Notizie e Bandi

Agosto 1, 2019
emilia-romagna-aziende-agricole-produzione-energia-fonti-alternative-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romgna sostiene le Micro e Piccole aziende agricole nello sviluppo di progetti per le bioenergie a basse emissioni di inquinanti, promuovendo l’utilizzo di sottoprodotti agro-industriali e contribuendo a favorire l’approvvigionamento e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, materiali di scarto, residui ai fini della bioeconomia.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese agricole, singole o associate, con i seguenti requisiti:

  • iscritte alla CCIAA competente per territorio nella sezione imprese agricole;
  • iscritte all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con fascicolo digitale formalmente completo e validato;
  • avere, in caso di società, durata del contratto societario almeno pari a quella del periodo di vincolo di destinazione delle opere;
  • avere una posizione previdenziale regolare (regolarità contributiva).

Inoltre, i beneficiari dovranno avere sede legale e/o unità operativa in una delle seguenti aree rurali:

  • Aree rurali con problemi di sviluppo (zone D);
  • Aree rurali intermedie (zone C);
  • Aree ad agricoltura intensiva e specializzata (zone B);
  • Aree urbane e periurbane (zone A);
  • Aree Interne (aree progetto).

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di impianti per la produzione, trasporto e vendita di energia e/o calore quali:

  • centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets;
  • impianti per la produzione di biogas (potenza massima di 3 Mwt) dai quali ricavare energia termica e/o elettrica;
  • impianti per la produzione di energia eolica;
  • impianti per la produzione di energia solare;
  • impianti per la produzione di energia idrica;
  • impianti per la produzione di biometano;
  • impianti combinati per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • impianti per la produzione di pellets e oli combustibili da materiale vegetale;
  • piccole reti per la distribuzione dell’energia e/o impianti intelligenti per lo stoccaggio di energia a servizio delle centrali o degli impianti.

Ciascuna impresa non può presentare più di una domanda.

Gli interventi devono avere un valore pari o superiore ad € 20.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • costruzione, ristrutturazione e miglioramento di beni immobili strettamente necessari ad ospitare gli impianti oggetto di finanziamento;
  • opere murarie, edili e di scavo per la realizzazione delle reti di distribuzione;
  • nuovi impianti, macchinari, attrezzature e forniture per la produzione di energia fino a copertura del valore di mercato del bene;
  • spese generali, tecniche e professionali, collegate alle spese di cui ai punti precedenti nel limite massimo del 10% della spesa ammissibile;
  • attrezzature informatiche e relativo software inerenti o necessari all’attività di produzione, trasporto, vendita di energia e/o calore.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di un contributo in conto capitale, da un minimo del 20% della spesa ammissibile ad un massimo del 50% della stessa.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 29/11/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Giugno 26, 2019
umbria-fornitura-biomassa-energia-processi-industriali-valore-consulting-1280x499.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria sostiene la costituzione di aggregazioni tra produttori di biomasse di natura forestale o agricola, ditte di utilizzazione e trasformatori della biomassa ad uso energetico, al fine di costituire filiere verticali in grado di valorizzare le risorse locali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Piccole e Medie Imprese che danno luogo ad aggregazioni, tra soggetti pubblici e/o privati, per la creazione di filiere verticali finalizzate all’utilizzo della biomassa proveniente dal settore agricolo e/o forestale.

Le aggregazioni devono comprendere due o più soggetti che rappresentino le seguenti categorie:

  1. produttori di biomassa;
  2. ditte di utilizzazione forestale e/o terzisti;
  3. soggetti che operano la trasformazione (pellet, cippato, legna da ardere, bricchetti) del materiale di cui i produttori garantiscono l’approvvigionamento;
  4. soggetti che coordinano l’attività di organizzazione (compresa l’attività di animazione) e gestione della filiera;
  5. soggetti che si occupano della commercializzazione dell’energia;
  6. soggetti che forniscono supporto tecnico;
  7. soggetti che erogano il servizio di aggiornamento agli operatori della filiera.

I soggetti di cui ai primi tre punti del precedente elenco devono avere una sede operativa localizzata sul territorio della regione Umbria.

Le aggregazioni possono essere costituite sia in una forma dotata di personalità giuridica (ad esempio Consorzi e Associazioni), sia in forma contrattuale (ad esempio le Associazioni Temporanee e Accordi di partenariato).

Qualora l’aggregazione non abbia personalità giuridica dovrà essere individuato un soggetto capofila, che risulti il beneficiario della domanda e che si faccia carico dei relativi impegni. L’aggregazione deve essere costituita, dopo la presentazione della domanda o nei 3 mesi precedenti la data di presentazione della stessa.

Le aggregazioni devono avere la sede legale nella Regione Umbria e prevedere l’utilizzo di superfici per la produzione delle biomasse e delle strutture per la loro trasformazione sul territorio della Regione Umbria.

Il beneficiario della domanda, o i singoli componenti, nel caso di aggregazioni costituite in forma contrattuale, dovranno dimostrare il possesso delle superfici e strutture coinvolte nelle forme di proprietà, comproprietà, usufrutto, affitto o comodato d’uso.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la produzione della biomassa, la sua trasformazione a fini energetici e le successive fasi di commercializzazione e distribuzione.

L’attività dell’aggregazione deve essere finalizzata alla produzione di energia destinata al consumo da parte dei soggetti coinvolti.

I progetti dovranno dimostrare che le quantità di cui si prevede l’utilizzo, non eccedono la capacità di rigenerazione naturale e che non sarà consumato nuovo suolo agricolo per la loro produzione.

L’intervento ammissibile, per singola domanda, non potrà essere superiore ad € 500.000,00 (iva inclusa).

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. costituzione della forma associativa prescelta: consulenze, spese notarili, imposte e tasse;
  2. redazione del progetto;
  3. studi di fattibilità, piani aziendali e di approvvigionamento, piani di gestione forestale o di documenti equivalenti ed elaborazione di strategie di sviluppo locale;
  4. spese di animazione della zona interessata per rendere fattibile il progetto di integrazione e delle attività promozionali: consulenze, acquisto o noleggio attrezzature, affitto locali, pubblicizzazione del progetto, personale, trasferte;
  5. avvio ed esercizio della cooperazione: personale, acquisto o noleggio di attrezzature informatiche funzionali all’esercizio dell’aggregazione, affitto locali.

Relativamente alle trasferte sono ammissibili le spese per viaggio, vitto e alloggio.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale pari al 100% della spesa ammissibile per:

  • costituzione del soggetto aggregato;
  • redazione del progetto;
  • costi di animazione iniziale;
  • successiva attività promozionale.

Per le spese relative all’avvio e all’esercizio dell’attività di cooperazione il contributo in conto capitale è pari a:

  • 80% delle spese sostenute nel primo anno di esercizio;
  • 60% delle spese sostenute nel secondo anno di esercizio;
  • 40% delle spese sostenute nel terzo anno di esercizio.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 15/09/2019.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification