Notizie e Bandi

Gennaio 7, 2021

FINALITA’

L’agevolazione promuove la diffusione della cultura e della pratica digitale in ottica Impresa 4.0 attraverso il sostegno economico alle aziende del territorio.

BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni le Micro, Piccole e Medie Imprese aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Treviso‐Belluno.

INTERVENTI

Si intendono finanziare, tramite contributi a fondo perduto, gli investimenti relativi a:

MISURA A – acquisizione di servizi di consulenza finalizzati all’introduzione delle seguenti tecnologie di innovazione tecnologica I4.0:

  • soluzioni per la manifattura avanzata;
  • manifattura additiva;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa del e nell’ambiente reale (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • Industrial Internet e IoT;
  • cloud;
  • cybersicurezza e business continuity;
  • big data e analytics;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della supply chain e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
  • software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
  • sistemi di e‐commerce;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet ì’0i8jnhb  fatturazione elettronica;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
    • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in‐store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi.

A titolo esemplificativo, la Misura può permettere all’azienda di:

  • misurare la propria maturità digitale ed identificare i propri bisogni di innovazione;
  • ottenere consulenza specialistica relativa all’impiego nella propria realtà produttiva delle succitate tecnologie.

MISURA B – acquisto di beni strumentali.

La Misura può permettere all’azienda di effettuare investimenti in beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale strettamente connessi al progetto di digitalizzazione aziendale secondo il modello Impresa 4.0.

Spese ammissibili

Nell’ambito della Misura A sono ammissibili solo i costi direttamente riguardanti la fornitura dei servizi di consulenza previsti dal Bando.

I servizi di consulenza non potranno in nessun caso ricomprendere le seguenti attività:

  • assistenza per acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.);
  • supporto e assistenza per adeguamenti a norme di legge o di consulenza/assistenza relativa, in modo preponderante, a tematiche di tipo fiscale, finanziario o giuridico.

Nell’ambito della Misura B non sono ammissibili spese per l’acquisto di beni destinati ad essere ceduti in comodato d’uso a terzi nonché investimenti effettuati in leasing, con contratto di locazione o altre forme assimilabili.

Eventuali costi di installazione, montaggio e allacciamento, qualora evidenziati a parte, sono ammissibili entro il limite massimo del 10% del valore dei beni acquistati.

Tutte le spese devono essere sostenute dal giorno successivo a quello di pubblicazione del Bando fino al termine ultimo per la presentazione della domanda.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di contributi a fondo perduto.

L’intensità del contributo è pari al 50% della spesa sostenuta e effettivamente ammissibile, al netto di IVA e di altre imposte e tasse.

I contributi riferiti all’acquisizione dei servizi di consulenza saranno erogati con l’applicazione della ritenuta d’acconto del 4%. L’agevolazione rientra in regime “de minimis”.

Il contributo è assegnato alle imprese secondo i valori riportati nella seguente tabella:

Misura Investimento minimo Importo massimo del contributo
Acquisto di servizi di consulenza € 2.000,00 € 5.000,00
Acquisto di beni strumentali € 5.000,00 € 12.000,00
Importo massimo del contributo erogabile € 17.000,00
Importo massimo del contributo erogabile nei casi di aiuti concessi alle imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli € 15.000,00

 

TERMINE

Le richieste di contributo devono essere presentate dal 04/02/2019 fino ad esaurimento delle risorse e, comunque, entro e non oltre il 30/04/2019.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Dicembre 18, 2020
citta-metropolitana-di-venezia-area-crisi-industriale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il MISE rilancia le attività industriali e sostiene i programmi di investimento e sviluppo imprenditoriale nel territorio del Comune di Venezia appartenente all’Area di Crisi Industriale Complessa.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole, medie e grandi imprese già costituite in forma di società di capitali, nonchè le società consortili, le società cooperative e le reti di imprese, costituite da un numero minimo di 3 e un massimo di 6 imprese, mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di:

  1. programmi di investimento produttivo o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione e da progetti per la formazione del personale;
  2. programmi occupazionali finalizzati ad incrementare o a mantenere il numero degli addetti dell’unità produttiva.

I programmi di investimento produttivo devono essere diretti a:

  • realizzazione di nuove unità produttive tramite l’adozione di soluzioni tecniche, organizzative e/o produttive innovative;
  • ampliamento o riqualificazione di unità produttive esistenti tramite diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi o cambiamento del processo produttivo;
  • realizzazione di nuove unità produttive o ampliamento di unità produttive esistenti;
  • acquisizione di attivi di uno stabilimento.

I programmi di investimento per la tutela ambientale devono essere diretti a:

  • innalzare il livello di tutela ambientale risultante dalle attività dell’impresa;
  • consentire l’adeguamento anticipato a nuove norme dell’Unione europea che innalzano il livello di tutela ambientale;
  • ottenere una maggiore efficienza energetica;
  • favorire la cogenerazione ad alto rendimento;
  • promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • risanare i siti contaminati;
  • riciclare e riutilizzare i rifiuti.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le voci di spesa relative a:

  1. suolo aziendale e sue sistemazioni;
  2. opere murarie e infrastrutture specifiche aziendali ;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature;
  4. programmi informatici;
  5. immobilizzazioni immateriali;
  6. beni strumentali, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni assumeranno la forma di un contributo in conto impianti, un contributo diretto alla spesa e un finanziamento agevolato.

Il finanziamento agevolato concedibile è pari ad una percentuale compresa tra il 30% e il 50% degli investimenti ammissibili.

Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono determinati, in relazione all’ammontare del finanziamento agevolato; la somma delle tre tipologie di agevolazione non può essere superiore al 75% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande possono essere presentate dalle ore 12:00 del 18/01/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 2, 2020
veneto-innovazione-tecnologica-organizzativa-commerciale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene le attività di innovazione e di trasferimento delle conoscenze presso le imprese, favorendo i processi di progettazione e sperimentazione delle soluzioni innovative, incentivando la brevettazione e il trasferimento dei risultati della ricerca.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi la sede legale o l’unità locale iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA competente.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Innovazione tecnologica: interventi di innovazione di prodotto e di servizio dalla fase di generazione delle idee alla progettazione, sperimentazione e prototipazione.

Sono compresi:

  • A1. Innovazione nella fase di concetto: generazione di nuove idee di prodotto e servizio, esplorazione delle alternative tecnologiche e di design, previsione di migliorare il prodotto esistente;
  • A2. Innovazione nelle fasi di progettazione e sperimentazione: servizi orientati alla progettazione dettagliata di prodotti e di processi produttivi o alle fasi successive nelle;
  • A3. Assistenza alla gestione della proprietà intellettuale finalizzata:
    • all’ottenimento o all’estensione di brevetti a livello europeo o internazionale, alla loro convalida e difesa;
    • all’ottenimento e al deposito di altri attivi immateriali quali marchi, licenze, know-how esclusivi, disegni e modelli di utilità.

Innovazione strategica: interventi di miglioramento del posizionamento competitivo dell’impresa attraverso una migliore offerta di valore al cliente o una maggiore efficienza nella gestione degli investimenti.

Sono compresi:

  • B1. Innovazione strategica per l’introduzione di nuovi prodotti/servizi: servizi finalizzati alla riduzione del rischio derivante dall’introduzione di nuovi prodotti/servizi, al fine di accrescere le probabilità di successo sul mercato;
  • B2. Innovazione del modello di business: servizi finalizzati alla riprogettazione dell’offerta per massimizzare il valore delle risorse e delle competenze limitando gli investimenti.

Innovazione organizzativa: predisposizione di un nuovo metodo organizzativo che preveda l’adozione di nuove procedure gestionali o il cambiamento delle strutture organizzative.

Sono compresi:

  • C1. Up-Grading organizzativo: servizi di consulenza e affiancamento volti ad orientare le imprese nel cambiamento organizzativo;
  • C2. Efficientamento produttivo: servizi di misurazione dell’efficienza operativa aziendale in riferimento all’attività manifatturiera, logistica o terziaria;
  • C3. Processi di innovazione aziendale: servizi propedeutici all’implementazione dei sistemi di gestione aziendali con l’obiettivo di ottenerne la certificazione;
  • C4. Innovazione organizzativa mediante gestione temporanea di impresa: servizi strategici di gestione completa e temporanea di un’azienda finalizzatii ad affrontare situazioni di criticità o di sviluppo e a garantire l’accrescimento delle competenze manageriali in azienda.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per i servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione coerenti con l’intervento ammissibile.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nelle misure riportate in tabella.

TIPOLOGIA DI SERVIZIO SPECIALISTICO % DI SOSTEGNO
A1. Innovazione nella fase di concetto 40%
A2. Innovazione nelle fasi di progettazione e sperimentazione 40%
A3. Assistenza alla gestione della proprietà intellettuale 40%
B1. Innovazione strategica per l’introduzione di nuovi prodotti/servizi 40%
B2. Innovazione del modello di business 40%
C1. Up-Grading organizzativo 30%
C2. Efficientamento produttivo 30%
C3. Processi di innovazione aziendale 30%
C4. Innovazione organizzativa mediante gestione temporanea di impresa 30%

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 16/02/2021 alle ore 17:00 del 23/02/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Novembre 2, 2020
cciaa-padova-abbattimento-interessi-su-finanziamenti-settore-turismo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Padova sostiene le imprese del settore turismo nel contrastare le difficoltà finanziarie conseguenti all’emergenza sanitaria da Covid-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, anche sotto forma di cooperative o consorzi, le quali esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori: 49.31, 49.32, 49.39, 55 (ad eccezione del 55.90.10), 56.10.12, 79.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la richiesta di un contributo finalizzato all’abbattimento del tasso d’interesse e delle spese bancarie sui finanziamenti richiesti, concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari iscritti all’Albo unico, con contratti stipulati dal 23/02/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 100% del tasso di interesse effettivo e delle spese bancarie sostenute fino a un massimo di € 1.500,00.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 19:00 del 07/12/2020 e saranno esaminate mediante una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 19, 2020
veneto-ocm-vino-promozione-2020-2021-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto concede contributi per lo svolgimento di azioni di promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi (extra UE).

BENEFICIARI

I beneficiari sono:

  1. organizzazioni professionali, purché abbiano tra i loro scopi la promozione dei prodotti agricoli;
  2. organizzazioni di produttori di vino;
  3. associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. organizzazioni interprofessionali;
  5. consorzi di tutela e loro associazioni e federazioni;
  6. produttori di vino;
  7. soggetti pubblici, con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  8. associazioni temporanee di impresa e di scopo;
  9. consorzi, associazioni, federazioni e società cooperative;
  10. reti d’impresa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. relazioni pubbliche, promozione e pubblicità che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;
  2. partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  3. campagna d’informazione delle indicazioni geografiche DOP e IGP e della produzione biologica vigenti nell’Unione;
  4. studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e di promozione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nelle misure riportate in tabella:

Contributo minimo per progetto (regionale o multiregionale) € 50.000,00
Contributo minimo per paese € 25.000,00
Contributo minimo per ogni singolo beneficiario e per paese € 5.000,00
Contributo massimo per progetti regionali per progetto € 650.000,00
Contributo massimo per progetti regionali per singolo beneficiario € 325.000,00
Contributo massimo per progetti regionali per i consorzi di tutela riconosciuti che sostengono almeno il 25% della spesa € 650.000,00
Contributo massimo per progetti multiregionali per progetto € 400.000,00
Contributo massimo per progetti multiregionali per progetto, se tra i beneficiari rientra un consorzio di tutela che sostiene almeno il 25% della spesa ammessa del progetto € 1.000.000,00

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 25/11/2020.


Ottobre 2, 2020
veneto-giovani-imprese-digitali-intelligenza-artificiale-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto favorisce lo sviluppo strutturale e infrastrutturale telematico delle imprese e l’impiego delle tecnologie digitali al fine di costruire l’e-government veneto.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese del settore digitale, costituite da persone fisiche o da società con maggioranza numerica dei soci e/o degli amministratori under 35.

I beneficiari devono avere la sede legale e/o l’unità locale nella Regione Veneto ed essere iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese “Startup e PMI Innovative”.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto servizi e/o applicazioni basati sull’Intelligenza Artificiale che, a titolo esemplificativo, fanno riferimento a:

  • robotics;
  • planning;
  • speech;
  • vision;
  • expert systems,
  • natural language processing;
  • machine learning.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • servizi infrastrutturali e acquisto, noleggio o leasing di dispositivi tecnico-specialistici, attrezzature tecnologiche e strumentazione informatica;
  • canoni e costi per l’utilizzo di piattaforme cloud;
  • costi di copyright per l’acquisto di modelli o algoritmi sviluppati;
  • supporto specialistico diretto alla definizione del modello o delle soluzioni adottate;
  • acquisizione di brevetti, licenze e software specifici;
  • spese del personale impiegato nella realizzazione dell’intervento.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura del 50% delle spese ammissibili.

Il contributo complessivo deve essere compreso tra € 40.000,00 e € 120.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 15/01/2021.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 24, 2020
veneto-adeguamento-igienico-sanitario-strutture-ricettive-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene le imprese turistico-ricettive che abbiano dovuto o debbano sostenere interventi per adeguare le proprie strutture al rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese le quali gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive attive, la cui sede operativa sia localizzata nei comuni della Regione del Veneto aderenti ad una Organizzazione di Gestione della Destinazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’adeguamento delle strutture turistico-ricettive al rispetto delle prescrizioni igienico-sanitarie, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • macchinari e dotazioni per sanificazione e igienizzazione;
  • interventi da parte di ditte specializzate per attività di pulizia e sanificazione della struttura e degli impianti ad aria condizionata;
  • bagni chimici separati;
  • distanziatori e strumenti di protezione per offerta ristorativa;
  • dotazioni e presidi medico-sanitari e di primo soccorso;
  • materiali di igienizzazione e dispositivi di protezione individuali per personale e clienti.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura del 70% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 14.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 13/10/2020 alle ore 17:00 del 29/10/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 23, 2020
veneto-attivazione-aggregazioni-pmi-settore-turistico-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando promuove lo sviluppo di aggregazioni di PMI per la realizzazione di interventi che favoriscano la ripresa della domanda turistica dopo l’emergenza COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le aggregazioni di imprese costituite nella forma di Rete di imprese, Associazione temporanee di impresa o di scopo e Consorzi.

Tali aggregazioni devono essere composte da almeno 15 micro, piccole e medie imprese, con sede legale e/o unità operativa in Regione e iscritte al Registro delle imprese o al REA presso la CCIAA competente per territorio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto attività di attivazione, sviluppo, consolidamento di aggregazioni di PMI per la realizzazione di interventi su mercati nazionali e internazionali che favoriscano la ripresa della domanda turistica, dopo l’emergenza COVID 19, verso destinazioni e prodotti turistici della regione in linea con l’immagine coordinata della Regione «Veneto, the Land of Venice».

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  1. acquisto di beni mobili e servizi funzionali all’adeguamento dei prodotti turistici ai mercati target;
  2. assistenza tecnico-specialistica prestata da soggetti esterni all’aggregazione per lo sviluppo e il coordinamento operativo delle attività del progetto;
  3. predisposizione o revisione del sito internet del progetto e per la sua pubblicizzazione;
  4. altre spese per la promozione e la commercializzazione dei prodotti turistici dell’aggregazione di imprese;
  5. spese notarili per la costituzione/aggiornamento dell’aggregazione;
  6. garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi;
  7. personale dipendente per la promozione;
  8. spese di consulenza da parte di agenzie di marketing o professionisti con esperienza nell’ambito del marketing turistico;
  9. spese per la partecipazione a fiere nei “mercati obiettivo”;
  10. spese di personale dipendente per la partecipazione a fiere.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari al 80% della spesa ammissibile in regime de minimis e al 50% secondo il Regolamento GBER.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 10:00 del 05/11/2020 alle ore 17:00 del 25/02/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 21, 2020
veneto-investimenti-innovativi-digitali-settore-turistico-ricettivo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto promuove investimenti innovativi in ambito digitale nel sistema ricettivo-turistico, che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa in modo da consentirne la rigenerazione e il riposizionamento.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese le quali gestiscono o sono proprietarie di strutture ricettive attive, la cui sede operativa sia localizzata nei comuni della Regione Veneto aderenti ad una Organizzazione di Gestione della Destinazione.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

Interventi innovativi per attività di acquisto/consulenza relativi a:

  • hardware/software per videoconferenze;
  • sistemi e soluzioni per lo smartworking e il telelavoro;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security, risk management e business continuity;
  • intelligenza artificiale e machine learning;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendal;
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • soluzioni tecnologiche digitali per favorire forme di distanziamento sociale dettate daL Covid-19;

Interventi volti a favorire la connettività a banda ultra larga per l’impresa ricettiva:

  • aggiornamento del sito web e/o adeguamento a standard di sicurezza, interoperabilità e accessibilità;
  • assistenza tecnica per l’utilizzo dei software o per l’utilizzo del Destination Management System regionale

Intervento obbligatorio per software di performance su occupazione posti letto/camere, ADR, REVPAR

Intervento obbligatorio per software per la di trasmissione contestuale dei dati relativi alla statistica turistica, ai dati di PS relativi agli ospiti della struttura ricettiva e i dati relativi all’imposta di soggiorno ove applicata, per le strutture ricettive complementari e per strutture ricettive in ambienti naturali.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute dopo il 01/03/2020 pagate dal beneficiario entro la data di chiusura del piano di interventi.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 100% delle spese ammissibili, fino a un massimo di € 6.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dalle ore 10:00 del 20/10/2020 alle ore 17:00 del 05/11/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


Settembre 18, 2020
veneto-ocm-vino-investimenti-valore-consulting-1280x851.jpg

FINALITÀ

La Regione Veneto sostiene gli investimenti diretti a migliorare il rendimento globale delle imprese e il loro adeguamento alle richieste del mercato.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese aventi sede legale o unità locale iscritte alla CCIAA della Regione Veneto;

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti materiali o immateriali in impianti di trattamento e in infrastrutture vinicole, nonché in strutture e strumenti di commercializzazione.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili sono quelle per:

  • botti in legno, comprese le barriques, per l’affinamento dei vini di qualità;
  • attrezzature per trasformazione e commercializzazione prodotti vitivinicoli, comprese le componenti impiantistiche;
  • attrezzature di laboratorio per l’analisi chimico-fisica delle uve, dei mosti e dei vini finalizzate al campionamento;
  • allestimento punti vendita al dettaglio aziendali ed extra-aziendali: acquisto di attrezzature e elementi di arredo, esposizione e degustazione prodotti vitivinicoli;
  • attrezzature informatiche e relativi programmi finalizzati alla gestione aziendale, controllo degli impianti tecnologici finalizzati alla trasformazione del prodotto;
  • spese generali, quali onorari di architetti, ingegneri e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale nella misura del 40% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 15/11/2020.

Le domande saranno esaminate mediante una procedura valutativa a graduatoria.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification