Notizie e Bandi

Dicembre 29, 2020
cciaa-riviere-di-liguria-fiere-e-internazionalizzazione-2021-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA Riviere di Liguria favorisce i processi di internazionalizzazione incentivando la partecipazione a fiere nazionali ed estere.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, nonché i loro i consorzi e le reti aventi soggettività giuridica, con sede legale o unità locale nelle province di Imperia, La Spezia e Savona.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione a manifestazioni fieristiche ed eventi svolti sia con partecipazione in presenza che in modalità virtuale nel periodo tra lo 01/01/2021 e il 31/12/2021, quali:

  • fiere all’estero;
  • fiere con qualifica internazionale in Italia, approvate dalla conferenza delle Regioni e Province Autonome;
  • fiere e azioni per l’internazionalizzazione organizzate in Italia dalla CCIAA Riviere di Liguria e, all’estero, in collaborazione con I.C.E.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute per:

  1. affitto dello spazio espositivo;
  2. quota obbligatoria di iscrizione alla fiera;
  3. pulizia stand, noleggio attrezzature espositive;
  4. allacciamenti e consumi elettrici e idrici, connessione web;
  5. iscrizione o inserzioni pubblicitarie sul catalogo ufficiale o sul sito internet della fiera;
  6. servizi di interpretariato in fiera resi da personale qualificato;
  7. spese per servizi doganali;
  8. ricerca e individuazione di potenziali partners;
  9. organizzazione di incontri con potenziali partners;
  10. servizi di supporto organizzativo e assistenza qualificata;
  11. quota iscrizione, inserzioni pubblicitarie, interpretariato, traduzioni, spese di organizzazione di incontri con potenziali partners per la partecipazione in modalità virtuale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, la cui intensità è pari al 60% delle spese ammissibili, entro i seguenti limiti:

  • € 2.000,00 per partecipazioni in presenza in Italia;
  • € 3.500,00 per partecipazioni in presenza all’estero in Paesi appartenenti all’Unione Europea;
  • € 5.000,00 per partecipazioni in presenza all’estero in Paesi extraeuropei;
  • € 1.000,00 per la partecipazione alle fiere in modalità virtuale.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dallo 01/01/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura a sportello.


Dicembre 14, 2020
lombardia-linea-internazionalizzazione-plus-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lombardia supporta la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite la realizzazione di programmi integrati atti a sviluppare o consolidare la presenza e la capacità di azione nei mercati esteri.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese iscritte al Registro delle Imprese da almeno 2 anni ed aventi una sede operativa in Lombardia.

Non rientrano tra i beneficiari le imprese con codice ATECO 2007 primario di cui alle sezioni A, L e K.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto programmi integrati di sviluppo internazionale per la promozione dell’export in Paesi esteri attraverso lo sviluppo e il consolidamento della presenza e della capacità d’azione delle PMI.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi a collegati quali workshop, eventi B2B e seminari, nonchè le spese per la partecipazione a fiere virtuali e per l’utilizzo di piattaforme di matching;
  2. istituzione temporanea all’estero per un massimo di 6 mesi di showroom o spazi espositivi per la promozione dei prodotti e brand sui mercati esteri. Sono inoltre ammissibili le spese per vetrine ed esposizioni virtuali;
  3. azioni di comunicazione e advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri;
  4. spese relative allo sviluppo o adeguamento di siti web o l’accesso a piattaforme cross border (B2B e B2C) per consolidare la propria posizione sui mercati esteri;
  5. consulenze in relazione al progetto e al programma di internazionalizzazione;
  6. spese per il conseguimento di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei Paesi target;
  7. commissioni per eventuali garanzie fidejussorie;
  8. spese per il personale dipendente impiegato nel progetto di internazionalizzazione;
  9. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, a copertura fino al 100% delle spese ammissibili, assumerà la duplice veste di:

  • un finanziamento a tasso agevolato, per l’80% delle spese ammissibili, compreso tra i 3 e i 6 anni, con un periodo di preammortamento massimo pari a 24 mesi;
  • un contributo a fondo perduto, per il 20% delle spese ammissibili.

L’agevolazione andrà da un minimo di € 40.000,00 ad un massimo di € 500.000,00 ed è cumulabile con altre agevolazioni concesse per le medesime spese, qualificabili come aiuti di Stato.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte di Finlombarda Spa.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 29, 2020
provincia-autonoma-di-trento-sostegno-aggregazioni-aziendali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese che costituiscono reti e consorzi o procedono, attraverso operazioni di fusione, scissione o acquisto d’azienda di imprese in difficoltà aventi sede operativa nel territorio provinciale e che si impegnano per un periodo di 5 anni a garantire i livelli occupazionali e a permanere sul territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese quali:

  1. soggetti, in forma individuale o collettiva, che esercitano attività di impresa commerciale;
  2. consorzi, società consortili e reti di impresa iscritte al Registro delle Imprese dotate di soggettività giuridica, che risultano da operazioni di aggregazione aziendale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto operazioni di aggregazione aziendale realizzate attraverso i seguenti istituti:

  1. fusione, scissione, acquisto d’azienda o di ramo d’azienda e acquisto o scambio di partecipazioni di controllo;
  2. costituzione di reti di imprese dotate di soggettività giuridica;
  3. costituzione di consorzi e società consortili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, il cui ammontare complessivo non può eccedere € 120.000,00.

Il contributo è pari:

  • nel caso di operazioni di fusione, scissione, conferimento d’azienda o di ramo d’azienda, acquisto o scambio di partecipazioni di controllo:
  1. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno 4 ULA o più sul territorio provinciale: € 5.000,00 per ogni ULA già operativa nel territorio provinciale nel 2019 che viene mantenuta per almeno 5 anni sul territorio provinciale dalla data di presentazione della domanda; € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva rispetto al numero di ULA già operative;
  2. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno meno di 4 ULA sul territorio provinciale, € 10.000,00, incrementato di € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva;
  • nel caso di costituzione di reti di impresa € 10.000,00 per ogni rete costituita;
  • nel caso di costituzione di consorzi e società consortili € 15.000,00 per ogni consorzio costituito.

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi nel rispetto delle disposizioni in materia di cumulo previste dalle pertinenti normative dell’Unione europea.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 16/11/2020 alle ore 12:00 del 30/06/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 19, 2020
umbria-internazionalizzazione-fiere-internazionali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Umbria favorisce la partecipazione delle imprese a fiere internazionali con l’obiettivo di rafforzare la competitività, favorire l’internazionalizzazione e la promozione dell’export.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, compresi i consorzi, le società consortili, le società cooperative e i contratti di rete soggetto, esportatrici e non, aventi la sede legale o l’unità locale nella Regione Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un contributo per la partecipazione a 1 o più fiere internazionali, fino a un massimo di 5, nel periodo tra lo 01/10/2020 e il 31/12/2021, con svolgimento in data successiva alla presentazione della domanda.

I beneficiari potranno partecipare a fiere internazionali in modalità tradizionale e digitale in Italia, in Europa o Extra-UE.

E’ ammessa solo la partecipazione come espositore diretto, intestatario dell’affitto dell’area espositiva.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono così determinate:

Fiere internazionali tradizionali:

  • affitto area espositiva;
  • quote di iscrizione, quote per servizi assicurativi e altri oneri obbligatori;
  • allestimento stand;
  • allacciamenti quali energia elettrica, acqua, internet e pulizia stand;
  • iscrizione al catalogo della manifestazione;
  • hostess e interpreti impiegati allo stand;
  • brochure e materiali promozionali, anche in forma digitale.

Fiere internazionali digitali:

  • costi di iscrizione e partecipazione all’evento nonché dei servizi offerti dall’Ente organizzatore;
  • ideazione e realizzazione dello stand virtuale;
  • ideazione e realizzazione di Cataloghi prodotti multilingue multimediale o brochure multimediale;
  • spese assicurative e di trasporto di materiale campionario;
  • aggiornamento del sito web aziendale;
  • attrezzatura Hw e Sw e costi di connessione per la partecipazione agli eventi on-line promossi dall’ente organizzatore.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto così determinato:

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta dei Costi Standard:

Fiere internazionali in Italia:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 1.600,00 al giorno per un massimo di € 8.000,00.

Fiere internazionali all’estero:

  • contributo per ogni giorno di durata dell’evento (fino a un max di 5 giorni): € 2.000,00 al giorno per un massimo di € 10.000,00.

Contributo per fiere tradizionali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Contributo per fiere digitali con opzione di scelta di rendicontazione a Costi Reali sulla base delle spese ammissibili:

Imprese neo-esportatrici:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Startup innovative o PMI innovative:

  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Spin off universitari:

  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia e in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

Tutte le altre tipologie:

  • contributo del 50% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Italia;
  • contributo del 60% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali in Europa;
  • contributo del 70% delle spese ammissibili, per le fiere internazionali extra-UE.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/12/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 16, 2020
lazio-contributi-imprese-valle-aniene-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene le imprese che operano nella Valle dell’Aniene per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle stesse, nonché per incentivare la nascita di nuove imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le ditte individuali, i liberi professionisti e le imprese, qualsiasi sia la forma societaria, aggregazioni stabili o temporanee di imprese, con sede operativa nel territorio dei 35 comuni della Valle dell’Aniene, ovvero: Affile, Agosta, Anticoli Corrado, Arcinazzo Romano, Arsoli, Bellegra, Camerata Nuova, Canterano, Castel Madama, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Ciciliano, Cineto Romano, Gerano, Jenne, Licenza, Mandela, Marano Equo, Olevano Romano, Percile, Pisoniano, Riofreddo, Rocca Canterano, Roccagiovine, Rocca Santo Stefano, Roiate, Roviano, Sambuci, San Vito Romano, Saracinesco, Subiaco, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti Linee:

Linea A – progetti di investimento:

Interventi per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle attività produttive esistenti, oppure per gli investimenti di avvio dell’impresa neo-costituita.

Linea B – bonus occupazionale:

Assunzione a tempo indeterminato o determinato per almeno 24 mesi, successiva allo 01/10/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Linea A

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Investimenti materiali:
  1. acquisto macchinari, impianti, hardware e attrezzature varie nuovi di fabbrica e arredi necessari al ciclo di produzione o erogazione dei servizi;
  2. opere murarie e lavori edili necessari alla creazione o ristrutturazione di un’unità locale sede dell’attività economica.
  • Investimenti immateriali:
  1. brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  2. software e applicativi digitali non destinati alla rivendita, commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.
  • Costi per la fidejussione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Linea A

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, entro l’importo massimo di € 10.000,00.

Linea B

L’importo massimo del bonus è pari a € 10.000,00 ed è concesso in caso di una o più assunzioni a tempo indeterminato o di almeno due assunzioni a tempo determinato per almeno 24 mesi ciascuna. In caso di una sola assunzione a tempo determinato per almeno 24 mesi il bonus è riparametrato e calcolato in € 5.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 05/11/2020 alle ore 18:00 del 18/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 14, 2020
provincia-autonoma-di-trento-qualita-in-trentino-strutture-ricettive-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese ricettive tramite un contributo a fondo perduto per effettuare investimenti di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle unità destinate all’alloggio dell’ospite, degli spazi comuni, nonché interventi di adeguamento di strutture funzionali all’attività ricettiva turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese, con sede legale o unità operativa nella provincia di Trento e che esercitano una delle seguenti attività economiche:

  • esercizi alberghieri;
  • esercizi extralberghieri con servizio colazione e con unità anche prive di servizio autonomo di cucina;
  • rifugi escursionistici;
  • strutture ricettive all’aperto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. miglioramento degli spazi esistenti destinati all’alloggio dell’ospite;
  2. miglioramento degli spazi esistenti destinati a zone comuni di permanenza dell’ospite o spazi ad esse funzionali;
  3. adeguamento delle strutture in funzione dell’offerta turistica tramite il cambio di destinazione d’uso di strutture funzionali all’attività d’impresa.
INTERVENTI AMMISSIBILI LIMITE MINIMO VALORE INTERVENTO LIMITE MASSIMO VALORE INTERVENTO
1. miglioramento dei locali di alloggio € 30.000,00 € 300.000,00
2. miglioramento degli spazi comuni € 50.000,00 € 600.000,00
3. completamento e adeguamento della struttura ricettiva € 70.000,00 € 600.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

A) Investimenti immobiliari:

  • opere edili, murarie e impiantistiche inerenti la ristrutturazione, l’ammodernamento o il cambio di destinazione d’uso degli immobili, nonché spese per acquisto o costruzione di parcheggi;
  • spese tecniche di progettazione, direzione lavori, sicurezza, certificazione e collaudo statico.

Sono, inoltre, ammissibili operazioni di leasing che abbiano per oggetto le spese elencate sopra.
Per gli interventi di importo fino ad € 300.000,00 è ammessa anche la sola disponibilità, da parte del beneficiario, dell’immobile oggetto delle opere di ristrutturazione/ampliamento. Resta comunque fermo il vincolo decennale di utilizzo.

B) Investimenti mobiliari:

  • acquisto di mobili, arredi e attrezzature destinati all’alloggio agli spazi comuni o alla fornitura di servizi aggiuntivi alla clientela, inclusi sistemi informatici hardware e software.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto in conto capitale delle seguenti intensità:

  • 30% delle spese ammissibili, in regime de minimis;
  • 20% delle spese ammissibili per le piccole imprese, secondo il Regolamento GBER;
  • 10% delle spese ammissibili per le medie imprese, secondo il Regolamento GBER.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/03/2021.


Settembre 30, 2020
cciaa-reggio-emilia-voucher-internazionalizzazione-mpmi-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Reggio Emilia sostiene l’acquisizione di servizi per favorire l’avvio e lo sviluppo del commercio internazionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, anche in forma cooperativa, aventi sede legale o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia.

Rientrano tra i beneficiari anche i consorzi di imprese costituiti da PMI nonchè le MPMI che appartengono al settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli primari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

A. Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero consistenti in:

  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi Esteri o a sfruttare determinati canali commerciali;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di Temporary Export Manager e di Digital Export Manager in affiancamento al personale aziendale.

B. Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero consistenti in:

  • realizzazione di “virtual matchmaking” ovvero di incontri d’affari B2B virtuali fra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • avvio e sviluppo della gestione di business on line attraverso l’utilizzo ed il corretto posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere internazionali all’estero.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute tra lo 01/09/2020 ed il 30/11/2021. Sono altresì ammissibili le spese sostenute in data antecedente relative ad acconti per affitto dell’area espositiva o quota d’iscrizione purché riferite ad una manifestazione che si svolga nel periodo di ammissibilità delle spese sopra richiamato.

Rientrano tra le spese ammissibili le seguenti voci:

  1. servizi di consulenza o fornitura di servizi relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  2. acquisto o noleggio di beni strumentali;
  3. realizzazione di spazi espositivi compreso il noleggio e l’allestimento, nonché interpretariato e il servizio hostess e incontri d’affari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto la cui intensità sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 5.000,00.

E’ prevista una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dal 19/10/2020 al 16/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Agosto 26, 2020
cciaa-sud-est-sicilia-voucher-formazione-lavoro-2020-valore-consulting-1280x648.jpg

FINALITÀ

La CCIAA del Sud Est Sicilia promuove l‘orientamento al lavoro, anche attraverso il collegamento scuola-lavoro e università-lavoro, oltre che al sostegno della formazione e della certificazione delle competenze.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale e/o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA del Sud Est Sicilia.

Quanto ai destinatari finali della Misura, ovvero i lavoratori, questi non devono essere stati o venire riassunti dallo stesso datore di lavoro nei 6 mesi successivi al licenziamento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l‘inserimento in azienda di risorse umane funzionali al rilancio produttivo, nei seguenti ambiti:

A. Progetti per l’inserimento di figure professionali nei settori in emergenza di rilievo territoriale colpiti in modo particolare dall’emergenza Covid-19:

  • contributi per tirocini extracurriculari della durata di almeno 3 mesi;
  • contratti di apprendistato o assunzioni a tempo determinato/indeterminato volti a sostenere le imprese e i lavoratori maggiormente colpiti dall’emergenza.

B. Progetti per l’inserimento di figure professionali con l’obiettivo di innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro:

  • contributi per tirocini extracurriculari della durata di almeno 3 mesi;
  • contratti di apprendistato o assunzioni a tempo determinato/indeterminato con l’obiettivo di innovare la gestione del lavoro e gli stessi processi aziendali attraverso l’inserimento di nuove competenze e nuove figure per l’innovazione (es. export manager, digital manager).

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • tirocini extracurriculari;
  • contratti di apprendistato;
  • assunzioni a tempo determinato o indeterminato.

Sono ammissibili le spese sostenute dal 31/01/2020 e fino al 120° giorno successivo alla data della comunicazione all’impresa del provvedimento di concessione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (Voucher) nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di:

  • € 5.000,00, per l’inserimento di figure professionali con contratti a tempo indeterminato o con contratti di apprendistato di 2° livello;
  • € 3.000,00, per l’inserimento di figure professionali con contratti a tempo determinato o con contratti di apprendistato di 1° e 3° livello;
  • € 1.500,00, per tirocini extracurriculari della durata di almeno 3 mesi.

La domanda di contributo potrà riguardare fino ad un massimo di 3 unità.

Viene riconosciuta una premialità di € 250,00 alle imprese in possesso del rating di legalità.

L’agevolazione è cumulabile, per le stesse spese ammissibili, con aiuti in regime de minims, aiuti in esenzione e aiuti concessi ai sensi del Quadro temporaneo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 21:00 del 31/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Agosto 25, 2020
marche-area-crisi-industriale-fermo-macerata-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Marche sostiene lo sviluppo produttivo e occupazionale nell’Area di Crisi Industriale Complessa Fermano-Maceratese, tramite l’attrazione di nuovi investimenti da parte di imprese ubicate in altre aree e la realizzazione di interventi di ampliamento della capacità produttiva di imprese già localizzate o di diversificazione della produzione, integrati con programmi occupazionali tesi al mantenimento o all’incremento degli addetti in azienda.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Fermo o Macerata ed esercitanti la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

    • C;
    • D;
    • E, limitatamente a 37 e 38;
    • F;
    • H, limitatamente a 52;
    • I 55, ad esclusione di 55.90.10;
    • J, limitatamente a 61, 62, 63.11.1, 63.11.2, 63.11.3, 63.12.00;
    • M, limitatamente a 71.12.40, 73.11.00, 73.11.01, 73.11.02, 74.10.10, 74.10.21, 74.10.29, 74.10.90, 74.20.12, 74.20.20, 82.30.00, 90.01.01, 90.01.09, 90.02.01, 90.02.02, 90.02.09, 90.03.02, 90.03.09, 90.04.00, 91.01.00, 91.02.00, 91.03.00, 94.99.20.

I beneficiari devono avere la loro sede legale e/o unità operativa nel territorio dei Comuni dell’Area di Crisi Industriale Complessa Fermano-Maceratese quali:

  • Carassai, Altidona, Campofilone, Fermo, Lapedona, Monterubbiano, Monte Urano, Monte Vidon combatte, Moresco, Pedaso, Petritoli, Porto San Giorgio, Monte San Martino, Penna San Giovanni, Belmonte Piceno, Falerone, Francavilla d’Ete, Grottazzolina, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Monsampietro, Morico, Montappone, Monte Giberto, Montegiorgio, Monteleone di Fermo, Monte San Pietrangeli, Monte Vidon Corrado, Montottone Ponzano di Fermo, Rapagnano, Servigliano, Torre San Patrizio, Monte San Giusto, Montegranaro, Porto Sant’Elpidio, Sant’Elpidio a mare, Civitanova Marche, Montecosaro Morrovalle, Potenza Picena, Tolentino, Corridonia.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  • realizzazione di nuovi impianti produttivi o ampliamento di impianti produttivi esistenti;
  • ampliamento o riqualificazione di impianti produttivi esistenti tramite diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi;
  • ammodernamento di impianti aziendali, anche tramite l’acquisizione di beni strumentali, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa secondo il modello “Impresa 4.0” e/o finalizzato alla tutela della sicurezza e della salute delle aziende e dei lavoratori (Covid, antisismica ecc).

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 100.000,00 e € 800.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  1. Attivi materiali quali macchinari, impianti, hardware ed attrezzature;
  2. Attivi immateriali quali brevetti, licenze, know‐how e conoscenze tecniche non brevettate, programmi informatici concernenti nuove tecnologie;
  3. Consulenza marketing finalizzata al lancio di nuovi prodotti o all’accesso a nuovi mercati di sbocco commerciale;
  4. Servizi di consulenza, redazione del business plan, spese per acquisizione servizi ICT.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura del 40% delle spese ammissibili ed è cumulabile con aiuti previsti dai regolamenti de minimis o dai regolamenti di esenzione per categoria.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Agosto 25, 2020
sardegna-gal-nuorese-baronia-riqualificazione-esercizi-commerciali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Gal Nuorese Baronia finanzia le imprese appartenenti al settore del commercio, dell’artigianato tipico, della somministrazione di cibi e bevande, dell’agroalimentare e non, migliorando le caratteristiche architettoniche delle strutture tramite piccoli spazi destinati alla promozione dell’identità culturale locale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese, singole o associate, iscritte alla CCIAA di Nuoro ed operanti nei settori commerciale, artigianale, nella somministrazione di cibi e bevande, ristorazione nonchè le agricole, agrituristiche o agricole multifunzionali.

I beneficiari devono avere sede operativa in uno dei seguenti comuni dell’area GAL Nuorese Baronia: Bitti, Loculi, Lodè, Lula, Onanì, Onifai, Orune, Osidda, Posada e Torpè.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la riqualificazione dell’offerta dei servizi.

Nello specifico verranno finanziati:

  • piccoli interventi di restyling degli interni finalizzati ad una caratterizzazione identitaria degli stessi;
  • arredi e attrezzature, limitatamente alla creazione di spazi destinati alla lettura (angolo biblioteca e mediateca con contenuti riguardanti il territorio in diverse lingue);
  • info-point;
  • angolo vetrina e degustazione dei prodotti tipici dell’area.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti categorie di spesa:

  • realizzazione del progetto;
  • spese generali quali progettazione, consulenze e garanzie fideiussorie;
  • investimenti immateriali quali sito web, software gestionali, brevetti e licenze, etc.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità è pari al 65% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di € 20.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 20/11/2020.

Le domande verranno esaminate in base ad una procedura valutativa a graduatoria.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification