Notizie e Bandi

Aprile 7, 2021
simest-sviluppo-e-commerce-market-place-paesi-extra-ue-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MISE definisce le modalità di concessione da parte di SACE-SIMEST di finanziamenti agevolati per lo sviluppo di soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di Market-place o la realizzazione di una piattaforma informatica propria da parte dell’impresa richiedente.

BENEFICIARI

Il beneficiario deve essere un’impresa, di qualsiasi dimensione, costituito in forma di società di capitali che ha depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

In caso di imprese aggregate le stesse dovranno costituire una Rete Soggetto con autonoma soggettività giuridica mediante la sottoscrizione di un contratto di Rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una domanda di finanziamento agevolato con le seguenti caratteristiche:

  • riguardare un solo Paese estero nel quale registrare un dominio di primo livello nazionale;
  • riguardare lo sviluppo di nuove soluzioni di e-commerce attraverso l’utilizzo di un market place o la realizzazione di una piattaforma informatica propria. Entrambi devono avere un dominio di primo livello nazionale registrato in un Paese estero.

SPESE AMMISSIBILI

Possono essere oggetto di finanziamento agevolato:

1. spese relative alla creazione e sviluppo di una propria piattaforma informatica, ovvero:

  • creazione sito e-commerce front-end;
  • creazione sito responsive/sito mobile/app;
  • costo configurazione del sistema;
  • spese di acquisto, registrazione e gestione del dominio geografico nel Paese di destinazione presso l’Authority locale;
  • consulenze a supporto della piattaforma;

2. spese relative alla gestione/funzionamento della propria piattaforma informatica/market place, ovvero:

  • spese di registrazione per apertura store in market place;
  • annual fee per il funzionamento e mantenimento della piattaforma/market place;
  • spese per la sicurezza dei dati e della piattaforma;
  • circuiti di pagamento;
  • scheda tecnica dei prodotti;
  • traduzione dei contenuti;
  • registrazione, omologazione e tutela del marchio;
  • spese di monitoraggio accessi alla piattaforma;
  • spese per analisi e tracciamento dati di navigazione;

3. spese relative alle attività promozionali e alla formazione connesse allo sviluppo del programma, ovvero:

  • spese per l’indicizzazione della piattaforma/market place;
  • spese per web marketing;
  • spese per comunicazione e promozione;
  • formazione del personale adibito alla gestione/funzionamento della piattaforma.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento agevolato il cui importo massimo è pari ad € 450.000,00.

L’importo del finanziamento agevolato non potrà superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati, con i seguenti limiti:

  • importo minimo € 25.000,00;
  • importo massimo per l’utilizzo di un market place fornito da soggetti terzi € 300.000,00;
  • importo massimo per la realizzazione di una piattaforma propria € 450.000,00.
ADEMPIMENTI TERMINI CONDIZIONI
Rendicontazione puntuale delle spese sostenute sottoscritta digitalmente dal legale rappresentate usando il portale di SIMEST 13 mesi dalla data di perfezionamento Le spese sostenute, rendicontate e ritenute ammissibili superino l’importo della prima erogazione
Presentazione delle garanzie richieste 16 mesi dalla data di perfezionamento

TERMINE

La Misura riaprirà il 03/06/2021.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Aprile 7, 2021
simest-inserimento-in-azienda-di-temporary-export-manager-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MISE definisce le modalità di concessione da parte di SACE-SIMEST dei finanziamenti agevolati per l’inserimento temporaneo in azienda del Temporary Export Manager per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono imprese, di qualsiasi dimensione, costituiti in forma di Società di capitali, che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

In caso di imprese aggregate le stesse dovranno costituire una Rete Soggetto con autonoma soggettività giuridica mediante la sottoscrizione di un contratto di Rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare il settore di attività del beneficiario o del suo gruppo e coinvolgere una società di servizi che fornisca il servizio professionale di accompagnamento ai processi di internazionalizzazione d’impresa attraverso il TEM.

La domanda di finanziamento agevolato dovrà riguardare al massimo tre Paesi esteri.

SPESE AMMISSIBILI

Possono essere oggetto di finanziamento agevolato:

  • spese relative alle prestazioni di figure professionali specializzate (TEM), almeno pari al 60% del finanziamento concesso;
  • spese connesse alla realizzazione del progetto elaborato con l’assistenza del TEM, ovvero:
  1. attività promozionali;
  2. certificazioni di prodotti o servizi, deposito di marchi o altre forme di tutela del made in Italy;
  3. formazione interna/esterna del personale amministrativo o tecnico; spese di viaggio e soggiorno da parte degli amministratori e/o titolari dell’impresa richiedente; spese di viaggio e soggiorno (incoming) di potenziali partner locali (esclusa la clientela);
  4. spese legali per la costituzione di società controllate locali o filiali gestite direttamente.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento agevolato, il cui importo massimo non potrà superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati.

Il limite minimo del finanziamento è pari ad € 25.000,00, mentre quello massimo è pari ad € 150.000,00. In caso di pluralità di domande di finanziamento l’esposizione massima dell’impresa non potrà essere superiore al 35% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati.

ADEMPIMENTI TERMINI CONDIZIONI
Rendicontazione puntuale delle spese sostenute sottoscritta digitalmente dal legale rappresentate usando il portale di SIMEST. Relazione finale firmata dal rappresentante legale dell’impresa e dal TEM sull’attività svolta nell’ambito del progetto e sui risultati conseguiti 25 mesi dalla data di perfezionamento Le spese sostenute, rendicontate e ritenute ammissibili superino l’importo della prima erogazione
Presentazione delle garanzie richieste 28 mesi dalla data di perfezionamento

TERMINE

La Misura riaprirà il 03/06/2021.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Luglio 20, 2020
emilia-romagna-digital-export-2020-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Regione Emilia Romagna intende conseguire i seguenti obiettivi:

  • sostenere le imprese in fase di riavvio delle attività dopo la crisi sanitaria Covid-19;
  • sostenere il ricorso a servizi finalizzati a rafforzare la presenza all’estero delle MPMI;
  • incrementare l’utilizzo delle possibili soluzioni offerte dal digitale a sostegno dell’export come iniziative di promozione e commercializzazione digitale;
  • favorire interventi funzionali alla continuità operativa delle attività commerciali all’estero nella fase post-emergenziale da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • sede legale e/o unità locali in Emilia-Romagna;
  • attivi e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • non risultano impresa in difficoltà alla data del 31/12/2019;
  • in regola con la vigente disciplina antimafia;
  • hanno assolto agli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • esercitano la propria attività economica nei seguenti settori: C (dalla sezione 10 alla 33); – J (solo 62); M (solo 71, 72 e 74);
  • hanno un fatturato minimo di € 300.000,00 così come desunto dall’ultimo bilancio disponibile.

I beneficiari devono essere prevalentemente imprese esportatrici abituali o occasionali ovvero imprese che nell’ultimo biennio, hanno svolto operazioni di vendita all’estero o hanno svolto operazioni di vendita diretta dei propri prodotti all’estero per un valore pari o superiore al 20% del proprio fatturato complessivo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un progetto finalizzato a supportare l’impresa sui mercati internazionali.

Il progetto potrà comprendere le seguenti principali attività:

  1. Formazione Digitale: accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa attraverso attività formative in tema di contrattualistica internazionale, fiscalità comunitaria e internazionale, trasporti internazionali, modello intrastat; marketing internazionale, credito e pagamenti internazionali, marketing digitale ed export, certificazioni per l’estero, tutela proprietà intellettuale, approfondimenti dedicati ai mercati esteri, e-commerce per l’estero;
  2. Assesment: accrescimento delle potenzialità delle imprese attraverso servizi di analisi, orientamento e avvicinamento ai servizi digitali per facilitare l’accesso ai mercati esteri e individuare nuovi canali di vendita;
  3. Temporary Export Manager e Digital Export Manager: sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di Temporary Export Manager e Digital Export Manager in affiancamento al personale aziendale per favorire l’implementazione di una strategia commerciale e l’accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa;
  4. Marchio: protezione del marchio dell’impresa all’estero, ovvero percorso di ottenimento della protezione o registrazione del marchio in uno o più dei Paesi esteri target;
  5. Certificazioni: ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie per esportare in uno o più dei Paesi esteri target;
  6. B2B: realizzazione di incontri B2B, in presenza o virtuali, con operatori dei Paesi esteri target, ovvero l’individuazione di buyer/operatori internazionali;
  7. Fiere e Convegni: partecipazione a fiere a carattere internazionale o convegni specialistici internazionali con finalità commerciale esclusivamente in modalità virtuale;
  8. Marketing Digitale: realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  9. Business Online: sviluppo della gestione di business on line, attraverso il corretto posizionamento su piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali;
  10. Sito web aziendale: progettazione, predisposizione e traduzione dei contenuti del sito internet dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  11. Materiale promozionale: potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la progettazione e traduzione dei cataloghi/ brochure/presentazioni aziendali.

Gli interventi dovranno essere realizzati tra lo 01/01/2020 ed il 31/12/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. servizi di consulenza e/o formazione relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  2. quote di adesione ai vari servizi delle piattaforme fieristiche/convegnistiche digitali, realizzazione di spazi espositivi virtuali e incontri d’affari;
  3. registrazione del marchio;
  4. spese vive di viaggio, vitto e alloggio dei rappresentanti degli operatori esteri in occasione di incontri personalizzati.

Tutte le spese possono essere sostenute dallo 01/01/2020 al 31/12/2020 e devono essere fatturate a partire dal 01/01/2020 ed entro il 31/12/2020.

Tali spese devono essere sostenute e pagate entro la data di presentazione della rendicontazione, fissata al 30/01/2021. Non sono ammesse proroghe.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammonterà ad € 3.000,00, mentre quello massimo ad € 20.000,00.

Gli aiuti sono cumulabili, per gli stessi costi ammissibili con altri aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

Le domande potranno essere presentate, in via straordinaria, il 22/07/2020 dalle ore 08:00 alle ore 16:00.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.

 

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Giugno 11, 2020
cciaa-ferrara-export-internazionalizzazione-intelligente-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Ferrara sostiene le imprese che avviano o riavviano attività di export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese manifatturiere e di alcuni servizi connessi alla manifattura, esportatrici abituali o occasionali e, in via secondaria, anche imprese non esportatrici, aventi sede legale e/o sede operativa attiva in Emilia-Romagna con un fatturato minimo di € 300.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la presentazione di un progetto finalizzato a supportare l’impresa sui mercati internazionali.

Il progetto potrà comprendere le seguenti principali attività:

  • attività formative, anche a carattere specialistico e di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali (es.: gestione di business on line e di supporto all’inserimento nei marketplace);
  • attività di assistenza a carattere specialistico anche di avvicinamento ai servizi digitali e virtuali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing (es.: predisposizione o revisione del sito internet dell’impresa in lingua straniera e pubblicizzazione tramite internet);
  • sviluppo di canali promozionali e commerciali digitali attraverso l’accesso a piattaforme di e-commerce internazionali (b2b e b2c);
  • posizionamento su piattaforme/marketplace/sistemi di smart payment internazionali per l’avvicinamento alla gestione di business on line;
  • partecipazione a fiere a carattere internazionale e a convegni specialistici a carattere internazionale esclusivamente in modalità virtuale;
  • protezione del marchio dell’impresa;
  • ottenimento delle certificazioni di prodotto;
  • TEM o Digital Export Manager;
  • b2b e b2c anche virtuali attraverso l’utilizzo di piattaforme digitali.

Gli interventi dovranno essere realizzati tra il 01/01/2020 ed il 31/12/2020.

Ciascun beneficiario potrà presentare un solo progetto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo pari al 50% delle spese ammissibili.

Il contributo minimo ammonterà ad € 3.000,00, mentre quello massimo ad € 20.000,00.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del bando da parte della Camera di Commercio di Ferrara.


Maggio 27, 2020
lazio-voucher-internazionalizzazione-valore-consulting-1280x825.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene gli interventi di internazionalizzazione per favorire l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola, inclusi i liberi professionisti, titolari di partita IVA, con sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

Possono presentare istanza anche le MPMI, inclusi i liberi professionisti, che non hanno sede operativa nel Lazio, purché intendano localizzarsi in regione e si impegnino ad attivare tale sede operativa entro la data dell’erogazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di progetto:

A. Partecipazione a Fiere: manifestazioni fieristiche, saloni internazionali e rilevanti eventi commerciali in Paesi UE ed extra UE. Gli Eventi che si svolgono sul territorio nazionale sono ammissibili solo se inseriti nel calendario delle manifestazioni fieristiche in Italia;

B. Servizi TEM: acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, forniti da una “Società di TEM” (Temporary Export Manager) iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico che abbiano un’esperienza almeno triennale in progetti simili per tematica, oggetto e/o tipologia dell’intervento, documentata da almeno 8 contratti.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento A, è ammissibile la Partecipazione a Fiere prenotate prima della presentazione della domanda purché l’Evento si realizzi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando; sono ammissibili le spese relative alle tariffe di iscrizione e affitto di spazi espositivi eventualmente già sostenute alla data di presentazione della domanda, purché successive allo 01/01/2019.

Con riferimento alla Tipologia di Intervento B non sono ammissibili Servizi TEM contrattualizzati prima della presentazione della domanda, resi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di chiusura del Bando.

Il Progetto include l’impegno del personale dedicato alla sua realizzazione; il relativo costo sarà riconosciuto in forma forfettaria ad incremento dell’importo dei costi di progetto da rendicontare.

I Progetti devono essere conclusi e rendicontati entro il 30/06/2021. Resta ferma la possibilità di presentare la rendicontazione non appena sia completato il progetto, cioè quando sono realizzati tutti gli eventi previsti e/o completati i servizi TEM, anticipando la richiesta di erogazione del contributo.

Ciascun beneficiario può presentare un solo progetto.

TABELLA 1 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Imorto minimo Importo massimo
Intero progetto: -Tipologia di intervento A; -tipologia di intervento B; – tipologia di intervento A + Tipologia di intervento B € 5.000,00 € 35.000,00
TABELLA 2 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia d’intervento A € 5.000,00 € 15.000,00
Singolo evento Italia € 3.000,00 € 7.000,00
Singolo evento Paesi UE € 5.000,00 € 10.000,00
Singolo evento Paesi extra UE € 7.000,00 € 15.000,00
TABELLA 3 COSTI DI PROGETTO AMMISSIBILI DA RENDICONTARE
Importo minimo Importo massimo
Tipologia di intervento B: -servizi TEM € 5.000,00 € 20.000,00

SPESE AMMISSIBILI

I costi per realizzare il progetto devono essere distinti in:

  1. costi di progetto da rendicontare;
  2. costi del personale a forfait.

Con riferimento ai costi di progetto da rendicontare, sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

A – Partecipazione a Fiere:

  • spese connesse alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, rilevanti eventi commerciali, quali affitto di spazi espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento, progettazione e allestimento dello stand, trasporto e assicurazione dei materiali, servizi di interpretariato e hostess, produzione di materiali promozionali. Non sono ammissibili le spese di viaggio, vitto e soggiorno connesse alla partecipazione all’Evento.

B – Servizi TEM:

  • spese per prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione, quali:
  1. acquisizione di competenze di management, tecniche, tecnologiche, tra le quali il Program Manager (Gestione del percorso di internazionalizzazione), l’Innovation Manager (accompagnamento all’innovazione e trasformazione digitale, di prodotto e dei modelli di business aziendali), l’Export Manager (Analisi dei Paesi target, analisi di mercato, adeguamento prodotti);
  2. analisi e ricerche di mercato;
  3. affiancamento nell’individuazione di potenziali partner industriali e commerciali e nell’acquisizione di nuovi clienti o assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale;
  4. sviluppo di competenze;
  5. supporto specialistico per la realizzazione di incontri B2B;
  6. supporto specialistico per l’adeguamento del sito e del materiale promozionale, per il web marketing per il commercio on-line e per l’adesione a piattaforme di e-commerce.

I servizi sono ammissibili solo se forniti da una “società di TEM” iscritta nell’apposito elenco tenuto presso il MISE o da altri soggetti che abbiano gli specifici requisiti.

I costi di personale a forfait sono relativi al personale che partecipa all’evento e/o che opera in affiancamento al soggetto che offre Servizi TEM sono riconosciuti nella misura pari al 15% delle spese ammissibili; si considera anche il tempo eventualmente dedicato da personale non dipendente e/o dal titolare della MPMI e/o dai Liberi Professionisti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto in misura compresa fra il 45% e il 70% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 18:00 del 29/05/2020.


Febbraio 19, 2020
veneto-promozione-export-aggregazioni-imprese-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto incrementa il livello di internazionalizzazione dei propri sistemi produttivi, ossia dei distretti industriali, delle reti innovative regionali e delle aggregazioni di imprese. Gli interventi sono mirati a consolidare relazioni connesse allo sviluppo delle attività di export tra imprese che intendono mettere in comune funzioni di impresa che risulterebbero troppo onerose per la singola unità aziendale, nell’intento di stabilizzare i rapporti cooperativi tra imprese al fine di sostenere la condivisione di bisogni comuni relativi all’export, che scaturiscono dall’appartenenza alla medesima area, allo stesso settore o filiera.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i distretti industriali e le reti innovative regionali composti da Micro, Piccole e Medie Imprese.

Rientrano tra i beneficiari anche le aggregazioni di imprese composte nel numero minimo di 3 imprese in una delle seguenti modalità:

  • contratto di rete;
  • consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
  • associazione di imprese a carattere temporaneo (A.T.I).

Le imprese che compongono i menzionati beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. essere regolarmente costituita, iscritta nel registro delle imprese e attiva presso la CCIAA competente per territorio;
  2. avere un’unità operativa attiva in Veneto;
  3. svolgere un’attività appartenente ad uno dei settori di cui alla classificazione ISTAT delle attività economiche ATECO 2007, come di seguito indicato: distretti industriali (calzatura della riviera del Brenta: 14.2, 15.1, 15.2; pelle della Valle del Chiampo: 14.2, 15.1, 15.2, 32.3; meccanica dell’Alto Vicentino: 28.1, 28.2, 28.4, 28.9; mobile del Livenza: 16.1, 16.2, 31.0; occhialeria Bellunese: 23.91, 25.6, 25.61, 25.73.2, 25.99.99, 26.7, 28.4, 28.99.2, 32.5, 32.99.90, 46.43.3, 47.78.2; orafo Vicentino: 32.1; sportsystem di Asolo e Montebelluna: 14.2, 15.1, 15.2, 32.3; ceramica artistica di Nove e Bassano del Grappa: 23.3, 23.4; giostra del Polesine: 28.9; ittico di Rovigo e Chioggia: 10.2, 3.11, 3.21, 46.38.10, 46.38.20; marmo e pietra del Veronese: 23.7, 23.9; mobile di Verona: 16.1, 16.2, 23.19.90, 31.0, 46.65.00, 47.59.10, 95.24.01; Conegliano Valdobbiadene prosecco: 11.02; vetro artistico di Murano e vetro del Veneziano: 23.1; vini Veronesi: 11.02); reti innovative regionali. Per le imprese aderenti alle reti innovative regionali non sono previsti codici ATECO; – aggregazioni di imprese. Sono ammissibili le imprese aventi, in attività primaria o secondaria, un codice ATECO appartenente alle sezioni: C “Attività manifatturiere”, F “Costruzioni”, I “Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione”, J “Servizi di informazione e comunicazione”, o i codici 70.22.09, 71.20.22, 82.99.99, 94.99.90;
  4. essere “autonoma” rispetto ad ogni altra impresa partecipante;
  5. presentare una situazione di regolarità contributiva previdenziale e assistenziale;
  6. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  7. avere la capacità amministrativa, operativa e finanziaria;
  8. trovarsi in posizione regolare rispetto alla normativa antimafia qualora il sostegno richiesto risulti superiore ad € 150.000,00.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono riguardare la realizzazione di attività volte a sviluppare percorsi di internazionalizzazione e a favorire l’accesso e l’espansione delle MPMI sui mercati esteri attraverso l’utilizzo di servizi specialistici, di assistenza, orientamento, affiancamento, informazione e promozione dell’export il cui scopo è legato al conseguimento di risultati funzionali alla crescita della competitività sistemica del distretto industriale, della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese.

I progetti potranno ìprevedere:

  • l’utilizzo di un “Temporary Export Manager”, specializzato in tematiche internazionali, per la consulenza, la pianificazione, l’orientamento e la promozione sui mercati esteri il quale opererà sulle imprese, del distretto industriale o della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese, che partecipano al progetto;
  • la creazione o il potenziamento della dimensione e-commerce del distretto industriale, della rete innovativa regionale, della aggregazione di imprese;
  • la partecipazione a manifestazioni fieristiche da parte del distretto industriale, della rete innovativa regionale, della aggregazione di imprese;
  • la creazione di canali di incontro tra domanda e offerta attraverso la pianificazione e l’attuazione di iniziative di incoming di buyers tramite incontri B2B realizzati nel territorio del distretto industriale o nei siti produttivi della rete innovativa regionale o della aggregazione di imprese.

Una stessa impresa può partecipare ad un solo progetto. L’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 60.000,00 ed € 500.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese relative agli interventi devono essere sostenute in uno dei seguenti periodi:

  • 1° periodo: dalla data di avvio del progetto e fino al 30/04/2021;
  • 2° periodo: dal 01/05/2021 al 31/12/2021. Entro tale data dovranno essere concluse tutte le attività del progetto.

Sono ammissibili le seguenti categorie di spesa:

  • Consulenze specialistiche:
  1. internazionalizzazione: studi di fattibilità, check up aziendali volti alla valutazione dello sviluppo delle imprese su mercati esteri obiettivo, piani export, per la ricerca di partner commerciali o industriali, servizi di consulenza straordinaria per contrattualistica, legali e fiscali (quali contrattualistica internazionale, consulenza in materia doganale), consulenze volte all’acquisizione di certificazioni estere di prodotto e volte all’utilizzo e alla tutela dei marchi nei mercati esteri obiettivo, studi o servizi di consulenza necessari per il lancio di nuovi prodotti o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato in un altro Stato membro UE o in un paese terzo. Sono inoltre comprese le consulenze per la creazione o il potenziamento di canali e-commerce. Sono escluse le prestazioni continuative o periodiche e i costi di esercizio ordinari dell’impresa connessi ad attività regolari quali la consulenza fiscale, la consulenza legale o la pubblicità;
  2. business: impiego di una figura manageriale specialistica, esterna al personale delle imprese e a carattere temporaneo, definita Temporary Export Manager, dedicato alla conduzione, coordinamento e gestione del progetto in relazione alle attività da svolgere nei mercati dei paesi obiettivo, all’analisi per la commercializzazione o lo sviluppo di iniziative commerciali da condurre all’estero, alla definizione di modelli di business per l’internazionalizzazione e di piani export. Il “Temporary Export Manager” può essere un libero professionista in possesso di partita IVA, associato o accreditato, presso organizzazioni associative di rappresentanza di manager che hanno sottoscritto contratti nazionali, oppure un professionista messo a disposizione da una società di Temporary Export Manager iscritta nell’elenco approvato dal MISE.
  • Partecipazione a fiere:
  1. affitto degli spazi espositivi;
  2. installazione e gestione stand: servizi esterni, di progettazione e di montaggio, trasporto dei materiali e dei prodotti con eventuali spese di assicurazione; servizi esterni di hostess, traduttori e interpreti. Sono esclusi i costi per l’acquisto e la fornitura di beni materiali (quali arredi) che compongono lo stand;
  3. personale dipendente impegnato nella partecipazione alle fiere.
  • Pianificazione e attuazione di iniziative di incoming:
  1. consulenze e servizi esterni per l’incoming: organizzazione di incontri B2B con buyers da realizzarsi nel territorio del distretto industriale;
  2. personale dipendente delle imprese partecipanti al progetto impegnate nelle attività di pianificazione, organizzazione e gestione delle iniziative di incoming;
  3. spese di vitto, alloggio e trasferimenti interni riferite ai buyers partecipanti agli incontri B2B;
  4. spese relative al viaggio “da” e “per” il paese/area di provenienza dei buyers ospitati nelle iniziative di incoming.
  • Spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo in conto capitale, dell’intensità del 50% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino alle ore 17:00 del 10/03/2020.

Le domande sono esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Gennaio 23, 2020
marche-internazionalizzazione-sistema-moda-sistema-abitare-valore-consulting-1280x855.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche sostiene il consolidamento dell’export marchigiano e lo sviluppo di processi di internazionalizzazione nei settori del Made in Italy attraverso lo sviluppo di nuovi modelli di business, con riferimento al “sistema abitare” e al “sistema moda”.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola o aggregata, iscritte nel Registro delle Imprese presso la CCIAA territorialmente competente, attive ed esercitanti la propria attività economica in uno dei settori individuati dal Bando quali:

  • sistema abitare: industria del legno e dei prodotti in legno, fabbricazione di mobili, fabbricazione del vetro e di prodotti in vetro, lavorazione produzione oggetti in marmo, fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio;
  • sistema moda: tessile, abbigliamento, pelli, cuoio e calzature, accessori per l’abbigliamento, fabbricazione di cappelli e berretti, maglieria.

I raggruppamenti dei beneficiari, costituiti o costituendi, dovranno essere già definiti alla data di presentazione della domanda, ovvero riportare l’impegno a costituirsi entro la data di accettazione degli esiti istruttori, e dovranno essere organizzati in una delle seguenti tipologie o forme similari giuridicamente riconosciute:

  1. contratto di rete;
  2. associazioni o raggruppamenti di imprese, a carattere temporaneo, appositamente costituite per la realizzazione del progetto oggetto della domanda.

INTERVENTI

Le attività ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di progetti che dovranno prevedere sia interventi di innovazione che di internazionalizzazione tra loro complementari, integrati e coerenti.

La proposta progettuale deve illustrare:

  • le varie fasi del progetto con la descrizione delle attività previste descrivendone il programma di investimento, la fase realizzativa e il risultato finale da conseguire;
  • le modalità di realizzazione, finanziarie e gestionali dell’investimento, inclusi i cronoprogrammi procedurali e di spesa;
  • le ricadute per l’impresa intese come il miglioramento di posizionamento in termini di incremento delle quote di mercato e/o di ingresso in nuovi mercati.

Gli interventi di innovazione che hanno un impatto positivo sulla crescita e lo sviluppo di prodotti o linee di produzione per rispondere ad una domanda sempre più esigente proveniente dai mercati esteri sono riconducibili a:

  • materiali innovativi o “intelligenti”, compresi quelli di origine naturali per la realizzazione di nuove collezioni; scelta ed utilizzo di materiali in funzione della loro circolarità (riuso, recupero, riciclo). Sviluppo di prodotti che utilizzano coloranti naturali e innovativi e tecniche per il trattamento dei materiali al fine di renderli più resistenti, idrorepellenti. Nuove soluzioni e materiali per abbigliamento bio, ecosostenibile per una moda etica e per l’arredo sostenibile e intelligente pensati per il benessere dell’utilizzatore e basati sulla circular economy;
  • soluzioni innovative anche tecnologiche e sistemi per la moda, il benessere, il confort e la sicurezza della persona e degli ambienti di vita: tecnologie indossabili o di soluzioni domotiche. Soluzioni per supportare l’invecchiamento attivo anche attraverso l’utilizzo di sensori e dispositivi per il miglioramento dell’ergonomia e della funzionalità dei prodotti;
  • soluzioni innovative nello sviluppo, utilizzo e riutilizzo di materiali (materiali biocompatibili, nanomateriali, multi-composti, materiali ad alta performance, materiali da riciclo, di scarto e a basso costo) finalizzate alla realizzazione e alla tutela dei prodotti nel comparto del legno e mobile e comparto moda;
  • design e personalizzazione della produzione: sviluppo di innovazioni dal punto di vista stilistico e del design per la modellazione e la prototipazione personalizzata dei prodotti. Implementazione della progettazione sostenibile. Soluzioni innovative volte a “legare” il prodotto al territorio marchigiano e a favorire la diversificazione dei prodotti offerti;
  • sistemi di tracciabilità: sviluppo di metodologie e strumenti che consentano di conoscere ogni fase di lavorazione a tutela del consumatore e ad identificazione della provenienza, tenendo conto della sicurezza ecologica, ambientale e della tutela della salute, dall’acquisto della materia prima alla realizzazione del prodotto (etichettatura di qualità);
  • sostenibilità economica ed ambientale: sviluppo di modelli innovativi per l’analisi economica ed ambientale di prodotti/servizi e processi produttivi basati su sistemi di LCA e LCC (life cycle assesment, life cycle costing) ed implementazione di metodologie per la misurazione della circolarità.

Gli interventi di internazionalizzazione complementari, integrati e coerenti da mettere in campo a supporto dei prodotti o processi innovati sono riconducibili a:

  • servizi a valore aggiunto per il supporto alla personalizzazione, alla progettazione, alla produzione e alla commercializzazione dei prodotti; servizi propedeutici alla creazione di reti distributive integrate all’estero; servizi volti a favorire la penetrazione in Paesi Target anche attraverso l’utilizzo della rete internet; acquisizione di banche dati, analisi di settore e ricerche di mercato e studi di fattibilità;
  • supporto alla realizzazione di iniziative all’estero: progettazione e allestimento spazi espositivi (show rom, corner shop) in occasione di mostre temporanee all’estero per favorire la visibilità e la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri; partecipazione a saloni, road show, ed iniziative indirizzate ai mercati esteri;
  • promocommercializzazione sui mercati e per i mercati esteri: progettazione e attuazione di campagne promozionali; soluzioni finalizzate alla progettazione di “vetrine 3D virtuali” sviluppate su piattaforme interattive; spese volte ad individuare nuove possibilità di vendita (app dedicate, piattaforme per e-commere); sistemi di marketing management al fine di adeguare l’offerta dei prodotti alle esigenze dei mercati-obiettivo e definire tecniche efficaci di determinazione del prezzo, della comunicazione e della distribuzione per informare e servire il mercato;
  • comunicazione e marketing per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri: sviluppo di sistemi di marketing con priorità per quelli innovativi e basati su contenuti green, finalizzati a valorizzare e a promuovere i prodotti del made in Italy, anche in correlazione con la promozione del territorio di riferimento (ad esclusione della pubblicità).

L’investimento, per impresa singola, deve avere un valore complessivo non inferiore a € 40.000,00 e non superiore a € 200.000,00; per le imprese aggregate, invece, l’intervento deve avere un valore complessivo compreso tra € 100.000,00 ed € 350.000,00.

I progetti dovranno essere avviati successivamente alla presentazione della domanda e, in caso di aggregazione di imprese, successivamente alla data di stipula e sottoscrizione dell’accordo di partenariato, comunque non oltre 30 giorni dalla data in cui le imprese ricevono la comunicazione di concessione delle agevolazioni.

I progetti dovranno essere realizzati e conclusi entro 540 gg dalla data del decreto di concessione, salvo proroghe e comunque entro e non oltre il 31/12/2023.

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda, scegliendo di presentare in modo autonomo il progetto o, in caso di aggregazione, scegliendo di ricoprire il ruolo di partner o di capofila.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese relative alle seguenti voci:

  1. servizi di consulenza ed equivalenti per l’innovazione del prodotto e del processo. Sono comprese le spese per la messa a disposizione di personale altamente qualificato, per i Temporary Export Manager (TEM) e gli Innovation Manager (iscritti all’albo del MISE);
  2. personale dipendente specialistico presente in organico (impiegato nei processi di produzione, distribuzione, commercializzazione, organizzazione del luogo di lavoro e nelle relazioni esterne) per la parte di effettivo impiego nelle attività del progetto;
  3. strumentazioni e attrezzature per lo sviluppo di sistemi informatici ammortizzabili funzionali alla realizzazione di nuovi prodotti e/o trasformazione del processo produttivo (macchinari/impianti/attrezzature/programmi informatici);
  4. materiali, forniture e prodotti analoghi imputabili al progetto;
  5. diritti di proprietà industriale (ricerca contrattuale, brevetti acquisiti o ottenuti in licenza), ottenimento, convalida e difesa di brevetti e altri attivi immateriali, nonché spese per l’acquisizione di certificazioni volontarie, marchi e standard di qualità;
  6. servizi relativi alla realizzazione di spazi espositivi, per mostre o show-room temporanei all’estero e alla partecipazione ad eventi ed iniziative di promozione internazionali svolti sia in Italia che all’estero;
  7. promozione e supporto dell’internazionalizzazione sui mercati obiettivo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo in conto capitale nella misura indicata nella sottostante tabella.

Il contributo è cumulabile, per i medesimi costi ammissibili, con altre agevolazioni pubbliche nel rispetto della normativa applicabile in materia di aiuti di Stato ed in particolare nel rispetto delle intensità d’aiuto massime previste in tema di aiuti di Stato dalla Commissione Europea. Il contributo è altresì cumulabile con le agevolazioni che non siano qualificabili come aiuti di Stato.

REGOLAMENTO GBER
Regime di aiuto applicabile Tipologia delle spese Micro e Piccole imprese Media imprese
Aiuti all’innovazione a favore delle PMI (art. 28 Reg. GBER) A) Spese per servizi di consulenze e di sostegno all’innovazione 11 , costi per la messa a disposizione di personale altamente qualificato12, costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa di brevetti ed altri attivi immateriali 50% 50%
Aiuti per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione (art. 29, Reg. GBER) B) Spese di personale dipendente in organico, costi relativi alle quote di ammortamento della strumentazione e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto, costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza, spese per la difesa della proprietà intellettuale 50% 50%
Aiuti alle PMI per servizi di consulenza (art. 18, Reg. GBER) C) Spese per consulenze non riconducibili alle tipologie precedenti. In merito alla ammissibilità delle spese si rimanda ai comma 3 – 4 dell’art. 18 50% 50&
Aiuti alle PMI per partecipazione a mostre temporanee (art. 19, Reg. GBER) D) I costi ammissibili corrispondono ai costi sostenuti per la locazione, l’installazione e la gestione di spazi espositivi in occasione della partecipazione di un’impresa a mostre temporanee (escluse le fiere) 50% 50%
Aiuti agli investimenti a favore delle PMI (art. 17, Reg. GBER) E) Costi degli investimenti materiali: acquisto beni strumentali e attrezzature, compresa la dotazione informatica, spese per materiali, forniture e prodotti. In merito alla ammissibilità delle spese si rimanda al comma 3 dell’art. 17 20% 10%
REGIME DE MINIMIS
Regime di aiuto applicabile Tipologia delle spese Micro e Piccole imprese Media imprese
Regolamento de minimis Le spese di cui ai punti A), B), C), D), E) 50% 50%

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 13:00 del 10/03/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 23, 2019
credito-di-imposta-fiere-internazionali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato migliora il livello e la qualità dell’internazionalizzazione delle PMI italiane.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese esistenti alla data dello 01/01/2019.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili consistono nella partecipazione ad eventi fieristici internazionali di settore in Italia o all’estero.

Tali manifestazioni devono rientrare in un elenco contenuto in un decreto attuativo del MISE congiuntamente con il MEF.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nella seguente elencazione:

  • affitto spazi espositivi;
  • allestimento spazi espositivi;
  • attività pubblicitarie, di comunicazione e di promozione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un credito d’imposta per gli anni 2019 e 2020 nella misura del 30% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 60.000,00.

E’ utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Il credito d’imposta è riconosciuto nel rispetto del regolamento “de minimis“.

TERMINE

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Si attende il decreto attuativo da parte del MISE.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Agosto 8, 2019
umbria-internazionalizzazione-imprese-professionisti-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce la realizzazione di progetti da parte delle imprese che si presentano sui mercati internazionali con l’obiettivo di rafforzare la competitività, l’internazionalizzazione e la promozione dell’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Micro, Piccole e Medie Imprese;
  • Attività libero professionali in forma societaria (STP);
  • Liberi professionisti, in forma singola o aggregata.

I soggetti possono partecipare anche in forma aggregata, in una delle seguenti tipologie di aggregazione:

  • Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto);
  • Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto);
  • Consorzi o società consortili;
  • Associazione temporanea d’impresa (ATI), associazione temporanea di scopo (ATS) e raggruppamento temporaneo d’impresa (RTI).

I beneficiari devono possedere inoltre i seguenti requisiti:

  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori (DURC);
  • nel caso di aggregazioni la maggioranza delle imprese partecipanti deve avere un numero di dipendenti a tempo pieno e indeterminato pari o superiore ad 1 ed essere iscritta nel Registro delle Imprese da almeno 12 mesi;
  • avere sede legale o locale nel territorio regionale;
  • essere in regola con la normativa antimafia;
  • non avere usufruito di altri finanziamenti pubblici per le stesse spese oggetto del Bando.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere como scopo principale l’internazionalizzazione, ovvero:

  • show room e uffici di rappresentanza all’estero, partecipazione a fiere e iniziative promozionali all’estero;
  • consulenze e attività di supporto specialistico all’internazionalizzazione;
  • attività finalizzate alla costituzione di partnership con imprese estere;
  • altre attività.

E’ possibile presentare una sola domanda.

Ciascun progetto, se presentato dalla singola PMI o singolo professionista, dovrà avere un valore compreso tra € 50.000,00 ed € 100.000,00;

Se presentato da soggetti in forma aggregata dovrà avere un valore compreso tra € 100.000,00 ed € 200.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

A) Iniziative promozionali all’estero e partecipazione a fiere internazionali:

  • show room e uffici di rappresentanza all’estero, fino a 12 mesi, nonché per la locazione dell’area espositiva, progettazione dello stand e allestimento;
  • trasporto e assicurazione dei prodotti, per l’allestimento delle aree, con esclusione dei prodotti destinati alla vendita;
  • hostess ed interpreti, relativamente al solo periodo di realizzazione delle attività di cui al primo punto;
  • promozione a mezzo stampa, social network e altro materiale pubblicitario autorizzato;
  • realizzazione o implementazione del sito web aziendale in lingua inglese o nella lingua del paese ove vengono realizzate le attività.

B) Consulenze e supporto specialistico all’internazionalizzazione:

  • consulenza per analisi di mercato negli stessi paesi oggetto delle iniziative di cui alla precedente lettera A);
  • consulenza in materia contrattuale, doganale, legale e fiscale riferita agli stessi paesi oggetto delle iniziative di cui alla precedente lettera A);
  • consulenza per la realizzazione di incontri tra operatori (agenti, buyers);
  • consulenza per la ricerca e selezione di partner e/o distributori all’estero;
  • gestione e coordinamento dell’aggregazione;

C) Attività finalizzate alla costituzione di partnership con imprese estere:

  • studi di fattibilità finalizzati alla creazione di partnership con imprese estere.

D) Altre attività/spese:

  • fideiussioni richieste dal Servizio Internazionalizzazione del sistema produttivo e finanza di impresa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la veste di un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili per le imprese in forma singola, e al 50% per le aggregazioni.

TERMINE

La domanda può essere inviata a partire dalle ore 10:00 del 10/09 alle ore 12:00 del 29/02/2020.

Le domande saranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Agosto 2, 2019
lazio-incentivi-internazionalizzazione-valore-consulting-1280x475.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene gli interventi di internazionalizzazione favorendo l’accesso sui mercati esteri delle MPMI regionali, mediante la partecipazione a fiere o l’acquisto di servizi TEM.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, in forma singola, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di Partita IVA, con sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

Tutti i beneficiari devono:

  • avere la capacità amministrativa, finanziaria e operativa necessaria a completare il progetto, ovvero avere il fatturato pari ad almeno 10 volte il valore del progetto non coperto dal contributo;
  • possedere un patrimonio netto, pari ad almeno il doppio del valore del progetto non coperto dal contributo;
  • possedere una situazione di regolarità contributiva, attestata tramite Documento Unico di Regolarità Contributiva.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono includere una o più tipologie di progetto tra quelle elencate:

A. Partecipazione a Fiere: sostegno alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, eventi commerciali in Paesi UE ed extra UE. Gli Eventi che si svolgono sul territorio nazionale sono ammissibili solo se inseriti nel calendario delle manifestazioni fieristiche in Italia. E’ ammissibile la partecipazione a fiere prenotate prima della domanda purché l’evento si realizzi dopo la presentazione della stessa ed entro la data di riferimento della finestra. È ammissibile la partecipazione ad uno o due eventi.

Il valore dell’intervento deve essere ricompreso tra € 5.000,00 ed € 35.000,00 oppure:

  • singolo evento in Italia: tra € 3.000,00 ed € 7.000,00
  • singolo evento Paesi UE: tra € 5.000,00 ed € 10.000,00;
  • singolo evento Paesi extra UE: tra € 7.000,00 ed € 15.000,00.

B. Servizi TEM: acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione, forniti da una “Società di TEM” iscritta nell’elenco tenuto presso il MISE oppure da altri soggetti che abbiano un’esperienza almeno triennale in progetti simili. Non sono ammissibili i Servizi TEM contrattualizzati prima della domanda.

Il valore dell’intervento deve essere ricompreso tra € 5.000,00 ed € 35.000,00.

Ogni MPMI può presentare un unico progetto. Gli interventi devono essere conclusi entro:

  • prima finestra: entro il 30 novembre 2020;
  • seconda finestra: entro il 31 maggio 2021.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per iscrizione e affitto di spazi espositivi eventualmente già sostenute alla data di presentazione della domanda, purché successive al 1° gennaio 2019.

In via generale le spese devono reintrare nelle seguenti categorie:

  • costi di progetto;
  • costi del personale a forfait.

Costi di progetto – Tipologia A:

  • partecipazione a fiere;
  • spese connesse alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, eventi commerciali, quali: affitto di spazi espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento, progettazione e allestimento stand, trasporto e assicurazione dei materiali, servizi di interpretariato e hostess, produzione di materiali promozionali.

Costi di progetto – Tipologia B:

  • prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione, quali:
  1. acquisizione di competenze di management, tecniche, tecnologiche, tra le quali il Program Manager, l’Innovation Manager, l’Export Manager;
  2. analisi e ricerche di mercato;
  3. affiancamento nell’individuazione di potenziali partner industriali e/o commerciali e nell’identificazione/acquisizione di nuovi clienti;
  4. assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale; sviluppo di competenze;
  5. supporto specialistico per la realizzazione di incontri B2B;
  6. supporto specialistico per l’adeguamento del sito e del materiale promozionale, per il web marketing per il commercio on-line e piattaforme di e-commerce. I servizi sono ammissibili solo se forniti da una società di TEM.

I costi di personale a forfait sono relativi al personale che partecipa all’evento e/o che opera in affiancamento al soggetto che offre Servizi TEM e riconosciuti nella misura pari al 15% delle spese ammissibili relative alla tipologia di intervento A e possono essere riferite al massimo a tre contratti per ogni evento incluso nel progetto.

Le spese relative alla tipologia di intervento B devono essere riferite ad un unico contratto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assumerà la forma di un contributo a fondo perduto in misura compresa fra il 45% e il 70% delle spese ammissibili.

È prevista una riserva del 20% per le imprese aventi sede operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della Regione Lazio.

TERMINE

E’ possibile presentare la domanda in una di queste due finestre temporali:

  • fino alle ore 12:00 del 31/10/2019;
  • dalle ore 12:00 del 05/03/2020 alle ore 12:00 del 30/04/2020.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification