Notizie e Bandi

Novembre 18, 2020
cciaa-sondrio-export-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Sondrio sostiene le imprese che operano sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business su nuovi o primi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o operativa in provincia di Sondrio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto percorsi di rafforzamento della presenza all’estero, quali ad esempio:

  • progetti di sviluppo della presenza sui mercati esteri e inserimento in azienda di un temporary export manager (TEM) in affiancamento al personale aziendale;
  • piani aziendali volti a rafforzare la presenza all’estero dell’impresa, individuando nuove opportunità di business nei mercati già serviti o in nuovi mercati di sbocco;
  • servizi di analisi e orientamento per facilitare l’accesso sui mercati esteri e individuare nuovi canali;
  • analisi e ricerche di mercato per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco;
  • ricerca di clienti e partner, per stipulare contratti commerciali, accordi di collaborazione, programmare attività di outgoing o incoming;
  • formazione imprenditoriale e del personale addetto;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la predisposizione e traduzione dei contenuti di brochure e presentazioni;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • servizi di assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza da Covid-19.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per servizi di consulenza o assistenza tecnica nonchè quelle di formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo la cui intensità massima è pari al 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 3.500,00. L’importo minimo è di € 1.400,00.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con altri aiuti di cui al “Quadro Temporaneo” e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis o concessi ai sensi di un regolamento GBER a condizione che siano rispettate le disposizioni e le norme relative al cumulo.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 12:00 del 18/12/2020 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Ottobre 19, 2020
umbria-internazionalizzazione-fiere-internazionali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce la partecipazione delle imprese a fiere internazionali con l’obiettivo di rafforzare la competitività, favorire l’internazionalizzazione e la promozione dell’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative e i contratti di rete soggetto, esportatrici e non, aventi la sede legale o l’unità locale nella Regione Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un contributo per la partecipazione a 1 o più fiere internazionali, fino a un massimo di 5, nel periodo tra lo 01/10/2020 e il 31/12/2021, con svolgimento in data successiva alla presentazione della domanda.

I beneficiari potranno partecipare a fiere internazionali in modalità tradizionale e digitale in Italia, in Europa o Extra-UE.

E’ ammessa solo la partecipazione come espositore diretto, intestatario dell’affitto dell’area espositiva.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono così determinate:

Fiere internazionali tradizionali:

  • affitto area espositiva;
  • quote di iscrizione, quote per servizi assicurativi e altri oneri obbligatori;
  • allestimento stand;
  • allacciamenti quali energia elettrica, acqua, internet e pulizia stand;
  • iscrizione al catalogo della manifestazione;
  • hostess e interpreti impiegati allo stand;
  • brochure e materiali promozionali, anche in forma digitale.

Fiere internazionali digitali:

  • costi di iscrizione e partecipazione all’evento nonché dei servizi offerti dall’Ente organizzatore;
  • ideazione e realizzazione dello stand virtuale;
  • ideazione e realizzazione di Cataloghi prodotti multilingue multimediale o brochure multimediale;
  • spese assicurative e di trasporto di materiale campionario;
  • aggiornamento del sito web aziendale;
  • attrezzatura Hw e Sw e costi di connessione per la partecipazione agli eventi on-line promossi dall’ente organizzatore.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto così determinato:

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta dei Costi Standard:

Fiere internazionali in Italia:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 1.600,00 al giorno per un massimo di € 8.000,00.

Fiere internazionali all’estero:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 2.000,00 al giorno per un massimo di € 10.000,00.

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Contributo per fiere digitali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Agosto 19, 2020
cciaa-modena-voucher-internazionalizzazione-2020-valore-consulting-1280x960.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Modena rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, anche attraverso L’utilizzo di strumenti innovativi, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Modena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di iniziative sui mercati internazionali, nei seguenti ambiti di attività:

Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero

  • servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l’accesso nei mercati esteri e individuare nuovi canali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei contenuti di brochure e presentazioni aziendali;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza Covid-19;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di temporary export manager e digital export manager.

Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero percorsi di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • sviluppo della gestione di business on line, attraverso il posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • analisi e ricerche di mercato per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco;
  • ricerca clienti/partner per stipulare contratti commerciali o accordi di collaborazione.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore a € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali;
  • realizzazione di spazi espositivi, virtuali o fisici, e incontri d’affari.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 23/02/2020 fino al 120° giorno successivo alla data della Determinazione di approvazione delle graduatorie delle domande ammesse a contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 10.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 08:00 del 14/09/2020 alle ore 21:00 del 16/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Agosto 18, 2020
cciaa-novara-restart-2020-valore-consulting-1280x791.jpeg

FINALITÀ

La Camera di commercio di Novara sostiene le imprese del territorio nell’affrontare la situazione di crisi economica causata dall’emergenza COVID-19, favorendo la continuità delle attività e la ripresa delle stesse al termine del periodo di lockdown.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese aventi sede legale e/o unità locale nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Novara, attive e iscritte al Registro delle Imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di progetti in uno dei seguenti ambiti:

  • innovazione digitale;
  • sicurezza sanitaria, dei dipendenti e sul posto di lavoro;
  • internazionalizzazione;
  • formazione del personale.

L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 1.000,00 ed € 10.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Innovazione PID:
  1. notebook, tablet e altri device finalizzati al lavoro a distanza; tecnologie e servizi in cloud; acquisto e installazione VPN, VoiP, sistemi di Backup e sicurezza di rete;
  2. software per servizi alla clientela nazionale ed estera (siti web, app, integrazioni con provider, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery);
  3. strumentazione per la connettività (smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne);
  4. consulenza connessa agli investimenti precedenti.
  • Covid-19:
  1. consulenza per la messa in sicurezza delle strutture aziendali;
  2. materiale per delimitare spazi e marcare distanze di sicurezza;
  3. strumenti per la misurazione della temperatura corporea e sistemi di controllo accessi;
  4. strumenti per la sanificazione degli ambienti e delle attrezzature di lavoro, costi di adeguamento degli impianti di climatizzazione e interventi di sanificazione straordinaria;
  5. materiale segnaletico e informativo.
  • Internazionalizzazione:
  1. servizi di orientamento per facilitare l’accesso ai mercati esteri;
  2. potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera;
  3. ottenimento o il rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  4. assistenza specialistica sul versante legale o contrattuale legato all’estero.
  • Formazione:
  1. formazione dei dipendenti o dei titolari/soci in materia di innovazione organizzativa, sicurezza e internazionalizzazione.

Sono ammissibili le spese sostenute dallo 01/02/2020 al 31/07/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto a copertura del 50% delle spese ammissibili, con un importo massimo pari ad € 3.000,00.

Gli aiuti sono cumulabili, per gli stessi costi ammissibili, con altri aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 21:00 del 15/10/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Luglio 16, 2020
toscana-internazionalizzazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le società consortili, costituiti o costituendi.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti esercitanti attività economica volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Toscana, essere iscritti alla CCIAA territorialmente competente ed esercitare un’attività economica rientrante in uno dei seguenti settori: B (ad esclusione dei seguenti codici: 05.1, 05.2, 08.92), C (ad esclusione dei seguenti codici: 19.1), D, E, F, H (ad esclusione dei seguenti codici: 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2), I 55.1, I 55.2, I 55.3, I 55.9, J (ad esclusione dei seguenti codici: 60, 61.9 e 63.9), M, N (ad esclusione dei seguenti codici: 82.3; compreso il codice: 79), R 90.03.02, R 93.29.20, S 96.01.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di internazionalizzazione rivolti esclusivamente a Paesi esterni all’Unione Europea.

Il progetto deve prevedere investimenti consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati per l’internazionalizzazione ed illustrare le modalità realizzative, finanziarie e gestionali.

TIPOLOGIA BENEFICIARIO INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Micro impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Società consortile/Reti soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/ATI, ATS, Reti contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (es. 30.000 se le imprese sono tre, di microdimensione, 40.000 se le imprese sono quattro ecc..). Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (es. 450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc..). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a 1.000.000 €

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. Partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  2. Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di sale espositive all’estero;
  3. Servizi promozionali (es. vetrine digitali in lingua estera, “virtual matchmaking”);
  4. Supporto specialistico all’internazionalizzazione (es. digital export manager);
  5. Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la duplice veste di una sovvenzione e di un voucher.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre come aiuti di Stato, contributi a titolo di de minimis e Fondi UE a gestione diretta.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI INTENSITA’ AIUTO E MASSIMALI DI SPESA
Micro Piccole Medie
1 Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale 50%  € 30.000,00 50%  € 40.000,00 40%  € 40.000,00
2 Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero 50%  € 80.000,00 50%  € 100.000,00 40%  € 120.000,00
3 Servizi promozionali 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 40%  € 40.000,00
4 Supporto specialistico all’internazionalizzazione 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00
5 Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00

TERMINE

La misura è stata chiusa in data 22/07/2020.


Luglio 9, 2020
umbria-voucher-servizi-consulenziali-2020-1280x766.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce l’attivazione di servizi consulenziali a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese che si presentano in forma singola sui mercati internazionali, con l’obiettivo di rafforzarne l’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative e i contratti di rete soggetto, esportatrici e non, aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA dell’Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto i servizi di consulenza orientati a supportare le imprese nel percorso d’internazionalizzazione in Paesi dell’UE ed extra UE.

Nello specifico sono ammissibili i seguenti servizi di consulenza:

  • affiancamento specialistico all’internazionalizzazione: rafforzamento delle funzioni aziendali per l’internazionalizzazione, tramite la disponibilità di un Temporary Export Manager (TEM) o di un Digital Export Manager (DEM);
  • servizi specialistici per l’internazionalizzazione:
    • assistenza legale inerente alla contrattualistica internazionale, la gestione delle controversie e recupero dei crediti con riferimento a mercati esteri;
    • consulenza fiscale su aspetti inerenti la fiscalità societaria e commerciale in contesti internazionali;
    • consulenza doganale su aspetti tecnici, legislativi e procedurali connessi all’import/export;
  • promozione digitale sui mercati esteri:
    • progettazione di show-room e vetrine virtuali, di piattaforme AR/VR Business commerce per l’export e piattaforme e-commerce B2C o B2B esistenti;
    • progettazione di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobili) finalizzati all’internazionalizzazione;
    • progettazione e sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali digitali prescelti verso i mercati esteri selezionati;
    • adeguamento e potenziamento del sito web, portali e altri ambienti web-based in inglese o nella lingua dei paesi target;
    • ideazione e realizzazione di design e brand per la penetrazione nei mercati esteri;
  • servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali:
    • per ottenere certificazioni estere di prodotto;
    • per la registrazione dei diritti di privativa industriale (marchi, brevetti) all’estero;
    • per ottenere certificazioni di qualità conformi alle pertinenti norme europee e che agevolano la penetrazione sui mercati esteri.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo come di seguito riportato:

TIPOLOGIA SERVIZIO IMPORTO MAX AMMISSIBILE (3 < DIPENDENTI A TEMPO IND < 10) IMPORTO MAX AMMISSIBILE (DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO ≥ 10)
Affiancamento specialistico all’internazionalizzazione € 14.000,00 € 20.000,00
Servizi specialistici per l’internazionalizzazione € 7.000,00 € 10.000,00
Promozione digitale sui mercati esteri € 7.000,00 € 10.000,00
Servizi per l’adeguamento tecnico ai mercati internazionali € 7.000,00 € 10.000,00

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nelle seguenti misure:

  • 50% delle spese ammissibili, per tutte le tipologie di beneficiari;
  • 60% delle spese ammissibili, per le imprese già esportatrici al 2019, con una percentuale di fatturato export sul fatturato totale (al 2019) compresa tra il 10 e il 40%;
  • 70% delle spese ammissibili, per le imprese neo-esportatrici al 31/12/2019 e che dichiarano un fatturato export sul fatturato totale (al 2019) minore o pari al 10%.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 02/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Giugno 11, 2020
cciaa-ferrara-export-internazionalizzazione-intelligente-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Ferrara sostiene le imprese che avviano o riavviano attività di export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese manifatturiere e di alcuni servizi connessi alla manifattura, esportatrici abituali o occasionali e, in via secondaria, anche imprese non esportatrici, aventi sede legale e/o sede operativa attiva in Emilia-Romagna con un fatturato minimo di € 300.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un progetto finalizzato a supportare l’impresa sui mercati internazionali.

Il progetto potrà comprendere le seguenti principali attività:

  • attività formative, anche a carattere specialistico e di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali (es.: gestione di business on line e di supporto all’inserimento nei marketplace);
  • attività di assistenza a carattere specialistico anche di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing (es.: predisposizione o revisione del sito internet dell’impresa in lingua straniera e pubblicizzazione tramite internet);
  • sviluppo di canali promozionali e commerciali digitali attraverso l’accesso a piattaforme di e-commerce internazionali (b2b e b2c);
  • posizionamento su piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali per l’avvicinamento alla gestione di business on line;
  • partecipazione a fiere a carattere internazionale e a convegni specialistici a carattere internazionale esclusivamente in modalità virtuale;
  • protezione del marchio dell’impresa;
  • ottenimento delle certificazioni di prodotto;
  • TEM o Digital Export Manager;
  • b2b e b2c anche virtuali attraverso l’utilizzo di piattaforme digitali.

Gli interventi dovranno essere realizzati tra il 01/01/2020 ed il 31/12/2020.

Ciascun beneficiario potrà presentare un solo progetto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammonterà ad € 3.000,00, mentre quello massimo ad € 20.000,00.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del bando da parte della Camera di Commercio di Ferrara.


Maggio 27, 2020
lazio-voucher-internazionalizzazione-valore-consulting-1280x825.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene gli interventi di internazionalizzazione per favorire l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola, inclusi i liberi professionisti, titolari di partita IVA, con sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

Possono presentare istanza anche le MPMI, inclusi i liberi professionisti, che non hanno sede operativa nel Lazio, purché intendano localizzarsi in regione e si impegnino ad attivare tale sede operativa entro la data dell’erogazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di progetto:

A. Partecipazione a Fiere: manifestazioni fieristiche, saloni internazionali e rilevanti eventi commerciali in Paesi UE ed extra UE. Gli Eventi che si svolgono sul territorio nazionale sono ammissibili solo se inseriti nel calendario delle manifestazioni fieristiche in Italia;

B. Servizi TEM: acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, forniti da una “Società di TEM” (Temporary Export Manager) iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico che abbiano un’esperienza almeno triennale in progetti simili per tematica, oggetto e/o tipologia dell’intervento, documentata da almeno 8 contratti.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento A, è ammissibile la Partecipazione a Fiere prenotate prima della presentazione della domanda purché l’Evento si realizzi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando; sono ammissibili le spese relative alle tariffe di iscrizione e affitto di spazi espositivi eventualmente già sostenute alla data di presentazione della domanda, purché successive allo 01/01/2019.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento B non sono ammissibili Servizi TEM contrattualizzati prima della presentazione della domanda, resi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando.

Il Progetto include l’impegno del personale dedicato alla sua realizzazione; il relativo costo sarà riconosciuto in forma forfettaria ad incremento dell’importo dei costi di progetto da rendicontare.

I Progetti devono essere conclusi e rendicontati entro il 30/06/2021. Resta ferma la possibilità di presentare la rendicontazione non appena sia completato il progetto, cioè quando sono realizzati tutti gli eventi previsti e/o completati i servizi TEM, anticipando la richiesta di erogazione del contributo.

Ciascun beneficiario può presentare un solo progetto.

TABELLA 1 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Imorto minimo Importo massimo
Intero progetto: -Tipologia di intervento A; -tipologia di intervento B; – tipologia di intervento A + Tipologia di intervento B € 5.000,00 € 35.000,00
TABELLA 2 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia d’intervento A € 5.000,00 € 15.000,00
Singolo evento Italia € 3.000,00 € 7.000,00
Singolo evento Paesi UE € 5.000,00 € 10.000,00
Singolo evento Paesi extra UE € 7.000,00 € 15.000,00
TABELLA 3 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia di intervento B: -servizi TEM € 5.000,00 € 20.000,00

SPESE AMMISSIBILI

I costi per realizzare il progetto devono essere distinti in:

  1. costi di progetto da rendicontare;
  2. costi del personale a forfait.

Con riferimento ai costi di progetto da rendicontare, sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

A – Partecipazione a Fiere:

  • spese connesse alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, rilevanti eventi commerciali, quali affitto di spazi espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento, progettazione e allestimento dello stand, trasporto e assicurazione dei materiali, servizi di interpretariato e hostess, produzione di materiali promozionali. Non sono ammissibili le spese di viaggio, vitto e soggiorno connesse alla partecipazione all’Evento.

B – Servizi TEM:

  • spese per prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione, quali:
  1. acquisizione di competenze di management, tecniche, tecnologiche, tra le quali il Program Manager (Gestione del percorso di internazionalizzazione), l’Innovation Manager (accompagnamento all’innovazione e trasformazione digitale, di prodotto e dei modelli di business aziendali), l’Export Manager (Analisi dei Paesi target, analisi di mercato, adeguamento prodotti);
  2. analisi e ricerche di mercato;
  3. affiancamento nell’individuazione di potenziali partner industriali e commerciali e nell’acquisizione di nuovi clienti o assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale;
  4. sviluppo di competenze;
  5. supporto specialistico per la realizzazione di incontri B2B;
  6. supporto specialistico per l’adeguamento del sito e del materiale promozionale, per il web marketing per il commercio on-line e per l’adesione a piattaforme di e-commerce.

I servizi sono ammissibili solo se forniti da una “società di TEM” iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il MISE o da altri soggetti che abbiano gli specifici requisiti.

I costi di personale a forfait sono relativi al personale che partecipa all’evento e/o che opera in affiancamento al soggetto che offre Servizi TEM sono riconosciuti nella misura pari al 15% delle spese ammissibili; si considera anche il tempo eventualmente dedicato da personale non dipendente e/o dal titolare della MPMI e/o dai Liberi Professionisti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto in misura compresa fra il 45% e il 70% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 18:00 del 29/05/2020.


Aprile 21, 2020
lazio-internazionalizzazione-pmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio rafforza la competitività del proprio sistema produttivo mediante la concessione di contributi per progetti di internazionalizzazione fondati sul collegamento tra internazionalizzazione ed innovazione di prodotto e di processo e l’incrocio tra manifattura e terziario avanzato, ricadenti nelle aree della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, inclusi i liberi professionisti, con sede legale e/o unità operativa nel territorio della regione Lazio.

I beneficiari devono possedere i seguenti requisiti:

  • iscritti al Registro delle Imprese o, se liberi professionisti, titolari di una partita IVA attiva;
  • non essere impresa in difficoltà;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • possedere una situazione di regolarità contributiva;
  • osservare gli obblighi dei CCNL e rispettare le norme dell’ordinamento giuridico italiano e regionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione degli infortuni sul lavoro e malattie professionali, inserimento dei disabili, pari opportunità, contrasto al lavoro irregolare e riposo giornaliero e settimanale, tutela dell’ambiente;
  • rispettare la disciplina antimafia;

I beneficiari possono partecipare sia in forma singola che associata.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di attività:

  • A – cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali;
  • B – acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione;
  • C – attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali.

Gli interventi devono possedere le seguenti caratteristiche:

  • essere realizzati da MPMI, inclusi i liberi professionisti, in forma singola o tramite aggregazioni temporanee, composte al massimo da 6 imprese;
  • avere un valore complessivo non inferiore a:
  1. € 36.000,00 per i progetti presentati singolarmente dalle MPMI;
  2. € 36.000,00, con impregno minimo di € 12.000,00 per singola MPMI, per i progetti presentati da aggregazioni temporanee;
  • non risultare completati alla data di presentazione della domanda;
  • essere pagati e rendicontati entro 12 mesi dalla data di concessione del contributo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • spese da rendicontare, per un importo non inferiore ad € 30.000,00 per ciascun progetto;
  • costi del personale, a forfait, in misura pari al 20% delle spese indicate al precedente punto;
  • costi indiretti a forfait, in misura pari al 5% delle spese indicate al primo punto.

Le spese sono suddivise in riferimento alle singole tipologie di progetto:

A – cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali

A1. Partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, eventi commerciali all’estero

Comprende le spese di partecipazione ad una fiera o ad un salone internazionale, dalla locazione di uno spazio espositivo, all’allestimento e noleggio dello stand nonché per tutti quei costi che servono per l’esposizione del materiale e che possono riguardare:

  • le competenze tecniche per l’interpretariato e la traduzione;
  • i servizi di trasporto assicurativi e similari connesse al trasporto di campionari specifici anche utilizzati ai fini di dimostrazioni di fasi di lavorazione artigianale con finalità promozionali.

A2.Progettazione e realizzazione di eventi promozionali volti alla valorizzazione di filiere e reti d’imprese; realizzazione temporanea all’estero, per un periodo massimo di 12 mesi, di showroom e di centri espositivi

Comprende le spese riguardanti l’organizzazione, la partecipazione ad eventi o alla realizzazione di showroom temporanei all’estero o anche in Italia, ma solo in corrispondenza di eventi inseriti nel calendario delle manifestazioni internazionali o collegate a fiere o saloni internazionali. Le spese dovranno riguardare la locazione dei locali in Italia o all’estero per la realizzazione dell’evento, il noleggio dell’attrezzatura ed il relativo materiale informativo e divulgativo. Sono compresi anche i costi di conferenze stampa, convegni, anche connessi a fiere e saloni internazionali. Per gli eventi di incoming sono ricomprese le spese di viaggio e soggiorno degli operatori esteri.

A3. Azioni di promozione, comunicazione e marketing strumentali ad A1 ed A2.

Spese per azioni di comunicazione e marketing collegate ad una delle azioni di cui ai punti A1 ed A2, ovvero: creazione di siti web, portali ed altri ambienti web-based, attività di web marketing in inglese o nella lingua del Paese target, azioni di comunicazione ed adesione a piattaforme di e-commerce sui mercati internazionali.

B – acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione

B1. Consulenza strategica per l’elaborazione di un piano di penetrazione commerciale in un determinato Pese e settore

Spese relative a servizi di consulenza.

B2. Consulenza strumentale al progetto di internazionalizzazione.

Spese per l’acquisizione di servizi di consulenza ed assistenza tecnico-specialistici, prestati da soggetti esterni all’impresa richiedente, di supporto e strumentali al processo di internazionalizzazione.

B3. Spese relative al Temporary Export Manager (TEM) e consulenze specialistiche ad integrazione di funzioni aziendali e funzionali al progetto di internazionalizzazione.

Spese per il TEM e le consulenze specialistiche ad integrazione delle funzioni aziendali e funzionali al progetto di internazionalizzazione.

C – attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali

C1. Investimenti materiali ed immateriali finalizzati al progetto di espansione su nuovi mercati.

Spese per la registrazione e la protezione del marchio o di altri diritti industriali nei mercati di destinazione, per l’ottenimento, la convalida e la difesa dei brevetti.

C2. Investimenti materiali ed immateriali, per diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente, in funzione delle attività di internazionalizzazione previste dal piano di investimenti per l’export.

Spese per l’adeguamento dei processi, dei prodotti e dei sistemi aziendali; spese per l’acquisto e l’installazione di reti, impianti, apparecchiature, strumenti e materiali necessari alla realizzazione del progetto di internazionalizzazione, nonché software e applicativi digitali necessari al progetto di internazionalizzazione.

I costi del personale a forfait sono relativi al personale che il beneficiario ha dedicato alla realizzazione del progetto e/o per attività di affiancamento per la realizzazione dello stesso.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regime de minimis, assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TIPOLOGIA DI INTERVENTO INTENSITA’ AIUTO % ARTICOLO RGE DI RIFERIMENTO
A – cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali.
A1. Partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali ed eventi commerciali all’estero 50% 19
A2. Progettazione e realizzazione di eventi promozionali volti alla valorizzazione di filiere e reti d’imprese; realizzazione temporanea all’estero, per un periodo massimo di 12 mesi, di showroom e di centri espositivi; 50% solo in de minimis
A3. Azioni di promozione, comunicazione e marketing strumentali ad A1 ed A2 50% 18
B – acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione
B1. Consulenza strategica per l’elaborazione di un piano di penetrazione commerciale in un determinato Paese e settore. 50% 18
B2. Consulenza strumentale al progetto di internazionalizzazione. 50% 18
B3. Spese relative al Temporary Export Manager e consulenze specialistiche ad integrazione di funzioni aziendali e funzionali al progetto di internazionalizzazione 50% 18
C. Attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali.
C1. Investimenti materiali ed immateriali finalizzati al progetto di espansione su nuovi mercati. 50% 28
C2. Investimenti materiali ed immateriali , per diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente, in funzione delle attività di internazionalizzazione previste dal piano di investimenti per l’export. 20% micro e piccole imprese; 10% medie imprese 17

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 18:00 del 18/09/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Aprile 21, 2020
veneto-aggregazioni-pmi-valore-consulting.png

FINALITÀ

Il bando promuove l’attivazione e lo sviluppo di aggregazioni di PMI, quali Reti di imprese, ATI, ATS e Consorzi per la realizzazione di interventi che favoriscano l’orientamento ai mercati internazionali delle imprese aderenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le aggregazioni di imprese costituite nelle forme di:

  • Reti di imprese con soggettività giuridica (Rete soggetto) o senza soggettività giuridica (Rete contratto);
  • Associazione temporanee di impresa (ATI) o Associazioni temporanee di scopo (ATS);
  • Consorzi e società consortili attraverso l’individuazione puntuale delle imprese consorziate che aderiscono al progetto.

Tali aggregazioni devono essere composte da almeno 9 Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica, con un’unità operativa attiva e iscritte al Registro
delle imprese o al REA presso la CCIAA competente per territorio.

Le imprese partecipanti possono anche esercitare attività di supporto e di integrazione con il settore turistico tradizionale.

Le aggregazioni di imprese dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • almeno un terzo delle imprese partecipanti deve essere composto da strutture ricettive;
  • almeno un terzo delle imprese aggregate deve avere sede operativa in uno dei Comuni dell’Organizzazioni di Gestione della Destinazione riconosciute dalla Regione Veneto;
  • almeno una lettera di concessione del partenariato da parte di una o più OGD in cui operano le imprese aggregate, ai fini della verifica di coerenza fra il progetto di promozione dell’aggregazione e le strategie della destinazione.

Possono partecipare all’aggregazione anche le Grandi Imprese od Imprese non in possesso dei requisiti richiesti. Queste sono conteggiate esclusivamente nel calcolo del totale delle imprese partecipanti all’aggregazione ma non hanno diritto all’agevolazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di attivazione, sviluppo, consolidamento di aggregazioni di PMI,  per la realizzazione di azioni, realizzate e gestite unitariamente, che favoriscano l’orientamento alla domanda e ai mercati internazionali dei prodotti turistici delle imprese aderenti all’aggregazione, ovvero:

  • analisi di supporto allo sviluppo commerciale all’estero delle imprese aderenti all’aggregazione;
  • coordinamento e gestione del progetto in relazione alle attività da svolgere nei mercati e nei Paesi obiettivo, ivi comprese attività di sviluppo dei social network, di sviluppo dei rapporti con i Tour Operator stranieri, nonché di sviluppo di accordi contrattuali;
  • attività di promozione commerciale quali la creazione e gestione di incontri fra la domanda e l’offerta, la partecipazione ad eventi promozionali e manifestazioni fieristiche, la pianificazione di iniziative di incoming di Tour Operator e di press tour nei territori/destinazioni dove hanno sede le imprese dell’aggregazione.

Almeno il 60% delle spese ammissibili deve riguardare attività rivolte a mercati e partner internazionali.

La stessa aggregazione può presentare una sola domanda di partecipazione.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore pari o superiore ad € 100.000,00 e dovranno essere conclusi entro 24 mesi dalla pubblicazione del provvedimento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nella seguente elencazione:

  1. acquisto di beni mobili e servizi funzionali all’adeguamento dei prodotti turistici ai mercati target;
  2. assistenza tecnico-specialistica prestata da soggetti esterni all’aggregazione per coordinamento operativo delle attività del progetto;
  3. predisposizione o revisione del sito internet del progetto e per la sua pubblicizzazione (SEO, SEM, direct email marketing, content management e monitoraggio dei risultati);
  4. promozione e commercializzazione dei prodotti turistici dell’aggregazione di imprese, come la creazione e gestione di incontri fra la domanda e l’offerta, la pubblicità su social media, radio-televisione, carta stampata, affissioni, produzione di materiali promozionali, partecipazione ad eventi promozionali; spese di pianificazione e gestione di iniziative di incoming di Tour Operator e di press tour nelle destinazioni turistiche coinvolte;
  5. costituzione/aggiornamento dell’aggregazione;
  6. garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione, da altri istituti finanziari o dai Confidi, relative alla fideiussione per ottenere l’anticipo sull’agevolazione;
  7. personale dipendente;
  8. consulenze propedeutiche all’attività di promo-commercializzazione che comprendono: analisi di mercato per lo sviluppo commerciale all’estero delle imprese aderenti all’aggregazione, spese per check up volti alla valutazione dello sviluppo delle imprese sui “mercati obiettivo”, realizzazione di piani di export, ricerca di partner commerciali e di buyer stranieri, studi o servizi di consulenza necessari al lancio di un nuovo prodotto turistico o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato;
  9. partecipazione a fiere nei “mercati obiettivo” che comprendono spese di locazione dello stand, servizi di progettazione, montaggio dello stand, trasporto dei materiali e dei prodotti con eventuali spese di assicurazione;
  10. personale dipendente per la partecipazione a fiere.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% della spesa ammissibile, nel limite di:

  • € 300.000,00 corrispondenti ad una spesa ammissibile pari o superiore ad € 600.000,00;
  • € 50.000,00 corrispondenti ad una spesa ammissibile pari ad € 100.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 09/06/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification