Notizie e Bandi

Dicembre 30, 2020
legge-di-bilancio-2021-credito-di-imposta-mezzogiorno-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Misura sostiene l’economia delle Regioni meridionali favorendo l’acquisto di beni strumentali nuovi.

BENEFICIARI

Possono presentare domanda le aziende, indipendentemente dalla natura giuridica, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile, con sede legale o unità operativa in una delle seguenti Regioni:

  • Abruzzo;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Molise;
  • Puglia;
  • Sardegna;
  • Sicilia.

Sono esclusi i soggetti operanti nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle relative infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, nonché di quelli operanti nel settore creditizio, finanziario e assicurativo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di investimento volti all’acquisto, anche tramite leasing, di beni strumentali nuovi.

Il progetto deve essere finalizzato:

  • alla realizzazione di un nuovo stabilimento;
  • all’ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • alla diversificazione della produzione di uno stabilimento;
  • alla trasformazione radicale del processo produttivo di uno stabilimento esistente;
  • alla riattivazione di uno stabilimento chiuso o che sarebbe stato chiuso qualora non fosse stato acquisito.

Il credito d’imposta compete in relazione agli investimenti realizzati fino al 31 dicembre 2022.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’intensità dell’agevolazione, che consiste in un credito d’imposta, è differenziata in base alle dimensioni aziendali e all’ubicazione territoriale dell’investimento, come di seguito:

Imprese situate in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia:

  • 25% per le grandi imprese (per progetti che non superano € 50.000.000,00);
  • 35% per le medie imprese;
  • 45% per le piccole imprese;

Imprese situate in Abruzzo e Molise:

  • 30% per le piccole imprese;
  • 20% per le medie imprese;
  • 10% per le grandi imprese.

L’ammontare massimo di ciascun progetto di investimento, con riferimento all’ammontare complessivo dei costi sostenuti è pari a:

  • 3 milioni di euro per le piccole imprese;
  • 10 milioni di euro per le medie imprese;
  • 15 milioni di euro per le grandi imprese.

TERMINE

La Misura sarà fruibile fino al 31/12/2022.


Ottobre 20, 2020
cciaa-sondrio-attrattivita-valtellina-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Sondrio sostiene le imprese che intendono affrontare percorsi di sviluppo della propria competitività.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede o unità produttiva nella provincia di Sondrio.

Rientrano tra i beneficiari anche le strutture ricettive alberghiere e non alberghiere, qualora il fatturato degli ultimi 3 anni sia integralmente derivante dall’attività turistica.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti attività:

  1. ammodernamento e riqualificazione degli spazi produttivi e delle attrezzature alle esigenze funzionali e di sicurezza in conseguenza dell’emergenza Covid-19;
  2. progetti d’investimento finalizzati a migliorare l’inserimento dell’attività d’impresa nel contesto territoriale;
  3. valorizzazione della commercializzazione dei prodotti tipici della provincia di Sondrio anche all’interno della ristorazione;
  4. progetti d’investimento finalizzati alla riduzione dei consumi energetici o all’efficientamento dello smaltimento e riciclaggio dei rifiuti;
  5. sviluppo dell’utilizzo dell’informatica e della componente digitale nei processi gestionali dell’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. opere edilizie di ristrutturazione e riqualificazione, anche ambientale di immobili e aree di servizio, strutture e infrastrutture complementari;
  2. acquisto di mobili e arredi;
  3. efficientamento energetico degli edifici con relativi impianti tecnologici ed igienico sanitari;
  4. acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature finalizzati all’attività produttiva;
  5. acquisto di attrezzature informatiche, brevetti, licenze, software;
  6. spese di consulenza e formazione;
  7. spese tecniche per la progettazione degli interventi e oneri per la predisposizione della domanda di contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto nella misura del 45% delle spese ammissibili, innalzabile al 55%, nel caso si applichi una delle seguenti premialità:

  • progetti a “Kilometro zero”, con una percentuale di spesa presso imprese con sede operativa in provincia di Sondrio non inferiore al 50 % del totale delle spese ammissibili;
  • progetti presentati da imprese giovanili, costituite prevalentemente da persone con non più di 29 anni, oppure esclusivamente da persone con non più di 36 anni;
  • progetti presentati da imprese in possesso del marchio “Valtellina” o che si impegnino ad ottenerlo entro la data di rendicontazione del progetto.

Il contributo massimo non potrà superare € 9.000,00, aumentabile ad € 11.000,00 nel caso di applicazione delle premialità sopra individuate.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili, con altri aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti di cui ai regolamenti de minimis o concessi ai sensi di un regolamento di esenzione, a condizione che siano rispettate le disposizioni e le norme relative al cumulo previste da tali regolamenti.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 10:00 del 16/11/2020 al 15/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 14, 2020
cciaa-arezzo-siena-voucher-digitali-provincia-di-arezzo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Arezzo e Siena sviluppa la capacità di collaborazione tra imprese e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale nella provincia di Arezzo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una tecnologia dell’Elenco 1, con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2:

Elenco 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dall’emergenza sanitaria Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie;
  • acquisto di beni e servizi strumentali inclusi dispositivi funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti;
  • spese per l’abbattimento degli oneri, quali spese di istruttoria, relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 3.500,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile con aiuti in regime de minimis fino al massimale pertinente ed aiuti in esenzione o autorizzati dalla Commissione nel rispetto dei massimali previsti.

TERMINE

Il bando ha chiuso per esaurimento risorse.


Ottobre 14, 2020
cciaa-arezzo-siena-voucher-digitali-provincia-di-siena-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Arezzo e Siena promuove l’utilizzo di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale nella provincia di Siena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una tecnologia dell’Elenco 1, con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2:

Elenco 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di consulenza o formazione relativi a una o più tecnologie;
  • acquisto di beni e servizi strumentali inclusi dispositivi funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti;
  • spese per l’abbattimento degli oneri, quali spese di istruttoria, relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale riferiti agli ambiti tecnologici di cui al paragrafo Interventi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 3.500,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis e aiuti in esenzione o autorizzati dalla Commissione nel rispetto dei massimali previsti.

TERMINE

Il bando ha chiuso per esaurimento risorse.


Ottobre 12, 2020
cciaa-foggia-pid-2020-misure-a-b-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Foggia promuove la diffusione della pratica digitale nelle imprese di tutti i settori economici, attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Foggia.

INTERVENTI

Si intendono finanziare le seguenti Misure:

  • Misura A – Progetti condivisi da più imprese
  • Misura B – Progetti presentati da singole imprese

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una tecnologia dell’Elenco 1 con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie propedeutiche dell’Elenco 2:

Elenco 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyber fisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dall’emergenza sanitaria Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, per entrambe le Misure, sono quelle per:

  • servizi di consulenza o formazione relativi a una o più tecnologie;
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti;
  • spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità alle imprese in possesso del rating di legalità e alle imprese femminili.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo ed aiuti di cui ai regolamenti de minimis.

TERMINE

Per entrambe le Misure, la domanda deve essere presentata entro le ore 20:00 dell’11/11/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria per la Misura A e una procedura valutativa a sportello per la Misura B.


Ottobre 5, 2020
smact-progetti-di-innovazione-ricerca-industriale-sviluppo-sperimentale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando seleziona le proposte progettuali di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale da parte delle imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, con una stabile organizzazione in Italia, in forma singola o aggregata, iscritte al Registro delle Imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti innovativi che facendo leva su una o più tecnologie in cui è specializzato il Centro di Competenze SMACT (social networks, mobile platform e apps, advanced analytics e big data, cloud computing, internet of things) mirino all’ottimizzazione dei processi produttivi ai fini di una maggiore qualità del prodotto finale e della riduzione dei costi di esercizio degli impianti di produzione, al miglioramento e all’innovazione di prodotto, con maggior velocità dal prototipo alla produzione e al mercato, all’innovazione dei modelli di business e organizzativi a favore della competitività aziendale a livello globale.

Tali progetti devono prevedere:

  • un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi, tempi;
  • la stima dei benefici economici per l’impresa in termini di riduzione di inefficienze, sprechi e costi, anche in termini di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;
  • la redazione di un piano finanziario a copertura dei costi del progetto;
  • un livello di maturità tecnologica compreso in un intervallo tra TRL 5 e TRL 8, e che comunque raggiunga, al termine delle attività, un livello almeno pari a TRL 7.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. costi di personale quali ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario;
  2. strumentazione e attrezzature;
  3. ricerca contrattuale, conoscenze e brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato;
  4. spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 50% delle spese ammissibili entro il valore massimo di € 100.000,00.

Alle imprese in possesso del rating di legalità verrà attribuita precedenza in graduatoria.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 29, 2020
cciaa-benevento-voucher-digitali-2020-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Benevento sviluppa nuovi modelli di business 4.0 e favorisce interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Benevento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una delle tecnologie di seguito elencate:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, ecc);
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di prenotazione e pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech (financial technology);
  • sistemi EDI, electronic data interchange; geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution (NPR).

Gli interventi ammissibili devono avere un valore complessivo pari o superiore a € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

  • acquisto di beni e servizi strumentali funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti;
  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste al paragrafo “Interventi”;
  • abbattimento degli oneri finanziari relativi a finanziamenti, anche bancari, per la realizzazione di progetti di innovazione digitale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 5.000,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi, con aiuti di cui al Quadro Temporaneo e con aiuti in esenzione o autorizzati dalla Commissione, nei limiti previsti.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 24:00 del 30/11/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Settembre 28, 2020
mantova-voucher-digitali-misura-b-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Mantova diffonde la “cultura digitale” ed aumenta la consapevolezza delle imprese circa i benefici e le soluzioni offerte dalla digitalizzazione, sostenendo economicamente iniziative in ottica Impresa 4.0 implementate dalle MPMI del territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, anche in forma di impresa cooperativa, che abbiano sede legale e/o operativa in provincia di Mantova.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto i seguenti investimenti in ambiti tecnologici di innovazione digitale previsti nel piano governativo “Industria 4.0”, ovvero:

  • soluzioni per la manifattura avanzata;
  • manifattura additiva;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa dell’ambiente reale e nell’ambiente reale (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • industrial Internet e IoT;
  • cloud;
  • cybersicurezza e business continuity;
  • Big Data e Analytics;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della supply chain e della gestione delle relazioni con i diversi attori (es. sistemi che abilitano soluzioni di Drop Shipping, di “azzeramento di magazzino” e di “just in time”);
  • software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-impresa, impresa-campo con integrazione telematica dei dispositivi on- field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field; incluse attività connesse a sistemi informativi e gestionali (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, etc.) e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, ecc);
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fatturazione elettronica;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi.

E’ ammessa la presentazione di più domande da parte della medesima impresa fino al raggiungimento dell’importo massimo di € 10.000,00.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo pari o superiore a € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • consulenza relativa ad una o più tecnologie di cui all’elenco contenuto nel paragrafo “Interventi”;
  • formazione riguardante una o più tecnologie di cui all’elenco contenuto nel paragrafo “Interventi”;
  • investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici nel limite massimo del 50% delle spese complessive ammissibili.

Le spese di consulenza e/o di formazione devono rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili.

Le spese possono essere realizzate dal 27/02/2020 al 31/01/2021.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un voucher, ovvero un contributo a fondo perduto, la cui intensità massima sarà pari al 70% delle spese ammissibili ed il cui importo massimo sarà di € 10.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 18:00 del 30/10/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

 


Settembre 8, 2020
cciaa-avellino-voucher-digitali-4-0-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Caserta favorisce l’accesso ai più rilevanti canali di booking e di vendita online B2B e B2C sui marketplace e sulle piattaforme di prenotazione online ed alle principali piattaforme di pagamento internazionali, anche sostenendo l’integrazione tra le diverse tecnologie.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Avellino.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una delle seguenti tecnologie abilitanti:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di prenotazione e pagamento mobile via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi, sistemi di gestione documentali e sistemi di Customer Relationship Management;
  • Manufacturing Execution System, Product Lifecycle Management;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • strategie di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di consulenza e formazione relativi a una o più tecnologie;
  • acquisto di beni e servizi strumentali;
  • spese per l’abbattimento degli oneri di qualunque natura.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 24:00 del 30/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Settembre 3, 2020
sicilia-gal-tirreno-eolie-attivita-extra-agricole-valore-consulting-1280x853.jpg

FINALITÀ

Il Bando si propone di supportare gli investimenti per lo sviluppo di attività extra-agricole nelle zone rurali dei Comuni che fanno parte del GAL Tirreno Eolie, favorendo sia la creazione di nuovi posti di lavoro che l’erogazione di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali nei territori rurali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, le persone fisiche, gli agricoltori ed i coadiuvanti familiari, che diversificano la loro attività attraverso l’avvio di attività extra-agricola.

I beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa nel territorio di uno dei Comuni che compongono il GAL Tirrenico, ovvero: Condrò, Gualtieri Sicaminò, Leni, Lipari, Malfa, Milazzo, Pace del Mela, San Filippo del Mela, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela, Santa Maria Salina, Torregrotta, Valdina, Venetico.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di prodotti artigianali e industriali, dei relativi punti vendita e lo sviluppo di attività commerciali.

I progetti devono riguardare:

  • ristrutturazione, riqualificazione e adeguamento di beni immobili;
  • nuovi macchinari, attrezzature e mobilio;
  • hardware e software;
  • siti internet e nuove forme di promozione online;
  • dotazioni durevoli;
  • opere connesse al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute successivamente alla presentazione della domanda, ad eccezione delle spese propedeutiche alla presentazione della domanda stessa, quali:

  • opere con prezzi unitari desunti dal vigente prezzario regionale per opere ed interventi in agricoltura e nel settore forestale;
  • opere non contemplate nel prezzario agricoltura, con prezzi unitari desunti dai prezzari regionali vigenti, con una decurtazione del 10%;
  • tipologie di opere specifiche non desumibili dai prezzari di riferimento, con prezzi unitari desunti da specifiche analisi prezzi, corredati da tabelle provinciali per la manodopera, listini ufficiali dei prezzi elementari e tabelle ufficiali con tempi di realizzazione;
  • acquisizione di beni materiali (compresi hardware e software, attrezzature e macchinari),non compresi nelle voci dei prezzari di riferimento;
  • spese finalizzate a garantire la visibilità delle opere realizzate, con attività informative e pubblicitarie.

Inoltre sono ammissibili le seguenti spese generali:

1) onorari di professionisti e/o consulenti, per:

  • studi di fattibilità;
  • valutazioni di incidenza e di impatto ambientale;
  • stesura e predisposizione di tutti gli elaborati progettuali a corredo della domanda di sostegno;
  • direzione, contabilizzazione, rendicontazione e collaudo dei lavori;
  • predisposizione della documentazione tecnico-contabile e amministrativa ai fini della presentazione delle domande di pagamento anticipo, SAL e saldo, nonché della domanda di sostegno;
  • redazione del piano di sicurezza e coordinamento, nel caso in cui ne ricorrano le condizioni nel cantiere di lavoro.

2) Altre spese:

  • consulenze finanziarie;
  • tenuta di conto corrente, purché trattasi di c/c appositamente aperto e dedicato esclusivamente all’operazione, con esclusione degli interessi passivi;
  • garanzie fideiussorie per la concessione di anticipi;
  • obbligo di informazione e pubblicità sugli interventi finanziati dal FEASR.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale la cui intensità sarà pari al 75% delle spese ammissibili entro il limite massimo di € 100.000,00.

Il contributo può essere cumulato con aiuti de minimis.

TERMINE

In attesa di pubblicazione dei termini di presentazione della domanda da parte del GAL Tirreno Eolie.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification