Notizie e Bandi

Dicembre 29, 2020
cciaa-riviere-di-liguria-fiere-e-internazionalizzazione-2021-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA Riviere di Liguria favorisce i processi di internazionalizzazione incentivando la partecipazione a fiere nazionali ed estere.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, nonché i loro i consorzi e le reti aventi soggettività giuridica, con sede legale o unità locale nelle province di Imperia, La Spezia e Savona.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni fieristiche ed eventi svolti sia con partecipazione in presenza che in modalità virtuale nel periodo tra lo 01/01/2021 e il 31/12/2021, quali:

  • fiere all’estero;
  • fiere con qualifica internazionale in Italia, approvate dalla conferenza delle Regioni e Province Autonome;
  • fiere e azioni per l’internazionalizzazione organizzate in Italia dalla CCIAA Riviere di Liguria e, all’estero, in collaborazione con I.C.E.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute per:

  1. affitto dello spazio espositivo;
  2. quota obbligatoria di iscrizione alla fiera;
  3. pulizia stand, noleggio attrezzature espositive;
  4. allacciamenti e consumi elettrici e idrici, connessione web;
  5. iscrizione o inserzioni pubblicitarie sul catalogo ufficiale o sul sito internet della fiera;
  6. servizi di interpretariato in fiera resi da personale qualificato;
  7. spese per servizi doganali;
  8. ricerca e individuazione di potenziali partners;
  9. organizzazione di incontri con potenziali partners;
  10. servizi di supporto organizzativo e assistenza qualificata;
  11. quota iscrizione, inserzioni pubblicitarie, interpretariato, traduzioni, spese di organizzazione di incontri con potenziali partners per la partecipazione in modalità virtuale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, la cui intensità è pari al 60% delle spese ammissibili, entro i seguenti limiti:

  • € 2.000,00 per partecipazioni in presenza in Italia;
  • € 3.500,00 per partecipazioni in presenza all’estero in Paesi appartenenti all’Unione Europea;
  • € 5.000,00 per partecipazioni in presenza all’estero in Paesi extraeuropei;
  • € 1.000,00 per la partecipazione alle fiere in modalità virtuale.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dallo 01/01/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura a sportello.


Dicembre 16, 2020
cciaa-cremona-finanzia-fiere-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Cremona sostiene gli interventi in digitalizzazione delle manifestazioni fieristiche e gli adeguamenti dei quartieri fieristici alle vigenti normative e agli standard di prevenzione e contenimento del contagio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono soggetti organizzatori nel territorio della provincia di Cremona di manifestazioni fieristiche che abbiano realizzato almeno un evento di livello internazionale, nazionale o regionale, incluso nel calendario fieristico regionale approvato da Regione Lombardia, per gli anni 2019 e/o 2020 o che si impegnino a realizzare eventi con caratteristiche tali da essere inseriti nel calendario fieristico regionale nel 2021.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una delle seguenti attività:

  • interventi di digitalizzazione fieristica destinati al rafforzamento digitale di quartieri e manifestazioni fisiche, nonchè all’organizzazione di eventi virtuali;
  • interventi di promozione delle manifestazioni anche in vista di un futuro rilancio;
  • interventi per l’adeguamento dei quartieri fieristici agli standard di prevenzione e sicurezza previsti dalle attuali normative.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le spese sostenute dallo 01/02/2020 al 28/02/2021 quali:

  • Spese in conto capitale:
  1. realizzazione o acquisizione di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone e siti web;
  2. server e altre attrezzature informatiche per la digitalizzazione;
  3. macchinari, attrezzature ed apparecchi;
  4. opere edili;
  5. installazione o ammodernamento di impianti;
  6. arredi e strutture temporanee;
  • Spese di parte corrente:
  1. canoni per software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone e siti web;
  2. spese di comunicazione e promozione connesse alle tecnologie digitali, comprese le manutenzioni;
  3. materiali di consumo per l’igiene e dispositivi di protezione individuale;
  4. cartellonistica e segnaletica;
  5. spese di promozione e consulenza;
  6. pulizia, sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  7. consulenza in materia di sicurezza sul lavoro per aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi e protocollo per misure anti-contagio e relativa formazione ai dipendenti;
  8. spese per beni, servizi e consulenze esterne per l’organizzazione di manifestazioni;
  9. potenziamento dell’infrastruttura digitale e delle connessioni;
  10. organizzazione di interventi specifici di formazione del personale;
  11. progettazione, sviluppo o manutenzione di sistemi proprietari, anche per quanto riguarda la sincronizzazione con canali forniti da soggetti terzi;
  12. spese per beni, servizi e consulenze esterne per l’analisi di fattibilità del progetto di sviluppo delle fiere prodotte;
  13. personale coinvolto nell’organizzazione delle manifestazioni fieristiche anche digitali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto, parametrato alle spese ammissibili, come di seguito:

  • contributo del 90% per spese in conto capitale;
  • contributo dell’80% per spese di parte corrente.

L’agevolazione è cumulabile con aiuti concessi sul Quadro Temporaneo, con aiuti concessi ai sensi del regime de minimis, nonché con aiuti concessi sul Regolamento GBER.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 29/12/2020 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 3, 2020
simest-patrimonializzazione-enti-fieristici-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L’intervento supporta i processi di internazionalizzazione degli enti fieristici italiani, costituiti in forma di società di capitali e delle imprese per accrescere la loro competitività sui mercati esteri.

BENEFICIARI

I beneficiari devono:

  • essere un ente fieristico o una società che organizza eventi fieristici di rilievo internazionale;
  • essere costituiti in forma di società di capitali;
  • avere organizzato o ospitato, nei 4 anni precedenti la presentazione della domanda, almeno un evento/fiera di respiro internazionale, presente nel calendario AEFI.

INTERVENTI

L’intervento si articola in due fasi:

  • prima fase: dalla data di erogazione del finanziamento alla fine del secondo esercizio intero del beneficiario;
  • seconda fase:
  1. i beneficiari che al termine della prima fase non mantengono il livello di solidità patrimoniale di ingresso o non incrementano, almeno in un anno del periodo di preammortamento, il numero di eventi/fiere di respiro internazionale rispetto all’anno precedente alla presentazione della domanda, rimborsano il finanziamento ottenuto in un periodo massimo di 4 anni al tasso di riferimento. In tal caso è necessaria la proroga della garanzia acquisita o l’acquisizione di idonea garanzia per l’intera durata del finanziamento;
  2. i beneficiari che al termine della prima fase dell’intervento mantengono o migliorano il livello di solidità patrimoniale di ingresso e incrementano, almeno in un anno del periodo di preammortamento, il numero di eventi/fiere di respiro internazionale rispetto all’anno precedente alla presentazione della domanda, rimborsano il finanziamento ottenuto in un periodo massimo di 4 anni al tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento di cui alla normativa europea vigente alla data della delibera di concessione del finanziamento.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento agevolato il cui importo massimo è pari a € 10.000.000,00, garantito da:

  • garanzia autonoma rilasciata da una banca, da una compagnia di assicurazioni o da un intermediario finanziario affidato da SIMEST;
  • pegno su saldo di conto corrente;
  • altre tipologie di garanzie deliberate da SIMEST.

Fino al 31/12/2020 il beneficiario potrà richiedere il finanziamento senza dover presentare alcuna garanzia.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dal 09/12/2020 fino ad esaurimento risorse.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 10, 2020
lombardia-ocm-vino-promozione-mercati-paesi-terzi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia sostiene la promozione sui mercati dei Paesi terzi delle produzioni vinicole regionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. organizzazioni professionali, purché abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;
  2. organizzazioni di produttori di vino;
  3. associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. organizzazioni interprofessionali;
  5. consorzi di tutela riconosciuti e loro associazioni e federazioni;
  6. produttori di vino;
  7. soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  8. associazioni temporanee di impresa e di scopo;
  9. consorzi, associazioni, federazioni e società cooperative;
  10. reti d’impresa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. relazioni pubbliche, promozione e pubblicità che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;
  2. partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  3. campagna d’informazione delle indicazioni geografiche e della produzione biologica vigenti nell’Unione;
  4. studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nella seguente elencazione:

  1. consulenza di marketing;
  2. organizzazione di degustazioni promozionali;
  3. materiale promozionale;
  4. incontri con operatori B2B e incoming;
  5. media advertising;
  6. partecipazione a fiere;
  7. degustazioni guidate e partecipazioni ad eventi di degustazione organizzati da terzi;
  8. materiale promozionale da distribuire ad eventi;
  9. incontri operatori B2B in ambito fieristico;
  10. gala dinner;
  11. wine tasting;
  12. promozione presso punti vendita, GDO, HO.RE.CA;
  13. comunicazione e promozione svolte attraverso la rete internet o di digital marketing.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 60% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammissibile per intervento non può essere inferiore a € 30.000,00 per Paese terzo o mercato del Paese terzo anche qualora il progetto sia destinato a un solo Paese terzo o mercato del Paese terzo. Il contributo massimo per progetto regionale e multiregionale è pari a € 600.000,00 per i progetti presentati dai consorzi di tutela riconosciuti e le loro associazioni e federazioni, e pari a € 400.000,00 per i progetti presentati dalle altre tipologie di beneficiari.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 23, 2020
marche-ocm-vino-promozione-2020-2021-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche migliora la competitività del settore vitivinicolo, favorendo la penetrazione dei prodotti nazionali, sia nei Paesi terzi tradizionali acquirenti, sia all’interno di nuovi mercati.

BENEFICIARI

I beneficiari, con sede operativa nella Regione Marche, sono:

  1. organizzazioni professionali che abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;
  2. organizzazioni di produttori di vino;
  3. associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. organizzazioni interprofessionali;
  5. consorzi di tutela e loro associazioni e federazioni;
  6. produttori di vino;
  7. soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  8. associazioni temporanee di impresa e di scopo;
  9. consorzi, associazioni, federazioni e società cooperative;
  10. reti di impresa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità, che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in termini di qualità e sicurezza;
  • partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  • campagne di informazione, in particolare sui sistemi delle denominazioni di origine, delle indicazioni geografiche e della produzione biologica vigenti nell’Unione;
  • studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e promozione.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dallo 01/04/2021 e comunque successivamente al giorno di stipula del contratto con AGEA.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’importo del contributo a fondo perduto può arrivare fino al 60% delle spese ammissibili e non può superare € 1.000.000,00.

Il contributo minimo deve essere pari o superiore a:

  • € 100.000,00, qualora il progetto sia destinato ad un solo Paese terzo o mercato del Paese terzo;
  • € 20.000,00, per Paese terzo o per mercato del Paese terzo, qualora il progetto sia destinato a più Paesi terzi o a più mercati di Paesi terzi, fermo restando il limite minimo complessivo di € 100.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 13:00 del 24/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 20, 2020
cciaa-sassari-fiere-e-mostre-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Sassari favorisce la partecipazione a fiere e mostre in Italia e all’estero.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese aventi sede legale o unità operativa nel territorio di competenza della CCIAA di Sassari, comprese le cooperative, le imprese artigiane, i consorzi, le reti di imprese e le O.P.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni, fiere, mostre, BtoB e attività affini svolte in Italia e all’estero alle quali le imprese partecipano con un proprio spazio.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • affitto dello spazio espositivo e servizi fieristici di supporto;
  • iscrizione al catalogo ufficiale;
  • trasporto dei prodotti da esporre;
  • interpretariato;
  • viaggio effettuato in classe economica con vettori aerei, navali ed altri mezzi pubblici;
  • pernottamento in hotel classificati con massimo 4 stelle;
  • materiale promozionale dedicato;
  • servizi resi da Camere di Commercio italiane all’estero.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto che non potrà essere superiore al 50% delle spese ammissibili, fino alla concorrenza massima di:

  • € 2.500,00 per le manifestazioni in Italia;
  • € 3.000,00 per le manifestazioni nei Paesi europei;
  • € 3.500,00 per le manifestazioni nei Paesi extraeuropei.

Nel caso in cui la domanda venga presentata da un’aggregazione composta da almeno tre imprese, l’entità del contributo, è pari all’80% delle spese ammissibili per ciascuna impresa aderente all’aggregazione.

Il contributo massimo concedibile per ciascuna impresa è pari ad € 5.000,00 per anno solare.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2020.


Ottobre 19, 2020
cciaa-brescia-fiere-in-italia-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Brescia sostiene la partecipazione delle MPMI del proprio territorio in qualità di espositori a fiere e mostre con qualifica nazionale o internazionale ed incontri d’affari.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, loro consorzi e cooperative, appartenenti ai settori dell’industria, dell’agricoltura, del commercio, del turismo e dei servizi nonchè dell’artigianato con sede legale o unità locale operativa nella provincia di Brescia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione, in qualità di espositori, a:

  • fiere e mostre con qualifica nazionale o internazionale;
  • fiere e mostre organizzate dagli organismi partecipati dall’Ente camerale bresciano;
  • incontri di affari quali “matching” o workshop aventi valenza nazionale o internazionale.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese aventi ad oggetto i costi per il noleggio dell’area espositiva ed i costi di allestimento dello stand.

Le spese devono essere sostenute dallo 01/01/2020 al 31/12/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo pari al 50% della spesa ammissibile ed il cui valore massimo sarà pari ad € 3.500,00 ed è cumulabile con altre forme di beneficio dello Stato o di altri Enti pubblici, nell’ambito del Quadro Temporaneo.

E’ prevista una premialità nei confronti dei beneficiari in possesso del rating di legalità, così determinata:

  • possesso di 1 stella di rating: € 150,00;
  • possesso di 2 stelle di rating: € 300,00;
  • possesso di 3 stelle di rating: € 500,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 09:00 del 19/01/2021 alle ore 16:00 del 25/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 19, 2020
umbria-internazionalizzazione-fiere-internazionali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce la partecipazione delle imprese a fiere internazionali con l’obiettivo di rafforzare la competitività, favorire l’internazionalizzazione e la promozione dell’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative e i contratti di rete soggetto, esportatrici e non, aventi la sede legale o l’unità locale nella Regione Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un contributo per la partecipazione a 1 o più fiere internazionali, fino a un massimo di 5, nel periodo tra lo 01/10/2020 e il 31/12/2021, con svolgimento in data successiva alla presentazione della domanda.

I beneficiari potranno partecipare a fiere internazionali in modalità tradizionale e digitale in Italia, in Europa o Extra-UE.

E’ ammessa solo la partecipazione come espositore diretto, intestatario dell’affitto dell’area espositiva.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono così determinate:

Fiere internazionali tradizionali:

  • affitto area espositiva;
  • quote di iscrizione, quote per servizi assicurativi e altri oneri obbligatori;
  • allestimento stand;
  • allacciamenti quali energia elettrica, acqua, internet e pulizia stand;
  • iscrizione al catalogo della manifestazione;
  • hostess e interpreti impiegati allo stand;
  • brochure e materiali promozionali, anche in forma digitale.

Fiere internazionali digitali:

  • costi di iscrizione e partecipazione all’evento nonché dei servizi offerti dall’Ente organizzatore;
  • ideazione e realizzazione dello stand virtuale;
  • ideazione e realizzazione di Cataloghi prodotti multilingue multimediale o brochure multimediale;
  • spese assicurative e di trasporto di materiale campionario;
  • aggiornamento del sito web aziendale;
  • attrezzatura Hw e Sw e costi di connessione per la partecipazione agli eventi on-line promossi dall’ente organizzatore.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto così determinato:

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta dei Costi Standard:

Fiere internazionali in Italia:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 1.600,00 al giorno per un massimo di € 8.000,00.

Fiere internazionali all’estero:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 2.000,00 al giorno per un massimo di € 10.000,00.

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Contributo per fiere digitali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 19, 2020
cciaa-brescia-fiere-in-lombardia-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Brescia sostiene la partecipazione delle imprese del territorio a fiere, mostre e incontri d’affari che si terranno in Lombardia.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, loro consorzi e cooperative, appartenenti ai settori dell’industria, agricoltura, commercio, turismo e servizi o artigianato ed aventi sede legale o unità locale operativa nella provincia di Brescia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione, in qualità di espositori, ai seguenti eventi tenutisi in Lombardia dallo 01/08/2020 al 31/12/2020:

  • fiere e mostre con qualifica nazionale o internazionale;
  • fiere e mostre organizzate o promosse dagli organismi partecipati dall’Ente camerale bresciano;
  • incontri d’affari quali “matching” o workshop aventi valenza nazionale o internazionale;

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per il noleggio dell’area espositiva ed i costi di allestimento dello stand.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili entro il limite massimo di € 3.500,00 ed è cumulabile con altre forme di beneficio dello Stato o di altri Enti pubblici, nell’ambito del Quadro Temporaneo.

Alle imprese in possesso del rating di legalità è riconosciuta una premialità, nelle seguenti misure:

  • possesso di 1 stella di rating: € 150,00;
  • possesso di 2 stelle di rating: € 300,00;
  • possesso di 3 stelle di rating: € 500,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 09:00 del 26/01/2021 alle ore 16:00 del 01/02/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 12, 2020
lombardia-digitalizzazione-sicurezza-fiere-lombarde-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia favorisce la ripresa del sistema fieristico lombardo e il suo adeguamento alle mutate situazioni di mercato conseguenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19, sostenendo gli interventi in digitalizzazione delle manifestazioni fieristiche e gli adeguamenti dei quartieri fieristici agli standard di prevenzione e contenimento del contagio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • organizzatori di manifestazioni fieristiche che abbiano almeno un evento qualificato di livello internazionale o nazionale, incluso nel calendario fieristico regionale approvato da Regione Lombardia per gli anni 2020 o 2021;
  • proprietari o gestori di quartieri fieristici riconosciuti di livello internazionale e nazionale, indipendentemente dalla loro forma giuridica.

I beneficiari devono essere iscritti al Registro delle Imprese oppure rientrare nell’elenco delle Amministrazioni Pubbliche predisposto dall’ISTAT.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. adozione di tecnologie digitali per l’estensione virtuale delle manifestazioni fieristiche, inclusa la realizzazione di siti web e di contenuti digitali per la promozione degli stessi;
  2. adeguamento dei quartieri fieristici agli standard di prevenzione, sicurezza e contenimento del contagio da Covid-19, inclusi materiali di consumo, servizi per la pulizia e la sanificazione, aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi e protocollo per misure anti-contagio.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • spese in conto capitale:
  1. realizzazione, acquisto o acquisizione tramite licenza di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone e siti web;
  2. macchinari, attrezzature ed apparecchi, comprese le spese di installazione collegate;
  3. opere edili;
  4. installazione o ammodernamento di impianti;
  5. arredi e strutture temporanee;
  • spese di parte corrente:
  1. canoni per software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web;
  2. spese di comunicazione e promozione connesse alle tecnologie digitali;
  3. materiali di consumo per l’igiene e dispositivi di protezione individuale;
  4. cartellonistica e segnaletica;
  5. servizi di pulizia, sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  6. spese di consulenza in materia di sicurezza sul lavoro per l’aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi e relativa formazione ai dipendenti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di una sovvenzione a fondo perduto come di seguito specificato:

  • organizzatori di manifestazioni fieristiche:
  1. contributo in conto capitale: 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 100.000,00;
  2. contributo di parte corrente: 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 20.000,00;
  • proprietari e gestori di quartieri fieristici:
  1. contributo in conto capitale: 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 250.000,00;
  2. contributo di parte corrente: 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 20.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con aiuti concessi sul Quadro Temporaneo, con aiuti concessi ai sensi del Regolamento de minimis ordinario, nonché con aiuti concessi sul Regolamento GBER.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 20/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification