Notizie e Bandi

Luglio 16, 2020
toscana-internazionalizzazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana agevola la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione in Paesi esterni all’Unione Europea delle MPMI.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, le reti di imprese con personalità giuridica, i Consorzi e le società consortili, costituiti o costituendi.

Rientrano tra i beneficiari anche i liberi professionisti esercitanti attività economica volta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in Toscana, essere iscritti alla CCIAA territorialmente competente ed esercitare un’attività economica rientrante in uno dei seguenti settori: B (ad esclusione dei seguenti codici: 05.1, 05.2, 08.92), C (ad esclusione dei seguenti codici: 19.1), D, E, F, H (ad esclusione dei seguenti codici: 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2), I 55.1, I 55.2, I 55.3, I 55.9, J (ad esclusione dei seguenti codici: 60, 61.9 e 63.9), M, N (ad esclusione dei seguenti codici: 82.3; compreso il codice: 79), R 90.03.02, R 93.29.20, S 96.01.1.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di internazionalizzazione rivolti esclusivamente a Paesi esterni all’Unione Europea.

Il progetto deve prevedere investimenti consistenti nell’acquisizione di servizi qualificati per l’internazionalizzazione ed illustrare le modalità realizzative, finanziarie e gestionali.

TIPOLOGIA BENEFICIARIO INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Micro impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Società consortile/Reti soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/ATI, ATS, Reti contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (es. 30.000 se le imprese sono tre, di microdimensione, 40.000 se le imprese sono quattro ecc..). Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (es. 450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc..). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a 1.000.000 €

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  1. Partecipazione a fiere e saloni internazionali;
  2. Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di sale espositive all’estero;
  3. Servizi promozionali (es. vetrine digitali in lingua estera, “virtual matchmaking”);
  4. Supporto specialistico all’internazionalizzazione (es. digital export manager);
  5. Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la duplice veste di una sovvenzione e di un voucher.

Le agevolazioni sono cumulabili con altre come aiuti di Stato, contributi a titolo di de minimis e Fondi UE a gestione diretta.

ATTIVITA’ AMMISSIBILI INTENSITA’ AIUTO E MASSIMALI DI SPESA
Micro Piccole Medie
1 Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale 50%  € 30.000,00 50%  € 40.000,00 40%  € 40.000,00
2 Promozione mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero 50%  € 80.000,00 50%  € 100.000,00 40%  € 120.000,00
3 Servizi promozionali 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 40%  € 40.000,00
4 Supporto specialistico all’internazionalizzazione 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00
5 Supporto all’innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati 50%  € 20.000,00 50%  € 30.000,00 30%  € 40.000,00

TERMINE

La misura è stata chiusa in data 22/07/2020.


Maggio 26, 2020
reggio-emilia-fiere-internazionali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Reggio Emilia incentiva la competitività delle MPMI della provincia, attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto per la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali svolte in Paesi esteri.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, anche in forma cooperativa, aventi sede legale e/o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia.

Rientrano tra i beneficiari anche i Consorzi d’imprese con sede legale e/o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia e costituiti da PMI.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere attivi e iscritti al Registro Imprese;
  2. non avere in essere alcuna tipologia di rapporti di fornitura con la CCIAA di Reggio Emilia;
  3. essere in regola con il pagamento del diritto camerale annuale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali che si svolgono in Paesi esteri nel periodo compreso tra lo 01/02/2020 ed il 31/01/2021 e precisamente:

  • A) manifestazioni fieristiche in Paesi Extra UE;
  • B) manifestazioni fieristiche in Paesi UE.

Non sono ammissibili a contributo le domande inerenti fiere per le quali il soggetto richiedente ha già beneficiato dei contributi camerali per la partecipazione a 3 edizioni precedenti della medesima manifestazione fieristica nel triennio 2017/2019 (Edizioni 2017, 2018 e 2019).

Ciascun beneficiario può presentare una sola domanda e per una sola fiera. L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • area espositiva, progettazione dello stand e noleggio dell’allestimento (incluse spese accessorie di allestimento servizi di telecomunicazioni, idrici, elettricità, montaggio/smontaggio ed ivi compresi eventuali costi di iscrizione, oneri e diritti fissi obbligatori in base al regolamento della manifestazione);
  • trasporto del materiale da allestimento ed espositivo, compresa l’assicurazione ed esclusi gli oneri doganali;
  • servizio di interpretariato/traduzione e hostess.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo la cui intensità e massimali sono indicati nella sottostante tabella.

I massimali di contribuzione ed il valore complessivo minimo dell’intervento sono raddoppiati per i Consorzi di imprese.

Sono previste le seguenti premialità:

  • € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità nel limite del 100% delle spese ammissibili;
  • € 500,00 per le imprese che parteciperanno ad almeno 2 azioni del progetto “Obiettivo Cina per incrementare l’export del Made in Emilia-Romagna” nel corso dell’anno 2020, nel limite del 100% delle spese ammissibili;
  • € 300,00 per le imprese che parteciperanno ad almeno 2 Azioni del progetto “Implementare l’export della filiera dell’agrifood emiliano-romagnolo in USA e Canada” nel corso dell’anno 2020, nel limite del 100% delle spese ammissibili.
A Manifestazioni fieristiche all’estero in Paesi EXTRA UE 40% delle spese complessive ammissibili, sino ad un importo massimo di € 5.000,00, oltre le premialità.
B Manifestazioni fieristiche all’estero in Paesi UE 30% delle spese complessive ammissibili sino ad un importo massimo di € 3.000,00, oltre le premialità.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino al 30/06/2020.


Maggio 5, 2020
cciaa-bologna-contributi-sicurezza-imprese-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Bologna assegna contributi finalizzati a sostenere i costi per l’acquisizione di sistemi e servizi per la sicurezza delle imprese esposte a fenomeni di criminalità.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, nonché i consorzi di imprese, le reti d’impresa, RTI (Raggruppamenti temporanei d’impresa) e ATI (Associazioni temporanee d’impresa), tutti costituiti da micro e piccole imprese.

I beneficiari essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • sede legale e/o unità operativa nel territorio della città metropolitana di Bologna;
  • attività economica in qualsiasi settore economico eccetto agricoltura, pesca e acquacoltura;
  • in regola con il pagamento del diritto annuale camerale;
  • attivi;
  • in regola con la vigente disciplina antimafia;
  • in regola in merito alla posizione INPS ed INAIL;
  • non hanno in essere alcun genere di rapporto di fornitura con la CCIAA di Bologna,
  • non aver partecipato alla precedente edizione del Bando nell’anno 2020.

Si precisa che il contributo verrà assegnato prioritariamente alle imprese femminili e giovanili e alle imprese in possesso del rating di legalità.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’acquisizione e la messa in opera di servizi e sistemi di sicurezza.

L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 1.000,00.

Ciascun beneficiario può presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. sistemi di videoallarme antirapina in grado di interagire con gli apparati in essere presso le centrali della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanza;
  2. sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi biometrici per l’accesso a locali protetti, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
  3. casseforti, blindature, sistemi antitaccheggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondamento;
  4. sistemi di pagamento elettronici come POS e carte di credito, contactless e phone payment;
  5. dispositivi di illuminazione notturna, interni ed esterni ai locali aziendali;
  6. sistemi di rilevazione delle banconote false;
  7. sistemi di allarme e videosorveglianza che prevedano una connessione da remoto/app;
  8. contratti stipulati con istituti di vigilanza per la sorveglianza dei locali aziendali.

Sono ammissibili solo l’acquisizione e relativa installazione di impianti o sistemi di nuova fabbricazione, esclusi gli ampliamenti e gli adeguamenti dei preesistenti. Non sono ammissibili interventi di edilizia se non legati all’installazione dei predetti dispositivi per i quali è richiesto il contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, in un’unica soluzione nella misura del 50% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di € 3.000,00.

In caso di presentazione della richiesta di contributo da parte di consorzi, reti d’impresa, RTI e ATI il contributo massimo è elevato in misura pari alla moltiplicazione tra il contributo massimo per un’impresa singola (€ 3.000,00) ed il numero di imprese partecipanti alla struttura aggregata, e comunque non oltre l’importo complessivo di € 25.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 13:00 del 30/06/2020.


Aprile 21, 2020
veneto-aggregazioni-pmi-valore-consulting.png

FINALITÀ

Il bando promuove l’attivazione e lo sviluppo di aggregazioni di PMI, quali Reti di imprese, ATI, ATS e Consorzi per la realizzazione di interventi che favoriscano l’orientamento ai mercati internazionali delle imprese aderenti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le aggregazioni di imprese costituite nelle forme di:

  • Reti di imprese con soggettività giuridica (Rete soggetto) o senza soggettività giuridica (Rete contratto);
  • Associazione temporanee di impresa (ATI) o Associazioni temporanee di scopo (ATS);
  • Consorzi e società consortili attraverso l’individuazione puntuale delle imprese consorziate che aderiscono al progetto.

Tali aggregazioni devono essere composte da almeno 9 Micro, Piccole e Medie Imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica, con un’unità operativa attiva e iscritte al Registro
delle imprese o al REA presso la CCIAA competente per territorio.

Le imprese partecipanti possono anche esercitare attività di supporto e di integrazione con il settore turistico tradizionale.

Le aggregazioni di imprese dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • almeno un terzo delle imprese partecipanti deve essere composto da strutture ricettive;
  • almeno un terzo delle imprese aggregate deve avere sede operativa in uno dei Comuni dell’Organizzazioni di Gestione della Destinazione riconosciute dalla Regione Veneto;
  • almeno una lettera di concessione del partenariato da parte di una o più OGD in cui operano le imprese aggregate, ai fini della verifica di coerenza fra il progetto di promozione dell’aggregazione e le strategie della destinazione.

Possono partecipare all’aggregazione anche le Grandi Imprese od Imprese non in possesso dei requisiti richiesti. Queste sono conteggiate esclusivamente nel calcolo del totale delle imprese partecipanti all’aggregazione ma non hanno diritto all’agevolazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di attivazione, sviluppo, consolidamento di aggregazioni di PMI,  per la realizzazione di azioni, realizzate e gestite unitariamente, che favoriscano l’orientamento alla domanda e ai mercati internazionali dei prodotti turistici delle imprese aderenti all’aggregazione, ovvero:

  • analisi di supporto allo sviluppo commerciale all’estero delle imprese aderenti all’aggregazione;
  • coordinamento e gestione del progetto in relazione alle attività da svolgere nei mercati e nei Paesi obiettivo, ivi comprese attività di sviluppo dei social network, di sviluppo dei rapporti con i Tour Operator stranieri, nonché di sviluppo di accordi contrattuali;
  • attività di promozione commerciale quali la creazione e gestione di incontri fra la domanda e l’offerta, la partecipazione ad eventi promozionali e manifestazioni fieristiche, la pianificazione di iniziative di incoming di Tour Operator e di press tour nei territori/destinazioni dove hanno sede le imprese dell’aggregazione.

Almeno il 60% delle spese ammissibili deve riguardare attività rivolte a mercati e partner internazionali.

La stessa aggregazione può presentare una sola domanda di partecipazione.

Gli interventi ammissibili devono avere un valore pari o superiore ad € 100.000,00 e dovranno essere conclusi entro 24 mesi dalla pubblicazione del provvedimento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nella seguente elencazione:

  1. acquisto di beni mobili e servizi funzionali all’adeguamento dei prodotti turistici ai mercati target;
  2. assistenza tecnico-specialistica prestata da soggetti esterni all’aggregazione per coordinamento operativo delle attività del progetto;
  3. predisposizione o revisione del sito internet del progetto e per la sua pubblicizzazione (SEO, SEM, direct email marketing, content management e monitoraggio dei risultati);
  4. promozione e commercializzazione dei prodotti turistici dell’aggregazione di imprese, come la creazione e gestione di incontri fra la domanda e l’offerta, la pubblicità su social media, radio-televisione, carta stampata, affissioni, produzione di materiali promozionali, partecipazione ad eventi promozionali; spese di pianificazione e gestione di iniziative di incoming di Tour Operator e di press tour nelle destinazioni turistiche coinvolte;
  5. costituzione/aggiornamento dell’aggregazione;
  6. garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione, da altri istituti finanziari o dai Confidi, relative alla fideiussione per ottenere l’anticipo sull’agevolazione;
  7. personale dipendente;
  8. consulenze propedeutiche all’attività di promo-commercializzazione che comprendono: analisi di mercato per lo sviluppo commerciale all’estero delle imprese aderenti all’aggregazione, spese per check up volti alla valutazione dello sviluppo delle imprese sui “mercati obiettivo”, realizzazione di piani di export, ricerca di partner commerciali e di buyer stranieri, studi o servizi di consulenza necessari al lancio di un nuovo prodotto turistico o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato;
  9. partecipazione a fiere nei “mercati obiettivo” che comprendono spese di locazione dello stand, servizi di progettazione, montaggio dello stand, trasporto dei materiali e dei prodotti con eventuali spese di assicurazione;
  10. personale dipendente per la partecipazione a fiere.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% della spesa ammissibile, nel limite di:

  • € 300.000,00 corrispondenti ad una spesa ammissibile pari o superiore ad € 600.000,00;
  • € 50.000,00 corrispondenti ad una spesa ammissibile pari ad € 100.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 09/06/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Gennaio 17, 2020
sicilia-fiere-internazionali-valore-consulting-1280x867.jpg

FINALITÀ

La Regione Sicilia seleziona imprese del proprio territorio interessate a partecipare alle manifestazioni fieristiche di carattere internazionale che si terranno in Italia e all’estero nel periodo 2020/2021.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese aventi sede legale e/o unità operativa nel territorio regionale ed aventi le seguenti forme e dimensioni:

  • Piccole e Medie Imprese;
  • Consorzi e Società consortili costituiti, anche in forma cooperativa;
  • Reti di imprese legalmente costituite.

L’attività svolta dai beneficiari dovrà essere conforme con la manifestazione per la quale si concorre.

Sono esclusi i settori della pesca, dell’acquacoltura e quelli del settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, identificati alle sezioni ATECO “A”.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione ad una o più delle manifestazioni fieristiche indicate nella sottostante tabella.

Le piccole e medie imprese potranno presentare domanda per la partecipazione ad un massimo di 3 manifestazioni.

Ai consorzi, alle società consortili e alle reti d’impresa potrà essere concesso fino al doppio dello spazio riservato alla singola impresa a condizione che le imprese partecipanti siano almeno 5, fermo restando che in ogni caso tutte le imprese partecipanti e/o rappresentate dovranno essere identificate quali PMI.

DENOMINAZIONE MANIFESTAZIONE LUOGO E PERIODO DI SVOLGIMENTO SETTORE
Homi Fashion&Jewels Milano, 15-18/02/2020 Fashion, Design
White Milano, 20-23/20/2020 Fashion
Progetto Smau Palermo, 27/02/2020; Londra 25-27/03/2020; Berlino, 11-13/05/2020 Stratup e Innovazione
Mosbuild Mosca, 31/03-03/04/2020 Edilizia sostenibile
Food and Hotel Asia Singapore, 31/03-03/04/2020 Agroalimentare
Sial Canada Montreal, 15-17/04/2020 Agroalimentare
Cibus Parma, 11-14/05/2020 Agroalimentare
Africa Health Johannerburg, 12-12/05/2020 Scienze della Vita, Biomedicale
Bio International Convention San Diego, 11-12/06/2020 Scienze della Vita, Biomedicale
Stonetech Norimberga, 17-20/06/2020 Edilizia Sostenibile/Design
Progetto Smau Parigi, 22-24/06/2020; Milano, 20-22/10/2020 Startup e Innovazione
Summer Fancy Food New York, 28-30/06/2020 Agroalimentare
Sana Bologna, 11-14/09/2020 Agroalimentare
Homi Fashion&Jewels; Homi outdoor Milano, 11-14/09/2020; Milano 19-22/09/2020 Fashion Design
White Milano, 19-22/09/2020 Fashion
World Food Moscow Mosca, 22-25/09/2020 Agroalimentare
Sial Parigi, 18-22/10/2020 Agroalimentare
FHC Cina Shangai, 10-14/11/2020 Agroalimentare
Smart City Expo Worls Congress Barcellona, 17-19/11/2020 Smart Cities
Big 5 Dubai, 22-26/11/2020 Edilizia Sostenibile
Artigiano in fiera Milano, 01-08/12/2020 Agroalimentare, Artigiano
Nautic Parigi, 6-10/12/2020 Nautica
Winter Fancy Food San Francisco, 17-19/01/2021 Agroalimentare

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

La partecipazione alla fiera è da intendersi aiuto di Stato indiretto e sarà disciplinata ai sensi del regolamento de minimis.

TERMINE

La domanda, per la partecipazione alle diverse tipologie di fiere deve essere presentata secondo i termini indicati nella sottostante tabella.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

DENOMINAZIONE MANIFESTAZIONE TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDE
Homi Fashion&Jewels 31/01/2020
White 31/01/2020
Progetto Smau 31/01/2020
Mosbuild 31/01/2020
Food and Hotel Asia 31/01/2020
Sial Canada 31/01/2020
Cibus 11/02/2020
Africa Health 12/02/2020
Bio International Convention 08/03/2020
Stonetech 17/03/2020
Progetto Smau 24/03/2020
Summer Fancy Food 28/03/2020
Sana 11/06/2020
Homi Fashoion&Jewels; Homi uotdoor 11/06/2020
White 19/06/2020
World Food Moscow 22/06/2020
Sial 18/07/2020
FHC Cina 10/08/2020
Smart City Expo Worls Congress 17/08/2020
Big 5 22/08/2020
Artigiano in Fiera 01/09/2020
Nautic 06/09/2020
Winter Fancy Food 17/09/2020

Novembre 5, 2019
cooperazione-trasfrontaliera-italia-tunisia-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Con il Programma Italia-Tunisia l’UE sostiene un giusto sviluppo economico, sociale e territoriale, sostenibile e durevole, rivolto all’integrazione transfrontaliera.

Con l’avviso 2/2019, il Programma dà priorità a tre obiettivi strategici:

  1. sviluppo delle PMI e imprenditorialità;
  2. sostegno all’educazione, alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione;
  3. protezione dell’ambiente ed adattamento ai cambiamenti climatici.

BENEFICIARI

I beneficiari sono sia soggetti di diritto pubblico che soggetti di diritto privato, i quali devono dare luogo ad un consorzio costituito da un minimo di 4 partecipanti, di cui due italiani e due tunisini.

Il consorzio non può includere più di 4 soggetti che provengono dallo stesso Stato. I membri del consorzio non possono essere più di 8.

I beneficiari devono avere sede legale, per quanto riguarda l’Italia, in Sicilia.

Potranno essere partecipi del consorzio anche i Ministeri che hanno la loro sede a Roma, nel caso in cui i progetti abbiano un valore nazionale.

Per la Tunisia, i beneficiari dovranno avere sede legale nei seguenti governatorati: Bizerte, Ariana, Tunis, Ben Arous, Nabeul, Sousse, Monastir, Mahdia, Sfax, Béja, Manouba, Zaghouan, Kairouan, Sidi Bouzid, Gabè, Gafsa, Jendouba, Kasserine, Kebili, Le Kef, Médenine, Siliana, Tataouine et Tozeur.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • rafforzamento dei cluster economici;
  • promozione e sostegno all’imprenditorialità;
  • promozione e supporto per la ricerca e l’innovazione in settori chiave;
  • sostegno alla cooperazione locale nel settore dell’educazione;
  • azioni congiunte per la protezione ambientale;
  • conservazione ed uso sostenibile delle risorse naturali.

Ciascuna organizzazione può presentare una sola domanda per obiettivo tematico. Il beneficiario non può ottenere più di due sovvenzioni.

L’intervento deve avere una durata non inferiore ai 18 mesi e non superiore ai 24 mesi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo alla spesa pari, nel massimo, al 90% dei costi ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro il 13/01//2020.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 30, 2019
unione-europea-automazione-logistica-produzione-valore-consulting-1280x720.jpg

FINALITÀ

L’Unione Europea implementa l’utilizzo nelle PMI e nelle Midcap del settore manifatturiero di robot mobili per potenziare l’automazione logistica nella produzione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Piccole e Medie Imprese manifatturiere;
  • Midcap manifatturiere con un numero di dipendenti fino a 499;
  • ICT presenti presso le PMI o le Midcap;
  • Fornitori di tecnologia o produttori di AGV (sotto forma di PMI o midcap);
  • Centri di ricerca, Università e Digital innovation hub.

I beneficiari devono dare luogo ad una partnership composta almeno da 2 soggetti, di cui uno sia una PMI o una Midcap manifatturiera.

I componenti dell’aggregazione debbono essere indipendenti l’uno dall’altro.

Verranno accettate anche domande presentate da singoli beneficiari; in questo caso, mediante i propri servizi di intermediazione, il L4MS provvederà ad individuare i partner giusti per dare luogo
ad un consorzio.

I beneficiari devono avere la propria sede legale e/o unità operativa in uno dei seguenti Paesi:

  • Stati membri dell’UE;
  • possedimenti d’oltremare degli Stati membri dell’UE: Anguilla, Aruba, Bermuda, Territori britannici dell’Antartico, Territori britannici dell’Oceano Indiano, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Isole Falkland, Polinesia Francese, Territori francesi del sud Antartico, Groenlandia, Montserrat, Antille olandesi Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten, Nuova Caledonia e le sue Dipendenze, Pitcairn, Saint Barthélemy, Saint Helena, Saint Pierre e Miquelon, Georgia del Sud e le Isole Sandwich del sud, Isole Turks e Caicos, Isole Wallis e Futuna;
  • Stati associati al programma Horizon 2020 ovvero: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord della Macedonia, Montenegro, Serbia, Turchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia, Armenia;
  • I seguenti Paesi: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaijan, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Congo (Repubblica Democratica), Congo (Repubblica), Costa Rica, Costa d’Avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Core ,Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea- Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Giamaica,  Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Ruanda, Samoa, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts e Nevis, St. Lucia, St. Vincent e le Grenadine, Sudan, Suriname, Swaziland, Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Este, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I componenti del consorzio devono appartenere a Stati diversi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto sia i robot umani, altamente configurabili, che i sistemi logistici automatici. Gli interventi devono dimostrare come l’utilizzazione di queste tecnologie sia in grado di ridurre realmente i costi di installazione, configurazione e distribuzione.

I progetti devono incentrarsi sull’implementazione delle seguenti aree tematiche:

  • soluzioni logistiche completamente automatizzate end-to-end;
  • soluzioni logistiche automatizzate altamente configurabili;
  • soluzioni logistiche multi-vendor.

Gli interventi ammissibili devono essere ambiziosi e presentare un TRL compreso tra 7 e 9; inoltre, i progetti devono inglobare anche materie trasversali come: “Contributo all’ambiente e all’economia a basse emissioni di carbonio” (ad es. riduzioni delle emissioni serra), “Pari opportunità” (ad es. equilibrio di genere) ed “Impatto sociale” (ad es. creazione di nuovi posti di lavoro).

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • personale;
  • acquisto o leasing di apparecchiature di prova e/o elementi e dispositivi di prototipazione;
  • spese generali,
  • spese di viaggio.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo alla spesa, il cui valore massimo è fissato in € 250.000,00 per consorzio (fino ad € 100.000,00 per ciascun partecipante alla partnership).

I beneficiari potranno altresì ottenere dal programma di accelerazione L4MS:

  • servizi di matchmaking con centri di competenza, integratori di sistemi, produttori di robot mobili, ecc;
  • attrezzature all’avanguardia ed ambiente di prova nella propria nazione di appartenenza;
  • esperto di tecnologia per l’adozione delle più recenti soluzioni di automazione logistica,
  • sviluppatori di business per modelli di business e servizi innovativi;
  • formazione per riqualificare i lavoratori direttamente nella propria azienda;
  • supporto economico per estendere i nuovi modelli di business e di servizio.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 30/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 7, 2019
umbria-contributi-imprese-commerciali-area-crisi-terni-narni-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria riqualifica il sistema distributivo per l’ammodernamento delle attività commerciali nei territori dell’Area di crisi complessa Terni-Narni.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese, in forma singola o associata nella forma del consorzio o della società consortile o del contratto di rete soggetto, con sede operativa ubicata nel Comune di Terni ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • commercio all’ingrosso e al dettaglio in sede fissa e le sue forme speciali,
  • commercio su aree pubbliche;
  • attività fieristiche;
  • distribuzione di carburanti per auto trazione;
  • somministrazione di alimenti e bevande;
  • vendita di quotidiani e periodici in forma esclusiva e non esclusiva;
  • rivendita di generi di monopoliotabaccai.

I beneficiari devono possedere anche i seguenti requisiti:

  • essere attivi, regolarmente costituiti ed iscritti al registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio;
  • non aver presentato richiesta di concordato “in bianco”;
  • rispettare le norme in materia fiscale, previdenziale, di sicurezza dei lavoratori, dei contratti collettivi di lavoro e delle normative relative alla tutela dell’ambiente.

Per quanto riguarda le aggregazioni queste devono essere costituite da almeno 5 imprese, associate nella forma del consorzio o della società consortile o contratto di rete soggetto e già esistenti al momento della presentazione della domanda.

Devono realizzare progetti di investimento nella propria unità locale e un progetto comune finalizzato anche all’introduzione di soluzioni e sistemi digitali.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la riqualificazione e l’innovazione digitale dell’offerta commerciale.

Gli interventi devono avere un valore pari o superiore ad € 15.000,00.

Per ogni aggregazione gli interventi devono avere un valore pari o superiore ad € 75.000,00.

L’importo dell’investimento della singola impresa per il progetto comune non deve essere inferiore a € 1.000,00. Il progetto comune deve riguardare interventi relativi all’attività di comunicazione, marketing a favore della “rete” anche attraverso la creazione di strumenti di identificazione comune (es. marchi di rete, sito web, APP).

Gli interventi dovranno iniziare successivamente allo 01/01/2020 e concludersi entro il termine perentorio del 30/09/2020.

Ogni impresa potrà presentare solo una domanda o come singola o come componente di un’aggregazione. Ogni aggregazione può presentare una sola domanda di partecipazione.

Tutti i beni dovranno essere nuovi di fabbrica e riguardare solo i locali destinati allo svolgimento dell’attività commerciale. Nei locali non destinati ad attività commerciali (es. laboratori, magazzini, showrooms) le spese d’investimento saranno ammesse nel limite massimo di € 5.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese realizzate dallo 01/01/2020, non prima della data di presentazione della domanda e fino al 30/09/2020, quali:

Singole imprese:

  • acquisto impianti di videosorveglianza;
  • acquisto e installazione di macchinari, impianti e attrezzature;
  • arredamento ed insegne;
  • opere murarie funzionali all’installazione di impianti e attrezzature o relative all’abbattimento delle barriere architettoniche fino ad un massimo di € 10.000,00;
  • realizzazione o implementazione di un portale web per il commercio elettronico e/o per la promozione dell’impresa;
  • acquisto di nuovi strumenti, attrezzature e soluzioni digitali (POS Mobile per pagamenti elettronici, PC touch screen, stampanti, tablet anche per gestione comande, software gestionali, wi-fi per l’accesso gratuito a internet, ecc.)

Aggregazione di imprese:

1. spese singole

  • acquisto impianti di videosorveglianza;
  • acquisto e installazione di macchinari, impianti e attrezzature strumentali all’attività
  • arredamento e insegne;
  • opere murarie funzionali all’installazione di impianti e attrezzature o relative all’abbattimento delle barriere architettoniche e comunque fino a un massimo di € 10.000,00;
  • realizzazione o implementazione di un portale web per il commercio elettronico e/o per la promozione dell’impresa;
  • acquisto di nuovi strumenti, attrezzature e soluzioni digitali (POS Mobile per pagamenti elettronici, PC touch screen, stampanti, tablet anche per gestione comande, software gestionali, wi-fii per l’accesso gratuito a internet, ecc.);

2. spese comuni

  • spese di investimento relative al progetto comune (es. marchio di rete, sito web, APP).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa secondo il regime de minimis, assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella seguente misura:

  • 50% singole imprese;
  • 70%imprese in forma associata.

Qualora venga meno il requisito numerico previsto per ogni aggregazione, le singole imprese rimanenti saranno finanziabili con un contributo del 50%.

TERMINE

La domanda può essere presentata a partire dalle ore 08:00 del 09/11/2019 alle ore 24:00 del 31/05/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 29, 2019
calabria-acquisto-servizi-internazionalizzazione-pmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Calabria incrementa la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Piccole e Medie Imprese;
  • coloro che esercitano un’attività di lavoro autonomo;
  • consorzi o società consortili d’imprese;
  • Reti di Piccole e Medie Imprese che realizzino un progetto di Rete-Contratto o Rete-Soggetto.

I soggetti devono presentare i seguenti requisiti:

  • abbiano già iniziato l’attività ed abbiano approvato e presentato almeno un bilancio o una dichiarazione dei redditi;
  • i consorzi, le società consortili e le reti devono essere già costituiti e comprendere almeno 4 imprese ed avere un fondo consortile/patrimoniale o un capitale sociale non inferiore ad € 20.000,00;
  • avere l’unità operativa nella regione Calabria;
  • essere iscritte al registro delle imprese e trovarsi nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  • possedere la capacità economico-finanziaria in relazione al progetto da realizzare;
  • possedere la capacità operativa ed amministrativa in relazione al progetto proposto;
  • non avere in precedenza usufruito di altri finanziamenti pubblici finalizzati alla realizzazione delle stesse spese previste nel progetto;
  • disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata attivo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di progetti per l’export, che prevedano almeno una delle seguenti attività:

  • partecipazione a fiere e saloni internazionali nei paesi target e realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
  • realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
  • promozione di incontri bilaterali e partnership fra operatori italiani ed esteri;
  • attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
  • rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
  • certificazione per l’export.

Nel caso di progetti presentati da consorzi, società consortili o reti di imprese, gli stessi devono riguardare e coinvolgere tutte le imprese aderenti.

L’intervento deve avere un valore minimo complessivo di € 10.000,00.

L’avvio dei lavori per la realizzazione del progetto non può avere luogo prima della presentazione della domanda.

Le attività previste dal progetto dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di sottoscrizione dell’Atto di Adesione ed Obbligo.

Può essere presentata una sola domanda per beneficiario.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, poste in essere dopo la presentazione della domanda, devono riguardare:

  • partecipazione a fiere e saloni internazionali e realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali:
  • quota di partecipazione, affitto e allestimento di stand presso fiere e saloni internazionali in Italia e all’estero;
  • interpretariato, traduzione, servizio hostess, noleggio di attrezzature e strumentazioni;
  • oneri di trasporto, assicurativi e similari connessi al trasporto di campionari specifici utilizzati in occasione di eventi promozionali;
  • spese di comunicazione: brochure, cataloghi, materiale informativo, pubblicità su siti web o su riviste internazionali in lingua inglese e/o nella lingua del paese target;
  • spese di viaggio e pernottamento in occasione degli eventi promozionali;

Realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero:

  • affitto e allestimento di sale espositive e uffici temporanei;
  • noleggio di attrezzature e strumentazioni per l’allestimento dei locali all’estero;
  • trasporto (ivi compresi gli oneri assicurativi) di campionari specifici da utilizzare presso le sale espositive all’estero.

Promozione di incontri bilaterali e partnership fra operatori italiani ed esteri:

  • affitto sale per incontri bilaterali, workshop e/o seminari;
  • viaggio e pernottamento di operatori esteri in Italia;
  • servizi di ricerca e selezione partner e/o distributori all’estero e assistenza forniti da “società di TEM” accreditata dal MISE;
  • spese di incoming relative all’ospitalità di operatori esteri in Italia;

Attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri:

  • azioni dimostrative delle produzioni/servizi, comprese degustazioni, sfilate, esposizioni in show-room;
  • attività di promozione sui mercati esteri (pubblicità a mezzo stampa, web e social network, spot televisivi/radiofonici);

Rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione:

  • creazione o implementazione di siti web in inglese, e/o nella lingua dei paesi target fino a un massimo di 5.000,00 euro;
  • ideazione e realizzazione di brand per la penetrazione nei mercati esteri;
  • redazione di un piano di web/social web marketing specifico rivolto a un pubblico internazionale fino ad un massimo di 5.000,00 euro;
  • servizi di affiancamento del personale dipendente dell’impresa, finalizzata al trasferimento di competenze specialistiche in materia di internazionalizzazione d’impresa;
  • definizione/sottoscrizione di accordi di collaborazione e/o di costituzione di joint venture in grado di facilitare l’ingresso/il consolidamento commerciale sui mercati esteri ovvero
    l’internazionalizzazione della rete di fornitori/partner produttivi dell’impresa cliente;
  • analisi di mercato e studi di settore per l’internazionalizzazione e/o in materia contrattuale, doganale, legale e fiscale riferita ai paesi oggetto del processo di internazionalizzazione;
  • consulenza specifica di un Temporary Export Manager, ovvero di figura professionale specializzata a facilitare i processi di internazionalizzazione d’impresa;

Certificazione per l’export:

  • spese per servizi di certificazione di prodotto o aziendali necessarie all’esportazione sui mercati internazionali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di:

  • € 200.000,00 per progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o associazioni tra lavoratori autonomi;
  • € 50.000,00 per progetti proposti da singole PMI o singoli lavoratori autonomi.

Il contributo massimo concedibile per ciascun consorzio/società consortile, rete di impresa o associazione tra lavoratori autonomi è determinato in ragione del numero delle imprese partecipanti al programma promozionale e si calcola moltiplicando l’importo massimo di € 50.000,00 per ogni impresa, nel rispetto del limite sopra indicato.

TERMINE

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento, poiché la misura è sempre aperta.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 8, 2019
provincia-di-trento-sviluppo-aree-montane-trentino-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento valorizza le peculiarità del territorio montano supportando la nascita di nuove iniziative imprenditoriali.

BENEFICIARI

I beneficiari devono avere la propria sede legale e/o unità operativa nella Provincia autonoma di Trento, in un Comune posto al di sopra dei 400 metri sul livello del mare e con una popolazione inferiore ai 7.000 abitanti.

I beneficiari sono costituiti da:

  • persone giuridiche;
  • imprese, singole o affiliate, artigianali o piccole e medie imprese industriali, che svolgano attività nel settore manifatturiero e della trasformazione agroalimentare;
  • imprenditori individuali, anche artigiani e le società, anche cooperative;
  • consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro e consorzi tra imprese artigiane;
  • consorzi stabili, anche in forma di società consortili tra imprenditori individuali, anche artigiani, società commerciali, società cooperative di produzione e lavoro;
  • raggruppamenti temporanei di concorrenti;
  • consorzi ordinari di concorrenti costituiti anche in forma di società;
  • aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete;
  • soggetti che abbiano stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico (GEIE).

Inoltre, tutti i beneficiari devono aver avviato la propria attività economica da almeno 1 anno.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • produzioni manifatturiere, attente all’utilizzo di materiali locali, sostenibili e che prediligano il riciclo di prodotti naturali e/o sottoprodotti;
  • bioedilizia ed edilizia in legno;
  • meccanica, robotica ed automazione;
  • riuso ed economia circolare;
  • trasformazione di prodotti agricoli e alimentari;
  • produzione di tecnologie per l’agricoltura di montagna e monitoriaggio del territorio (ICT e telecomunicazioni);
  • protezione ambientale e prevenzione del dissesto idrogeologico;
  • prodotti e servizi legati allo sport, in particolare di montagna, e finalizzati a migliorare la sicurezza, la vivibilità e la fruizione delle aree montane.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Non sussiste alcun genere di agevolazione essendo il bando costituito da una mera manifestazione d’interesse.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 13/09/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

Pending Certification