Notizie e Bandi

Ottobre 13, 2020
marche-installazione-infrastrutture-ricarica-mezzi-elettrici-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche concede finanziamenti per la progettazione, l’acquisto e l’installazione di Infrastrutture di Ricarica (IdR) di mezzi elettrici su suolo privato ma accessibili al pubblico, presso poli commerciali, artigianali e industriali, ricettivi o ricreativi ed aree di distributori di carburante.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese che operano in uno dei seguenti settori: distribuzione degli idrocarburi, commercio, artigianato, industria turismo, ricezione e culturale-ricreativo

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la progettazione, la fornitura e l’installazione di IdR, collocate in aree private e accessibili al pubblico.

Potranno essere finanziate attività commerciali del settore della distribuzione degli idrocarburi, per l’ammodernamento, attraverso l’installazione di colonnine elettriche, nelle stesse aree di distributori di carburante. I finanziamenti verranno concessi per la progettazione, la fornitura e l’installazione di IdR da localizzare presso distributori di carburante tradizionale (benzina, gasolio) e alternativo (es. GPL o metano). Le IdR saranno, in questo caso, dedicate alla mobilità delle lunghe percorrenze e, per la tipologia di luogo in cui sono ubicate, del tipo Fast Recharge, per consentire agli utenti una ricarica del proprio veicolo in tempi brevi; inoltre potranno essere finanziate IdR da ubicare presso grandi Centri Commerciali, strutture alberghiere o luoghi ricreativi con dimostrate caratteristiche di attrattività.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • spese tecniche necessarie alla realizzazione dell’intervento;
  • spese per l’acquisto delle IdR, comprese quelle per la ricarica di biciclette elettriche;
  • spese per la realizzazione di lavori, installazione di impianti e tutte le spese legate alla realizzazione dell’intervento;
  • spese per segnaletica e attrezzature legate alla realizzazione dell’intervento.

Non sono ammissibili le spese per l’attività di manutenzione ordinaria e gestione della rete di ricarica che verrà realizzata.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento nella misura massima del 50% delle spese ammissibili.

La misura è elevata al 60% per le imprese aventi sede nei territori dei Comuni interessati dalle concessioni di coltivazione degli idrocarburi e dei Comuni inclusi nel cratere del sisma.

In ogni caso l’importo massimo concedibile non può superare i € 50.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 07/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 25, 2020
investimenti-imprese-autotrasporto-merci-su-strada-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato sostiene le imprese di autotrasporto di merci per conto terzi che procedono al rinnovo del loro parco veicolare mediante l’erogazione di un contributo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese di autotrasporto di cose per conto terzi, iscritte al Registro Elettronico Nazionale, con sede legale o unità operativa sul territorio nazionale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la radiazione per rottamazione di veicoli pesanti a motorizzazione termica fino alla classe anti inquinamento euro IV e di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate e la contestuale acquisizione di veicoli commerciali, nuovi di fabbrica, di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a metano, gas naturale liquefatto ibrida ed elettrica ovvero a motorizzazione termica conformi alla normativa anti inquinamento euro VI.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo, la cui entità sarà pari nel minimo ad € 2.000,00 e nel massimo ad ad € 20.000.

Nelle tabelle sottostanti sono indicate le entità del contributo per tipologia di veicolo acquistato.

Contributi veicoli nuovi euro VI/ CNG/LNG/elettrico pari o superiori >3,5 tonnellate
MASSA COMPLESSIVA IMPORTO UNITARIO IN EURO
Pari o superiore a 3,5 tonnellate e inferiore a 7 tonnellate CNG e ibrido € 4.000,00
Pari o superiore a 7 tonnellate – inferiore a 16 tonnellate CNG e ibrido € 8.000,00
Pari o superiore a 16 tonnellate CNG-LNG ibrido ed elettrico € 20.000,00
Pari o superiore a 3,5 tonnellate – inferiore a 16 tonnellate full electric € 12.000,00
Contributi veicoli nuovi euro VI d ed euro 6 D Temp pari o superiori a 3,5 tonnellate
MASSA COMPLESSIVA IMPORTO UNITARIO IN EURO
Pari o superiore a 3,5 e inferiore a 7 tonnellate diesel euro VI euro 6/ euro 6 D Temp € 2.000,00
Pari o superiore a 7 tonnellate e inferiore a 16 tonnellate diesel euro VI € 5.000,00
Pari o superiore a 16 tonnellate diesel euro VI € 8.000,00

TERMINE

In attesa di pubblicazione del provvedimento attuativo da parte del MIT.


Settembre 9, 2020
provincia-autonoma-di-trento-contributi-imprese-autotrasporto-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese di autotrasporto mediante la concessione di una sovvenzione per il pagamento dei salari di un numero di addetti di cui viene evitato il licenziamento durante il periodo di riferimento marzo-agosto 2020.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese, anche in forma di consorzi e cooperative, iscritti all’Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi, con sede legale e/o unità operativa nel territorio provinciale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto lo scongiurare il licenziamento dei propri dipendenti da parte dei beneficiari e far sì che questi conservino il proprio posto di lavoro per almeno 24 mesi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari ad € 2.700,00 per ciascun addetto che risulta iscritto a libro Unico del lavoro per 5 mesi (150 giorni) anche non continuativi nel periodo di riferimento marzo – agosto 2020 e che il beneficiario si impegna a mantenere in forza per un periodo di almeno 24 mesi continuativi successivi ad agosto 2020.

Il contributo massimo non può comunque eccedere € 100.000,00.

Le presenti agevolazioni sono cumulabili con altri incentivi, anche finanziari, emanati a livello nazionale e provinciale per fronteggiare l’attuale crisi economica.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15.00 del 16/11/2020.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Agosto 21, 2020
incentivi-investimenti-autotrasporto-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sostiene le imprese di autotrasporto di merci per conto terzi nell’adeguamento del parco veicolare nonché nell’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che esercitano l’attività di autotrasporto merci per conto terzi, iscritte nel registro elettronico nazionale e all’albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi, la cui attività prevalente sia quella di autotrasporto di cose, anche in forma di società cooperative, di consorzi e di società consortili.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto il rinnovo e l’adeguamento del parco veicolare, la radiazione per rottamazione e l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale. Gli interventi devono essere realizzati successivamente al 28/07/2020.

Rientrano tra gli interventi ammissibili, le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria di:

A. automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa a metano CNG, ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (full electric) di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e fino a 7 tonnellate, veicoli a trazione elettrica superiori a 7 tonnellate;

B. automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico), a metano CNG e gas naturale liquefatto LNG di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 7 tonnellate;

C. dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli di massa complessiva pari a 3,5 tonnellate per il trasporto merci come veicoli elettrici;

D. acquisizione di un veicolo ad alimentazione alternativa a metano CNG, gas naturale liquefatto LNG, ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (Full Electric), e contestualmente radiazione per rottamazione di veicoli obsoleti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo i cui massimali sono i seguenti:

  • A:
  1. € 4.000,00 per ogni veicolo CNG e a motorizzazione ibrida;
  2. € 10.000,00 per ogni veicolo elettrico di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate;
  3. € 20.000,00 per ogni veicolo elettrico superiore a 7 tonnellate, considerando la notevole differenza di costo con i veicoli ad alimentazione diesel;
  • B:
  1. € 8.000,00 per ogni veicolo a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico) e a metano CNG di massa complessiva a pieno carico inferiore a 16 tonnellate;
  2. € 20.000,00 per ogni veicolo a trazione alternativa a gas naturale liquefatto LNG e CNG ovvero a motorizzazione ibrida(diesel/elettrico) di massa pari o superiore a 16 tonnellate;
  3. veicoli commerciali leggeri euro 6 D-TEMP, il contributo e’ determinato in € 2.000,00 per ogni veicolo commerciale pari o superiore a 3,5 tonnellate e inferiore a 7 tonnellate con contestuale rottamazione dei veicoli della medesima tipologia;
  4. rottamazione: € 5.000,00 per ogni veicolo euro VI di massa complessiva a pieno carico da 7 tonnellate a 16 tonnellate; € 15.000,00 per ogni veicolo euro VI di massa complessiva a pieno carico superiore a 16 tonnellate.
  •  C: 40% dei costi ammissibili, comprensivi del dispositivo e dell’allestimento con un tetto massimo pari ad € 1.000,00;
  • D: € 2.000,00, indipendentemente dal numero di veicoli rottamati; acquisto di casse e/o rimochi o semirimorchi: € 8.500,00 per l’acquisto di ciascun insieme di 8 casse e 1 rimorchio o semirimorchio.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata entro una delle seguenti finestre temporali:

  • dalle ore 10:00 del 01/10/2020 alle ore 08:00 del 16/11/2020;
  • dalle ore 10:00 del 14/05/2020 alle ore 08:00 del 30/06/2021.

Giugno 23, 2020
puglia-aiuti-investimenti-pmi-valore-consulting-1280x852.jpg

FINALITÀ

La Regione Puglia garantisce la continuità dell’operatività aziendale e la salvaguardia dell’occupazione attraverso l’attivazione di nuova finanza a seguito del fermo imposto dalla condizione emergenziale Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese e i liberi professionisti, nonché le imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile, e le imprese che esercitano attività commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso, servizi di ristorazione e attività di commercio elettronico.

Rientrano tra i beneficiari anche le imprese artigiane non iscritte nell’apposito albo, che realizzano investimenti riguardanti il settore delle attività manifatturiere.

Tutti i beneficiari devono avere la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA della Puglia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. realizzazione di nuove unità produttive;
  2. ampliamento di unità produttive esistenti;
  3. diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
  4. cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 30.000,00 ed € 4.000.000,00 per le medie imprese e tra € 30.000,00 ed € 2.000.000,00 per le piccole imprese.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono:

  1. suolo aziendale e sue sistemazioni;
  2. opere murarie e assimilabili relative a interventi di ampliamento o di riqualificazione di immobili esistenti nonché quelle relative a nuova costruzione;
  3. macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, nonché i mezzi mobili necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti;
  4. investimenti finalizzati al miglioramento delle misure di prevenzione dei rischi, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto impianti nelle seguenti misure:

  • 35% delle spese ammissibili per le medie imprese entro il limite massimo di finanziamento di € 4.000.000,00;
  • 45% delle spese ammissibili per le piccole imprese entro il limite massimo di finanziamento di € 2.000.000,00.

L’agevolazione comprenderà l’eventuale preammortamento per una durata massima di 12 mesi per i finanziamenti destinati all’acquisto di macchinari e di attrezzature e di 24 mesi per i finanziamenti destinati all’ampliamento e/o all’ammodernamento dello stabilimento.

L’agevolazione avrà una durata massima di:

  • 7 anni per i finanziamenti destinati alla creazione, all’ampliamento e/o all’ammodernamento dello stabilimento;
  • 5 anni per i finanziamenti destinati all’acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze.

Con riferimento agli investimenti in macchinari ed attrezzature, potrà essere erogato un contributo aggiuntivo in conto impianti minore o pari al 20% delle spese complessive ammissibili fino ad un massimo di € 800.000,00 per le medie imprese e di € 400.000,00 per le piccole imprese.

Per le imprese che hanno conseguito il rating di legalità, l’importo massimo del contributo in conto impianti è elevato rispettivamente a € 900.000,00 per le medie imprese e a € 500.000,00 per le piccole imprese. Beneficiano di una ulteriore sovvenzione diretta che è pari al 5% delle spese ammissibili per le piccole imprese ed al 2,50% per le medie imprese, in entrambi i casi con un tetto massimo pari ad € 100.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con altre agevolazioni concesse per la medesima spesa.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Maggio 20, 2020
abruzzo-aiuta-impresa-valore-consulting-1280x854.jpg

FINALITÀ

L’obiettivo è quello di stimolare in Abruzzo gli investimenti da parte delle imprese insediate sul territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro e Piccole Imprese, nonché i lavoratori autonomi in regime forfettario, costituiti da oltre 3 anni ed operanti, da almeno 3 anni, nel territorio abruzzese.

Le imprese devono essere regolarmente iscritte come attive nel registro delle imprese della CCIAA territorialmente competente mentre i lavoratori autonomi dovranno essere titolari di partita IVA ed operare in regime forfettario.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto il potenziamento e l’innovazione dell’attività esercitata mediante l’acquisto e l’utilizzazione di nuove attrezzature, strumenti, sistemi di hardware e software.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese realizzate dallo 01/01 al 04/06/2020 tra cui quelle per l’acquisto di macchinari, attrezzature, mezzi di trasporto, arredi, strumenti, sistemi (dispositivi, hardware, software e applicativi digitali) e di altri beni destinati ad essere utilizzati per un periodo di tempo superiore ai 3 anni; i mezzi di trasporto sono da intendersi quali autoveicoli ad uso strumentale all’attività, anche non esclusivo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di una sovvenzione diretta, a fondo perduto, concessa a titolo di rimborso delle spese di investimento, nella misura del 40% delle spese  ammissibili, fino ad un massimo di € 5.000,00.

L’agevolazione può essere cumulata con altri aiuti concessi, anche da altre amministrazioni.

TERMINE

La domanda dovrà essere presentata entro il 04/06/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 23, 2019
green-mobility-rinnovo-parco-veicolare-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Al fine di accrescere la sicurezza del trasporto su strada e di ridurre gli effetti climalteranti derivanti dal trasporto passeggeri su strada, il Governo ha disposto ulteriori risorse in favore delle imprese di autotrasporti per il rinnovo del loro parco veicolare.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che effettuano autotrasporto di passeggeri, attive sul territorio italiano ed iscritte al Registro Elettronico Nazionale e non soggette ad obbligo di servizio pubblico.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili, avviati a far dall’entrata in vigore della legge di bilancio per il 2020 e fino al 31/12/2020 e finalizzati alla radiazione, per rottamazione, dei veicoli a motorizzazione termica fino a euro IV, adibiti al trasporto passeggeri, di categoria M2 o M3, con contestuale acquisizione, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, di categoria M2 o M3, a trazione alternativa a metano (CNG), gas naturale liquefatto (GNL), ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (fullelectric) ovvero a motorizzazione termica e conformi alla normativa euro VI.

Tra gli interventi ammissibili rientra anche il ristoro dalle rate di finanziamento o dei canoni di leasing , con scadenza compresa tra il 23/02/2020 ed il 31/12/2020, ed afferenti acquisti effettuati a partire dal 01/01/2018 -anche mediante contratti di locazione finanziaria- di veicoli nuovi di fabbrica di categoria M2 ed M3 ed adibiti allo svolgimento del servizio di trasporto di passeggeri su strada.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

I contributi sono erogati fino a concorrenza delle risorse disponibili.

L’entità dei contributi è compresa tra un minimo di € 4.000,00 ed un massimo di € 40.000,00 per ciascun veicolo, ed è differenziata in ragione della categoria M2 o M3 del nuovo veicolo.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del decreto attuativo da parte del Ministero dei Trasporti di concerto con il MEF.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Novembre 29, 2019
formazione-professionale-autotrasporti-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MIT incentiva attività di formazione professionale in favore del settore dell’autotrasporto, per formare una nuova generazione di autisti sempre più connessi, sicuri e green.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, di qualsiasi dimensione, che esercitano l’attività di trasporto merci per conto terzi, nonché i loro dipendenti o addetti.

Rientrano tra i beneficiari anche le aggregazioni tra le stesse imprese costituite sotto forma di cooperative o di consorzi.

I beneficiari devono avere sede legale principale o secondaria in Italia ed essere regolarmente iscritte nel registro elettronico nazionale.

Per quanto riguarda le imprese che esercitano con veicoli di massa complessiva fino ad 1,5 tonnellate, queste devono essere iscritte all’albo nazionale delle imprese che esercitano l’attività di autotrasporto di cose per conto terzi.

Le cooperative o i consorzi devono essere regolarmente iscritti nella sezione speciale dell’albo nazionale autotrasportatori di cose per conto terzi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto attività di formazione professionale degli autotrasportatori realizzate attraverso piani formativi aziendali, oppure interaziendali, territoriali o strutturati per filiere.

L’attività formativa deve essere avviata a partire dal 16/12/2019 e deve avere termine entro il 03/06/2020.

Potranno essere ammessi costi di preparazione ed elaborazione del piano formativo anche se antecedenti a tale data, purché successivi al 26/11/2019.

Ogni beneficiario può presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono essere sostenute dal 16/12/2019 al 03/06/2020.

Potranno essere ammessi costi di preparazione ed elaborazione del piano formativo anche se antecedenti a tale data, purché successivi al 26/11/2019.

Sono ammissibili i seguenti costi:

  • spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione connessi al progetto di formazione, quali le spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione. Sono escluse le spese di alloggio, ad eccezione delle spese di alloggio minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità;
  • costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, la cui intensità massima non può superare il 50% delle spese ammissibili.

Può tuttavia essere aumentata fino a un’intensità massima del 70% delle spese ammissibili come segue:

  • del 10% se la formazione è destinata a lavoratori con disabilità o a lavoratori svantaggiati;
  • del 10% per gli aiuti concessi alle Medie Imprese;
  • del 20% per gli aiuti concessi alle Piccole Imprese.

L’importo massimo del predetto aiuto è così fissato:

  • €15.000,00 per le Micro Imprese;
  • €50.000,00 per le Piccole Imprese;
  • 130.000,00 per le Medie Imprese;
  • 200.000,00 per le Grandi Imprese.

I consorzi o le cooperative possono ottenere un contributo massimo pari ad €80.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 10/12/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Novembre 28, 2019
varese-sostegno-al-credito-valore-consulting.png

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Varese promuove l’accesso al credito per la realizzazione di programmi di investimento aziendali finalizzati allo sviluppo, all’innovazione e alla competitività delle imprese del proprio territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese aventi sede legale e/o unità locale nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Varese, in possesso dei seguenti requisiti:

  • attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese e con il pagamento del diritto annuale;
  • iscritte al Registro Alternanza Scuola Lavoro;
  • hanno assolto gli obblighi contributivi ed essere in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro;
  • non hanno in essere alcun genere di rapporto di fornitura con la Camera di commercio di Varese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti correlati all’esercizio dell’attività di produzione dei beni e dei servizi d’impresa, ovvero:

  • acquisto e ammodernamento di immobili, impianti, macchinari, attrezzature e arredi;
  • acquisto di hardware, software e tecnologie digitali;
  • acquisto di automezzi, ad eccezione dei veicoli destinati al trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi;
  • implementazione di programmi di ricerca applicata ai prodotti e/o ai processi produttivi;
  • investimenti tecnologici per la salvaguardia ambientale e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili;
  • acquisizione marchi e brevetti.

Sono ammessi i costi di installazione, montaggio e allacciamento purché inerenti i beni acquistati, mentre non sono ammissibili i costi di trasporto, di ritiro dell’usato, tasse, imposte ed altri oneri, formazione ed estensioni di garanzia.

Gli interventi devono avere un valore compreso tra € 20.000,00 ed € 300.000,00.

Gli investimenti devono avere una durata compresa tra 24 mesi (2 anni) e 60 mesi (5 anni).

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto abbattimento del tasso di interesse e/o delle spese di istruttoria per finanziamenti bancari.

Il contributo in conto interessi consiste nell’abbattimento del tasso di interesse relativo al finanziamento bancario nella seguente misura:

  • abbattimento del 2% per la parte di finanziamento fino ad € 150.000,00;
  • abbattimento del 1,5% per la parte di finanziamento eccedente e 150.000,00.

L’agevolazione concessa a ciascuna impresa non potrà superare l’importo massimo di € 2.500,00.

Per le nuove imprese l’abbattimento del tasso di interesse è maggiorato di 0,5%, e comunque fino al limite massimo dell’importo totale del contributo.

TERMINE

La domanda può essere presentata entro il 30/06/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Novembre 18, 2019
ue-materiali-innovativi-automotive-valore-consulting-1280x720.jpg

FINALITÀ

Con l’avviso “Veicoli Verdi”, all’interno del programma Horizon 2020, l’UE finanzia la progettazione di veicoli e mezzi di trasporto più puliti e silenziosi, al fine di minimizzare l’impatto ambientale e climatico dei sistemi di trasporto e mobilità nelle aree urbane.

Si sostiene quindi la produzione di veicoli elettrici, migliorando l’efficienza e la ricerca di materiali innovativi avanzati per la realizzazione degli stessi, nonché l’implementazione di metodologie per l’adozione dell’economia circolare e dell’eco-design, e di tecniche avanzate per migliorare le capacità di design leggero.

BENEFICIARI

I beneficiari devono avere sede legale e/o unità operativa in una delle seguenti nazioni:

  • Stati membri dell’UE;
  • territori d’oltremare degli Stati membri dell’UE ovvero: Anguilla, Aruba, Bermuda, Regioni britanniche in Antartico, Regioni britanniche dell’Oceano Indiano, Isole Vergini Britanniche, Isole Cayman, Isole Falkland, Polinesia Francese, Regioni Francesi del Sud Antartico, Groenlandia, Montserrat, Antille Olandesi (Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten), Nuova Caledonia e le sue Dipendenze, Pitcairn, Saint Barthélemy, Saint Helena, Saint Pierre and Miquelon, Georgia del Sud e le Isole Sandwich del Sud, Isole Turks e Caicos, Isole Wallis e Futuna;
  • Paesi associati al programma Horizon 2020, ovvero: Islanda, Norvegia, Albania, Bosnia Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia, Turchia, Israele, Moldavia, Svizzera, Isole Faroe, Ucraina, Tunia, Georgia ed Armenia;
  • seguenti nazioni: Afghanistan, Algeria, Samoa americana, Angola, Argentina, Azerbaigian, Bangladesh, Bielorussia, Belize, Benin, Bhutan, Bolivia, Botswana, Burkina Faso, Burundi,
    Cambogia, Camerun, Cape Verde, Repubblica Centro Africana, Ciad, Cile, Colombia, Comore, Congo (Repubblica democratica), Congo (Repubblica), Costa Rica, Costa d’Avorio, Cuba,
    Gibouti, Repubblica popolare democratica di Corea, Dominica, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, El Salvador, Eritrea, Etiopia, Fiji, Gabon, Gambia, Ghana, Grenada, Guatemala, Guinea, Guinea-Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Indonesia, Iran, Iraq, Giamaica, Giordania, Kazakhistan, Kenya, Kiribati, Kosovo, Repubblica del Kirghizistan, Laos, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Malaysia, Maldive, Mali, Isole Marshall, Mauritania, Mauritius, Micronesia, Mongolia, Marocco, Mozambico, Myanmar, Namibia, Nepal, Nicaragua, Niger, Nigeria, Pakistan, Palau, Palestina, Panama, Papua New Guinea, Paraguay, Perù, Filippinee, Ruanda, Samoa, Sao Tome e Principe, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Isole Salomone, Somalia, Sud Africa, Sud Sudan, Sri Lanka, St. Kitts and Nevis, St. Lucia, St. Vincent and the Grenadines, Sudan, Suriname, Swaziland, Repubblica Araba di Siria, Tagikistan, Tanzania, Thailandia, Timor- Este, Togo, Tonga, Turkmenistan, Tuvalu, Uganda, Uruguay, Uzbekistan, Vanuatu, Venezuela, Vietnam, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

I beneficiari devono essere soggetti giuridici che devono dare vita ad un partenariato composto da almeno tre entità.

Ciascun componente del predetto partenariato deve appartenere ad un diverso Stato partecipante al programma Horizon 2020.

Inoltre i beneficiari devono essere autonomi ed indipendenti l’uno dall’altro.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • materiali leggeri e design:
  1. materiali leggeri per applicazioni automobilistiche economicamente sostenibili, che consentano il riciclo ed il recupero dei materiali, tenendo conto dell’impatto ambientale;
  2. metodi e strumenti di fabbricazione ed assemblaggio per garantire integrità, affidabilità e lunga durata dei materiali leggeri basata su modelli sperimentali;
  • approccio cradle-to-cradle:
  1. metodi per l’adozione dell’economia circolare ed approccio ecocompatibile fin dalle prime fasi di sviluppo del veicolo, integrazione della progettazione del prodotto e produzione sostenibile, compreso l’uso di materiali riciclati o di bio-risorse;
  2. implementazione di metodologie avanzate per migliorare la capacità di progettazione mediante simulazioni numeriche, convalide e test sia virtuali che nell’ambiente fisico, per la progettazione di veicoli “leggeri”.

Non è compresa in questa call l’attività di implementazione delle batterie.

Ciascun partenariato potrà presentare una sola domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo compreso tra € 3.000.000,00 ed € 5.000.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentate dal 3/12/2019 alle ore 17:00 del 21/04/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification