, Umbria, Emilia-Romagna e Piemonte.

Gli altri beneficiari ovvero enti/organismi privati che partecipano devono avere la loro sede e/o unità operativa in una di queste Nazioni: Algeria, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Malta, Marocco, Palestina, Portogallo, Spagna, Siria, Tunisia, Turchia e Regno Unito.

I beneficiari devono costituire un partenariato composto da 4 enti, di cui due appartenenti alla sponda nord del Mediterraneo (UE) e due alla sponda Sud (extra UE).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare all’interno di uno di questi assi:

A 1Imprese e sviluppo delle PMI

  • A.1.1. – Supporto alle start-up innovative e alle imprese di recente costituzione;
  • A.1.2. – Rafforzamento e supporto delle reti, dei distretti, dei consorzi e delle catene di valore;
  • A.1.3. – Promozione di azioni ed iniziative per il turismo sostenibile.

A 2 – Sostegno all’istruzione, alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione

  • A.2.1 – Supporto del trasferimento di tecnologia e della commercializzazione dei risultati della ricerca;
  • A.2.2 – Supporto alle PMI nell’accesso alla ricerca e all’innovazione.

A 3 – Promozione dell’inclusione sociale e lotta contro la povertà

  • A.3.1 – Fornire ai giovani, in particolare alle categorie “NEETS” e donne, capacità utili alla loro partecipazione al mercato del lavoro;
  • A.3.2 – Supporto agli attori economici attivi nel campo del sociale e della solidarietà.

B 4 – Tutela dell’ambiente, adattamento e mitigazione del cambiamento climatico

  • B.4.1. – Supporto per soluzioni innovative e tecnologiche per il miglioramento dell’efficienza nell’utilizzo dell’acqua e per l’utilizzo di risorse idriche non convenzionali;
  • B.4.2. – Riduzione della generazione di rifiuti urbani e promozione della raccolta differenziata “alla fonte”, nonché dell’utilizzo ottimale dei rifiuti organici;
  • B.4.3. – Supporto alla riabilitazione energetica innovativa e a basso costo, in linea con le tipologie di edificio e le zone climatiche, con attenzione per gli edifici di pubblico utilizzo;
  • B.4.4. – Incorporare la gestione basata sugli ecosistemi nella gestione integrata delle zone costiere e nella pianificazione dello sviluppo locale.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nelle seguenti voci:

  • costi relativi a servizi e lavori;
  • costi di fornitura, consegna ed installazione di beni;
  • spese di sottoscrizione contratti;
  • impegni di spesa per forniture, all’interno del periodo in cui si svolge la fornitura e successivi;
  • spese per relazioni finali, audit e valutazione finale dell’intervento.

Le procedure di aggiudicazione degli appalti possono essere avviate e i contratti possono essere conclusi dai beneficiari anche prima dell’inizio dell’attuazione del progetto.

I costi sostenuti prima della presentazione della domanda sono ammissibili se soddisfano le seguenti condizioni:

1. sono stati sostenuti dopo la pubblicazione dell’invito a presentare le proposte;

2. sono limitati ai costi di viaggio e di soggiorno del personale impiegato dai beneficiari;

3. non eccedono l’importo di € 10.000,00.

Sono ammissibili i seguenti costi diretti:

  • personale;
  • viaggio e soggiorno del personale;
  • acquisto o noleggio di attrezzature;
  • materiali di consumo;
  • contratti aggiudicati dai beneficiari ai fini dell’intervento;
  • obblighi imposti dal contratto di sovvenzione e dall’intervento stesso.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un finanziamento a fondo perduto per il 90% delle spese ammissibili; il restante 10% è coperto dagli stessi beneficiari o da fondi pubblici stanziati dai singoli Paesi partecipanti al progetto.

Il contributo minimo dell’UE è di € 2.500.000,00 per progetto, mentre quello massimo è pari a € 3.500.000,00.

I costi totali ammissibili per ciascun progetto, comprensivo del cofinanziamento, sono pari a € 4.000.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 13:00 del 03/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Vieni a trovarci a MECSPE, Sabato 30 Marzo, Ore 10.00!


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification