Notizie e Bandi

Agosto 24, 2020
decreto-cura-italia-fondo-di-garanzia-per-agricoltura-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Il Governo sostiene il settore primario, che risente dell’emergenza causata dall’epidemia COVID-19, realizzando un apposito fondo per la copertura totale degli interessi passivi su finanziamenti richiesti da imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura, con sede legale e/o unità operativa in Italia.

Le imprese della pesca e dell’acquacoltura devono aver subito danni diretti o indiretti dall’emergenza COVID-19. Inoltre, per le imprese della pesca, alla data del 03/06/2020, le stesse devono avere in armamento almeno un’imbarcazione da pesca, in forma singola o associata. Per tali soggetti l’attività di pesca marittima deve risultare prevalente in termini di reddito.

Le imprese acquicole, alla data del 03/06/2020, devono disporre di almeno un’unità produttiva stabilmente operativa sul territorio nazionale e l’attività di acquacoltura deve risultare attività prevalente in termini di reddito.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’avvenuta richiesta, negli ultimi due anni, di finanziamenti per capitale circolante e ristrutturazione dei debiti, nonché mutui. Tra gli interventi ammissibili rientra anche l’arresto dell’attività di pesca e dell’acquacoltura.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Il Fondo che verrà istituito erogherà un’agevolazione, concessa in regime de minimis del settore agricolo, per la copertura totale degli interessi passivi su finanziamenti bancari destinati al capitale circolante e alla ristrutturazione dei debiti, per la copertura dei costi sostenuti per interessi maturati negli ultimi due anni su mutui contratti dai beneficiari, nonché per l’arresto temporaneo dell’attività di pesca.

L’agevolazione assumerà la forma di una sovvenzione diretta.

Per le imprese della pesca il contributo è riconosciuto in quota fissa in funzione della stazza dell’imbarcazione misurata in Grosse Tonnage (GT) calcolato sulla base della tabella riportata in calce al presente paragrafo.

Per le imprese dell’acquacoltura di il contributo è riconosciuto in proporzione al fatturato medio delle imprese, entro i seguenti importi massimi:

  • € 5.000,00 per le micro imprese;
  • € 6.000,00 per le piccole imprese;
  • € 10.000,00 per le medie imprese;
  • € 20.000,00 per le grandi imprese.
CLASSI DI STAZZA IN GT CONTRIBUTO CALCOLATO €
1 ≤ X ≤ 5 € 1.000,00
5 < X ≤ 10 104*GT + € 400,00
10 < X ≤ 25 86*GT + € 600,00
25 < X ≤ 50 64*GT + € 1.100,00
50 < X ≤ 100 50*GT + € 1.800 ,00
100 < X ≤ 250 40*GT + € 2.800,00
250 < X ≤ 500 30*GT + € 5.300 ,00
500 < X ≤ 1.500 22*GT + € 9.300 ,00
1.500 < X ≤ 2.500 18*GT + € 15.300,00
X > 2.500 13,40*GT + € 26.800,00

TERMINE

In attesa di pubblicazione dei decreti attuativi da parte del MIPAAF.


Luglio 20, 2020
calabria-accogli-calabria-2020-valore-consulting-1280x670.jpg

FINALITÀ

La Regione Calabria sostiene le imprese appartenenti al comparto ricettivo regionale che ha subito i danni causati dall’epidemia da COVID-19 mediante la concessione di un aiuto per la ricostituzione del capitale circolante.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori 55.10.00, 55.20.10, 55.30.00,55.20.20, 55.20.30, 55.20.40, 55.20.51, 55.20.52, 55.90.20.

Le imprese inoltre devono avere una o più unità produttive operative nel territorio della Regione Calabria che si configuri come struttura ricettiva operativa e funzionante.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di capitale circolante da parte dei beneficiari che hanno subito danni a causa dell’epidemia Covid-19.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda riferita anche a più strutture ricettive.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto determinato con riferimento alle presenze turistiche 2018 registrate dal beneficiario.

Per le sole imprese che hanno avviato la loro attività nel 2019, ai fini del calcolo del contributo si farà riferimento alle presenze registrate nell’annualità 2019.

Il valore del contributo unitario per presenza turistica, variabile in relazione alla tipologia della struttura è determinato secondo quanto indicato nelle tabelle in calce al paragrafo.

L’importo massimo di contributo concedibile è pari ad € 160.000,00.

L’importo dell’aiuto non eccede in ogni caso l’importo delle reali perdite di fatturato riconducibile al periodo tra lo 01/01/2020 ed il 31/12/2020 certificate da un professionista abilitato.

Gli aiuti possono essere cumulati con gli aiuti previsti dai regolamenti de minimis o dai regolamenti di esenzione per categoria applicabili.

ALBERGO/VILLAGGIO ALBERGO/MOTEL per categoria. Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
1 stella € 1,00
2 stelle € 2,00
3 stelle € 3,00
4 stelle € 4,00
5 stelle € 4,00
RTA per categoria. Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
2 stelle € 1,00
3 stelle € 3,00
4 stelle € 4,00
STRUTTURE RICETTIVE EXTRA ALBERGHIERE. Regione Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
Case/App. vacanze e affittacamere € 1,00
Case per ferie € 1,00
Ostelli € 1,00
Altri esercizi € 1,00
Bed&Breakfast € 2,00
VILLAGGI TURISTICI per categoria. Regione Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
2 stelle € 1,00
3 stelle € 1,00
4 stelle € 2,00
CAMPEGGI E VILLAGGI per categoria. Regione Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
1 stella € 1,00
2 stelle € 1,00
3 stelle € 1,00
4 stelle € 3,00
CAMPEGGI per categoria. Regione Calabria anno 2019
Classificazione Contributo unitario
1 stella € 1,00
2 stelle € 1,00
3 stelle € 2,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 18:00 del 07/08/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Aprile 30, 2020
decreto-cura-italia-fondo-di-garanzia-per-le-pmi-deroga-temporanea-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Governo sostiene la liquidità delle imprese italiane entrate in sofferenza a causa dell’emergenza sanitaria prodotta dal COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, le quali non presentino esposizioni classificate come “sofferenze” o “inadempienze probabili” e non risultino imprese in difficoltà.

INTERVENTI

Il Fondo di Garanzia per le PMI applicherà le seguenti nuove disposizioni temporanee:

  • la garanzia è concessa a titolo gratuito;
  • l’importo massimo garantito per singola impresa è elevato ad € 5.000.000,00;
  • per gli interventi di garanzia diretta, la percentuale di copertura è pari all’80% dell’ammontare di ciascuna operazione di finanziamento per un importo massimo garantito per singola impresa di € 1.500.000,00. Per gli interventi di riassicurazione la percentuale di copertura è pari al 90% dell’importo garantito dal Confidi o da altro fondo di garanzia, a condizione che le garanzie da questi rilasciate non superino la percentuale massima di copertura dell’80% e per un importo massimo garantito per singola impresa di € 1.500.000,00;
  • sono ammissibili alla garanzia del Fondo finanziamenti a fronte di operazioni di rinegoziazione del debito del beneficiario, purché il nuovo finanziamento preveda l’erogazione al medesimo beneficiario di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10% dell’importo del debito residuo in essere del finanziamento oggetto di rinegoziazione;
  • le Amministrazioni e i soggetti titolari di Sezioni speciali del Fondo o di programmi UE che ne integrano le risorse o l’operatività possono assicurare il loro apporto ai fini dell’innalzamento della percentuale massima garantita dal Fondo sino al massimo dell’80% in garanzia diretta e del 90% in riassicurazione;
  • per le operazioni per le quali banche o gli intermediari finanziari hanno accordato, anche di propria iniziativa, la sospensione del pagamento delle rate di ammortamento, o della sola quota capitale, in connessione degli effetti indotti dalla diffusione del COVID-19 Virus, su operazioni ammesse alla garanzia del Fondo, la durata della garanzia del Fondo è estesa in conseguenza;
  • non è dovuta la commissione per il mancato perfezionamento delle operazioni finanziarie;
  • per operazioni di investimento immobiliare nei settori turistico-alberghiero e delle attività immobiliari, con durata minima di 10 anni e di importo superiore ad € 500.000,00, la garanzia del Fondo può essere cumulata con altre forme di garanzia acquisite sui finanziamenti;
  • per le garanzie su specifici portafogli di finanziamenti dedicati a imprese danneggiate dall’emergenza Covid-19, o appartenenti, per almeno il 60%, a specifici settori/filiere colpiti dall’epidemia, la quota della tranche junior coperta dal Fondo può essere elevata del 50%, ulteriormente incrementabile del 20% in caso di intervento di ulteriori garanti;
  • sono ammissibili alla garanzia del fondo, con copertura all’80% in garanzia diretta e al 90% in riassicurazione, nuovi finanziamenti a 18 mesi meno un giorno di importo non superiore ad € 3.000,00 erogati da banche, intermediari finanziari e degli altri soggetti abilitati alla concessione di credito e concessi a favore di persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni assoggettati la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19 come da dichiarazione autocertificata. In favore di tali beneficiari l’intervento del Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese è concesso gratuitamente e senza valutazione;
  • le Amministrazioni di settore, anche unitamente alle associazioni e gli enti di riferimento, possono conferire risorse al Fondo ai fini della costituzione di sezioni speciali finalizzate a sostenere l’accesso al credito per determinati settori economici o filiere d’impresa;
  • sono prorogati per 3 mesi tutti i termini riferiti agli adempimenti amministrativi relativi alle operazioni assistite dalla garanzia del Fondo.

Le garanzie relative a finanziamenti erogati a PMI, nonché le garanzie su portafogli di minibond, sono concesse a valere sulla dotazione disponibile del Fondo, assicurando la sussistenza, tempo per tempo, di un ammontare di risorse libere del Fondo, destinate al rilascio di garanzie su singole operazioni finanziarie, pari ad almeno l’85% della dotazione disponibile del Fondo.

Gli operatori di microcredito beneficiano, a titolo gratuito e nella misura massima dell’80% dell’ammontare del finanziamento e, relativamente alle nuove imprese costituite o che hanno iniziato la propria attività non oltre 3 anni prima della richiesta della garanzia del Fondo e non utilmente valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati, senza valutazione del merito di credito, della garanzia del Fondo sui finanziamenti concessi da banche e intermediari finanziari finalizzati alla concessione, da parte dei medesimi operatori, di operazioni di microcredito.

Tutte tali disposizioni si applicano anche alle garanzie in favore delle imprese agricole e della pesca.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni, a carattere temporaneo, assumono la forma di garanzia su operazioni di finanziamento e di riassicurazione.

TERMINE

La deroga alla disciplina ordinaria avrà una durata di 9 mesi, fino al 17/12/2020, salvo modifiche apportate dalla legge di conversione.

La legge di conversione (L.n. 27/2020) ha abrogato questa deroga temporanea.


Aprile 1, 2020
sicilia-misura-straordinaria-liquidità-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Regione Siciliana e Irfis-FinSicilia Spa intendono facilitare l’accesso al credito bancario da parte delle imprese siciliane, danneggiate dalla grave crisi economico-sociale causata dall’emergenza Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o unità operativa in Regione danneggiate dall’emergenza epidemiologica creata dal coronavirus.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto finanziamenti chirografari della durata di almeno 15 mesi (di cui almeno 3 mesi di preammortamento), di importo non superiore ad € 100.000,00, concessi dal sistema bancario e dagli intermediari finanziari ed eventualmente assistiti dalla garanzia diretta, nella misura massima consentita, rilasciata dal Fondo Centrale di Garanzia.

Le imprese beneficiarie dovranno dichiarare di aver subito danni economici dall’emergenza epidemiologica COVID-19, consistenti nella temporanea interruzione/riduzione dell’attività svolta.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo sugli oneri per interessi e spese di istruttoria sino al 5% dell’importo del finanziamento bancario erogato e, comunque, sino ad un massimo di € 5.000,00.

TERMINE

E’ già possibile presentare la domanda.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Marzo 30, 2020
liguria-fondo-di-garanzia-emergenza-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Liguria ha costituito un Fondo di Garanzia denominato “Fondo di Garanzia Emergenza Covid-19” a supporto di interventi volti al superamento dell’Emergenza Covid-19 con sostegno finanziario del circolante, consistente alternativamente in:

  • Modalità A – finanziamenti concessi ed erogati da banche convenzionate;
  • Modalità B – garanzie rilasciate da confidi convenzionati a fronte di finanziamenti concessi ed erogati da banche.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, con sede legale e/o unità operativa in Regione, che svolgono prioritariamente attività economica nel settore del commercio, turismo ed artigianato.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. iscritti alla CCIAA;
  2. in regola con i contributi previdenziali e fiscali, nonché con la normativa in materia di sicurezza sul lavoro;
  3. nel pieno e libero esercizio dei propri diritti;
  4. nel caso di richiesta di finanziamento secondo la Modalità A, aver ottenuto delibera positiva da parte della banca, a seguito di richiesta alla medesima di finanziamento garantito dal presente Fondo di garanzia;
  5. nel caso di richiesta di finanziamento secondo la Modalità B, aver ottenuto la concessione da parte del confidi convenzionato di una garanzia a supporto di un finanziamento bancario.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di finanziamenti per superare l’emergenza sanitaria determinata dal Covid-19.

Tale richiesta deve essere successiva alla presentazione della domanda sul presente Avviso.

I finanziamenti devono avere le seguenti caratteristiche:

  1. chirografari, non assistiti da garanzie reali;
  2. importo compreso tra € 10.000,00 ed € 30.000,00;
  3. durata di pre-ammortamento pari a 12 mesi;
  4. durata di ammortamento compresa tra i 2 ed i 6 anni.

Gli interventi volti al superamento dell’Emergenza Covid-19 dovranno essere conclusi entro 18 mesi dalla data di erogazione del finanziamento.

I finanziamenti supportati dal Fondo di Garanzia, sia con Modalità A che con Modalità B, non possono essere utilizzati per estinzioni o riduzioni di linee di credito a breve termine o per estinzione di precedenti finanziamenti a medio e lungo termine.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda per richiedere la garanzia o per la Modalità A o per la Modalità B.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste nell’ammissione ai benefici del Fondo di Garanzia:

  • relativamente alla Modalità A, attraverso la garanzia diretta del Fondo: fornendo una copertura fino all’80% del finanziamento concesso da una banca convenzionata a valere su fondi non agevolati;
  • relativamente alla Modalità B, attraverso la controgaranzia del Fondo (o garanzia indiretta del Fondo): qualora il finanziamento sia supportato da garanzia di un confidi convenzionato controgarantita dal Fondo, fornendo una copertura dell’80% alla garanzia non agevolata rilasciata dal Confidi medesimo a copertura di un finanziamento concesso ai sensi del presente Avviso.

Modalità A

La garanzia del Fondo ha validità 2 anni dalla data di emissione sino alla dalla data di scadenza del piano di ammortamento o, in caso di estinzione anticipata del finanziamento garantito, 24 mesi da tale data ed assiste nella misura massima dell’80% l’importo in linea capitale ed interessi del credito pro-tempore vantato dalla banca convenzionata medesima in relazione al finanziamento garantito concesso.

Modalità B

La controgaranzia del Fondo ha validità 2 anni dalla data di emissione sino alla data di scadenza del piano di ammortamento o, in caso di estinzione anticipata del finanziamento garantito, 24 mesi da tale data ed assiste nella misura dell’80% la garanzia rilasciata dal confidi convenzionato a favore della banca per quanto escusso da quest’ultima al confidi medesimo a fronte del credito vantato dalla banca stessa in relazione al finanziamento concesso ai sensi del presente Avviso.

L’Agevolazione è cumulabile con altre agevolazioni pubbliche in forma di contributo in conto interessi sul finanziamento e di garanzie sul finanziamento medesimo nel limite di quanto previsto dal regime de minimis e, per le precitate garanzie, in misura non superiore all’80% del finanziamento stesso.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dal 10/04 al 30/09/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Novembre 12, 2019
puglia-emissione-minibond-2019-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Puglia sostiene in modo innovativo le imprese che hanno bisogno di risorse finanziarie per sviluppare il proprio business, attraverso il proprio ingresso nel mercato dei capitali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese, le cui iniziative finanziarie che verranno finanziate con i Minibond, possono riguardare investimenti in attivi materiali da realizzarsi nel territorio della regione Puglia, investimenti in attivi immateriali aventi ricadute nella regione Puglia e spese in attivo circolante ausiliarie e correlate agli investimenti suddetti.

Le PMI devono avere una sede operativa nella regione Puglia.

Inoltre, i beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • non avere azioni quotate in Borsa;
  • non rientrare nella definizione di “Imprese in Difficoltà”;
  • fatturato minimo (ultimo bilancio approvato): € 5.000.000,00;
  • EBITDA (ultimo bilancio approvato) in percentuale sul fatturato deve essere >= 4 %;
  • posizione Finanziaria Netta (NFP) / EBITDA <5 (ultimo bilancio approvato);
  • posizione Finanziaria Netta (NFP) / Equity <3,5 (ultimo bilancio approvato).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, ovvero l’emissione dei Minibond, deve essere destinata, anche per operazioni di natura straordinaria:

  • alla realizzazione di investimenti, in attivi materiali ed attivi immateriali per un importo non inferiore al 10% del valore nominale del Minibond;
  • al sostegno dell’attivo circolante, legato ad attività di sviluppo o espansione correlate alle attività di cui al precedente punto. Tra questi sono ammissibili anche costi di partecipazione a fiere commerciali nonché quelli relativi a studi o servizi di consulenza necessari per il lancio di nuovi prodotti o di prodotti già esistenti su un nuovo mercato.

I Minibond devono essere di nuova emissione e avere una scadenza massima di 7 anni, eventualmente comprensiva di un pre-ammortamento massimo di 12 mesi.

I singoli Minibond devono avere un importo compreso tra € 2.000.000,00 ed € 10.000.000 ed il tasso di remunerazione deve essere stabilito attraverso il pagamento di cedole, a
fronte della raccolta di capitale.

Sono ammesse le iniziative imprenditoriali inerenti a tutte le attività economiche.

SPESE AMMISSIBILI

Sono parzialmente coperte dalla sovvenzione le seguenti voci di spesa:

A) commissioni di strutturazione da corrispondere all’Arranger per costi finalizzati all’attività di strutturazione e della contrattualistica, nello specifico:

  • costo legale dell’operazione (legale dell’Arranger);
  • costo del legale dell’Investitore Principale (anche per gli eventuali pareri legali);
  • costi una tantum e up-front per gli agenti della SPV.

B) costi per l’ottenimento del rating da parte di società ECAI (External Credit Assessement Institutions) riconosciute da parte dell’ESMA (European Securities and Markets Authority);

C) costi per la certificazione dell’ultimo bilancio (solo in caso di prima certificazione);

D) costi per la costituzione o della messa a disposizione della SPV;

E) costi relativi alle formalità pubblicitarie (pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso di sottoscrizione o acquisto dei Minibond);

F) remunerazione di Monte Titoli per il censimento della SPV e dei titoli;

G) qualsiasi altro costo sostenuto dall’Arranger per la strutturazione ed il collocamento dei Minibond e dei titoli.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

La Regione eroga sovvenzioni dirette alle PMI per la copertura parziale del 50% delle spese di esplorazione relative alla strutturazione ed organizzazione dell’emissione dei Minibond.

TERMINE

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento.


Luglio 10, 2019
incentivi-fiscali-investimenti-startup-pmi-innovative-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Governo potenzia gli investimenti in capitale di rischio nelle Startup e nelle PMI innovative.

BENEFICIARI

I beneficiari sono sia le persone fisiche che le società che investono nel capitale delle start-up e delle PMI innovative.

INTERVENTI

L’intervento ammissibile deve avere ad oggetto un’investimento agevolato, ovvero conferimenti in denaro iscritti alla voce del capitale sociale e della riserva da sovrapprezzo delle azioni o quote delle imprese.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione si differenzia a seconda dei beneficiari:

  • Persone fisichedetrazione fiscale pari al 30% dell’IRPEF, per un importo fino ad € 1.000.000,00 in ciascun periodo d’imposta;
  • Societàdeduzione dall’ammontare imponibile ai fini IRES pari al 30%, per un’importo fino ad € 1.800.000,00.

TERMINE

Rientrano nella Misura tutti gli investimenti effettuati a far data dallo 01/01/2017.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 24, 2019
invitalia-finanziamento-ricerca-e-innovazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Misura è rivolta alle imprese, enti pubblici o istituzioni private che intendono realizzare progetti di ricerca, sviluppo ed innovazione tecnologica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole, Medie e Grandi Imprese, Midcap, Università, Centri di Ricerca ed altri enti pubblici o istituzioni private che si occupano di ricerca, sviluppo ed innovazione tecnologica ed aventi sede legale in Italia.

INTERVENTI

I finanziamenti sono finalizzati alla realizzazione di progetti di imprese che intendono effettuare investimenti in tecnologia quali:

  1. industrializzazione di un progetto di ricerca, innovazione e sviluppo finalizzati alla realizzazione di un nuovo prodotto o al miglioramento di uno esistente (es. caratteristiche tecniche, componenti, materiali, software incorporati o caratteristiche funzionali);
  2. programmi organici d’investimento volti ad innovare l’organizzazione, la struttura ed i prodotti dell’impresa, acquistando innovazione sul mercato;
  3. innovazione dei sistemi informativi aziendali;
  4. innovazione perseguita tramite affidamento a Università, a Istituti del CNR, ENEA di commesse per studi, sviluppi e trasferimento di tecnologie innovative;
  5. investimenti di Industria 4.0 dedicati alla creazione di processi produttivi basati sull’utilizzo di macchine intelligenti, interconnesse e collegate ad internet;
  6. altre finalità collegate a ricerca e innovazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un finanziamento che potrà essere erogato in unica soluzione o in due o più erogazioni con relativa rendicontazione.

Nel caso in cui il finanziamento richiesto da PMI sia inferiore o pari ad € 500.000,00:

  • la sua durata massima è di 5 anni;
  • verrà erogato in un’unica soluzione, con relativa rendicontazione di spesa;
  • deve essere utilizzato entro 12 mesi dalla stipula del contratto;
  • potrà coprire fino al 100% delle spese complessive ammissibili.

Nel caso in cui il finanziamento richiesto sia superiore ad € 500.000,00:

  • la sua durata normale è di 5 anni, ma può arrivare ad avere una durata massima di 7 anni;
  • è erogato in più soluzioni;
  • il suo utilizzo è connesso alla durata dell’intervento;
  • può coprire fino al 100% delle spese complessive ammissibili.

Ad entrambe le tipologie di finanziamento potrà essere applicato il tasso fisso o quello variabile a seconda della richiesta avanzata dal beneficiario.

Al beneficiario inoltre potrebbe essere richiesta la predisposizione di una di queste tipologie di garanzie:

  • fondo di garanzia per le PMI;
  • garanzie reali;
  • garanzie personali.

TERMINE

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento, poiché lo sportello è sempre aperto.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 20, 2019
piemonte-fondo-tranched-cover.jpg

FINALITÀ

La Giunta Regionale del Piemonte ha istituito il Fondo Tranched Cover per favorire l’accesso al credito alle PMI piemontesi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese con sede legale e/o operativa in Regione, attive, iscritte nel Registro delle Imprese, costituite in qualunque forma.

Le attività economiche escluse dall’agevolazione sono quelle contraddistinte dai seguenti codici Ateco 2007: 01.1: Coltivazioni di colture agricole non permanenti; 01.2: Coltivazione di colture permanenti; 01.3: Riproduzione di piante; 01.4: Allevamento di animali; 01.5: Coltivazioni agricole associate all’allevamento di animali: attività mista; 03.1: Pesca; 03.2: Acquacoltura; 10.2: Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi.

INTERVENTI

Sono considerati ammissibili i finanziamenti richiesti alle Banche finanziatrici (Unicredit Spa, Monte dei Paschi di Siena Spa, Intesa San Paolo Spa), che hanno sottoscritto apposito Accordo Convenzionale con Finpiemonte S.p.A., per le seguenti tipologie di intervento:

  • investimenti produttivi e infrastrutturali;
  • sostegno di processi di capitalizzazione aziendale;
  • fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità.

Sono considerati ammissibili anche i finanziamenti finalizzati all’avvio di nuove iniziative imprenditoriali.

Gli investimenti devono essere avviati da parte delle imprese successivamente alla presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le operazioni di importo compreso tra € 10.000,00 ed € 100.000,00 sono assistite sia dalla garanzia pubblica che da quella dei Confidi (Linea B).

Le operazioni superiori ad € 150.000 sono assistite solo dalla garanzia pubblica (Linea A).

Quelle di importo compreso tra € 100.000,00 ed € 150.000,00 sono assistite dalla garanzia pubblica o da entrambe, a discrezione della Banca.

I finanziamenti erogati dalle Banche sono assistiti dalla garanzia pubblica e, nei casi ove prevista, da quella prestata dai Confidi.

L’agevolazione viene concessa sulla base del regime “de minimis” nella forma di finanziamento agevolato, con le seguenti caratteristiche:

  • essere di nuova concessione;
  • avere una durata minima di 36 mesi e massima di 60 mesi per investimenti produttivi e infrastrutturali e capitalizzazione aziendale;
  • avere una durata minima di 18 mesi e massima di 36 mesi per fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità;
  • essere chirografari e non assistiti da garanzie reali;
  • essere di importo minimo pari ad € 10.000,00 e massimo pari ad € 1.000.000,00;
  • essere concessi ad un tasso fisso o variabile inferiore al tasso di mercato, maggiorato di uno spread non superiore, a quello indicato per ciascuna classe di merito creditizio.

TERMINE

Sono stati riaperti i termini per la presentazione delle domande a valere sulla Linea A, le quali potranno essere inviate fino all’08/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification