Notizie e Bandi

Ottobre 7, 2020
emilia-romagna-promozione-export-eventi-fieristici-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna intende diversificare i mercati di sbocco delle imprese e rafforzare la propensione all’export del sistema produttivo regionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, aventi sede legale o unità operativa in Regione le quali esercitano la propria attività economica nei seguenti settori: C, D, E, F, J, M, N, Q, R.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione ad eventi promozionali B2B, fisici o virtuali, realizzati da organizzatori internazionali, purché di livello internazionale o la partecipazione, in Italia o all’estero a fiere internazionali, sia fisiche che virtuali.

I progetti avranno inizio dallo 01/01/2021 e dovranno essere conclusi entro il 31/12/2021.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • partecipazione a eventi promozionali o B2B fisici o virtuali realizzati da organizzatori internazionali;
  • partecipazione a fiere all’estero o in Italia di natura fisica o virtuale. Nel caso di fiere in presenza saranno ammessi i costi per affitto spazi, allestimento, gestione spazi, trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse, ingaggio di hostess e interpreti. Nel caso di fiere virtuali saranno ammessi i costi di iscrizione alla fiera e ai relativi servizi, consulenze in campo digital, hosting, sviluppo piattaforme per la virtualizzazione, produzione di contenuti digitali, accordi onerosi con media partners, spese di spedizione dei campionari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 100% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di € 10.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata entro una delle seguenti finestre di apertura:

  • 1° Call: dalle ore 12:00 del 04/11/2020 alle ore 16:00 del 04/12/2020;
  • 2° Call: dalle ore 12:00 del 01/06/2021 alle ore 16:00 del 30/06/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Agosto 20, 2020
simest-e-commerce-paesi-extra-ue-valore-consulting-1280x617.jpg

FINALITÀ

Il MISE definisce le modalità di concessione da parte di SACE-SIMEST di finanziamenti agevolati per lo sviluppo di soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di Market-place o la realizzazione di una piattaforma informatica propria da parte dell’impresa richiedente.

BENEFICIARI

Il beneficiario deve essere un’impresa, di qualsiasi dimensione, costituito in forma di società di capitali che ha depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

In caso di imprese aggregate le stesse dovranno costituire una Rete Soggetto con autonoma soggettività giuridica mediante la sottoscrizione di un contratto di Rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una domanda di finanziamento agevolato con le seguenti caratteristiche:

  • riguardare un solo Paese estero nel quale registrare un dominio di primo livello nazionale;
  • riguardare lo sviluppo di nuove soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di un market place o la realizzazione di una piattaforma informatica propria. Entrambi devono avere un dominio di primo livello nazionale registrato in un Paese estero.

SPESE AMMISSIBILI

Possono essere oggetto di finanziamento agevolato:

1. spese relative alla creazione e sviluppo di una propria piattaforma informatica, ovvero:

  • creazione sito e-commerce front-end;
  • creazione sito responsive/sito mobile/app;
  • costo configurazione del sistema;
  • spese di acquisto, registrazione e gestione del dominio geografico nel Paese di destinazione presso l’Authority locale;
  • consulenze a supporto della piattaforma;

2. spese relative alla gestione/funzionamento della propria piattaforma informatica/market place, ovvero:

  • spese di registrazione per apertura store in market place;
  • annual fee per il funzionamento e mantenimento della piattaforma/market place;
  • spese per la sicurezza dei dati e della piattaforma;
  • circuiti di pagamento;
  • scheda tecnica dei prodotti;
  • traduzione dei contenuti;
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio;
  • spese di monitoraggio accessi alla piattaforma;
  • spese per analisi e tracciamento dati di navigazione;

3. spese relative alle attività promozionali e alla formazione connesse allo sviluppo del programma, ovvero:

  • spese per l’indicizzazione della piattaforma/market place;
  • spese per web marketing;
  • spese per comunicazione e promozione;
  • formazione del personale adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

Le spese devono essere sostenute nel periodo di realizzazione del programma.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un finanziamento agevolato il cui importo massimo è pari ad € 450.000,00.

L’importo del finanziamento agevolato non potrà superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati, con i seguenti limiti:

  • importo minimo € 25.000,00;
  • importo massimo per l’utilizzo di un market place fornito da soggetti terzi € 300.000,00;
  • importo massimo per la realizzazione di una piattaforma propria € 450.000,00.

Il finanziamento può essere garantito da:

  • garanzia autonoma a prima richiesta, senza eccezioni, rilasciata da una banca o compagnia di assicurazioni, confidi/intermediario finanziario convenzionato con SIMEST o intermediario finanziario affidato da SIMEST;
  • pegno su saldo di conto corrente;
  • altre garanzie.

La durata complessiva è di 4 anni, di cui 1 di preammortamento e 3 di ammortamento, a decorrere dalla Data di Perfezionamento. Il rimborso avviene in 6 rate semestrali posticipate a capitale costante, a partire dalla data di termine del periodo di preammortamento.

Il finanziamento verrà erogato secondo due modalità modalità:

  1. prima erogazione a titolo di anticipo di importo pari al 50% del finanziamento, effettuata entro 30 giorni dalla data di adempimento delle eventuali condizioni sospensive;
  2. seconda erogazione a saldo dell’importo delle spese rendicontate e documentabili, a condizione che vengano rispettati gli adempimenti fissati nella sottostante tabella.

Fino al 31/12/2020 il beneficiario può richiedere fino al 40% del finanziamento come finanziamento a fondo perduto, entro il limite di € 100.000,00.

ADEMPIMENTI TERMINI CONDIZIONI
Rendicontazione puntuale delle spese sostenute sottoscritta digitalmente dal legale rappresentate usando il portale di SIMEST 13 mesi dalla data di perfezionamento Le spese sostenute, rendicontate e ritenute ammissibili superino l’importo della prima erogazione
Presentazione delle garanzie richieste 16 mesi dalla data di perfezionamento

TERMINE

Il Bando ha chiuso per esaurimento risorse.
Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Agosto 19, 2020
cciaa-modena-voucher-internazionalizzazione-2020-valore-consulting-1280x960.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Modena rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, anche attraverso L’utilizzo di strumenti innovativi, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Modena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di iniziative sui mercati internazionali, nei seguenti ambiti di attività:

Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero

  • servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l’accesso nei mercati esteri e individuare nuovi canali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei contenuti di brochure e presentazioni aziendali;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero, con specifico riferimento alle necessità legate all’emergenza Covid-19;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di temporary export manager e digital export manager.

Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero percorsi di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • sviluppo della gestione di business on line, attraverso il posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • analisi e ricerche di mercato per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco;
  • ricerca clienti/partner per stipulare contratti commerciali o accordi di collaborazione.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore a € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali;
  • realizzazione di spazi espositivi, virtuali o fisici, e incontri d’affari.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 23/02/2020 fino al 120° giorno successivo alla data della Determinazione di approvazione delle graduatorie delle domande ammesse a contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 10.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 08:00 del 14/09/2020 alle ore 21:00 del 16/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 20, 2020
emilia-romagna-digital-export-2020-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Regione Emilia Romagna intende conseguire i seguenti obiettivi:

  • sostenere le imprese in fase di riavvio delle attività dopo la crisi sanitaria Covid-19;
  • sostenere il ricorso a servizi finalizzati a rafforzare la presenza all’estero delle MPMI;
  • incrementare l’utilizzo delle possibili soluzioni offerte dal digitale a sostegno dell’export come iniziative di promozione e commercializzazione digitale;
  • favorire interventi funzionali alla continuità operativa delle attività commerciali all’estero nella fase post-emergenziale da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • sede legale e/o unità locali in Emilia-Romagna;
  • attivi e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • non risultano impresa in difficoltà alla data del 31/12/2019;
  • in regola con la vigente disciplina antimafia;
  • hanno assolto agli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • esercitano la propria attività economica nei seguenti settori: C (dalla sezione 10 alla 33); – J (solo 62); M (solo 71, 72 e 74);
  • hanno un fatturato minimo di € 300.000,00 così come desunto dall’ultimo bilancio disponibile.

I beneficiari devono essere prevalentemente imprese esportatrici abituali o occasionali ovvero imprese che nell’ultimo biennio, hanno svolto operazioni di vendita all’estero o hanno svolto operazioni di vendita diretta dei propri prodotti all’estero per un valore pari o superiore al 20% del proprio fatturato complessivo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un progetto finalizzato a supportare l’impresa sui mercati internazionali.

Il progetto potrà comprendere le seguenti principali attività:

  1. Formazione Digitale: accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative in tema di contrattualistica internazionale, fiscalità comunitaria e internazionale, trasporti internazionali, modello intrastat; marketing internazionale, credito e pagamenti internazionali, marketing digitale ed export, certificazioni per l’estero, tutela proprietà intellettuale, approfondimenti dedicati ai mercati esteri, e-commerce per l’estero;
  2. Assesment: accrescimento delle potenzialità delle imprese attraverso servizi di analisi, orientamento e avvicinamento ai servizi digitali per facilitare l’accesso ai mercati esteri e individuare nuovi canali di vendita;
  3. Temporary Export Manager e Digital Export Manager: sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di Temporary Export Manager e Digital Export Manager in affiancamento al personale aziendale per favorire l’implementazione di una strategia commerciale e l’accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa;
  4. Marchio: protezione del marchio dell’impresa all’estero, ovvero percorso di ottenimento della protezione o registrazione del marchio in uno o più dei Paesi esteri target;
  5. Certificazioni: ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie per esportare in uno o più dei Paesi esteri target;
  6. B2B: realizzazione di incontri B2B, in presenza o virtuali, con operatori dei Paesi esteri target, ovvero l’individuazione di buyer/operatori internazionali;
  7. Fiere e Convegni: partecipazione a fiere a carattere internazionale o convegni specialistici internazionali con finalità commerciale esclusivamente in modalità virtuale;
  8. Marketing Digitale: realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  9. Business Online: sviluppo della gestione di business on line, attraverso il corretto posizionamento su piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali;
  10. Sito web aziendale: progettazione, predisposizione e traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  11. Materiale promozionale: potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei cataloghi/ brochure/presentazioni aziendali.

Gli interventi dovranno essere realizzati tra lo 01/01/2020 ed il 31/12/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. servizi di consulenza e/o formazione relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  2. quote di adesione ai vari servizi delle piattaforme fieristiche/convegnistiche digitali, realizzazione di spazi espositivi virtuali e incontri d’affari;
  3. registrazione del marchio;
  4. spese vive di viaggio, vitto e alloggio dei rappresentanti degli operatori esteri in occasione di incontri personalizzati.

Tutte le spese possono essere sostenute dallo 01/01/2020 al 31/12/2020 e devono essere fatturate a partire dal 01/01/2020 ed entro il 31/12/2020.

Tali spese devono essere sostenute e pagate entro la data di presentazione della rendicontazione, fissata al 30/01/2021. Non sono ammesse proroghe.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammonterà ad € 3.000,00, mentre quello massimo ad € 20.000,00.

Gli aiuti sono cumulabili, per gli stessi costi ammissibili con altri aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

Le domande potranno essere presentate, in via straordinaria, il 22/07/2020 dalle ore 08:00 alle ore 16:00.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.

 

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Giugno 25, 2020
cciaa-prato-internazionalizzazione-imprese-valore-consulting-1280x853.jpeg

FINALITÀ

La CCIAA di Prato rafforza la capacità delle imprese di operare sui mercati internazionali, assistendole nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati già serviti e nello scouting di nuovi o primi mercati di sbocco.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Prato.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. percorsi di rafforzamento della presenza all’estero:
  • servizi di analisi e orientamento per facilitare l’accesso e il radicamento sui mercati esteri;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera;
  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri;
  • protezione del marchio dell’impresa all’estero;
  • servizi di assistenza specialistica sul versante legale, organizzativo, contrattuale o fiscale legato all’estero;
  • accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative a carattere specialistico;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di temporary export manager e digital export manager in affiancamento al personale aziendale. I servizi dovranno essere forniti da società di consulenza di cui all’elenco dei Temporary Export Manager.

2. sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero:

  • realizzazione di “virtual matchmaking”, ovvero lo sviluppo di percorsi  di incontri d’affari e B2B virtuali tra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • avvio e sviluppo della gestione di business on line, attraverso l’utilizzo di piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali;
  • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere o eventi con finalità commerciale all’estero o a fiere internazionali in Italia;
  • realizzazione di attività ex-ante ed ex-post rispetto a quelle di promozione commerciale.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  • acquisto o noleggio di beni e servizi strumentali funzionali allo sviluppo delle iniziative elencate;
  • realizzazione di spazi espositivi e incontri d’affari.

Le spese devono essere sostenute a partire dal 01/01/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 7.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Febbraio 19, 2020
veneto-promozione-export-aggregazioni-imprese-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto incrementa il livello di internazionalizzazione dei propri sistemi produttivi, ossia dei distretti industriali, delle reti innovative regionali e delle aggregazioni di imprese. Gli interventi sono mirati a consolidare relazioni connesse allo sviluppo delle attività di export tra imprese che intendono mettere in comune funzioni di impresa che risulterebbero troppo onerose per la singola unità aziendale, nell’intento di stabilizzare i rapporti cooperativi tra imprese al fine di sostenere la condivisione di bisogni comuni relativi all’export, che scaturiscono dall’appartenenza alla medesima area, allo stesso settore o filiera.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i distretti industriali e le reti innovative regionali composti da Micro, Piccole e Medie Imprese.

Rientrano tra i beneficiari anche le aggregazioni di imprese composte nel numero minimo di 3 imprese in una delle seguenti modalità:

  • contratto di rete;
  • consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
  • associazione di imprese a carattere temporaneo (A.T.I).

Le imprese che compongono i menzionati beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere regolarmente costituita, iscritta nel registro delle imprese e attiva presso la CCIAA competente per territorio;
  2. avere un’unità operativa attiva in Veneto;
  3. svolgere un’attività appartenente ad uno dei settori di cui alla classificazione ISTAT delle attività economiche ATECO 2007, come di seguito indicato: distretti industriali (calzatura della riviera del Brenta: 14.2, 15.1, 15.2; pelle della Valle del Chiampo: 14.2, 15.1, 15.2, 32.3; meccanica dell’Alto Vicentino: 28.1, 28.2, 28.4, 28.9; mobile del Livenza: 16.1, 16.2, 31.0; occhialeria Bellunese: 23.91, 25.6, 25.61, 25.73.2, 25.99.99, 26.7, 28.4, 28.99.2, 32.5, 32.99.90, 46.43.3, 47.78.2; orafo Vicentino: 32.1; sportsystem di Asolo e Montebelluna: 14.2, 15.1, 15.2, 32.3; ceramica artistica di Nove e Bassano del Grappa: 23.3, 23.4; giostra del Polesine: 28.9; ittico di Rovigo e Chioggia: 10.2, 3.11, 3.21, 46.38.10, 46.38.20; marmo e pietra del Veronese: 23.7, 23.9; mobile di Verona: 16.1, 16.2, 23.19.90, 31.0, 46.65.00, 47.59.10, 95.24.01; Conegliano Valdobbiadene prosecco: 11.02; vetro artistico di Murano e vetro del Veneziano: 23.1; vini Veronesi: 11.02); reti innovative regionali. Per le imprese aderenti alle reti innovative regionali non sono previsti codici ATECO; – aggregazioni di imprese. Sono ammissibili le imprese aventi, in attività primaria o secondaria, un codice ATECO appartenente alle sezioni: C “Attività manifatturiere”, F “Costruzioni”, I “Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione”, J “Servizi di informazione e comunicazione”, o i codici 70.22.09, 71.20.22, 82.99.99, 94.99.90;
  4. essere “autonoma” rispetto ad ogni altra impresa partecipante;
  5. presentare una situazione di regolarità contributiva previdenziale e assistenziale;
  6. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  7. avere la capacità amministrativa, operativa e finanziaria;
  8. trovarsi in posizione regolare rispetto alla normativa antimafia qualora il sostegno richiesto risulti superiore ad € 150.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la realizzazione di attività volte a sviluppare percorsi di internazionalizzazione e a favorire l’accesso e l’espansione delle MPMI sui mercati esteri attraverso l’utilizzo di servizi specialistici, di assistenza, orientamento, affiancamento, informazione e promozione dell’export il cui scopo è legato al conseguimento di risultati funzionali alla crescita della competitività sistemica del distretto industriale, della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese.

I progetti potranno ìprevedere:

  • l’utilizzo di un “Temporary Export Manager”, specializzato in tematiche internazionali, per la consulenza, la pianificazione, l’orientamento e la promozione sui mercati esteri il quale opererà sulle imprese, del distretto industriale o della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese, che partecipano al progetto;
  • la creazione o il potenziamento della dimensione e-commerce del distretto industriale, della rete innovativa regionale, della aggregazione di imprese;
  • la partecipazione a manifestazioni fieristiche da parte del distretto industriale, della rete innovativa regionale, della aggregazione di imprese;
  • la creazione di canali di incontro tra domanda e offerta attraverso la pianificazione e l’attuazione di iniziative di incoming di buyers tramite incontri B2B realizzati nel territorio del distretto industriale o nei siti produttivi della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese.

Una stessa impresa può partecipare ad un solo progetto. L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 60.000,00 ed € 500.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese relative agli interventi devono essere sostenute in uno dei seguenti periodi:

  • 1° periodo: dalla data di avvio del progetto e fino al 30/04/2021;
  • 2° periodo: dal 01/05/2021 al 31/12/2021. Entro tale data dovranno essere concluse tutte le attività del progetto.

Sono ammissibili le seguenti categorie di spesa:

  • Consulenze specialistiche:
  1. internazionalizzazione: studi di fattibilità, check up aziendali volti alla valutazione dello sviluppo delle imprese su mercati esteri obiettivo, piani export, per la ricerca di partner commerciali o industriali, servizi di consulenza straordinaria per contrattualistica, legali e fiscali (quali contrattualistica internazionale, consulenza in materia doganale), consulenze volte all’acquisizione di certificazioni estere di prodotto e volte all’utilizzo e alla tutela dei marchi nei mercati esteri obiettivo, studi o servizi di consulenza necessari per il lancio di nuovi prodotti o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato in un altro Stato membro UE o in un paese terzo. Sono inoltre comprese le consulenze per la creazione o il potenziamento di canali e-commerce. Sono escluse le prestazioni continuative o periodiche e i costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità;
  2. business: impiego di una figura manageriale specialistica, esterna al personale delle imprese e a carattere temporaneo, definita Temporary Export Manager, dedicato alla conduzione, coordinamento e gestione del progetto in relazione alle attività da svolgere nei mercati dei paesi obiettivo, all’analisi per la commercializzazione o lo sviluppo di iniziative commerciali da condurre all’estero, alla definizione di modelli di business per l’internazionalizzazione e di piani export. Il “Temporary Export Manager” può essere un libero professionista in possesso di partita IVA, associato o accreditato, presso organizzazioni associative di rappresentanza di manager che hanno sottoscritto contratti nazionali, oppure un professionista messo a disposizione da una società di Temporary Export Manager iscritta nell’elenco approvato dal MISE.
  • Partecipazione a fiere:
  1. affitto degli spazi espositivi;
  2. installazione e gestione stand: servizi esterni, di progettazione e di montaggio, trasporto dei materiali e dei prodotti con eventuali spese di assicurazione; servizi esterni di hostess, traduttori e interpreti. Sono esclusi i costi per l’acquisto e la fornitura di beni materiali (quali arredi) che compongono lo stand;
  3. personale dipendente impegnato nella partecipazione alle fiere.
  • Pianificazione e attuazione di iniziative di incoming:
  1. consulenze e servizi esterni per l’incoming: organizzazione di incontri B2B con buyers da realizzarsi nel territorio del distretto industriale;
  2. personale dipendente delle imprese partecipanti al progetto impegnate nelle attività di pianificazione, organizzazione e gestione delle iniziative di incoming;
  3. spese di vitto, alloggio e trasferimenti interni riferite ai buyers partecipanti agli incontri B2B;
  4. spese relative al viaggio “da” e “per” il paese/area di provenienza dei buyers ospitati nelle iniziative di incoming.
  • Spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo in conto capitale, dell’intensità del 50% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 10/03/2020.

Le domande sono esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Febbraio 18, 2020
milano-monza-brianza-lodi-cresci-2020-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi, promuove la competitività delle imprese attraverso l’assegnazione di contributi a copertura delle spese sostenute per l’acquisizione di servizi per favorire la crescita e lo sviluppo commerciale internazionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese di tutti i settori economici, aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, ed in regola con il pagamento del diritto annuale.

Le imprese beneficiarie devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • essere nel pieno esercizio dei propri diritti;
  • avere assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • non avere in essere alcun rapporto di fornitura con la CCIAA di Milano, Monza Brianza e Lodi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere come obiettivo lo sviluppo di ricerche/scouting di mercato, ricerca clienti/distributori, presidi commerciali all’estero, nonché azioni di sostegno allo sviluppo di materiale di comunicazione necessario per migliorare la presentazione aziendale verso i potenziali partner internazionali.

Il progetto di promozione sui mercati esteri potrà essere composto dalle 3 attività sotto descritte:

1.Prima consulenza ed orientamento:

  • monitoraggio dell’azienda e dei suoi strumenti di presentazione ai clienti esteri;
  • indicazioni sul mercato selezionato dall’azienda e valutazione delle opportunità di mercato export;
  • valutazione del posizionamento e della competizione online nei paesi target.

2.Ricerca di partner commerciali o attivazione di presidi commerciali sui mercati esteri:

  • analisi di settore e ricerche di mercato;
  • ricerche di importatori, distributori, clienti, fornitori;
  • organizzazione di incontri di affari con selezionate controparti commerciali;
  • servizi di follow up o back office commerciale;
  • presidi commerciali continuativi volti al consolidamento commerciale dell’azienda sul mercato/i selezionati.

3.Attività complementari di comunicazione e promozione sui mercati internazionali.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore ad € 2.500,00.

SPESE AMMISSIBILI

1. Tutte tali attività sono fornite a titolo gratuito da Promos Italia.

2. Le spese ammissibili relative a tali attività sono:

  1. acquisizione consulenze per analisi/ricerche di mercato, ricerche partners, organizzazione incontri B2B e servizi di follow up o back office commerciale;
  2. noleggio sale per B2B, interpretariato e transfer durante gli incontri.

3. Le spese ammissibili relative a tali attività sono:

  1. progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa;
  2. progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti di cataloghi/brochure/presentazioni aziendali;
  3. attività di promozione offline ed online nei mercati in cui verranno svolte le attività indicate ai punti della precedente elencazione.

Tutte le spese possono essere sostenute a partire dalla data di apertura del bando (18/02/2020) e fino al 210° giorno successivo alla data della Determinazione di approvazione delle graduatorie delle domande ammesse.

VALORE MINIMO SERVIZI GRATUITI VALORE MASSIMO SERVIZI GRATUITI
€ 495,00 € 2.000,00

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto pari al 60% dei costi ammissibili.

Gli aiuti sono cumulabili, per gli stessi costi ammissibili, con altri aiuti di Stato, se l’aiuto cumulato non supera l’intensità e/o l’importo massimo stabilito da un regolamento di esenzione per categoria o da un regime autorizzato dalla Commissione. Essi sono inoltre cumulabili con aiuti senza costi ammissibili individuabili.

INVESTIMENTO MINIMO IMPORTO CONTRIBUTO MASSIMO
€ 2.500,00 € 6.000,00

TERMINE

La domanda può essere presentata entro il 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di ricevimento delle stesse-


Dicembre 19, 2019
sardegna-promozione-mercati-esteri-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Sardegna supporta l’internazionalizzazione delle imprese del proprio territorio, che incrementano la propensione all’export, promuovendo l’ingresso e il consolidamento sui mercati internazionali delle produzioni di eccellenza regionale all’estero, articolate all’interno di Piani di internazionalizzazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, che esercitano la loro attività in uno dei seguenti settori economici:

  • B – Altre attività di estrazione di cave e miniere, limitatamente alla sottocategoria 08;
  • C – Attività manifatturiere;
  • J – Servizi di informazione e comunicazione, limitatamente alle sottocategorie 62 e 63;
  • Attività degli incubatori certificati, a prescindere dal codice ATECO prescelto, limitatamente alle attività di promozione all’estero e ricerca investitori in favore delle imprese incubate e alle attività di attrazione di nuove imprese da incubare in Sardegna.

I beneficiari, inoltre, devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. avere sede operativa attiva in Sardegna;
  2. essere iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA territorialmente competente;
  3. essere in regola con la normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
  4. essere in regola ai fini del rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva;
  5. non essere beneficiarie, per la stessa iniziativa, di altri contributi pubblici per le spese oggetto dell’agevolazione;
  6. non trovarsi in una situazione di impresa in difficoltà.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un piano di internazionalizzazione nei macrosettori individuati dal “Programma regionale triennale per l’internazionalizzazione”, ovvero:

  • Agroalimentare;
  • Turismo;
  • Costruzioni e bioedilizia;
  • ICT, alta tecnologia e aerospazio;
  • Meccanica;
  • Energia;
  • Attività artistiche, di intrattenimento ed editoria;
  • Distretto del lapideo;
  • Distretto del sughero;
  • Distretto della moda e del tessile; artigianato artistico e di design;
  • Sistemi produttivi locali della logistica avanzata e della nautica.

Il piano deve favorire percorsi di internazionalizzazione che possono aumentare la competitività sul mercato delle imprese nei mercati esteri. Per ciascuna azione devono essere indicate le singole attività, gli elaborati prodotti, i tempi di realizzazione e i costi.

Le attività da realizzare devono avere natura promozionale, di studio o di consulenza, tese alla penetrazione commerciale, alla realizzazione di un processo di qualità, alla partecipazione a fiere, eventi e road show, all’organizzazione e realizzazione di educational tour. Per la realizzazione del piano e dei suoi obiettivi di sviluppo, l’impresa può dotarsi di un Export Manager.

L’intervento deve avere un valore compreso tra € 15.000,00 ed € 150.000,00. Il progetto deve essere realizzato entro 18 mesi dall’avvio dei lavori ed improrogabilmente definito e rendicontato entro il 31/12/2022.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Tutte le spese devono essere sostenute successivamente alla presentazione della domanda.

Le tipologie di spese ammissibili si suddividono in servizi consulenziali, partecipazione a fiere e organizzazione di educational tour e in altre spese ammissibili (spese di trasferta e costi di realizzazione delle attività di comunicazione) come di seguito riportate:

  • se il beneficiario opta per il regime de minimis, sono ammesse queste voci di spesa:
  1. servizi di consulenza prestati da fornitori esterni;
  2. locazione, installazione e gestione di stand per partecipazione a fiere e/o ad eventi collaterali alle fiere;
  3. spese di trasferta collegati ad eventi istituzionali inseriti nei calendari della regione, del MISE o dell’ICE (5% delle spese ammissibili);
  4. realizzazione di education tour (20% delle spese ammissibli), realizzazione di campagne e di strumenti promozionali (40% delle spese ammissibili);
  • se il beneficiario opta per il regime di esenzione fissato dal regolamento GBER (art. 18), sono ammesse queste voci di spesa:
  1. servizi di consulenza prestati da fornitori esterni;
  • se il beneficiario opta per il regime di esenzione fissato dal regolamento GBER (art. 19), sono ammesse queste voci di spesa:
  1. locazione, installazione e gestione di stand per partecipazione a fiere e/o ad eventi collaterali alle fiere.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di una sovvenzione a copertura parziale delle spese ammissibili, la cui intensità sarà così determinata:

  • regolamento GBER, artt. 18 e 19, fino al 50%;
  • regolamento de minimis, fino al 75%.

TERMINE

La domanda può essere presentata a partire dalle ore 12:00 del 15/01/2020 alle ore 12:00 del 15/04/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 10, 2019
cciaa-arezzo-siena-fiere-export-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Arezzo-Siena sostiene la partecipazione delle imprese del territorio a fiere estere in collaborazione con ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane).

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese che risultano:

  • avere sede legale e/o operativa nelle provincie di Arezzo o di Siena;
  • essere attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • aver assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • di non avere debiti scaduti nei confronti della CCIAA e/o dell’Azienda Speciale Arezzo Sviluppo e/o di Promosiena SpA;
  • non avere in essere alcun genere di rapporto di fornitura, anche a titolo gratuito, con la CCIAA di Arezzo e Siena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni fieristiche in UE ed in Paesi extra UE.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse a contributo le seguenti voci di spesa:

  • trasferimento campionario;
  • locazione spazio espositivo;
  • allestimento spazio espositivo;
  • pubblicità/promozione relative all’iniziativa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un rimborso fino al 50% delle spese ammissibili per un massimo di € 1.000,00 per ogni impresa per manifestazioni fieristiche in ambito UE e fuori dall’UE, Italia esclusa.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 24, 2019
unione-europea-ready2net-reti-export-pmi-valore-consulting-1280x739.jpg

FINALITÀ

“Ready2Net” è un progetto cofinanziato dall’Unione Europea per sostenere le Piccole e Medie Imprese aperte all’export che desiderano aggregarsi e costruire nuove reti per affrontare insieme i mercati internazionali ed essere più competitive.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese che presentino i seguenti requisiti:

  • sede legale e/o unità operativa in uno degli Stati Membri dell’UE;
  • attività economica in uno dei seguenti settori: tessile, realizzazione di macchine per il settore tessile (seta, poliestere e materiali in viscosa, cotone e pelle), manifattura avanzata (Industria 4.0, robotica, meccatronica, sensori industriali, IOT, stampa 3D, AI), prodotti alimentari e biologici di alta qualità, interior design (designer e produttori di mobili e decorazoni per la casa), bioeconomia (imballaggio verde intelligente, valutazione dei prodotti di scarto);
  • attive;
  • rispettanti le prescrizioni sui diritti e la tutela dei lavoratori;
  • rispettanti il codice antimafia.

La rete può essere formata seguendo il modello della complementarietà, ovvero in verticale lungo la catena di produzione e valore oppure seguendo il modello tradizionale, in orizzontale.

INTERVENTI

L’intervento ammissibile consiste nella creazione di una rete che consenta alle PMI che la compongono di poter essere più competitive sui mercati internazionali.

La rete verrà costituita dalle imprese europee che supereranno il primo step di selezione, ovvero la verifica dei requisiti di idoneità e di capacità di internazionalizzazione.

Ogni rete sarà composta da un minimo di 4 ad un massimo di 8 imprese, aventi sede in almeno tre differenti Stati membri dell’UE.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • sviluppo del logo, del brand e della grafica della rete;
  • preparazione e pubblicazione di materiale promozionale, sia online che mediante la stampa tradizionale, ovvero schede dei prodotti, listini prezzi, volantini, pagine web, brochure;
  • abbonamento a piattaforme e strumenti di e-commerce;
  • partecipazione a mostre e/o eventi internazionali (noleggio stand, biglietti d’ingresso);
  • viaggio e alloggio per la partecipazione al programma di formazione a Milano, eventi, conferenze ed esposizioni internazionali;
  • assunzione di un responsabile delle esportazioni di rete;
  • assunzione di un esperto tecnico per facilitare il trasferimento e/o il miglioramento della tecnologia.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di € 25.000,00 a copertura delle spese ammissibili.

Il contributo verrà erogato in due fasi, in quella intermedia e in quella finale.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 15/09/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification