Notizie e Bandi

Settembre 2, 2020
toscana-sostegno-artigianato-tradizionale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana intende acquisire proposte progettuali volte alla promozione, alla valorizzazione, all’innovazione dell’artigianato artistico e tradizionale toscano.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le Società consortili.

I beneficiari devono essere iscritti nel registro delle imprese e avere sede legale o unità locale nel territorio regionale.

Nel caso di progetti presentati da raggruppamento, il partenariato può essere formalizzato mediante la costituzione dell’RTI/ATS/Rete-Contratto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di un progetto di promozione e di valorizzazione dell’artigianato artistico e tradizionale toscano.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili i seguenti costi:

  • consulenze e acquisizione di servizi;
  • organizzazione di eventi;
  • costi indiretti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto fino al 100% delle spese ammissibili ed è cumulabile con altre concesse come aiuti di Stato, con contributi a titolo di de minimis o con Fondi UE a gestione diretta.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 21/09/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Luglio 16, 2020
toscana-internazionalizzazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le società consortili, costituiti o costituendi.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti esercitanti attività economica volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Toscana, essere iscritti alla CCIAA territorialmente competente ed esercitare un’attività economica rientrante in uno dei seguenti settori: B (ad esclusione dei seguenti codici: 05.1, 05.2, 08.92), C (ad esclusione dei seguenti codici: 19.1), D, E, F, H (ad esclusione dei seguenti codici: 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2), I 55.1, I 55.2, I 55.3, I 55.9, J (ad esclusione dei seguenti codici: 60, 61.9 e 63.9), M, N (ad esclusione dei seguenti codici: 82.3; compreso il codice: 79), R 90.03.02, R 93.29.20, S 96.01.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di internazionalizzazione rivolti esclusivamente a Paesi esterni all’Unione Europea.

Il progetto deve prevedere investimenti consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati per l’internazionalizzazione ed illustrare le modalità realizzative, finanziarie e gestionali.

TIPOLOGIA BENEFICIARIO INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Micro impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Società consortile/Reti soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/ATI, ATS, Reti contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (es. 30.000 se le imprese sono tre, di microdimensione, 40.000 se le imprese sono quattro ecc..). Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (es. 450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc..). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a 1.000.000 €

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. Partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  2. Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di sale espositive all’estero;
  3. Servizi promozionali (es. vetrine digitali in lingua estera, “virtual matchmaking”);
  4. Supporto specialistico all’internazionalizzazione (es. digital export manager);
  5. Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la duplice veste di una sovvenzione e di un voucher.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre come aiuti di Stato, contributi a titolo di de minimis e Fondi UE a gestione diretta.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI INTENSITA’ AIUTO E MASSIMALI DI SPESA
Micro Piccole Medie
1 Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale 50%  € 30.000,00 50%  € 40.000,00 40%  € 40.000,00
2 Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero 50%  € 80.000,00 50%  € 100.000,00 40%  € 120.000,00
3 Servizi promozionali 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 40%  € 40.000,00
4 Supporto specialistico all’internazionalizzazione 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00
5 Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00

TERMINE

La misura è stata chiusa in data 22/07/2020.


Maggio 14, 2020
credito-di-imposta-investimenti-pubblicitari-incrementali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Governo ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali (con incremento minimo dell’1% rispetto agli analoghi investimenti dell’anno precedente) effettuati dalle imprese, dai lavoratori autonomi e dagli enti non commerciali, sulla stampa (giornali quotidiani e periodici, locali e nazionali) e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese, nonché le Startup innovative, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali.

INTERVENTI

Gli interventi consistono nell’effettuare investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, il cui valore superi almeno dell’1% gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese per l’acquisto della pubblicità sono ammissibili al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connessa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

A decorrere dal 2019, l’agevolazione verrà attribuita nella misura unica del 75% del valore incrementale dell’investimento effettuato in favore di tutti i beneficiari.

Solo ed esclusivamente per l’anno 2020 il credito d’imposta è concesso nella misura unica del 50% del valore degli investimenti effettuati. Ai fini della concessione del credito d’imposta si applicano, per i profili non derogati dalla presente disposizione, per quanto compatibili, le norme recate dal regolamento di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 16 maggio 2018, n. 90.

Tale agevolazione, concessa secondo il Regolamento “de minimis”, non è cumulabile con altre ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione.

TERMINE

La domanda deve essere inviata dallo 01 al 31 marzo di ciascun anno.

Per l’anno 2020, la comunicazione deve essere presentata nel periodo compreso tra lo 01/09/2020 ed il 30/09/2020.

Le comunicazioni trasmesse nel periodo compreso tra il 01/03/2020 ed il 31/03/2020 restano comunque valide.

Dallo 01/01/2021 al 31/01/2021 dovrà essere inviata la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati nel 2020.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 22, 2020
lombardia-grandi-eventi-sportivi-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia sostiene i Grandi Eventi Sportivi con l’obiettivo di promuovere iniziative di rilevante interesse per il territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. Federazioni Sportive Nazionali/Comitati regionali;
  2. Discipline Sportive Associate;
  3. Enti di Promozione Sportiva;
  4. Associazioni benemerite riconosciute dal CONI;
  5. Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche, non lucrative, iscritte al CONI o al CIP o affiliate a Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate o Enti di Promozione Sportiva;
  6. Comitati organizzatori regolarmente costituiti e senza scopo di lucro;
  7. Altri soggetti aventi nel proprio statuto/atto costitutivo finalità sportive, ricreative e motorie, non lucrative;
  8. Enti Locali anche in collaborazione con uno dei soggetti individuati nei punti precedenti.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono possedere i seguenti requisiti essenziali:

  • essere realizzati sul territorio lombardo con avvio e conclusione nel 2020, nel 2021 e/o nel 2022;
  • essere di rilievo nazionale o internazionale;
  • attribuire un titolo nazionale o internazionale riconosciuto dalle Federazioni sportive di riferimento, oppure essere assegnati-organizzati o riconosciuti da Federazioni sportive o da Enti e Organizzazioni riconosciuti dal CONI o dal CIP.

Sono finanziabili:

  • a valere sul triennio 2020-2021-2022, gli eventi assegnati oppure organizzati dalle Federazioni Sportive Nazionali o Internazionali valevoli per l’attribuzione di titoli sportivi di livello mondiale/europeo assoluti che rappresentano la massima espressione agonistica della disciplina sportiva di riferimento (ad es. Campionati mondiali ed europei, Coppe del Mondo) o eventi che siano riconosciuti con uno straordinario impatto per il territorio lombardo;
  • annualmente, gli eventi assegnati oppure organizzati dalle Federazioni Sportive Nazionali o Internazionali, oppure da Discipline Sportive Associate/Enti di Promozione sportiva riconosciuti dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) o dal CIP (Comitato Italiano Paralimpico) oppure valevoli per l’attribuzione di titoli sportivi di livello italiano assoluti, titoli sportivi di livello mondiale-europeo di categorie inferiori all’assoluto;
  • annualmente, gli eventi riconosciuti di “alto livello sportivo” e/o nell’ambito di uno specifico calendario di manifestazioni sportive, di livello almeno nazionale.

Il medesimo beneficiario può presentare più domande, fatto salvo che si tratti di eventi diversi.

SPESE AMMISSIBILI

Spese ammissibili in regime de minimis (o caso di non svolgimento attività economica):

  1. affitto e allestimento di locali, impianti o strutture;
  2. noleggio di attrezzature, strumentazioni e automezzi;
  3. pubblicità, comunicazione, creazione e gestione sito web dell’iniziativa;
  4. compensi e/o rimborsi forfettari per istruttori, arbitri, giudici di gara, speakers;
  5. ospitalità atleti e tecnici della squadra nazionale gareggiante (viaggio, vitto e alloggio), nei soli giorni della manifestazione sportiva;
  6. rinfreschi organizzati per la presentazione della manifestazione e ristori allestiti nel corso della manifestazione;
  7. assistenza sanitaria e servizi assicurativi;
  8. imposte, tasse, tasse federali, free, diritti d’autore (SIAE);
  9. coppe, medaglie e gadget per atleti e partecipanti;
  10. articoli e materiali sportivi utilizzabili per l’iniziativa;
  11. spese di partecipazione/iscrizione alle gare;
  12. spese generali.

Spese ammissibili secondo il Regolamento GBER, ovvero le spese relative ai costi di esercizio per la realizzazione ed il funzionamento delle infrastrutture temporanee:

  • personale;
  • materiali;
  • servizi appaltati;
  • comunicazioni;
  • energia;
  • manutenzione;
  • affitto;
  • amministrazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto, riconosciuto nella misura massima di € 300.000,00. Tale contributo non potrà essere, comunque, superiore al disavanzo risultante, a conclusione dell’evento, dalla differenza tra costi quietanzati ed entrate accertate riferite al medesimo evento.

Nel caso di eventi internazionali e svolgimento di attività economica, i beneficiari dovranno scegliere fra:

  • regime de minimis: in questo caso le spese ammissibili saranno pari al 50% del costo sostenuto per l’evento, ma il contributo concesso non potrà superare la soglia di € 200.000 sommando tutti i contributi pubblici percepiti dal richiedente negli ultimi tre esercizi finanziari;
  • regolamento GBER: nel caso in cui nell’ambito dell’evento si realizzino infrastrutture sportive temporanee. In questo caso le spese ammissibili saranno pari all’80% del costo sostenuto per l’evento, e vi rientreranno anche le spese per le infrastrutture sportive, anche temporanee.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 12:00 del 31/05/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Marzo 17, 2020
emilia-romagna-dubai-expo-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il bando supporta le imprese dell’Emilia-Romagna, prioritariamente in forma aggregata, nella realizzazione di azioni promozionali con ricadute internazionali, nel periodo di durata dell’Expo Dubai 2020 e da realizzarsi negli Emirati Arabi Uniti, sia all’interno dell’area Expo sia in altro contesto nel medesimo Paese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Imprese in forma singola, aventi sede legale o operativa nella Regione Emilia-Romagna;
  • Consorzi per l’internazionalizzazione con sede legale in Emilia-Romagna. I consorzi devono essere costituiti da almeno otto imprese fra loro indipendenti (ovvero non associate o collegate fra di loro) e attive; possono essere costituiti da non meno di cinque imprese qualora si tratti di consorzi e società consortili tra imprese artigiane;
  • Reti di Imprese, costituite da minimo 3 imprese, tutte aventi sede legale o operativa in Emilia-Romagna, non associate o collegate fra loro.

Le imprese e i consorzi devono possedere i seguenti requisiti:

  • essere attive, regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese presso CCIAA competente per territorio;
  • esercitare attività industriale di produzione di beni e servizi, esclusa l’impresa agricola;
  • appartenere ai settori di attività economica ammissibili ovvero: C, D, E, F, G, J, M, N, Q (solo se l’attività è esercitata in forma d’impresa), R;
  • essere in regola con i pagamenti e gli adempimenti previdenziali e assicurativi;
  • non aver ricevuto nei precedenti tre anni la revoca di un contributo ottenuto ai sensi di un bando del Servizio Attrattività e internazionalizzazione, salvo rinunce presentate entro la scadenza prefissata per la realizzazione del progetto o contributo revocato per importo della spesa ammissibile rendicontata inferiore alla soglia minima prevista dal bando.

Le domande presentate dai consorzi dovranno prevedere la partecipazione alle attività di progetto di non meno di 4 imprese consorziate.

Le domande presentate da reti di imprese dovranno prevedere la partecipazione alle attività di progetto di tutte le imprese appartenenti alla rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di eventi e iniziative promozionali rivolte ai mercati esteri esclusivamente sul territorio degli Emirati Arabi Uniti in concomitanza dell’Esposizione Universale di Dubai 2020, cioè dal 20/10/2020 al 10/04/2021.

Gli eventi potranno essere realizzati sia all’interno dell’area Expo sia all’esterno, ma sempre negli Emirati Arabi Uniti.

La descrizione degli eventi deve chiarire i seguenti elementi, che saranno oggetto di valutazione:

  • connessione con i temi ed i settori dell’Expo 2020;
  • target di operatori esteri a cui si rivolge l’azione promozionale;
  • obiettivi che si intendono realizzare.

Per eventi o iniziative promozionali si intendono workshop, seminari, incontri d’affari e B2B, degustazioni, sfilate, visite aziendali e ogni altra tipologia di attività mirata e occasionale volta a
promuovere le imprese che partecipano al bando nei confronti di operatori specializzati esteri (buyers, rappresentanti di imprese, laboratori, reti di distribuzione, ecc.).

Il costo minimo dell’intervento dovrà essere di:

  • € 15.000,00 per i progetti presentati da imprese singole;
  • € 20.000,00 per le reti di imprese;
  • € 40.000 per progetti presentati da consorzi per l’internazionalizzazione.

SPESE AMMISSIBILI

Le attività di preparazione degli eventi e delle iniziative sono ammissibili a partire dal 03/02/2020.

Le spese ammissibili per la realizzazione dei progetti comprendono:

  • prodotti e servizi finalizzati all’organizzazione degli eventi e delle iniziative di promozione;
  • affitto dell’area utilizzata per l’iniziativa di promozione;
  • allestimento dell’area, compreso il noleggio di attrezzature, dotazioni tecniche ed elettroniche e di ogni altro elemento funzionale alla realizzazione dell’evento;
  • trasporto di materiali e di prodotti, compresa l’assicurazione, funzionali alla realizzazione dell’iniziativa;
  • hostess e interpreti;
  • produzione di materiali promozionali in lingua inglese da realizzare per la promozione dell’iniziativa (brochure, inviti, newsletter, adeguamento del sito internet aziendale), ad esclusione della manualistica tecnica, per non più del 10% del costo totale del progetto della somma delle voci di spesa dal punto 1. al punto 5.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 50% delle spese ammissibili e non potrà comunque superare il valore di:

  • € 30.000,00 per le singole imprese;
  • € 50.000,00 per le reti di imprese;
  • € 80.000,00 per i consorzi.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 17:00 del 15/05/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Febbraio 19, 2020
vicenza-bando-unico-annuale-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Vicenza, sostiene la realizzazione da parte di terzi di progetti rilevanti per la promozione dell’economia locale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono soggetti privati rappresentativi e portatori di interessi generali per il sistema economico locale quali, associazioni imprenditoriali rappresentative dei settori economici e loro società di servizi, consorzi di imprese, nonché soggetti pubblici, per la realizzazione di progetti settoriali di valenza complessiva per il sistema economico locale e senza fine di lucro, che garantiscano il più ampio coinvolgimento della generalità delle imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle quattro aree prioritarie di intervento, ovvero:

A) Competitività delle imprese

  • A.1) Innovazione e digitalizzazione delle imprese e della P.A.
  • A.2) Sostegno alla competitività delle imprese e dei territori
  • A.3) Valorizzazione del patrimonio culturale, promozione del turismo, miglioramento delle condizioni ambientali
  • A.4) Orientamento al lavoro e alle professioni

B) Regolazione dei mercati

  • B.1) Tutela del consumatore e del mercato, vigilanza, rilevazione prezzi e giustizia alternativa

C) Commercio internazionale e internazionalizzazione del sistema produttivo

  • C.1) Supporto all’internazionalizzazione delle imprese

D) Servizi istituzionali e generali delle amministrazioni pubbliche

I progetti devono essere avviati dopo la presentazione della domanda e comunque entro e non oltre il 31/12/2020. Le iniziative dovranno concludersi entro il 30 giugno 2021.

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili al contributo le spese e i costi imputabili all’iniziativa quali:

  • affitti sale, spazi espositivi;
  • acquisto o noleggio di beni mobili, attrezzature e arredi;
  • servizi tecnici: noleggio apparecchiature multimediali;
  • produzione di libri: prodotti editoriali per eventi, manifestazioni;
  • pubblicità diretta e indiretta per campagna stampa, TV, radio, social network;
  • siti internet, pagine web, pagine social, newsletter;
  • compensi e rimborsi per relatori, docenti, interpreti, consulenti (spese di viaggio, vitto e alloggio);
  • spese di rappresentanza (omaggi e doni di rappresentanza, colazioni, buffet ed altre manifestazioni conviviali e spese di ospitalità);
  • spese per contratti di collaborazione.

Le spese potranno essere sostenute fino ad un massimo di 90 giorni dalla data di conclusione dell’iniziativa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

I progetti ammessi a contributo verranno finanziati per un importo che non potrà eccedere il 50% dei costi preventivati e ammessi e, comunque, fino al massimo del pareggio di bilancio dell’iniziativa stessa.

Il contributo massimo non potrà eccedere € 50.000,00 per progetto.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 20/04/2020.


Settembre 18, 2019
friuli-venezia-giulia-contributi-imprenditoria-femminile-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Friuli Venezia-Giulia concede contributi finalizzati ad incentivare la creazione di nuove imprese da parte delle donne sul territorio della Regione nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio, del turismo e dei servizi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese femminili nuove, ovvero iscritte al registro delle imprese da meno di 36 mesi, con sede legale o unità operativa nel territorio regionale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di un progetto di imprenditoria femminile di valore pari o superiore ad € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

a) spese per investimenti, relativi all’acquisto e alla locazione finanziaria di:

  • impianti specifici, ovvero beni materiali strumentali all’attività d’impresa;
  • arredi;
  • macchinari, strumenti ed attrezzature;
  • beni immateriali quali diritti di licenza, software, brevetti e know-how;
  • hardware;
  • automezzi, strumentali all’attività d’impresa, con esclusione delle imprese che svolgono l’attività di trasporto di merci su strada per conto terzi;
  • sistemi di sicurezza quali impianti di allarme, blindature, porte e rafforzamento serrature, telecamere antirapina e sistemi antifurto, vetri antisfondamento e casseforti;
  • materiali e servizi concernenti pubblicità e attività promozionali legate all’avvio dell’impresa, spese per l’insegna, creazione del logo e dell’immagine coordinata nel limite di € 10.000;

b) spese per costituzione:

  • spese notarili legate all’avvio dell’impresa;
  • adempimenti per l’avvio dell’attività d’impresa, nonché spese inerenti alla redazione del business plan, nel limite di spesa di € 10.000; tali spese risultano descritte nella fattura o documento contabile equivalente, oppure con relazione allegata alla rendicontazione;

c) spese di primo impianto per:

  • adeguamento o ristrutturazione dei locali adibiti all’esercizio dell’attività economica tramite opere edili, realizzazione di impiantisca generale e spese di progettazione, direzione e collaudo. Determinazione aliquote spese di progettazione, generale e di collaudo e successive modifiche nel limite di spesa di € 40.000, a condizione che l’immobile oggetto dell’intervento sia di proprietà dell’impresa o che la stessa disponga di un titolo di possesso che le garantisca la disponibilità almeno fino alla scadenza del vincolo di destinazione;
  • realizzazione o ampliamento del sito internet, nel limite di spesa pari a € 5.000;
  • locazione dei locali adibiti ad esercizio dell’attività d’impresa per un periodo massimo di 12 mesi e una spesa di € 15.000; qualora l’immobile non sia stato ancora individuato in sede di presentazione della domanda, il relativo contratto di locazione è stipulato entro il termine di 30 giorni;
  • avvio dell’attività di franchising limitatamente al diritto di ingresso corrisposto al franchisor nel limite di spesa di € 25.000.

Microimprese

Nel caso in cui il beneficiario sia una microimpresa, sono ammissibili anche le spese relative ad operazioni di microcredito:

  • premio e spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie, in forma di fideiussioni o di garanzie a prima richiesta, rilasciate da banche, istituti assicurativi e confidi, nel limite di spesa pari ad € 2.000;
  • oneri finanziari relativi all’effettuazione dell’operazione di microcredito con riguardo agli interessi passivi e alle spese di istruttoria e perizia nel limite di spesa pari a € 1.000.

I beni devono essere nuovi di fabbrica.

Nel caso di locazione finanziaria è ammessa la spesa per la quota capitale delle singole rate sostenute fino alla data di rendicontazione del progetto; non sono ammesse quota interessi e spese accessorie.

Sono altresì ammesse le spese connesse all’attività di certificazione della spesa nel limite massimo di € 1.000.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la forma di un contributo a fondo perduto la cui intensità sarà pari al 50% della spesa ammissibile.

L’ammontare minimo del contributo sarà pari ad € 2.500,00 mentre l’ammontare massimo sarà pari ad € 30.000,00.

Si precisa che il limite massimo del contributo concedibile a copertura delle spese relative al microcredito è pari ad € 1.000,00 per le spese relative al punto 1. e ad € 500,00 per le spese di cui al punto 2.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 09:15 del 15/10 fino alle ore 16:30 del 15/11/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base dell’ordine cronologico di ricezione.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Agosto 7, 2019
cosenza-nuove-sedi-impresa-nei-borghi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Cosenza sostiene e valorizza il patrimonio turistico-culturale della provincia.

BENEFICIARI

I beneficiari sono costituiti da:

  • aspiranti imprenditori del comparto artigiano o turistico che presentino un progetto imprenditoriale che preveda investimenti ammissibili e coerenti con attività di artigianato locale, antichi mestieri e comparto turistico incluse le attività commerciali e la costituzione di una MPMI;
  • Micro, Piccole e Medie Imprese già costituite esercitanti le suddette attività in forma individuale o collettiva, che spostino la loro sede produttiva o insedino una nuova unità produttiva in una delle aree dei Comuni successivamente indicati.

L’impresa richiedente deve avere la sede legale o almeno un’unità operativa iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Cosenza ed essere in possesso di regolarità contributiva.

Nel caso in cui abbiano già ricevuto altri contributi di fonte pubblica riguardanti il medesimo intervento non possono beneficiare del presente Bando.

Tutti i beneficiari infine devono esercitare la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • C 231920 – Lavorazione di vetro a mano e soffiato artistico;
  • C 234100 – Lavorazione di Ceramica Artistica;
  • C 237020 – Lavorazione artistica del marmo e di altre pietre affini, lavori in mosaico;
  • G 47 – tutti eccetto iper e supermercati);
  • H 491000 – Trasporto ferroviario di passeggeri (interurbano);
  • H 4931 – Trasporto terrestre di passeggeri in aree urbane e suburbane;
  • H 4932 – Trasporto con taxi, noleggio di autovetture con conducente;
  • H 4939 – Altri trasporti terrestri di passeggeri nca;
  • H 501 – Trasporto marittimo e costiero di passeggeri;
  • H 503 – Trasporto di passeggeri per vie acque interne, inclusi i trasporti lagunari;
  • H 511010 – Trasporto aereo di linea di passeggeri;
  • H 511020 – Trasporto aereo non di linea di passeggeri; voli charter;
  • I 55 – Alloggio;
  • I 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • J 591100 – Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi;
  • J 59 592 5920 – Attività di registrazione sonora e di editoria musicale, attività di promozione, autorizzazione ed utilizzo di tali composizioni in registrazioni, trasmissioni radiotelevisive, spettacoli cinematografici;
  • M 7743000 – Traduzione ed interpretariato;
  • N 7711 – Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri;
  • N 7721 – Noleggio di Attrezzature sportive e ricreative;
  • N 72200 – Noleggio di videocassette, cd, Dvd e dischi;
  • N 772910 – Noleggio di biancheria da tavola, da letto;
  • N 772990 – Noleggio di altri beni per uso personale e domestico nca;
  • N 7734 – Noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale;
  • N 7735 – Noleggio di mezzi di trasporto aereo;
  • N 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio e dei tour operator;
  • N 823000 – Organizzazione di Convegni e Fiere;
  • P 855100 – Corsi sportivi e ricreativi;
  • P 855201 – Corsi di Danza;
  • P 855209 – Altra formazione culturale;
  • R 90 – Attività creative, artistiche e di intrattenimento;
  • R 91 – Attività di Biblioteche, Archivi, Musei ed altre attività culturali;
  • R 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento;
  • S 949920 – Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby;
  • S 949960 – Attività di organizzazioni per la promozione degli animali e dell’ambiente;
  • S 960410 – Servizi dei centri per il benessere fisico.

I Comuni della provincia di Cosenza a rischio spopolamento sono:

  • Corigliano-Rossano;
  • Grimaldi Orsomarso;
  • Mormanno;
  • San Marco Argentano;
  • San Pietro in Amantea;
  • Sant’Agata di Esaro;
  • Torano Castello.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’apertura o lo spostamento di un’unità produttiva nel territorio dei Comuni a rischio spopolamento.

Ciascun beneficiario può presentare una sola domanda.

L’intervento deve avere un valore minimo pari o superiore ad € 2.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • parcelle notarili inerenti la costituzione di società. Nel caso di ditte individuali sono ammissibili le spese di parcella di un consulente iscritto all’ordine dei commercialisti inerente alla consulenza per l’avvio dell’attività con spesa massima pari a € 400,00;
  • acquisto di beni strumentali, macchinari, attrezzature, arredi, strutture rimovibili (non in muratura) coerenti con l’attività imprenditoriale;
  • impianti generali elettrici, idrici o tecnologici, opere in cartongesso, controsoffittatura, nuovi o di adeguamento, per l’espletamento dell’attività imprenditoriale o per l’adeguamento alle normative sulla sicurezza, per un importo massimo del 30% delle spese ammissibili;
  • acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali coerenti con l’attività;
  • registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze specialistiche;
  • realizzazione del sito internet aziendale entro il limite massimo di spesa di € 2.000,00;
  • eventuali altre spese necessarie all’attività imprenditoriale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di un contributo a fondo perduto pari al 50% della spesa ammissibile.

Tale contributo è maggiorato al 60% nel caso di imprenditore o socio diversamente abile.

Ciascuna impresa potrà ottenere un solo contributo nel limite di € 5.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/10/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 24, 2019
lombardia-promozione-vino-mercati-paesi-terzi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L’avviso è finalizzato alla concessione di contributi per lo svolgimento di azioni di promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi (extra UE).

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. organizzazioni professionali, purché abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;
  2. organizzazioni di produttori di vino;
  3. associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. organizzazioni interprofessionali;
  5. consorzi di tutela e loro associazioni e federazioni;
  6. produttori di vino;
  7. soggetti pubblici, con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  8. associazioni temporanee di impresa e di scopo costituende o costituite dai soggetti di cui ai numeri 1., 2., 3., 4., 5., 6., 7., e 9.;
  9. consorzi, associazioni, federazioni e società cooperative, a condizione che tutti i partecipanti rientrino tra i soggetti proponenti di cui ai numeri 1., 5., 6., 7.;
  10. reti d’impresa composte da soggetti di cui al precedente n. 6.

I soggetti pubblici di cui al punto 7. partecipano ai progetti esclusivamente nell’ambito delle associazioni di cui al numero 8., ma non contribuiscono con propri apporti finanziari e non possono essere il solo beneficiario.

Il beneficiario deve presentare idonea referenza bancaria, rilasciata da Istituti Bancari operanti in uno dei Paesi dell’Unione europea, attestante la sua solvibilità e solidità finanziaria, con riferimento alla realizzazione del progetto di promozione proposto.

Inoltre, lo stesso deve dimostrare di aver realizzato nel triennio precedente alla presentazione del progetto, almeno una delle operazioni elencate nel successivo paragrafo “Interventi”.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare azioni da attuare in uno o più Paesi terzi o mercati dei Paesi terzi, ovvero:

  • relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;
  • partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  • campagne di informazione, in particolare sui sistemi delle denominazioni di origine, delle indicazioni geografiche e della produzione biologica vigenti nell’Unione;
  • studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione.

La spesa per tale azione non deve superare il 3% delle spese complessive ammissibili.

I progetti hanno una durata massima di 3 anni.

Gli interventi possono avere carattere nazionale, regionale o multiregionale.

Ciascun soggetto deve realizzare un intervento il cui valore minimo sia pari o superiore a € 5.000,00 per Paese terzo o mercato del Paese terzo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione viene concessa sotto forma di contributo a fondo perduto pari al massimo al 50% della spesa ammissibile.

Il contributo minimo ammissibile per progetto non può essere inferiore a € 50.000,00 per Paese terzo o Mercato del Paese terzo anche qualora il progetto sia destinato a un solo Paese terzo o Mercato del Paese terzo.

Il contributo massimo per progetto regionale e multiregionale è pari a € 800.000,00 per i progetti presentati dai soggetti di cui al numero 5. e pari a € 400.000,00 per i progetti presentati dalle altre tipologie di proponenti.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 16:30 del 20/08/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 22, 2019
lombardia-fashion-design-incentivi-startup-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La misura sostiene le Start Up del settore moda e design che hanno effettuato investimenti in impianti, macchinari e attrezzature per consolidare la propria attività nonché spese per l’acquisizione di servizi finalizzati alla promozione, alla digitalizzazione e all’incubazione/accelerazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese costituite da non più di 2 anni, con sede operativa in Lombardia ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • C13 – Industrie tessili
  • C14 – Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia
  • C15 – Fabbricazione di articoli in pelle e simili
  • C16 – Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, esclusi i mobili; fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio
  • C23 – Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi
  • C27 – Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche
  • C31 – Fabbricazione di mobili
  • C32.1 – Fabbricazione di gioielleria, bigiotteria e articoli connessi; lavorazione delle pietre preziose
  • C32.50.4 – Fabbricazione di lenti oftalmiche
  • C32.50.5 – Fabbricazione di armature per occhiali di qualsiasi tipo; montatura in serie di occhiali comuni

Inoltre i beneficiari devono:

  • essere regolarmente costituiti, attivi e iscritti al Registro delle imprese;
  • possedere una regolarità contributiva per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto il consolidamento della propria attività e devono essere effettuati dallo 01/01/2019 fino al 17/09/2019.

Gli interventi si dividono in due linee:

Linea A:

  • ammodernamento della sede dell’impresa;
  • potenziamento delle strumentazioni e dotazioni tecnologiche al fine di rendere le start up più competitive nel settore di riferimento.

Linea B:

  • servizi finalizzati alla promozione e al marketing;
  • servizi finalizzati alla digitalizzazione dei processi e dei canali di vendita;
  • servizi di incubazione e accelerazione.

Ciascuna impresa potrà presentare al massimo una domanda a valere su ciascuna linea di intervento. L’intervento dovrà avere un valore pari o superiore ad € 15.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili le spese relative a:

  • Linea A – Impianti, macchinari e attrezzature
  1. acquisto di impianti e macchinari;
  2. acquisto di mobili e arredi;
  3. acquisto di hardware e software;

I beni devono essere nuovi e devono rimanere di proprietà del beneficiario per almeno cinque dalla concessione del contributo.

  • Linea B – acquisizione di servizi finalizzati alla promozione, alla digitalizzazione e all’incubazione/accelerazione
  1. progettazione e attuazione di campagne promozionali;
  2. partecipazione a fiere (esclusi rimborsi di vitto, alloggio, viaggio, gadget e promoter/o standisti);
  3. stampa e realizzazione di marchi, loghi e immagini coordinate;
  4. realizzazione brochure, prodotti e pubblicazioni aziendali;
  5. realizzazione siti internet e app;
  6. realizzazione piattaforme per e-commerce;
  7. digitalizzazione dei processi di produzione, distribuzione e vendita;
  8. consulenze esterne ad alto contenuto specialistico fornite da incubatori o acceleratori.

Tutte le spese devono essere realizzate dallo 01/01 al 17/09/2019

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la veste di un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili nel limite massimo di € 30.000,00.

La liquidazione avverrà in un’unica tranche.

Il costo minimo dell’intervento è pari ad € 15.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 10:00 del 18/09 alle ore 12:00 del 02/10/2019.

Le domande saranno esaminate in modalità automatica, con eventuale successivo sorteggio.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification