Notizie e Bandi

Gennaio 18, 2021
bolzano-trentino-alto-adige_bando-contributi-capitalizzazione-startup.jpg

FINALITA’

La Provincia Autonoma di Bolzano intende favorire la capitalizzazione di imprese a carattere innovativo in fase di avviamento, prevedendo contributi per le startup innovative.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le startup e le persone fisiche che abbiano già avviato o intendano avviare un’impresa a carattere innovativo in Trentino-Alto Adige.

INTERVENTI

I progetti dovranno incentrarsi sulle seguenti aree tematiche: green economy, salute e benessere, tecnologie di ultima generazione.

Nello specifico gli ambiti progettuali definiti dal bando sono i seguenti:

  • energia e ambiente;
  • tecnologie agroalimentari;
  • tecnologie alpine;
  • trattamenti di cura naturali e tecnologie medicali;
  • ICT e automation;
  • industrie creative;
  • tecnologie trasversali, quali microelettronica, elettronica, microrobotica, meccatronica, nuovi materiali e nano- tecnologie, con particolare attenzione alle applicazioni nei settori tradizionali dell’economia altoatesina.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione, assume la forma di un contributo compreso tra € 40.000,00 ed € 200.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 31/03/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Dicembre 21, 2020
provincia-autonoma-di-trento-locazione-affitto-di-azienda-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene i proprietari di immobili locati destinati allo svolgimento di attività produttive, commerciali, professionali o del terzo settore.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che:

  1. possiedono almeno un immobile situato sul territorio provinciale e locato ad uso non abitativo al momento della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale destinato allo svolgimento di attività produttive, commerciali, professionali o del terzo settore o, nel caso di affitto di azienda o di un suo ramo, possiedono un’azienda situata sul territorio provinciale e locata al momento della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale;
  2. hanno rinunciato, anche parzialmente, ai canoni di locazione e al corrispettivo per l’affitto d’azienda/ramo d’azienda, relativi ai mesi di marzo-aprile-maggio 2020 nei confronti di operatori economici le cui attività sono state sospese dai provvedimenti statali volti a fronteggiare l’emergenza sanitaria in atto oppure che hanno subito una significativa diminuzione di attività;
  3. non hanno richiesto per il medesimo immobile la maggiorazione del contributo provinciale che spetta in materia di canone di locazione a quei soggetti economici che impiegano fino a 9 addetti.

INTERVENTI

Il beneficiario deve aver rinunciato, anche parzialmente, ai canoni di locazione relativi ai mesi di marzo, aprile o maggio 2020 nei confronti di operatori economici locatari le cui attività sono state sospese dai provvedimenti statali volti a fronteggiare l’emergenza sanitaria in atto oppure che hanno subito una significativa riduzione di attività nel predetto arco temporale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto, la cui intensità è pari al 40% dell’ammontare totale dei canoni di locazione o affitto d’azienda/ramo d’azienda rinunciati dal beneficiario per i mesi di marzo, aprile, maggio 2020.

La misura massima del contributo non può essere superiore ad € 1.200,00 per ciascun immobile o ramo di azienda.

La presente agevolazione è cumulabile con altri incentivi, anche finanziari, emanati a livello nazionale e provinciale per fronteggiare l’attuale crisi economico – finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro il 31/03/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 3, 2020
provincia-autonoma-di-trento-contributo-a-fondo-perduto-grandi-perdite-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento concede contributi a favore degli operatori economici che occupano non più di venti addetti e che hanno subito danni ingenti in riferimento al volume di attività in conseguenza dell’epidemia di COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono gli operatori economici, in una qualsiasi delle forme giuridiche consentite, che esercitano attività di impresa commerciale, ovvero attività di lavoro autonomo.

INTERVENTI

I beneficiari devono aver subito un danno particolarmente ingente in conseguenza del COVID-19 derivante alternativamente da:

  1. calo del volume di attività di almeno il 75% nel periodo di osservazione (minimo quattro mesi continuativi nel periodo giugno-novembre 2020, anche non decorrente dal primo giorno del mese) rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente;
  2. sede legale o unità operativa nei territori comunali caratterizzati, nel periodo 15/11/2020 – 15/12/2020 e per almeno 10 giorni continuativi, da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto, con i seguenti massimali:

  • per i beneficiari di cui al punto 1. del precedente paragrafo:
  1. € 6.000,00 – da 1 a 3 addetti;
  2. € 10.000,00 – fino a 6 addetti;
  3. € 15.000,00 – fino a 20 addetti;
  4. beneficiari neo costituiti – € 6.000,00;
  • per i beneficiari di cui al punto 2. del precedente paragrafo:
  1. € 3.000,00 – da 1 a 6 addetti;
  2. € 5.000,00 – fino a 20 addetti;
  3. beneficiari neo costituiti – € 3.000,00.

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi, anche finanziari, nel rispetto delle disposizioni in materia di cumulo previste dalle pertinenti normative dell’Unione europea.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 dell’11/02/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Dicembre 2, 2020
provincia-autonoma-di-trento-investimenti-e-consulenze-covid-19-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese erogando loro contributi da utilizzare in compensazione fiscale nell’ambito di spese sostenute per investimenti e consulenze in materia di COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie e grandi imprese, consorzi di imprese, reti di imprese con soggettività giuridica, gli enti e le associazioni per le attività di impresa, nonché le associazioni di categoria, che svolgono un’attività economica individuata dai seguenti codici ATECO: 01.6; 02; categoria B; categoria C; 37; 38; 39; categoria F (escluso 41.1); categoria G (tranne 47.73); categoria H; 55 (escluso 55.20.52); 56; categoria J (tranne 59.14); 66.19.21; 66.22.02; 66.22.03; 68.31; 69.20.14; 71.20.10; 72; 73.11; 74.10.10; 74.2; 74.3; 74.90.21; 77.1; 78.2; 79.1; 80.1; 81.2; 81.3; 82.19; 82.2; 82.3; 82.92; 82.99.2; 82.99.4; 82.99.9; 85.53; 88; 90; 91; 92.00.01; 92.00.09; 93.1; 93.21; 93.29.1; 93.29.2; 93.29.3; 93.29.9; 94.11; 95; 96.01; 96.02; 96.03; 96.04; 96.09.

Le imprese devono avere sede legale o unità operativa nel territorio provinciale ed essere iscritte al Registro delle Imprese della CCIAA di Trento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. acquisto di attrezzature e interventi volti a contrastare il diffondersi del virus COVID-19;
  2. acquisto di strumenti e applicativi per lo smart working;
  3. consulenze volte ad ampliare la diffusione dello smart working e che introducano innovazioni nei modelli organizzativi sul piano lavorativo;
  4. consulenze per l’implementazione di modelli organizzativi e produttivi volti a contrastare il diffondersi del virus COVID-19 e ad adeguarsi alle nuove esigenze di distanziamento sociale.
DIMENSIONE IMPRESA INVESTIMENTO MINIMO INVESTIMENTO MASSIMO
Fino a 10 addetti € 5.000,00 € 300.000,00
Da 11 a 50 addetti € 10.000,00 € 300.000,00
Fino a 250 addetti € 40.000,00 € 300.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • investimenti immobiliari:
  1. opere immobiliari inerenti l’ampliamento e la ristrutturazione di edifici;
  2. installazione di impianti connessi agli immobili;
  3. opere di allacciamento idrico, fognario e di energia, installazione e sostituzione di impianti;
  4. opere di recinzione e sistemazione delle aree;
  5. opere o investimenti immobiliari e impianti in comunione con altri soggetti per la quota rimasta a carico del beneficiario;
  6. investimenti immobiliari necessari per l’accesso ai servizi di connettività in banda ultralarga;
  7. opere o impianti in comunione con altri soggetti o su beni immobili di proprietà di altri soggetti;
  8. spese tecniche quali progettazione, direzione lavori, sicurezza, certificazione e collaudo statico.
  • investimenti mobiliari:
  1. mobili e arredi;
  2. macchinari e attrezzature;
  3. impianti di tipo non immobiliare;
  4. macchinari d’ufficio;
  5. sistemi informatici hardware e software;
  6. investimenti mobiliari necessari per l’accesso ai servizi di connettività in banda ultralarga.
  • consulenze per:
  1. ampliare la diffusione dello smart working;
  2. implementare modelli organizzativi e produttivi volti a contrastare il diffondersi del COVID-19.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo fino al 45% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 del 31/05/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Novembre 23, 2020
provincia-autonoma-di-trento-progetti-imprenditoriali-aree-montane-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento predispone gli interventi a favore delle imprese situate nelle aree montane del territorio per lo sviluppo di progetti imprenditoriali volti ad introdurre prodotti o servizi nuovi e innovativi sul mercato.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese aventi sede legale o operativa attiva in un Comune del territorio provinciale al di sopra dei 400 m. s.l.m. e con popolazione non superiore a 7000 abitanti.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti tipologie:

  • Categoria A – Investimenti fissi o per servizi di consulenza.
  • Categoria B – Partecipazione di Trentino Sviluppo Spa nel capitale dell’impresa.

Indipendentemente dalla tipologia di intervento che si intende realizzare, sono ammissibili le seguenti attività:

  • produzioni manifatturiere, attente all’utilizzo di materiali locali, sostenibili e che prediligono il riciclo di prodotti naturali o sottoprodotti;
  • bioedilizia ed edilizia in legno;
  • meccanica, robotica e automazione;
  • riuso ed economia circolare;
  • attività di trasformazione di prodotti agricoli e alimentari;
  • attività di produzione di tecnologie per l’agricoltura di montagna e di monitoraggio del territorio;
  • iniziative per la protezione ambientale e la prevenzione del dissesto idrogeologico.

In ragione dell’attuale emergenza COVID-19, sono ritenute ammissibili anche le seguenti iniziative:

  • monitoraggio a distanza della salute delle persone;
  • monitoraggio delle distanze tra le persone;
  • sistemi di tracciamento delle persone.

Ciascun beneficiario potrà presentare una sola domanda, a valere o sulla Categoria A o sulla Categoria B.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Per la Categoria A, l’agevolazione assume la forma di un contributo, il cui valore massimo sarà di:

  • € 200.000,00 nel caso di applicazione del Regolamento GBER;
  • € 100.000,00 nel caso di applicazione del regime de minimis.

Per la Categoria B, l’importo massimo erogabile nel capitale dell’impresa sarà pari ad € 200.000,00 e comunque nel limite di una partecipazione di minoranza di Trentino Sviluppo Spa nel capitale dell’impresa. L’importo di partecipazione di Trentino Sviluppo Spa andrà necessariamente a sommarsi all’investimento di almeno pari importo apportato dall’investitore privato.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della Provincia Autonoma di Trento.

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 25/01/2021.


Ottobre 29, 2020
provincia-autonoma-di-trento-sostegno-aggregazioni-aziendali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese che costituiscono reti e consorzi o procedono, attraverso operazioni di fusione, scissione o acquisto d’azienda di imprese in difficoltà aventi sede operativa nel territorio provinciale e che si impegnano per un periodo di 5 anni a garantire i livelli occupazionali e a permanere sul territorio.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese quali:

  1. soggetti, in forma individuale o collettiva, che esercitano attività di impresa commerciale;
  2. consorzi, società consortili e reti di impresa iscritte al Registro delle Imprese dotate di soggettività giuridica, che risultano da operazioni di aggregazione aziendale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto operazioni di aggregazione aziendale realizzate attraverso i seguenti istituti:

  1. fusione, scissione, acquisto d’azienda o di ramo d’azienda e acquisto o scambio di partecipazioni di controllo;
  2. costituzione di reti di imprese dotate di soggettività giuridica;
  3. costituzione di consorzi e società consortili.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo, il cui ammontare complessivo non può eccedere € 120.000,00.

Il contributo è pari:

  • nel caso di operazioni di fusione, scissione, conferimento d’azienda o di ramo d’azienda, acquisto o scambio di partecipazioni di controllo:
  1. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno 4 ULA o più sul territorio provinciale: € 5.000,00 per ogni ULA già operativa nel territorio provinciale nel 2019 che viene mantenuta per almeno 5 anni sul territorio provinciale dalla data di presentazione della domanda; € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva rispetto al numero di ULA già operative;
  2. nel caso di aziende che al momento del perfezionamento dell’operazione di aggregazione hanno meno di 4 ULA sul territorio provinciale, € 10.000,00, incrementato di € 6.000,00 per ogni unità lavorativa equivalente aggiuntiva;
  • nel caso di costituzione di reti di impresa € 10.000,00 per ogni rete costituita;
  • nel caso di costituzione di consorzi e società consortili € 15.000,00 per ogni consorzio costituito.

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi nel rispetto delle disposizioni in materia di cumulo previste dalle pertinenti normative dell’Unione europea.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 16/11/2020 alle ore 12:00 del 30/06/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 28, 2020
provincia-autonoma-di-trento-assunzioni-manager-aziendali-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le piccole e medie imprese mediante un contributo per l’assunzione di un manager qualificato negli ambiti dell’innovazione, digitalizzazione e/o promozione della competitività mediante l’internazionalizzazione, con contratto di lavoro subordinato dipendente, a tempo determinato o indeterminato, con l’intento di contenere l’emergenza sanitaria COVID-19 e rilanciare il sistema economico del Trentino.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese iscritte al Registro delle Imprese della provincia di Trento ed aventi una sede legale o un’unità operativa in Trentino.

INTERVENTI

L’intervento ammissibile deve avere ad oggetto l’assunzione di un manager con almeno 5 anni di esperienza nelle attività afferenti il progetto che il beneficiario intende realizzare e in almeno uno dei seguenti tre ambiti:

A. Innovazione:

  • innovazione aziendale come di prodotto, processo o organizzativa;
  • riconversione della produzione su prodotti più richiesti;
  • sviluppo di nuovi prodotti più aderenti alle nuove richieste dei mercati;
  • supporto al re-design dei processi per accrescere la capacità di risposta a fluttuazioni di produzione;
  • introduzione di processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale.

B. Digitalizzazione, Promozione e Comunicazione:

  • supporto alla definizione di una strategia di comunicazione anche attraverso strumenti digitali;
  • potenziamento degli strumenti promozionali e di marketing in lingua straniera, compresa la predisposizione e traduzione dei cataloghi e brochure;
  • realizzazione di video promozionali e documentazione di supporto alla promozione;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • sviluppo di applicazioni e strumenti digitali da utilizzare per il mantenimento delle relazioni con i clienti;
  • digitalizzazione dei processi di vendita (e-commerce) e della gestione dei processi di fornitura e di logistica digitale;
  • sviluppo di attività e servizi post vendita attraverso Artificial Intelligence e Internet of things.

C. Promozione della competitività mediante l’internazionalizzazione:

  • sviluppo ed implementazione di una strategia commerciale e accrescimento delle capacità manageriali al fine di individuare nuovi clienti o consolidare i propri mercati;
  • sviluppo di strategie di approccio ai mercati esteri o trasferimento metodologico di competenze legate a sostenere i processi di internazionalizzazione d’impresa;
  • sviluppo commerciale di uno specifico mercato, mediante la presenza in loco di uno specifico manager;
  • partecipazione in presenza o virtuale a fiere, B2B, missioni e road show di sistema.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammesse le spese relative al costo lordo a titolo di retribuzione del manager assunto con contratto di lavoro di tipo subordinato.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto nel limite massimo del 50% delle spese ammissibili nei seguenti limiti:

  1. fino ad € 60.000,00 nel caso in cui il manager sia impiegato nell’ambito dell’innovazione e provenga da ruoli di un centro di ricerca pubblico del Trentino (Università di Trento, Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Mach);
  2. fino ad € 50.000,00 in tutti gli altri casi.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 12:00 del 30/11/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 14, 2020
provincia-autonoma-di-trento-qualita-in-trentino-strutture-ricettive-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento sostiene le imprese ricettive tramite un contributo a fondo perduto per effettuare investimenti di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle unità destinate all’alloggio dell’ospite, degli spazi comuni, nonché interventi di adeguamento di strutture funzionali all’attività ricettiva turistica.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le piccole e medie imprese, con sede legale o unità operativa nella provincia di Trento e che esercitano una delle seguenti attività economiche:

  • esercizi alberghieri;
  • esercizi extralberghieri con servizio colazione e con unità anche prive di servizio autonomo di cucina;
  • rifugi escursionistici;
  • strutture ricettive all’aperto.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. miglioramento degli spazi esistenti destinati all’alloggio dell’ospite;
  2. miglioramento degli spazi esistenti destinati a zone comuni di permanenza dell’ospite o spazi ad esse funzionali;
  3. adeguamento delle strutture in funzione dell’offerta turistica tramite il cambio di destinazione d’uso di strutture funzionali all’attività d’impresa.
INTERVENTI AMMISSIBILI LIMITE MINIMO VALORE INTERVENTO LIMITE MASSIMO VALORE INTERVENTO
1. miglioramento dei locali di alloggio € 30.000,00 € 300.000,00
2. miglioramento degli spazi comuni € 50.000,00 € 600.000,00
3. completamento e adeguamento della struttura ricettiva € 70.000,00 € 600.000,00

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

A) Investimenti immobiliari:

  • opere edili, murarie e impiantistiche inerenti la ristrutturazione, l’ammodernamento o il cambio di destinazione d’uso degli immobili, nonché spese per acquisto o costruzione di parcheggi;
  • spese tecniche di progettazione, direzione lavori, sicurezza, certificazione e collaudo statico.

Sono, inoltre, ammissibili operazioni di leasing che abbiano per oggetto le spese elencate sopra.
Per gli interventi di importo fino ad € 300.000,00 è ammessa anche la sola disponibilità, da parte del beneficiario, dell’immobile oggetto delle opere di ristrutturazione/ampliamento. Resta comunque fermo il vincolo decennale di utilizzo.

B) Investimenti mobiliari:

  • acquisto di mobili, arredi e attrezzature destinati all’alloggio agli spazi comuni o alla fornitura di servizi aggiuntivi alla clientela, inclusi sistemi informatici hardware e software.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto in conto capitale delle seguenti intensità:

  • 30% delle spese ammissibili, in regime de minimis;
  • 20% delle spese ammissibili per le piccole imprese, secondo il Regolamento GBER;
  • 10% delle spese ammissibili per le medie imprese, secondo il Regolamento GBER.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/03/2021.


Ottobre 13, 2020
provincia-autonoma-di-trento-contributi-assunzioni-settore-turismo-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Provincia Autonoma di Trento concede contributi a favore degli operatori economici dei settori legati al turismo che assumono nella stagione estiva 2020 un numero di dipendenti almeno parzialmente in linea rispetto a quello dei dipendenti assunti nell’anno 2019, nonostante gli effetti dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nel territorio della provincia di Trento le quali esercitano la propria attività economica in uno dei seguenti settori:

  • 47 – Commercio al dettaglio;
  • 49 – Trasporto terrestre;
  • 55 – Alloggio;
  • 56 – Attività dei servizi di ristorazione;
  • 79 – Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour opartor e servizi di prenotazione;
  • 93 – Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’assunzione di personale per l‘estate 2020, in misura almeno pari alla metà delle spese di personale sostenute l’anno precedente, ovvero per l’estate 2019.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto entro il limite massimo di € 40.000,00 pari al:

  • 15% della quota di costo del personale giugno-settembre 2020 eccedente il 50% e fino al 70% del costo del personale giugno-settembre 2019;
  • 25% della quota di costo del personale giugno-settembre 2020 eccedente il 70% fino al 100% del costo del personale giugno-settembre 2019;
  • 15% del 50% del costo del personale registrato nel periodo giugno-settembre 2020 se il beneficiario ha iniziato a sostenere costi del personale dopo lo 01/06/2019;

L’agevolazione è cumulabile con altri incentivi, anche finanziari, emanati per fronteggiare l’attuale crisi economico-finanziaria causata dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 del 23/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 12, 2020
provincia-autonoma-di-trento-ocm-vino-2020-2021-investimenti-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Misura “Investimenti” finanzia l’acquisto di beni, materiali e immateriali, finalizzati al miglioramento della produzione di vino di migliore qualità e ad una migliore organizzazione che consenta di aprirsi a una maggiore domanda di mercato e al conseguimento di una maggiore competitività.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie imprese, le imprese intermedie e le grandi imprese, che svolgano almeno una delle seguenti attività:

  1. produzione di mosto di uve ottenuto dalla trasformazione di uve fresche da essi stessi ottenute, acquistate o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;
  2. produzione di vino ottenuto dalla trasformazione di uve fresche o da mosto di uve da essi stessi ottenuti, acquistati o conferite dai soci, anche ai fini della sua commercializzazione;
  3. elaborazione, affinamento o confezionamento del vino, conferito dai soci o acquistato, anche ai fini della sua commercializzazione;
  4. produzione di vino attraverso la lavorazione delle proprie uve da parte di terzi vinificatori.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. acquisto macchine, attrezzature, contenitori, per la vinificazione delle uve e la lavorazione, stoccaggio, affinamento dei prodotti vitivinicoli;
  2. acquisto attrezzature di laboratorio per l’analisi chimico-fisica delle uve, mosti, vini finalizzate al campionamento, controllo di qualità di prodotto o processo;
  3. acquisto di attrezzature ed arredi per l’allestimento di punti vendita al dettaglio, esposizione e degustazione dei prodotti vitivinicoli.

SPESE AMMISSIBILI

In riferimento agli interventi di cui al precedente paragrafo, sono ammissibili le spese per:

Punto 1:

  • acquisto di macchine, attrezzature e contenitori per tutte le fasi del processo enologico, compresi i lavori di posa in opera e i collegamenti necessari alle linee esistenti.

Punto 2:

  • attrezzature di laboratorio per l’analisi chimico-fisica delle uve, mosti, vini, finalizzate al campionamento, controllo di qualità di prodotto o processo.

Punto 3:

  • acquisto di attrezzature ed arredi per l’allestimento di punti vendita al dettaglio, esposizione e degustazione dei prodotti vitivinicoli.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo nel limte massimo del:

  • 40% della spesa ammissibile per le micro, piccole e medie imprese;
  • 20% della spesa ammissibile per l’impresa intermedia;
  • 19% della spesa ammissibile per la grande impresa.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 15/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification