Notizie e Bandi

Luglio 19, 2019
marche-qualificazione-imprese-turistiche-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche agevola i progetti d’investimento per la riqualificazione delle imprese dei settori turismo, cultura, commercio, servizi e artigianato al fine di rivitalizzare la competitività economica dei centri storici ed urbani delle aree interne marchigiane;

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese le cui sedi operative ricadono nel territorio dell’Area Interna “Appennino Basso Pesarese e Anconetano”, ovvero in uno dei seguenti Comuni: Acqualagna, Apecchio, Arcevia, Cagli, Cantiano, Frontone, Piobbico, Sassoferrato, Serra Sant’Abbondio.

I beneficiari dovranno esercitare una delle seguenti attività economiche:

  • C: 10, 11, 13, 14, 15, 16, 23, 25, 32;
  • G: 47;
  • I: 55, 56;
  • R: 90, 91, 93;
  • S: 94.

Inoltre, i beneficiari dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • iscritti nel Registro delle Imprese e/o nel REA presso la CCIAA territorialmente competente;
  • nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • in regola con le norme obbligatorie vigenti in materia di tutela e salvaguardia dell’ambiente;
  • capacità amministrativa, finanziaria e operativa per la realizzazione del progetto;
  • unità produttiva sede dell’investimento attiva ed operativa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la realizzazione di progetti d’investimento relativi a:

  • valorizzazione e riqualificazione delle Piccole e Medie Imprese del settore del turismo, della cultura, del commercio, dei servizi, dell’artigianato artistico e di qualità;
  • progetti aziendali di imprese della filiera culturale-turistica e delle produzioni locali al fine di sostenere servizi innovativi e l’insediamento di nuove attività;
  • creazione di reti commerciali nei centri storici in sinergia con le reti culturali creative, in grado combattere la desertificazione commerciale dei piccoli centri;
  • ridefinizione del sistema artigianale attraverso l’utilizzo di figure capaci di coniugare le proprie capacità creative, artistiche, imprenditoriali con le nuove tecnologie.

I progetti dovranno essere proposti da aziende singole o da raggruppamenti che prevedono una collaborazione effettiva tra almeno tre imprese indipendenti l’una dall’altra.

La collaborazione dovrà essere formalizzata attraverso un accordo di partenariato, nella forma di un contratto di rete o di raggruppamento temporaneo di imprese (ATI). La formalizzazione dell’accordo dovrà avvenire entro e non oltre la data di invio della comunicazione di accettazione degli esiti istruttori e conferma d’inizio attività.

L’intervento deve avere un valore non inferiore ad € 20.000,00 e non superiore a:

  • € 325.000,00 – singola impresa;
  • € 975.000,00 – rete d’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • personale;
  • servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione;
  • consulenze non riconducibili alla tipologia precedente;
  • attività di marketing ad esclusione dell’organizzazione di eventi;
  • strumentazione, attrezzature, immobili e terreni nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, imputabili al progetto;
  • affitto di sale per incontri, spazi espositivi, showroom.

Le spese devono essere fatturate e quietanzate dallo 01/01/2016 ed entro il termine ultimo di 18 mesi dalla data del decreto di concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un contributo in conto capitale, nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 10/09/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 17, 2019
veneto-contributi-nuove-imprese-settore-turistico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto promuove l’attivazione di nuove imprese, anche complementari al settore turistico tradizionale, per la realizzazione di prodotti turistici nuovi rispetto al contesto, tenendo conto delle mutate esigenze della domanda turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le nuove Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica.

Rientrano tra i beneficiari anche i professionisti.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • in caso di PMI, essere regolarmente iscritte al Registro delle Imprese, istituito presso la CCIAA competente per territorio, da non più di 12 mesi antecedenti al 16/07/2019;
  • in caso di professionisti non costituiti in società regolarmente iscritte al Registro Imprese, essere iscritti agli ordini professionali oppure negli elenchi di professioni turistiche o aderire alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal MISE ed essere in possesso dell’attestazione rilasciata dalle suddette associazioni. L’attività professionale deve essere iniziata da non più di 12 mesi antecedenti al 16/07/2019;
  • avere la disponibilità, a titolo di proprietà o di altro diritto reale o di godimento, della sede operativa in uno dei comuni a cui fa riferimento il Bando.
  • non essere iscritti nella sezione speciale del Registro imprese dedicata alle start-up innovative;
  • non essere beneficiari di altre agevolazioni previste nell’ambito delle Azioni 3.5.1 e 1.4.1 del POR FESR Veneto 2014-2020.

Non possono rientrare tra i beneficiari le imprese controllate da soci o titolari controllanti imprese che abbiano cessato, nei 12 mesi precedenti il 16/07/2019, un’attività analoga a quella cui si riferisce l’agevolazione e le società derivanti da trasformazione, fusione o scissione di società preesistenti, oppure costituite a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda nei 12 mesi precedenti al 16/07/2019.

I beneficiari devono avere sede operativa negli ambiti territoriali dei seguenti Comuni:

  • Comuni dei Sistemi Turistici tematici “Dolomiti”, “Montagna veneta”, “Terme Euganee e termalismo veneto” che abbiano aderito, prima del 16/07/2019, ad Organizzazioni di Gestione della Destinazione riconosciute dalla Giunta regionale;
  • Comuni attraversati dagli itinerari ed escursioni cicloturistici;
  • Comuni confinanti con i Comuni di cui al precedente punto 1.;
  • Comuni attraversati dalle ippovie del sistema “La via delle Prealpi”, ovvero: il Grande Lago dal Monte Baldo (Caprino Veronese, Ferrara di Monte Baldo, San Zeno di Montagna), la Valpolicella Superiore (Sant’Ambrogio di Valpolicella, Fumane), le Antiche Terre dei Cimbri (Bosco Chiesanuova, Erbezzo), grandi Alberi e Piccole Dolomiti (Recoaro Terme), le Fortificazioni del Toraro (Arsiero, Laghi, Lastebasse), l’Altopiano della Grande Guerra (Asiago, Caltrano, Calvene, Lugo di Vicenza, Conco-Lusiana, Roana), i Pascoli di Marcesina (Asiago, Enego),iIl Monte Sacro alla Patria (Borso del Grappa, Seren del Grappa, Valbrenta, Pove del Grappa, Pieve del Grappa), le Malghe del Cesen (Valdobbiadene, Miane, Segusino), le Dolomiti e la Val Belluna (Borgo Val Belluna, Miane), dal Nevegal al Col Visentin (Belluno, Limana), la Foresta della Serenissima (Fregona, Farra d’Alpago, Tambre).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’attivazione di imprese, anche complementari al settore turistico tradizionale a carattere innovativo in grado di favorire lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi finalizzati alla costruzione dell’offerta turistica del cicloturismo, del turismo equestre, del turismo enogastronomico e di altri segmenti che valorizzino il patrimonio intangibile e immateriale, il patrimonio industriale anche attraverso l’innovazione digitale.

Gli interventi devono avere un valore pari o superiore ad € 50.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nelle seguenti tipologie:

  1. acquisto di beni e servizi funzionali alla creazione e sviluppo del prodotto turistico;
  2. acquisto o noleggio di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, con l’esclusione delle autovetture;
  3. interventi edilizi e di impiantistica, nella misura massima del 50% della spesa totale del progetto;
  4. acquisto di terreni non edificati nel limite del 10% delle spese ammissibili;
  5. consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all’impresa nella misura massima del 5% della spesa ammissibile;
  6. promozione e commercializzazione del prodotto turistico nella misura massima del 20% della spesa ammissibile;
  7. garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari;
  8. riqualificazione ambientale;
  9. costituzione della società, entro il limite massimo di € 3.000,00 anche se sostenute nei 12 mesi antecedenti al 16/07/2019;
  10. progettazione, direzioni lavori e collaudo connesse agli interventi edilizi e di impiantistica di cui al punto 3.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la veste di un contributo a fondo perduto pari al 50% della spesa ammissibile.

Il contributo verrà così concesso:

  • nel limite massimo di € 100.000,00, corrispondenti ad una spesa ammissibile pari o superiore ad € 200.000,00;
  • nel limite minimo di € 25.000,00, corrispondenti ad una spesa ammissibile pari ad € 50.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 28/11/2019.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
veneto-contributi-settore-ricettivo-turistico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene gli investimenti nel sistema ricettivo turistico che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa stessa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, regolarmente iscritte nel registro delle imprese o al R.E.A. e attive presso una delle CCIAA della Regione Veneto che gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive attive, quali:

  • strutture ricettive alberghiere: alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi;
  • strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici, campeggi;
  • strutture ricettive complementari: alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast, rifugi alpini o escursionistici;
  • strutture ricettive in ambienti naturali.

I beneficiari devono avere la sede operativa della struttura ricettiva nell’Area Interna Unione Montana Comelico, ovvero in uno dei seguenti Comuni: Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono favorire l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

Rientrano tra gli interventi ammissibili:

  • ampliamento, ristrutturazione, manutenzione, riconversione e innovazione delle strutture ricettive esistenti;
  • interventi riguardanti impianti e strumenti tecnologici finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti, ivi comprese le dotazioni informatiche hardware e software anche per il sito web e i sistemi di prenotazione elettronica;
  • interventi di innovazione digitale quali l’introduzione di strumenti di domotica sia nella gestione della struttura ricettiva da parte dell’impresa, sia usufruibili dal turista mediante l’utilizzo di strumenti di comunicazione in mobilità;
  • interventi di qualificazione dei requisiti di servizio e di riduzione dell’impatto ambientale e/o del consumo di risorse (energia/acqua);
  • interventi finalizzati alla crescita dimensionale delle imprese, accorpamento di attività tra soggetti imprenditoriali, sviluppo di sinergie tra imprese del turismo e altre attività;
  • investimenti in ottica di turismo sostenibile;
  • realizzazione di aree benessere, piscine, sala congressi, wellness complementari alle strutture ammissibili;
  • interventi per migliorare l’accessibilità della struttura alle persone con disabilità.

Gli interventi devono avere un valore compreso:

  • tra € 70.000, 00 ed € 250.000,00, per i beneficiari che scelgono di aderire al “de minimis”.
  • tra € 70.000,00 ed € 500.000, per i beneficiari che scelgono di aderire al GBER.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • opere edili/murarie e di impiantistica;
  • strumenti tecnologici comprese le dotazioni informatiche hardware e software;
  • acquisto o noleggio di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, esclusivo aziendale, con l’esclusione delle autovetture;
  • progettazione, collaudo e direzioni lavori (fino ad un massimo del 10% delle spese relative ai precedenti punti, poste in essere dallo 01/01/2018);
  • attrezzature, macchinari e arredi funzionali al progetto e ai prodotti turistici connessi;
  • ottenimento delle certificazioni di qualità, di sicurezza, ambientali o energetica;
  • fidejussione bancaria, nel caso di erogazione del sostegno tramite anticipo;
  • diritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

Sono altresì ammissibili al sostegno esclusivamente le spese relative all’acquisto di beni ammortizzabili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il beneficiario al momento della presentazione della domanda dovrà scegliere tra regime di aiuti ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” o del Regolamento GBER.

Nel primo caso l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 50% della spesa ammissibile, nel massimo di € 125.000,00.

Nel secondo caso, per le Micro e Piccole Imprese, l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 20% della spesa ammissibile. Per le Medie Imprese l’intensità massima è del 10% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 28/08/2019.

Le domande sono esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 15, 2019
milano-monza-brianza-lodi-riqualificazione-turismo-accessibile.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi sostiene il progetto per la Promozione del turismo e attrattività. L’obiettivo è quello di sviluppare il mercato del sistema turistico territoriale, la competitività delle imprese turistiche in ambito nazionale e internazionale, nonché migliorare il posizionamento di Milano, Monza Brianza e Lodi come destinazione turistica, anche attraverso l’Ecosistema Digitale Turismo.

Il bando sostiene inoltre la realizzazione di progetti in chiave di accessibilità per rispondere ai bisogni di persone con disabilità.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole o Medie Imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  1. sede legale e/o operativa iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  2. attive e in regola con il pagamento del diritto camerale;
  3. non hanno in essere alcun rapporto di fornitura con la CCIAA di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  4. svolgono un’attività che rientri in uno dei seguenti codici ATECO:
  • H 49.3 – Altri trasporti terrestri di passeggeri;
  • H 50.3 – Trasporto di passeggeri per vie d’acqua interne;
  • H 51.1 – Trasporto aereo di passeggeri;
  • I 55 – Alloggio;
  • I 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • N 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator, servizi di prenotazione e attività connesse;
  • R 90 – Attività creative, artistiche e di intrattenimento;
  • R 91 – Attività di biblioteche, archivi, musei e altre attività culturali;
  • R 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno rivolgersi ad uno dei seguenti ambiti:

  1. Mobilità;
  2. Comunicazione e informazione;
  3. Comfort;
  4. Sicurezza;
  5. Accoglienza;
  6. Design e arredi;
  7. Accessibilità e fruibilità di spazi ed eventi.

I progetti dovranno essere finalizzati al miglioramento delle condizioni di accesso ai servizi e all’offerta turistica da parte delle seguenti categorie:

  • Persone con limitazioni temporanee: persone con infortuni temporanei che utilizzano carrozzine, deambulatori, stampelle, tutori; persone con deficit uditivi o visivi temporanei;
  • Persone di lingua italiana o straniera, con deficit comunicativi o difficoltà a leggere/scrivere/parlare;
  • Persone obese, di bassa/alta statura;
  • Famiglie con bambini piccoli e in particolar modo bambini in passeggino;
  • Donne in gravidanza;
  • Persone anziane;
  • Persone con allergie ambientali;
  • Persone con problemi alimentari (intolleranze, diabete, ecc.).

Gli interventi ammissibili possono essere di tipo: infrastrutturale, tecnologico, impiantistico, di servizi, dotazioni e ausili per l’accessibilità.

Sono pertanto inclusi gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione in chiave infrastrutturale e tecnologica tramite progettazione, acquisto e installazione di attrezzature e/o ausili e/o di tecnologie atte al miglioramento del servizio offerto nonché a migliorie da apportare a impianti e stabili grazie all’ampliamento e ristrutturazione degli stessi, purché tali interventi comportino un chiaro e oggettivo miglioramento dell’accessibilità e fruibilità per i clienti con disabilità e con esigenze specifiche. A titolo puramente esemplificativo:

  • modifiche strutturali per migliorare l’accessibilità alle persone con disabilità di spazi e locali, rendendole più desiderabili grazie al design e alle soluzioni funzionali e tecnologiche;
  • utilizzo di smart materials, smart technologies, sistemi wi-fi, sensori wireless, Industrial Internet e IOT, finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti purché aumentino la fruibilità per il cliente con disabilità o esigenze specifiche;
  • sistemi/ausili/supporti/dotazioni per favorire la comunicazione e la sicurezza dei turisti con disabilità uditiva, visiva o intellettiva: sistemi ad induzione magnetica per favorire le persone con apparecchi acustici (per reception, auditorium, ecc.); sistemi per connettersi a distanza con interprete in Lingua dei Segni (per reception e desk informativi); avvisatori per commutare segnali uditivi in segnali visivi o vibratili (avvisatori antincendio, ecc.);
  • ausili per favorire la mobilità delle persone con difficoltà di deambulazione (carrozzine, elettroscooter, ecc.);
  • ausili per favorire le persone con disabilità motoria nella fruizione di spazi e servizi (sollevatori mobili/fissi per strutture ricettive, per piscine, ecc.);
  • sviluppo di App/software per favorire la comunicazione, l’informazione o la sicurezza dell’ospite e del turista;
  • implementazione del sito internet in chiave di Accessibilità per rispettare le Linee guida (WCAG) 2.0 e per definire una sezione che illustri i servizi offerti al turista con disabilità;
  • ausili per favorire la lettura da parte delle persone ipovedenti (video ingranditori fissi o portatili, software, sintesi vocale per persone non vedenti, ecc.);
  • implementazione o rifacimento del sistema della segnaletica orientativa/informativa/di sicurezza per le persone con disabilità visiva o intellettiva (mappe visuotattili, ecc.);
  • sistemi di realtà aumentata, domotica e building automation, sia nella gestione della struttura che per la fruizione del turista, purché aumentino la fruibilità per il cliente;
  • realizzazione di aree complementari, quali piscine, campi da tennis, aree a verde, parcheggi, ricoveri biciclette, zone fitness, area quiete, purché accessibili a clienti con disabilità;
  • dotazioni anallergiche per clienti con allergie ambientali (ad esempio camere anallergiche in hotel).

L’investimento minimo è pari ad € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. arredi, impianti, macchinari e attrezzature, accessori e ausili;
  2. acquisto di hardware;
  3. acquisto di tecnologie abilitanti, come connettività dedicata, licenze software, servizi erogati in modalità cloud computing e SaaS (comprese le spese di canone, per massimo 24 mesi dall’assegnazione del contributo), servizi di system integration applicativa, servizi per lo sviluppo di software e applicazioni digitali (intelligenza artificiale, blockchain), dispositivi e servizi infrastrutturali (hardware, networking, digitalizzazione, storage, ecc.);
  4. progettazione e direzione lavori e opere edili-murarie e impiantistiche;
  5. acquisizione di servizi specializzati di progettazione e di consulenza da parte di società/associazioni/figure professionali per la realizzazione degli interventi diversi da quelli di cui al precedente punto 4.

Le spese devono essere sostenute a far data dal 09/05/2019 e fino alla data di rendicontazione delle stesse.

Le spese presentate nella domanda di partecipazione a questo bando non possono rientrare tra quelle indicate nella richiesta di partecipazione al “Bando voucher digitali i4.0 2019”.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 20.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 23/05 alle ore 12:00 del 16/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Febbraio 21, 2019
96805615.jpg

FINALITÀ

La Regione Abruzzo intende ammodernare il patrimonio turistico-ricettivo esistente, nonché sostenere strutture ricettive certificate e qualificate in armonia con l’ambiente innescando un processo di miglioramento continuo del mercato dell’offerta turistico-ricettiva della Regione. Previsti strumenti di finanza agevolata quali contributi per il recupero degli investimenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, nonché Enti no profit, che hanno la loro sede legale e/o unità operativa nel territorio del Basso Sangro Trigno, ovvero nei seguenti Comuni: Borrello, Carunchio, Castelguidone, Castiglione Messer Marino, Celenza sul Trigno, Civitaluparella, Colledimacine, Colledimezzo, Gessopalena, Gamberale, Fallo, Fraine, Lama dei Peligni, Lettopalena, Montazzoli, Montenerodomo, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Palena, Pennadomo, Pietraferrazzana, Pizzoferrato, Quadri, Roccaspinalveti, Roio del Sangro, Rosello, San Giovanni Lipioni, Schiavi d’Abruzzo, Taranta Peligna, Torrebruna, Torricella Peligna, Villa Santa Maria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti d’investimento relativi alle seguenti attività:

A) strutture ricettive alberghiere:

  • alberghi con una dotazione minima di 7 camere; servizi di ricevimento e di portineria/ informazioni (hall) e una sala per uso comune;
  • residenze turistiche alberghiere con una dotazione minima di 7 unità abitative costituite da uno o più locali forniti di servizio autonomo di cucina; servizi di ricevimento e di portineria/ informazioni (hall) e una sala per uso comune;
  • alberghi diffusi;

B) strutture ricettive all’aria aperta:

  • campeggi;
  • villaggi turistici;

C) strutture ricettive extralberghiere:

  • residenze di campagna;
  • case per ferie;
  • ostelli della gioventù;
  • rifugi montani e rifugi escursionistici;

D) affittacamere composti da minimo 3 e massimo 6 camere oltre servizi.

Sono ammissibili a finanziamento i seguenti gli interventi:

Realizzazione di nuove strutture ricettive attraverso:

  • riconversione e recupero di edifici, escluso l’acquisto dell’immobile;
  • riattivazione di strutture ricettive in disuso, escluso l’acquisto dell’immobile;
  • ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento, straordinaria manutenzione di attività ricettiva esistente, già in esercizio.

Gli interventi possono ricomprendere anche operazioni relative a:

  • riduzione della classe di rischio sismico dei fabbricati o manufatti delle strutture ricettive;
  • riqualificazione di servizi annessi alle strutture alberghiere, ricettive all’aria aperta ed extralberghiere, funzionali allo svolgimento dell’attività;
  • migliorare la struttura accessibile per ospiti con disabilità motorie e sensoriali;
  • impianti tecnologici solo se diretti alla riduzione di consumi di acqua potabile, energia primaria e all’efficientamento energetico;
  • ottenimento o implementazione delle certificazioni di qualità ambientale e/o dell’accoglienza, secondo standard e metodologie riconosciute quali ISO 9001, ISO 14001, EMAS, ECOLABEL europeo, ECOWORLDHOTEL. Le certificazioni dovranno essere acquisite entro il termine fissato per la rendicontazione del progetto d’investimento.

L’ammontare complessivo del progetto di investimento non può essere inferiore a € 40.000,00.

Il termine di conclusione del progetto è fissato in 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono costituite dagli investimenti in beni materiali, immateriali e per servizi di consulenza.

  1. Spese beni materiali:
    • opere murarie e assimilabili;
    • impianti tecnologici mirati alla riduzione di consumi di acqua potabile, energia primaria ed all’efficientamento energetico;
    • macchinari relativi agli interventi previsti per rendere la struttura accessibile per ospiti con disabilità motorie e sensoriali.
  2. Spese beni immateriali:
    • realizzazione o aggiornamento siti web, programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa nella misura massima del 2% dell’importo totale delle spese ammissibili.
  3. Spese per servizi di consulenza:
    • progettazione, studi e direzione lavori nella misura massima del 8% dell’importo delle spese ammissibili;
    • studi, consulenze e costi dell’organismo certificatore per le certificazioni di qualità, nella misura massima del 3% dell’importo delle spese ammissibili;
    • relazione tecnica con asseverazione relativa alla riduzione del rischio sismico nella misura massima del 8% dell’importo delle spese ammissibili;
    • accertamenti di laboratorio e verifiche tecniche relative agli interventi di riduzione del rischio sismico nella misura massima del 3% dell’importo delle spese ammissibili;
    • diagnosi energetica ante e post intervento, fino ad un massimo del 2% dell’importo totale delle spese ammissibili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’intensità di aiuti è stabilita nella misura massima del 60% delle spese totali ammissibili e, comunque, non superiore a € 150.000,00.

In base alla percentuale di contributo richiesto è attribuito un punteggio di premialità.

In rapporto alle spese totali ammissibili, i beneficiari potranno richiedere delle percentuali di contributo che vanno dal 40% al 60%.

Gli aiuti individuali concessi non sono cumulabili con altri aiuti ricevuti dalla stessa impresa per i medesimi costi ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 25/05/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Febbraio 19, 2019
153587518.jpg

FINALITÀ

La Regione Molise promuove lo sviluppo del turismo sostenibile attraverso il finanziamento di progetti volti al miglioramento e riqualificazione dell’offerta turistico-ricettiva afferente al “sistema albergo diffuso” e alla micro-ricettività gestita sotto forma d’impresa nel proprio territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le MPMI esistenti che intendano realizzare il proprio programma d’investimento in strutture ubicate nel territorio della Regione e che siano già costituite ed iscritte nel Registro delle Imprese presso le Camere di Commercio del Molise alla data di presentazione della domanda. Tali imprese devono svolgere le seguenti attività economiche:

  • sistema albergo diffuso;
  • sistema turismo rurale;
  • micro-ricettività con esclusivo riferimento alle case e appartamenti per le vacanze e agli esercizi di affittacamere.

Possono altresì richiedere le agevolazioni i soggetti che intendano costituire una “nuova impresa”, purché, entro 60 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni, l’impresa:

  • sia formalmente costituita ed iscritta nel Registro delle imprese;
  • abbia almeno una sede operativa sul territorio molisano;
  • faccia pervenire la relativa documentazione alla Regione Molise.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto dei programmi d’investimento volti alla riconversione e/o riqualificazione edilizia del patrimonio immobiliare pubblico e/o privato già esistente, ovvero:

  • realizzazione di nuova struttura ricettiva attraverso il recupero funzionale del patrimonio immobiliare esistente;
  • riutilizzo di una struttura ricettiva esistente ed inattiva;
  • incremento delle prestazioni dei servizi offerti e/o della capacità ricettiva;
  • interventi di miglioramento qualitativo della struttura ricettiva esistente.

Ciascun soggetto proponente può presentare una sola domanda di contributo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili ad agevolazione le seguenti voci di spesa:

a) acquisto di immobili nel limite del 70% delle spese ammissibili, dato dalla sommatoria delle voci di cui alle lettere c), d) ed e).

b) progettazioni ingegneristiche riguardanti gli immobili o gli impianti, sia generali che specifici; spese per direzione lavori e collaudi previsti per legge studi di fattibilità economico-finanziaria; spese per fidejussioni nel limite del 10% delle spese ammissibili, dato dalla sommatoria delle voci di cui alle lettere c), d) ed e)

c) opere murarie per la ristrutturazione di beni immobili o la realizzazione di nuove volumetrie (solo nel caso dell’ampliamento);

d) impianti generali (impianti elettrici, idrici, tecnologici, etc.) e opere murarie connesse alla realizzazione di tali impianti;

e) macchinari, impianti specifici, arredamenti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica e funzionali alla realizzazione del progetto;

f) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali della struttura ricettiva; brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità ricettiva. Rientrano in tali servizi le attività di progettazione di architetture telematiche, hosting, e-commerce, gestione data-base, licenze software; tali spese sono ammesse nel limite del 20% delle spese ammissibile, dato dalla sommatoria delle voci di cui alle lettere c), d) ed e);

g) servizi reali che consentano la risoluzione di problematiche di tipo gestionale, tecnologico; organizzativo, commerciale, produttivo e finanziario, spese per certificazioni. I servizi reali sono relativi alle seguenti aree di attività: marketing e vendite; organizzazione e risorse umane; finanza; tali spese sono ammissibili nel limite massimo del 5% delle spese ammissibili, dato dalla sommatoria delle voci di cui alle lettere c), d) ed e);

h) servizi annessi, ammissibili nel limite massimo del 10% delle spese ammissibili, dato dalla sommatoria delle voci di cui alle lettere c), d) ed e).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il contributo può essere concesso:

  • secondo il Regolamento “de minimis”, sotto forma di contributo in conto capitale, nella misura massima del 50% delle spese ammissibili. L’importo massimo del contributo è di € 200.000,00 per beneficiario.
  • secondo il Regolamento GBER (ESL), nella forma del contributo in conto capitale, secondo le intensità indicate nella tabella sottostante.

Il beneficiario deve garantire una copertura finanziaria pari almeno al 25% delle spese ammissibili attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi sostegno pubblico.

TIPOLOGIA IMPRESA ZONA AIUTO GBER ALTRE ZONE
Piccola Impresa 30% ESL 20% ESL
Media Impresa 20% ESL 10% ESL

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 08:00 del 15/03/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification