Notizie e Bandi

Luglio 29, 2019
emilia-romagna-mindset-program-silicon-valley-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna seleziona 10 startup innovative per partecipare ad un Programma che ha lo scopo di far conoscere il mercato americano oltre ad incontrare imprenditori e investitori, acquisendo il vero mindset della Silicon Valley.

Il programma si dividerà in:

  • Workshop su temi fondamentali per una startup Silicon Valley: come raccogliere investimenti, gestire le finanze, sviluppare il pitch per presentare la startup a clienti e a investitori, costruire collaborazioni sul mercato americano;
  • Visite a incubatori, acceleratori, grandi aziende, università e centri di ricerca della Silicon Valley;
  • Incontri ed eventi con venture capitalist, business angels, corporate funds e imprenditori.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese che siano delle Startup Innovative con sede operativa in Emilia-Romagna, regolarmente costituite sotto forma di società di capitali, registrate nella sezione speciale del Registro delle imprese presso la CCIAA dedicata alle start up innovative e la cui attività economica abbia un elevato contenuto tecnologico basato sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca finalizzata a nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia o ad alto contenuto innovativo.

Inoltre i beneficiari devono possedere i seguenti requisiti:

  • unità locale in Emilia-Romagna;
  • regolarmente costituite ed attive;
  • iscritte al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;
  • non appartenere ai settori della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

INTERVENTI

Gli interventi ammissiibli consistono nella richiesta di partecipazione all’evento che si svolgerà in California.

Il “Mindset Program – 7° Edizione” si terrà dal 2 al 13 dicembre 2019 in Silicon Valley e sarà dedicato a 10 startup innovative.

Le imprese accederanno ai seguenti servizi:

  • Mentoring e preparazione in loco;
  • Workshop su temi fondamentali per una startup in Silicon Valley: come raccogliere investimenti, gestire le finanze, sviluppare il pitch perfetto, costruire collaborazioni sul mercato americano;
  • Visite a incubatori, acceleratori, grandi aziende, università e centri di ricerca della Silicon Valley;
  • Incontri con venture capitalist, business angels, corporate funds e imprenditori;
  • Accesso agli eventi in programma;
  • Alloggio per una persona designata (check-in il 1° dicembre e check-out il 14 dicembre 2019);

Alcuni trasporti facenti parte del programma.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un voucher del valore di € 7.000,00 a beneficiario.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 13:00 del 30/09/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 9, 2019
lombardia-produzione-energia-aziende-agricole-valore-consulting-1280x850.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia stimola la competitività del settore agricolo e di garantisce la gestione sostenibile delle risorse naturali attraverso lo sviluppo di attività complementari a quella agricola rivolte alla produzione e all’utilizzo delle energie rinnovabili.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • imprenditori individuali;
  • società agricola di persone, capitali o cooperativa.

I soggetti devono:

  • essere Micro, Piccole o Medie Imprese;
  • essere in possesso dell’attestato della qualifica di IAP rilasciato dall’Ente competente;
  • non essere impresa in difficoltà.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. nuovi impianti di recupero e/o produzione di energia termica connessi a impianti già esistenti per la produzione di energia elettrica alimentati a biogas o a biomasse vegetali;
  2. nuovi impianti per la produzione e l’utilizzo di biogas che utilizzano solo matrici no food;
  3. sistemi di recupero di biogas dagli stoccaggi finali in strutture già esistenti o di nuova costruzione per la produzione di energia rinnovabile con matrici;
  4. nuovi impianti termici o di cogenerazione ad alto rendimento alimentati con matrici no-food;
  5. nuovi impianti fotovoltaici ad integrazione architettonica totale, anche inseriti in un Sistema Efficiente di Utenza (SEU);
  6. nuovi impianti per la produzione di energia idroelettrica che utilizzano acque già derivate e scorrenti in canali esistenti o in acquedotti di montagna;
  7. nuovi impianti per la produzione di biometano che utilizzano solo matrici no food.

Sono inoltre ammissibili, solo se realizzati dal medesimo beneficiario e se funzionali ai sopra citati nuovi impianti per la produzione di energie rinnovabili e biometano, i seguenti interventi:

  • impianti e attrezzature per il contenimento delle emissioni in atmosfera derivanti dai processi di produzione di energia rinnovabile funzionali agli interventi di cui ai punti 2, 4 e 7;
  • costruzione, ampliamento e adeguamento di reti di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento e impianti frigoriferi ad assorbimento di calore ai fini dell’utilizzo dell’energia termica, se funzionali agli interventi di cui ai punti 1, 2 e 4;
  • impianti per la movimentazione degli effluenti tramite reti di adduzione da e per l’impianto al fine di alimentare i biodigestori, se funzionali agli interventi di cui ai punti 2 e 7;
  • impianti per l’estrazione di bioprodotti di origine naturale (bioraffineria), attraverso processi di “chimica verde”, se funzionali agli interventi di cui ai punti 2, 4 e 7;
  • programmi informatici a supporto dell’attività di produzione energetica e della sostenibilità ambientale se funzionale agli interventi sopra descritti, ad esclusione del punto 3.

Gli interventi devono essere iniziati e sostenuti dopo la data di protocollazione della domanda. Ciascun richiedente può presentare soltanto una domanda di contributo.

L’intervento ammissibile deve avere un valore pari o superiore ad € 25.000,00.

Per ogni beneficiario, il massimale di spesa ammissibile è pari a:

  • € 1.000.000,00 per domanda;
  • € 6.000.000,00 per l’intero periodo di programmazione 2014-2020.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • spese relative agli interventi ammissibili;
  • spese generali per progettazione e direzione lavori, informazione e pubblicità, costituzione di polizze fideiussorie.

Le spese possono essere sostenute, anche prima della presentazione della domanda, purché inerenti la predisposizione del progetto e comunque dall’08/07/2019;

Le percentuali massime delle spese generali sono calcolate a scaglioni di spesa, ovvero per le opere:

  • fino ad € 100.000,00percentuale massima delle spese generali pari all’8%;
  • da € 100.000,01 ad € 250.000,00percentuale massima delle spese generali pari al 6%;
  • da € 250.000,01 ad € 500.000,00percentuale massima delle spese generali pari al 4%;
  • oltre € 500.000,01percentuale massima delle spese generali pari al 3%;

Per gli impianti:

  • fino ad € 100.000,00percentuale massima delle spese generali pari al 3%;
  • da € 100.000,01 ad € 500.000,00percentuale massima delle spese generali pari al 2%;
  • oltre € 500.000,01percentuale massima delle spese generali pari all’1%.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo in conto capitale, il cui ammontare è fissato nella tabella sottostante.

TIPO DI IMPIANTO E DI IMPRESA O DI SOCIETà RICHIEDENTE UBICAZIONE DELL’IMPRESA O DELLA SOCIETA’ RICHIEDENTE: AZIENDE IN ALTRE ZONE UBICAZIONE DELL’IMPRESA O DELLA SOCIETA’ RICHIEDENTE: AZIENDE IN AREE SVANTAGGIATE DI MONTAGNA.
A) Impianti fotovoltaici realizzati in una microimpresa o in una piccola impresa condotta da un giovane agricoltore 40% 50%
B) Impianti fotovoltaici realizzati in una media impresa condotta da giovane agricoltore 40% 40%
C) Interventi diversi dagli impianti fotovoltaici realizzati da una PMI condotta da giovane agricoltore 40% 40%
D) Interventi di cui ai punti precedenti realizzati da micro, piccole e medie imprese non condotte da giovani agricoltori 30% 40%

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 16:00 del 16/09/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 12, 2019
sicilia-aree-crisi-industriale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L’Avviso promuove la realizzazione di iniziative imprenditoriali in alcuni comuni siciliani, finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le società di capitali, le società coopperative e le società consortili con sede legale e/o l’unità operativa in uno dei seguenti Comuni:

  • SLL Agrigento: Agrigento, Aragona, Favara, Porto Empedocle;
  • SLL Alcamo: Alcamo, Calatafimi-Segesta, Camporeale, Castellammare del Golfo;
  • SLL Bivona: Alessandria della Rocca, Bivona, Cianciana, San Biagio Platani, Santo Stefano Quisquina;
  • SLL Brolo: Brolo, Ficarra, Piraino, Sant’Angelo di Brolo;
  • SLL Cammarata: Cammarata, San Giovanni Gemini, Casteltermini;
  • SLL Campobello di Licata: Campobello di Licata, Ravanusa;
  • SLL Capo d’Orlando: Capo d’Orlando, Capri Leone, Castell’Umberto, Frazzanò, Galati Mamertino, Longi, Mirto, Naso, Raccuja, San Salvatore di Fitalia, Sinagra, Tortorici, Ucria;
  • SLL Catania: Catania;
  • SLL Enna: Calascibetta, Enna, Valguarnera, Caropepe, Villarosa;
  • SLL Giarre: Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Linguaglossa, Mascali, Milo, Piedimonte Etneo, Riposto, Santa Venerina, Sant’Alfio, Zafferana Etnea;
  • SLL Grammichele: Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Vizzini;
  • SLL Ispica: Ispica, Pozzallo;
  • SLL Lentini: Carlentini, Francofonte, Lentini;
  • SLL Leonforte: Agira, Assoro, Catenanuova, Leonforte, Nissoria, Regalbuto;
  • SLL Lercara Friddi: Campofelice di Fitalia, Castronovo di Sicilia, Lercara Friddi, Roccapalumba, Vicari;
  • SLL Messina: Itala, Messina, Rometta, Saponara, Scaletta Zanclea, Villafranca Tirrena;
  • SLL Milazzo: Condrò, Gualtieri Sicaminò, Merì, Milazzo, Monforte San Giorgio, Pace del Mela, Roccavaldina, San Filippo del Mela, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela, Spadafora, Torregrotta, Valdina, Venetico;
  • SLL Mistretta: Castel di Lucio, Mistretta;
  • SLL Mussomeli: Acquaviva, Platani, Bompensiere, Campofranco, Milena, Mussomeli, Sutera;
  • SLL Naro: Camastra, Naro;
  • SLL Noto: Buccheri, Buscemi, Noto, Palazzolo Acreide, Rosolini;
  • SLL Palermo: Altofonte, Belmonte, Mezzagno, Capaci, Carini, Cinisi, Ficarazzi, Isola delle Femmine, Misilmeri, Monreale, Palermo, Piana degli Albanesi, San Cipirello, San Giuseppe Jato, Santa Cristina, Gela, Terrasini, Torretta, Ustica, Villabate;
  • SLL Partinico: Balestrate, Borgetto, Giardinello, Montelepre, Partinico, Trappeto;
  • SLL Paternò: Paternò, Ragalna;
  • SLL Patti: Basicò, Gioiosa Marea, Librizzi, Montagnareale, Montalbano, Elicona, Patti, San Piero Patti;
  • SLL Petralia Sottana: Alimena, Blufi, Bompietro, Castellana Sicula, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Resuttano;
  • SLL Ragusa: Giarratana, Modica, Monterosso, Almo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli;
  • SLL Salemi: Gibellina, Salemi, Vita;
  • SLL Sant’Agata di Militello: Acquedolci, Alcara li Fusi, Militello, Rosmarino, San Marco d’Alunzio, Sant’Agata di Militello, Torrenova;
  • SLL Santo Stefano di Camastra: Motta d’Affermo, Pettineo, Reitano, Santo Stefano di Camastra, Tusa;
  • SLL Scordia: Militello in Val di Catania, Scordia;
  • SLL Siracusa: Avola, Canicattini Bagni, Floridia, Siracusa, Solarino;
  • SLL Trapani: Custonaci, Trapani.

INTERVENTI

Gli interventi devono riguardare:

  • programmi di investimento produttivo e/o per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione;
  • programmi occupazionali finalizzati ad incrementare il numero degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Gli interventi devono prevedere investimenti di valore pari o superiore ad € 1.500.000,00.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni, erogate secondo il regolamento GBER, sono concesse nella forma di:

  • finanziamento agevolato;
  • contributo in conto impianti;
  • eventuale contributo diretto alla spesa.

Il finanziamento agevolato è concesso per un valore pari al 50% delle spese ammissibili.

L’importo massimo del contributo in conto impianti e dell’eventuale contributo diretto alla spesa è determinato nei limiti del Regolamento GBER, fermo restando che la somma delle tre agevolazioni menzionate non può essere superiore al 75% delle spese complessive ammissibili.

Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 02/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 4, 2019
veneto-contributi-aggregazioni-imprese-valore-consulting-1280x720.png

FINALITÀ

La Regione Veneto incentiva l’aggregazione tra imprese e soggetti della ricerca al fine di promuovere la tutela e lo sviluppo della ricerca applicata al sistema produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono costituiti da aggregazioni di imprese.

L’aggregazione di imprese è composta nel numero minimo di 3 imprese.

L’aggregazione deve essere costituita in una delle seguenti modalità:

  1. contratto di rete;
  2. consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
  3. associazione di imprese a carattere temporaneo, costituita per la realizzazione del progetto;
  4. associazione temporanea di scopo, comprendente, in aggiunta al numero minimo di 3 imprese, uno o più organismi di ricerca.

L’aggregazione deve prevedere per l’intera durata del progetto, il coinvolgimento di un organismo di ricerca iscritto nel portale regionale Innoveneto.

Rientrano tra i beneficiari, componenti dell’aggregazione, anche i liberi professionisti (iscritti ad un albo professionale o aderenti alle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi iscritte nell’elenco del MISE).

Ciascuna impresa partecipante all’aggregazione deve possedere i seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituita, iscritta nel registro delle imprese e attiva presso una delle CCIAA della Regione Veneto;
  • avere un’unità operativa attiva in Veneto;
  • essere autonoma rispetto ad ogni altra impresa componente l’aggregazione;
  • presentare una situazione di regolarità contributiva previdenziale e assistenziale.

Una stessa impresa può aderire fino a 3 aggregazioni per la partecipazione ad altrettanti progetti. Una stessa aggregazione può presentare un solo progetto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di un progetto per “Attività collaborative di Ricerca e Sviluppo”, riferite allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi e di tecnologie innovative sostenibili, per introdurre prodotti e impianti “intelligenti”, dispositivi avanzati di virtual prototyping e servizi ad alta intensità di conoscenza (KIBS).

Il progetto deve rientrare in almeno uno dei seguenti ambiti:

1. «Ricerca industriale»Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o apportare un miglioramento a quelli esistenti. Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi e può includere la costruzione di prototipi. Non è ammissibile lo sfruttamento industriale dei risultati della ricerca per la produzione di prodotti standardizzati (prodotti di massa) attraverso l’utilizzo di tecnologie esistenti.

2. «Sviluppo sperimentale» – L’acquisizione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati. Rientrano in questa definizione attività destinate alla definizione concettuale di nuovi prodotti, processi o servizi. Rientrano nello sviluppo sperimentale la costruzione di prototipi, la dimostrazione, la realizzazione di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi effettuate in un ambiente che riproduce le condizioni operative reali. Il progetto deve essere coerente con il “Documento di Strategia Regionale della Ricerca e dell’Innovazione” in ambito di Specializzazione Intelligente – RIS3 Veneto e riferirsi ad uno tra gli ambiti di specializzazione tra cui Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing e Creative Industries.

L’intervento ammissibile deve avere un valore minimo pari ad € 100.000,00 ed un valore massimo pari ad € 700.000,00.

L’avvio dell’intervento deve coincidere con il giorno successivo alla presentazione della domanda. La realizzazione del progetto è articolata in due periodi:

  • 1° periodo è compreso tra la data di avvio del progetto ed il 15/07/2020;
  • 2° periodo è compreso tra il 16/07/2020 ed il 01/02/2021, termine entro cui l’intervento dovrà necessariamente concludersi.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Conoscenza e brevetti: costi per le conoscenze e i brevetti acquistati o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato. Rientrano in questa voce anche le licenze di software utilizzate per la realizzazione del progetto.
  • Strumenti e attrezzature: costi per nuove attrezzature tecnico-specialistiche ammissibili limitatamente alla quota di ammortamento o al costo della locazione semplice/operativa (noleggio) o alla locazione finanziaria (leasing) per la durata del progetto e in proporzione all’uso effettivo nell’ambito del progetto.
  • Consulenze specialistiche e servizi esterni:
  1. di carattere tecnico-scientifico come consulenze o servizi informatici, consulenze tecniche o scientifiche, prove di laboratorio e attività di prototipazione, nonché i costi per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova;
  2. servizi di sostegno all’innovazione per l’impiego di figure manageriali, esterne al personale dell’aggregazione e non connesse con l’ordinaria amministrazione, quali Temporary Manager e Innovation Broker al fine di svolgere un ruolo di coordinamento e matchmaking tra i partecipanti.
  • Personale dipendente partecipante all’aggregazione per la realizzazione delle attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale, in possesso di qualifica tecnica coerente con le attività per le quali viene utilizzato. L’ammontare delle spese del personale non può superare il 70% della spesa ammissibile.
  • Realizzazione di un prototipo: materiali (componenti e semilavorati) e lavorazioni imputabili alla realizzazione del prototipo, dimostratore o impianto/linea pilota.
  • Costi di esercizio: materiali, forniture e prodotti analoghi imputabili al progetto, fino al 10% delle spese per “personale dipendente”.
  • Spese generali calcolate in misura forfettaria pari al 5% del totale della voce di spesa “personale dipendente”.
  • Spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi, purché relative alla fideiussione o garanzia di anticipo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, con le seguenti intensità:

  • 50% della spesa ammissibile – aggregazione composta da Micro, Piccole e Medie Imprese;
  • 40% della spesa ammissibile – aggregazione comprendente anche una Grande Impresa.

L’agevolazione è cumulabile con altri aiuti pubblici concessi per le medesime spese.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 13:00 del 02/08/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 3, 2019
simest-internazionalizzazione-imprese-valore-consulting-1280x852.jpg

FINALITÀ

Il Decreto implementa gli interventi a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane e sostiene queste ultime nell’utilizzo dei sistemi della digital economy (market place ed e-commerce) e della figura del Temporary Export Manager (TEM).

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, aventi sede legale in Italia, costituite in forma di società di capitali, in forma singola o di rete soggetto, attive ed iscritte nel registro delle imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. sviluppo di soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di market place o la realizzazione/implementazione di una piattaforma informatica propria;
  2. inserimento temporaneo in azienda di TEM (temporary export manager) per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione.

Quanto all’intervento di cui al punto 1., questo deve avere le seguenti caratteristiche:

  • la piattaforma informatica propria o il market place prescelto devono avere un dominio di primo livello nazionale registrato in un paese extra UE;
  • riguardare beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano.

Quanto all’intervento di cui al punto 2, questo deve essere finalizzato all’erogazione di servizi volti a sostenere i processi di internazionalizzazione d’impresa in paesi extra-UE attraverso la sottoscrizione di un apposito contratto di prestazioni consulenziali.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili, quanto allo sviluppo delle soluzioni di market place le seguenti voci di spesa:

  • creazione e sviluppo della piattaforma;
  • gestione/funzionamento della piattaforma/market place;
  • attività promozionali e di formazione.

Sono ammissibili, quanto all’attività del TEM, le seguenti voci di spesa:

  • servizio di affiancamento temporaneo all’internazionalizzazione erogato da una società di servizi per il tramite della figura professionale del TEM;
  • attività promozionali e di supporto connesse alla realizzazione del progetto di internazionalizzazione eleborato con l’assistenza del TEM;
  • certificazione di prodotti e/o servizi, deposito di marchi o altre forme di tutela del Made in Italy, quando oggetto di una strategia di internazionalizzazione elaborata con il TEM.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la veste di un finanziamento agevolato.

Intervento 1 – fino al 100% delle spese ammissibili, da un minimo di € 25.000,00 ad un massimo di € 300.000,00. Il tasso d’interesse del finanziamento è pari al 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa europea. La sua durata massima è di 4 anni.

Intervento 2 – fino al 100% delle spese ammissibili, da un minimo di € 25.000,00 ad un massimo di € 150.000,00. Il tasso d’interesse del finanziamento è pari al 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa europea. La sua durata massima è di 4 anni.

TERMINE

In attesa della pubblicazione delle circolari attuative da parte di Simest.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
brindisi-area-crisi-industriale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MISE promuove la realizzazione di iniziative imprenditoriali nel territorio della Provincia di Brindisi, finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono la società di capitali, le società cooperative e le società consortili.

Tali imprese devono avere la sede legale e/o l’unità operativa sita in uno dei seguenti comuni della provincia di Brindisi: Brindisi, Carovigno, Ceglie Messapica, Cellino San Marco, Cisternino, Erchie, Fasano di Brindisi, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, Ostuni, San Donaci, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, Torchiarolo, Torre Santa Susanna, Villa Castelli.

I beneficiari devono esercitare la propria attività economica nei seguenti settori c.d. prioritari:

  • 10.3 – Lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi;
  • 10.4 – Produzione di oli e grassi vegetali e animali;
  • 11 – Industria delle bevande;
  • 13 – Industrie tessili;
  • 14.1 – Confezione di articoli di abbigliamento (escluso abbigliamento in pelliccia), ad eccezione della classe 14.11 (confezione di abbigliamento in pelle);
  • 14.3 – Fabbricazione di articoli di maglieria;
  • 55.10 – Alberghi e strutture simili;
  • 55.20.1 – Villaggi turistici;
  • 55.20.51 – Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed breakfast, residence;
  • 82.92.10 – Imballaggio e confezionamento di generi alimentari.

Oltrechè nei seguenti ulteriori settori:

  • attività manifatturiere;
  • produzione di energia;
  • attività dei servizi alle imprese;
  • attività turistiche, finalizzate allo sviluppo dell’offerta turistica attraverso il miglioramento della qualità dell’offerta ricettiva.

Sono esclusi i codici: B, D, E ed I 55.90.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di:

  • programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione;
  • programmi occupazionali finalizzati ad incrementare il numero degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Tali interventi devono prevedere un investimento non inferiore ad € 1.500.000,00.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni sono concesse nella forma di:

  • contributo in conto impianti;
  • contributo diretto alla spesa;
  • finanziamento agevolato.

Il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% delle spese complessive ammissibili.

Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore all’8% della spesa complessiva ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 12:00 del 26/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
fondo-ingegneria-finanziaria-occupazione-calabria-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Calabria sostiene la competitività dei sistemi produttivi e delle imprese ed agevola l’accesso al credito delle PMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese con i seguenti requisiti:

  • unità operativa e/o produttiva nel territorio della Regione Calabria;
  • iscritte nel Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA competente per territorio;
  • costituite da almeno 3 anni solari ( se società di capitali aver approvato e depositato i bilanci relativi agli ultimi due esercizi sociali, mentre nell’ipotesi di società di persone o ditte individuali, aver presentato le dichiarazioni dei redditi relative agli ultimi due periodi d’imposta);
  • economicamente sane, ovvero in possesso di una struttura patrimoniale e di una redditività, presente e prospettica, sufficienti a far fronte al servizio complessivo del debito;
  • in grado di dimostrare in via prospettica una stabilità nella generazione di flussi di cassa generati dal capitale operativo, la cui capienza e dinamica devono ragionevolmente garantire al soggetto finanziatore il rimborso del capitale concesso in prestito ed i relativi interessi;
  • non aver usufruito di altre agevolazioni pubbliche a qualsiasi titolo concesso, finalizzate alla realizzazione delle stesse spese previste nel progetto di impresa.

Inoltre, i beneficiari, se società di capitali, dovranno possedere anche tutti questi ulteriori requisiti:

  • il risultato economico relativo agli ultimi due bilanci di esercizio approvati deve essere positivo;
  • il Margine operativo lordo relativo agli ultimi due bilanci di esercizio approvati deve essere positivo;
  • l’indice, dato dal rapporto “Margine operativo lordo/Oneri finanziari” relativo all’ultimo bilancio d’esercizio approvato, deve essere superiore a 2,5;
  • l’indice, dato dal rapporto “(Capitale netto + Passività consolidate)/Attività Immobilizzate” relativo all’ultimo bilancio d’esercizio approvato, deve essere superiore ad 1;
  • il fatturato risultante dall’ultimo bilancio d’esercizio approvato non deve aver subito una riduzione superiore al 25% rispetto al fatturato dell’esercizio precedente.

I beneficiari che assumono la veste di società di persone e di ditte individuali dovranno possedere anche tutti questi ulteriori requisiti:

  • il risultato economico relativo agli ultimi due esercizi chiusi, e per i quali siano state presentate le corrispondenti dichiarazioni dei redditi, deve essere positivo;
  • il Margine operativo lordo relativo agli ultimi due esercizi chiusi, e per i quali siano state presentate le corrispondenti dichiarazioni dei redditi, deve essere positivo;
  • l’indice, dato dal rapporto “Margine operativo lordo/Oneri finanziari” relativo all’ultimo esercizio chiuso deve essere superiore a 2,5;
  • il fatturato relativo all’ultimo esercizio chiuso non deve aver subito una riduzione superiore al 25% rispetto al fatturato dell’esercizio precedente.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • sviluppo aziendale;
  • creazione di nuova occupazione.

Devono inoltre rientrare nelle aree di S3 ovvero agroalimentare, edilizia sostenibile, turismo e cultura, logistica, ICT e terziario innovativo, smart manifacturing, ambiente e rischi naturali, scienze della vita.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regolamento “de minimis”, consisterà in:

  • un finanziamento a tasso agevolato ed un contributo in conto capitale relativamente all’intervento riguardante lo sviluppo dell’impresa;
  • un finanziamento a tasso zero relativamente all’intervento riguardante la creazione di nuova occupazione.

1. Sviluppo aziendale – programmi d’investimento produttivo

L’intensità massima dell’agevolazione è pari all’80% dell’ammontare complessivo degli investimenti produttivi ammissibili, di cui:

  • minimo il 75% a titolo di finanziamento a tasso agevolato;
  • massimo il 25% a titolo di contributo in conto capitale, concedibile alle sole imprese i cui piani ricadono in una delle aree di innovazione della Smart Specialisation Strategy (S3). Nell’ipotesi in cui il piano non ricada in una di tali aree, l’intervento finanziario concedibile sarà interamente rappresentato dal finanziamento a tasso agevolato.

L’importo minimo dell’intervento finanziario concedibile è pari ad € 80.000,00;

L’importo massimo dell’intervento finanziario concedibile è pari ad € 400.000,00 (€ 200.000,00 per le imprese che non operano in regime di contabilità ordinaria), elevabile ad € 600.000,00 per le imprese che operano in regime di contabilità ordinaria ed in possesso dei seguenti ulteriori requisiti:

  • l’indice, dato dal rapporto “Margine operativo lordo/Oneri finanziari” relativo all’ultimo bilancio d’esercizio approvato, deve essere superiore a 4.;
  • l’indice, dato dal rapporto “Margine operativo lordo/Fatturato” relativo all’ultimo bilancio d’esercizio approvato, deve essere superiore a 0,07 (con un’incidenza superiore al 7%);

Il finanziamento ha una durata di 8 anni; è richiesta garanzia fidejussoria;

2. Servizi per l’internazionalizzazione e la penetrazione di mercati esteri

L’intensità massima dell’agevolazione è pari all’80% dell’ammontare delle spese ammissibili di cui:

  • minimo il 75% a titolo di finanziamento a tasso agevolato;
  • massimo il 25% a titolo di contributo in conto capitale, concedibile alle sole imprese i cui piani ricadono in una delle aree di innovazione della Smart Specialisation Strategy (S3). Nell’ipotesi in cui il piano non ricada in una di tali aree l’intervento finanziario concedibile sarà interamente rappresentato dal finanziamento a tasso agevolato.

L’importo minimo dell’intervento finanziario concedibile è pari ad € 20.000,00; il massimo concedibile è pari ad € 50.000,00;

La durata del finanziamento agevolato è pari 3 anni; è richiesta una garanzia fidejussoria.

Nell’ipotesi di richiesta congiunta l’importo massimo concedibile non potrà comunque essere superiore ad € 400.000,00 (€ 200.000,00 per le imprese che non operano in regime di contabilità ordinaria), elevabile ad € 600.000,00 per le imprese che operano in regime di contabilità ordinaria ed in possesso dei requisiti sopra elencati.

3. Nuova occupazione

La percentuale massima del finanziamento concedibile è pari al:

  • 60% del costo salariale per singola unità, per un periodo massimo di 12 mesi successivi all’assunzione, relativamente all’assunzione di lavoratori “Svantaggiati”;
  • 70% del costo salariale per singola unità, per un periodo massimo di 12 mesi successivi all’assunzione, relativamenteall’assunzione di lavoratori “Molto Svantaggiati”;
  • 80% del costo salariale per singola unità, per un periodo massimo di 12 mesi successivi all’assunzione, relativamente all’assunzione di lavoratori “Disabili”.

L’importo minimo del finanziamento concedibile è pari ad € 20.000,00; quello massimo è pari ad € 100.000,00.

Il finanziamento ha una durata di 5 anni. Deve essere prestata idonea garanzia fidejussoria.

Nell’ipotesi di richiesta congiunta di entrambe le linee di intervento (“Sviluppo aziendale” e “Nuova Occupazione”), l’importo massimo concedibile non potrà comunque essere complessivamente superiore ai valori indicati per ognuna.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2021.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 13, 2019
sicilia-credito-formazione-scorte-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sicilia aiuta le imprese artigiane nella formazione di scorte e/o acquisto di materie prime o prodotti finiti attinenti e necessari al ciclo lavorativo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese artigiane, costituite sia in forma di società di persone che di capitali, oltreché in cooperative, con sede legale e/o unità operativa in Regione e regolarmente iscritte al registro delle imprese. Rientrano tra i beneficiari anche le imprese artigiane create da giovani imprenditori.

INTERVENTI

Gli interventi devono avere ad oggetto l’acquisto di scorte, di materie prime e/o di prodotti finiti, utilizzabili direttamente nel processo di trasformazione realizzato dall’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese eleggibili dovranno riferisi agli interventi ammissibili e potranno essere effettuate dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime “de minimis”, assume la veste di un finanziamento il cui tasso di interesse applicato, è pari al 40% del tasso di riferimento, che si riduce al 30% per le imprese giovanili.

L’importo concedibile varia da un minimo di € 5.164,57 fino ad un importo massimo di € 103.291,00. Tale importo non potrà essere superiore al 25% del volume di affari dell’impresa.

Il finanziamento dovrà riguardare solo investimenti ancora da effettuare alla data della domanda. Il programma di spesa potrà essere realizzato solo dal giorno successivo alla data di presentazione della pratica.

Il periodo di rimborso del finanziamento è di 36 mesi. Le rate sono mensili e posticipate.

Per poter ottenere la concessione del finanziamento dovrà essere presentata una fidejussione.

TERMINE

Le domande possono essere presentate continuativamente essendo l’agevolazione a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 11, 2019
emilia-romagna-start-up-innovative.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna sostiene le spese di investimento per l’avvio o il consolidamento di nuove imprese ad elevato contenuto tecnologico basate sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca finalizzata a nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia o ad alto contenuto innovativo localizzate nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, attive, regolarmente iscritte nel registro delle imprese ed operanti nelle seguenti filiere:

1. Biomedicale e altre industrie legate alla salute;

2. Meccatronica e motoristica;

3. Agroalimentare;

4. Ceramica e costruzioni;

5. ICT e produzioni multimediali;

6. Moda.

I beneficiari devono avere la sede legale e/o l’unità locale in uno dei Comuni dell’Emilia-Romagna colpiti dal sisma del 2012 ovvero: Bastiglia, Bomporto, Bondeno, Camposanto, Carpi, Cento, Concordia sulla Secchia, Crevalcore, Fabbrico, Ferrara, Finale Emilia, Galliera, Guastalla, Luzzara, Mainarda, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Pieve di Cento, Poggio Renatico, Ravarino, Reggiolo, Rolo, San Felice sul Panaro, San Giovanni in Persiceto, San Possidonio, San Prospero, Soliera, Terre del Reno – Mirabello e Sant’Agostino – Cavezzo, Vigarano.

I beneficiari, per gli interventi di cui alla Tipologia A, devono essere costituiti successivamente allo 01/01/2016.

Invece, per gli interventi di cui alla Tipologia B, devono essere stati costituiti successivamente allo 01/01/2015, avere almeno due esercizi di bilancio, un fatturato, la voce di bilancio“ricavi delle vendite e delle prestazioni” di almeno 200.000,00 € nell’ultimo bilancio approvato e 3 dipendenti a tempo indeterminato assunti alla data del 31/12/2018.

Le imprese devono avere la forma di:

  • società di capitali;
  • società cooperative;
  • società consortili di capitali;

Infine, per essere definita innovativa, l’azienda proponente deve essere iscritta alla “Sezione speciale in qualità di Start-up Innovativa” del registro delle imprese.

INTERVENTI

Gli interventi devono rientrare in una delle seguenti categorie:

Tipologia A – Progetti per la realizzazione dei primi investimenti necessari all’avvio dell’impresa e alla messa sul mercato dei prodotti/servizi oggetto di precedente attività di ricerca;

Tipolgia B – Progetti per la realizzazione di investimenti per l’espansione di start up già avviate, per quanto riguarda sedi produttive, logistiche e commerciali e l’aumento di dotazioni
tecnologiche.

I predetti interventi dovranno prevedere un costo totale ammissibile, non inferiore a:

Tipolgia A sviluppo produttivo di risultati di ricerca o sviluppi tecnologici – € 50.000,00;

Tipologia B – applicazioni digitali avanzate nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nei servizi ad alta intensità di conoscenza – € 30.000,00;

Tipologia Bsviluppo produttivo di risultati di ricerca o sviluppi tecnologici€ 120.000,00;

Tipologia Bapplicazioni digitali avanzate nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nei servizi ad alta intensità di conoscenza – € 50.000,00.

La durata massima dei progetti è stabilita in:

  • 18 mesi – Tipologia A;
  • 24 mesi – Tipologia B.

La durata dei progetti decorre dalla data dello 01/01/2019. I progetti dovranno quindi concludersi entro:

  • 01/07/2020 – Tipologia A;
  • 31/12/2020 – Tipologia B.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per la Tipologia A dovranno riguardare:

  • macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi;
  • affitto/noleggio laboratori e attrezzature scientifiche (massimo 20% delle spese ammissibili);
  • acquisto di brevetti, licenze e/o software da fonti esterne;
  • spese di costituzione (massimo 2.000 €);
  • spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi (massimo 15.000,00 €);
  • consulenze esterne specialistiche.

Le spese ammissibili per la Tipologia B dovranno riguardare:

  • acquisizione sedi produttive, logistiche, commerciali (massimo 50% costo totale del progetto);
  • macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi;
  • affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche (massimo 20% delle spese complessive ammissibili);
  • acquisto di brevetti, licenze e/o software da fonti esterne;
  • spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi (massimo 10% delle spese complessive ammissibili);
  • consulenze esterne specialistiche.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, corrispondente al 60% della spesa ammissibile.

E’ prevista una maggiorazione del contributo pari al 10% per i progetti che prevedono almeno una delle seguenti caratteristiche:

1. alla loro conclusione un incremento di dipendenti assunti a tempo indeterminato (con contratti a tempo pieno o a tempo parziale per almeno l’80% del tempo) pari a:

  • almeno 1 unità – Tipologia A;
  • almeno 2 unità – Tipologia B.

2. qualora il progetto di start-up nasca da uno spin off universitario;

3. qualora l’impresa decida di collocarsi anche temporaneamente in una struttura a supporto dello sviluppo di rapporti di rete e di azioni di sistema.

Il contributo concedibile non potrà superare gli importi di seguito indicati:

  • 100.000,00 € – Tipologia A;
  • 200.000,00 € – Tipologia B.

TERMINE

La domanda deve essere inviata fino alle ore 17:00 del 16/09/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 22, 2019
innowwide-first-call.jpg

FINALITÀ

Per competere efficacemente sui mercati esteri nuovi ed emergenti, le PMI europee devono sviluppare partnership strategiche in Paesi extraeuropei.

Con il presente Bando, l’UE porta le PMI innovative europee in prima linea nei mercati internazionali attraverso il finanziamento di studi di fattibilità, (VAPs) ovvero una serie di valutazioni tecniche preliminari, di mercato, legali e socio-economiche.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • le Startup di qualsiasi settore economico costituite in forma di società di capitali;
  • le Piccole e Medie Imprese, comprese aziende di nuova costituzione, che non hanno ancora prodotto utili e che intendono ampliare il proprio mercato, costituite in forma di società di capitali;
  • Società di persone;
  • Associazioni;
  • Lavoratori autonomi.

I beneficiari devono risiedere o avere sede legale in uno degli Stati membri dell’UE o in uno degli Stati che partecipano ai progetti Horizon 2020.

INTERVENTI

Ciascun intervento ammissibile potrà riguardare una di queste tre categorie geografiche di mercati:

1. Paesi sviluppati (America, Canada, Giappone, Korea, Singapore, Taiwan, Australia, Nuova Zelanda);

2. Paesi con grandi economie emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Messico);

3. Paesi in via di sviluppo (Afghanistan, Algeria, Angola, Argentina, Azerbaijan, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Isole Comore, Repubblica Democratica del Congo, Comoros, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Csta d’Avorio, Cuba, Gibuti, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Buissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, San Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Tajikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Leste, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe).

Gli interventi che potranno essere oggetto di finanziamento devono includere combinazioni delle seguenti attività:

1. Servizi di innovazione e trasferimento tecnologico:

  • Definizione di un progetto complementare di ricerca e sviluppo congiunto per la co-creazione o la tecnologia ed adattamento dello stesso con il/i partners locali;
  • Analisi dell’ambiente IP;
  • Scoperta della tecnologia e verifica delle novità;
  • Valutazione della tecnologia;
  • Analisi della situazione giuridica della tecnologia;
  • Protezione della tecnologia e progettazione della strategia di valorizzazione;
  • Matchmaking di partnership tecnologica;
  • Prove su scala ridotta (sperimentazione e assimilazione, ulteriore ricerca e sviluppo lavoro preparatorio).

2. Prospettiva di mercato:

2.1 Ricerche di mercato (studi e studi sul campo):

  • Rilevazione anticipata delle indagini sulle opportunità commerciali (pre-concettualizzazione);
  • Analisi qualitativa (analisi del consumatore: segmenti, preferenze, schemi, motivazioni, opinioni, attitudini, valori, cultura);
  • Ricerca commerciale del prodotto (orientata all’esperienza del cliente locale: concetto, design, fornitura, uso …);
  • Analisi quantitative di mercato (reali, potenziali, tendenze);
  • Analisi della concorrenza (quota di mercato, posizionamento, proposte di valore, catene di valore …);
  • Analisi dei potenziali partner per la distribuzione e il marketing;
  • Analisi dei potenziali fornitori;
  • Analisi PESTLE (questioni sociali, economiche, ambientali, tecnologiche e legali).

2.2 Verifica di conformità:

  • Verifica amministrativo / legale dell’FTO / due diligence;
  • Identificazione delle migliori pratiche sociali e culturali e pianificazione dell’implementazione.

2.3 Viaggi:

  • Fiere / conferenze / giornate informative / eventi di networking e matchmaking;
  • Workshop / incontri congiunti con potenziali partner;
  • Seminari con i partner per preparare proposte / progetti congiunti.

2.4. Preparazione specifica del materiale tecnico promozionale (orientato alla valorizzazione della tecnologia).

Per essere ammesso, l’intervento deve includere almeno:

  • 4 elementi della Sezione 1 – Servizi di innovazione e trasferimento tecnologico;
  • 4 elementi della Sezione 2.1 – Ricerche di mercato (studi di settore e sul campo);
  • 1 elemento dalla Sezione 2.2 – Verifica della conformità.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il budget disponibile per questo invito è di € 3.000.000,00.

Ogni VAP, cioè ogni studio di fattibilità approvato riceverà una sovvenzione fissa di € 60.000, che rappresenta un massimo del 70% delle spese ammissibili.

Il valore minimo del progetto è pari ad € 86.000.

Il 50% sarà erogato all’inizio del progetto. Dopo 6 mesi verrò richiesto un rapporto finale sul VAP realizzato. Successivamente alla sua approvazione verrà pagato il restante 50%.

TERMINE

La domanda deve essere inviata fino alle ore 12:00 del 31/05/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification