Notizie e Bandi

Dicembre 28, 2020
lazio-ristoro-irap-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene le imprese del territorio mediante l’erogazione di un contributo pari alla rata dell’acconto IRAP del 2020.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa nel territorio della Regione i quali sono stati oggetto delle chiusure imposte dai provvedimenti statali a far data dal marzo del 2020.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’acconto IRAP 2020 che i beneficiari avrebbero dovuto pagare entro il 30/11/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto pari alla rata dell’acconto IRAP 2020, fino ad un massimo di € 25.000,00.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della Regione.


Dicembre 28, 2020
lazio-interventi-ripresa-economica-bando-sisma-2019-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene la ripresa del tessuto produttivo dell’area colpita dagli eventi sismici dell’agosto e dell’ottobre 2016 e del gennaio 2017.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese in forma singola, inclusi i liberi professionisti, titolari di partita IVA, localizzati nella Provincia di Rieti ovvero con sede legale o unità produttiva in uno dei seguenti Comuni: Accumoli (RI); Amatrice (RI); Antrodoco (RI); Borbona (RI); Borgo Velino (RI); Cantalice (RI); Castel Sant’Angelo (RI); Cittaducale (RI); Cittareale (RI); Leonessa (RI); Micigliano (RI); Poggio Bustone (RI) Posta (RI); Rieti; Rivodutri (RI).

INTERVENTI

Le imprese devono risultare già operanti alla data del 24/02/2016 e devono aver subito un danno economico a causa degli eventi sismici dell’ottobre 2016 e del gennaio 2017.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili i costi della produzione sostenuti dalle imprese in due esercizi consecutivi tra il 2017 e il 2020, entro il limite massimo della riduzione del fatturato (non inferiore al 30%).

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 100% dei costi ammissibili sostenuti dall’impresa in due esercizi consecutivi tra il 2017 e il 2020.

Il contributo massimo erogabile è pari ad € 50.000,00, ovvero € 75.000,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

Le agevolazioni sono cumulabili con qualsiasi altro aiuto pubblico concesso per i medesimi costi della produzione.

TERMINE

La domanda potrà essere predisposta fino alle ore 12:00 del 05/02/2021

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Dicembre 18, 2020
lazio-bando-apea-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene gli  investimenti finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti dei processi produttivi delle imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole, medie imprese e liberi professionisti aderenti all’APEA.

Le grandi imprese possono presentare domanda solo per gli investimenti per l’efficienza energetica, per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinata all’autoconsumo e per la riduzione delle emissioni inquinanti.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una o più delle seguenti tipologie:

  • A. Investimenti per l’efficienza energetica, ovvero quelli che riducono i consumi di energia, inclusi gli impianti di cogenerazione destinati all’autoconsumo.
  • B. Investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinata all’autoconsumo.
  • C. Investimenti per la riduzione di emissioni inquinanti in atmosfera di PM10 o di NO2 a parità di capacità produttiva.
  • D. Investimenti per il risparmio, il riciclo dell’acqua all’interno del ciclo produttivo o per il riutilizzo delle acque reflue industriali.
  • E. Investimenti per rendere i propri residui di lavorazione prodotti o sottoprodotti.
  • F. Investimenti per utilizzare sottoprodotti di altre imprese o materiale riutilizzato o riciclato nel proprio ciclo produttivo in luogo di materie prime convenzionali.
  • G. Investimenti per la preparazione al riutilizzo o il riciclaggio di determinati rifiuti speciali.
  • H. Investimenti per la riduzione di altri impatti ambientali dei sistemi produttivi.
  • I. Altri Investimenti non compresi nelle tipologie d’intervento precedenti, ma strumentali a uno o più di essi.
  • J. Spese preparatorie per le relazioni da allegare alla domanda, che qualificano gli impatti ambientali degli interventi previsti e dimostrano la loro cantierabilità entro giugno 2021.
  • K. Altri studi ambientali di natura non ordinaria e routinaria compresi i servizi relativi all’ottenimento di certificazioni energetiche o ambientali e quelli riguardanti l’implementazione dei sistemi di gestione finalizzati a tale ottenimento.
  • L. Fabbisogno finanziario per l’avviamento di iniziative imprenditoriali dedicate a perseguire gli obiettivi dell’APEA.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili non possono essere inferiori ad € 50.000,00 e devono essere riconducibili alle seguenti voci:

  1. opere murarie e assimilate, acquisto e installazione di reti, impianti, apparecchiature, strumenti e materiali;
  2. investimenti in attivi materiali e immateriali relativi alla creazione di una nuova attività produttiva, all’ampliamento di una unità produttiva esistente, alla diversificazione della produzione;
  3. acquisizione di brevetti, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale;
  4. servizi di consulenza e assistenza tecnico-specialistica;
  5. servizi per l’adozione di sistemi di gestione e ambientale;
  6. spese preparatorie per le relazioni da allegare alla domanda;
  7. studi preliminari e di fattibilità quali business plan, analisi ambientali iniziali, valutazioni di impatto ambientale, rilievi e accertamenti;
  8. direzione lavori, collaudo, redazione dei piani della sicurezza in fase di cantiere;
  9. fidejussione a garanzia dell’anticipo.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata fino al 26/02/2021.


Dicembre 10, 2020
cciaa-roma-innovazione-digitale-2020-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Roma sostiene gli investimenti per l’adozione di tecnologie e strumenti digitali nella propria realtà aziendale e produttiva.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, di tutti i settori economici, con sede legale o unità locale iscritta al Registro delle Imprese della CCIAA di Roma.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti di innovazione e trasformazione digitale relativamente a uno o più degli ambiti tecnologici sottoindicati.

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale devono riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1, a cui può essere aggiunta una o più tecnologie di cui all’Elenco 2, purché propedeutica a quella principale.

Elenco 1:

  1. robotica avanzata e collaborativa;
  2. interfaccia uomo-macchina;
  3. manifattura additiva e stampa 3D;
  4. prototipazione rapida;
  5. internet delle cose e delle macchine;
  6. cloud, fog e quantum computing;
  7. cyber security e business continuity;
  8. big data e analytics;
  9. intelligenza artificiale;
  10. blockchain;
  11. soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa;
  12. simulazione e sistemi cyberfisici;
  13. integrazione verticale e orizzontale;
  14. soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  15. soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;
  16. sistemi di e-commerce;
  17. sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  18. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  19. connettività a banda ultralarga.

Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile o via internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution (NPR).

L’intervento deve avere un valore complessivo pari o superiore ad € 3.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese per l’acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti, nonchè spese per servizi di consulenza e formazione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto (voucher), la cui intensità è pari al 70% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 10.000,00.

Alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità aggiuntiva di € 250,00.

L’agevolazione è cumulabile, per gli stessi costi ammissibili con altri aiuti in regime de minimis e con aiuti in esenzione.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 31/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Novembre 24, 2020
cciaa-roma-premio-idea-innovativa-imprenditorialita-femminile-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Roma, allo scopo di favorire lo sviluppo della realtà imprenditoriale femminile a Roma, bandisce l’ottava edizione del “Premio Idea innovativa, la nuova imprenditorialità al femminile”.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità operativa in Provincia di Roma, le quali presentino il carattere d’impresa, individuale o collettiva, “femminile”, ovvero:

  • se imprese individuali, avere una titolare donna;
  • se società di persone o società cooperative, il numero delle donne socie deve rappresentare almeno il 60% della compagine sociale;
  • se società di capitali, le donne socie devono detenere almeno i 2/3 delle quote di capitale e devono costituire almeno i 2/3 del totale dei componenti dell’organo amministrativo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti originali in ordine all’attività svolta o per l’innovatività del processo produttivo, del prodotto o del servizio offerto, degli strumenti di commercializzazione o di assistenza alla clientela.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti categorie di spesa:

  1. impianti generali e spese di ristrutturazione dei locali destinati allo svolgimento dell’attività;
  2. macchinari, attrezzature e beni strumentali pertinenti alla realizzazione del progetto;
  3. materiali di prova, realizzazione di prototipi e collaudi finali;
  4. registrazione di brevetti internazionali;
  5. infrastrutture di rete e collegamenti, consulenze ed altri servizi tecnologici e manageriali;
  6. costo del personale dipendente dedicato in via esclusiva all’elaborazione e allo sviluppo del progetto innovativo;
  7. azioni di marketing e comunicazione relative al progetto.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un premio pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 5.000,00.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 14:00 del 18/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 12, 2020
lazio-open-innovation-challenge-autonomous-satellite-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La sfida “Autonomous Satellite” è finalizzata all’identificazione di soluzioni innovative per l’uso di AI a bordo satellite per incrementare l’autonomia di un sistema satellitare di osservazione della terra.

BENEFICIARI

I beneficiari, con sede legale o unità operativa nella Regione Lazio, sono:

  • startup innovative registrate nelle apposite sezioni del Registro delle imprese;
  • startup costituite da non oltre 60 mesi;
  • team informali composti da almeno tre persone fisiche;
  • dipartimenti di Istituti di Università e Centri di Ricerca, con team composti da almeno tre persone fisiche;
  • spin-off accademici costituiti da non oltre 60 mesi.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto almeno una o più possibili applicazioni che prevedano l’utilizzo di AI a bordo al fine di ottenere un satellite che sia in grado di prendere autonomamente decisioni relativamente ai seguenti obiettivi:

  • manovre orbitali/mantenimento assetto/mantenimento formazione;
  • previsione a bordo di potenziali failure di unità e reazione con invio event/alarm a terra;
  • pre-processing dei dati di osservazione acquisiti a bordo e relativo adattamento del piano missione;
  • ottimizzazione dei tempi di acquisizione dei sensori di osservazione e della frequenza di trasferimento di misure e telemetrie.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un premio, i cui valori sono i seguenti:

  • 1°classificato:
  1. € 10.000,00;
  2. servizi specialistici erogati da Lazio Innova nelle sedi Spazio Attivo;
  • 2° e 3° classificato:
  1. servizi specialistici erogati da Lazio Innova nelle sedi Spazio Attivo.

I premi in servizi specialistici sono finalizzati allo sviluppo e del progetto e sono relativi a:

  • gestione e pianificazione d’impresa;
  • tutela della proprietà intellettuale;
  • marketing e comunicazione;
  • strumenti di ingegneria finanziaria (accesso al credito, crowdfunding, misure nazionali, acceleratori);
  • ingegnerizzazione del prodotto (dal MVP al prototipo o dal prototipo al prodotto).

Thales Alenia Space Italia assegnerà:

  • 1°classificato:
  1. € 5.000,00 o un contratto di egual valore per prototipare la soluzione vincitrice;
  • primi tre classificati:
  1. sperimentazione soluzione proposta presso il proprio FabLab, per una durata non superiore ad 1 settimana;
  2. per le startup, inserimento nel database del Gruppo Thales per il monitoraggio delle startup innovative.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 18/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 21, 2020
mutui-agevolati-imprese-agricole-aree-sisma-2016-2017-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Lo Stato sostiene le imprese agricole dei territori che hanno subito gli eventi sismici negli anni 2016 e 2017 mediante la concessione di mutui agevolati per lo sviluppo ed il consolidamento aziendale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese attive nella produzione agricola primaria, nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, nel settore forestale e nelle attività connesse all’agricoltura, in qualsiasi forma costituite, con sede legale o unità operativa nel territorio dei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017, ricadenti nelle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere una durata massima di 36 mesi e devono perseguire almeno uno dei seguenti obiettivi:

  1. miglioramento del rendimento e della sostenibilità globale dell’azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione o un miglioramento e riconversione della produzione;
  2. miglioramento delle condizioni agronomiche e ambientali, di igiene e benessere degli animali;
  3. realizzazione e miglioramento delle infrastrutture connesse allo sviluppo, all’adeguamento e alla modernizzazione dell’agricoltura.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • studi di fattibilità;
  • opere agronomiche e di miglioramento fondiario;
  • opere edilizie per la costruzione o il miglioramento di beni immobili;
  • oneri per il rilascio della concessione edilizia;
  • allacciamenti, impianti, macchinari e attrezzature;
  • servizi di progettazione;
  • beni pluriennali;
  • acquisto di terreni.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un mutuo agevolato, della durata massima di 10 anni, comprensiva del periodo di preammortamento, di importo non superiore al 75% della spesa ammissibile.

In alternativa, potrà essere concesso un contributo a fondo perduto fino al 35% della spesa ammissibile nonché mutui agevolati, di importo non superiore al 60% della spesa ammissibile.

Le agevolazioni avranno una durata massima di 15 anni, comprensiva del periodo di preammortamento.

Le agevolazioni sono cumulabili con altri aiuti pubblici in relazione agli stessi costi ammissibili e con altri aiuti di Stato, aiuti de minimis e con i pagamenti ai sensi del FEASR.

TERMINE

In attesa di pubblicazione del provvedimento attuativo da parte di ISMEA.


Ottobre 16, 2020
lazio-contributi-imprese-valle-aniene-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio sostiene le imprese che operano nella Valle dell’Aniene per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle stesse, nonché per incentivare la nascita di nuove imprese.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le ditte individuali, i liberi professionisti e le imprese, qualsiasi sia la forma societaria, aggregazioni stabili o temporanee di imprese, con sede operativa nel territorio dei 35 comuni della Valle dell’Aniene, ovvero: Affile, Agosta, Anticoli Corrado, Arcinazzo Romano, Arsoli, Bellegra, Camerata Nuova, Canterano, Castel Madama, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Ciciliano, Cineto Romano, Gerano, Jenne, Licenza, Mandela, Marano Equo, Olevano Romano, Percile, Pisoniano, Riofreddo, Rocca Canterano, Roccagiovine, Rocca Santo Stefano, Roiate, Roviano, Sambuci, San Vito Romano, Saracinesco, Subiaco, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti Linee:

Linea A – progetti di investimento:

Interventi per lo sviluppo, la riconversione, l’ammodernamento strutturale, tecnologico e gestionale delle attività produttive esistenti, oppure per gli investimenti di avvio dell’impresa neo-costituita.

Linea B – bonus occupazionale:

Assunzione a tempo indeterminato o determinato per almeno 24 mesi, successiva allo 01/10/2020.

SPESE AMMISSIBILI

Linea A

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • Investimenti materiali:
  1. acquisto macchinari, impianti, hardware e attrezzature varie nuovi di fabbrica e arredi necessari al ciclo di produzione o erogazione dei servizi;
  2. opere murarie e lavori edili necessari alla creazione o ristrutturazione di un’unità locale sede dell’attività economica.
  • Investimenti immateriali:
  1. brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  2. software e applicativi digitali non destinati alla rivendita, commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.
  • Costi per la fidejussione.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

Linea A

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 50% delle spese ammissibili, entro l’importo massimo di € 10.000,00.

Linea B

L’importo massimo del bonus è pari a € 10.000,00 ed è concesso in caso di una o più assunzioni a tempo indeterminato o di almeno due assunzioni a tempo determinato per almeno 24 mesi ciascuna. In caso di una sola assunzione a tempo determinato per almeno 24 mesi il bonus è riparametrato e calcolato in € 5.000,00.

TERMINE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 05/11/2020 alle ore 18:00 del 18/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Ottobre 2, 2020
lazio-abbattimento-interessi-prestiti-bei-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Lazio mira ad allineare gli oneri finanziari a carico delle MPMI  a quelli più vantaggiosi praticati nell’Eurozona, riconoscendo un contributo sugli interessi relativi ai prestiti loro concessi dalle banche a valere sulla linea di credito della Banca Europea degli Investimenti (BEI).

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, in forma singola, inclusi i liberi professionisti, aventi sede operativa nel territorio della Regione Lazio.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto l’erogazione di un prestito a scadenze di rimborso predefinite a valere sulla provvista BEI da Unicredit, Banca di Credito Cooperativo di Roma O Banca Popolare di Sondrio.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto finalizzato ad abbattere gli interessi sui prestiti erogati a valere sulla provvista BEI.

TIPOLOGIA DI MPMI % DI CONTRIBUTO
MPMI operanti nelle Aree di crisi industriale complessa del Lazio 90%
Altre MPMI operanti nel Lazio 80%

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 12:00 del 05/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 16, 2020
cciaa-roma-sviluppo-impresa-2020-valore-consulting-1280x717.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Roma supporta le imprese nella fase successiva alla loro costituzione e nella digitalizzazione e innovazione dei processi aziendali e dei prodotti.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese con sede o unità locale iscritta presso il Registro delle Imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle seguenti misure principali:

A) Voucher accompagnamento e tutoraggio start up:

  1. valutazione della fattibilità e sostenibilità economica del progetto imprenditoriale;
  2. supporto nella definizione della strategia di sviluppo del progetto e nell’analisi delle soluzioni per lo svolgimento dell’attività;
  3. supporto nella redazione del business plan secondo gli standard riconosciuti dal sistema bancario;
  4. presentazione di relazioni o lettere che evidenzino alle banche le caratteristiche del progetto imprenditoriale;
  5. analisi dell’andamento dell’iniziativa condividendo con l’imprenditore le azioni correttive necessarie a garantire il successo dell’iniziativa;
  6. eventuali corsi e seminari di cultura economico-finanziaria sulle dinamiche aziendali.

B) Voucher monitoraggio e sostegno alle PMI:

  1. analisi economico-finanziarie dell’impresa;
  2. esame delle banche dati pubbliche e private;
  3. elaborazione di rating;
  4. verifica dell’ammissibilità al Fondo Centrale di Garanzia.

C) Voucher digitalizzazione e innovazione:

  1. sostegno all’elaborazione di un piano di innovazione digitale;
  2. interventi per l’introduzione di tecnologie 4.0 nell’impresa;
  3. interventi per la digitalizzazione di processi produttivi nell’impresa;
  4. introduzione e/o sviluppo di tecnologie finanziarie in azienda.

Gli interventi accessori sono volti a valorizzare gli investimenti effettuati in uno dei tre ambiti di cui sopra, secondo quanto di seguito riportato:

1) Voucher abbattimento tassi in conto interesse finanziamento agevolabile:

  • ammontare: min. € 10.000,00 – max € 100.000,00;
  • durata: min. 12 mesi – max 60 mesi;
  • tasso: EURIBOR 1 mese + spread 4%

2) Voucher abbattimento costo garanzia e della relativa pratica presso uno dei Confidi, per le spese di istruttoria, gestione pratica, commissioni e fondo rischi.

Il finanziamento di cui alle misure accessorie deve essere garantito o co-garantito da uno dei Confidi e deve essere stato stipulato e ottenuto da parte del beneficiario a partire dal 01/07/2019.

Le misure accessorie sono cumulabili fra loro e possono essere richieste solo se viene attivata una delle misure di intervento principali.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

MISURA A e MISURA B:

  • acquisto/ristrutturazione di immobilio fabbricati;
  • acquisto e adeguamento di impianti, macchinari, attrezzature industriali e commerciali;
  • acquisto di sistemi informatici di gestione;
  • siti e sistemi web e attivazione di procedure di commercio elettronico;
  • acquisizioni di marchi e brevetti e fee d’ingresso per franchising;
  • acquisizioni di aziende o di rami d’azienda documentate da contratti di cessione;
  • acquisti di automezzi;
  • acquisto di scorte;
  • consulenze specialistiche;
  • installazione impianti di allarme antintrusione e sorveglianza;
  • acquisto di nuove strutture, impianti e attrezzature per interventi di riduzione dell’impatto ambientale;
  • consulenze specialistiche riferite al passaggio da ditta individuale/società di persone a società di capitali;
  • spese notarili riferite al passaggio da ditta individuale/società di persone, a società di capitali;
  • spese relative alla prototipazione;
  • spese relative a pubblicità, promozione e partecipazioni a eventi fieristici;
  • esigenze di liquidità derivanti dall’emergenza COVID-19.

MISURA C:

  • acquisti di software di sistema e software applicativo e licenze software;
  • acquisti di infrastrutture abilitanti quali hardware, PC, Server, macchine virtuali, stampanti 3D;
  • acquisti di interfacce digitali funzionali all’analisi dei dati;
  • system integration, personalizzazione del software, consulenza di processo;
  • spese per servizi di accesso al cloud;
  • acquisti di infrastrutture, apparecchiature e servizi per protezione dati;
  • acquisti di apparecchiature e apparti di rilevamento dati per i dispositivi della rete elettrica;
  • investimenti in implementazione di strutture sensoristiche per sviluppare l’IoT sia nel settore della manifattura che in quello dei servizi;
  • acquisto di dispositivi di realtà aumentata e virtual reality;
  • realizzazione di APP funzionali ad altre infrastrutture funzionali al BtoB;
  • esigenze di liquidità derivanti dall’emergenza COVID-19.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto per le misure principali pari nel massimo ad:

  • € 2.500,00 per le ditte individuali e le società di persone;
  • € 5.000,00 per le società di capitali, i consorzi e le cooperative.

Sono, inoltre, disponibili due ulteriori contributi a fondo perduto pari nel massimo ad:

  • € 7.500,00 per il voucher 1);
  • € 2.500,00 per il voucher 2).

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 31/12/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification