Notizie e Bandi

Gennaio 25, 2021
salerno-voucher-digitalizzazione-imprese-turismo.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Salerno, nell’ambito delle attività previste dal Piano Transizione 4.0, intende promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nel settore turistico.
Sostiene iniziative di digitalizzazione volte a migliorare l’efficienza aziendale, l’organizzazione del lavoro e finalizzate anche ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

BENEFICIARI

I soggetti beneficiari sono le micro, piccole o medie imprese (MPMI) operanti nella filiera turistica, con sede legale e/ o unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Salerno.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono essere volti alla digitalizzazione dei processi, all’informatizzazione, all’ammodernamento tecnologico per migliorare l’efficienza aziendale e l’organizzazione del lavoro. In particolare devono riferirsi ad almeno una delle seguenti tecnologie:

  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire il distanziamento in ottemperanza alle misure anti Covid;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili l’acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie di cui al precedente paragrafo.
Sono ritenute ammissibili le spese sostenute dal 02/12/2020 fino al 120° giorno successivo alla data di approvazione dell’agevolazione in favore del beneficiario.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di contributo a fondo perduto (Voucher) nell’entità massima del 100% delle spese complessive ammissibili, per un importo non superiore a € 3.500,00.
Inoltre, viene riconosciuta una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata a partire dalle ore 8:00 del 21/12/2020.
Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Luglio 20, 2020
cciaa-latina-settore-turismo-mpmi-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Latina favorisce la competitività del settore turistico locale, sostenendone la ripresa in tempi rapidi e la continuità in sicurezza della gestione e dell’organizzazione aziendale, in seguito all’emergenza sanitaria da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Latina.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • formazione per management e personale addetto ai servizi turistico-ricettivi in relazione al processo di riapertura del sistema economico;
  • fornitura di beni e/o servizi finalizzati a strategie di marketing/comunicazione della struttura rispetto al territorio di riferimento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • interventi formativi per management e personale addetto ai servizi turistico-ricettivi sulle nuove necessità di apprendimento;
  • fornitura di beni e servizi finalizzati a strategie di marketing/comunicazione della struttura:
    • realizzazione di contenuti per migliorare la presenza sui social e sul web;
    • consulenza e formazione in materia di promozione digitale;
    • realizzazione del sito web aziendale;
    • app o sito web per la gestione della clientela;
    • campagne di promozione e comunicazione.

Le spese ammissibili devono essere sostenute dal 31/01/2020 al 30/11/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un sostegno economico nella misura del 100% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 3.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con aiuti in regime de minimis fino al massimale pertinente, aiuti in esenzione nel rispetto dei massimali previsti dal regolamento applicabile e aiuti concessi ai sensi del Quadro Temporaneo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 21:00 del 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 15, 2020
cciaa-reggio-emilia-turismo-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Reggio Emilia intende mettere in sicurezza le strutture turistiche fornendo assistenza sui temi della pulizia e sanificazione e sull’offerta dei servizi turistici.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese turistiche aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Reggio Emilia che esercitano l’attività economica in uno dei seguenti settori: 55.10.00, 55.20.10, 55.20.20, 55.20.30, 55.20.40, 55.20.51, 55.20.52, 55.30.00, 55.90.10, 55.90.20, 56.10.11, 56.10.12, 56.10.20, 56.10.30, 56.10.41, 56.10.42, 56.10.50, 56.21.00, 56.29.20, 56.30.00, 79.11.00, 79.12.00, 79.90.11, 79.90.19, 79.90.20, 93.21.00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la messa in sicurezza delle strutture turistiche attraverso:

  • Piano di Azione Covid-19:

Interventi per la dotazione di un Piano di Azione, che formalizzi tutte le procedure da seguire, nonché i materiali e le risorse necessari alla sua esecuzione. Per la realizzazione del Piano, è previsto il finanziamento di un servizio di consulenza, che oltre all’analisi dei fabbisogni specifici, possa seguirne l’implementazione e la successiva supervisione dei risultati.

  • Interventi di messa in sicurezza:

Interventi per attuare le misure di messa in sicurezza delle strutture quali:

  1. acquisto di attrezzature, dotazioni e kit medici;
  2. adeguamento della logistica per rispettare le misure di distanziamento sociale;
  3. pulizia e sanificazione degli ambienti;
  4. monitoraggio di ospiti con sintomi;
  5. disponibilità di materiali e protezioni per lo staff che opera nelle strutture;
  6. modalità di gestione dei casi di contagi sia con riferimento al personale che alla clientela;
  7. gestione delle forniture di beni e servizi.
  • Azioni di riorganizzazione aziendale:

Azioni connesse alle tematiche della sicurezza, della sostenibilità ambientale e dell’accessibilità. E’ previsto il finanziamento di servizi di consulenza e di interventi di riorganizzazione aziendale.

L’intervento ammissibile deve avere un valore pari o superiore a € 1.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono riguardare interventi realizzati nella sede e/o unità operative ubicate nella provincia di Reggio Emilia, sostenute dal 01/01/2020 al 30/03/2021.

Le spese ammissibili sono quelle per i servizi di consulenza nonchè per l’acquisto di beni e servizi, inclusi strumenti, attrezzature e dispositivi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 2.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con aiuti in regime de minimis, aiuti in esenzione e aiuti concessi ai sensi del Quadro temporaneo.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 4, 2019
emilia-romagna-commercializzazione-turistica-valore-consulting-1280x535.png

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna sostiene lo sviluppo delle attività turistiche attraverso l’attuazione di progetti di promo-commercializzazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, in forma singola o associata, con i seguenti requisiti:

  • regolarmente costituite ed iscritte al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio ed in possesso di almeno un Codice Ateco relativo ad attività turistiche;
  • aventi almeno una sede operativa nel territorio regionale;
  • hanno espresso la volontà di partecipare alle azioni del Programma di promo-commercializzazione turistica della destinazione stessa;
  • in regola con la disponibilità di camere e posti letto;
  • attive.

Rientrano tra i beneficiari anche consorzi e società consortili, cooperative turistiche, associazioni temporanee di imprese ed altri raggruppamenti di imprese turistiche costituiti in forma di impresa, tra cui anche le reti d’imprese c.d. “Soggetto” dotate di soggettività giuridica autonoma.

Al momento della presentazione della domanda di contributo le ATI devono:

  • essere già costituite e regolarmente registrate all’Agenzia delle Entrate;
  • essere costituite da un minimo di 3 imprese fra loro indipendenti (non associate o collegate);
  • essere costituite da imprese in possesso di tutti i requisiti sopra richiamati; per la disponibilità di camere e posti letto, si dovranno sommare le disponibilità delle singole imprese.

Tutte le tipologie di beneficiari devono dichiarare con apposita autocertificazione, di trovarsi nelle condizioni di commercializzare non meno di 400 camere nel caso di strutture alberghiere e non meno di 700 posti letto nel caso di strutture extra alberghiere.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono incentrarsi sui seguenti obiettivi:

  • migliorare e qualificare i prodotti turistici esistenti;
  • innovare le tematiche di prodotto, rispondendo alle esigenze di ospiti, che subiscono continue mutazioni in quanto a desideri, percezioni, motivazioni di scelta;
  • sperimentare prodotti di ingerenza integrata sugli ambiti;
  • utilizzare i brand riconosciuti per penetrare su specifici mercati;
  • accrescere il livello di competitività del territorio regionale, diversificando la molteplicità di opzioni di soggiorno;
  • aumentare arrivi e presenze, permanenza media e MOL aziendale;
  • incrementare la quota di internazionalizzazione, aumentando i flussi provenienti dall’estero;
  • introdurre strumenti, linguaggi e concept di comunicazione innovativi;
  • ampliare il raggio d’azione sia sui mercati sia sui target;
  • aumentare la leadership sul web del marchio “Emilia-Romagna”;
  • realizzare l’integrazione della filiera turistica con gli altri comparti economici, come i trasporti, l’agricoltura e la cultura.

Gli interventi ammissibili non possono avere un valore unitario inferiore ad € 50.000,00 e non superiore ad € 200.000,00.

I beneficiari possono presentare una sola domanda di contributo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • promo-commercializzazione turistica;
  • promoter;
  • trasferta di personale (inclusi i costi di viaggio, vitto e alloggio per i quali sia chiara l’identificazione) per la partecipazione a incontri d’affari, eventi, seminari, workshop, educational tour ed altri momenti di lavoro assimilabili con stakeholder e rappresentanti della domanda turistica nazionale e internazionale, nei territori dell’offerta e della domanda;
  • prestazioni occasionali nel caso in cui si configurino quali prestazioni di servizi per la realizzazione di parti del progetto;
  • organizzazione di eventi nella misura massima del 10% della somma delle spese per comunicazione, fiere, sostegno alla commercializzazione, internet e spese di progettazione;
  • gadget per un importo totale non superiore ad € 3.000,00;
  • personale dipendente nella misura massima del 10% della somma delle spese per comunicazione, fiere, sostegno alla commercializzazione, internet e spese di progettazione;
  • consulenza e assistenza tecnico-specialistica per la progettazione, sviluppo e verifica dei risultati del progetto, nella misura massima di € 5.000,00;
  • spese forfettarie di carattere generale fino al 10% della somma delle spese per comunicazione, fiere, sostegno alla commercializzazione, internet e spese di progettazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regolamento de minimis, assume la forma di un contributo a fondo perduto, concesso sulla base di un punteggio attribuito come di seguito:

  • Progetti con punteggio da 100 a 80 – classe valutazione “Alto” – fino al 35% della spesa ammissibile;
  • Progetti con punteggio da 79 a 60 – classe di valutazione “Medio” – fino al 25% della spesa ammissibile;
  • Progetti con punteggio da 59 a 40 – classe di valutazione “Basso” – fino al 20% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro il 31/10/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici un’email.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 22, 2019
sardegna-più-turismo-più-lavoro-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sardegna favorisce la ripresa del settore turistico attraverso l’erogazione di incentivi finalizzati al prolungamento della stagione turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le “Imprese del turismo”, titolari di Partita Iva, la cui attività principale o secondaria rientri all’interno delle categorie ATECO 2007 di seguito riportate:

  • I 55.10 – Alberghi
  • I 55.20.10 – Villaggi turistici
  • I 55.20.20 – Ostelli della gioventù
  • I 55.20.51 – Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence
  • I 55.30.00 – Aree di campeggio ed aree attrezzate per campedr e roulotte
  • 49.32.20 – Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente
  • 56.10.11 – Ristorazione con somministrazione
  • 56.10.30 – Gelaterie e pasticcerie
  • 56.10.41 – Gelaterie e pasticcerie ambulanti
  • 56.10.42 – Ristorazione ambulante
  • 56.30.00 – Bar e altri esercizi simili senza cucina
  • 77.11.00 – Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri
  • 77.21.01 – Noleggio di biciclette
  • 77.21.02 – Noleggio senza equipaggio di imbarcazioni da riporto, inclusi i pedalò
  • 77.21.09 – Noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative
  • 77.34.00 – Noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale
  • 79.90.19 – Altri servizi di prenotazione ed altre attività di assistenza turistica non svolte delle agenzie di viaggio
  • 79.90.20 – Attività delle guide e degli accompagnatori turistici
  • 93.21.00 – Parchi di divertimento e parchi tematici
  • 93.29.20 – Gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali e fluviali

I beneficiari devono possedere anche i seguenti requisiti:

  1. aver assunto o assumere lavoratori stagionali con contratto di lavoro a tempo determinato e a tempo pieno dallo 01/01/2019, per un periodo che ricomprenda continuativamente i quattro mesi canonici per la stagione turistica da giugno a settembre presso unità operative/sedi ubicate nel territorio della Regione Sardegna;
  2. aver assunto o assumere lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo pieno o parziale, a partire dallo 01/01/2019, per un periodo che ricomprenda continuativamente i quattro mesi canonici per la stagione turistica da giugno a settembre;
  3. trasformino, prima dell’invio della domanda e comunque non oltre il 31 dicembre 2019, i contratti di lavoro di cui al punto 1. da tempo determinato a tempo indeterminato.

Inoltre le imprese devono:

  • essere qualificabili come “Imprese del Turismo”;
  • avere unità produttiva e/o sede operativa nel territorio della Regione;
  • essere in possesso dei requisiti specifici relativi al regime di aiuto prescelto;
  • essere in regola con le normative vigenti in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori;
  • osservare ed applicare il trattamento economico e normativo previsto dal CCNL del Turismo e delle Industrie turistiche;
  • essere in regola con il versamento degli obblighi contributivi ed assicurativi di legge;
  • essere in regola con le assunzioni obbligatorie dei lavoratori disabili ai sensi della legge n. 68/1999;
  • non avere in corso e/o non avere effettuato nei 12 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda, licenziamenti di lavoratori con contratto a tempo indeterminato, per ragioni diverse dalla giusta causa o dal giustificato motivo soggettivo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno avere ad oggetto l’assunzione di lavoratori con contratto a tempo determinato e a tempo indeterminato che comprendono uno o più mesi di bassa stagione.

Il contributo concesso sarà diversificato in base al tipo di contratto che le imprese andranno ad attivare, come di seguito specificato:

Contratti a tempo determinato a tempo pieno:

  • € 600,00/mese per marzo, aprile, maggio, ottobre, novembre e dicembre.

Contratti a tempo indeterminato a tempo pieno o parziale verticale:

  • € 7.000,00 una tantum per assunzioni con contratti di lavoro a tempo indeterminato e per la trasformazione di contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato prima dell’invio della domanda e comunque entro il 31 dicembre 2019. Il contributo una tantum sarà pari ad € 14.000,00 nel caso di assunzione di lavoratori molto svantaggiati o nel caso di assunzione di disabili. Tali importi si intendono rideterminati per i contratti stipulati a tempo parziale in relazione alla percentuale di lavoro prestato che non potrà essere inferiore al 60%. Per ricomprendere i quattro mesi canonici l’assunzione andrà effettuata entro e non oltre il 01/06/2019.

In caso di contratti a tempo indeterminato dovrà essere garantito il mantenimento dell’occupazione per almeno 36 mesi dalla data di assunzione. Non sono previsti contributi per frazioni di mese. Per avere diritto all’agevolazione del mese di bassa stagione (marzo, aprile, maggio) in cui si effettua l’assunzione la stessa dovrà avvenire entro il giorno 7 del mese.

Ciascuna beneficiario potrà assumere fino ad un massimo di 50 unità di lavoratori.

SPESE AMMISSIBILI

Rientrano tra le spese ammissibili i costi salariali relativi all’avvenuta assunzione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto e sarà determinato nel limite massimo di € 40.000,00 per ciascun beneficiario.

L’agevolazione potrà essere concessa, a scelta dell’impresa al momento della presentazione della domanda, secondo il regime “de minimis” o secondo il regolamento GBER.

La scelta del secondo regime agevolativo, a favore di lavoratori svantaggiati, molto svantaggiati e con disabilità, potrà essere effettuata solo se ricorreranno le seguenti condizioni:

  • l’intensità degli aiuti a favore dei lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati non deve superare il 50% delle spese ammissibili;
  • l’intensità degli aiuti a favore dei lavoratori con disabilità non deve superare il 75% delle spese ammissibili.

Gli aiuti sono cumulabili con altri incentivi di natura economica o contributiva all’assunzione previsti da norme generali che non costituiscono aiuto di Stato.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 10:00 del 19/09 alle ore 14:00 del 07/10/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di invio delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 19, 2019
marche-qualificazione-imprese-turistiche-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche agevola i progetti d’investimento per la riqualificazione delle imprese dei settori turismo, cultura, commercio, servizi e artigianato al fine di rivitalizzare la competitività economica dei centri storici ed urbani delle aree interne marchigiane;

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese le cui sedi operative ricadono nel territorio dell’Area Interna “Appennino Basso Pesarese e Anconetano”, ovvero in uno dei seguenti Comuni: Acqualagna, Apecchio, Arcevia, Cagli, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato, Serra Sant’Abbondio.

I beneficiari dovranno esercitare una delle seguenti attività economiche:

  • C: 10, 11, 13, 14, 15, 16, 23, 25, 32;
  • G: 47;
  • I: 55, 56;
  • R: 90, 91, 93;
  • S: 94.

Inoltre, i beneficiari dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • iscritti nel Registro delle Imprese e/o nel REA presso la CCIAA territorialmente competente;
  • nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • in regola con le norme obbligatorie vigenti in materia di tutela e salvaguardia dell’ambiente;
  • capacità amministrativa, finanziaria e operativa per la realizzazione del progetto;
  • unità produttiva sede dell’investimento attiva ed operativa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la realizzazione di progetti d’investimento relativi a:

  • valorizzazione e riqualificazione delle Piccole e Medie Imprese del settore del turismo, della cultura, del commercio, dei servizi, dell’artigianato artistico e di qualità;
  • progetti aziendali di imprese della filiera culturale-turistica e delle produzioni locali al fine di sostenere servizi innovativi e l’insediamento di nuove attività;
  • creazione di reti commerciali nei centri storici in sinergia con le reti culturali creative, in grado combattere la desertificazione commerciale dei piccoli centri;
  • ridefinizione del sistema artigianale attraverso l’utilizzo di figure capaci di coniugare le proprie capacità creative, artistiche, imprenditoriali con le nuove tecnologie.

I progetti dovranno essere proposti da aziende singole o da raggruppamenti che prevedono una collaborazione effettiva tra almeno tre imprese indipendenti l’una dall’altra.

La collaborazione dovrà essere formalizzata attraverso un accordo di partenariato, nella forma di un contratto di rete o di raggruppamento temporaneo di imprese (ATI). La formalizzazione dell’accordo dovrà avvenire entro e non oltre la data di invio della comunicazione di accettazione degli esiti istruttori e conferma d’inizio attività.

L’intervento deve avere un valore non inferiore ad € 20.000,00 e non superiore a:

  • € 325.000,00 – singola impresa;
  • € 975.000,00 – rete d’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • personale;
  • servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione;
  • consulenze non riconducibili alla tipologia precedente;
  • attività di marketing ad esclusione dell’organizzazione di eventi;
  • strumentazione, attrezzature, immobili e terreni nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, imputabili al progetto;
  • affitto di sale per incontri, spazi espositivi, showroom.

Le spese devono essere fatturate e quietanzate dallo 01/01/2016 ed entro il termine ultimo di 18 mesi dalla data del decreto di concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un contributo in conto capitale, nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 10/09/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 18, 2019
emilia-romagna-investimenti-attività-turistiche-mpmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna incentiva l’insediamento e lo sviluppo delle attività ricettive e turistico-ricreative tramite il finanziamento di interventi di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle attrezzature.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese che esercitino, con regolare autorizzazione, una delle attività ricettive o turistico-ricreative di seguito indicate:

  • strutture ricettive alberghiere;
  • strutture ricettive all’aria aperta;
  • stabilimenti balneari e strutture balneari;
  • stabilimenti termali;
  • locali di pubblico intrattenimento danzante con carattere di stabilità (discoteche).

I beneficiari devono inoltre essere regolarmente costituiti ed iscritti al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto interventi di riqualificazione e/o ristrutturazione edilizia, ampliamento e/o ammodernamento di strutture o immobili esistenti.

Non sono finanziabili interventi di nuova costruzione, fatta eccezione per gli interventi di demolizione e ricostruzione in loco volti all’incremento del livello di classificazione, all’adeguamento sismico, al miglioramento delle prestazioni energetiche delle strutture, nonchè gli interventi di demolizione e ricostruzione volti alla delocalizzazione in aree definite di strutture esistenti promossa dagli strumenti urbanistici e pianificatori dei Comuni.

Sono altresì ammessi interventi di riqualificazione e ritrutturazione di immobili esistenti destinati alle stutture ricettive, aventi alla data della domanda diversa destinazione d’uso, purchè in esito all’intervento gli immobili acquisiscano la conforme destinazione d’uso e sia avviata nella struttura l’attività ricettiva alberghiera in argomento.

Gli interventi ammissibili dovranno avere le seguenti dimensioni d’investimento:

  • spesa non inferiore a € 100.000,00, per gli interventi relativi alle strutture ricettive alberghiere, le strutture ricettive all’aria aperta e agli stabilimenti termali;
  • spesa non inferiore a € 80.000,00, per gli interventi relativi agli stabilimenti e strutture balneari e ai locali di pubblico intrattenimento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono le seguenti:

  1. opere edili, murarie ed impiantistiche;
  2. macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture e arredi;
  3. dotazioni informatiche, hardware, software e relative licenze d’uso, servizi di cloud computing per la realizzazione di siti per l’e-commerce;
  4. acquisto o allestimento di mezzi di trasporto per i quali la normativa vigente non richieda l’obbligo di targa ai fini della circolazione;
  5. servizi di consulenza comprese le spese relative alle attività di progettazione, direzione lavori e collaudi, (nel massimo del 10% delle spese di cui ai punti 1., 2., 3. e 4.).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto nelle seguenti percentuali:

  • 20% delle spese ammissibili – Regime de Minimis;
  • 10% delle spese ammissibili – Regolamento GBER Medie Imprese;
  • 20% delle spese ammissibili – Regolamento GBERMicro e Piccole Imprese.

Il contributo a fondo perduto potrà essere incrementato nel caso in cui ricorrano uno o più dei seguenti requisiti:

  • impresa caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile;
  • strutture o immobili già esistenti localizzati:
  1. nelle aree montane;
  2. nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale.

Nell’ipotesi in cui sussistano i predetti requisiti premianti, l’incremento del contributo verrà effettuato secondo le seguenti modalità:

  • Regime de Minimis – incremento del 5%;
  • Regolamento GBER – importo massimo elevato a € 210.000,00.

Nella tabella sono indicate le percentuali di contributo concedibili. Ciascun beneficiario potrà scegliere, con riferimento al progetto presentato, un solo regime d’aiuto.

NESSUNA PREMIALITA’ CONTRIBUTO MASSIMO CONCEDIBILE APPLICAZIONE PREMIALITA’ – IMPRESA FEMMINILE E/O GIOVANILE APPLICAZIONE PREMIALITA’ – ATTIVITA’ SVOLTA IN AREA MONTANA O SVANTAGGIATA APPLICAZIONE PREMIALITA’ – ATTIVITA’ SVOLTA IN AREA MONTANA O SVANTAGGIATA CONTRIBUTO MASSIMO CONCEDIBILE
IMPORTO CONTRIBUTO REGIME DE MINIMIS 20% € 200.000 25% 25% 25% € 200.000
IMPORTO CONTRIBUTO REGIME GBER MICRO E PICCOLE IMPRESE 20% € 200.000 20% 20% 20% € 210.000
IMPORTO CONTRIBUTO REGIME GBER MEDIE IMPRESE 10% € 200.000 10% 10% 10% € 210.000

TERMINE

La domanda può essere presentata in una delle due seguenti finestre temporali:

  • dalle ore 10:00 del 17/07 alle ore 13:00 del 13/08/2019;
  • dalle ore 10:00 del 15/10 alle ore 13:00 del 03/12/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
veneto-contributi-settore-ricettivo-turistico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene gli investimenti nel sistema ricettivo turistico che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa stessa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, regolarmente iscritte nel registro delle imprese o al R.E.A. e attive presso una delle CCIAA della Regione Veneto che gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive attive, quali:

  • strutture ricettive alberghiere: alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi;
  • strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici, campeggi;
  • strutture ricettive complementari: alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast, rifugi alpini o escursionistici;
  • strutture ricettive in ambienti naturali.

I beneficiari devono avere la sede operativa della struttura ricettiva nell’Area Interna Unione Montana Comelico, ovvero in uno dei seguenti Comuni: Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono favorire l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

Rientrano tra gli interventi ammissibili:

  • ampliamento, ristrutturazione, manutenzione, riconversione e innovazione delle strutture ricettive esistenti;
  • interventi riguardanti impianti e strumenti tecnologici finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti, ivi comprese le dotazioni informatiche hardware e software anche per il sito web e i sistemi di prenotazione elettronica;
  • interventi di innovazione digitale quali l’introduzione di strumenti di domotica sia nella gestione della struttura ricettiva da parte dell’impresa, sia usufruibili dal turista mediante l’utilizzo di strumenti di comunicazione in mobilità;
  • interventi di qualificazione dei requisiti di servizio e di riduzione dell’impatto ambientale e/o del consumo di risorse (energia/acqua);
  • interventi finalizzati alla crescita dimensionale delle imprese, accorpamento di attività tra soggetti imprenditoriali, sviluppo di sinergie tra imprese del turismo e altre attività;
  • investimenti in ottica di turismo sostenibile;
  • realizzazione di aree benessere, piscine, sala congressi, wellness complementari alle strutture ammissibili;
  • interventi per migliorare l’accessibilità della struttura alle persone con disabilità.

Gli interventi devono avere un valore compreso:

  • tra € 70.000, 00 ed € 250.000,00, per i beneficiari che scelgono di aderire al “de minimis”.
  • tra € 70.000,00 ed € 500.000, per i beneficiari che scelgono di aderire al GBER.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • opere edili/murarie e di impiantistica;
  • strumenti tecnologici comprese le dotazioni informatiche hardware e software;
  • acquisto o noleggio di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, esclusivo aziendale, con l’esclusione delle autovetture;
  • progettazione, collaudo e direzioni lavori (fino ad un massimo del 10% delle spese relative ai precedenti punti, poste in essere dallo 01/01/2018);
  • attrezzature, macchinari e arredi funzionali al progetto e ai prodotti turistici connessi;
  • ottenimento delle certificazioni di qualità, di sicurezza, ambientali o energetica;
  • fidejussione bancaria, nel caso di erogazione del sostegno tramite anticipo;
  • diritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

Sono altresì ammissibili al sostegno esclusivamente le spese relative all’acquisto di beni ammortizzabili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il beneficiario al momento della presentazione della domanda dovrà scegliere tra regime di aiuti ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” o del Regolamento GBER.

Nel primo caso l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 50% della spesa ammissibile, nel massimo di € 125.000,00.

Nel secondo caso, per le Micro e Piccole Imprese, l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 20% della spesa ammissibile. Per le Medie Imprese l’intensità massima è del 10% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 28/08/2019.

Le domande sono esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 15, 2019
milano-monza-brianza-lodi-riqualificazione-turismo-accessibile.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi sostiene il progetto per la Promozione del turismo e attrattività. L’obiettivo è quello di sviluppare il mercato del sistema turistico territoriale, la competitività delle imprese turistiche in ambito nazionale e internazionale, nonché migliorare il posizionamento di Milano, Monza Brianza e Lodi come destinazione turistica, anche attraverso l’Ecosistema Digitale Turismo.

Il bando sostiene inoltre la realizzazione di progetti in chiave di accessibilità per rispondere ai bisogni di persone con disabilità.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole o Medie Imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  1. sede legale e/o operativa iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  2. attive e in regola con il pagamento del diritto camerale;
  3. non hanno in essere alcun rapporto di fornitura con la CCIAA di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  4. svolgono un’attività che rientri in uno dei seguenti codici ATECO:
  • H 49.3 – Altri trasporti terrestri di passeggeri;
  • H 50.3 – Trasporto di passeggeri per vie d’acqua interne;
  • H 51.1 – Trasporto aereo di passeggeri;
  • I 55 – Alloggio;
  • I 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • N 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator, servizi di prenotazione e attività connesse;
  • R 90 – Attività creative, artistiche e di intrattenimento;
  • R 91 – Attività di biblioteche, archivi, musei e altre attività culturali;
  • R 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno rivolgersi ad uno dei seguenti ambiti:

  1. Mobilità;
  2. Comunicazione e informazione;
  3. Comfort;
  4. Sicurezza;
  5. Accoglienza;
  6. Design e arredi;
  7. Accessibilità e fruibilità di spazi ed eventi.

I progetti dovranno essere finalizzati al miglioramento delle condizioni di accesso ai servizi e all’offerta turistica da parte delle seguenti categorie:

  • Persone con limitazioni temporanee: persone con infortuni temporanei che utilizzano carrozzine, deambulatori, stampelle, tutori; persone con deficit uditivi o visivi temporanei;
  • Persone di lingua italiana o straniera, con deficit comunicativi o difficoltà a leggere/scrivere/parlare;
  • Persone obese, di bassa/alta statura;
  • Famiglie con bambini piccoli e in particolar modo bambini in passeggino;
  • Donne in gravidanza;
  • Persone anziane;
  • Persone con allergie ambientali;
  • Persone con problemi alimentari (intolleranze, diabete, ecc.).

Gli interventi ammissibili possono essere di tipo: infrastrutturale, tecnologico, impiantistico, di servizi, dotazioni e ausili per l’accessibilità.

Sono pertanto inclusi gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione in chiave infrastrutturale e tecnologica tramite progettazione, acquisto e installazione di attrezzature e/o ausili e/o di tecnologie atte al miglioramento del servizio offerto nonché a migliorie da apportare a impianti e stabili grazie all’ampliamento e ristrutturazione degli stessi, purché tali interventi comportino un chiaro e oggettivo miglioramento dell’accessibilità e fruibilità per i clienti con disabilità e con esigenze specifiche. A titolo puramente esemplificativo:

  • modifiche strutturali per migliorare l’accessibilità alle persone con disabilità di spazi e locali, rendendole più desiderabili grazie al design e alle soluzioni funzionali e tecnologiche;
  • utilizzo di smart materials, smart technologies, sistemi wi-fi, sensori wireless, Industrial Internet e IOT, finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti purché aumentino la fruibilità per il cliente con disabilità o esigenze specifiche;
  • sistemi/ausili/supporti/dotazioni per favorire la comunicazione e la sicurezza dei turisti con disabilità uditiva, visiva o intellettiva: sistemi ad induzione magnetica per favorire le persone con apparecchi acustici (per reception, auditorium, ecc.); sistemi per connettersi a distanza con interprete in Lingua dei Segni (per reception e desk informativi); avvisatori per commutare segnali uditivi in segnali visivi o vibratili (avvisatori antincendio, ecc.);
  • ausili per favorire la mobilità delle persone con difficoltà di deambulazione (carrozzine, elettroscooter, ecc.);
  • ausili per favorire le persone con disabilità motoria nella fruizione di spazi e servizi (sollevatori mobili/fissi per strutture ricettive, per piscine, ecc.);
  • sviluppo di App/software per favorire la comunicazione, l’informazione o la sicurezza dell’ospite e del turista;
  • implementazione del sito internet in chiave di Accessibilità per rispettare le Linee guida (WCAG) 2.0 e per definire una sezione che illustri i servizi offerti al turista con disabilità;
  • ausili per favorire la lettura da parte delle persone ipovedenti (video ingranditori fissi o portatili, software, sintesi vocale per persone non vedenti, ecc.);
  • implementazione o rifacimento del sistema della segnaletica orientativa/informativa/di sicurezza per le persone con disabilità visiva o intellettiva (mappe visuotattili, ecc.);
  • sistemi di realtà aumentata, domotica e building automation, sia nella gestione della struttura che per la fruizione del turista, purché aumentino la fruibilità per il cliente;
  • realizzazione di aree complementari, quali piscine, campi da tennis, aree a verde, parcheggi, ricoveri biciclette, zone fitness, area quiete, purché accessibili a clienti con disabilità;
  • dotazioni anallergiche per clienti con allergie ambientali (ad esempio camere anallergiche in hotel).

L’investimento minimo è pari ad € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. arredi, impianti, macchinari e attrezzature, accessori e ausili;
  2. acquisto di hardware;
  3. acquisto di tecnologie abilitanti, come connettività dedicata, licenze software, servizi erogati in modalità cloud computing e SaaS (comprese le spese di canone, per massimo 24 mesi dall’assegnazione del contributo), servizi di system integration applicativa, servizi per lo sviluppo di software e applicazioni digitali (intelligenza artificiale, blockchain), dispositivi e servizi infrastrutturali (hardware, networking, digitalizzazione, storage, ecc.);
  4. progettazione e direzione lavori e opere edili-murarie e impiantistiche;
  5. acquisizione di servizi specializzati di progettazione e di consulenza da parte di società/associazioni/figure professionali per la realizzazione degli interventi diversi da quelli di cui al precedente punto 4.

Le spese devono essere sostenute a far data dal 09/05/2019 e fino alla data di rendicontazione delle stesse.

Le spese presentate nella domanda di partecipazione a questo bando non possono rientrare tra quelle indicate nella richiesta di partecipazione al “Bando voucher digitali i4.0 2019”.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 20.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 23/05 alle ore 12:00 del 16/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 13, 2019
veneto-agevolazioni-imprenditoria-giovanile.jpeg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene le Piccole e Medie Imprese fondate da giovani imprenditori dei settori industriale, artigiano, turistico, del commercio e del terziario.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese, costituite sia in forma di imprese individuali che di società, i cui titolari o soci (per almeno il 60%) abbiano un’età compresa tra i 18 ed i 35 anni compiuti. Tale ultimo requisito deve permanere nei primi 5 anni dalla data di ammissione alle agevolazioni e, comunque, per tutta la durata dell’operazione agevolata, se superiore.

Inoltre i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Regione ed essere attivi.

Le PMI devono operare nei seguenti settori economici:

  • commercio: E38, G, H52.29, H53.20, I56, J59, J60.10, J60.20, J62, K66, L68, M69, M70, M71, M73, M74.20, M74.30, N77, N78, N79, N80, N81, N82, P85, R90.02, R92, R93, S95, S96; I.55.20.5, J63.91, Q87, Q88, R90.03, R91; C, D, E, F, H, J, M72, A01.61;
  • artigianato;
  • gestione strutture turistiche.

INTERVENTI

Per le PMI del Settore Turistico, gli investimenti possono essere riferiti esclusivamente alle seguenti strutture:

  • Strutture ricettive alberghiere: alberghi (comprese residenze d’epoca alberghiere), motel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere;
  • Strutture ricettive extralberghiere: esercizi di affittacamere, attività ricettive in esercizi di ristorazione, attività ricettive a conduzione familiare – bed & breakfast, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, strutture ricettive;
  • Strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici, campeggi;
  • Altre strutture: stabilimenti balneari, impianti di risalita, parchi divertimento e altre strutture nelle quali sono esercitate le attività correlate al settore turismo e rette a regime di piccola e media impresa.

Per tutti i beneficiari gli interventi ammissibili devono riguardare:

  1. investimenti immobiliari (fino a 6 anni);
  2. investimenti mobiliari (fino a 5 anni);
  3. immobilizzazioni immateriali (fino a 5 anni);
  4. attività tecniche (fino a 5 anni).

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

1. Investimenti immobiliari – fino al 20% delle spese ammissibili:

  • Ristrutturazione e adeguamento dei locali adibiti o da adibire all’esercizio dell’attività.

2. Investimenti mobiliari – fino al 100% delle spese ammissibili:

  • Acquisto di impianti produttivi, macchinari, attrezzature e hardware;
  • Acquisto di arredi;
  • Realizzazione/adeguamento di impianti tecnologici;
  • Acquisto di automezzi targati e natanti ad esclusivo uso aziendale.

3. Immobilizzazioni immateriali – fino al 100% delle spese ammissibili:

  • Acquisto di brevetti;
  • Sviluppo software;
  • Acquisto di licenze software.

4. Attività tecniche:

  • Progettazione e direzione lavori, fino al 5% delle spese complessive.
  • Consulenze per l’organizzazione aziendale, analisi di mercato e promozione, atti notarili di costituzione della società fino al 100% delle spese ammissibili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione è costituita da:

  • un contributo in conto capitale, nella misura del 15%;
  • un finanziamento agevolato, nella misura dell’85%;

Il contributo per coprire il 100% dell’intervento ammesso.

L’importo minimo oggetto di agevolazione è pari ad € 20.000,00, mentre l’importo massimo non può superare € 100.000,00.

TERMINE

Le domande possono essere presentate continuativamente essendo l’agevolazione a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification