Notizie e Bandi

Dicembre 29, 2020
bi-rex-bando-3-progetti-di-innovazione-tecnologica-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando supporta programmi di Ricerca, Sviluppo e Innovazione orientati alla sperimentazione, prototipazione e adozione di soluzioni tecnologiche e organizzative basate sulle tecnologie abilitanti di Industria 4.0, mediante l’utilizzo dei Big Data.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese e le aggregazioni di imprese iscritte al Registro delle Imprese.

INTERVENTI

I progetti di Innovazione, Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale devono contenere:

  1. un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi operativi e tempi;
  2. una stima dei benefici economici per l’impresa in termini di riduzione di inefficienze, sprechi e costi e di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;
  3. un piano finanziario per la copertura dei costi;
  4. un livello di maturità tecnologica tra TRL 5 e 8, che comunque raggiunga un livello almeno pari a TRL 7.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. costi di personale quali ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario;
  2. strumentazione, attrezzature e materiali;
  3. collaborazioni e consulenze per ricerca, sviluppo e innovazione con soggetti pubblici e privati;
  4. acquisto di brevetti o licenze acquisiti a normali condizioni di mercato;
  5. servizi di consulenza;
  6. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 50% delle spese ammissibili, con un massimo di € 100.000,00.

Le imprese in possesso del rating di legalità otterranno una precedenza in graduatoria in caso di parità di punteggio.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dal 14/01/2021 e fino alle ore 14:00 del 16/02/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 18, 2020
umbria-ricerca-industriale-sviluppo-sperimentale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria promuove il rilancio dei processi interni connessi alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, al fine di migliorare la competitività e l’innovazione del sistema produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese extra agricole, costituite nella forma giuridica di società di capitali da almeno 3 anni.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale volti a definire nuovi prodotti o processi negli ambiti di specializzazione, identificati dalla Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente (RIS 3).

Ricerca Industriale: ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per apportare un notevole miglioramento ai prodotti, processi o servizi esistenti.

Sviluppo sperimentale: acquisizione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.

Gli interventi ammissibili dovranno concludersi entro 15 mesi dalla data di avvio dichiarata dall’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • personale dipendente di ricerca;
  • strumentazioni, attrezzature o macchinari;
  • servizi di consulenza;
  • materiali imputabili all’attività di ricerca;
  • spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nelle misure riportate nella sottostante tabella.

Viene riconosciuta una maggiorazione di contributo pari al:

  • 2,5%, qualora il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale preveda l’acquisizione di servizi di consulenza da parte di un’impresa start up innovativa o con una PMI innovativa;
  • 2,5%, qualora il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale preveda l’assunzione a tempo indeterminato di almeno un’unità di personale.
TIPOLOGIA IMPRESA RICERCA INDUSTRIALE SVILUPPO SPERIMENTALE MAGGIORAZIONI COLLABORAZIONE STARTUP/PMI
micro e piccole 65% 40% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale
medie 55% 30% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale
grandi 45% 20% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale

TERMINE

Le domande devono essere presentate dalle ore 10:00 del 27/01/2021 alle ore 12:00 del 20/03/2021 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 5, 2020
lombardia-ricerca-e-sviluppo-innovazione-pmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia favorisce progetti di ricerca, sviluppo e innovazione in grado di garantire ricadute positive sul sistema territoriale lombardo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese aventi sede operativa attiva in Lombardia e i liberi professionisti in forma singola.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono comportare attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione a favore di PMI.

Ciascun progetto deve:

  • far riferimento ad una delle seguenti aree macro‐tematiche: aerospazio, agroalimentare, eco‐industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile, individuate dalla “Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione ‐ S3″;
  • essere finalizzato all’innovazione di prodotto e di processo coerente con l’oggetto sociale e la classificazione di attività produttiva del richiedente.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. personale ovvero ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario, fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili;
  2. costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature;
  3. ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti, nonché servizi di consulenza ed equivalenti;
  4. materiali connessi alla realizzazione del progetto;
  5. spese generali forfettarie addizionali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un finanziamento a medio‐lungo termine che può concorrere sino al 100% della spesa ammissibile, nel rispetto di un’intensità di aiuto massima complessiva, determinata in ESL, pari al 35%, e in ogni caso non superiore ad € 1.000.000,00.

Tale intensità è valida con riferimento alle seguenti attività di Progetto:

  • ricerca industriale – 35%;
  • sviluppo sperimentale – 35% (25%+10% maggiorazione per le PMI);
  • innovazione a favore di PMI – 35%.

La durata del Finanziamento è compresa tra i 3 ed i 7 anni.

TERMINE

Le domande potranno essere presentate fino ad esaurimento delle risorse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Novembre 4, 2020
meditech-avviso-1-2020-ricerca-industriale-sviluppo-sperimentale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando supporta progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale orientati alla sperimentazione, prototipazione e adozione di soluzioni tecnologiche e organizzative basate sulle Tecnologie Abilitanti Portanti ed Emergenti di Industria 4.0.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, singolarmente o in partenariato. Le grandi imprese possono essere beneficiarie solo se aggregate in partenariato a MPMI.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale inerenti alle linee tecnologiche prioritarie riferite ai dieci settori di interesse di MedITech, come precisato nella tabella.

SETTORE LINEE TECNOLOGICHE PRIORITARIE
Aerospace Qualifica di processi industriali per il completamento del ciclo di produzione di parti stampate in 3D.
Machine Learning/Artificial Intelligence/Big Data/Data Fusion per applicazioni aerospaziali.
Sistemi avanzati di Additive Manufacturing per Cabin Interiors refurbishment and maintenance.
Materiali compositi e nuove tecnologie e processi produttivi.
Droni per la manutenzione aeronautica.
Agrifood Sviluppo di sistemi esperti per la gestione, la razionalizzazione e l’efficienza della filiera di produzione.
Sviluppo di tecnologie per l’ottimizzazione dei processi produttivi e la sostenibilità della filiera.
Produzione di alimenti funzionali e da fonti alternative.
Automotive Produzione di veicoli e componentistica secondo il paradigma Industry 4.0 – fabbrica intelligente
Veicoli e componentistica green
Veicoli sicuri, confortevoli e dialoganti con le infrastrutture per la smart mobility.
Civil Constructions Sistemi tecnologici per il cantiere digitale
Sistemi digitali per il monitoraggio e il controllo delle opere civili in fase di realizzazione ed in fase di esercizio.
Materiali e tecnologie innovativi.
Energy Tecnologie I4.0 per le Smart Grid.
Tecnologie I4.0 per la Circular Economy nel settore energetico.
Smart process ed energia sostenibile per I4.0.
ICT & Services Industrial IoT e big data analytics per Smart Manufacturing & Maintenance
Piattaforme cloud-based e infrastrutture per beni e servizi a valore aggiunto
Smart Supply Chain Management
Tecnologie per la formazione e la sicurezza sul lavoro 4.0
Pharma/Healthcare Sviluppo di materiali, dispositivi medici, sistemi di intelligenza artificiale, apparati per la telemedicina e piattaforme per diagnostica e terapia medica
Sviluppo di sistemi diagnostici per la medicina di precisione, la medicina rigenerativa e l’ingegneria tissutale.
Railways IoT e data analytics per la produzione, gestione e manutenzione dei sistemi ferroviari.
Intermodal smart mobility
Security fisica e logica integrata basata su sensori avanzati.
Digital Twin e virtual Homologation di processi produttivi o di prodotto
Shipbuilding Imbarcazioni efficienti, sostenibili e sicure in ottica industria 4.0.
Uso di processi e materiali innovativi per la nautica e l’industria navale
Uso di tecnologie Industria 4.0 per migliorare il processo produttivo nell’industria nautica e navale
Covid- 19 & Beyond Piattaforme digitali integrate per il contrasto alla diffusione del coronavirus in ambienti di lavoro.
Soluzioni I4.0 per integrazione orizzontale verso produzioni di dispositivi per il contrasto alla diffusione del coronavirus.
Progetti di industrial smart working sia di integrazione intra-azienda sia di integrazione di filiera.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. personale impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo in possesso di adeguata esperienza professionale;
  2. strumenti e attrezzature correlate alla realizzazione del progetto;
  3. collaborazioni per attività tecnico-scientifiche di ricerca, sviluppo e innovazione;
  4. beni immateriali, quali costi per l’acquisto di brevetti, know-how, diritti di licenza e software specialistici;
  5. prestazioni e servizi necessari all’attività di ricerca e sviluppo e non direttamente imputabili alla realizzazione fisica di prototipi;
  6. spese generali di gestione derivanti dalla realizzazione del progetto;
  7. altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 50% delle spese ammissibili, con un massimo di € 200.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 dell’11/01/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Agosto 28, 2020
bando-industriale-italo-israeliano-ricerca-sviluppo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato italiano seleziona progetti di ricerca e sviluppo congiunti con lo Stato di Israele nell’ottica dagli accordi di cooperazione intercorsi tra i due Paesi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, di qualsiasi dimensione ed in qualunque forma costituite e i soggetti non industriali come le università e i centri di ricerca.

L’impresa deve condurre attività di ricerca e sviluppo e realizzare il progetto o autonomamente o in associazione ad altre imprese o enti pubblici e privati.

Qualora l’impresa non conduca direttamente attività di ricerca e sviluppo, deve essere assistita da un soggetto non industriale capace di condurre la ricerca proposta in qualità di associato.

Il Partner israeliano dovrà essere una società di Ricerca e Sviluppo, che trarrà i propri profitti dalla vendita dei prodotti/servizi sviluppati nel progetto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono incentrarsi su una delle seguenti aree di ricerca:

  • medicina, biotecnologie, salute pubblica e organizzazione ospedaliera;
  • agricoltura e scienze dell’alimentazione;
  • applicazioni dell’informatica nella formazione e nella ricerca scientifica;
  • ambiente, trattamento delle acque;
  • nuove fonti di energia, alternative al petrolio e sfruttamento delle risorse naturali;
  • innovazioni dei processi produttivi;
  • tecnologie dell’informazione, comunicazioni di dati, software, sicurezza cibernetica;
  • spazio e osservazioni della terra;
  • qualunque altro settore di reciproco interesse.

Il prodotto, processo o servizio deve essere innovativo e deve dimostrare evidenti potenzialità di migliorare prodotti esistenti o di crearne di nuovi sul mercato.

SPESE AMMISSIBILI

Rientrano tra le spese ammissibili quelle riguardanti personale, viaggi, attrezzature e strumentazioni, materiali, consulenze esterne, spese generali e costi indiretti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento fino al 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 25/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Agosto 28, 2020
valle-di-aosta-specializzazione-intelligente-imprese-industriali-artigiane-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Valle d’Aosta favorisce la realizzazione di progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale o innovazione, di breve durata, finalizzati alla realizzazione di soluzioni innovative per il contrasto alla diffusione del Covid-19 nonchè alle riconversioni aziendali.

Il Bando si articola in due Linee di finanziamento:

  • Linea 1: Progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;
  • Linea 2: Progetti di innovazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese con sede legale in Italia o all’estero, oppure centri di ricerca non aventi natura di impresa che esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

    • sezione C, con esclusione delle categorie 12, 19;
    • sezione J, limitatamente alle categorie 58, 59, 61, 62 e alle classi 63.11 e 63.12;
    • sezione M, limitatamente alle classi 71.2 e 72.1;
    • sezione Q, limitatamente alla categoria 86.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Linea 1: Ricerca industriale e sviluppo sperimentale di nuovi prodotti, processi produttivi o servizi da parte di imprese industriali.

L’intervento deve avere una durata compresa tra 6 mesi e 12 mesi ed un valore complessivo pari o superiore a € 50.000,00.

Linea 2: Progetti di innovazione per investimenti, produzione di prodotti o servizi connessi al Covid-19 quali:

  • medicinali e trattamenti
  • dispositivi medici e attrezzature ospedaliere
  • disinfettanti
  • strumenti di raccolta e trattamento dei dati

Gli interventi devono essere completati entro 6 mesi dalla data di concessione dell’aiuto ed avere un valore complessivo pari o superiore ad € 10.000.

Gli interventi di entrambe le Linee dovranno riferirsi ad uno specifico ambito di specializzazione tra quelli individuati dalla Strategia regionale di Specializzazione Intelligente (S3) e perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi:

  • produrre soluzioni tecnologiche innovative per utilizzare materiali già esistenti, sperimentare nuovi materiali, tecnologie e trattamenti superficiali per la realizzazione di dispositivi di protezione individuale o di dispositivi per ridurre il rischio di contaminazione;
  • produrre soluzioni, tecnologiche o organizzative, innovative in grado di prevenire o annullare il rischio di contaminazione degli operatori e degli utenti e garantire il distanziamento e la sicurezza delle persone sui luoghi di lavoro;
  • favorire la riconversione di imprese verso la produzione di soluzioni innovative per il contrasto al Covid-19.

Sono ammissibili gli interventi in grado di raggiungere un TRL finale almeno pari a 8.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  1. personale dipendente;
  2. macchinari, attrezzature, strumenti e impianti;
  3. materiali;
  4. consulenze e prestazioni di terzi;
  5. ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti;
  6. fideiussione;
  7. spese generali supplementari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nelle seguenti misure:

Linea 1: L’intensità è fissata nella tabella in calce al paragrafo.

Linea 2: L’intensità di aiuto prevista è pari all’80 % delle spese ammissibili, fino a un massimo di:

  • € 150.000,00, per le grandi e medie imprese;
  • € 80.000,00, per le piccole imprese.

Per entrambe le Linee l’agevolazione è cumulabile con altre agevolazioni concesse per la medesima spesa.

GRANDI IMPRESE MEDIE IMPRESE PICCOLE IMPRESE ORGANISMO DI RICERCA
MASSIMALI D’IMPORTO € 200.000,00 € 150.000,00 € 100.000,00 € 150.000,00
INTENSITA’ DI AIUTO INTERVENTI PRESENTATI DA SINGOLE IMPRESE 80% 80% 80% 100%
INTENSITA’ DI AIUTO INTERVENTI PRESENTATI DA IMPRESE IN FORMA COLLABORATIVA TRA ALMENO 2 IMPRESE O TRA UN’IMPRESA ED UN ORGANISMO DI RICERCA 80% 80% 80% 100%
INTENSITA’ DI AIUTO INTERVENTI PRESENTATI DA IMPRESE IN FORMA COLLABORATIVA TRA ALMENO 2 IMPRESE O TRA UN’IMPRESA ED UN ORGANISMO DI RICERCA – COLLABORAZIONE TRANSFRONTALIERA 95% 95% 95% 100%

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Luglio 2, 2020
toscana-ricerca-e-sviluppo-bando-1-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento in ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Grandi Imprese in cooperazione con almeno 3 Micro, Piccole e Medie Imprese con o senza la presenza nell’aggregazione di organismi di ricerca associati nelle forme di:

  • ATS;
  • RTI;
  • reti di imprese senza personalità giuridica (rete-contratto);
  • consorzi senza personalità giuridica.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti.

Tutti i beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere attivi e regolarmente iscritti alla CCIAA territorialmente competente;
  • avere sede legale e/o unità locale nel territorio regionale;
  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali.

INTERVENTI

Scopo di ciascun progetto e suo vero output deve essere la realizzazione di un prodotto/servizio/processo industrialmente utile. Gli interventi ammissibili dovranno essere market oriented e prossimi alla fase di applicazione e di produzione ed, inoltre, prevedano un alto grado di innovazione.

I progetti di ricerca e sviluppo dovranno essere legati alle priorità tecnologiche orizzontali indicate dalla “Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana”, ovvero: ICT e fotonica, fabbrica intelligente, chimica e nanotecnologie e agli ambiti applicativi (cultura e beni culturali, energia e green economy, impresa 4.0, salute e scienze della vita, smart agrifood) indicati dalla stessa Smart Specialisation.

L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 1.500.000,00 ed € 3.000.000,00.

I progetti dovranno concludersi entro 24 mesi dalla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento di concessione e in ogni caso entro il 31/12/2022.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda a valere o sul Bando 1 o sul Bando 2.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. spese di personale: ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto di ricerca;
  2. costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca;
  3. costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca;
  4. costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti;
  5. spese generali supplementari;
  6. altri costi di esercizio, inclusi i costi di materiali, forniture e prodotti analoghi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo in conto capitale a fondo perduto, fino ad una misura massima d’intensità individuata nella tabella in calce al paragrafo.

L’agevolazione è cumulabile con altre concesse come Aiuti di Stato, con contributi a titolo di “de minimis” o con Fondi UE a gestione diretta.

TIPOLOGIA DI BENEFICIARIO INTENSITA’ D’AIUTO
Micro e Piccola impresa 40%
Media impresa 35%
Grande impresa 20%
Organismo di ricerca 40%

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 17:00 del 20/07/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Luglio 2, 2020
toscana-ricerca-e-sviluppo-mpmi-bando-2-valore-consulting-1280x640.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti d’investimento in ricerca industriale e sviluppo sperimentale da parte delle imprese del territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, con sede legale e/o unità operativa in Regione, sia in forma singola che in cooperazione tra loro (in un numero minimo di 3) con la partecipazione o meno di Organismi di Ricerca (OdR). Rientrano, altresì, in tale categoria i liberi professionisti.

I beneficiari devono essere attivi e regolarmente iscritti alla CCIAA territorialmente competente.

Nel caso in cui i beneficiari intendano prendere parte al Bando in forma aggregata, questi ultimi dovranno dare vita ad un raggruppamento temporaneo d’imprese (RTI), sotto forma di rete-contratto, rete-soggetto, consorzio, società consortile.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno essere in linea con la S3 regionale, legati alle seguenti priorità ICT, fotonica, fabbrica intelligente, chimica e nanotecnologie e da applicare nei seguenti ambiti cultura e beni culturali, energia e green economy, impresa 4.0, salute e scienze della vita, smart-agrifood.

L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 150.000,00 ed € 1.500.000,00.

L’intervento può essere realizzato dal 19/03/2020 e deve concludersi entro i successivi 18 mesi ed in ogni caso entro il 31/12/2022.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda a valere o sul Bando 1 o sul Bando 2.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. personale quale ricercatori, tecnici ed altro personale ausiliario;
  2. strumenti e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca;
  3. fabbricati e terreni;
  4. ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti e servizi di consulenza;
  5. spese generali supplementari;
  6. altri costi di esercizio, inclusi i costi dei materiali, forniture e prodotti analoghi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà le intensità indicate nella tabella.

L’agevolazione è cumulabile con altre concesse come aiuti di Stato, con contributi a titolo de minimis, con Fondi UE a gestione diretta, che non costituiscono aiuti di Stato.

INTENSITA’ AIUTO R&S
Micro e Piccola impresa 30%
Micro e Piccola impresa in collaborazione con altre imprese 40%
Media impresa 25%
Media impresa in collaborazione con altre imprese 35%
Organismo di ricerca (in cooperazione con imprese) 40%

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 20/07/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Giugno 30, 2020
veneto-ricerca-sviluppo-reti-innovative-regionali-valore-consulting-1280x896.jpg

FINALITÀ

La Regione del Veneto sostiene progetti che prevedono la partecipazione collaborativa di sistemi di imprese e del sistema della conoscenza, per conseguire un sensibile aumento della propensione di investimento in attività di ricerca e sviluppo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le reti innovative regionali e i distretti industriali riconosciuti dalla Giunta regionale.

Le imprese che aderiscono ad un distretto industriale devono:

  1. essere una micro, piccola o media impresa;
  2. essere iscritte nel registro delle imprese e attiva presso la CCIAA;
  3. avere un’unità operativa attiva posta nel territorio di uno dei Comuni che compongo i distretti industriali;
  4. esercitare la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 3.11, 3.21, 10.2, 11.02, 14.2, 15.1, 15.2, 16.1, 16.2, 23.1, 23.19.90, 23.3, 23.4, 23.7, 23.9, 23.91, 25.6, 25.61, 25.73.2, 25.99.99, 26.7, 28.1, 28.2, 28.4, 28.9, 31.0, 32.3, 32.5, 32.99.90, 46.43.3, 47.78.2, 32.1, 46.38.10, 46.38.20, 46.65, 47.59.10, 95.24.01;

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di un progetto finalizzato di ricerca e sviluppo, che preveda la collaborazione tra imprese e organismi di ricerca.

Il progetto deve rientrare in almeno una delle seguenti tipologie d’intervento:

  1. Ricerca industriale. La realizzazione di ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per apportare un notevole miglioramento ai prodotti, processi o servizi esistenti.
  2. Sviluppo sperimentale. L’acquisizione, la combinazione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.
  3. Ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Il progetto potrà prevedere un percorso di R&S che preveda fasi distinte di “ricerca industriale” e di “sviluppo sperimentale”.

L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 1.000.000,00 ed € 3.000.000,00.

L’intervento deve essere realizzato successivamente alla presentazione della domanda e deve concludersi entro il 30/12/2022.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti categorie specifiche di spesa:

  1. consulenze specialistiche e servizi esterni di carattere tecnico-scientifico, nonché i costi per l’utilizzo di laboratori di ricerca;
  2. personale dipendente in possesso di qualifica tecnica coerente con le attività;
  3. realizzazione di prototipi;
  4. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità è pari al:

  • 70% della spesa ammissibile per le micro, piccole e medie imprese;
  • 50% della spesa ammissibile per le grandi imprese.

Per gli organismi di ricerca l’agevolazione, concessa nella forma di contributo in conto capitale, è dell’intensità del 70% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 del 09/09/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Giugno 3, 2020
credito-di-imposta-ricerca-e-sviluppo-2020-valore-consulting.jpeg

FINALITÀ

Il Governo introduce una nuova tipologia di credito d’imposta per la ricerca e sviluppo per l’anno 2020.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese residenti nel territorio dello Stato, ivi incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa, che effettuano investimenti in ricerca e sviluppo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto attività di ricerca e sviluppo, realizzate nel 2020 classificabili in una o più delle seguenti categorie:

  • ricerca fondamentale: lavori sperimentali o teorici finalizzati all’acquisizione di nuove conoscenze in campo scientifico o tecnologico;
  • ricerca industriale: lavori originali intrapresi al fine di individuare le possibili utilizzazioni o applicazioni delle nuove conoscenze derivanti da un’attività di ricerca fondamentale o al fine di trovare nuove soluzioni per il raggiungimento di uno scopo o un obiettivo pratico predeterminato;
  • sviluppo sperimentale: lavori sistematici, basati sulle conoscenze esistenti ottenute dalla ricerca o dall’esperienza pratica, svolti allo scopo di acquisire ulteriori conoscenze e raccogliere le informazioni tecniche necessarie in funzione della realizzazione di nuovi prodotti o nuovi processi di produzione o in funzione del miglioramento significativo di prodotti o processi già esistenti.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. spese di personale relative ai ricercatori e ai tecnici titolari di rapporto di lavoro subordinato o di lavoro autonomo o altro rapporto diverso dal lavoro subordinato, direttamente impiegati nelle operazioni di ricerca e sviluppo svolte internamente all’impresa, nei limiti del loro effettivo impiego in tali operazioni;
  2. quote di ammortamento, i canoni di locazione finanziaria o di locazione semplice e le altre spese relative ai beni materiali mobili e dei software utilizzati nei progetti di ricerca e sviluppo anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota;
  3. spese per contratti di ricerca extra-muros aventi ad oggetto il diretto svolgimento da parte del soggetto commissionario delle attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta;
  4. quote di ammortamento relative all’acquisto da terzi, anche in licenza d’uso, di privative industriali relative a un’invenzione industriale o biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale;
  5. servizi di consulenza ed equivalenti inerenti alle attività di ricerca e sviluppo;
  6. materiali, forniture e prodotti analoghi impiegati nei progetti di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta svolte internamente dall’impresa anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, nel limite massimo del 30% delle spese di personale indicate al punto 1., ovvero, nel caso di ricerca extra muros, del 30% dei costi dei contratti indicati al punto 3.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Per le attività di ricerca e sviluppo, il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 12% della relativa base di calcolo, assunta al netto delle altre sovvenzioni o contributi a qualunque titolo ricevute per le stesse spese ammissibili, nel limite massimo di € 3.000.000,00.

Il credito d’imposta spettante è utilizzabile esclusivamente in compensazione, in 3 quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, subordinatamente all’avvenuto adempimento degli obblighi di certificazione.

Il credito d’imposta non può formare oggetto di cessione o trasferimento neanche all’interno del consolidato fiscale. Il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito d’impresa nonché della base imponibile dell’IRAP.

Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto.

TERMINEd

La Misura riguarda l’anno fiscale 2020, ma potrà essere fruita a partire dallo 01/01/2021.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification