Notizie e Bandi

Dicembre 29, 2020
bi-rex-bando-3-progetti-di-innovazione-tecnologica-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando supporta programmi di Ricerca, Sviluppo e Innovazione orientati alla sperimentazione, prototipazione e adozione di soluzioni tecnologiche e organizzative basate sulle tecnologie abilitanti di Industria 4.0, mediante l’utilizzo dei Big Data.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese e le aggregazioni di imprese iscritte al Registro delle Imprese.

INTERVENTI

I progetti di Innovazione, Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale devono contenere:

  1. un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi operativi e tempi;
  2. una stima dei benefici economici per l’impresa in termini di riduzione di inefficienze, sprechi e costi e di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;
  3. un piano finanziario per la copertura dei costi;
  4. un livello di maturità tecnologica tra TRL 5 e 8, che comunque raggiunga un livello almeno pari a TRL 7.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. costi di personale quali ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario;
  2. strumentazione, attrezzature e materiali;
  3. collaborazioni e consulenze per ricerca, sviluppo e innovazione con soggetti pubblici e privati;
  4. acquisto di brevetti o licenze acquisiti a normali condizioni di mercato;
  5. servizi di consulenza;
  6. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 50% delle spese ammissibili, con un massimo di € 100.000,00.

Le imprese in possesso del rating di legalità otterranno una precedenza in graduatoria in caso di parità di punteggio.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dal 14/01/2021 e fino alle ore 14:00 del 16/02/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 22, 2020
emilia-romagna-riqualificazione-imprese-extra-agricole-valore-consuting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna contribuisce alla riqualificazione e all’ammodernamento delle imprese extra agricole nelle zone rurali più marginali, favorendo lo sviluppo dell’occupazione, il potenziamento della ricettività turistica e la fornitura di servizi alla popolazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese extra agricole, in forma singola o associata, nonché i liberi professionisti, aventi sede legale o unità operativa nel territorio di uno dei Comuni del GAL Valli Marecchia e Conca, ovvero: Gemmano, Mondaino, Montefiore Conca, Montescudo, Saludecio, Torriana, Verucchio, Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria, Talamello, Poggio Torriana, Montescudo-Montecolombo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno incentrarsi sulla realizzazione di un piano di sviluppo aziendale che preveda una riqualificazione o un ammodernamento dell’impresa, dando luogo ad attività innovative in settori alternativi a quello agricolo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese:

  1. ristrutturazione di immobili o aree destinati all’attività aziendale;
  2. arredi funzionali all’attività;
  3. strumenti, apparecchiature, macchinari, attrezzature funzionali al processo di sviluppo aziendale;
  4. impianti, attrezzature per la lavorazione dei prodotti o servizi offerti;
  5. investimenti funzionali alla vendita delle produzioni/servizi aziendali;
  6. veicoli funzionali alle attività extra-agricole;
  7. costi di informazione e comunicazione, quali pubblicazioni, comunicazioni, acquisti di spazi pubblicitari e publiredazionali su riviste e carta stampata;
  8. realizzazione siti web;
  9. acquisizione di hardware e software con sistema operativo;
  10. acquisizione o sviluppo di programmi informatici o di brevetti e licenze;
  11. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale fino al 60% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 13:00 del 16/03/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 16, 2020
cciaa-cremona-finanzia-fiere-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Cremona sostiene gli interventi in digitalizzazione delle manifestazioni fieristiche e gli adeguamenti dei quartieri fieristici alle vigenti normative e agli standard di prevenzione e contenimento del contagio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono soggetti organizzatori nel territorio della provincia di Cremona di manifestazioni fieristiche che abbiano realizzato almeno un evento di livello internazionale, nazionale o regionale, incluso nel calendario fieristico regionale approvato da Regione Lombardia, per gli anni 2019 e/o 2020 o che si impegnino a realizzare eventi con caratteristiche tali da essere inseriti nel calendario fieristico regionale nel 2021.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una delle seguenti attività:

  • interventi di digitalizzazione fieristica destinati al rafforzamento digitale di quartieri e manifestazioni fisiche, nonchè all’organizzazione di eventi virtuali;
  • interventi di promozione delle manifestazioni anche in vista di un futuro rilancio;
  • interventi per l’adeguamento dei quartieri fieristici agli standard di prevenzione e sicurezza previsti dalle attuali normative.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le spese sostenute dallo 01/02/2020 al 28/02/2021 quali:

  • Spese in conto capitale:
  1. realizzazione o acquisizione di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone e siti web;
  2. server e altre attrezzature informatiche per la digitalizzazione;
  3. macchinari, attrezzature ed apparecchi;
  4. opere edili;
  5. installazione o ammodernamento di impianti;
  6. arredi e strutture temporanee;
  • Spese di parte corrente:
  1. canoni per software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone e siti web;
  2. spese di comunicazione e promozione connesse alle tecnologie digitali, comprese le manutenzioni;
  3. materiali di consumo per l’igiene e dispositivi di protezione individuale;
  4. cartellonistica e segnaletica;
  5. spese di promozione e consulenza;
  6. pulizia, sanificazione e disinfezione degli ambienti;
  7. consulenza in materia di sicurezza sul lavoro per aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi e protocollo per misure anti-contagio e relativa formazione ai dipendenti;
  8. spese per beni, servizi e consulenze esterne per l’organizzazione di manifestazioni;
  9. potenziamento dell’infrastruttura digitale e delle connessioni;
  10. organizzazione di interventi specifici di formazione del personale;
  11. progettazione, sviluppo o manutenzione di sistemi proprietari, anche per quanto riguarda la sincronizzazione con canali forniti da soggetti terzi;
  12. spese per beni, servizi e consulenze esterne per l’analisi di fattibilità del progetto di sviluppo delle fiere prodotte;
  13. personale coinvolto nell’organizzazione delle manifestazioni fieristiche anche digitali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un contributo a fondo perduto, parametrato alle spese ammissibili, come di seguito:

  • contributo del 90% per spese in conto capitale;
  • contributo dell’80% per spese di parte corrente.

L’agevolazione è cumulabile con aiuti concessi sul Quadro Temporaneo, con aiuti concessi ai sensi del regime de minimis, nonché con aiuti concessi sul Regolamento GBER.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 29/12/2020 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 9, 2020
puglia-gal-terre-del-primitivo-offerta-turistica-di-qualita-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Puglia garantisce un’offerta turistica locale qualificata del territorio delle Terre del Primitivo tramite due interventi:

  • B 2.1 – Start-up d’impresa dei servizi turistici;
  • B 2.2 – Creazione di piccole attività di servizio per un turismo di qualità e sostenibile.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le persone fisiche e le micro e piccole imprese, non agricole, aventi sede operativa nei seguenti comuni: Manduria, Avetrana, Lizzano, Maruggio, Torricella, Fragagnano, Sava, San Marzano di San Giuseppe, Erchie, Oria, Torre S. Susanna.

INTERVENTI

Gli interventi devono avere ad oggetto l’implementazione dei servizi turistici finalizzati ad accrescere la capacità ricettiva del territorio migliorando la qualità dell’accoglienza.

Gli obiettivi sono:

  • diffondere lo spirito di intrapresa tra i giovani residenti nel comprensorio del GAL;
  • sostenere processi innovativi che valorizzino risorse endogene del territorio;
  • favorire lo sviluppo di nuove occasioni di lavoro, in particolare giovanile e femminile;
  • accrescere la capacità dei territori di proporre un’offerta turistica aggregata e integrata;
  • agevolare lo sviluppo di nuovi servizi per rendere più competitiva l’offerta territoriale di turismo attivo ed ecosostenibile;
  • promuovere lo sviluppo di nuovi servizi per rendere più competitiva l’offerta territoriale di turismo enogastronomico;
  • realizzare servizi turistici a vantaggio di famiglie, bambini, anziani e diversamente abili;
  • favorire processi di creazioni di reti a supporto dello sviluppo del sistema integrato;
  • migliorare la qualità della vita delle aree rurali interessate e la fruibilità del territorio rurale, anche grazie alla fornitura di servizi turistici ad hoc;
  • accrescere la destagionalizzazione turistica offrendo servizi al turista nell’ambito del turismo naturalistico, culturale e enogastronomico.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili, per l’Intervento B 2.2, devono avere ad oggetto:

  • adeguamento strutturale dei locali, adeguamenti tecnologici o eliminazione delle barriere architettoniche;
  • arredi e attrezzature;
  • automezzi ed attrezzi specifici all’erogazione del servizio;
  • attrezzature informatiche, telematiche e software;
  • investimenti immateriali come siti web o e-commerce;
  • spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume le seguenti forme:

  • B 2.1 – Start-up d’impresa dei servizi turistici: contributo forfettario di € 10.000,00, nella misura del 100% delle spese ammissibili.
  • B 2.2 – Creazione di piccole attività di servizio per un turismo di qualità e sostenibile: contributo in conto capitale nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 05/03/2021 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 9, 2020
cciaa-salerno-voucher-digitali-4-0-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Salerno promuove la diffusione della pratica digitale nelle imprese della filiera turistica sostenendo le iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la digitalizzazione dei processi, l’informatizzazione, l’ammodernamento tecnologico per migliorare l’efficienza aziendale e l’organizzazione del lavoro.

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale dovranno riguardare almeno una delle seguenti tecnologie:

  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita;
  • connettività a Banda Ultralarga;
  • sistemi di pagamento mobile e via Internet;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per beni e servizi strumentali, inclusi i dispositivi e le spese di connessione, sostenute dal 02/12/2020 e fino al 120° giorno successivo alla data di approvazione del contributo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura del 100% delle spese ammissibili fino a un massimo di € 3.500,00.

Viene stabilita una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis e aiuti in esenzione.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 08:00 del 21/12/2020 fino ad esaurimento risorse.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 2, 2020
veneto-innovazione-tecnologica-organizzativa-commerciale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene le attività di innovazione e di trasferimento delle conoscenze presso le imprese, favorendo i processi di progettazione e sperimentazione delle soluzioni innovative, incentivando la brevettazione e il trasferimento dei risultati della ricerca.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA competente.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Innovazione tecnologica: interventi di innovazione di prodotto e di servizio dalla fase di generazione delle idee alla progettazione, sperimentazione e prototipazione.

Sono compresi:

  • A1. Innovazione nella fase di concetto: generazione di nuove idee di prodotto e servizio, esplorazione delle alternative tecnologiche e di design, previsione di migliorare il prodotto esistente;
  • A2. Innovazione nelle fasi di progettazione e sperimentazione: servizi orientati alla progettazione dettagliata di prodotti e di processi produttivi o alle fasi successive nelle;
  • A3. Assistenza alla gestione della proprietà intellettuale finalizzata:
    • all’ottenimento o all’estensione di brevetti a livello europeo o internazionale, alla loro convalida e difesa;
    • all’ottenimento e al deposito di altri attivi immateriali quali marchi, licenze, know-how esclusivi, disegni e modelli di utilità.

Innovazione strategica: interventi di miglioramento del posizionamento competitivo dell’impresa attraverso una migliore offerta di valore al cliente o una maggiore efficienza nella gestione degli investimenti.

Sono compresi:

  • B1. Innovazione strategica per l’introduzione di nuovi prodotti/servizi: servizi finalizzati alla riduzione del rischio derivante dall’introduzione di nuovi prodotti/servizi, al fine di accrescere le probabilità di successo sul mercato;
  • B2. Innovazione del modello di business: servizi finalizzati alla riprogettazione dell’offerta per massimizzare il valore delle risorse e delle competenze limitando gli investimenti.

Innovazione organizzativa: predisposizione di un nuovo metodo organizzativo che preveda l’adozione di nuove procedure gestionali o il cambiamento delle strutture organizzative.

Sono compresi:

  • C1. Up-Grading organizzativo: servizi di consulenza e affiancamento volti ad orientare le imprese nel cambiamento organizzativo;
  • C2. Efficientamento produttivo: servizi di misurazione dell’efficienza operativa aziendale in riferimento all’attività manifatturiera, logistica o terziaria;
  • C3. Processi di innovazione aziendale: servizi propedeutici all’implementazione dei sistemi di gestione aziendali con l’obiettivo di ottenerne la certificazione;
  • C4. Innovazione organizzativa mediante gestione temporanea di impresa: servizi strategici di gestione completa e temporanea di un’azienda finalizzatii ad affrontare situazioni di criticità o di sviluppo e a garantire l’accrescimento delle competenze manageriali in azienda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per i servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione coerenti con l’intervento ammissibile.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nelle misure riportate in tabella.

TIPOLOGIA DI SERVIZIO SPECIALISTICO % DI SOSTEGNO
A1. Innovazione nella fase di concetto 40%
A2. Innovazione nelle fasi di progettazione e sperimentazione 40%
A3. Assistenza alla gestione della proprietà intellettuale 40%
B1. Innovazione strategica per l’introduzione di nuovi prodotti/servizi 40%
B2. Innovazione del modello di business 40%
C1. Up-Grading organizzativo 30%
C2. Efficientamento produttivo 30%
C3. Processi di innovazione aziendale 30%
C4. Innovazione organizzativa mediante gestione temporanea di impresa 30%

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 16/02/2021 alle ore 17:00 del 23/02/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 1, 2020
friuli-venezia-giulia-innovazione-filiere-agricole-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Friuli Venezia-Giulia favorisce un mercato locale funzionante, a breve raggio, in grado di soddisfare le necessità quotidiane della comunità, anche tenendo conto di come le abitudini di vita siano cambiate a seguito delle emergenze epidemiologiche e dell’aumento della domanda di alimenti sicuri, sostenibili e di cui si conosce la provenienza.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese agricole, le cooperative di imprenditori agricoli, le reti di imprese agricole e le persone fisiche che si impegnano a costituire un’azienda agricola, prima della concessione dell’agevolazione.

Tutti i beneficiari devono avere sede legale o unità operativa nel territorio di uno dei seguenti Comuni: Artegna, Bordano, Chiusaforte, Dogna, Forgaria nel Friuli, Gemona del Friuli, Malborghetto – Valbruna, Moggio Udinese, Montenars, Pontebba, Resia, Resiutta, Tarvisio, Trasaghis, Venzone.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. la realizzazione di prodotti o servizi innovativi capaci di cogliere l’evoluzione della domanda, a partire da quella sul mercato locale;
  2. l’avvio di processi produttivi e organizzativi in grado di aumentare la sostenibilità globale dell’impresa;
  3. il recupero e la valorizzazione a fini produttivi di risorse locali non utilizzate.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. costruzione o miglioramento di beni immobili;
  2. acquisto di nuovi macchinari, attrezzature e arredi;
  3. spese generali, come onorari di progettisti e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica;
  4. acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali;
  5. attività di ricognizione, elaborazione e diffusione delle informazioni, nonché realizzazione di materiale informativo;
  6. produzioni audiovisive e multimediali per la diffusione attraverso canali radiofonici e televisivi;
  7. noleggio di attrezzature e strutture mobili, nonché acquisizione di spazi e servizi all’interno di fiere;
  8. noleggio di attrezzature e strutture mobili, nonché acquisizione di spazi e servizi per l’organizzazione di eventi e manifestazioni a finalità informativa o promozionale;
  9. realizzazione o aggiornamento di siti web;
  10. consulenze specialistiche per progettazione e organizzazione di attività di informazione e promozione;
  11. predisposizione di elaborati tecnici e documentazione richiesti ai fini della valutazione delle domande di aiuto;
  12. spese per garanzia fideiussoria;
  13. contributi in natura di carattere agronomico o forestale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità è indicata nella sottostante tabella.

BENEFICIARIO INTENSITA’ TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE
PRODUZIONE PRIMARIA DI PRODOTTI AGRICOLI Giovani agricoltori 60% Contributo in conto capitale
Imprese partecipanti ad un progetto di investimento collettivo 60% Contributo in conto capitale
Imprese biologiche 60% Contributo in conto capitale
Imprese localizzate in zone montane 50% Contributo in conto capitale
Altri beneficiari 40% Contributo in conto capitale
Contributo in conto capitale
TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI Tutte le tipologie di beneficiari per interventi di trasformazione e commercializzazione dei prodotti di cui all’Allegato I del TFUE (carni e frattaglie commestibili, cereali, frutta commestibile, semi e frutti oleosi, zucchero di barbabietola o di canna allo stato solido) 40% Contributo in conto capitale

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 11/03/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 24, 2020
cciaa-maremma-tirreno-servizi-digitali-turismo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA della Maremma e del Tirreno promuove la crescita del territorio sotto il profilo turistico, supportando le imprese nello sviluppo digitale, dotandosi di strumenti tecnologici, formativi e di comunicazione adeguati per la visibilità, la promozione e la vendita della propria offerta sul mercato nazionale ed estero.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, comprese le cooperative e i consorzi, aventi la sede legale o l’unità locale nella provincia di Livorno o Grosseto ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 55.10.0, 55.20.1, 55.20.2, 55.20.4, 55.20.5, 55.30.0, 55.90.2, 56.10.1, 56.10.2, 56.10.30, 56.10.4, 56.21, 56.29, 56.30, 56.10.5, 79.11.0, 79.12.0, 79.90.1, 79.90.2, 91.02.00, 91.03.00, 91.04.00, 93.21.0, 93.29.2.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • digitalizzazione e servizi di consulenza focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia industria 4.0;
  • adozione di software finalizzati a garantire una migliore presenza in internet;
  • azioni per il posizionamento strategico online e percorsi formativi riservati agli operatori turistici;
  • miglioramento dell’accoglienza e della comunicazione.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  1. adozione di sistemi software focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali, in attuazione della strategia Industria 4.0;
  2. acquisto software, programmi e sistemi informatici per la gestione della vendita diretta di servizi turistici e prenotazioni;
  3. acquisto modem/router per impianti wifi messi a disposizione dei clienti a titolo gratuito;
  4. realizzazione e sviluppo di nuovi contenuti per migliorare la presenza sui “social” e sul web;
  5. servizi di consulenza in tema di supporto al digitale, all’innovazione, Industria 4.0 ed Agenda Digitale nel settore turistico;
  6. percorsi formativi riservati agli operatori turistici per l’acquisizione di competenze su marketing digitale, innovazione ed e-commerce.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

La presente agevolazione è cumulabile con altri aiuti.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/04/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Novembre 20, 2020
cciaa-marche-voucher-digitali-4-0-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA delle Marche promuove l’utilizzo di servizi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali e favorisce interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA delle Marche.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto servizi di consulenza o formazione specialistica volti a misurare la propria maturità digitale nonchè beni e servizi strumentali funzionali all’implementazione delle tecnologie di cui ai sottostanti elenchi.

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale sono:

Elenco 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  • sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale;
  • connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution;
  • programmi di digital marketing.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi di consulenza per l’analisi della maturità digitale dell’impresa e la progettazione di interventi finalizzati all’implementazione delle tecnologie digitali;
  • servizi di formazione relativi alla partecipazione a percorsi il cui programma formativo sia riconducibile ad una o più tecnologie digitali;
  • acquisto di beni e servizi strumentali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nelle seguenti misure:

  • Piccole e medie imprese – 50% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 3.500,00;
  • Microimprese – 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 5.000,00.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minimis, aiuti in esenzione ed aiuti senza spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 21/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Novembre 20, 2020
lombardia-voucher-smart-working-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia promuove modelli innovativi di organizzazione del lavoro per incrementare la produttività aziendale e il benessere dei lavoratori.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa in Lombardia, aventi un numero di dipendenti almeno pari a 3.

Rientrano tra i beneficiari anche le imprese che hanno introdotto il lavoro agile per i propri dipendenti nel periodo dell’emergenza da COVID-19, a partire dal 25 febbraio 2020 per la durata dello stato di emergenza, ovvero fino al 30/06/2020.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’adozione e l’attuazione di piani di smart working, articolati come segue:

A. Supporto all’adozione del Piano di smart working:

B. Supporto all’attuazione del Piano di smart working:

Ai fini del riconoscimento della spesa tutti gli interventi di cui all’azione A devono essere realizzati obbligatoriamente.

Azione A – Supporto all’adozione del Piano di smart working

1. Attività preliminari all’adozione del piano di smart working

L’obiettivo è supportare il beneficiario nella definizione della policy aziendale sullo smart working e delle procedure idonee a introdurre la modalità di lavoro smart. L’attività deve essere realizzata ad hoc, considerando le caratteristiche del beneficiario: categoria produttiva, dimensione, strumenti organizzativi e tecnologici, cultura dell’organizzazione e stili di leadership

2. Attività di formazione rivolta al management e agli smart worker

L’obiettivo è accompagnare il management al cambiamento organizzativo dei modelli manageriali tradizionali basati su concetti come il luogo e l’orario di lavoro, promuovendo nuovi stili di leadership che privilegino l’autonomia e la responsabilità dei lavoratori, dando loro maggior fiducia e flessibilità

3. Avvio e monitoraggio di un progetto pilota

L’obiettivo è supportare il beneficiario nella sperimentazione del piano di smart working. L’attività di monitoraggio ha l’obiettivo di verificare l’andamento del piano di smart working, valutandone l’opportunità di perfezionamento e d’implementazione a regime

Azione B – Supporto all’attuazione del Piano di smart working

1. Acquisto di strumentazione tecnologica

L’obiettivo è sostenere il beneficiario nell’acquisto di nuova strumentazione tecnologica funzionale all’attuazione del piano.

Le spese ammissibili dovranno essere inerenti a componenti hardware quali notebook, smartphone e accessori nonchè componenti software funzionali allo svolgimento della prestazione lavorativa in modalità smart working.

NUMERO DI DIPENDENTI NUMERO MASSIMO DI ORE DI FORMAZIONE AMMISSIBILI AL FINANZIAMENTO
da 3 a 10 24
da 11 a 20 32
da 21 a 30 48
oltre 30 64

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili al contributo le spese sostenute per l’acquisto e l’attuazione delle attività realizzate sul territorio lombardo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la veste di un finanziamento a fondo perduto (voucher) per la fruizione dei servizi di cui alle azioni A e B.

Il valore del voucher è pari agli importi indicati nella sottostante tabella.

Nel conteggio dei dipendenti si devono ricomprendere le seguenti tipologie contrattuali:

  • contratto di lavoro di diritto privato a tempo indeterminato o a tempo determinato sia a tempo pieno che a tempo parziale;
  • contratto di apprendistato, soci-lavoratori di cooperative.
NUMERO DI DIPENDENTI IMPORTO TOTALE DEL VOUCHER PER AZIONE A – ADOZIONE DEL PIANO PER AZIONE B – ATTUAZIONE DEL PIANO
da 3 a 10 € 7.500,00 € 5.000,00 € 2.500,00
da 11 a 20 € 10.500,00 € 7.000,00 € 3.500,00
da 21 a 30 € 15.000,00 € 10.000,00 € 5.000,00
oltre 30 € 22.500,00 € 15.000,00 € 7.500,00

TERMINE

Le domande possono essere presentate dalle ore 12:00 del 16/12/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification