Notizie e Bandi

Novembre 9, 2020
anpal-fondo-nuove-competenze-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato, tramite ANPAL, offre ai lavoratori l’opportunità di acquisire nuove o maggiori competenze e di dotarsi degli strumenti utili per adattarsi alle nuove condizioni del mercato del lavoro determinate dall’emergenza Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i datori di lavoro privati che hanno stipulato gli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili prevedono gli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro, stipulati entro il 31/12/2020 per mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa o per favorire percorsi di ricollocazione dei lavoratori, i quali devono:

  • prevedere i progetti formativi finalizzati allo sviluppo delle competenze, il numero dei lavoratori coinvolti e il numero di ore dell’orario di lavoro da destinare ai percorsi stessi;
  • avere un limite massimo di ore da destinare allo sviluppo delle competenze per ogni lavoratore pari a 250;
  • individuare i fabbisogni del datore di lavoro in termini di nuove competenze, in ragione dell’introduzione di innovazioni organizzative, tecnologiche, di processo o di prodotto.

Gli accordi infine possono prevedere lo sviluppo di competenze finalizzate a incrementare l’occupabilità del lavoratore, anche al fine di promuovere processi di ricollocazione in altre realtà lavorative.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono le ore di lavoro in riduzione, comprensive dei contributi previdenziali e assistenziali, destinate alla frequenza dei percorsi di sviluppo delle competenze da parte dei lavoratori.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo suddiviso in 2 tranche: anticipazione del 70% delle spese ammissibili e saldo.

TERMINE

La misura rimarrà aperta fino a esaurimento risorse.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Marzo 4, 2020
fondimpresa-avviso-1-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Con l’Avviso n. 1/2020 Fondimpresa finanzia la realizzazione di piani formativi rivolti alla formazione dei lavoratori delle aziende aderenti al Fondo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. imprese aderenti a Fondimpresa;
  2. enti già iscritti nell’elenco dei soggetti proponenti qualificati da Fondimpresa per la categoria I – Formazione rivolta a lavoratori appartenenti ad imprese di tutti i settori.

Ciascun beneficiario può presentare domanda in Associazione Temporanea o Consorzio.

Rientrano tra i beneficiari anche le reti di imprese, purché la compagine sia costituita esclusivamente da aziende di cui al punto 1.

Sono destinatari dei piani formativi esclusivamente i lavoratori, compresi gli apprendisti, nonché quelli posti in cassa integrazione guadagni, anche in deroga, e i lavoratori con contratti di solidarietà. Sono altresì inclusi i lavoratori a tempo determinato con ricorrenza stagionale, anche nel periodo in cui non sono in servizio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto solo uno dei seguenti Ambiti:

  • I. Territoriale, esclusivamente in una regione o provincia autonoma collocata all’interno di una delle tre Macro Aree [A- Nord: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trento, Bolzano; B- Centro: Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Marche, Abruzzo, Molise; C – Sud e Isole: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna];
  • I. Settoriale, di reti e di filiere produttive, su base multi regionale, per soddisfare fabbisogni formativi comuni alle aziende appartenenti alla stessa categoria merceologica o a reti e filiere organizzate secondo la logica del prodotto finale, sviluppando modelli e interventi integrati di formazione del personale, anche con azioni di tipo sperimentale o prototipale. Il piano deve coinvolgere imprese appartenenti ad almeno due regioni o province autonome e la quota minima di aziende appartenenti alla regione o provincia autonoma meno coinvolta deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al piano. In caso di piano che coinvolge imprese appartenenti a più di due regioni la quota minima di aziende appartenenti alle regioni o provincie autonome meno coinvolte deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al piano.

Il piano formativo deve prevedere:

  1. partecipazione di almeno 8 aziende e di un numero di lavoratori destinatari delle azioni formative non inferiore a 80;
  2. dichiarazioni di partecipazione al piano indicanti un numero di lavoratori destinatari delle azioni formative pari al totale dei lavoratori destinatari della formazione del piano;
  3. presenza, in misura non inferiore al 50% del totale dei lavoratori destinatari del piano, di lavoratori provenienti da PMI;
  4. presenza, in misura non inferiore al 10% del totale delle imprese beneficiarie del piano, di aziende aderenti che, a partire dallo 01/01/2007 e fino alla data di invio della dichiarazione di partecipazione, non hanno mai partecipato con propri dipendenti ad azioni formative concluse finanziate dagli Avvisi di Fondimpresa e che non hanno mai presentato a Fondimpresa piani aziendali o interaziendali che richiedono il contributo del Conto di Sistema aggiuntivo alle risorse del proprio conto aziendale nell’ambito degli Avvisi del Conto Formazione;
  5. diretta connessione di tutte le azioni formative ad una o più tipologie ed aree tematiche stabilite;
  6. progettazione di dettaglio delle azioni formative del piano in misura almeno pari al 70% delle ore complessive di formazione previste nel piano stesso;
  7. la formazione deve essere progettata per conoscenze e competenze;
  8. il finanziamento deve essere richiesto nei limiti fissati dall’avviso;
  9. presenza, nel piano territoriale presentato sull’Ambito I, di imprese appartenenti ad una sola regione o provincia autonoma;
  10. presenza, nel piano presentato sull’Ambito II, di imprese appartenenti ad almeno due regioni o province autonome, con una quota minima di aziende appartenenti alla regione o provincia autonoma meno coinvolta almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al piano. In caso di piano che coinvolge imprese appartenenti a più di due regioni la quota minima di aziende appartenenti alle regioni o provincie autonome meno coinvolte deve essere almeno pari al 30% del totale delle imprese partecipanti al piano.

Il medesimo piano, con le stesse azioni formative e le stesse aziende beneficiarie, non può essere presentato più di una volta, anche in ambiti diversi e in diverse scadenze dell’Avviso.

Ciascun piano formativo deve concludersi entro 13 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento, con l’obbligo di portare a termine tutte le attività di erogazione della formazione entro 12 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento del piano.

Nella tabella sono indicati i valori complessivi minimi e massimi richiesti per ciascun Ambito in cui potrà essere realizzato il piano formativo.

AMBITO FINANZIAMENTO MINIMO PIANO FINANZIAMENTO MASSIMO PIANO
TERRITORIALE: REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA AMBITO I
Valle d’Aosta Macro Area A € 50.000,00 € 120.000,00
Piemonte Macro Area A € 100.000,00 € 400.000,00
Liguria Macro Area A € 70.000,00 € 400.000,00
Lombardia Macro Area A € 100.000,00 € 400.000,00
Veneto Macro Area A € 100.000,00 € 400.000,00
Friuli Venezia-Giulia Macro Area A € 70.000,00 € 400.000,00
Trento Macro Area A € 50.000,00 € 170.000,00
Bolzano Macro Area A € 50.000,00 € 170.000,00
Emilia Romagna Macro Area B € 100.000,00 € 400.000,00
Toscana Macro Area B € 100.000,00 € 400.000,00
Umbria Macro Area B € 70.000,00 € 250.000,00
Marche Macro Area B 70.000,00 € 400.000,00
Lazio Macro Area B € 100.000,00 € 400.000,00
Abruzzo Macro Area B € 70.000,00 € 340.000,00
Molise Macro Area B € 50.000,00 € 100.000,00
Campania Macro Area C € 100.000,00 € 400.000,00
Puglia Macro Area C € 100.000,00 € 400.000,00
Basilicata Macro Area C € 50.000,00 € 170.000,00
Calabria Macro Area C € 70.000,00 € 340.000,00
Sicilia Macro Area C € 100.000,00 € 400.000,00
Sardegna Macro Area C € 70.000,00 € 380.000,00
SETTORIALE, DI RETE E DI FILIERE PRODUTTIVE AMBITO II € 100.000,00 € 400.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili vengono determinate applicando uno dei seguenti criteri:

  1. costi reali sostenuti nell’ambito delle voci di spesa del piano dei conti;
  2. costi unitari standard delle ore di corso.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento compreso tra un minimo di € 50.000,00 ed un massimo di € 400.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere inviata all’interno di una delle finestre temporali indicate nella sottostante tabella.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

AMBITI DELL’AVVISO SCADENZA
AMBITO I – TERRITORIALE: Regioni e province autonome della Macro Area A- Nord: Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trento, Bolzano.

Regioni della Macro Area B – Centro: Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Marche, Abruzzo, Molise.

Regioni della Macro Area C – Sud e Isole: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna

dalle ore 9:00 alle ore 13:00 del 6 maggio 2020.
AMBITO II – SETTORIALE, DI RETI E DI FILIERE PRODUTTIVE su base multi regionale dalle ore 9:00 alle ore 13:00 del 3 giugno 2020.

Novembre 29, 2019
formazione-professionale-autotrasporti-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MIT incentiva attività di formazione professionale in favore del settore dell’autotrasporto, per formare una nuova generazione di autisti sempre più connessi, sicuri e green.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, di qualsiasi dimensione, che esercitano l’attività di trasporto merci per conto terzi, nonché i loro dipendenti o addetti.

Rientrano tra i beneficiari anche le aggregazioni tra le stesse imprese costituite sotto forma di cooperative o di consorzi.

I beneficiari devono avere sede legale principale o secondaria in Italia ed essere regolarmente iscritte nel registro elettronico nazionale.

Per quanto riguarda le imprese che esercitano con veicoli di massa complessiva fino ad 1,5 tonnellate, queste devono essere iscritte all’albo nazionale delle imprese che esercitano l’attività di autotrasporto di cose per conto terzi.

Le cooperative o i consorzi devono essere regolarmente iscritti nella sezione speciale dell’albo nazionale autotrasportatori di cose per conto terzi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto attività di formazione professionale degli autotrasportatori realizzate attraverso piani formativi aziendali, oppure interaziendali, territoriali o strutturati per filiere.

L’attività formativa deve essere avviata a partire dal 16/12/2019 e deve avere termine entro il 03/06/2020.

Potranno essere ammessi costi di preparazione ed elaborazione del piano formativo anche se antecedenti a tale data, purché successivi al 26/11/2019.

Ogni beneficiario può presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono essere sostenute dal 16/12/2019 al 03/06/2020.

Potranno essere ammessi costi di preparazione ed elaborazione del piano formativo anche se antecedenti a tale data, purché successivi al 26/11/2019.

Sono ammissibili i seguenti costi:

  • spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;
  • costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, la cui intensità massima non può superare il 50% delle spese ammissibili.

Può tuttavia essere aumentata fino a un’intensità massima del 70% delle spese ammissibili come segue:

  • del 10% se la formazione è destinata a lavoratori con disabilità o a lavoratori svantaggiati;
  • del 10% per gli aiuti concessi alle Medie Imprese;
  • del 20% per gli aiuti concessi alle Piccole Imprese.

L’importo massimo del predetto aiuto è così fissato:

  • €15.000,00 per le Micro Imprese;
  • €50.000,00 per le Piccole Imprese;
  • 130.000,00 per le Medie Imprese;
  • 200.000,00 per le Grandi Imprese.

I consorzi o le cooperative possono ottenere un contributo massimo pari ad €80.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 10/12/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 28, 2019
cciaa-brescia-formazione-aggiornamento-professionale-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Brescia, allo scopo di favorire lo sviluppo economico, sociale e produttivo della Provincia, ha predisposto un contributo a favore delle PMI a sostegno della formazione e dell’aggiornamento professionale mediante la partecipazione a corsi e a seminari autorizzati e riconosciuti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese bresciane operanti in tutti i settori economici, con i seguenti limiti dimensionali:

  • imprese industriali con numero di dipendenti non superiore a 200;
  • cooperative sociali O.N.L.U.S. attive nel settore servizi, con fatturato annuale non superiore ad € 40.000.000,00;
  • piccole e medie imprese commerciali, turistiche, agricole con numero dipendenti non superiore a 40;
  • imprese in possesso di qualifica artigiana, ove previsto, con un fatturato annuale non superiore ad € 7.000.000,00;

Le imprese devono essere inoltre in possesso dei seguenti requisiti:

  • sede legale e/o unità locale operativa nella provincia di Brescia, iscritte al Registro delle Imprese ed in regola con la denuncia di inizio attività ed al Rea;
  • in possesso di qualifica artigiana, ove previsto;
  • in regola con i contributi dovuti agli Enti previdenziali;
  • in regola con il pagamento del diritto annuale camerale;
  • non abbiano ricevuto e successivamente non rimborsato, aiuti pubblici concessi in violazione dell’obbligo di notifica ai sensi del Trattato CE o incompatibili con lo stesso;
  • abbiano assolto gli obblighi di pubblicazione e trasparenza relativi a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque a vantaggi economici di qualunque genere ricevuti.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti relativi alla formazione e l’aggiornamento professionale, attinenti all’attività dell’impresa (con esonero dei corsi di formazione obbligatoria), conseguite dal titolare dell’azienda, dal legale rappresentante, dall’amministratore, dal socio lavorante d’impresa artigiana (ad esclusione del socio finanziatore), dai dirigenti d’azienda, dai quadri, dai dipendenti e dai collaboratori familiari aziendali, mediante la partecipazione a corsi e a seminari autorizzati, organizzati, riconosciuti, patrocinati o finanziati da Stato italiano, Unione Europea, Regioni italiane, altri Enti pubblici italiani, Camera di Commercio di Brescia o Sistema Camerale Italiano, Enti privati italiani a partecipazione pubblica, Università italiane, Organizzazioni di categoria italiane, Consorzi italiani, Cooperative e gruppi associati italiani, strettamente collegati alle Associazioni di categoria italiane mediante apposito provvedimento, e in possesso di apposito decreto autorizzativo o di accredito regionale o di specifico provvedimento di Pubblica Amministrazione.

L’intervento deve avere un valore minimo pari o superiore ad € 700,00 e, nel massimo, un valore non superiore ad € 7.000,00. Per il raggiungimento del valore minimo ammissibile per intervento è ammesso il cumulo delle spese per più corsi di formazione.

I corsi devono tenersi nel periodo compreso tra lo 02/01/2019 ed il 31/12/2019.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regolamento GBER, assume la forma di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 3.500,00 per ogni impresa.

E’ prevista una premilità in favore delle imprese in possesso del rating di legalità, ovvero:

  • possesso di 1 stella di rating – premialità di euro 150,00;
  • possesso di 2 stelle di rating – premialità di euro 300,00;
  • possesso di 3 stelle di rating – premialità di euro 500,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 09:00 dell’11/02/2020 alle ore 16:00 del 17/02/2020.

Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di ricevimento delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 22, 2019
fondimpresa-avviso-1-2019-innovazione-prodotto-processo-valore-consulting.png

FINALITÀ

Con l’Avviso n.1/2019 Fondimpresa finanzia la realizzazione di Piani formativi condivisi tra le parti sociali e rivolti alla formazione dei lavoratori delle aziende aderenti al Fondo che stanno realizzando un progetto di innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto o di processo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • le imprese, in qualsiasi forma costituite e di qualunque dimensione, che abbiano già aderito a Fondimpresa. Possono partecipare esclusivamente le aziende che non sono state beneficiarie di Piani finanziati sull’Avviso 4/2018 del Fondo, salvo il caso in cui il finanziamento sia stato revocato o l’azienda vi abbia rinunciato.
  • gli enti già iscritti nell’Elenco dei Proponenti qualificati da Fondimpresa, per la categoria III, ovvero “Formazione sull’innovazione tecnologica di prodotto e di processo”.

L’intervento deve prevedere la partecipazione di uno di questi soggetti:

  1. Dipartimenti di Università pubbliche e private riconosciute dal MIUR;
  2. Enti pubblici di ricerca vigilati dal MIUR;
  3. Altri Organismi di ricerca in possesso dei seguenti requisiti:
  • la finalità principale consiste nello svolgere attività di ricerca di base, di ricerca industriale o di sviluppo sperimentale e nel diffonderne i risultati;
  • le imprese in grado di esercitare un’influenza su tale organismo quali ad esempio azionisti e/o membri non godono di alcun accesso preferenziale alle capacità di ricerca dell’ente medesimo, né ai risultati che esso produce;
  • i ricavi e i finanziamenti ricevuti nel triennio 2016-2017-2018 per lo svolgimento delle attività di ricerca industriale sono almeno pari ad € 3.000.000,00.

E’ ammessa la partecipazione, in misura non superiore al 20% del totale dei lavoratori coinvolti, di lavoratori di aziende interessate al progetto/intervento come utilizzatrici dirette dell’innovazione digitale e/o tecnologica nell’ambito della filiera.

Il Piano formativo che coinvolge un’unica impresa aderente può riguardare esclusivamente una PMI.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di innovazione digitale e/o tecnologica che riguardano l’introduzione di nuovi prodotti e/o processi o un notevole miglioramento di quelli già esistenti, e che richiedono la formazione del personale.

In tale ambito sono ricompresi tutti i processi di definizione e implementazione di innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo nell’impresa inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nel software.

Sono esclusi i cambiamenti o i miglioramenti minori, l’aumento delle capacità di produzione o di servizio ottenuto con l’aggiunta di sistemi di fabbricazione o di sistemi logistici che sono molto simili a quelli già in uso, la cessazione dell’utilizzazione di un processo, la mera sostituzione o estensione dei beni strumentali, i cambiamenti derivanti unicamente da variazioni del prezzo dei fattori, la produzione personalizzata, l’adattamento ai mercati locali, le periodiche modifiche stagionali e altri cambiamenti ciclici nonché il commercio di prodotti nuovi o migliorati.

I beneficiari possono presentare domanda sia singolarmente che in raggruppamento.

Ciascun Piano formativo può interessare una sola delle seguenti Macro Aree geografiche:

  • Nord (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli VeneziaGiulia, Provincia Autonoma di Trento e Provincia Autonoma di Bolzano);
  • Centro (Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise);
  • Sud ed Isole (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna);
  • due o tre Macro Aree.

Il Piano formativo può realizzarsi, anche in più regioni, a livello aziendale, interaziendale, territoriale o settoriale. Il Piano di livello interaziendale è ammissibile esclusivamente se tutte le imprese coinvolte sono interessate dalla medesima innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto o di processo.

In caso di Piano interaziendale deve essere assicurata la partecipazione, in misura almeno pari al 20% dei lavoratori posti in formazione, di lavoratori dipendenti appartenenti a PMI. Il Piano deve prevedere la partecipazione di almeno 15 dipendenti.

La durata massima del Piano formativo è di 13 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento del Piano, con l’obbligo di portare a termine tutte le attività di erogazione della formazione entro 12 mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di ammissione a finanziamento.

Il Piano formativo, indipendentemente dalla macro area, deve avere un valore compreso tra € 50.000,00 ed € 250.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

I costi per i partecipanti alla formazione devono essere di almeno € 200,00 per ora di corso svolta.

I costi ammissibili comprendono le seguenti spese:

A – Erogazione della formazione, per docenti, tutor, coordinamento didattico, aule ed attrezzature didattiche, materiali didattici e di consumo, ivi compresi materiali, forniture e servizi rapportati alla quota di effettivo utilizzo nel Piano, test e prove di riscontro dell’apprendimento, verifica e certificazione delle competenze acquisite.

B – Partecipanti alla formazione, per retribuzioni ed oneri del personale (detratte le ore produttive o equivalenti), coperture assicurative obbligatorie, viaggi dei dipendenti in servizio che partecipano alla formazione. I predetti costi possono costituire esclusivamente quota di cofinanziamento delle imprese al Piano formativo, se dovuta in base al regime di aiuti di Stato prescelto, e devono essere rendicontati e certificati dalle aziende beneficiarie.

C – Attività preparatorie e di accompagnamento ed attività non formative, per personale ed esperti, viaggi, materiali di consumo e forniture. Tale voce di spesa non può superare il 20% delle spese complessive ammissibili, date dalla somma delle voci: A+C+D.

D – Gestione del Piano, per costi diretti relativi a coordinamento generale, funzionamento ed amministrazione del Piano e costi indiretti di gestione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione dei lavoratori con disabilità. Tale voce di spesa non può superare il 10% delle spese ammissibili, date dalla somma delle voci: A+C+D.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, che assume la forma di un finanziamento, verrà concessa, sulla base della scelta del beneficiario, secondo:

  • il regolamento GBER;
  • il regime de minimis.

Il finanziamento massimo non può essere superiore ad € 100.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 09:00 del 17/12 e fino alle ore 13:00 del 19/05/2020.

Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di ricezione delle stesse, sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Settembre 18, 2019
fapi-avviso-4-2019-formazione-lavoratori-generalista-territoriale-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Con il presente Avviso il FAPI finanzia interventi di sviluppo delle competenze a sostegno della competitività e dell’innovazione, del lavoro e dell’occupazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese, i Consorzi di Imprese, le reti di concessionari di marchi, le associazioni temporanee d’impresa (ATI) o di scopo (ATS).

Tali soggetti devono essere iscritti al FAPI e mantenere l’iscrizione per almeno 24 mesi.

Inoltre devono essere in regola con i versamenti INPS.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto un piano formativo, il quale potrà assumere una delle seguenti forme:

  • piani aziendali, costituiti da uno o più progetti che coinvolgono una sola azienda ed i suoi dipendenti;
  • piani interaziendali, costituiti da uno o più progetti che coinvolgono almeno 2 aziende ed i loro dipendenti, appartenenti ad un’unica regione.

Un piano può contenere al massimo 20 progetti. Il progetto formativo deve rispettare i seguenti parametri:

  • numero minimo di partecipanti pari a 3;
  • numero massimo di partecipanti pari a 20;
  • durata minima di 8 ore;
  • durata massima di 60 ore;
  • contenere l’elenco delle aziende beneficiarie ed il numero dei lavoratori che ciascuna azienda mette in formazione;
  • ogni lavoratore può partecipare a massimo 2 progetti (per le reti di marchi massimo 5 progetti per un massimo di 80 ore a lavoratore).

Ogni azienda può partecipare ad un solo piano formativo. Non possono partecipare imprese il cui piano formativo sia già stato finanziato con gli Avvisi 1/2019 e 2/2019;

Possono, invece, partecipare le aziende con un piano finanziato sull’Avviso 3/2019, ma non partecipanti alla formazione nel piano quadro.

SPESE AMMISSIBILI

Per i beneficiari che decideranno di optare per il regime fissato dal regolamento GBER, sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • costi di esercizio relativi a formatori ed ai partecipanti alla formazione connessi al progetti di formazione, quali spese di viaggio, materiali e forniture, strumenti e attrezzature;
  • servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione potrà essere concessa o secondo il regime de minimis o secondo il regolamento GBER, sulla base della scelta operata dal beneficiario.

Indipendentemente dal regime agevolatorio prescelto, nella seguente tabella sono riportati i massimali di finanziamento:

A Aziende con dipendenti fino a 10 max € 9.000,00
B Aziende con dipendenti compresi fra 10 e 50 max € 27.000,00
C Aziende con dipendenti compresi fra 50 e 200 max € 36.000,00
D Aziende con più di 200 dipendenti max € 45.000,00
E Aziende con più di 200 dipendenti ed almeno 11 aziende max € 54.000,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 26/09 ed entro le ore 15:00 del 07/11/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 10, 2019
fonarcom-avviso-2-2019-start-up-pmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Per sostenere la Formazione Continua dei lavoratori delle imprese, con particolare riferimento alle Start-up e alle PMI Innovative, FonARCom fornisce uno specifico contributo attraverso il finanziamento di Piani Formativi aziendali e/o interaziendali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le aziende aderenti a FonARCom, che rientrano nella definizione di Start-up o PMI Innovative iscritte nell’apposita sezione del Registro delle Imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili possono avere ad oggetto una delle seguenti tre aree tematiche-prioritarie ma non esclusive:

  1. Formazione Continua per la Sicurezza e la prevenzione nei luoghi di lavoro, con particolare attenzione alla salvaguardia psico-fisica del lavoratore;
  2. Formazione Continua per l’adeguamento delle competenze professionali del lavoratore, con particolare attenzione ai temi dell’innovazione, all’impiego di moderne tecnologie e all’introduzione di tecniche dell’organizzazione e della produttività;
  3. Formazione Continua per l’allineamento delle competenze aziendali in tema di internazionalizzazione, con particolare attenzione a una visione europeistica del Mercato del Lavoro e degli ambienti produttivi.

Con il presente Avviso si intendono promuovere le condizioni affinché venga rafforzato il sistema della Formazione Continua e Permanente, pertanto potrenno essere oggetto di intervento anche le seguenti tematiche: innovazione organizzativa, tecnologica, di prodotto, di processo e di modelli di business e modelli e strumenti per la sostenibilità finanziaria.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di intervento:

  • Aziendale – piano formativo che risponde ai fabbisogni dei dipendenti di una singola impresa aderente a FonARCom;
  • Interaziendale – piano formativo che risponde ai fabbisogni formativi di uno o più dipendenti, di una o più imprese aderenti a FonARCom.

L’intervento ammissibile deve avere un valore che non può superare € 50.000,00 e non può durare più di 12 mesi.

Gli interventi ammissibili possono realizzati:

  • durante l’orario di lavoro;
  • al di fuori dell’orario di lavoro;
  • mista (in parte durante e in parte al di fuori dell’orario di lavoro);
  • nei periodi di sospensione temporanea dell’attività produttiva.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione massima non potrà superare i valori indicati nella tabella in calce al paragrafo.

Il valore massimo finanziabile è rispettivamente pari a:

  • Piani aziendali – 10.000,00 €;
  • Piani interaziendali – 50.000,00 €.

La singola azienda potrà risultare beneficiaria di un solo piano formativo.

Il beneficiario, al momento della presentazione della domanda potrà scegliere a quale regime aderire, se al “de minimis” o a quello fissato dal regolamento GBER.

  1. Regime “de minimis” – intensità massima dell’aiuto pari al 100% delle spese ammissibili;
  2. Regime GBER – intensità massima dell’aiuto secondo la classe dimensionale del beneficiario, come di seguito:
  • Piccola impresa – 70%;
  • Media Impresa – 60%;
  • Grande Impresa – 50%.
DIMENSIONE AZIENDA BENEFICIARIA VALORE MASSIMO CONTRIBUTO PER AZIENDA
Micro Impresa € 3.000,00
Piccola Impresa € 6.000,00
Media Impresa € 10.000,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata fino alle ore 16:00 del 28/10/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 5, 2019
fondoprofessioni-piani-formativi-aziende-valore-consulting.png

FINALITÀ

Fondoprofessioni finanzia i piani formativi monoaziendali, con l’obiettivo di:

  • migliorare le conoscenze/abilità dei dipendenti e la competitività delle aziende;
  • accompagnare lo sviluppo, anche tecnologico, delle imprese, unitamente alle competenze relazionali dei dipendenti;
  • diffondere un approccio innovativo alla formazione finanziata, anche grazie alle sinergie attivate con la bilateralità di settore.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le aziende in regola con l’adesione e il versamento a Fondoprofessioni, che abbiano provveduto all’iscrizione prima della presentazione della domanda.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto piani formativi per aumentare le conoscenze dei dipendenti e accompagnare lo sviluppo tecnologico dell’impresa.

I piani formativi dovranno essere progettati per conoscenze e competenze, prevedendo idonee attività di valutazione finalizzate al rilascio all’allievo di un’attestazione degli apprendimenti acquisiti trasparente e spendibile. L’attività di certificazione delle competenze mpotrà essere finanziata nell’ambito del piano formativo.

Ogni singolo progetto prevede una durata da 8 a 40 ore, con almeno 3 e non oltre 35 allievi in formazione. Possono essere previste attività d’aula e training on the job, al fine di favorire lo sviluppo di conoscenze teoriche e operative.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il contributo per ogni singolo piano formativo può raggiungere i € 20.000,00. E’ ammesso un costo ora/allievo al massimo pari ad € 22,00.

TERMINE

La domanda dovrà essere inviata secondo i termini di seguito indicati:

  • 1° sportello: entro le ore 17:00 del 26/06/2019,
  • 2° sportello: dal 22/07/2019 alle ore 17:00 del 27/09/2019;
  • 3° sportello: dal 14/10/2019 alle ore 17:00 del 15/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 28, 2019
fapi-avviso-3-2019-formazione-lavoratori-aggregazioni-imprese.jpg

FINALITÀ

L’Avviso supporta le imprese aggregate (reti), finanziando interventi di sviluppo delle competenze dei lavoratori a sostegno della competitività e dell’innovazione, del lavoro e dell’occupazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Imprese o Consorzi d’imprese (anche reti di concessionari legati a marchi, erogatori di formazione tecnica), enti di formazione o agenzie formative;
  • Associazioni Temporanee d’Impresa (ATI) o di Scopo (ATS).

I soggetti devono dare luogo ad un’aggregazione, ovvero ad una rete che può essere:

  • reti nuove (A), costituite da aziende aderenti al FAPI. Non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte;
  • reti consolidate (B), cioé reti già costituite, anche tra loro aggregate, purché con Piano chiuso; non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte;
  • incrementi di rete (C), cioé reti già costituite con piano di rete “aperto”.

Nell’incremento, possono essere aggregate solo aziende di nuova adesione al FAPI o che, iscritte al FAPI da più tempo, non hanno mai beneficiato dei finanziamenti per la formazione del Fondo.

Non possono partecipare le imprese appartenenti a reti ancora aperte.

I beneficiari devono risultare aderenti al FAPI.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto un programma organico di interventi concertati tra le parti sociali firmatarie, sulla base dei fabbisogni espressi dai contesti territoriali interessati, dei settori, delle aziende e dei lavoratori.

Ciascun Progetto di formazione deve essere coerente con le finalità e gli obiettivi che intende attuare e prevedere una durata adeguata alle caratteristiche degli interventi da realizzare.

Eventuali azioni preparatorie e di accompagnamento alle attività formative costituiscono parte integrante del progetto.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di piano:

  1. Piani Interaziendali: costituiti da uno o più progetti, coinvolgono più aziende ed i loro lavoratori. Le aziende devono appartenere ad un’unica regione.
  2. Piani Settoriali o di filiera o multiregionale: costituiti da uno o più progetti, coinvolgono più aziende ed i loro lavoratori di un settore/filiera specifica e/o su più regioni.

Sono ritenuti ammissibili i piani di rete presentati secondo il seguente calcolo per il massimale di finanziamento:

  • reti nuove (A) e reti consolidate (B): € 100,00 x n. totale lavoratori delle aziende della rete;
  • incrementi di rete (C): € 100,00 x n. lavoratori dell’azienda entrante nella rete già esistente.

Il piano di rete o piano formativo di massima, è un insieme organico di attività formative (progetti), attività preparatorie e di accompagnamento (propedeutiche) e attività organizzative gestionali.

Ogni impresa può partecipare ad una sola rete e quindi ad un solo piano di rete.

Il progetto formativo deve rispettare i seguenti parametri:

  • numero minimo di partecipanti per progetto è di 3;
  • numero massimo di partecipanti per progetto è di 20 lavoratori;
  • durata minima di 8 ore e massima di 60 ore;
  • contenere l’elenco delle aziende beneficiarie ed il numero dei lavoratori che ciascuna azienda mette in formazione.

Ogni lavoratore in formazione può partecipare a massimo 2 progetti (per reti di marchi: massimo 5 progetti per 80 ore complessive a lavoratore).

Le attività preparatorie e di accompagnamento devono:

  • comprendere attività e prodotti riferibili a singoli progetti e ai lavoratori ad essi associati.
  • prevedere una o più delle seguenti attività correlate agli obiettivi formativi: studio e ricerca; analisi organizzativa; analisi dei fabbisogni; Assessment; seminari/convegni di sensibilizzazione; approfondimento e diffusione; work-shop; focus group; attività di audit; studio ed elaborazione di materiali.

Le attività formative, fermo restando la definizione del numero massimo di partecipanti al singolo progetto formativo, posssono prevedere la realizzazione di sessioni congiunte (seminari, workshop, convegni) che opportunamente motivati ed esplicitati potranno vedere aumentata la presenza massima di allievi a 40 per ogni sessione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Ciascun soggetto presentatore/attuatore nonché titolare del piano, come capofila a seguito di delega delle aziende, può ottenere contributi per un ammontare complessivo non superiore al 30% del plafond disponibile.

I beneficiari, al momento della presentazione della domanda, dovranno scegliere tra il regime agevolativo individuato dal regolamento “de minimis” o quello fissato nel GBER.

TERMINE

La domanda può essere inviata fino alle ore 15:00 del 20/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 25, 2019
fon-ar-com.jpg

FINALITÀ

La finalità è promuovere la conoscenza del Welfare Aziendale, ovvero di un’ampia gamma di interventi che mirano a dare luogo a vantaggi nei confronti sia dei lavoratori che dell’azienda
stessa in termini di clima aziendale, produttività e diminuzione del turnover e dell’assenteismo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese aderenti a Fonarcom.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la diffusione della cultura del Welfare Aziendale e delle soluzioni adottate dalla singola impresa (servizi sostitutivi di mensa e ristorazione, polizze assicurative e previdenziali, servizi collegati alla salute, beni e/o servizi collegati all’istruzione, facilitazioni o garanzie per prestiti e/o mutui, promozioni e rimborsi legati alle attività del tempo libero, sconti e convenzioni per l’acquisto di beni e/o servizi).

Tali interventi sono costituiti dalla predisposizione di piani formativi:

  • aziendali (della durata complessiva di 8 mesi);
  • interaziendali (della durata complessiva di 11 mesi).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto erogato in regime “de minimis”.

L’importo minimo del contributo per ogni intervento è di € 990,00 mentre quello massimo è di € 14.850,00.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro il 30/09/2019. Le domande verranno esaminate in base ad una procedura a sportello fino ad esaurimento delle risorse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Vieni a trovarci a MECSPE, Sabato 30 Marzo, Ore 10.00!

 


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification