Notizie e Bandi

Dicembre 29, 2020
lombardia-credito-ora-valore-consuting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia previene la crisi di liquidità delle imprese causata dall’emergenza sanitaria ed economica COVID 19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, con sede legale o unità operativa in Lombardia e che esercitano la loro attività economica in uno dei seguenti settori:

  • 56.10.1 – Ristorazione con somministrazione;
  • 56.10.2 – Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto;
  • 56.10.3 – Gelaterie e pasticcerie;
  • 56.30 – Bar e altri esercizi simili senza cucina.

Rientrano tra i beneficiari anche le attività storiche e di tradizione quali negozi e botteghe riconosciute dalla Regione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la stipula di un contratto di finanziamento con un istituto di credito o un Confidi per operazioni di liquidità con le seguenti caratteristiche:

  • importo minimo di € 10.000,00 e massimo di € 30.000,00;
  • durata da 12 a 72 mesi, di cui massimo 24 mesi di preammortamento;
  • stipulato a decorrere dal 16/10/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo per l’abbattimento degli interessi fino al 3% fino ad un valore massimo di € 2.500,00, riconoscendo altresì una copertura del 50% degli eventuali costi di garanzia nel limite di € 300,00.

L’agevolazione potrà essere cumulata con aiuti concessi sul Quadro Temporaneo, con aiuti concessi ai sensi del Regolamento de minimis, nonché con aiuti concessi sul Regolamento GBER, a condizione che siano rispettate le disposizioni e le norme sul cumulo.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dalle ore 10:00 del 12/01/2021 alle ore 17:00 del 03/05/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

 


Luglio 1, 2020
marche-liquidità-aziende-vitivinicole-valore-consulting-1280x854.jpeg

FINALITÀ

La Regione Marche favorisce la ripresa delle imprese vitivinicole che producono vini di qualità delle Marche le quali, a causa delle norme di contenimento della pandemia, hanno subito contrazioni delle vendite.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i produttori di vino ovvero persone fisiche, giuridiche o loro associazione aventi la sede legale o l’unità locale iscritte alla CCIAA delle Marche.

INTERVENTI

L’intervento ammissibile consiste nella richiesta di un aiuto a carattere forfettario per far fronte alla riduzione di liquidità e garantire che le perturbazioni causate dall’epidemia di COVID-19 non ne compromettano la redditività, basata sullo stoccaggio di vino.

Gli interventi devono essere realizzati dal 02/02/2020.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso:

  • tra € 400,00 ed € 12.000,00 per i vini DOC e DOCG;
  • tra € 200,00 ed € 6.000,00 per i vini IGT.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda di contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo forfettario, concesso nelle misure indicate nella tabella in calce al presente paragrafo.

L’agevolazione è cumulabile con aiuti previsti da altri atti approvati per l’emergenza COVID-19, aiuti del quadro temporaneo sotto forma di garanzie sui prestiti e di assicurazione del credito all’esportazione a breve termine ed aiuti previsti dai regolamenti de minimis o dai regolamenti di esenzione per categoria.

TIPOLOGIA DI VINO €/MESE/HL
DO 2,00
IGT 1,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 13:00 del 20/07/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Giugno 29, 2020
cciaa-pistoia-accesso-al-credito-mpmi-covid-19-valore-consulting-1280x853.jpeg

FINALITÀ

La CCIAA di Pistoia supporta le imprese attraverso un contributo per l’abbattimento del tasso d’interesse, dei costi di istruttoria e delle commissioni di garanzia, sui finanziamenti finalizzati a favorire gli investimenti produttivi e la liquidità necessaria per la gestione aziendale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale e/o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Pistoia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto finanziamenti per:

  • esigenze di liquidità;
  • consolidamento delle passività a breve;
  • investimenti produttivi.

I finanziamenti devono essere assistiti dalla garanzia di un Confidi o da altro Ente di garanzia iscritto all’Albo unico.

Sono ammissibili finanziamenti stipulati dal 09/06/2020 con durata fino a 120 mesi, comprensivi di pre-ammortamento massimo di 24 mesi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 2.000,00.

Viene stabilita una premialità per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con aiuti in esenzione e aiuti concessi ai sensi del Quadro Temporaneo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Giugno 26, 2020
liguria-fondo-we-startup-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Liguria sostiene le Start Up innovative o che implementano innovazioni di processo e di prodotto per affrontare l’emergenza Covid-19, favorendo il sostegno al circolante e agli investimenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie Start Up aventi sede legale e/o unità operativa in Liguria ed appartenenti ad una delle seguenti tipologie:

Start Up innovative:

  • iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese;
  • che abbiano completato il proprio programma di sviluppo o presentino un livello di maturità tecnologica (TRL) pari ad almeno uno dei seguenti livelli:
  1. TRL7 Dimostrazione di un prototipo di sistema in ambiente operativo;
  2. TRL8 Sistema completo e qualificato;
  3. TRL9 Sistema reale provato in ambiente operativo (produzione competitiva, commercializzazione).

Start Up che implementano modelli di innovazione di processo e di prodotto:

  • iscritte al Registro delle Imprese dallo 1/01/2017;
  • che abbiano completato il proprio programma di sviluppo attraverso l’implementazione di servizi, prodotti o brevetti già messi sul mercato o in procinto di essere messi sul mercato.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto il rafforzamento patrimoniale del beneficiario e il sostegno alla liquidità ed al circolante attraverso la sottoscrizione di aumenti di capitale (Semi-equity) e/o di Strumenti Finanziari Partecipativi.

Il Semi-equity, in caso di trasformazione in equity, non potrà determinare il superamento del 49% del capitale sociale nonché il possesso della maggioranza dei diritti di voto ordinari dei beneficiari. La restituzione del finanziamento Semi-equity avverrà sotto forma di bullet alla fine del periodo.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 10.000,00 e € 50.000,00.

La durata dell’intervento deve essere compresa tra i 4 ed i 7 anni.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di una sottoscrizione di aumenti di capitale e/o di strumenti finanziari partecipativi, con una remunerazione del finanziamento Semi-equity pari ad un interesse annuo dell’ 1,5%.

Successivamente all’eventuale conversione dello SFP in Equity, dovrà essere riconosciuta dal beneficiario una remunerazione dell’investimento pari ad un IRR dell’1,5% annuo.

L’agevolazione è cumulabile con altre agevolazioni concesse per la medesima spesa.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 08:30 del 30/06/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Giugno 22, 2020
veneto-contributi-imprese-covid-19-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene i settori del commercio al dettaglio, somministrazione e servizi alla persona, la cui attività sia stata sospesa nella FASE 1 dell’emergenza Covid-19 e che debbano far fronte alla realizzazione di interventi volti alla ripresa dell’attività aziendale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, dei settori del commercio al dettaglio, della somministrazione e dei servizi alla persona.

I beneficiari devono risultare iscritti al Registro delle Imprese o, nel caso di imprese artigiane, all’Albo delle imprese artigiane ed avere sede operativa localizzata in Veneto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di liquidità da parte dei beneficiari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto a sostegno della liquidità aziendale.

L’ammontare del contributo è determinato nella somma di 2.000,00 maggiorata di un importo pari ad € 250,00 per ogni addetto dell’impresa che eccede il numero di 2 (fino ad un massimo di 9 addetti), fino ad un massimo di € 3.750,00.

TERMINE

Dalle ore 10:00 del 02/07 alle ore 16:00 del 14/07/2020 potranno essere presentate le richieste di prenotazione per il successivo invio della domanda.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Maggio 29, 2020
sicilia-crias-credito-di-esercizio-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Sicilia, mediante il CRIAS, fornisce liquidità alle imprese artigiane, che hanno subito un danno economico a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese artigiane attive, iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane ed aventi sede operativa in Sicilia le quali non hanno in corso di ammortamento un analogo finanziamento (credito di esercizio 2.0).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un finanziamento, il cui importo deve essere compreso tra € 3.000,00 ed € 30.000,00.

La durata massima è di 32 mesi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento, determinato sui seguenti parametri:

Quota Fissa: € 3.000,00.

Quota Variabile (da aggiungere alla quota fissa):

  • I° parametro: volume d’affari dell’impresa certificato nell’ultima dichiarazione IVA:
  1. € 4.000,00, per le imprese con un volume d’affari, inferiore od uguale, a € 50.000,00;
  2. € 7.000,00, per le imprese con un volume d’affari superiore a € 50.000,00;
  • II° parametro: numero dei dipendenti occupati con esclusione del titolare e dei soci lavoratori:
  1. € 1.000,00, per ogni dipendente occupato da almeno sei mesi;
  2. € 500,00, per ogni dipendente occupato da meno di sei mesi;

Il tasso applicato sarà pari al 40% del tasso fissato dall’Unione Europea, maggiorato di un punto.

Tale tasso è ridotto del 30% se i richiedenti sono società cooperative, consorzi ovvero giovani sotto i 40 anni di età.

Il periodo di ammortamento va da un minimo di 24 ad un massimo di 32 mesi. Il periodo di preammortamento è fissato in 4 mesi.

A garanzia del finanziamento la Crias acquisirà:

  • nel caso di ditta individuale, la fideiussione del coniuge;
  • nel caso di società di capitali, la fideiussione del legale rappresentante/amministratore;
  • nel caso di società in accomandita semplice la coobbligazione di tutti i soci accomandatari;
  • nel caso di società in nome collettivo, la coobbligazione di tutti i soci;
  • nel caso di cooperative, consorzi, società consortili, la fideiussione del presidente/legale rappresentante.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata in qualsiasi momento, poiché la Misura è sempre aperta.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 3, 2019
campania-garanzia-bond-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Campania favorisce l’accesso al mercato di capitali, attraverso strumenti di finanza alternativa, per la realizzazione di progetti imprenditoriali di espansione, rafforzamento e innovazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie imprese con sede operativa in Regione e in possesso di un rating valido rilasciato da una Agenzia ECAI, almeno pari a BB- sulla scala Standard & Poor’s.

Rientrano tra i beneficiari anche le PMI, sempre con sede operativa in Campania, non ancora in possesso di un valido Rating BB-, purchè in possesso dei seguenti requisiti:

  • bilanci approvati e depositati in forma non abbreviata per gli ultimi tre esercizi;
  • non aver realizzato perdite d’esercizio in più di uno degli ultimi 3 esercizi e, sulla base dell’ultimo bilancio approvato:
  1. ricavi di vendita: minimo € 10.000.000,00;
  2. PFN/EBITDA: < [5,0]x;
  3. PFN/PN: < [3]x;
  4. EBITDA/ricavi di vendita: > [4]%.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili consistono nell’emissione di minibond che possono essere destinati a:

  • investimenti in attivi materiali: terreni, immobili, impianti, macchinari e attrezzature;
  • investimenti in attivi immateriali: diritti di brevetto, licenze, know how o altre forme di proprietà intellettuale, compreso il trasferimento di diritti di proprietà in imprese;
  • capitale circolante.

L’emissione dei minibond non può essere utilizzata per rifinanziamenti di prestiti esistenti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa nel rispetto del regime de minimis e del regolamento GBER, assume la forma di un minibond, la cui durata non può essere superiore agli 8 anni.

Il tasso di interesse è fisso e il prezzo di emissione è alla pari. Il rimborso è di tipo amortizing, con un periodo di preammortamento minimo di 6 mesi e massimo di 12 mesi.

Il rimborso anticipato del minibond è possibile dal 24° mese anteriore alla data di scadenza.

Le emissioni dei minibond sono senior unsecured, non è acquisita nessuna garanzia reale o personale ad eccezione di eventuali garanzie personali infragruppo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 09/12/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base dell’ordine di presentazione.


Marzo 20, 2019
piemonte-fondo-tranched-cover.jpg

FINALITÀ

La Giunta Regionale del Piemonte ha istituito il Fondo Tranched Cover per favorire l’accesso al credito alle PMI piemontesi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o operativa in Regione, attive, iscritte nel Registro delle Imprese, costituite in qualunque forma.

Le attività economiche escluse dall’agevolazione sono quelle contraddistinte dai seguenti codici Ateco 2007: 01.1: Coltivazioni di colture agricole non permanenti; 01.2: Coltivazione di colture permanenti; 01.3: Riproduzione di piante; 01.4: Allevamento di animali; 01.5: Coltivazioni agricole associate all’allevamento di animali: attività mista; 03.1: Pesca; 03.2: Acquacoltura; 10.2: Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi.

INTERVENTI

Sono considerati ammissibili i finanziamenti richiesti alle Banche finanziatrici (Unicredit Spa, Monte dei Paschi di Siena Spa, Intesa San Paolo Spa), che hanno sottoscritto apposito Accordo Convenzionale con Finpiemonte S.p.A., per le seguenti tipologie di intervento:

  • investimenti produttivi e infrastrutturali;
  • sostegno di processi di capitalizzazione aziendale;
  • fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità.

Sono considerati ammissibili anche i finanziamenti finalizzati all’avvio di nuove iniziative imprenditoriali.

Gli investimenti devono essere avviati da parte delle imprese successivamente alla presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le operazioni di importo compreso tra € 10.000,00 ed € 100.000,00 sono assistite sia dalla garanzia pubblica che da quella dei Confidi (Linea B).

Le operazioni superiori ad € 150.000 sono assistite solo dalla garanzia pubblica (Linea A).

Quelle di importo compreso tra € 100.000,00 ed € 150.000,00 sono assistite dalla garanzia pubblica o da entrambe, a discrezione della Banca.

I finanziamenti erogati dalle Banche sono assistiti dalla garanzia pubblica e, nei casi ove prevista, da quella prestata dai Confidi.

L’agevolazione viene concessa sulla base del regime “de minimis” nella forma di finanziamento agevolato, con le seguenti caratteristiche:

  • essere di nuova concessione;
  • avere una durata minima di 36 mesi e massima di 60 mesi per investimenti produttivi e infrastrutturali e capitalizzazione aziendale;
  • avere una durata minima di 18 mesi e massima di 36 mesi per fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità;
  • essere chirografari e non assistiti da garanzie reali;
  • essere di importo minimo pari ad € 10.000,00 e massimo pari ad € 1.000.000,00;
  • essere concessi ad un tasso fisso o variabile inferiore al tasso di mercato, maggiorato di uno spread non superiore, a quello indicato per ciascuna classe di merito creditizio.

TERMINE

Sono stati riaperti i termini per la presentazione delle domande a valere sulla Linea A, le quali potranno essere inviate fino all’08/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification