Notizie e Bandi

Ottobre 29, 2020
marche-investimenti-innovativi-di-rilevanza-strategica-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche rafforza il sistema economico attraverso l’attrazione di investimenti innovativi in grado di produrre significativi effetti occupazionali, rafforzare l’orientamento alla ricerca e all’innovazione, nonchè elevare il contenuto tecnologico digitale 4.0 dei processi produttivi delle imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese aventi la sede nel territorio della Regione Marche ed esercitanti l’attività economica in uno dei seguenti settori: C (ad eccezione del codice 12), E, F, H, J, M, N.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili promuovono il potenziamento del sistema imprenditoriale attraverso il sostegno finanziario ad investimenti produttivi innovativi di alta rilevanza strategica, negli ambiti individuati dalla Strategia di specializzazione intelligente quali meccatronica, manifattura sostenibile, home automation, salute e benessere.

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una delle seguenti tipologie d’investimento:

  • a. creazione di una nuova unità produttiva;
  • b. ampliamento di un’unità produttiva esistente;
  • c. acquisto e riqualificazione di un’unità produttiva esistente chiusa.

Gli interventi possono essere integrati da:

  • d. attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, volta a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi o adottare nuove tecnologie produttive;
  • e. formazione del personale dipendente neoassunto o riqualificazione dei lavoratori;
  • f. sostenibilità ambientale in termini di miglioramento dell’efficienza energetica nei processi produttivi e negli edifici e riciclo e riutilizzo dei rifiuti.

Gli interventi ammissibili dovranno garantire il mantenimento occupazionale e l’attivazione di nuovi contratti d’assunzione, presso la sede oggetto dell’insediamento, ampliamento, o recupero di almeno 20 lavoratori assunti a tempo indeterminato full-time.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dalla data di avvio dell’intervento, fino alla conclusione dell’intervento.

FINALITA’ DELL’AIUTO SPESE AMMISSIBILI
Creazione di unità produttiva; Ampliamento di unità produttiva; Acquisizione e riqualificazione di uno stabilimento chiuso 1. suolo aziendale o sue sistemazioni; 2. opere murarie, immobili destinati ad infrastrutture aziendali; 3. macchinari, impianti ed attrezzature; 4. spese tecniche di progettazione, direzione lavori e collaudo.
Ricerca industriale e sviluppo sperimentale 1. costi di personale dipendente a tempo indeterminato; 2. Costi di ammortamento per macchinari e attrezzature da laboratorio, incluso software specialistico; 3. costi per la ricerca contrattuale, competenze tecniche, brevetti e servizi di consulenza di carattere tecnico-scientifico; 4. costi per la realizzazione fisica di prototipi, dimostratori o impianti pilota.
Formazione del personale dipendente Costi di formazione al costo standard ora/allievo.
Sostenibilità ambientale 1. costi per l’acquisto di macchinari, attrezzature e componenti, compresi software specialistici; 2. costi per brevetti, Know-how; 3. spese tecniche di progettazione, direzione lavori, collaudo e certificazioni.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, nella misura massima del 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 800.000,00.

FINALITA’ DELL’AIUTO MICRO/PICCOLE IMPRESE MEDIE IMPRESE GRANDI IMPRESE
Creazione di unità produttiva; Ampliamento di unità produttiva, di proprietà;                                                                    Acquisizione, recupero e riqualificazione di uno stabilimento chiuso 50% 50% 50%
Creazione di unità produttiva; Ampliamento di unità produttiva, di proprietà;                                                                      Acquisizione, recupero e riqualificazione di uno stabilimento chiuso 20% 10% NP
Attività di ricerca industriale 50% 50% 50%
Attività di sviluppo sperimentale 45% 35% 25%
Formazione 70% 60% 50%
Investimenti per l’efficienza energetica 50% 40% 30%
Riciclo e riutilizzo dei rifiuti 55% 45% 35%

TERMINE

La misura ha chiuso per esaurimento risorse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Agosto 6, 2019
emilia-romagna-miglioramento-sismico-comuni-sisma-2012-valore-consulting-1280x720.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna sostiene le imprese insediate nelle aree colpite dal sisma del 2012, attraverso un contributo per il miglioramento sismico e l’ottenimento della certificazione di agibilità sismica dei fabbricati destinati ad attività produttive.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole, Medie e Grandi Imprese, quali:

  • imprese agricole attive nei settori della produzione primaria;
  • imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;

I beneficiari devono:

  • avere sede legale e/o sede operativa e/o unità locale in uno dei Comuni dell’Emilia-Romagna quali: Argelato, Argenta, Bastiglia, Bomporto, Bondeno, Campagnola Emilia, Campegine, Campogalliano, Camposanto, Carpi, Castelfranco Emilia, Castelvetro Piacentino, Cavezzo, Cento, Concordia sulla Secchia, Correggio, Crevalcore, Fabbrico, Ferrara, Finale Emilia, Galliera, Medolla, Minerbio, Mirabello, Mirandola, Modena, Nonantola, Novellara, Novi di Modena, Pieve di Cento, Poggio Renatico, Ravarino, Reggio Emilia, Reggiolo, Rio Saliceto, Rolo, San Felice sul Panaro, San Giovanni in Persiceto, San Pietro in Casale, San Possidonio, San Prospero, Sant’Agostino, Soliera, Vigarano Mainarda. Per le imprese aventi sede legale e/o unità operativa in uno dei seguneti Comuni: Argenta, Argelato, Bastiglia, Campegine, Campogalliano, Castelfranco Emilia, Modena, Minerbio, Nonantola, Reggio Emilia e Castelvetro Piacentino è previsto un contributo da concedersi ai sensi e nel rispetto del Regolamento de minimis;
  • esercitare l’attività all’interno dell’immobile oggetto dell’intervento o, in qualità di proprietari, aver messo a disposizione l’immobile ad uso produttivo sulla base di un regolare titolo giuridico ad altra impresa che eserciti nello stesso la propria attività;
  • essere regolarmente costituite ed iscritte al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;
  • essere attive;
  • possedere una regolarità contributiva nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS e INAIL;
  • essere in regola con le quote per il settore dei bovini da latte.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare progetti di miglioramento sismico dei fabbricati destinati ad attività produttive, di qualsiasi tipologia costruttiva.

Ciascuna impresa puo presentare una o più domande, anche riferite ad interventi relativi a più unità locali, sedi operative o legali.

Gli interventi devono avere un valore pari o superiore ad € 4.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese e i lavori intrapresi dopo l’inoltro della domanda di contributo quali:

  • opere necessarie per il miglioramento sismico; la spesa massima ammissibile è pari ad € 300,00/mq di superficie netta produttiva;
  • spese tecniche di progettazione, esecuzione, direzione lavori, verifica e collaudo, nonché la spesa relativa al rilascio del certificato di agibilità sismica provvisorio e le spese di presentazione della domanda nel limite massimo del 10% del totale degli interventi realizzati oggetto di ciascuna domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regolamento GBER per le PMI e secondo il regime de minimis per le GI, assumerà la forma di un contributo in conto capitale, erogato con le seguenti percentuali:

  • fino all’80% delle spese ammissibili per singola PMI attiva nel settore della produzione primaria;
  • fino al 40% delle spese ammissibili per singola PMI di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
  • fino all’80% delle spese ammissibili per singola impresa di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
  • fino all’80% delle spese ammissibili per singola Grande Impresa di produzione agricola primaria.

TERMINE

La domanda può essere presentata dal 02/09/2019. Il termine ultimo per la presentazione della stessa, ove le risorse non risultino già esaurite, è il 28/02/2020.

Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di arrivo.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
veneto-contributi-settore-ricettivo-turistico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene gli investimenti nel sistema ricettivo turistico che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa stessa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, regolarmente iscritte nel registro delle imprese o al R.E.A. e attive presso una delle CCIAA della Regione Veneto che gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive attive, quali:

  • strutture ricettive alberghiere: alberghi o hotel, villaggi-albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi;
  • strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici, campeggi;
  • strutture ricettive complementari: alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast, rifugi alpini o escursionistici;
  • strutture ricettive in ambienti naturali.

I beneficiari devono avere la sede operativa della struttura ricettiva nell’Area Interna Unione Montana Comelico, ovvero in uno dei seguenti Comuni: Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono favorire l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

Rientrano tra gli interventi ammissibili:

  • ampliamento, ristrutturazione, manutenzione, riconversione e innovazione delle strutture ricettive esistenti;
  • interventi riguardanti impianti e strumenti tecnologici finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti, ivi comprese le dotazioni informatiche hardware e software anche per il sito web e i sistemi di prenotazione elettronica;
  • interventi di innovazione digitale quali l’introduzione di strumenti di domotica sia nella gestione della struttura ricettiva da parte dell’impresa, sia usufruibili dal turista mediante l’utilizzo di strumenti di comunicazione in mobilità;
  • interventi di qualificazione dei requisiti di servizio e di riduzione dell’impatto ambientale e/o del consumo di risorse (energia/acqua);
  • interventi finalizzati alla crescita dimensionale delle imprese, accorpamento di attività tra soggetti imprenditoriali, sviluppo di sinergie tra imprese del turismo e altre attività;
  • investimenti in ottica di turismo sostenibile;
  • realizzazione di aree benessere, piscine, sala congressi, wellness complementari alle strutture ammissibili;
  • interventi per migliorare l’accessibilità della struttura alle persone con disabilità.

Gli interventi devono avere un valore compreso:

  • tra € 70.000, 00 ed € 250.000,00, per i beneficiari che scelgono di aderire al “de minimis”.
  • tra € 70.000,00 ed € 500.000, per i beneficiari che scelgono di aderire al GBER.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • opere edili/murarie e di impiantistica;
  • strumenti tecnologici comprese le dotazioni informatiche hardware e software;
  • acquisto o noleggio di mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, esclusivo aziendale, con l’esclusione delle autovetture;
  • progettazione, collaudo e direzioni lavori (fino ad un massimo del 10% delle spese relative ai precedenti punti, poste in essere dallo 01/01/2018);
  • attrezzature, macchinari e arredi funzionali al progetto e ai prodotti turistici connessi;
  • ottenimento delle certificazioni di qualità, di sicurezza, ambientali o energetica;
  • fidejussione bancaria, nel caso di erogazione del sostegno tramite anticipo;
  • diritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

Sono altresì ammissibili al sostegno esclusivamente le spese relative all’acquisto di beni ammortizzabili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il beneficiario al momento della presentazione della domanda dovrà scegliere tra regime di aiuti ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis” o del Regolamento GBER.

Nel primo caso l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 50% della spesa ammissibile, nel massimo di € 125.000,00.

Nel secondo caso, per le Micro e Piccole Imprese, l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 20% della spesa ammissibile. Per le Medie Imprese l’intensità massima è del 10% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 28/08/2019.

Le domande sono esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 29, 2019
parma-qualificazione-offerta-turistica-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Parma supporta le imprese della provincia operanti nel settore dell’accoglienza turistica, dei pubblici esercizi e del commercio alimentare al dettaglio in un’ottica di marketing territoriale. Lo strumento di finanza agevolata individuato per l’iniziativa è il contributo a fondo perduto.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. Micro, Piccole e Medie Imprese che svolgono un’attività classificata con il seguente codice ATECO 2007: 55 “Alloggio” e relative sottoclassificazioni;
  2. Microimprese e Piccole Imprese che svolgono un’attività classificata con i seguenti codici ATECO 2007: 56.10.1 “Ristorazione con somministrazione; ristorazione connessa alle aziende agricole” e relative sottoclassificazioni; 56.10.2 “Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto” e relative sottoclassificazioni; 56.10.3 “Gelaterie e pasticcerie” e relative sottoclassificazioni; 56.3 “Bar e altri esercizi simili senza cucina” e relative sotto classificazioni; 47.2 “Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati” e relative sottoclassificazioni (ad eccezione della classe 47.26 “commercio al dettaglio di prodotti del tabacco”); 47.11.4 “Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari” e relative sottoclassificazioni.

Le imprese devono essere attive ed iscritte al Registro Imprese con sede operativa nella provincia di Parma.

Non possono presentare domanda di contributo le imprese che l’avevano presentata nel 2018 per la precedente edizione del Bando.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la realizzazione di interventi finalizzati al miglioramento qualitativo delle strutture ricettive alberghiere ed extraalberghiere, del sistema della ricettività, nonché delle strutture adibite al commercio alimentare al dettaglio, situate in provincia di Parma, sia a livello strutturale che dei servizi offerti per:

  • il miglioramento qualitativo delle strutture;
  • l’innalzamento del livello di visibilità e di attrattività per il turista;
  • l’introduzione stabile di strutture di servizio atte a valorizzare la conoscenza dei prodotti alimentari Dop, Igp e tradizionali e dell’enogastronomia tipica del territorio parmense.

Gli interventi devono avere un valore complessivo pari o superiore ad € 10.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • opere edili ed impiantistiche, funzionali all’ammodernamento, ristrutturazione o riqualificazione dei locali e delle strutture di servizio e all’ampliamento di spazi comuni;
  • arredi funzionali all’attività dell’impresa, ivi comprese palestre, piscine, saune, SPA e zone benessere, anche finalizzate all’innalzamento della classificazione alberghiera (esclusi i beni facilmente deperibili quali biancheria o stoviglie);
  • attrezzature e strumenti tecnologici per il miglioramento delle modalità di gestione delle strutture e dei servizi offerti;
  • impianti e tecnologia per l’installazione di reti wi-fi gratuite a disposizione degli ospiti e clienti;
  • installazione di sistemi antifurto, antirapina (centraline, sensori volumetrici, dispositivi di protezione perimetrale e telecamere di videosorveglianza) per la sicurezza dei locali;
  • realizzazione di progetti innovativi di comunicazione e promozione;
  • introduzione di strumenti di web marketing e di e-commerce.

Le spese devono essere sostenute a partire dall’1/03/2019. Tutti i beni acquistati dovranno essere di nuova fabbricazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto corrisposto con le seguenti modalità:

  • 30% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 10.000,00 per le imprese di cui al punto 1 del paragrafo “Beneficiari”;
  • 30% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 7.000,00 per le imprese di cui al punto 2 del paragrafo “Beneficiari”.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dallo 01/07 al 22/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 21, 2019
zona-franca-urbana-ventimiglia-valore-consulting-1280x720.jpg

FINALITÀ

La Regione Liguria si propone di concorrere alla strategia di rilancio industriale e riqualificazione del sistema produttivo nella Zona Franca Urbana di Ventimiglia. Lo strumento di finanza agevolata individuato per l’intervento è il contributo a fondo perduto.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola o associata (cooperativa o consortile) che esercitano un’attività economica in uno dei seguenti settori:

  • B (codici: 07, 08, 09);
  • C (esclusi: 10.2 e 12);
  • D (esclusi:35.14 e 35.23),
  • E;
  • F;
  • G (codici: 45.11.01, 42.19.01, 45.2, 45.32, 45.40.11, 45.40.21, 45.40.3, 47, esclusi: 47.9 e 47.23);
  • H (codici: 49.4, 50.2, 52.1, 52.21.4, 52.22.09, 52.24, 52.29, 53);
  • I (esclusi: 55.90.10, 56.10.50);
  • J;
  • M ;
  • Q;
  • R (codici: 90, 91, 93);
  • S (codici: 95 e 96).

Non possono presentare domanda i raggruppamenti temporanei d’impresa e le reti d’impresa.

I beneficiari devono avere la propria sede legale e/o unità operativa all’interno della Zona Franca Urbana di Ventimiglia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare programmi d’investimento diretti allo sviluppo delle attività dell’impresa. Gli investimenti devono essere conclusi entro 12 mesi dalla data di ricevimento del provvedimento di concessione. L’investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore ad € 10.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. opere edili e impiantistiche;
  2. impianti produttivi, macchinari ed attrezzature, nuovi di fabbrica; sono ammissibili i mezzi mobili se necessari al ciclo produttivo e se a servizio esclusivo della struttura produttiva (sono esclusi i veicoli destinati al trasporto di merci su strada per le imprese che esercitano attività di trasporto di merci su strada per conto terzi);
  3. programmi informatici, diritti di brevetto e licenze nel limite del 20% delle spese ammissibili;
  4. prestazioni consulenziali, nel limite del 15% delle spese ammissibili, per studi di fattibilità e piani d’impresa, per studi di valutazione d’impatto ambientale e per la certificazione di qualità aziendale ed ambientale, comprese le spese di certificazione;
  5. introduzione di innovazioni del sistema distributivo “e-business” e “e-commerce”.

Sono ammissibili i preventivi e i titoli di spesa nei quali l’importo imponibile e ammissibile sia almeno pari ad € 500,00.

Le spese riferite agli attivi immateriali sono ammissibili se utilizzati nella struttura operativa dell’impresa e se acquistati a condizioni di mercato da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente.

Gli attivi materiali e immateriali sono ammissibili se considerati ammortizzabili.

Sono ammissibili le spese riferite a interventi avviati a far data dallo 01/07/2018, purché non conclusi alla data di presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime “de minimis”, assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% della spesa ammissibile.

L’importo massimo del contributo concedibile non può superare € 50.000,00.

Il contributo non è cumulabile con altre agevolazioni pubbliche qualificabili come aiuti di stato e/o concessi ai sensi del Regolamento “de minimis”.

TERMINE

La domanda può essere inviata fino alle ore 17:30 del 31/10/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 17, 2019
lombardia-to-stay-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

Il Bando sostiene la realizzazione da parte dei soggetti pubblici e privati di progetti finalizzati a mantenere e/o sviluppare le risorse interne esistenti nonché ad attrarne di nuove attraverso interventi volti ad incrementare l’attrattività e la competitività della destinazione Lombardia in relazione a diversi target, tra i quali gli investitori privati e altri.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • soggetti privati con sede operativa in Lombardia.
  • soggetti pubblici lombardi;

Sono escluse le persone fisiche.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono prevedere interventi finalizzati ad intercettare flussi di investimenti produttivi/finanziari e risorse umane, ovvero:

  • Interventi strutturali di riqualificazione, ammodernamento, ampliamento di strutture finalizzate all’incremento dell’attrattività dell’area di riferimento in relazione alla migliore fruizione dell’offerta turistica presente o potenziale;
  • Interventi per l’innalzamento della qualità della vita anche attraverso il miglioramento della qualità dei servizi;
  • Interventi per migliorare la dotazione delle infrastrutture per l’accessibilità, i collegamenti, la mobilità;
  • Interventi di recupero/riqualificazione di aree dismesse sottoutilizzate attraverso la creazione/valorizzazione di strutture o centri polifunzionali.

È richiesto il livello di progettazione, almeno preliminare, degli interventi oggetto di cofinanziamento.

Gli interventi devono essere:

  • ideati, progettati e realizzati in base a criteri di sicurezza;
  • conformi ai regolamenti e alle normative vigenti;
  • monitorati ex-post per la valutazione e condivisione delle esperienze, dei risultati raggiunti e della loro efficacia.

I beneficiari pubblici nell’ambito della realizzazione del progetto:

  • agiscono secondo i principi di evidenza pubblica;
  • qualificano ogni singola attività del progetto come non aiuto o come aiuto ai sensi del Regolamento “De Minims”.

L’intervento deve essere concluso al 30/06/2021 e deve essere rendicontato entro il 31/07/2021.

Inoltre, l’intervento ammissibile deve avere un valore minimo pari ad € 80.000,00.

Ogni soggetto può presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono riguardare:

  1. progettazione per opere ed impiantistica, nella misura massima del 8% delle spese complessive ammissibili;
  2. opere murarie/edili/impiantistiche;
  3. acquisto di beni o servizi digitali: macchinari, attrezzature, impianti, finiture, arredi e dotazioni informatiche;
  4. oneri per la sicurezza;
  5. oneri di collaudo;
  6. costo per le commissioni relative al rilascio della garanzia fideiussoria.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione è concessa a fondo perduto, in regime “de minimis”, ed è pari a:

Soggetti privati60% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 200.000,00.

Soggetti pubblici:

  • 80% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 200.000,00;
  • 80% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 400.000,00 limitatamente ai soggetti pubblici il cui investimento non genera utili.
SOGGETTI COSTO MINIMO PROGETTO COFINANZIAMENTO IN % CONTRIBUTO MASSIMO EROGABILE
Privati € 80.000,00 60% € 200.000,00
Pubblici € 80.000,00 80% € 200.000,00
Pubblici per investimenti senza utili € 80.000,00 80% € 400.000,00

TERMINE

La domanda deve essere inviata dalle ore 10:00 del 21/05 alle ore 12:00 del 05/07/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Maggio 15, 2019
milano-monza-brianza-lodi-riqualificazione-turismo-accessibile.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi sostiene il progetto per la Promozione del turismo e attrattività. L’obiettivo è quello di sviluppare il mercato del sistema turistico territoriale, la competitività delle imprese turistiche in ambito nazionale e internazionale, nonché migliorare il posizionamento di Milano, Monza Brianza e Lodi come destinazione turistica, anche attraverso l’Ecosistema Digitale Turismo.

Il bando sostiene inoltre la realizzazione di progetti in chiave di accessibilità per rispondere ai bisogni di persone con disabilità.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole o Medie Imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  1. sede legale e/o operativa iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  2. attive e in regola con il pagamento del diritto camerale;
  3. non hanno in essere alcun rapporto di fornitura con la CCIAA di Milano, Monza Brianza, Lodi;
  4. svolgono un’attività che rientri in uno dei seguenti codici ATECO:
  • H 49.3 – Altri trasporti terrestri di passeggeri;
  • H 50.3 – Trasporto di passeggeri per vie d’acqua interne;
  • H 51.1 – Trasporto aereo di passeggeri;
  • I 55 – Alloggio;
  • I 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • N 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator, servizi di prenotazione e attività connesse;
  • R 90 – Attività creative, artistiche e di intrattenimento;
  • R 91 – Attività di biblioteche, archivi, musei e altre attività culturali;
  • R 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno rivolgersi ad uno dei seguenti ambiti:

  1. Mobilità;
  2. Comunicazione e informazione;
  3. Comfort;
  4. Sicurezza;
  5. Accoglienza;
  6. Design e arredi;
  7. Accessibilità e fruibilità di spazi ed eventi.

I progetti dovranno essere finalizzati al miglioramento delle condizioni di accesso ai servizi e all’offerta turistica da parte delle seguenti categorie:

  • Persone con limitazioni temporanee: persone con infortuni temporanei che utilizzano carrozzine, deambulatori, stampelle, tutori; persone con deficit uditivi o visivi temporanei;
  • Persone di lingua italiana o straniera, con deficit comunicativi o difficoltà a leggere/scrivere/parlare;
  • Persone obese, di bassa/alta statura;
  • Famiglie con bambini piccoli e in particolar modo bambini in passeggino;
  • Donne in gravidanza;
  • Persone anziane;
  • Persone con allergie ambientali;
  • Persone con problemi alimentari (intolleranze, diabete, ecc.).

Gli interventi ammissibili possono essere di tipo: infrastrutturale, tecnologico, impiantistico, di servizi, dotazioni e ausili per l’accessibilità.

Sono pertanto inclusi gli interventi di ristrutturazione e riqualificazione in chiave infrastrutturale e tecnologica tramite progettazione, acquisto e installazione di attrezzature e/o ausili e/o di tecnologie atte al miglioramento del servizio offerto nonché a migliorie da apportare a impianti e stabili grazie all’ampliamento e ristrutturazione degli stessi, purché tali interventi comportino un chiaro e oggettivo miglioramento dell’accessibilità e fruibilità per i clienti con disabilità e con esigenze specifiche. A titolo puramente esemplificativo:

  • modifiche strutturali per migliorare l’accessibilità alle persone con disabilità di spazi e locali, rendendole più desiderabili grazie al design e alle soluzioni funzionali e tecnologiche;
  • utilizzo di smart materials, smart technologies, sistemi wi-fi, sensori wireless, Industrial Internet e IOT, finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti purché aumentino la fruibilità per il cliente con disabilità o esigenze specifiche;
  • sistemi/ausili/supporti/dotazioni per favorire la comunicazione e la sicurezza dei turisti con disabilità uditiva, visiva o intellettiva: sistemi ad induzione magnetica per favorire le persone con apparecchi acustici (per reception, auditorium, ecc.); sistemi per connettersi a distanza con interprete in Lingua dei Segni (per reception e desk informativi); avvisatori per commutare segnali uditivi in segnali visivi o vibratili (avvisatori antincendio, ecc.);
  • ausili per favorire la mobilità delle persone con difficoltà di deambulazione (carrozzine, elettroscooter, ecc.);
  • ausili per favorire le persone con disabilità motoria nella fruizione di spazi e servizi (sollevatori mobili/fissi per strutture ricettive, per piscine, ecc.);
  • sviluppo di App/software per favorire la comunicazione, l’informazione o la sicurezza dell’ospite e del turista;
  • implementazione del sito internet in chiave di Accessibilità per rispettare le Linee guida (WCAG) 2.0 e per definire una sezione che illustri i servizi offerti al turista con disabilità;
  • ausili per favorire la lettura da parte delle persone ipovedenti (video ingranditori fissi o portatili, software, sintesi vocale per persone non vedenti, ecc.);
  • implementazione o rifacimento del sistema della segnaletica orientativa/informativa/di sicurezza per le persone con disabilità visiva o intellettiva (mappe visuotattili, ecc.);
  • sistemi di realtà aumentata, domotica e building automation, sia nella gestione della struttura che per la fruizione del turista, purché aumentino la fruibilità per il cliente;
  • realizzazione di aree complementari, quali piscine, campi da tennis, aree a verde, parcheggi, ricoveri biciclette, zone fitness, area quiete, purché accessibili a clienti con disabilità;
  • dotazioni anallergiche per clienti con allergie ambientali (ad esempio camere anallergiche in hotel).

L’investimento minimo è pari ad € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. arredi, impianti, macchinari e attrezzature, accessori e ausili;
  2. acquisto di hardware;
  3. acquisto di tecnologie abilitanti, come connettività dedicata, licenze software, servizi erogati in modalità cloud computing e SaaS (comprese le spese di canone, per massimo 24 mesi dall’assegnazione del contributo), servizi di system integration applicativa, servizi per lo sviluppo di software e applicazioni digitali (intelligenza artificiale, blockchain), dispositivi e servizi infrastrutturali (hardware, networking, digitalizzazione, storage, ecc.);
  4. progettazione e direzione lavori e opere edili-murarie e impiantistiche;
  5. acquisizione di servizi specializzati di progettazione e di consulenza da parte di società/associazioni/figure professionali per la realizzazione degli interventi diversi da quelli di cui al precedente punto 4.

Le spese devono essere sostenute a far data dal 09/05/2019 e fino alla data di rendicontazione delle stesse.

Le spese presentate nella domanda di partecipazione a questo bando non possono rientrare tra quelle indicate nella richiesta di partecipazione al “Bando voucher digitali i4.0 2019”.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 20.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 23/05 alle ore 12:00 del 16/07/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 15, 2019
friuli-venezia-giulia-finanziamenti-agevolati-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Friuli Venezia Giulia ha creato due fondi, di cui uno per gli interventi anticrisi a favore delle imprese artigiane e delle attività produttive, l’altro per gli interventi anticrisi a favore delle imprese commerciali, turistiche e di servizi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese artigiane, operanti nei seguenti settori economici:

  • turismo;
  • commercio;
  • servizi;
  • edile;
  • manifatturiero.

INTERVENTI

Gli interventi sono costituiti dalla richiesta di finanziamenti a breve, medio e lungo termine, ovvero:

  1. finanziamenti agevolati per la realizzazione di iniziative d’investimento aziendale;
  2. finanziamenti agevolati per il consolidamento di debiti a breve in debiti a medio e lungo termine;
  3. esigenze di credito a breve termine.

Nello specifico, quanto al punto 1., gli interventi ammissibili dovranno servire per realizzare:

  • creazione di un nuovo stabilimento, estensione di uno stabilimento esistente, diversificazione della produzione mediante prodotti nuovi aggiuntivi o la trasformazione del processo produttivo di uno stabilimento esistente;
  • acquisto degli attivi direttamente connessi ad uno stabilimento, nel caso in cui lo stabilimento sia stato chiuso o sarebbe stato chiuso qualora non fosse stato acquisito e gli attivi vengano acquistati da un investitore indipendente;
  • tipologie di iniziative d’investimento diverse da quelle elencate nei punti precedenti, dirette allo sviluppo e al rafforzamento aziendale.

Quanto ai punti 2. e 3., le tipologie di finanziamenti agevolati ivi previsti, sono finalizzati al sostegno, sviluppo o consolidamento dell’attività economica svolta dall’impresa beneficiaria presso unità operative situate sul territorio regionale.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per i finanziamenti agevolati per la realizzazione di iniziative d’investimento aziendale sono:

  • acquisto della proprietà o di diritti reali di godimento di terreni;
  • acquisto della proprietà o di diritti reali di godimento, costruzione, ampliamento, ammodernamento, ristrutturazione di immobili, costi per la progettazione e la direzione dei lavori entro il limite del 10% del totale della spesa ammissibile, sistemazioni ed opere esterne, compresi i piazzali per carico e scarico merci, i parcheggi e le strutture per la nautica da diporto;
  • costi relativi a piani di caratterizzazione, alla caratterizzazione ed alla effettuazione di bonifiche ambientali;
  • acquisto di impianti e macchinari, attrezzature, stampi, arredi, dotazioni d’ufficio ed automezzi, nuovi di fabbrica;
  • acquisto di diritti di brevetto, licenze, know-how, di conoscenze tecniche non brevettate, di diritti di utilizzazione di nuove tecnologie produttive e programmi informatici;
  • realizzazione, acquisizione, ampliamento e ristrutturazione di laboratori di ricerca.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni relative ai finanziamenti sono concesse in applicazione del regolamento “de minimis”. I finanziamenti agevolati sono concessi al tasso fisso dell’1%, come di seguito:

1. Quanto ai finanziamenti agevolati per la realizzazione di iniziative d’investimento aziendale, questi devono essere compresi tra i 5 ed i 10 anni. La durata massima è stabilita in 15 anni. La copertura offerta dal presente finanziamento è pari all’80% del valore dell’intervento.

L’importo minimo del finanziamento è di € 10.000,00; l’importo massimo del finanziamento è pari ad € 1.500.000,00, per tutti i settori economici per cui sono previsti gli interventi.

2. Quanto ai finanziamenti agevolati per il consolidamento di debiti a breve in debiti a medio e lungo termine e quelli volti a sostenere le esigenze di credito a breve termine, devono essere ricompresi tra i 60 mesi ed i 10 anni. La copertura offerta dal presente finanziamento è pari al 100% del valore dell’intervento.

L’importo minimo del finanziamento è € 10.000,00; l’importo massimo del finanziamento è pari ad € 300.000,00, per tutti i settori economici per cui sono previsti gli interventi.

TERMINE

La domanda può essere proposta in qualsiasi momento, poiché il finanziamento è sempre attivo.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 11, 2019
reti-teleriscaldamento.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Bolzano incentiva gli investimenti in sistemi di teleriscaldamento efficienti sotto il profilo energetico.

BENEFICIARI

I beneficiari sono tutte le Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o unità produttiva nel territorio della Provincia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • la nuova costruzione o l’ampliamento dell’impianto di produzione;
  • la nuova costruzione o l’ampliamento dell’infrastruttura di distribuzione;
  • l’ottimizzazione dell’efficienza energetica dell’impianto di teleriscaldamento.

SPESE AMMISSIBILI

Per la nuova costruzione o l’ampliamento dell’impianto di produzione sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • generatori di calore alimentati con fonti di energia rinnovabili e sostenibili;
  • impianti per l’utilizzo di calore residuo o cogenerato;
  • generatori di calore per la copertura dei picchi di consumo e di emergenza;
  • sistemi di caricamento del combustibile;
  • linea di evacuazione e depurazione dei prodotti della combustione;
  • impianto termoidraulico, inclusi accumulo termico, apparecchiature di sicurezza ed antincendio;
  • impianto elettrico, inclusa l’alimentazione di emergenza;
  • impianto di regolazione;
  • opere architettoniche relative a centrale termica e stoccaggio del combustibile;
  • spese tecniche per progettazione, direzione lavori, perizie tecniche;
  • studi di fattibilità tecnico-economica, coordinamento della sicurezza;
  • progetto antincendio e collaudo;
  • nel caso di sostituzione di generatori di calore e parti di impianto, sono incentivabili solo i costi di investimento relativi ad un aumento di potenza nominale;

I contributi di cui ai presenti criteri possono essere concessi esclusivamente per la produzione di energia termica.

Per la nuova costruzione o l’ampliamento dell’infrastruttura di distribuzione sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • rete di distribuzione;
  • linea dati per telecontrollo e regolazione;
  • sottostazioni di teleriscaldamento con allacciamento primario;
  • spese tecniche per progettazione, direzione lavori, perizie tecniche, studi di fattibilità tecnico-economica, coordinamento della sicurezza e collaudo.

Per l’ottimizzazione dell’efficienza energetica dell’impianto di teleriscaldamento sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • interventi di ottimizzazione dell’efficienza energetica del sistema di teleriscaldamento;
  • spese tecniche per progettazione, direzione lavori, perizie tecniche, studi di fattibilità tecnico-economica, coordinamento della sicurezza e collaudo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Al momento della presentazione della domanda i beneficiari dovranno scegliere tra il regime di aiuti “de minimis” o a quello fissato nel Regolamento GBER.

L’intensità dell’agevolazione è indicata nella tabella sottostante.

I contributi non sono cumulabili, per gli stessi costi ammissibili, con contributi o agevolazioni di qualunque tipo previsti dalla normativa statale o da altre leggi a carico del bilancio provinciale.

TIPOLOGIA D’INTERVENTO REGIME D’AIUTO CLASSE IMPRESA SPESE AMMISSIBILI INTENSITA’ MASSIMA DEL CONTRIBUTO % AMMONTARE MASSIMO DEL CONTRIBUTO IMPORTO MASSIMO €
Nuova costruzione o ampliamento d’impianto di produzione GBER qualsiasi spese investimento incentivabile meno costi investimento di riferimento 40 40 % spese complessive ammissibili 15 milioni Per impresa e per progetto d’investimento
DE MINIMIS qualsiasi costi investimento incentivabile 30 30% spese complessive ammissibili investimento incentivabile 200.000,00 per Impresa in tre Esercizi finanziari
Nuova costruzione ed ampliamento dell’infrastruttura di distribuzione GBER qualsiasi costi investimento incentivabile 30 Valore più basso tra le spese ammissibili meno il risultato operativo e 30% dei costi dell’investimento incentivabile 20 milioni Per impresa e per progetto d’investimento
DE MINIMIS qualsiasi costi investimento incentivabile 30 30% costi investimento incentivabile 200.000,00 per Impresa in tre Esercizi finanziari
DE MINIMIS qualsiasi costi investimento incentivabile 30 30% Costi investimento incentivabile 200.000,00 per Impresa in tre Esercizi finanziari

TERMINE

La domanda può essere presentata fino al 30/06 dell’anno di avvio dei lavori. Il contributo sarà concesso fino ad esaurimento delle risorse e comunque fino al 30/06/2021.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification