Notizie e Bandi

Ottobre 30, 2019
unione-europea-automazione-logistica-produzione-valore-consulting-1280x720.jpg

FINALITÀ

L’Unione Europea implementa l’utilizzo nelle PMI e nelle Midcap del settore manifatturiero di robot mobili per potenziare l’automazione logistica nella produzione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Piccole e Medie Imprese manifatturiere;
  • Midcap manifatturiere con un numero di dipendenti fino a 499;
  • ICT presenti presso le PMI o le Midcap;
  • Fornitori di tecnologia o produttori di AGV (sotto forma di PMI o midcap);
  • Centri di ricerca, Università e Digital innovation hub.

I beneficiari devono dare luogo ad una partnership composta almeno da 2 soggetti, di cui uno sia una PMI o una Midcap manifatturiera.

I componenti dell’aggregazione debbono essere indipendenti l’uno dall’altro.

Verranno accettate anche domande presentate da singoli beneficiari; in questo caso, mediante i propri servizi di intermediazione, il L4MS provvederà ad individuare i partner giusti per dare luogo
ad un consorzio.

I beneficiari devono avere la propria sede legale e/o unità operativa in uno dei seguenti Paesi:

  • Stati membri dell’UE;
  • possedimenti d’oltremare degli Stati membri dell’UE: Anguilla, Aruba, Bermuda, Territori britannici dell’Antartico, Territori britannici dell’Oceano Indiano, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Isole Falkland, Polinesia Francese, Territori francesi del sud Antartico, Groenlandia, Montserrat, Antille olandesi Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten, Nuova Caledonia e le sue Dipendenze, Pitcairn, Saint Barthélemy, Saint Helena, Saint Pierre e Miquelon, Georgia del Sud e le Isole Sandwich del sud, Isole Turks e Caicos, Isole Wallis e Futuna;
  • Stati associati al programma Horizon 2020 ovvero: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord della Macedonia, Montenegro, Serbia, Turchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia, Armenia;
  • I seguenti Paesi: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaijan, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Congo (Repubblica Democratica), Congo (Repubblica), Costa Rica, Costa d’Avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Core ,Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea- Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Giamaica,  Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Ruanda, Samoa, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts e Nevis, St. Lucia, St. Vincent e le Grenadine, Sudan, Suriname, Swaziland, Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Este, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I componenti del consorzio devono appartenere a Stati diversi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto sia i robot umani, altamente configurabili, che i sistemi logistici automatici. Gli interventi devono dimostrare come l’utilizzazione di queste tecnologie sia in grado di ridurre realmente i costi di installazione, configurazione e distribuzione.

I progetti devono incentrarsi sull’implementazione delle seguenti aree tematiche:

  • soluzioni logistiche completamente automatizzate end-to-end;
  • soluzioni logistiche automatizzate altamente configurabili;
  • soluzioni logistiche multi-vendor.

Gli interventi ammissibili devono essere ambiziosi e presentare un TRL compreso tra 7 e 9; inoltre, i progetti devono inglobare anche materie trasversali come: “Contributo all’ambiente e all’economia a basse emissioni di carbonio” (ad es. riduzioni delle emissioni serra), “Pari opportunità” (ad es. equilibrio di genere) ed “Impatto sociale” (ad es. creazione di nuovi posti di lavoro).

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • personale;
  • acquisto o leasing di apparecchiature di prova e/o elementi e dispositivi di prototipazione;
  • spese generali,
  • spese di viaggio.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo alla spesa, il cui valore massimo è fissato in € 250.000,00 per consorzio (fino ad € 100.000,00 per ciascun partecipante alla partnership).

I beneficiari potranno altresì ottenere dal programma di accelerazione L4MS:

  • servizi di matchmaking con centri di competenza, integratori di sistemi, produttori di robot mobili, ecc;
  • attrezzature all’avanguardia ed ambiente di prova nella propria nazione di appartenenza;
  • esperto di tecnologia per l’adozione delle più recenti soluzioni di automazione logistica,
  • sviluppatori di business per modelli di business e servizi innovativi;
  • formazione per riqualificare i lavoratori direttamente nella propria azienda;
  • supporto economico per estendere i nuovi modelli di business e di servizio.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 30/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 23, 2019
unione-europea-horizon-2020-implementazione-resilienza-sistemi-ict-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L‘Unione Europea sostiene la ricerca in materia di ICT, implementandone la resilienza.

Algoritmi, sistemi software e hardware devono essere progettati e realizzati ponendo al centro la sicurezza, la privacy, la protezione dei dati e tenendo conto delle esigenze future.

Le sfide rilevanti per questa Call includono:

  • sviluppare meccanismi che misurino le prestazioni dei sistemi ICT per quanto riguarda la sicurezza informatica e la privacy;
  • migliorare controllo e fiducia del consumatore nei prodotti e nei servizi digitali con strumenti innovativi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono costituiti da soggetti dotati di personalità giuridica, aventi sede legale in uno degli Stati dell’UE e/o aderenti al programma Horizon 2020.

I soggetti inoltre devono dare luogo ad un partenariato e ognuno, dovrà appartenere ad un diverso Stato dell’UE o Stato associato al progetto Horizon 2020 ed essere indipendenti l’uno dall’altro.

I beneficiari devono avere la loro sede legale in uno dei seguenti Paesi:

  • Stati membri dell’UE;
  • Regioni d’oltremare degli Stati membri dell’UE ovvero: Anguilla, Antille olandesi (Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten), Aruba, Bermuda, Georgia del sud e isole Sandwich del sud, Groenlandia, Isole Cayman, Isole Falkland, Isole Turks e Caicos, Isole Vergini Britanniche, Isole Wallis e Futuna, Montserrat, Nuova Caledonia e le sue dipendenze, Pitcairn, Polinesia francese, San Barthélemy, Sant’Elena, San Pierre e Miquelon, territori francesi del sud dell’Antartico, territori inglesi dell’Antartico, territori inglesi dell’Oceano Indiano.
  • Stati associati al progetto Horizon 2020: Armenia, Bosnia Erzegovina, Georgia, Islanda, Isole Faroe, Israele, Moldavia, Montenegro, Norvegia, Serbia, Svizzera, Tunisia, Turchia ed Ucraina.
  • In uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Butan, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Costa d’avorio, Costa Rica, Cuba, Dominica, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Filippine, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Gibuti, Giordania, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Isole Marshall, Isole Salomone, Jamaica, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Laos, Lesotho, Libano, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Marocco, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Repubblica Araba della Siria, Repubblica Centro Africana, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica di Corea, Repubblica del Kirghizistan, Repubblica Dominicana, Ruanda, Samoa, Samoa americana, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Somalia, Sri Lanka, St. Kitts e Nevis, St. Lucia, St. Vincent e le Grenadine, Sud Africa, Sud Sudan, Sudan, Suriname, Swaziland, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia e Zimbabwe.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una delle seguenti tematiche:

  1. Cybersecurity, audit sulla privacy, certificazione e standardizzazione. Approcci innovativi per progettare test di sicurezza e di convalida automatizzati; sviluppare verifiche di sicurezza automatizzate a livello di codice, concentrandosi su analisi di contaminazione scalabile, analisi del flusso di informazioni, integrità del flusso di controllo, politica di sicurezza e considerando la relazione con i cicli di vita di sviluppo sicuri; sviluppare meccanismi che facilitino il processo di certificazione a livello di servizi e ulteriori meccanismi per migliorare la revisione e l’analisi open source e open software delle licenze e dei sistemi ICT per quanto riguarda la sicurezza informatica e la privacy digitale.
  2. Catene di approvvigionamento affidabili dei sistemi ICT. Approcci innovativi per sviluppare strumenti avanzati per una migliore previsione, rilevamento e prevenzione delle vulnerabilità propagate, stimare la sicurezza della catena cibernetica e i rischi per la privacy; progettare misure di sicurezza, privacy e responsabilità nonché strategie di mitigazione dei rischi per tutti i soggetti coinvolti nella catena di fornitura; sviluppare strumenti per migliorare il controllo degli algoritmi complessi, componenti/sistemi ICT interconnessi; ideare metodi per sviluppare sistemi resilienti con componenti potenzialmente insicuri e ideare metriche di sicurezza per definire le richieste di sicurezza per sistemi composti e metodi di certificazione, che consentono l’armonizzazione e il riconoscimento reciproco principalmente sulle prove e non solo sulla fiducia.
  3. Progettazione e sviluppo di software e hardware sicuri per la privacy. Approcci innovativi per stabilire strumenti per ingegneria della privacy e della sicurezza; algoritmi incorporati di responsabilità; strumenti di coerenza a livello di sistema; metriche per valutare uno sviluppo sicuro, affidabile e rispettoso della privacy; linguaggi di programmazione sicuri, compatibili con la privacy e abilitati alla responsabilità, linguaggi di progettazione hardware, framework di sviluppo e sicurezza, nonché di esecuzione; nuove architetture IoT sicure anche per la privacy dei servizi di autenticazione, autorizzazione e contabilità, coerenti ed affidabili attraverso dispositivi IoT/ecosistemi con l’obiettivo di puntare su infrastrutture a chiave pubblica (PKI) e supportare i servizi PKI per dispositivi IoT.

Per ciascuno dei sottotemi sopra riportati, il risultato delle proposte dovrebbe portare a sviluppo fino al livello di competenza tecnologica (TRL) pari a 5.

Gli interventi devono avere un valore compreso tra i € 4.000.000,00 ed i € 5.000.000,00.

Tuttavia questo non preclude la presentazione e la selezione di proposte che richiedono altri importi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto pari al 100% delle spese complessive ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 19/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 31, 2019
maremma-tirreno-digitalizzazione-valore-consulting.jpg

La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno propone una misura per:

  • promuovere l’utilizzo di servizi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Nazionale Impresa 4.0;
  • stimolare la domanda di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche;

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese attive, iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA della Maremma e del Tirreno ed aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della stessa CCIAA. Inoltre i soggetti non devono avere in essere alcun rapporto di fornitura con la CCIAA della Maremma e del Tirreno.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare progetti per l’acquisto di servizi di consulenza e/o formazione finalizzati all’implementazione di una o più tecnologie tra quelle previste nell’elencazione che segue, nonché di beni e servizi strumentali, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti menzionate, nel massimo del 50% del del progetto.

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale sono:

  • soluzioni per la manifattura avanzata
  • manifattura additiva
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa dell’ambiente reale e nell’ambiente reale (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D)
  • simulazione
  • integrazione verticale e orizzontale
  • Industrial Internet e IoT
  • cloud
  • cybersicurezza e business continuity
  • big data e analytics
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della supply chain e della gestione delle relazioni con i diversi attori (es. sistemi che abilitano soluzioni di Drop Shipping, di “azzeramento di magazzino” e di “just in time”)
  • software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-impresa, impresa-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field; incluse attività connesse a sistemi informativi e gestionali, ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode)
  • sistemi di e-commerce
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet e fintech
  • sistemi EDI, electronic data interchange
  • geolocalizzazione
  • tecnologie per l’in-store customer experience
  • system integration applicata all’automazione dei processi

Le imprese beneficiarie possono richiedere un contributo per l’acquisto di beni e servizi strumentali e per consulenza e/o formazione focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia Industria 4.0.

Il valore dell’investimento deve essere pari o superiore ad € 5.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

  • acquisto di beni e servizi strumentali, nel limite del 50% delle spese ammissibili, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti;
  • servizi di consulenza e/o formazione relativi ad una o più tecnologie tra quelle previste. Tali spese devono rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili.

Tutte le spese devono essere sostenute a partire dallo 01/01/2019 fino al 90° giorno successivo alla data della comunicazione di concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher, che avranno un importo unitario massimo di € 7.000,00.

L’entità massima dell’agevolazione non può superare il 70% delle spese complessive ammissibili.

E’ inoltre stabilita una premialità di 250 euro per le imprese in possesso del rating di legalità, corrispondente ad almeno il punteggio base.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro il 30/09/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 3, 2019
piemonte-ricerca-e-sviluppo-s-3-1280x640.jpg

FINALITÀ

La Regione Piemonte promuove gli investimenti delle imprese in Ricerca e Innovazione, in particolare per lo sviluppo di prodotti e servizi e per il trasferimento di tecnologie, e sostiene la ricerca tecnologica e applicata, le linee pilota, le azioni di validazione precoce dei prodotti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono raggruppamenti e/o aggregazioni, anche temporanei, costituiti o costituendi, di almeno 2 soggetti e massimo 10, indipendenti tra loro, che in forma collaborativa intendano sviluppare progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Tali raggruppamenti e/o aggregazioni possono essere composte da:

  • PMI – la soglia di partecipazione di ciascun soggetto dovrà essere ricompresa tra un minimo del 10% ed un massimo del 70% del costo complessivo di progetto, e comunque cumulativamente non costituire meno del 40% delle spese complessive ammissibili del progetto;
  • ODR – dovranno sostenere cumulativamente non più del 30% dei costi complessivi ammissibili, qualora presenti nel partenariato con ruolo “istituzionale”;
  • Grandi imprese – dovranno sostenere cumulativamente non più del 40% dei costi complessivi ammissibili, dando dimostrazione che la loro partecipazione riguardi l’adozione di soluzioni innovative orientate a favorire l’intefacciamento e l’interoperabilità dei propri sistemi di produzione con quelli delle imprese appartenenti alla medesima filiera/dominio produttivo/catena del valore.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno avere ad oggetto progetti di ricerca industriale e/o di sviluppo sperimentale. Con riferimento al livello di maturità della tecnologia (Technology Readiness Level – TRL) in ingresso, gli interventi dovranno dimostrare di possedere un TRL almeno pari o superiore a 3, relativamente a processi e prodotti parzialmente sviluppati, collaudati o dimostrati in modo tangibile a livello prototipale e conseguire un TRL in uscita superiore o pari a 6.

Gli interventi ammissibili dovranno rispettare le seguenti soglie dimensionali:

  • dimensione minima dei progetti compresa tra € 3.000.000 ed € 10.000.000;
  • soglia minima d’investimento per singolo beneficiario superiore ad € 300.000,00.

I predetti interventi devono ricadere nei settori di innovazione industriale individuati alla strategia di specializzazione intelligente della Regione Piemonte (S3), ovvero automotive, aerospazio, chimica verde, meccatronica, made in, agroalimentare e tessile e innovazione per la salute.

Sono altresì ammissibili quei soggetti appartenenti ad altri settori merceologici che, in collaborazione con l’impresa capofila del progetto, percorrano in modo multidisciplinare e multisettoriale una delle due traiettorie strategiche (smart e resource efficiency), e, più in generale, ulteriori ambiti tecnologici funzionali al progetto stesso.

E’ previsto per le imprese beneficiarie l’obbligo di assunzione mediante contratto di apprendistato in alta formazione e ricerca, secondo le fasce d’investimento indicate:

  • tra € 3.000.000,00 ed € 5.000.000,00 – 3 assunzioni
  • tra € 5.000.000,00 ed € 7.000.000,00 – 5 assunzioni
  • tra € 7.000.000,00 ed € 10.000.000,00 – 8 assunzioni

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese riconducibili alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, con particolare riferimento alle attività di sviluppo avanzato rispetto all’ingresso sul mercato, nonché dotate di prospettive di vita utile significativa (final market adaptation, progetti pilota, prototipazione, dimostrazione, validazione precoce dei risultati, linee pilota, etc.).

I progetti dovranno, comunque, presentare spese prevalenti riconducibili all’intervento di sviluppo sperimentale (inclusa la parte dimostrativa).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione verrà erogata sulla base del regolamento GBER, secondo le percentuali fissate nella tabella che segue:

TIPOLOGIA BENEFICIARIO TIPO DI ATTIVITA’ ESL MAX MISURA ESL MAX MISURA * (nei seguenti casi: 1. presenza di una PMI innovativa o di una STARTUP innovativa; 2. collocazione del risultato di progetto nel territorio piemontese)
Piccola Impresa Ricerca industriale 50% 55%
Sviluppo sperimentale / Dimostratore 50% 55%
Media Impresa Ricerca industriale 40% 45%
Sviluppo sperimentale / Dimostratore 40% 45%
Grande Impresa Ricerca industriale 30% 35%
Sviluppo Sperimentale / Dimostratore 30% 35%
Organismi di Ricerca Ricerca industriale, Sviluppo Sperimentale / Dimostratore 60% (solo ed esclusivamente per l’attività istituzionale) /

TERMINE

La selezione delle candidature avverrà con procedura valutativa a sportello, da condursi in 2 fasi: progetto preliminare o pre‐proposal e progetto definitivo.

I termini per la presentazione delle domande saranno pubblicati a breve.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 8, 2019
9-4_advanced-manufacturing_1600-1280x496.jpg

FINALITÀ

Il Bando promuove azioni di Ricerca ed Innovazione (RIA), che comprendono attività di ricerca applicata, sviluppo tecnologico e validazione di prototipi con l’obiettivo di migliorare tecnologie, prodotti, servizi, processi metodi e soluzioni. Tutte queste attività devono possedere un livello di maturità tecnologica pari al TRL 3-4.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole, Medie e Grandi Imprese, nonché Università ed Organismi di Ricerca (ODR), con sede legale in uno degli Stati elencati:

  • Stati Membri dell’Unione Europea;
  • nelle regioni d’oltremare degli Stati membri dell’Unione Europea e nei territori collegati a quelli degli Stati Membri dell’Unione Europea, ovvero: Anguilla, Aruba, Bermuda, British Territori dell’Antartico, Territori Britannici nell’Oceano Indiano, le Isole Vergini Inglesi, isole Cayman, isole Falkland, Polinesia Francese, le regioni meridionali francesi dell’Antartico, Groenlandia, Montserrat, Antille Olandesi (Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten), Nuova Caledonia e sue dipendenze, Pitcairn, Saint Barthélemy, Saint Helena, Saint Pierre and Miquelon, Georgia del sud ed Isole Sandwich, Isole Turks and Caicos, Isole Wallis and Futuna;
  • gli Stati associati al progetto Horizon 2020;
  • gli Stati espressamente richiamati nella presente elencazione: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaijan, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Cameron, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Congo, Costa Rica, Costa d’Avorio, Cuba,Gibuti, Korea del Sud, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent e le Grenadine, Sudan, Suriname, Swaziland, Siria, Tajikistan, Tanzania, Tailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I beneficiari dovranno costituire una partnership, composta da minimo tre soggetti fino ad un massimo di 50. Ciascun partecipante al consorzio deve avere sede legale in uno degli Stati sopra elencati diverso da quello in cui hanno sede gli altri membri. Ciascuno dei beneficiari facenti parte della partenership deve essere indipendente dagli altri componenti.

INTERVENTI

Gli interventi devono avere ad oggetto:

  • lo sviluppo di tecnologie innovative o l’utilizzazione di tecnologie esistenti in modalità completamente innovative;
  • approccio innovativo ad un prodotto, un servizio od una competenza che evidenzi come questo risulti centrale per la sfida sociale che il Bando si pone;
  • verificare il valore ed il potenziale dell’idea elaborata in un ambiente di laboratorio il più vicino possibile alla realtà;
  • predisporre un piano di sviluppo coerente con gli obiettivi ed i traguardi del progetto ECSEL;

L’intervento non può durare più di tre anni.

Il Bando si compone di due fasi:

  1. presentazione della domanda;
  2. presentazione del progetto.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • personale;
  • attrezzature;
  • subappalti,
  • spese generali (viaggio e divulgazione).

La voce “spese generali” non può superare il 50% del costo del personale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Per questo Bando, l’UE ha fissato € 80.800.000,00 di risorse. Il contributo massimo per ogni intervento è di € 12.000.000,00.

Ciascun partner non potrà ottenere un contributo superiore al 40% del contributo massimo totale previsto per singolo progetto.

L’intensità massima d’aiuto prevista per ciascuna tipologia di beneficiario è fissata nella seguente tabella:

TIPOLOGIA DI BENEFICIARIO INTENSITA’ MASSIMA DI AIUTO (%)
Grandi Imprese 25%
Piccole e Medie Imprese 30%
Università / ODR 35%

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 07/05/2019.

Il progetto deve essere inviato entro le ore 17:00 del 18/09/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Vieni a trovarci a MECSPE, Sabato 30 Marzo, Ore 10.00!


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification