Notizie e Bandi

Dicembre 23, 2020
decreto-rilancio-fondo-salvaguardia-livelli-occupazionali-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Il Governo sostiene i livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa, nei casi in cui la cessazione dell’attività svolta o la delocalizzazione dell’attività stessa, produca un rilevante impatto sociale ed economico.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese titolari di marchi storici di interesse nazionale e le società di capitali in difficoltà economico-finanziaria e con un numero di dipendenti pari o superiore a 250.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la proposizione di un programma di ristrutturazione finalizzato alla salvaguardia dei livelli occupazionali e alla prosecuzione dell’attività d’impresa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà una delle seguenti forme:

A) per i beneficiari che non versano in uno stato di difficoltà, il Fondo interverrà nel capitale di rischio del beneficiario tramite l’assunzione di una partecipazione nel capitale dell’impresa richiedente;

B) per i beneficiari che versano in stato di difficoltà, il Fondo interverrà nel capitale di rischio del beneficiario, e, solo su richiesta dell’impresa e a condizione che la stessa abbia beneficiato del predetto intervento nel capitale di rischio, mediante la concessione di contributi a fondo perduto commisurati agli impegni occupazionali assunti dal beneficiario.

Nel caso in cui il beneficiario abbia sede o unità produttiva in aree del Paese svantaggiate dal punto di vista economico e produttivo, l’incentivo è incrementato del 50% per lavoratore e la durata è aumentata di due anni.

L’intervento complessivo del Fondo in favore delle imprese in difficoltà economico-finanziaria, nonché per il sostegno all’occupazione, non potrà superare l’importo € 10.000.000,00.

La fruizione delle agevolazioni relative al sostegno dell’occupazione non preclude l’accesso, ove ne ricorrano i presupposti, agli strumenti di politica passiva del lavoro.

TERMINE

La Misura rimarrà aperta fino ad esaurimento delle risorse.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 23, 2020
cciaa-piacenza-ripresa-e-rilancio-economia-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Piacenza sostiene le imprese in relazione alla crisi economica causata dalla pandemia, stimolando investimenti innovativi.

BENEFICIARI

Possono partecipare al Bando le imprese, anche in forma cooperativa e i consorzi, con sede legale o unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Piacenza.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in uno dei seguenti ambiti:

Linea 1 – Progetti per l’inserimento formativo di figure aziendali o di professionalità dedicate ad innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro:

  • attivazione di tirocini extracurriculari e contratti di apprendistato;
  • assunzioni a tempo determinato e indeterminato, contratti o forme di collaborazione e consulenze specialistiche, per innovare la gestione del lavoro e i processi aziendali.

Linea 2 – Interventi volti ad innovare l’organizzazione nei processi ed accelerare lo sviluppo aziendale:

  • adozione di servizi digitali e virtuali;
  • consulenza sulla strategia digitale più idonea;
  • marketing digitale;
  • consulenza per avvio e sviluppo di business online (b2b e b2c);
  • comunicazione e promozione tramite canali digitali;
  • realizzazione o aggiornamento del sito web o utilizzo dei canali social;
  • azioni di SEO locale, al fine di concretizzare la visibilità dei brand aziendali nei mercati target;
  • accesso a portali di e-commerce, forniti da terze parti, retailer, marketplace o servizi di vendita privata;
  • preparazione di un piano export digitale;
  • formazione sui temi del digital export;
  • attività di inbound marketing per l’export;
  • accesso a piattaforme internazionali on-line per la promozione all’estero;
  • raccordo tra le funzionalità operative del canale digitale di vendita prescelto e i propri sistemi CRM;
  • partecipazione a fiere all’estero o in Italia, di natura fisica o virtual;
  • partecipazione a eventi promozionali o b2b fisici o virtuali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo pari al 60% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 8.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 08:00 del 20/01/2021 al 31/05/2021.

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della CCIAA di Piacenza.


Dicembre 18, 2020
umbria-ricerca-industriale-sviluppo-sperimentale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria promuove il rilancio dei processi interni connessi alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, al fine di migliorare la competitività e l’innovazione del sistema produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese extra agricole, costituite nella forma giuridica di società di capitali da almeno 3 anni.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale volti a definire nuovi prodotti o processi negli ambiti di specializzazione, identificati dalla Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente (RIS 3).

Ricerca Industriale: ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per apportare un notevole miglioramento ai prodotti, processi o servizi esistenti.

Sviluppo sperimentale: acquisizione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.

Gli interventi ammissibili dovranno concludersi entro 15 mesi dalla data di avvio dichiarata dall’impresa.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • personale dipendente di ricerca;
  • strumentazioni, attrezzature o macchinari;
  • servizi di consulenza;
  • materiali imputabili all’attività di ricerca;
  • spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nelle misure riportate nella sottostante tabella.

Viene riconosciuta una maggiorazione di contributo pari al:

  • 2,5%, qualora il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale preveda l’acquisizione di servizi di consulenza da parte di un’impresa start up innovativa o con una PMI innovativa;
  • 2,5%, qualora il progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale preveda l’assunzione a tempo indeterminato di almeno un’unità di personale.
TIPOLOGIA IMPRESA RICERCA INDUSTRIALE SVILUPPO SPERIMENTALE MAGGIORAZIONI COLLABORAZIONE STARTUP/PMI
micro e piccole 65% 40% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale
medie 55% 30% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale
grandi 45% 20% + 2,5% collaborazione con start-up/PMI e/o + 2,5% incremento occupazionale

TERMINE

Le domande devono essere presentate dalle ore 10:00 del 27/01/2021 alle ore 12:00 del 20/03/2021 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 16, 2020
cciaa-bari-formazione-lavoro-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Bari sostiene le imprese nell’inserimento in azienda di risorse umane funzionali al rilancio produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Bari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • Misura A: inserimento di figure professionali nei settori in emergenza di rilievo territoriale, colpiti dall’emergenza Covid-19;
  • Misura B: inserimento di figure professionali con l’obiettivo di innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per:

  • tirocini extracurriculari, contratti di apprendistato, assunzioni a tempo determinato e indeterminato;
  • servizi di consulenza o formazione;
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione funzionali;
  • attività del personale interno coinvolto nello sviluppo dell’azione.

Sono ammissibili le spese sostenute dallo 01/03/2020 fino al 120° giorno successivo alla concessione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% della spesa ammissibile, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità alle imprese in possesso del rating di legalità fino a € 500,00.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti di cui al Quadro temporaneo, aiuti de minimis ed aiuti concessi ai sensi di un Regolamento di esenzione.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 12:00 del 23/12/2020 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Novembre 17, 2020
abruzzo-incentivi-occupazione-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Abruzzo favorisce la permanenza dei cittadini sul territorio dell’Area Basso Sangro Trigno per creare occupazione, attrarre nuovi investimenti, valorizzare le risorse e le potenzialità locali e migliorare la qualità della vita.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese e i datori di lavoro aventi la sede operativa localizzata nei comuni ricadenti nell’area interna Basso Sangro Trigno quali: Borrello, Carunchio, Castelguidone, Castiglione Messer Marino, Celenza sul Trigno, Civitaluparella, Colledimacine, Colledimezzo, Fallo, Fraine, Gamberale, Gessopalena, Lama dei Peligni, Lettopalena, Montazzoli, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Montenerodomo, Palena, Pennadomo, Pietraferrazzana, Pizzoferrato, Quadri, Roccaspinalveti, Roio del Sangro, Rosello, San Giovanni Lipioni, Schiavi d’Abruzzo, Taranta Peligna, Torrebruna, Torricella Peligna, Villa Santa Maria, Altino, Archi, Atessa, Bomba, Carpineto Sinello, Casalanguida, Casoli, Civitella Messer Raimondo, Cupello, Dogliola, Fara San Martino, Fresagrandinaria, Furci, Gissi, Guilmi, Lanciano, Lentella, Liscia, Monteodorisio, Paglieta, Palmoli, Perano, Roccascalegna, San Buono, San Salvo, Scerni, Tornareccio, Tufillo, Vasto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’assunzione di lavoratori a partire dal 16/11/2020.

I lavoratori da assumere sono i disoccupati abruzzesi la cui l’assunzione deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, determinato o apprendistato, anche a tempo parziale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nelle seguenti misure:

Assunzioni a tempo indeterminato full time o part time:

  • € 8.000,00 per assunzioni disposte in favore di lavoratori uomini dai 18 ai 49 anni, fino a un massimo del 40% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto;
  • € 10.000,00 per assunzioni disposte in favore di tutte le lavoratrici e lavoratori over 50, fino a un massimo del 50% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto.

Assunzioni a tempo determinato full time o part time:

  • € 4.000,00 per assunzioni disposte in favore di lavoratori uomini dai 18 ai 49 anni, fino a un massimo del 40% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto;
  • € 5.000,00 per assunzioni disposte in favore di tutte le lavoratrici donne e di lavoratori uomini over 50, fino a un massimo del 50% del costo salariale annuale per ogni nuovo assunto.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 20:00 del 30/04/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 5, 2020
lombardia-ricerca-e-sviluppo-innovazione-pmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia favorisce progetti di ricerca, sviluppo e innovazione in grado di garantire ricadute positive sul sistema territoriale lombardo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese aventi sede operativa attiva in Lombardia e i liberi professionisti in forma singola.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono comportare attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione a favore di PMI.

Ciascun progetto deve:

  • far riferimento ad una delle seguenti aree macro‐tematiche: aerospazio, agroalimentare, eco‐industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile, individuate dalla “Strategia regionale di specializzazione intelligente per la ricerca e l’innovazione ‐ S3″;
  • essere finalizzato all’innovazione di prodotto e di processo coerente con l’oggetto sociale e la classificazione di attività produttiva del richiedente.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. personale ovvero ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario, fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili;
  2. costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature;
  3. ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti, nonché servizi di consulenza ed equivalenti;
  4. materiali connessi alla realizzazione del progetto;
  5. spese generali forfettarie addizionali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un finanziamento a medio‐lungo termine che può concorrere sino al 100% della spesa ammissibile, nel rispetto di un’intensità di aiuto massima complessiva, determinata in ESL, pari al 35%, e in ogni caso non superiore ad € 1.000.000,00.

Tale intensità è valida con riferimento alle seguenti attività di Progetto:

  • ricerca industriale – 35%;
  • sviluppo sperimentale – 35% (25%+10% maggiorazione per le PMI);
  • innovazione a favore di PMI – 35%.

La durata del Finanziamento è compresa tra i 3 ed i 7 anni.

TERMINE

Le domande potranno essere presentate fino ad esaurimento delle risorse.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, premendo il tasto 3, oppure scrivici a info@vconsulting.it

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa visita la nostra sezione News/Bandi


Ottobre 29, 2020
marche-riconversione-area-crisi-industriale-fermo-macerata-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche sostiene la riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa del Distretto delle Pelli-Calzature Fermano-Maceratese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono piccole, medie e grandi imprese sotto forma di società di capitali, società cooperative, società consortili o reti di imprese.

I beneficiari devono avere la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Fermo o di Macerata ed esercitare la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 37.00.00, 38, 39, 52, 53, 56.29, 58.12, 58.2, 61, 62, 63.1, 69, 70, 71, 72, 73, 74, 82.20.00, 82.92, 95.1, 96.01.10, 55, 96.04.

La loro sede legale e/o unità operativa può essere posta solo nel territorio dei Comuni dell’Area di Crisi Industriale Complessa Fermano-Maceratese, ovvero:

  • SLL Civitanova Marche:
    • Civitanova Marche, Montecosaro, Morrovalle, Potenza Picena;
  • SLL Fermo:
    • Altidona, Campofilone, Carassai, Fermo, Lapedona, Monte Urano, Monte Vidon Combatte, Monterubbiano, Moresco, Pedaso, Petritoli, Porto San Giorgio;
  • SLL Montegiorgio:
    • Belmonte Piceno, Falerone, Francavilla d’Ete, Grottazzolina, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsampietro Morico, Montappone, Monte Giberto, Monte San Martino, Monte San Pietrangeli, Monte Vidon Corrado, Montegiorgio, Monteleone di Fermo, Montottone, Penna San Giovanni, Ponzano di Fermo, Rapagnano, Servigliano, Torre San Patrizio;
  • SLL Montegranaro:
    • Monte San Giusto, Montegranaro;
  • SLL Porto Sant’Elpidio:
    • Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a Mare;
  • Comuni:
    • Corridonia e Tolentino.

INTERVENTI

Gli interventi produttivi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. programmi di investimento produttivo e per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione e formazione del personale;
  2. incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.

Sono ammissibili gli interventi per la tutela ambientale diretti a:

  • innalzare il livello di tutela ambientale;
  • consentire l’adeguamento anticipato a nuove norme dell’Unione europea;
  • ottenere una maggiore efficienza energetica;
  • favorire la cogenerazione ad alto rendimento;
  • promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • risanare i siti contaminati;
  • riciclare e riutilizzare i rifiuti.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  1. suolo aziendale e sue sistemazioni;
  2. opere murarie e infrastrutture specifiche;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature;
  4. programmi informatici;
  5. immobilizzazioni immateriali;
  6. beni strumentali, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale;
  7. consulenze connesse all’intervento.

Le spese ammissibili, per l’innovazione dell’organizzazione, sono relative a:

  1. personale dipendente limitatamente a tecnici, ricercatori e altro personale ausiliario;
  2. strumenti e attrezzature di nuova fabbricazione;
  3. ricerca contrattuale, quali conoscenze e brevetti;
  4. servizi di consulenza;
  5. spese generali;
  6. materiali.

Le spese ammissibili, per la formazione del personale, sono:

  1. spese di personale interno relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  2. spese di personale interno relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume le seguenti forme:

  • finanziamento agevolato, nella misura compresa tra il 30% e il 50% delle spese ammissibili, con durata massima di 10 anni oltre un periodo di pre-ammortamento di 3 anni;
  • contributo in conto impianti, nella misura pari o superiore al 3% delle spese ammissibili;
  • contributo diretto alla spesa, nella misura pari o superiore al 3% delle spese ammissibili;

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 06/11/2020 alle ore 12:00 del 13/03/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 16, 2020
lazio-contributi-imprese-valle-aniene-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene le imprese che operano nella Valle dell’Aniene per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle stesse, nonché per incentivare la nascita di nuove imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le ditte individuali, i liberi professionisti e le imprese, qualsiasi sia la forma societaria, aggregazioni stabili o temporanee di imprese, con sede operativa nel territorio dei 35 comuni della Valle dell’Aniene, ovvero: Affile, Agosta, Anticoli Corrado, Arcinazzo Romano, Arsoli, Bellegra, Camerata Nuova, Canterano, Castel Madama, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Ciciliano, Cineto Romano, Gerano, Jenne, Licenza, Mandela, Marano Equo, Olevano Romano, Percile, Pisoniano, Riofreddo, Rocca Canterano, Roccagiovine, Rocca Santo Stefano, Roiate, Roviano, Sambuci, San Vito Romano, Saracinesco, Subiaco, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti Linee:

Linea A – progetti di investimento:

Interventi per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle attività produttive esistenti, oppure per gli investimenti di avvio dell’impresa neo-costituita.

Linea B – bonus occupazionale:

Assunzione a tempo indeterminato o determinato per almeno 24 mesi, successiva allo 01/10/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Linea A

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Investimenti materiali:
  1. acquisto macchinari, impianti, hardware e attrezzature varie nuovi di fabbrica e arredi necessari al ciclo di produzione o erogazione dei servizi;
  2. opere murarie e lavori edili necessari alla creazione o ristrutturazione di un’unità locale sede dell’attività economica.
  • Investimenti immateriali:
  1. brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  2. software e applicativi digitali non destinati alla rivendita, commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.
  • Costi per la fidejussione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Linea A

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, entro l’importo massimo di € 10.000,00.

Linea B

L’importo massimo del bonus è pari a € 10.000,00 ed è concesso in caso di una o più assunzioni a tempo indeterminato o di almeno due assunzioni a tempo determinato per almeno 24 mesi ciascuna. In caso di una sola assunzione a tempo determinato per almeno 24 mesi il bonus è riparametrato e calcolato in € 5.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 05/11/2020 alle ore 18:00 del 18/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 17, 2020
cciaa-bergamo-voucher-sostegno-occupazione-valore-consulting-1280x616.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Bergamo sostiene le imprese nella ricerca di risorse umane, di collegamento scuola-lavoro e università-lavoro, oltre che di formazione e certificazione delle competenze, incentivando lo sviluppo occupazionale e la ripartenza dell’economia locale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o almeno un’unità locale nella provincia di Bergamo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’inserimento in azienda di figure professionali a seguito della sottoscrizione di contratti di:

  • Linea 1: tirocinio extracurriculare, della durata di almeno 3 mesi;
  • Linea 2: assunzione a tempo determinato, della durata di almeno 6 mesi;
  • Linea 3: apprendistato;
  • Linea 4: assunzione a tempo indeterminato e trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato.

Sono ammissibili i contratti che prevedono l’attivazione dell’attività lavorativa dallo 01/09/2020 al 31/12/2020.

Sono esclusi i contratti di lavoro intermittente (c.d. a chiamata) e di somministrazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto (voucher), con importo massimo di:

  • Linea 1€ 1.000,00;
  • Linea 2€ 2.000,00;
  • Linea 3€ 2.500,00;
  • Linea 4€ 4.000,00.

Ai beneficiari in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di € 250,00.

In relazione alle Linee 2 e 4, in caso di assunzione o di trasformazione di un lavoratore di età inferiore ai 30 anni verrà riconosciuta una premialità di € 1.000,00.

Gli aiuti sono cumulabili con altri aiuti in regime de minimis e con aiuti in esenzione o autorizzati dalla Commissione nel rispetto dei massimali previsti.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 9, 2020
provincia-autonoma-di-trento-contributi-imprese-autotrasporto-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese di autotrasporto mediante la concessione di una sovvenzione per il pagamento dei salari di un numero di addetti di cui viene evitato il licenziamento durante il periodo di riferimento marzo-agosto 2020.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese, anche in forma di consorzi e cooperative, iscritti all’Albo Nazionale degli Autotrasportatori di cose per conto di terzi, con sede legale e/o unità operativa nel territorio provinciale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto lo scongiurare il licenziamento dei propri dipendenti da parte dei beneficiari e far sì che questi conservino il proprio posto di lavoro per almeno 24 mesi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari ad € 2.700,00 per ciascun addetto che risulta iscritto a libro Unico del lavoro per 5 mesi (150 giorni) anche non continuativi nel periodo di riferimento marzo – agosto 2020 e che il beneficiario si impegna a mantenere in forza per un periodo di almeno 24 mesi continuativi successivi ad agosto 2020.

Il contributo massimo non può comunque eccedere € 100.000,00.

Le presenti agevolazioni sono cumulabili con altri incentivi, anche finanziari, emanati a livello nazionale e provinciale per fronteggiare l’attuale crisi economica.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15.00 del 16/11/2020.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification