Notizie e Bandi

Luglio 30, 2020
lazio-boost-your-ideas-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio lancia la presente call chiedendo agli innovatori, team e startup, di proporre soluzioni per affrontare il futuro dopo l’emergenza covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • startup e micro, piccole e medie imprese;
  • team informali composti da almeno tre persone fisiche;
  • spin off di dipartimenti di Istituti di Università e Centri di Ricerca.

I beneficiari privati devono avere o costituire una sede legale o operativa in Regione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti e soluzioni in grado di immaginare le città, il fare impresa, i luoghi di lavoro, la socialità, la cultura nella fase della ripresa, prospettando soluzioni concrete che permettano di convivere con le limitazioni, che soddisfino bisogni sociali ed economici con nuovi modelli di business, rientranti in una delle seguenti tematiche:

  1. Sostenibilità e resilienza – soluzioni per valorizzare l’economia circolare, economia del mare, smart city, bioeconomia e green economy.
  2. Digitalizzazione – nuovi servizi e modelli di business che connettono i diversi attori, fornitori, produttori, distributori e clienti, in maniera più efficiente.
  3. Cultura, turismo e life style – Soluzioni per nuove modalità di svolgimento di eventi culturali e di networking, fiere, anche a distanza.
  4. Semplificazione nella P.A. – Soluzioni per immaginare un nuovo rapporto tra imprese, cittadini e pubblica amministrazione, e per favorire la digitalizzazione dei servizi pubblici.
  5. Valorizzazione dei risultati di ricerca e innovazione – Soluzioni generate dal rapporto tra ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico.
  6. Fragilità sociali – Soluzioni per migliorare la “nuova normalità” della popolazione, per sostenere i gruppi a rischio di marginalizzazione e facilitare il dialogo con le istituzioni.
  7. Ripresa del lavoro – Iniziative per fronteggiare il cambiamento e generare nuove occasioni di impresa e di lavoro.
  8. Logistica e distribuzione – Soluzioni innovative e nuovi modelli di business per la logistica di prossimità, per la riconnessione e digitalizzazione delle reti.

Gli investimenti devono inoltre avere un IRL ( Investment Readiness Level) pari o superiore a 3, ovvero:

  • Livello 1-2 – Il problema è individuato correttamente ma la soluzione è ancora a livello embrionale.
  • Livello 3-5 – La soluzione è meglio sviluppata e il modello di business è identificato, il team è in grado rendere fattibile la realizzazione della proposta.
  • Livello 6-7 – La soluzione è in fase finale di realizzazione/validazione di mercato.
  • Livello 7-9 – La soluzione è pronta per il mercato e il team è in grado di gestirne la commercializzazione.

Il premio si compone tre fasi:

  • Fase 1 – Si raccologono i progetti per selezionarne un massimo di 45.
  • Fase 2 – Le proposte selezionate beneficeranno di un percorso di mentoring e tutoraggio.
  • Fase 3 – In una seconda selezione a 12 progetti finalisti verranno attribuite le premiliatà indicate successivamente.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un premio in denaro come di seguito:

  • a 30 progetti con un IRL tra 3 e 5 un premio in denaro di € 5.000,00 e un percorso di formazione per design di prodotto e definizione del modello di business, compreso l’eventuale supporto alla progettazione/prototipazione digitale;
  • a 5 progetti con un IRL tra 6 e 9 un premio in denaro di € 20.000,00 e un percorso di accompagnamento al go-to-market.

Tutti i premiati parteciperanno ai Network DAYS, eventi di presentazione delle soluzioni a una platea di potenziali utilizzatori, investitori, partner, con l’obiettivo di attivare progetti pilota e sperimentazioni di mercato.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata entro una delle tre seguenti finestre temporali:

  • entro le ore 24:00 del 13/10/2020;
  • dalle ore 09:00 del 01/02/2021 alle ore 24:00 del 15/03/2021;
  • dalle ore 09:00 del 28/06/2021 alle ore 24:00 del 09/08/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Aprile 2, 2020
lombardia-collaborazioni-contrasto-coronavirus-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

L’obiettivo della Misura è raccogliere proposte progettuali volte a far progredire la nostra conoscenza della SARS‐CoV‐2 e della più ampia famiglia di Coronavirus, ovvero in generale allo scopo di contribuire a una gestione efficiente del paziente e alla capacità di preparazione e risposta a focolai attuali e futuri, attraverso lo sviluppo di progettualità nell’ambito di due linee:

  • Linea 1: Ricerca fondamentale;
  • Linea 2: Ricerca industriale e Sviluppo Sperimentale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Linea 1: organismi di ricerca pubblici e privati no profit compresi le Università, le ASST – Aziende Socio-Sanitarie Territoriali e gli IRCCS – Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico – pubblici e privati, costituiti in partenariati composti da un minimo di due soggetti;
  • Linea 2: partenariati composti da almeno una Piccola, Media o Grande Impresa e un organismo di ricerca pubblico o privato, compresi le Università, le ASST e gli IRCCS.

I beneficiari della Linea 2 devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Imprese:
  1. essere regolarmente costituite, attive e iscritte al Registro delle imprese;
  2. avere sede legale e/o unità operativa attiva in Lombardia;
  • Organismi di ricerca e ASST:
  1. avere una sede operativa che può essere anche extra‐lombarda ed essere in grado di svolgere attività di ricerca fondamentale e/o applicata (ricerca industriale o di sviluppo sperimentale);
  2. non essere in difficoltà, secondo la normativa nazionale;
  3. essere in regola con i contributi e, per i soggetti privati, con la normativa antimafia.

INTERVENTI

LINEA 2

Gli interventi ammissibili devono far progredire la nostra conoscenza della SARS‐CoV‐2, della più ampia famiglia di Coronavirus e identificare il grado di patogenicità di nuovi virus.

In generale lo scopo è quello di contribuire ad una gestione efficiente del paziente tramite la definizione di approcci sperimentali e/o alla capacità di preparazione e risposta a focolai attuali e futuri tramite la definizione di protocolli nei seguenti ambiti:

  1. sviluppo di studi di virologia che permettano di identificare varianti virali, indagare il loro rapporto con l’ospite nonché individuare possibili bersagli molecolari per una terapia con particolare riguardo alla ricerca pre-clinica e traslazionale;
  2. sviluppo di terapie e di procedure (es. processi innovativi per la rapida disinfezione) per affrontare le epidemie di coronavirus attuali;
  3. sviluppo della diagnostica, sia hardware che software, garantendo una rapida valutazione dei candidati sulla base dell’ottimizzazione di tecnologie attualmente applicate o utilizzando nuove tecnologie;
  4. sviluppo di studi di popolazione di soggetti asintomatici positivi o che siano stati positivi al SARS‐CoV‐2;
  5. sviluppo di prototipi di DPI riutilizzabili e realizzabili rapidamente;
  6. sviluppo di strumenti software e servizi a supporto dell’individuazione precoce e il successivo contenimento del contagio da SARS‐CoV‐2, ivi inclusa la sorveglianza attiva, la verifica dell’isolamento, la gestione dei sintomi, il monitoraggio dei potenziali contatti a rischio;
  7. sviluppo di misure atte a proteggere gli individui fragili e con patologie pregresse.

I progetti devono afferire all’Area di Specializzazione “Industria della Salute” della Strategia di Specializzazione Intelligente regionale. Inoltre, i progetti devono prevedere, modalità di divulgazione dei risultati generati sia nei confronti della più ampia comunità scientifica sia verso un pubblico di non addetti ai lavori. Tra le modalità di diffusione possono essere ricomprese l’organizzazione di conferenze, pubblicazioni su riviste specialistiche tradizionali, ad accesso aperto e generaliste, l’inserimento di dati all’interno di banche dati a libero accesso, software open source o gratuiti.

I progetti si intendono avviati alla data di presentazione della domanda e si devono concludere entro il 30/10/2020.

I progetti devono prevedere un investimento minimo pari ad € 300.000,00.

Ciascuno beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili a contributo le spese riferibili alle categorie di seguito indicate:

  • spese di personale: costi per ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto (ad esclusione dei tirocini/stage);
  • altre spese ammissibili, calcolate con un tasso forfettario pari al 40% dei costi di personale.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dalla presentazione della domanda e non oltre il 30/10/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione si configura come contributo a fondo perduto, nella misura massima del 60% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 1.000.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 14:00 del 06/04 alle ore 17:00 del 20/04/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Maggio 14, 2019
ue-horizon-2020-emissioni-carbonio-valore-consulting.png

FINALITÀ

L’Unione Europea finanzia progetti che elaborino un piano dettagliato su come catturare, trasportare, stoccare ed utilizzare la CO2 prodotta dalle imprese che operano settori economici ad alta produzione di tale gas (ad es. acciaio, ferro e cemento, raffinazione del petrolio, produzione di idrogeno, lavorazione del gas, produzione di biocarburanti ed impianti di incenerimento dei rifiuti).

BENEFICIARI

I beneficiari devono essere persone giuridiche ed avere la propria sede legale:

  • in uno degli Stati Membri dell’UE e/o le loro regioni;
  • nei territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE;
  • in uno degli Stati associati al progetto Horizon 2020: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Nord Macedonia, Montenegro, Serbia, Tirchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunisia, Georgia e Armenia;
  • in uno dei seguenti Stati: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Costa Rica, Costa d’avorio, Cuba, Gibuti, Repubblica Democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Jamaica, Giordania, Kazakistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldives, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria,
    Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Filippine, Rwanda, Samoa, Sao Tome and Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba della Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor-Est, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

Per partecipare alla presente call i beneficiari devono essere almeno 3, avere sede in differenti Stati ed essere giuridicamente indipendenti l’uno dall’altro.

I partecipanti devono infine costituire una partenership.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto principalmente attività dirette a produrre piani, disposizioni o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati. Gli interventi possono includere la prototipazione, test, dimostrazioni, prove pilota, prodotti su larga scala, convalida e replica del mercato.

I progetti possono includere attività limitate di ricerca e sviluppo.

Gli stessi infine, devono innalzare il livello tecnologico fino a 6-7 TRL.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento pari al 70% delle spese ammissibili. Tale finanziamento può arrivare al 100% delle spese ammissibili nei confronti delle persone giuridiche senza scopo di lucro.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 27/08/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Marzo 25, 2019
connecting-europe-facility-energy-call-1280x676.jpg

FINALITÀ

Il Connecting Europe Facility è un programma di lavoro che consente la preparazione di progetti nel quadro della politica delle reti transeuropee nel settore energia.

Si intende contribuire al sostegno energetico di progetti infrastrutturali di interesse comune con significativi benefici sociali e che possano garantire una maggiore solidarietà tra gli Stati membri che non ricevono finanziamenti adeguati dal mercato.

La Call prevede quindi il rafforzamento del mercato interno dell’energia, il miglioramento della sicurezza degli approvvigionamenti e che questi contribuiscano a fornire energia pulita e sostenibile in Europa.

BENEFICIARI

I soggetti beneficiari sono:

  • imprese, in qualsiasi forma costituite e di qualsiasi grandezza, stabilite negli Stati Membri;
  • enti privati, anche non dotati di personalità giuridica, stabiliti negli Stati Membri;
  • enti pubblici degli Stati Membri;
  • organismi di diritto pubblico degli Stati Membri;
  • organizzazioni internazionali;
  • Stati Membri.

Gli Stati Membri possono presentare direttamente il loro progetto, mentre gli altri soggetti dovranno presentarlo in accordo con le autorità dello Stato Membro in cui sono stabiliti.

Possono compartecipare anche Paesi Terzi, ma non riceveranno alcun finanziamento dall’UE.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. relativamente all’elettricità:
  • linee di trasmissione aeree ad alta tensione, progettate per una tensione di 220 kV o più e cavi di trasmissione sotterranei o sottomarini, per una tensione di 150 kV o più;
  • per le autostrade elettriche qualunque attrezzatura fisica destinata al trasporto di elettricità a livello di alta e altissima tensione;
  • impianti di stoccaggio per immagazzinare elettricità in maniera permanente o temporanea in un’infrastruttura o in siti geologici in superficie o sotterranei;
  • attrezzature o installazioni essenziali per operare in maniera sicura ed efficace, compresi i sistemi di protezione, monitoraggio e controllo;
  • attrezzature o installazioni, a livello di trasmissione e distribuzione a media tensione, destinatr alla comunicazione digitale bidirezionale, in tempo reale o quasi reale, al controllo e alla gestione interattivi e intelligenti della produzione, trasmissione, distribuzione e del consumo di elettricità all’interno di una rete elettrica in vista dello sviluppo di una rete che integri in maniera efficace le azioni di tutti gli utenti collegati a essa per garantire un sistema elettrico efficiente dal lato economico e sostenibile con scarse perdite.

2. relativamente al gas:

  • condotte di trasmissione per il trasporto del gas naturale e del biogas facenti parte di una rete costituita principalmente da condotte ad alta pressione, escluse le condotte ad alta pressione utilizzate per la distribuzione a monte o la distribuzione locale del gas naturale;
  • impianti di stoccaggio sotterranei collegati alle suddette condotte di gas;
  • impianti di ricevimento, stoccaggio e rigassificazione o decompressione per il gas naturale liquefatto (GNL) o il gas naturale compresso (CNG);
  • apparecchiature o installazioni essenziali affinché il sistema funzioni in maniera sicura, protetta ed efficiente o per installare la capacità bidirezionale.

3. relativamente all’anidride carbonica:

  • condotte dedicate diverse dalla rete di condotte a monte utilizzate per trasportare l’anidride carbonica antropogenica da più fonti, ad esempio installazioni industriali che producono anidride carbonica che comportano composti contenenti carbonio fossile o non fossile, ai fini dello stoccaggio geologico permanente dell’anidride carbonica;
  • impianti per la liquefazione e lo stoccaggio intermedio dell’anidride carbonica in vista del suo ulteriore trasporto. Non comprendono l’infrastruttura all’interno di una formazione geologica usata per lo stoccaggio geologico permanente dell’anidride carbonica;
  • apparecchiature o installazioni essenziali per il funzionamento corretto, sicuro ed efficiente del sistema, compresi i sistemi di protezione, monitoraggio e controllo.

Per poter ricevere le agevolazioni gli interventi devono essere considerati Progetti di Interesse Comune (PIC).

I beneficiari, fatta eccezione per gli Stati, le organizzazioni internazionali e gli enti pubblici, devono avere le competenze e le capacità operative e tecniche per completare l’intervento.

Le spese sostenute per studi e/o lavori, per essere considerate ammissibili, devono essere realizzate successivamente alla presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un contributo finanziario fino ad un massimo del 50% delle spese complessive ammissibili degli studi e/o lavori.

I tassi di cofinanziamento possono salire fino a un massimo del 75% per gli interventi che garantiscono un grado elevato di sicurezza dell’approvvigionamento a livello regionale o di Unione, la quale mette a disposizione € 750.000.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere inviata entro le ore 17:00 del 13/06/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi

Scopri tutti i Programmi Europei per le PMI sulla nostra pagina Europrogettazione.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification