Notizie e Bandi

Agosto 18, 2020
cciaa-verona-sostegno-alla-liquidità-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Verona promuove una misura straordinaria dedicata alle operazioni di liquidità finalizzata a supportare le imprese in questa fase di difficoltà causata dall’emergenza sanitaria ed economica COVID-19 e garantire la continuità nelle attività.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale e/o unità locale iscritte al Registro delle Imprese/REA/Albi, Ruoli Registri della CCIAA di Verona.

Le imprese devono avere stipulato un contratto di finanziamento bancario per operazioni di liquidità a partire dal 20/08/2020, con un tasso applicato dell’intermediario finanziario nel limite massimo del 5%.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un contratto di finanziamento per l’abbattimento del tasso di interesse con i seguenti requisiti:

  • applicato ai finanziamenti bancari per operazioni di liquidità;
  • stipulato dal 20/08/2020;
  • con un tasso applicato dell’intermediario finanziario nel limite massimo del 5%;
  • con un valore complessivo compreso tra € 10.000,00 ed € 100.000,00;
  • con termine minimo di 12 mesi e massimo di 36 mesi del finanziamento agevolabile, anche per contratti di durata superiore (sono ammissibili anche i contratti che prevedono un periodo di pre-ammortamento come contrattualizzato con l’intermediario finanziario);
  • il finanziamento potrà essere garantito o da un Confidi o dal Fondo di geranzia per le PMI.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda di contributo, la quale potrà prevedere uno o più contratti di finanziamento.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume le seguenti forme congiunte:

  • contributo in conto abbattimento dei tassi interesse nella misura del 3% del tasso d’interesse, fino ad un massimo di € 100.000,00;
  • contributo sul costo della garanzia nella misura del 50% dei costi di garanzia (compresi costi di istruttoria), fino ad un massimo di € 1.000,00.

Qualora il tasso di interesse nominale annuo attribuito al finanziamento risultasse pari o inferiore al tasso di abbattimento applicabile, si procederà all’abbattimento totale del tasso di interesse.

Viene concessa una premialità di € 100,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo e aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

VALORE MIN FINANZIAMENTO AGEVOLABILE VALORE MAX FINANZIAMENTO AGEVOLABILE TASSO MAX AGEVOLABILE DURATA MIN E MAX DEL FINANZIAMENTO LIMITE AGEVOLABILE CONTRIBUTO MAX EROGABILE DATA STIPULA CONTRATTO DI FINANZIAMENTO
€ 10.000,00 € 100.000,00 3% da 12 a 36 mesi € 1.000,00 Dal 20/08/2020

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 08:00 del 20/08/2020 alle ore 21:00 del 30/11/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 31, 2020
cciaa-udine-pordenone-garanzia-credito-straordinario-covid-19-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Pordenone e Udine sostiene le PMI danneggiate dalla crisi economica conseguente all’emergenza epidemiologica da COVID-19, nell’abbattimento delle commissioni di garanzia rilasciate da confidi o fondi pubblici di garanzia per ottenere un credito straordinario necessario ad affrontare l’emergenza.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscritte al Registro Imprese della CCIAA di Pordenone-Udine ed attive;
  • in regola con il pagamento del diritto camerale;
  • in regola con la normativa vigente in tema di sicurezza sul lavoro;
  • sede legale o operativa localizzata nelle ex province di Pordenone e Udine;
  • non destinatarie di sanzioni interdittive.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto le spese di commissione per la richiesta di garanzie rilasciate da confidi o fondi pubblici di garanzia per ottenere un credito straordinario richiesto per l’emergenza Covid-19.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per le commissioni di garanzia fatturate e pagate dal 23/02/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto, in conto capitale, nella misura massima del 100% delle spese ammissibili ed il cui limite massimo è di € 1.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/10/2020.

Le domande sono esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 29, 2020
cciaa-frosinone-restart-turismo-valore-consulting-1280x854.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Frosinone sostiene la ripresa delle imprese del settore turistico il quale ha particolarmente risentito della crisi economica collegata al Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Frosinone e che esercitano la propria attività economica in uno dei settori del Codice Ateco I “Attività di servizi di alloggio e ristorazione”.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’applicazione, da parte dei beneficiari, di sconti alla clientela non residente in Provincia di Frosinone, che permetta loro di essere più competitivi nell’offerta turistica regionale ed internazionale, al termine dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.

Viene, inoltre, riconosciuto dai beneficiari un ulteriore sconto sull’importo totale del soggiorno nel caso in cui i clienti abbiano acquistato un titolo di viaggio Trenitalia valido su treni Frecciarossa.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • pernottamento;
  • pernottamento e prima colazione;
  • mezza pensione;
  • pensione completa;
  • pasto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo forfettario a fondo perduto nella misura del 100% della scontistica applicata alle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 24:00 del 10/03/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 29, 2020
cciaa-parma-fare-impresa-in-sicurezza-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Parma sostiene le imprese chiamate ad affrontare i costi dell’emergenza epidemiologica causata dal Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale e/o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Parma.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la messa in sicurezza dei locali dove si svolge l’attività di impresa e l’introduzione di misure atte a prevenire la possibile diffusione del virus Covid-19. Gli stessi devono avere un valore complessivo pari o superiore a € 1.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • igienizzazione e/o sanificazione di ambienti, strumenti e indumenti di lavoro;
  • impianti, macchinari e attrezzature per sanificare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro;
  • soluzioni disinfettanti per l’igiene delle persone che lavorano in azienda o per chi viene a contatto con i luoghi di svolgimento dell’attività d’impresa;
  • dispositivi di protezione individuale e dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione ad agenti biologici e a garantire la distanza di sicurezza interpersonale;
  • dispositivi per la misurazione della temperatura corporea senza contatto per il controllo degli accessi nei luoghi di svolgimento dell’attività d’impresa;
  • acquisto di dispositivi conta-persone per tenere sotto controllo il flusso degli accessi fisici e contingentarl;
  • servizi di sicurezza per un controllo fisico degli accessi del pubblico o altri soggetti che accedono ai luoghi di svolgimento dell’attività d’impresa;
  • studi, consulenze e servizi per ripensare l’organizzazione degli spazi di lavoro al fine di ridurre la prossimità fisica degli addetti;
  • formazione del personale in tema di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro, con particolare attenzione ai rischi di contagio epidemiologico;
  • consulenze e servizi per l’aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi;
  • materiali informativi, sia digitali che fisici, per introdurre la segnaletica necessaria a comunicare le nuove procedure di sicurezza da rispettare;
  • percorsi di screening sierologico per i dipendenti.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 23/02/2020 alla data di presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis entro i limiti concessi.

TERMINE

Il bando ha chiuso in data 08/09/2020.


Luglio 20, 2020
lombardia-safe-working-sanificazione-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L’intervento sostiene le imprese lombarde che sono state oggetto di chiusura obbligatoria in conseguenza all’emergenza epidemiologica Covid-19, al fine di adottare le misure adeguate alla ripresa in sicurezza dell’attività d’impresa sia per i lavoratori, sia per i clienti/utenti, sia per i fornitori.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese aventi almeno una sede operativa o un’unità locale in Lombardia ed operanti nei settori del commercio, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti), dell’artigianato, del manifatturiero, dell’edilizia, dei servizi e dell’istruzione.

Rientrano tra i beneficiari anche coloro che esercitano la propria attività economica nei settori consentiti durante l’emergenza (c.d. FASE 1), ma che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti.

INTERVENTI

Sono ammissibili interventi relativi a:

  • macchinari per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • strumenti di aerazione, sia tramite apparecchi di filtraggio e purificazione dell’aria, sia attraverso l’installazione di sistemi di aerazione meccanica alternativi al ricircolo;
  • strumenti di igienizzazione per clienti/utenti, per i prodotti commercializzati e per gli spazi che prevedono la presenza per un tempo superiore ai 15 minuti;
  • interventi strutturali o temporanei nonché arredi atti a garantire il rispetto delle misure di distanziamento sociale, sia tra i lavoratori che tra i clienti/utenti;
  • acquisto di prestazioni e/o strumenti relativi al monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali;
  • acquisto di strumentazione atta a misurare la temperatura corporea a distanza;
  • sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  • strumenti di comunicazione;
  • interventi formativi sulle prescrizioni e sui protocolli da adottare nell’ambito dell’esercizio di attività.

In presenza di più unità locali ubicate in Lombardia, l’impresa dovrà sceglierne una sola ed indicarla in fase di domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

Spese in conto capitale

  1. macchinari e attrezzature per la sanificazione e disinfezione degli ambienti aziendali;
  2. apparecchi di purificazione dell’aria;
  3. interventi strutturali all’impianto di aerazione della struttura, solo se finalizzate al miglioramento della sicurezza sanitaria;
  4. interventi strutturali per il distanziamento sociale all’interno dei locali;
  5. strutture temporanee e arredi finalizzati al distanziamento sociale all’interno e all’esterno dei locali d’esercizio;
  6. termoscanner e altri strumenti atti a misurare la temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  7. strumenti e attrezzature di igienizzazione per i clienti/utenti, per i prodotti commercializzati (es. ozonizzatori o lampade UV) e per gli spazi;
  8. attrezzature, software e/o strumenti relativi al monitoraggio e controllo dell’affollamento dei locali;

Spese in conto corrente

  1. dispositivi di protezione individuale rischio infezione COVID-19 (es. mascherine chirurgiche o filtranti, guanti in nitrile o vinile, occhiali, tute, cuffie, camici, soluzione idroalcolica igienizzante mani);
  2. servizi di sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  3. strumenti di comunicazione e informazione (cartellonistica, segnaletica);
  4. costi per tamponi per il personale dipendente o altri strumenti diagnostici;
  5. spese di formazione sulla sicurezza sanitaria, sulle prescrizioni e sui protocolli da adottare.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto in misura pari al 60% delle spese ammissibili per le Piccole imprese e al 70% delle spese ammissibili per le Micro imprese, nel limite massimo, per entrambe le tipologie di beneficiari, di € 25.000,00.

VALORE MINIMO INVESTIMENTO CONTRIBUTO MASSIMO CONCEDIBILE INTENSITA’ DI AGEVOLAZIONE
€ 2.000,00 € 25.000,00 60% per le piccole imprese; 70% per le micro imprese

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 12:00 del 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Luglio 17, 2020
riduzione-del-rischio-di-contagio-luoghi-di-lavoro-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato, mediante Invitalia Spa, sostiene le imprese che hanno introdotto nei luoghi di lavoro misure per la riduzione del rischio di contagio da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, anche individuali, iscritte al Registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane, le imprese agricole iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, le imprese agrituristiche nonchè le imprese sociali.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, realizzati successivamente al 17/03/2020, devono avere ad oggetto l’acquisto di:

  1. apparecchiature e attrezzature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori, compresi i relativi costi di installazione;
  2. dispositivi elettronici e sensoristica per il distanziamento dei lavoratori;
  3. apparecchiature per l’isolamento o il distanziamento dei lavoratori rispetto agli utenti esterni e rispetto agli addetti di aziende terze fornitrici di beni e servizi;
  4. dispositivi per la sanificazione dei luoghi di lavoro; strumentazione per il controllo degli accessi nei luoghi di lavoro utili a rilevare gli indicatori di un possibile stato di contagio;
  5. dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo, i cui importi massimi sono così definiti:

  • € 15.000,00 per le imprese fino a 9 dipendenti;
  • € 50.000,00 per le imprese da 10 a 50 dipendenti;
  • € 100.000,00 per le imprese con più di 50 dipendenti.

TERMINE

In attesa della pubblicazione del Bando da parte di Invitalia Spa.


Luglio 15, 2020
cciaa-reggio-emilia-turismo-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Reggio Emilia intende mettere in sicurezza le strutture turistiche fornendo assistenza sui temi della pulizia e sanificazione e sull’offerta dei servizi turistici.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese turistiche aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Reggio Emilia che esercitano l’attività economica in uno dei seguenti settori: 55.10.00, 55.20.10, 55.20.20, 55.20.30, 55.20.40, 55.20.51, 55.20.52, 55.30.00, 55.90.10, 55.90.20, 56.10.11, 56.10.12, 56.10.20, 56.10.30, 56.10.41, 56.10.42, 56.10.50, 56.21.00, 56.29.20, 56.30.00, 79.11.00, 79.12.00, 79.90.11, 79.90.19, 79.90.20, 93.21.00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la messa in sicurezza delle strutture turistiche attraverso:

  • Piano di Azione Covid-19:

Interventi per la dotazione di un Piano di Azione, che formalizzi tutte le procedure da seguire, nonché i materiali e le risorse necessari alla sua esecuzione. Per la realizzazione del Piano, è previsto il finanziamento di un servizio di consulenza, che oltre all’analisi dei fabbisogni specifici, possa seguirne l’implementazione e la successiva supervisione dei risultati.

  • Interventi di messa in sicurezza:

Interventi per attuare le misure di messa in sicurezza delle strutture quali:

  1. acquisto di attrezzature, dotazioni e kit medici;
  2. adeguamento della logistica per rispettare le misure di distanziamento sociale;
  3. pulizia e sanificazione degli ambienti;
  4. monitoraggio di ospiti con sintomi;
  5. disponibilità di materiali e protezioni per lo staff che opera nelle strutture;
  6. modalità di gestione dei casi di contagi sia con riferimento al personale che alla clientela;
  7. gestione delle forniture di beni e servizi.
  • Azioni di riorganizzazione aziendale:

Azioni connesse alle tematiche della sicurezza, della sostenibilità ambientale e dell’accessibilità. E’ previsto il finanziamento di servizi di consulenza e di interventi di riorganizzazione aziendale.

L’intervento ammissibile deve avere un valore pari o superiore a € 1.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono riguardare interventi realizzati nella sede e/o unità operative ubicate nella provincia di Reggio Emilia, sostenute dal 01/01/2020 al 30/03/2021.

Le spese ammissibili sono quelle per i servizi di consulenza nonchè per l’acquisto di beni e servizi, inclusi strumenti, attrezzature e dispositivi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 40% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 2.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con aiuti in regime de minimis, aiuti in esenzione e aiuti concessi ai sensi del Quadro temporaneo.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Luglio 13, 2020
decreto-rilancio-credito-di-imposta-adeguamento-luoghi-di-lavoro-aperti-al-pubblico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato intende sostenere i soggetti che esercitano attività d’impresa in luoghi aperti al pubblico, con la necessità di adeguare i processi produttivi e gli ambienti di lavoro alle prescrizioni sanitarie per il contenimento dell’epidemia da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i titolari di reddito d’impresa che esercitano la loro attività in luoghi aperti al pubblico (ad es. bar, ristoranti, teatri, alberghi, cinema…), tra cui anche associazioni, fondazioni e altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’adeguamento dei locali aperti al pubblico al rispetto delle prescrizioni sanitarie e delle misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19, ivi comprese le attività edilizie necessarie per il rifacimento di spogliatoi e mense, per la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni, per l’acquisto di arredi di sicurezza, nonché in relazione agli investimenti in attività innovative, per lo sviluppo o l’acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti.

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’adeguamento dei locali aperti al pubblico al rispetto delle prescrizioni sanitarie e delle misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19.

Gli interventi ammissibili si distinguono in due gruppi:

  • interventi necessari al rispetto delle prescrizioni sanitarie e delle misure finalizzate al contenimento della diffusione del virus SARS- Co V-2
  • investimenti connessi ad attività innovative relativi allo sviluppo o l’acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura; oltre ai programmi software, i sistemi di videoconferenza, quelli per la sicurezza della connessione, nonché gli investimenti necessari per consentire lo svolgimento dell’attività lavorativa in smart working.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un credito d’imposta pari al 60% per le spese sostenute nel 2020 per gli adeguamenti sopra menzionati, fino ad un massimo di € 80.000,00 di spese complessive ammissibili.
Pertanto, l’ammontare del credito non può eccedere € 48.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con altre per le medesime spese, comunque nel limite dei costi sostenuti, ed è utilizzabile nel periodo compreso tra il 01/01/2021 ed il 30/06/2021 esclusivamente in compensazione.

TERMINE

La domanda può essere inviata dal 20/07/2020 al 30/11/2021.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

LEXPLORER – Powered by Valore Consulting è un software on-line che permette di ricercare in un database completo i bandi e le normative disponibili per la tua azienda, per capire tempestivamente quali sono le opportunità realmente accessibili e orientare i tuoi investimenti: > attivalo adesso! <.


Luglio 3, 2020
cciaa-brescia-contributi-smartworking-impresa-digitale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Brescia sostiene le imprese del proprio territorio, allo scopo di incentivare l’utilizzo dello smart working e la diffusione delle tecnologie digitali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, con sede legale e/o unità operativa in provincia di Brescia, attivi ed iscritti al Registro delle Imprese della CCIAA di Brescia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti MISURE:

MISURA 1

Servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working:

  • attività preliminari all’adozione del piano di smart working;
  • attività di formazione rivolta ai dipendenti dell’impresa;
  • avvio e monitoraggio di un progetto pilota.

MISURA 2

Investimenti in innovazione nell’ambito del progetto PID – Punto Impresa Digitale.

MISURA 3

Progettazione, restyling e/o nuova realizzazione di siti web aziendali, anche di e-commerce, per lo sviluppo di azioni di web marketing dei propri prodotti, anche attraverso social media marketing, direct email marketing e mailing list.

MISURA 4

Tecnologie per la sicurezza e per la prevenzione di atti criminosi.

MISURA 5

Riduzione dei consumi energetici, dell’impatto ambientale e dei rifiuti.

Gli interventi devono essere stati completamente realizzati nel periodo compreso tra lo 01/01 ed il 31/12/2020.

L’intervento deve avere un valore complessivo superiore ad € 1.000,00.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola domanda, anche se articolata su più MISURE.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

MISURA 1

Acquisto di strumenti tecnologici per l’attuazione del piano di smart working:

  • acquisto di nuova strumentazione tecnologica hardware (notebook, smartphone, accessori);
  • acquisto di software funzionali allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità smart working.

MISURA 2

Spese ammissibili:

  1. consulenza, relativa ad una o più tecnologie relative a beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello Industria 4.0 e beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali Industria 4.0, nonché di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari;
  2. formazione, riguardante una o più tecnologie relative a beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello Industria 4.0 e beni immateriali  connessi a investimenti in beni materiali Industria 4.0, nonché di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari;
  3. acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto di digitalizzazione dell’impresa.

MISURA 4

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • impianti antintrusione: antifurti o allarmi con sistemi di rilevamento satellitare collegati alle centrali di vigilanza;
  • attrezzature per video-sorveglianza;
  • video-protezione con cassetta di registrazione e assimilabili nel rispetto della privacy;
  • telecamere collegate direttamente con le centrali delle forze dell’ordine;
  • impianti anti taccheggio, vetri antisfondamento, telecamere, casseforti e armadi blindati.

I predetti sistemi e dispositivi devono essere gestibili attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali.

MISURA 5

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. attrezzature per il lavaggio delle stoviglie per uso professionale o di categoria A, impianti e attrezzature per il riciclo dell’acqua e la riduzione dei flussi e degli scarichi idrici;
  2. attrezzature per il freddo (frigoriferi, celle frigorifere, congelatori, surgelatori, abbattitori termici, e simili) per uso professionale o di categoria A+o A++;
  3. attrezzature per il caldo limitatamente a forni elettrici o micro onde per uso professionale o di categoria A;
  4. attrezzature per la produzione di energia da fonti rinnovabili; impianti solari termici, impianti geotermici a bassa entalpia;
  5. attrezzature per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica e gestione energetica come ad es., pompe di calore ad assorbimento a gas; caldaie centralizzate o a condensazione; impianti di cogenerazione e trigenerazione ad alto rendimento, cappe di aspirazione dei fumi ad uso professionale e a basso consumo energetico, raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti; sistemi di monitoraggio dell’efficienza energetica quali telecontrollo, sistemi di contabilizzazione energetica; interventi per l’efficienza energetica dei sistemi per l’illuminazione;
  6. riduzione dei rifiuti: compattatori di rifiuti organici/imballaggi, tritarifiuti ad uso professionale per attività di somministrazione.

I beni devono essere nuovi di fabbrica. Non sono ammessi acquisti di parti nuove da sostituire ad attrezzature già in possesso del beneficiario.

Non sono ammessi investimenti in leasing. .

Le spese devono essere state completamente sostenute e pagate nel periodo 01/01 – 31/12/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili ed il cui importo massimo è così individuato:

  • MISURA 1: € 5.000,00;
  • MISURA 2: € 10.000,00;
  • MISURA 3: € 5.000,00;
  • MISURA 4: € 2.500,00;
  • MISURA 5: € 5.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con altri aiuti e/o agevolazioni concessi per gli stessi costi ammissibili nell’ambito di iniziative straordinarie di sostegno alle imprese per l’emergenza COVID-19.

Sono riconosciute le seguenti premialità:

  • possesso di 1 stella di rating – premialità di € 150,00;
  • possesso di 2 stelle di rating – premialità di € 300,00;
  • possesso di 3 stelle di rating – premialità di € 500,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino alle ore 16:00 del 31/07/2020.

Le domande verranno esaminate in base all’ordine cronologico di ricezione delle stesse.


Giugno 18, 2020
cciaa-piacenza-ripresa-in-sicurezza-attività-economiche-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Piacenza supporta le imprese che hanno posto le basi per una ripartenza in sicurezza delle rispettive attività economiche, a seguito del blocco cagionato dalle misure di prevenzione della diffusione del coronavirus.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, anche in forma cooperativa, con sede legale e/o unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Piacenza che abbiano fino a 10 dipendenti ed un valore del fatturato riferito all’annualità 2019 non superiore ad € 1.500.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la messa in sicurezza dei locali dove si svolge l’attività di impresa, funzionali alla prevenzione ed alla esclusione del rischio di contagio del virus Covid-19.

Gli interventi dovranno essere stati realizzati dal 23/02/2020 al 31/10/2020 ed avere un valore complessivo pari o superiore ad € 1.500,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • acquisto, installazione e posa in opera di impianti, attrezzature e dispositivi che consentano di riattivare e di proseguire l’attività aziendale;
  • spese per interventi di igienizzazione e/o sanificazione degli ambienti, degli strumenti e degli indumenti di lavoro;
  • acquisto di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare/sanificare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro;
  • acquisto di soluzioni disinfettanti per l’igiene di dipendenti e collaboratori nonché in genere di tutti i soggetti terzi che frequentano i locali aziendali;
  • acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione al contagio e a garantire la distanza di sicurezza;
  • spese per servizi di sicurezza per un controllo fisico degli accessi da parte del pubblico o di altri soggetti terzi che accedono ai locali aziendali dove si svolge l’attività di impresa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo pari al 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 3.000,00.

Il contributo è cumulabile per gli stessi costi ammissibili con altri aiuti in regime de minimis e con aiuti in esenzione.

TERMINE

La domanda dovrà essere presentata entro le ore 20:00 del 31/10/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification