Notizie e Bandi

Marzo 29, 2021
provincia-di-bolzano-investimenti-aziendali-2021-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando sostiene gli investimenti aziendali dei settori artigianato, industria, commercio e servizi.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro e piccole imprese che svolgono un’attività artigianale, industriale, commerciale o di servizio in Provincia di Bolzano, nonché i liberi professionisti e i lavoratori autonomi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti in attivi materiali o immateriali per costruire un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare il processo produttivo, ovvero:

  1. arredi;
  2. hardware;
  3. software;
  4. macchinari e impianti di produzione;
  5. macchine operatrici: autogrù, autobetoniere, autopompe per calcestruzzo;
  6. attrezzature;
  7. mezzi speciali ad uso specifico;
  8. autoveicoli per il trasporto di persone per agenti e rappresentanti di commercio;
  9. autoveicoli per il trasporto di persone per le attività di trasporto con taxi e noleggio di autovetture con conducente;
  10. veicoli per il trasporto di cose per le imprese di commercio su aree pubbliche e per quelle del settore della distribuzione automatica di alimenti e bevande.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 20% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/04/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Gennaio 25, 2021
bolzano-bando-mobilita-elettrica-2021.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Bolzano intende sostenere con contributi a fondo perduto le imprese del proprio territorio che investono nella mobilità elettrica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese iscritte nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Bolzano, nonché i liberi professionisti e i lavoratori
autonomi. Rientrano tra i beneficiari anche i consorzi e cooperative.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti riguardanti veicoli o attrezzature nuovi di fabbrica:

  • l’acquisto o il noleggio di veicoli elettrici a batteria, a celle a combustibile, veicoli elettrici a batteria con range extender, veicoli ibridi plug- in, sia leggeri che pesanti;
  • l’acquisto di biciclette cargo;
  • l’acquisto e l’installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

SPESE AMMISSIBILI

I contratti di noleggio a lungo termine e di leasing per i beni mobili devono avere una durata di almeno 2 anni.
Non rientrano tra gli interventi ammissibili gli investimenti che sono oggetto di commercio o destinati al noleggio.
Ciascun beneficiario può presentare una sola domanda all’anno. La domanda deve essere presentata prima della realizzazione dell’intervento.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, concessa in regime de minimis, assume la forma di un contributo a fondo perduto, con i seguenti massimali:

  • € 2.000,00 per i veicoli BEV, FCEV e BEV con REX;
  • € 1.000,00 per i veicoli PHEV.

Il presente contributo è raddoppiato nel caso in cui i veicoli vengano acquistati da autoscuole o imprese di trasporto con taxi.

TERMINE

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento, poiché la Misura è sempre aperta.
Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Novembre 10, 2020
isi-inail-agricoltura-2019-2020-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

Lo Stato, attraverso l’INAIL, incentiva l’acquisto o il noleggio di trattori agricoli o forestali o di macchine agricole e forestali, caratterizzati da soluzioni innovative per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore, il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende agricole.

BENEFICIARI

Asse dedicato alla generalità delle micro e piccole imprese agricole

I beneficiari sono le micro e piccole imprese agricole, anche individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, con sede legale o unità operativa nel territorio dello Stato, iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo, titolari di partita iva in campo agricolo e costituite sotto forma di impresa individuale, società agricola e società cooperativa.

Asse dedicato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria

I beneficiari sono le imprese che al loro interno possono contare sulla presenza di giovani agricoltori.

Le imprese devono risultare già costituite ed iscritte nel Registro delle imprese alla data del 06/07/2020.

INTERVENTI

Sono ammissibili i progetti di acquisto o noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricole e forestali.

L’intervento deve essere realizzato entro 12 mesi dalla comunicazione di esito positivo della verifica di ammissibilità della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale la cui intensità è pari al:

  • 40% per i progetti presentati dalla generalità delle micro e piccole imprese;
  • 50% per i progetti presentati da giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

L’agevolazione è compresa tra un minimo di € 1.000,00 ed un massimo di € 60.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere predisposta entro il 24/09/2020.

Entro il 21/12/2020 verrà comunicata la data per la presentazione della domanda e del relativo click day.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Settembre 25, 2020
investimenti-imprese-autotrasporto-merci-su-strada-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato sostiene le imprese di autotrasporto di merci per conto terzi che procedono al rinnovo del loro parco veicolare mediante l’erogazione di un contributo.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese di autotrasporto di cose per conto terzi, iscritte al Registro Elettronico Nazionale, con sede legale o unità operativa sul territorio nazionale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la radiazione per rottamazione di veicoli pesanti a motorizzazione termica fino alla classe anti inquinamento euro IV e di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate e la contestuale acquisizione di veicoli commerciali, nuovi di fabbrica, di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5 tonnellate a trazione alternativa a metano, gas naturale liquefatto ibrida ed elettrica ovvero a motorizzazione termica conformi alla normativa anti inquinamento euro VI.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo, la cui entità sarà pari nel minimo ad € 2.000,00 e nel massimo ad ad € 20.000.

Nelle tabelle sottostanti sono indicate le entità del contributo per tipologia di veicolo acquistato.

Contributi veicoli nuovi euro VI/ CNG/LNG/elettrico pari o superiori >3,5 tonnellate
MASSA COMPLESSIVA IMPORTO UNITARIO IN EURO
Pari o superiore a 3,5 tonnellate e inferiore a 7 tonnellate CNG e ibrido € 4.000,00
Pari o superiore a 7 tonnellate – inferiore a 16 tonnellate CNG e ibrido € 8.000,00
Pari o superiore a 16 tonnellate CNG-LNG ibrido ed elettrico € 20.000,00
Pari o superiore a 3,5 tonnellate – inferiore a 16 tonnellate full electric € 12.000,00
Contributi veicoli nuovi euro VI d ed euro 6 D Temp pari o superiori a 3,5 tonnellate
MASSA COMPLESSIVA IMPORTO UNITARIO IN EURO
Pari o superiore a 3,5 e inferiore a 7 tonnellate diesel euro VI euro 6/ euro 6 D Temp € 2.000,00
Pari o superiore a 7 tonnellate e inferiore a 16 tonnellate diesel euro VI € 5.000,00
Pari o superiore a 16 tonnellate diesel euro VI € 8.000,00

TERMINE

In attesa di pubblicazione del provvedimento attuativo da parte del MIT.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Agosto 21, 2020
incentivi-investimenti-autotrasporto-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sostiene le imprese di autotrasporto di merci per conto terzi nell’adeguamento del parco veicolare nonché nell’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che esercitano l’attività di autotrasporto merci per conto terzi, iscritte nel registro elettronico nazionale e all’albo degli autotrasportatori di cose per conto terzi, la cui attività prevalente sia quella di autotrasporto di cose, anche in forma di società cooperative, di consorzi e di società consortili.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto il rinnovo e l’adeguamento del parco veicolare, la radiazione per rottamazione e l’acquisizione di beni strumentali per il trasporto intermodale. Gli interventi devono essere realizzati successivamente al 28/07/2020.

Rientrano tra gli interventi ammissibili, le acquisizioni, anche mediante locazione finanziaria di:

A. automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa a metano CNG, ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (full electric) di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e fino a 7 tonnellate, veicoli a trazione elettrica superiori a 7 tonnellate;

B. automezzi industriali pesanti nuovi di fabbrica a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico), a metano CNG e gas naturale liquefatto LNG di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 7 tonnellate;

C. dispositivi idonei ad operare la riconversione di autoveicoli di massa complessiva pari a 3,5 tonnellate per il trasporto merci come veicoli elettrici;

D. acquisizione di un veicolo ad alimentazione alternativa a metano CNG, gas naturale liquefatto LNG, ibrida (diesel/elettrico) e elettrica (Full Electric), e contestualmente radiazione per rottamazione di veicoli obsoleti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo i cui massimali sono i seguenti:

  • A:
  1. € 4.000,00 per ogni veicolo CNG e a motorizzazione ibrida;
  2. € 10.000,00 per ogni veicolo elettrico di massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate;
  3. € 20.000,00 per ogni veicolo elettrico superiore a 7 tonnellate, considerando la notevole differenza di costo con i veicoli ad alimentazione diesel;
  • B:
  1. € 8.000,00 per ogni veicolo a trazione alternativa ibrida (diesel/elettrico) e a metano CNG di massa complessiva a pieno carico inferiore a 16 tonnellate;
  2. € 20.000,00 per ogni veicolo a trazione alternativa a gas naturale liquefatto LNG e CNG ovvero a motorizzazione ibrida(diesel/elettrico) di massa pari o superiore a 16 tonnellate;
  3. veicoli commerciali leggeri euro 6 D-TEMP, il contributo e’ determinato in € 2.000,00 per ogni veicolo commerciale pari o superiore a 3,5 tonnellate e inferiore a 7 tonnellate con contestuale rottamazione dei veicoli della medesima tipologia;
  4. rottamazione: € 5.000,00 per ogni veicolo euro VI di massa complessiva a pieno carico da 7 tonnellate a 16 tonnellate; € 15.000,00 per ogni veicolo euro VI di massa complessiva a pieno carico superiore a 16 tonnellate.
  •  C: 40% dei costi ammissibili, comprensivi del dispositivo e dell’allestimento con un tetto massimo pari ad € 1.000,00;
  • D: € 2.000,00, indipendentemente dal numero di veicoli rottamati; acquisto di casse e/o rimochi o semirimorchi: € 8.500,00 per l’acquisto di ciascun insieme di 8 casse e 1 rimorchio o semirimorchio.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata entro una delle seguenti finestre temporali:

  • dalle ore 10:00 del 01/10/2020 alle ore 08:00 del 16/11/2020;
  • dalle ore 10:00 del 14/05/2020 alle ore 08:00 del 30/06/2021.

Luglio 27, 2020
piemonte-sviluppo-di-un-approccio-ambientale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Piemonte supporta le imprese in un percorso di miglioramento del proprio approccio ambientale e di innovazione organizzativa.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, aventi unità locale operativa attiva in Piemonte.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono essere realizzati entro tre distinte linee d’azione:

LINEA A – VEICOLI

Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di veicoli aziendali (M1, M2, M3, N1, N2, N31 ), anche tramite leasing, utilizzati per il trasporto di persone o di merci:

  1. elettrico puro,
  2. ibrido (benzina/elettrico o diesel/elettrico solo Full Hybrid o Hybrid Plug In1 );
  3. metano esclusivo;
  4. GPL esclusivo;
  5. GNL esclusivo;
  6. EURO 6 Dtemp benzina, metano o GPL bifuel (benzina/metano e benzina/GPL);
  7. EURO 6D diesel

L’acquisto è ammissibile a fronte di una contestuale rottamazione di un veicolo aziendale (M1, M2, M3, N1, N2, N3) per il trasporto di persone o merci benzina fino a Euro 3/III incluso, ibridi benzina (benzina/metano o benzina/GPL) fino a Euro 3/III incluso e diesel fino ad Euro 5/V incluso.

Ciascuna impresa può presentare fino a dieci domande di contributo, corrispondenti a 10 veicoli acquistati a fronte di dieci veicoli aziendali rottamati.

LINEA B – VELOCIPEDI

L’intervento deve avere ad oggetto l’acquisto di velocipedi delle seguenti tipologie:

  • bicicletta a pedalata assistita;
  • bicicletta cargo o triciclo da carico, assimilabile ad un velocipide;
  • bicicletta cargo o triciclo da carico a pedalata assistita, assimilabile ad un velocipide.

Ciascuna impresa può presentare fino a dieci domande di contributo, corrispondenti all’acquisto di 10 velocipedi.

LINEA C – SMART WORKING

Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di beni o servizi utili per l’implementazione dello smart working per il personale dipendente.

SPESE AMMISSIBILI

LINEA A

I veicoli acquistati devono essere nuovi di fabbrica, omologati dal costruttore e immatricolati per prima ed unica volta in Italia. Non sono ammissibili gli acquisti di veicoli già immatricolati cosiddetti “a KM 0”. La data di acquisto e la data di immatricolazione devono essere successive al 30/11/2019.

LINEA B

I veicoli acquistati devono essere nuovi. La data di acquisto rilevabile dalla fattura deve essere successiva al 01/02/2020.

LINEA C

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. notebook, tablet e altri device purché finalizzati al lavoro a distanza;
  2. tecnologie e servizi in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza;
  3. VPN, VoiP, sistemi di Backup e ripristino dei dati Sicurezza di rete;
  4. software per servizi all’utenza (es. siti web, app, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery..);
  5. strumentazione e servizi per la connettività (es. smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne..).

La data di acquisto deve essere successiva al 01/02/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

LINEA A

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa (a pieno carico), alla tipologia, all’alimentazione e alle emissioni del veicolo, secondo le sottostanti tabelle.

LINEA B

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto così determinato:

  • € 500,00 bicicletta a pedalata assistita;
  • € 750,00 bicicletta cargo o triciclo da carico assimilabile ad un velocipede;
  • € 1.000,00 bicicletta cargo o triciclo da carico a pedalata assistita assimilabile ad un velocipede.

LINEA C

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 5.000,00, per unità locale per ciascuna provincia piemontese.

É prevista la cumulabilità con altri aiuti pubblici concessi per gli stessi costi ammissibili, fermo restando il non superamento dell’importo rendicontato.

VEICOLI ELETTRICI N1 N2 >3,5 – <7t N2 =>7 – <12 t N3 M1 M2 M3
ELETTRICO PURO € 11.000,00 € 14.000,00 € 20.000,00 € 11.000,00 € 20.000,00
VEICOLI CLASSE EURO 6 N1 N2 >3,5 – <7t N2 =>7 – <12 t N3 M1 M2 M3
IBRIDO (Full Hybrid o Hybrid Plug In) METANO (Mono e Bifuel) GPL (Mono e Bifuel) GNL € 8.000,00 € 10.000,00 € 16.000,00 € 8.000,00 € 16.000,00
Benzina € 5.000,00 € 6.000,00 € 8.000,00 € 5.000,00 € 8.000,00
Diesel € 3.000,00 € 4.000,00 € 5.000,00 € 3.000,00 € 4.000,00
Veicoli di categoria M1 EURO 6: PM10< 4,5 mg/km Emissioni CO2 Ciclo NEDC Emissioni NOX Ciclo RDE Incentivi
0 0 (elettrico) € 10.000,00
≤60 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 7.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni) € 5.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 2.500,00
60<CO2≤95 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 4.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni) € 3.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 2.000,00
95<CO2≤130 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 3.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni € 2.500,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 1.000,00
veicoli di categoria N1 EURO 6 di classe I (massa ≤ 1305 kg), di classe II (1305 kg < massa ≤ 1760 kg) e di classe III (massa > 1760 kg): PM10< 4,5 mg/km Emissioni CO2 Ciclo NEDC Emissioni NOX Ciclo RDE Incentivi
0 0 (elettrico) € 10.000,00
≤60 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 7.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni) € 5.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 2.500,00
60<CO2≤95 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 4.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni) € 3.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 2.000,00
95<CO2≤130 g/km ≤ 85.8 mg/km (Euro 6D benzina e altre motorizzazioni) € 3.000,00
≤ 126 mg/km (Euro 6Dtemp benzina e altre motorizzazioni) € 2.500,00
≤ 126 mg/km (Euro 6D diesel) € 1.000,00

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della Regione.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Giugno 22, 2020
abruzzo-aiuti-investimenti-mpmi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Abruzzo sostiene la competitività delle imprese, attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, l’innovazione dei processi produttivi, nonché l’implementazione di modelli innovativi aziendali di organizzazione del lavoro.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, iscritte nel registro delle imprese presso la CCIAA territorialmente competente ed aventi sede legale e/o unità operativa in Regione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di proposte progettuali:

  1. implementazione di un nuovo prodotto per l’impresa e/o per il mercato;
  2. innovazione del processo produttivo già avviato, mediante cambiamenti di tecniche, attrezzature e/o software;
  3. implementazione di modelli innovativi aziendali di organizzazione del lavoro, mediante l’acquisto di nuova strumentazione tecnologica e/o il supporto all’adozione di un Piano di smart working.

L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 25.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dal 06/03/2020, quali:

  1. Macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica; mezzi mobili a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni; strumentazione tecnologica finalizzata all’implementazione del lavoro in modalità smart working; macchinari e attrezzature per interventi di igienizzazione e sanificazione degli ambienti;
  2. Opere murarie ed impiantistiche, necessarie per l’installazione dei macchinari acquisiti e degli impianti produttivi;
  3. Programmi informatici, preferibilmente open source, commisurati alle esigenze produttive e gestionali del proponente;
  4. Brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  5. Servizi di Consulenza, compresi i servizi di consulenza gestionale, di assistenza tecnologica, di accesso e modifica del codice sorgente dei software open source; servizi di trasferimento di tecnologie, consulenza in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale e di accordi di licenza;
  6. Perizia giurata, rilasciata da un tecnico professionista abilitato, asseverata in tribunale;
  7. Altre spese: dispositivi di protezione individuale per la salute e la sicurezza nello svolgimento dell’attività lavorativa;
  8. Fideiussione bancaria o polizza assicurativa in favore della Regione, irrevocabile, incondizionata ed esigibile a prima richiesta.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale, la cui intensità massima sarà pari al 70% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalla mezzanotte del 02/07/2020 alla mezzanotte dell’11/07/2020.

Le domande verranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Maggio 13, 2020
emilia-romagna-gal-antico-frignano-appennino-reggiano-start-up-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna, tramite il GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano, favorisce lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali in ambito extra-agricolo al fine di sostenere processi di crescita economica e occupazionale in aree, come quella del GAL, potenzialmente soggette ad abbandono.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

A. Persone fisiche che intendono costituire micro o piccola impresa extra-agricola;

B. Imprese individuali, le società (di persone, di capitale, cooperative), i soggetti che esercitano la libera professione (in forma individuale) e le associazioni non partecipate da soggetti pubblici, con caratteristiche di micro e piccole imprese, che esercitano attività extra agricola in forma esclusiva;

I beneficiari appartenenti alla categoria A, ovvero le persone fisiche, devono avere i seguenti requisiti:

  • età pari o superiore a 18 anni al momento di presentazione della domanda;
  • non beneficiano di pensione di anzianità o vecchiaia;
  • in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’UE;
  • non sono stati titolari/contitolari di impresa nei 12 mesi antecedenti la domanda;
  • presentano un Piano di Sviluppo Aziendale di durata fino a massimo 18 mesi;
  • risultano iscritti all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione validata e fascicolo dematerializzato;
  • prevedono la creazione di una micro o piccola impresa extra-agricola.

Il beneficiario persona fisica, può costituirsi entro 60 giorni dall’atto di concessione del contributo come Ditta individuale, con la possibilità di modificare la titolarità dell’impresa a società di persone o capitali nel corso dei 3 anni di vincolo di durata dell’attività, Società di persone o Società di capitali.

I beneficiari appartenenti alla categoria B, ovvero le Micro e Piccole Imprese, nonché i liberi professionisti, devono avere i seguenti requisiti:

  • essere costituite da non più di un anno;
  • essere iscritte alla Camera di Commercio. Per i liberi professionisti essere in possesso di Partita Iva;
  • aver fatto richiesta di apertura della Partita Iva da non più di 1 anno dalla data di presentazione della domanda;
  • risultare iscritte all’Anagrafe regionale delle Aziende Agricole con posizione aggiornata, validata e fascicolo dematerializzato;
  • presentare un Piano di Sviluppo Aziendale di durata massima di 18 mesi;
  • avere, in caso di società, durata del contratto societario almeno pari a quella del periodo di vincolo di destinazione delle opere;
  • avere una posizione previdenziale regolare.

I beneficiari devono avere o dovranno avere la sede legale e/o l’unità operativa nel territorio dei seguenti Comuni:

  • Provincia di Reggio Emilia: Baiso, Canossa, Carpineti, Casina, Castelnovo Ne’ Monti, Toano, Ventasso, Vetto, Viano, Villa Minozzo;
  • Provincia di Modena: Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Guiglia, Lama Mocogno, Marano sul Panaro, Montecreto, Montefiorino, Montese, Palagano, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Prignano sulla Secchia, Riolunato, Serramazzoni, Sestola, Zocca.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la costituzione di micro o piccole imprese extra-agricole da parte di persone fisiche e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali in ambito extra-agricolo da parte di micro e piccole imprese.

L’intervento ammissibile deve avere un valore complessivo compreso tra € 10.000,00 e € 100.000,00.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda di contributo.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono costituite da:

  1. costruzione/ristrutturazione immobili destinati all’attività extra agricola;
  2. arredi funzionali all’attività extra agricola;
  3. macchinari, impianti, attrezzature per la lavorazione/trasformazione/conservazione e vendita dei prodotti e servizi offerti o somministrati;
  4. opere, attrezzature ed impianti finalizzati al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o erogazione dei servizi, compresi l’isolamento termico degli edifici e la razionalizzazione e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento e condizionamento, nonché opere relative al il riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti;
  5. veicoli funzionali alle attività extra agricola;
  6. investimenti immateriali quali acquisizione/sviluppo programmi informatici, acquisizione di licenze per uso di brevetti o software informatici, promozione e comunicazione;
  7. spese generali quali onorari di professionisti/consulenti, spese notarili e studi di fattibilità.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura del 60% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 17:00 del 25/09/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Aprile 29, 2020
toscana-microcredito-imprese-danneggiate-dal-sisma.jpg

FINALITÀ

La Regione Toscana favorisce una rapida ripresa delle imprese che hanno subito danni indiretti a seguito dell’evento sismico del 9 dicembre 2019.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le Micro, Piccole e Medie Imprese, nonché i liberi professionisti, con i seguenti requisiti:

  1. iscritti alla CCIAA competente per territorio; se liberi professionisti, in possesso di Partita IVA;
  2. sede legale e/o operativa nei Comuni di Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Firenzuola, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Scarperia San Piero, Vaglia, Vicchio;
  3. non hanno cessato l’attività;
  4. non hanno presentato domanda a valere sul bando di microcredito a seguito di calamità naturali approvato con DD 15758/2019 e ss.mm.ii.;
  5. esercitano un’attività economica rientrante nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche ATECO ISTAT 2007:
  • B – Estrazione di minerali da cave e miniere;
  • C – Attività manifatturiere;
  • D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
  • E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
  • F – Costruzioni;
  • G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio, con esclusione delle seguenti categorie: 45.11.02, 45.19.02, 45.31.02, 45.40.12, 45.40.22 e del gruppo 46.1;
  • H – Trasporto e magazzinaggio;
  • I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione;
  • J – Servizi di informazione e comunicazione;
  • M – Attività professionali, scientifiche e tecniche;
  • N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
  • P – Istruzione, limitatamente al gruppo 85.52;
  • Q – Sanità e assistenza sociale, ad eccezione del gruppo 86.1;
  • R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento;
  • S – Altre attività di servizi, limitatamente alla divisione 95 e 96;

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di finanziamento per i danni indiretti subiti a causa del sisma del dicembre del 2019.

Il danno deve essere individuato come decremento del fatturato in misura pari o superiore al 10% nel periodo compreso tra il 9/12/2019 e l’8/06/2020 rispetto al valore mediano del corrispondente periodo del triennio 2018 – 2017 – 2016.

Il decremento di fatturato deve essere compreso tra € 5.000,00 ed € 20.000,00. L’agevolazione non può in ogni caso superare l’importo del danno indiretto dichiarato.

Ogni beneficiario potrà presentare una sola domanda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le seguenti voci di spesa:

  • per investimenti:
  1. macchinari, attrezzature, ivi compresi gli automezzi, ed arredi (anche usati);
  2. opere murarie comprese quelle per l’adeguamento funzionale dell’immobile per la ristrutturazione dei locali;
  3. investimenti atti a consentire che l’impresa operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’ambiente e del consumatore.
  • per liquidità:
  1. scorte di materie prime, semilavorati e/o prodotti finiti;
  2. spese generali come utenze, affitto, stipendi.

Le spese ammissibili possono essere sostenute dal giorno successivo alla presentazione della domanda, fatta eccezione per i costi relativi al personale che saranno ammessi a partire dal 09/12/2019.

Le spese devono essere sostenute entro 12 mesi dalla data di comunicazione di concessione dell’agevolazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un finanziamento agevolato a tasso zero, non supportato da garanzie personali e reali.

L’importo del finanziamento va da un minimo di € 5.000,00 ad un massimo di € 20.000,00.

La durata del finanziamento va da 36 a 120 mesi con un preammortamento di 24 mesi ed un preammortamento tecnico di massimo 30 giorni.

Gli aiuti concessi con il presente bando possono essere cumulati con altri aiuti di stato.

TERMINE

La domanda può essere presentata fino al 17/02/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Marzo 23, 2020
valle-di-aosta-sviluppo-attività-extra-agricole-valore-consulting-1280x880.png

FINALITÀ

Il GAL Valle d’Aosta promuove interventi volti a rafforzare il tessuto economico e sociale e lo sviluppo occupazionale delle aree rurali, sostenendo le microimprese del territorio dell’area GAL che comprende tutti i Comuni della Valle d’Aosta, ad esclusione del Comune di Aosta.

Gli obiettivi specifici che si vogliono perseguire sono:

  • favorire lo sviluppo di nuove occasioni di lavoro nei settori commercio, artigianato, turismo, servizi e innovazione tecnologica, in particolare giovanile;
  • incoraggiare e supportare lo sviluppo di infrastrutture e di servizi per il turismo, oltre che per la popolazione residente.

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  • Micro Imprese;
  • Lavoratori autonomi titolari di partita IVA;
  • Soggetti privati singoli o in forma societaria che intendono avviare nuove microimprese;
  • Reti costituite da Micro imprese e create per l’innovazione e lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie.

Tutti i soggetti devono avere sede legale e/o unità operativa nel territorio del GAL.

Le micro imprese, che si possono presentare in forma individuale, societaria o cooperativa, devono essere titolari di partita IVA ed essere iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio.

I beneficiari, inoltre, devono possedere queste ulteriori caratteristiche:

  • essere proprietari od usufruttuari dei beni immobili per i quali intendono effettuare gli investimenti previsti nel progetto;
  • essere possessori/detentori dei beni immobili per i quali intendono effettuare gli investimenti;
  • essere titolari di un fascicolo aziendale SIAN validato;
  • essere iscritti al Registro delle Imprese della Camera di Commercio;
  • rispettare quanto previsto dalle norme vigenti in materia di regolarità contributiva;
  • essere in regola la disciplina prescritta dal regolamento de minimis;
  • aver ottenuto un punteggio minimo pari a 30 a seguito dell’applicazione dei criteri di selezione del presente Bando.

I beneficiari devono svolgere le seguenti attività economiche:

  • micro-ricettività: rifugi alpini e bivacchi fissi, posti tappa escursionistici (dortoirs), esercizi di affittacamere, case e appartamenti per vacanze;
  • ristorazione, fornitura di servizi turistici, servizi di supporto alle aree protette, attività ricreative legate al territorio, alle tradizioni e alla cultura locali, nuovi servizi turistici riferiti a target specifici (ad es. servizi per il cicloturista, l’escursionista, il trailer, famiglie, circuiti legati al benessere psico-fisico o di conoscenza del territorio ecc.);
  • produzione e/o vendita di prodotti tipici locali (gastronomici, artistici), collegati a finalità turistiche;
  • produzione e/o vendita di prodotti artigianali tipici, purché collegati a finalità turistiche.

Il beneficiario non deve avere ottenuto altre agevolazioni per gli stessi investimenti oggetto del Bando.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto le seguenti attività non agricole:

  • per le attività microricettive: recupero, ristrutturazione o miglioramento di beni immobili, finalizzati alla realizzazione di stanze e locali o al loro adeguamento agli standard previsti dalle norme specifiche;
  • per le altre attività:
    • costruzione, ristrutturazione e ammodernamento dei fabbricati per lo svolgimento delle attività e/o al loro adeguamento agli standard previsti dalle norme specifiche;
    • ampliamenti, nell’ambito di opere di ammodernamento o ristrutturazione dei fabbricati, necessari per gli adeguamenti tecnologici e igienico-sanitari, a volumi tecnici e per l’eliminazione delle barriere architettoniche;
    • sistemazione delle aree esterne che interessano l’attività.

L’intervento ammissibile deve avere un valore compreso tra € 50.000,00 e € 200.00,00.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda. L’intervento deve concludersi entro 18 mesi dal momento in cui è stato emesso il provvedimento di concessione.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono avere ad oggetto:

  • acquisto di nuovi impianti, macchinari, attrezzature, arredi e forniture per lo svolgimento dell’attività;
  • allestimento interni ed esterni;
  • acquisto di mezzi modificati ed adattati per il trasporto di prodotti particolari, esclusivamente finalizzati all’attività artigianale o produttivi (es. furgoni frigo);
  • segnaletica per migliorare la visibilità e l’accessibilità dell’azienda;
  • spese generali come studi di fattibilità, progettazione, direzione lavori e sicurezza;
  • acquisto di software e programmi informatici e realizzazione di siti internet.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale pari al 50% della spesa complessiva ammissibile, fino ad un massimo di 100.000,00 €.

TERMINE

La domanda deve essere effettuata entro le ore 12.00 del 09/06/2020.

Verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification