Notizie e Bandi

Settembre 20, 2019
italia-israele-ricerca-e-sviluppo-bando-industriale-valore-consulting.png

FINALITÀ

Italia ed Israele intendono sovvenzionare progetti di ricerca e sviluppo in ambito industriale, scientifico e tecnologico.

BENEFICIARI

I beneficiari, che dovranno creare un partenariato, devono avere sede legale in Italia (per il partner italiano) o in Israele (per il partner israeliano).

Il Partner italiano potrà essere:

  • un soggetto industriale (impresa), che conduce attività di ricerca e sviluppo e realizza il progetto o autonomamente o in associazione ad altre imprese o enti pubblici e privati.

Qualora l’impresa non conduca direttamente attività di ricerca e sviluppo, deve essere assistita da un soggetto non industriale (università, centro di ricerca, parco tecnologico) capace di condurre la ricerca proposta in qualità di associato.

  • un soggetto non industriale (università, centro di ricerca, etc.) che dovrà necessariamente associarsi ad un soggetto industriale, che svolga o meno attività di ricerca e sviluppo.

Il Partner israeliano dovrà essere una società di Ricerca e Sviluppo, che potrà trarre propri profitti dalla vendita dei prodotti/servizi sviluppati nel corso della realizzazione del progetto.

Quest’ultimo potrà essere assistito, per gli aspetti tecnologici e scientifici, da un soggetto non industriale, in qualità di sub-contraente (università, centro di ricerca, etc).

Il Partner italiano e quello israeliano dovranno esprimere la volontà di cooperare, su base paritaria, allo sviluppo di un nuovo prodotto, processo industriale o servizio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, italo-israeliani, possono essere presentati nelle seguenti aree:

  • medicina, biotecnologie, salute pubblica e organizzazione ospedaliera;
  • agricoltura e scienza dell’alimentazione;
  • applicazioni dell’informatica nella formazione e nella ricerca scientifica;
  • ambiente, trattamento delle acque;
  • nuove fonti di energia, alternative al petrolio e sfruttamento delle risorse naturali;
  • innovazioni dei processi produttivi;
  • tecnologie dell’informazione, comunicazioni di dati, software, sicurezza cibernetica;
  • spazio e osservazione della terra;
  • qualunque altro settore di reciproco interesse.

Il prodotto o servizio generato dalle attività di ricerca deve dimostrare evidenti potenzialità di migliorare prodotti esistenti o di crearne di nuovi sul mercato, in grado di garantire alla impresa partecipante utili dalle vendite. Il prodotto, processo o servizio deve presentare caratteristiche di innovazione tecnologica.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione concessa assumerà la forma di un finanziamento che potrà coprire fino al 50% delle spese ammissibili di ricerca e sviluppo.

In Italia il finanziamento verrà assegnato dal MAECI e potrà essere erogato secondo due possibili modalità:

  • In unica soluzione, a progetto ultimato.
  • In caso di manifestazione di interesse del richiedente, con la corresponsione di un anticipo, erogabile solo nelle seguenti condizioni:
  1. decorso un anno dall’accettazione del contributo stesso;
  2. previa richiesta di anticipo, inviata al MAECI per iscritto, entro i limiti del 50% del contributo concesso;
  3. previa presentazione di idonea documentazione atta a dimostrare la coerenza del progetto svolto nel primo anno con i preventivi di spesa ed i programmi presentati. A tale scopo dovranno essere documentate spese ammissibili ai sensi delle norme integrative pari ad almeno il 30% del contributo.
  4. la concessione del contributo è subordinata alla presentazione di garanzia fideiussoria, pari all’importo dell’anticipo richiesto ed escutibile entro l’anno successivo alla data di conclusione del progetto indicata nel decreto di assegnazione dei fondi, al netto delle spese di escussione e di ogni altra spesa accessoria.

I progetti approvati dalle Autorità italiane e israeliane che risulteranno vincitori verranno finanziati da entrambe le Parti contraenti l’Accordo.

I finanziamenti verranno concessi a ciascun Partner dalla propria Parte.

Il contributo verrà concesso secondo il regolamento de minimis.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 28/10/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 19, 2019
piemonte-fiere-estero-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Piemonte stimola la capacità di investire e di innovare del sistema produttivo piemontese, promuovendo politiche volte all’incremento dell’attività di internazionalizzazione delle imprese.

BENEFICIARI

I soggetti beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, ad esclusione di consorzi e società consortili e comunque qualsiasi altra forma aggregativa (a titolo di esempio, rete di imprese, ATI) e che soddisfino i seguenti requisiti:

1. siano iscritte da almeno un anno al registro delle imprese della Camera di Commercio e abbiano una sede operativa attiva in Piemonte;

2. svolgano la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • B – Estrazione di minerali da cave e miniere;
  • C – Attività manifatturiere (ad eccezione dei codici: 10.2 – Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi. 11.02 – Produzione di vini da uve 12 – Industria del tabacco);
  • D – Fornitura di Energia Elettrica, Gas, Vapore e Aria Condizionata;
  • E – Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
  • F – Costruzioni;
  • G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli (ad eccezione dei codici: 46.38.1 – Commercio all’ingrosso di prodotti della pesca freschi 46.38.2 – Commercio all’ingrosso di prodotti della pesca congelati, surgelati, conservati, secchi);
  • J – Servizi di informazione e comunicazione;
  • M – attività professionali, scientifiche e tecniche;
  • N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese,
  • R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (ad eccezione del codice:92 – Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco);
  • S – Altre attività di servizi (ad eccezione del codice: 94 – Attività di organizzazioni associative);

3. non abbiano ricevuto, altri contributi pubblici per le spese oggetto della richiesta di agevolazione;

4. devono partecipare alle fiere in qualità di espositore, dotato di stand proprio o collettivo, con riconoscimento esplicito.

INTERVENTI

Gli interventi devono riguardare la partecipazione a fiere ed eventi espositivi all’estero che si svolgono in Paesi Europei (Linea A) o in Paesi extra Europei (Linea B) e che dovranno avere inizio tra il 01/07 ed il 31/12/2019.

Non sono ammissibili le fiere a cui le imprese partecipano nell’ambito dei progetti integrati di filiera (PIF) già finanziati dalla Regione Piemonte a valere sul POR FESR 2014-2020.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • diritto di plateatico (spazio espositivo e diritti connessi);
  • inserimento dell’azienda nel catalogo dell’evento fieristico;
  • allestimento e pulizia stand;
  • facchinaggio in fiera;
  • realizzazione di materiale (cataloghi, listini e schede tecniche in lingua straniera, anche in formato elettronico) e/o di iniziative di tipo promozionale/commerciale (es. servizi accessori dell’hotel, catering) da utilizzare in fiera e riconducibile alla fiera stessa, nella misura massima di € 1.500,00;
  • altre spese strettamente riconducibili alla fiera entro il limite del 10% del voucher.

Sono considerate ammissibili anche spese fatturate e quietanzate prima della presentazione della domanda a condizione che siano necessarie e connesse alla fiera indicata in domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto (Voucher), fino alla concorrenza del 100% delle spese ammissibili, per l’importo massimo di:

  • € 5.000,00 – fiere in Paesi Europei – Linea A;
  • € 7.000,00 – fiere in Paesi extra Europa – Linea B.

Le imprese richiedenti possono presentare una sola domanda per le fiere in Paesi Europei e una sola domanda per le fiere in Paesi extra Europa.

TERMINE

Le domande possono essere inviate dalle ore 09:00 del 14/05 alle ore 12:00 del 23/05/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 22, 2019
innowwide-first-call.jpg

FINALITÀ

Per competere efficacemente sui mercati esteri nuovi ed emergenti, le PMI europee devono sviluppare partnership strategiche in Paesi extraeuropei.

Con il presente Bando, l’UE porta le PMI innovative europee in prima linea nei mercati internazionali attraverso il finanziamento di studi di fattibilità, (VAPs) ovvero una serie di valutazioni tecniche preliminari, di mercato, legali e socio-economiche.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • le Startup di qualsiasi settore economico costituite in forma di società di capitali;
  • le Piccole e Medie Imprese, comprese aziende di nuova costituzione, che non hanno ancora prodotto utili e che intendono ampliare il proprio mercato, costituite in forma di società di capitali;
  • Società di persone;
  • Associazioni;
  • Lavoratori autonomi.

I beneficiari devono risiedere o avere sede legale in uno degli Stati membri dell’UE o in uno degli Stati che partecipano ai progetti Horizon 2020.

INTERVENTI

Ciascun intervento ammissibile potrà riguardare una di queste tre categorie geografiche di mercati:

1. Paesi sviluppati (America, Canada, Giappone, Korea, Singapore, Taiwan, Australia, Nuova Zelanda);

2. Paesi con grandi economie emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Messico);

3. Paesi in via di sviluppo (Afghanistan, Algeria, Angola, Argentina, Azerbaijan, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Isole Comore, Repubblica Democratica del Congo, Comoros, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Csta d’Avorio, Cuba, Gibuti, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Buissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, San Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Tajikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Leste, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe).

Gli interventi che potranno essere oggetto di finanziamento devono includere combinazioni delle seguenti attività:

1. Servizi di innovazione e trasferimento tecnologico:

  • Definizione di un progetto complementare di ricerca e sviluppo congiunto per la co-creazione o la tecnologia ed adattamento dello stesso con il/i partners locali;
  • Analisi dell’ambiente IP;
  • Scoperta della tecnologia e verifica delle novità;
  • Valutazione della tecnologia;
  • Analisi della situazione giuridica della tecnologia;
  • Protezione della tecnologia e progettazione della strategia di valorizzazione;
  • Matchmaking di partnership tecnologica;
  • Prove su scala ridotta (sperimentazione e assimilazione, ulteriore ricerca e sviluppo lavoro preparatorio).

2. Prospettiva di mercato:

2.1 Ricerche di mercato (studi e studi sul campo):

  • Rilevazione anticipata delle indagini sulle opportunità commerciali (pre-concettualizzazione);
  • Analisi qualitativa (analisi del consumatore: segmenti, preferenze, schemi, motivazioni, opinioni, attitudini, valori, cultura);
  • Ricerca commerciale del prodotto (orientata all’esperienza del cliente locale: concetto, design, fornitura, uso …);
  • Analisi quantitative di mercato (reali, potenziali, tendenze);
  • Analisi della concorrenza (quota di mercato, posizionamento, proposte di valore, catene di valore …);
  • Analisi dei potenziali partner per la distribuzione e il marketing;
  • Analisi dei potenziali fornitori;
  • Analisi PESTLE (questioni sociali, economiche, ambientali, tecnologiche e legali).

2.2 Verifica di conformità:

  • Verifica amministrativo / legale dell’FTO / due diligence;
  • Identificazione delle migliori pratiche sociali e culturali e pianificazione dell’implementazione.

2.3 Viaggi:

  • Fiere / conferenze / giornate informative / eventi di networking e matchmaking;
  • Workshop / incontri congiunti con potenziali partner;
  • Seminari con i partner per preparare proposte / progetti congiunti.

2.4. Preparazione specifica del materiale tecnico promozionale (orientato alla valorizzazione della tecnologia).

Per essere ammesso, l’intervento deve includere almeno:

  • 4 elementi della Sezione 1 – Servizi di innovazione e trasferimento tecnologico;
  • 4 elementi della Sezione 2.1 – Ricerche di mercato (studi di settore e sul campo);
  • 1 elemento dalla Sezione 2.2 – Verifica della conformità.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il budget disponibile per questo invito è di € 3.000.000,00.

Ogni VAP, cioè ogni studio di fattibilità approvato riceverà una sovvenzione fissa di € 60.000, che rappresenta un massimo del 70% delle spese ammissibili.

Il valore minimo del progetto è pari ad € 86.000.

Il 50% sarà erogato all’inizio del progetto. Dopo 6 mesi verrò richiesto un rapporto finale sul VAP realizzato. Successivamente alla sua approvazione verrà pagato il restante 50%.

TERMINE

La domanda deve essere inviata fino alle ore 12:00 del 31/05/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

Pending Certification