Notizie e Bandi

Aprile 1, 2020
sicilia-gal-etna-alcantara-attività-extra-agricole-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sicilia, mediante il Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara, stimola la competitività dell’industria del turismo ed incoraggia la diversificazione dell’offerta dei prodotti e servizi turistici fino allo sviluppo di prodotti turistici sostenibili.

La Misura, inoltre, incentiva gli investimenti per lo sviluppo di attività extra-agricole, favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • agricoltori (imprenditori agricoli), ed i coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività attraverso l’avvio di attività extra agricole;
  • persone fisiche;
  • micro e piccole imprese.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • aver costituito o aggiornato il fascicolo aziendale, anche anagrafico;
  • presentare un piano di sviluppo aziendale;
  • essere iscritti alla camera di commercio;
  • avere sede legale e/o unità operativa nel territorio di uno dei Comuni del Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara, ovvero: Calatabiano, Castiglione di Sicilia, Fiumefreddo di Sicilia, Francavilla di Sicilia, Gaggi, Giardini Naxos, Giarre, Graniti, Linguaglossa, Malvagna, Mascali, Mojo Alcantara, Motta Camastra, Milo, Nicolosi, Pedara, Piedimonte Etneo, Randazzo, Riposto, Roccella Valdemone, Sant’Alfio, Santa Domenica Vittoria, Santa Venerina, Trecastagni, Viagrande, Zafferana Etnea.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, diretti alle imprese extra agricole nei settori commercio, artigianale e dell’innovazione tecnologica, devono intercettare le problematiche tipiche delle aree rurali, in cui risulta particolarmente significativa la vocazionalità agricola, agroalimentare ed ambientale.

Gli investimenti, non per realizzare nuove infrastrutture, ma per riqualificare e adeguare le esistenti alle nuove realtà proposte dovranno incentrarsi su:

  • attività legate allo sviluppo del turismo rurale (B&B, servizi, ristorazione, negozi di prodotti tipici locali);
  • servizi innovativi di impresa nell’ambito della creatività, della promozione culturale e turistica;
  • enable local community, attività economiche finalizzate al recupero e alla valorizzazione in chiave innovativa delle conoscenze e delle relazioni locali, attraverso la rivisitazione di antiche tradizioni;
  • artigianato innovativo finalizzato ad innovare usi, materiali e prodotti, con il contributo di attività di design, creatività e/o nuovi strumenti informatici.

Tra gli interventi ammissibili, finalizzati alla valorizzazione delle risorse legate al territorio, e caratterizzati da principi quali: sostenibilità energetica, ambientale, innovazione tecnologica, possono essere compresi:

  • ristrutturazione, riqualificazione e adeguamento di beni immobili necessari allo svolgimento delle attività previste per le imprese extra-agricole;
  • interventi per la realizzazione di prodotti artigianali ed industriali;
  • interventi per lo sviluppo di servizi turistici, ricreativi, artigianali e commerciali;
  • acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e mobilio;
  • acquisto di hardware e software finalizzati alla gestione delle attività extra-agricole;
  • realizzazione siti internet e di tutte le forme di promozione online, ad esclusione dei costi di gestione;
  • acquisto di dotazioni durevoli necessari per l’attività da realizzare;
  • realizzazione di opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi, rientranti nelle spese riguardanti il miglioramento del bene immobile.

L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 30.000,00.

Il tempo massimo concesso per l’esecuzione degli interventi è fissato al massimo in 12 mesi per gli investimenti relativi a macchine e attrezzature e in 24 mesi per investimenti relativi a strutture, impianti e tipologie analoghe.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dopo la presentazione della domanda, ad eccezione delle spese propedeutiche alla presentazione della domanda stessa, qualora sostenute nei 12 mesi antecedenti.

Le spese ammissibili devono rientrare nelle seguenti categorie:

  • opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale;
  • opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%;
  • tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera, listini ufficiali dei prezzi elementari e tabelle ufficiali con tempi di realizzazione;
  • acquisizione di beni materiali (compresi hardware e software, attrezzature e macchinari), non compresi nelle voci dei prezzari di riferimento;
  • spese finalizzate a garantire la visibilità delle opere realizzate, con attività informative e pubblicitarie.

Inoltre sono ammissibili le seguenti spese generali:

  • onorari di professionisti e/o consulenti, per:
  1. studi di fattibilità;
  2. valutazioni di incidenza e di impatto ambientale;
  3. stesura e predisposizione di tutti gli elaborati progettuali a corredo della domanda di sostegno;
  4. direzione, contabilizzazione, rendicontazione e collaudo dei lavori;
  5. predisposizione della documentazione tecnico-contabile e amministrativa ai fini della presentazione della domanda di pagamento anticipo, sal e saldo, nonché della domanda di sostegno;
  6. redazione del piano di sicurezza e coordinamento, nel caso in cui ne ricorrano le condizioni nel cantiere di lavoro.
  • Altre spese:
  1. spese per consulenze finanziarie;
  2. spese per la tenuta di conto corrente, dedicato all’operazione, con esclusione degli interessi passivi;
  3. spese per garanzie fideiussorie per la concessione di anticipi;
  4. spese inerenti all’obbligo di informazione e pubblicità sugli interventi finanziati dal FEASR (targhe, cartelloni, ecc.).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo in conto capitale la cui intensità massima sarà del 75% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

In attesa di pubblicazione delle date di apertura e chiusura del Bando.


Ottobre 1, 2019
Interreg_Italy_Croatia.jpg

FINALITÀ

E’ aperta la nuova Call transfrontaliera Interreg V-A Italia-Croazia per il finanziamento di progetti strategici, suddivisi in quattro macro aree:

  • innovazione dell’economia blu;
  • sicurezza e resilienza;
  • patrimonio ambientale e culturale,
  • trasporto marittimo.

BENEFICIARI

Sia per l’Italia che per la Croazia, i beneficiari sono:

  • Imprese ed entità private, dotate di personalità giuridica ed operanti da almeno 2 anni;
  • organizzazioni internazionali, con sede legale in Italia ed operative da almeno 2 anni;
  • enti pubblici, a livello nazionale, regionale o locale;
  • organismi di diritto pubblico ed associazioni costituite da organismi di diritto pubblico, con le seguenti caratteristiche:
  1. soddisfano l’interesse generale;
  2. sono dotati di personalità giuridica;
  3. sono finanziati per la maggior parte da Enti pubblici o altri organismi di diritto pubblico;

I beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in una delle seguenti province italiane: Teramo, Pescara, Chieti, Campobasso, Brindisi, Lecce, Foggia, Bari, Barletta-Andria-Trani,
Venezia, Padova, Rovigo, Pordenone, Udine, Gorizia, Trieste, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro e Urbino, Ancona, Macerata, Ascoli Piceno e Fermo.

I beneficiari devono dare luogo ad un partenariato composto da 6 membri, di cui tre soggetti italiani e tre croati.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una di queste aree tematiche:

Innovazione dell’economia blu:

  1. Tecnologia blu-sviluppo di tecnologie innovative per la sostenibilità nel Mare Adriatico;

Sicurezza e resilienza:

Adattamento ai cambiamenti climatici – dati sui cambiamenti climatici e modelli per la conoscenza e la cooperazione per il miglioramento delle strategie di adattamento e mitigazione degli stessi cambiamenti climatici. Sistemi di pianificazione di adattamento in ambiente urbano, costiero e marino,

  1. Rischio di alluvione – metodi e strumenti sviluppati da utilizzare per la gestione dei rischi di alluvione e del relativo impatto di una tale situazione nelle zone coinvolte dal presente
    programma Interreg;
  2. Fuoriuscite di petrolio ed altri pericoli marini, fuoco e terremoto – rafforzamento della preparazione a tali pericoli e della loro prevenzione;

Patrimonio ambientale e culturale:

  1. Turismo costiero ed interno – speciliazzazione intelligente e migliore qualità del turismo per un ambiente verde ed uno sviluppo sostenibile dello stesso;
  2. Ambiente marino – migliorare le condizioni di qualità e biodiversità delle zone marine costiere nonché di quelle delle acqua interne; consolidare ecosistemi sostenibili; monitoraggio integrato ed innovativo di tali aree; creazione di specifici modelli,
  3. Pesca ed acquacoltura – governance condivisa di attività di pesca ed acquacoltura sostenibili come leva per proteggere la biodiversità marina dell’Adriatico;
  4. Rifiuti marittimi – azioni condivise e piani per la gestione transfrontaliera dei rifiuti in una prospettiva di approccio circolare anche alla vita di questi ultimi;

Trasporto marittimo:

  1. Trasporto marittimo – migliorare l’ambiente e la sostenibilità delle operazioni portuali nell’area del programma Interreg;
  2. Mobilità dei passeggeri – Trasporto multimodale; soluzioni e servizi per favorire, supportare e promuovere una nuova mobilità sostenibile dei passeggeri,
  3. Servizi nautici – promuovere i piccoli porti per migliorare il trasporto marittimo e renderlo maggiormente sostenibile nell’area dell’Interreg.

La durata massima degli interventi è di 36 mesi (3 anni). Comunque, i progetti devono concludersi necessariamente entro il 31/12/2022.

L’intervento, per ciascun partner, deve avere un valore non inferiore ad € 100.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • preparazione dell’intervento, fino ad € 20.000,00;
  • personale;
  • amministrazione;
  • viaggio ed alloggio;
  • consulenza e servizi esterni,
  • attrezzatura;
  • infrastrutture e realizzazione di prototipi.

Tutte le spese devono essere comunicate entro il 30/06/2023.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le risorse a disposizione ammontano a oltre 69,7 milioni di euro e il contributo massimo è pari all’85% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 15/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 25, 2019
ue-eni-cbc-med-call.jpg

FINALITÀ

Il programma di cooperazione transfrontaliera nell’area del vicinato mediterraneo (da cui l’acronimo ENI CBC MED: European Neighbourhood Instrument – Cross Border Cooperation – Mediterranean) è strutturato in due obiettivi generali e in quattro obiettivi tematici. Lo strumento di finanza agevolata individuato dal programma è il contributo europeo a fondo perduto.

Gli obiettivi generali sono:

  • promuovere lo sviluppo economico e sociale
  • affrontare le sfide comuni sul fronte ambientale

I quattro temi fondamentali riguardano:

  • business e sviluppo delle PMI
  • supporto ad educazione, ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione
  • promozione dell’inclusione sociale e lotta alla povertà
  • protezione ambientale e adattamento al cambiamento climatico

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese con sede e/o unità operativa in una delle seguenti Regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Molise, Abruzzo, Marche, Umbria, Emilia-Romagna e Piemonte.

Gli altri beneficiari ovvero enti/organismi privati che partecipano devono avere la loro sede e/o unità operativa in una di queste Nazioni: Algeria, Cipro, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Malta, Marocco, Palestina, Portogallo, Spagna, Siria, Tunisia, Turchia e Regno Unito.

I beneficiari devono costituire un partenariato composto da 4 enti, di cui due appartenenti alla sponda nord del Mediterraneo (UE) e due alla sponda Sud (extra UE).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare all’interno di uno di questi assi:

A 1Imprese e sviluppo delle PMI

  • A.1.1. – Supporto alle start-up innovative e alle imprese di recente costituzione;
  • A.1.2. – Rafforzamento e supporto delle reti, dei distretti, dei consorzi e delle catene di valore;
  • A.1.3. – Promozione di azioni ed iniziative per il turismo sostenibile.

A 2 – Sostegno all’istruzione, alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione

  • A.2.1 – Supporto del trasferimento di tecnologia e della commercializzazione dei risultati della ricerca;
  • A.2.2 – Supporto alle PMI nell’accesso alla ricerca e all’innovazione.

A 3 – Promozione dell’inclusione sociale e lotta contro la povertà

  • A.3.1 – Fornire ai giovani, in particolare alle categorie “NEETS” e donne, capacità utili alla loro partecipazione al mercato del lavoro;
  • A.3.2 – Supporto agli attori economici attivi nel campo del sociale e della solidarietà.

B 4 – Tutela dell’ambiente, adattamento e mitigazione del cambiamento climatico

  • B.4.1. – Supporto per soluzioni innovative e tecnologiche per il miglioramento dell’efficienza nell’utilizzo dell’acqua e per l’utilizzo di risorse idriche non convenzionali;
  • B.4.2. – Riduzione della generazione di rifiuti urbani e promozione della raccolta differenziata “alla fonte”, nonché dell’utilizzo ottimale dei rifiuti organici;
  • B.4.3. – Supporto alla riabilitazione energetica innovativa e a basso costo, in linea con le tipologie di edificio e le zone climatiche, con attenzione per gli edifici di pubblico utilizzo;
  • B.4.4. – Incorporare la gestione basata sugli ecosistemi nella gestione integrata delle zone costiere e nella pianificazione dello sviluppo locale.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nelle seguenti voci:

  • costi relativi a servizi e lavori;
  • costi di fornitura, consegna ed installazione di beni;
  • spese di sottoscrizione contratti;
  • impegni di spesa per forniture, all’interno del periodo in cui si svolge la fornitura e successivi;
  • spese per relazioni finali, audit e valutazione finale dell’intervento.

Le procedure di aggiudicazione degli appalti possono essere avviate e i contratti possono essere conclusi dai beneficiari anche prima dell’inizio dell’attuazione del progetto.

I costi sostenuti prima della presentazione della domanda sono ammissibili se soddisfano le seguenti condizioni:

1. sono stati sostenuti dopo la pubblicazione dell’invito a presentare le proposte;

2. sono limitati ai costi di viaggio e di soggiorno del personale impiegato dai beneficiari;

3. non eccedono l’importo di € 10.000,00.

Sono ammissibili i seguenti costi diretti:

  • personale;
  • viaggio e soggiorno del personale;
  • acquisto o noleggio di attrezzature;
  • materiali di consumo;
  • contratti aggiudicati dai beneficiari ai fini dell’intervento;
  • obblighi imposti dal contratto di sovvenzione e dall’intervento stesso.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un finanziamento a fondo perduto per il 90% delle spese ammissibili; il restante 10% è coperto dagli stessi beneficiari o da fondi pubblici stanziati dai singoli Paesi partecipanti al progetto.

Il contributo minimo dell’UE è di € 2.500.000,00 per progetto, mentre quello massimo è pari a € 3.500.000,00.

I costi totali ammissibili per ciascun progetto, comprensivo del cofinanziamento, sono pari a € 4.000.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 13:00 del 03/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Vieni a trovarci a MECSPE, Sabato 30 Marzo, Ore 10.00!


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification