Notizie e Bandi

Gennaio 11, 2021
cciaa-piacenza-ripresa-in-sicurezza-attivita-economiche-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Piacenza fornisce un supporto alle imprese che hanno posto le basi per una ripartenza e prosecuzione in sicurezza delle rispettive attività economiche.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, anche in forma cooperativa e consorzi, con sede legale o unità operativa nella circoscrizione della CCIAA di Piacenza.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto progetti finalizzati allo svolgimento in sicurezza dell’attività di impresa funzionali alla prevenzione ed alla esclusione del rischio di contagio dal virus Covid-19.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  1. acquisto, installazione e posa in opera di impianti, attrezzatture e dispositivi che consentano di riattivare e di proseguire l’attività aziendale;
  2. interventi di igienizzazione o sanificazione di ambienti, strumenti e indumenti di lavoro;
  3. acquisto di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare/sanificare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro;
  4. acquisto di soluzioni disinfettanti per l’igiene di dipendenti e collaboratori;
  5. acquisto di dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi di sicurezza;
  6. predisposizione, aggiornamenti e diffusione di protocolli operativi interni alle imprese o ai cantieri;
  7. spese per servizi di verifica o sorveglianza .

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo che sarà pari al 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 10.000,00.

Alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di € 100,00.

TERMINE

Le domande possono essere presentata dalle ore 08:00 del 21/01/2021 al 30/04/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci al numero 0542 643266, oppure scrivici un’e-mail: Valore Consulting è una società di consulenza aziendale specializzata in finanza agevolata per il finanziamento delle imprese con contributi europei, incentivi e agevolazioni fiscali.


Dicembre 23, 2020
cciaa-piacenza-ripresa-e-rilancio-economia-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Piacenza sostiene le imprese in relazione alla crisi economica causata dalla pandemia, stimolando investimenti innovativi.

BENEFICIARI

Possono partecipare al Bando le imprese, anche in forma cooperativa e i consorzi, con sede legale o unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Piacenza.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono rientrare in uno dei seguenti ambiti:

Linea 1 – Progetti per l’inserimento formativo di figure aziendali o di professionalità dedicate ad innovare l’organizzazione d’impresa e del lavoro:

  • attivazione di tirocini extracurriculari e contratti di apprendistato;
  • assunzioni a tempo determinato e indeterminato, contratti o forme di collaborazione e consulenze specialistiche, per innovare la gestione del lavoro e i processi aziendali.

Linea 2 – Interventi volti ad innovare l’organizzazione nei processi ed accelerare lo sviluppo aziendale:

  • adozione di servizi digitali e virtuali;
  • consulenza sulla strategia digitale più idonea;
  • marketing digitale;
  • consulenza per avvio e sviluppo di business online (b2b e b2c);
  • comunicazione e promozione tramite canali digitali;
  • realizzazione o aggiornamento del sito web o utilizzo dei canali social;
  • azioni di SEO locale, al fine di concretizzare la visibilità dei brand aziendali nei mercati target;
  • accesso a portali di e-commerce, forniti da terze parti, retailer, marketplace o servizi di vendita privata;
  • preparazione di un piano export digitale;
  • formazione sui temi del digital export;
  • attività di inbound marketing per l’export;
  • accesso a piattaforme internazionali on-line per la promozione all’estero;
  • raccordo tra le funzionalità operative del canale digitale di vendita prescelto e i propri sistemi CRM;
  • partecipazione a fiere all’estero o in Italia, di natura fisica o virtual;
  • partecipazione a eventi promozionali o b2b fisici o virtuali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo pari al 60% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 8.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dalle ore 08:00 del 20/01/2021 al 31/05/2021.

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della CCIAA di Piacenza.


Dicembre 22, 2020
emilia-romagna-riqualificazione-imprese-extra-agricole-valore-consuting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna contribuisce alla riqualificazione e all’ammodernamento delle imprese extra agricole nelle zone rurali più marginali, favorendo lo sviluppo dell’occupazione, il potenziamento della ricettività turistica e la fornitura di servizi alla popolazione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese extra agricole, in forma singola o associata, nonché i liberi professionisti, aventi sede legale o unità operativa nel territorio di uno dei Comuni del GAL Valli Marecchia e Conca, ovvero: Gemmano, Mondaino, Montefiore Conca, Montescudo, Saludecio, Torriana, Verucchio, Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria, Talamello, Poggio Torriana, Montescudo-Montecolombo.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili dovranno incentrarsi sulla realizzazione di un piano di sviluppo aziendale che preveda una riqualificazione o un ammodernamento dell’impresa, dando luogo ad attività innovative in settori alternativi a quello agricolo.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese:

  1. ristrutturazione di immobili o aree destinati all’attività aziendale;
  2. arredi funzionali all’attività;
  3. strumenti, apparecchiature, macchinari, attrezzature funzionali al processo di sviluppo aziendale;
  4. impianti, attrezzature per la lavorazione dei prodotti o servizi offerti;
  5. investimenti funzionali alla vendita delle produzioni/servizi aziendali;
  6. veicoli funzionali alle attività extra-agricole;
  7. costi di informazione e comunicazione, quali pubblicazioni, comunicazioni, acquisti di spazi pubblicitari e publiredazionali su riviste e carta stampata;
  8. realizzazione siti web;
  9. acquisizione di hardware e software con sistema operativo;
  10. acquisizione o sviluppo di programmi informatici o di brevetti e licenze;
  11. spese generali.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo in conto capitale fino al 60% delle spese ammissibili.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 13:00 del 16/03/2021 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 20, 2020
cciaa-modena-sicurezza-gruppi-imprese-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

Il Bando sostiene i raggruppamenti di imprese che intendono dotarsi di sistemi di sorveglianza e di vigilanza fisica notturna per la sicurezza delle aree industriali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono i raggruppamenti di almeno 5 imprese, escluse le imprese agricole, nella la forma di ATI ovvero Reti-soggetto e Reti-contratto, aventi sede o unità locale nella Provincia di Modena.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la realizzazione di progetti per sistemi di sorveglianza e di vigilanza fisica notturna per la sicurezza delle aree industriali.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili al contributo le spese per la vigilanza e la sorveglianza fisica nelle aree industriali per garantire la sicurezza nelle ore notturne, sostenute dallo 01/09/2020.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto, nella misura del 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 30.000,00 per ogni gruppo.

TERMINE

Le domande devono essere presentate entro le ore 13:00 del 18/12/2020 e verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Novembre 4, 2020
regione-emilia-romagna-commercializzazione-turistica-2021-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna promuove lo sviluppo delle attività turistiche attraverso l’attuazione di progetti di promo-commercializzazione sia verso l’Italia che nei confronti dell’estero.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese, in forma singola o associata, aventi sede operativa nel territorio regionale.

Rientrano tra i beneficiari i consorzi, le società consortili, le cooperative turistiche e le associazioni temporanee di imprese.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono:

  • migliorare e qualificare i prodotti turistici esistenti;
  • innovare le tematiche di prodotto;
  • sperimentare prodotti di ingerenza integrata sugli ambiti;
  • utilizzare i brand riconosciuti per penetrare su specifici mercati;
  • accrescere il livello di competitività del territorio regionale, diversificando la molteplicità di opzioni di soggiorno;
  • aumentare arrivi e presenze, come pure permanenza media e MOL aziendale;
  • incrementare la quota di internazionalizzazione e la percentuale dei flussi provenienti dall’estero;
  • introdurre strumenti, linguaggi e concept di comunicazione innovativi;
  • ampliare il raggio di azione, sia sui mercati sia sui target;
  • aumentare la leadership sul web del marchio “Emilia-Romagna”;
  • realizzare l’integrazione della filiera turistica con gli altri comparti economici, come i trasporti, l’agricoltura, la cultura.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

  • promo-commercializzazione turistica;
  • promoter;
  • trasferta di personale per la partecipazione a incontri d’affari, eventi, seminari, workshop, educational tour;
  • prestazioni occasionali;
  • organizzazione di eventi;
  • gadget;
  • personale dipendente;
  • consulenza e assistenza tecnico-specialistica per la progettazione, sviluppo e verifica dei risultati del progetto;
  • spese forfettarie di carattere generale.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto, la cui intensità varierà al variare del punteggio ottenuto dal progetto, ovvero:

  • progetti con punteggio da 100 a 80, classe di valutazione “Alta”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 50% della spesa ammissibile;
  • progetti con punteggio da 79 a 60, classe di valutazione “Media”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 40% della spesa ammissibile;
  • progetti con punteggio da 59 a 40, classe di valutazione “Bassa”. La percentuale di contributo non potrà essere superiore al 30% della spesa ammissibile.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro il 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 29, 2020
emilia-romagna-ocm-vino-promozione-mercati-paesi-terzi-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna sostiene la promozione sui mercati dei Paesi Terzi delle produzioni vinicole della regione.

BENEFICIARI

I beneficiari sono micro, piccole, medie e grandi imprese con sede legale o unità operativa in Emilia-Romagna quali:

  1. le organizzazioni professionali che abbiano come scopo la promozione di prodotti agricoli;
  2. le organizzazioni di produttori di vino;
  3. le associazioni di organizzazioni di produttori di vino;
  4. le organizzazioni inter-professionali;
  5. i consorzi di tutela riconosciuti e le loro associazioni e federazioni;
  6. i produttori di vino;
  7. i soggetti pubblici con comprovata esperienza nel settore del vino e della promozione dei prodotti agricoli;
  8. le ATI costituite o costituende dai soggetti sopra menzionati;
  9. i consorzi, le associazioni, le federazioni e le società cooperative;
  10. le reti d’impresa.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

  1. relazioni pubbliche, promozione e pubblicità che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti dell’Unione, in termini di qualità, sicurezza alimentare o ambiente;
  2. partecipazione a manifestazioni, fiere ed esposizioni di importanza internazionale;
  3. campagna d’informazione delle indicazioni geografiche (DOP e IGP) e della produzione biologica vigenti nell’Unione;
  4. studi per valutare i risultati delle azioni di informazione e di promozione.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese ammissibili devono rientrare nella seguente elencazione:

  1. consulenza di marketing;
  2. organizzazione di degustazioni promozionali;
  3. materiale promozionale;
  4. incontri con operatori B2B e incoming;
  5. media advertising;
  6. partecipazione a fiere;
  7. degustazioni guidate e partecipazioni ad eventi di degustazione organizzati da terzi;
  8. materiale promozionale da distribuire ad eventi;
  9. incontri operatori B2B in ambito fieristico;
  10. gala dinner;
  11. wine tasting;
  12. promozione presso punti vendita, GDO, HO.RE.CA;
  13. comunicazione e promozione svolte attraverso la rete internet o di digital marketing.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto fino al 60% delle spese ammissibili, il cui importo non potrà essere inferiore ad € 50.000,00 per Paese terzo o mercato del Paese terzo oppure ad € 100.000,00 qualora l’intervento sia destinato ad un solo Paese terzo.

TERMINE

La domanda deve essere presentata entro le ore 15:00 del 30/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 15, 2020
emilia-romagna-accordi-per-insediamento-e-sviluppo-imprese-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna raccoglie proposte per la realizzazione di investimenti strategici ad elevato impatto occupazionale, che comprendano attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati a sviluppare significativi avanzamenti tecnologici per il sistema produttivo e alla realizzazione di nuovi risultati di rilevanza tecnologica e industriale, di interesse per le filiere produttive regionali.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese che esercitano attività diretta alla produzione di beni e servizi già presenti con almeno una unità locale in Emilia-Romagna o che intendono investire sul territorio regionale.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto investimenti che comportino un impatto positivo per la competitività del sistema economico regionale e un incremento occupazionale:

A) Creazione di un’infrastruttura di ricerca

Sono ammissibili gli investimenti materiali ed immateriali connessi alla realizzazione di un’infrastruttura di ricerca, a condizione che l’accesso ad essa sia aperto a più utenti e concesso in modo trasparente e la struttura sia aperta alla collaborazione con le Università ed altri organismi di ricerca, anche al fine della formazione delle risorse umane.

B) Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

Sono ammissibili gli interventi di ricerca e sviluppo, volti a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi o adottare nuove tecnologie produttive che prevedano nuovi investimenti e ampliamenti produttivi sul territorio regionale.

C) Investimenti produttivi delle PMI sul territorio regionale e delle grandi imprese nelle aree assistite

Sono ammissibili gli interventi volti a formare le competenze correlate alla realizzazione dei programmi d’investimento i quali potranno configurarsi come prima formazione per i neo assunti o come aggiornamento per i lavoratori. Gli interventi possono essere realizzati direttamente dall’impresa o attraverso un ente di formazione accreditato.

Sono inoltre ammissibili le assunzioni riguardanti i lavoratori svantaggiati e quelli disabili.

D) Investimenti nella tutela dell’ambiente finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e al riciclo e il riutilizzo dei rifiuti

E) Interventi di formazione definiti in funzione dei fabbisogni di competenze e aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati e all’occupazione dei lavoratori disabili

F) Acquisto di servizi di consulenza per le PMI

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le voci di spesa elencate di seguito.

A) Realizzazione di infrastrutture di ricerca:

  1. opere e infrastrutture specifiche;
  2. impianti funzionali alle attività dell’infrastruttura di ricerca;
  3. attrezzature;
  4. programmi informatici;
  5. brevetti;
  6. licenze;
  7. know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie.

B) Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

  1. nuovo personale di ricerca, assunto a tempo indeterminato e in possesso di laurea magistrale in materie tecnico scientifiche;
  2. personale adibito ad attività di ricerca, progettazione, sperimentazione, in possesso di adeguata qualificazione;
  3. personale adibito a funzioni di produzione o personale di ricerca non laureato o con esperienza inferiore a 10 anni;
  4. acquisto o locazione di strumenti e impianti, incluso software specialistico, di nuova fabbricazione;
  5. acquisizione di servizi ad alto contenuto di ricerca scientifica e tecnologica, competenze tecniche e brevetti;
  6. costruzione di macchinari prototipali quali impianti pilota, macchinari, robot e linee produttive sperimentali;
  7. spese generali.

C) Progetti di formazione e incentivi all’assunzione di lavoratori svantaggiati e lavoratori con disabilità

  • Interventi formativi:
  1. spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  2. costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione connessi al progetto di formazione;
  3. servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  4. spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e spese generali indirette.
  • Assunzioni:
  1. costo salariale del lavoratore;
  2. costi aggiuntivi per assistenza al lavoratore; costi per acquisto di attrezzature, software e trasporti; salario del lavoratore per ore impiegate in riabilitazione.

D) Tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, al riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti

  1. impianti e attrezzature destinati all’intervento e volti ad adattare i metodi di produzione;
  2. programmi informatici;
  3. brevetti;
  4. licenze;
  5. know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi;
  6. servizi di consulenza connessi all’intervento per adattare i metodi produzione.

E) Investimenti produttivi nelle aree assistite o per le PMI

F) Acquisto di servizi di consulenza per le PMI

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà le intensità indicate nella tabella in calce al paragrafo.

CATEGORIA INTERVENTI /SEZIONE FINALITA’ AGEVOLAZIONE INTENSITA’ ED ENTITA’ MASSIMA DEL CONTRIBUTO PER CATEGORIA DI INTERVENTO E LOCALIZZAZIONE DELL’IMPRESA
A Aiuti agli Investimenti in infrastrutture di ricerca Fino al 50% dei costi ammissibili Per progetti che prevedono un impatto occupazionale fino a 149 nuovi addetti contributo Max 1M/€ Per progetti che prevedono un impatto occupazionale superiore a 150 nuovi addetti contributo Max 3 M/€
B Attività di ricerca e sviluppo Ricerca industriale: fino al 50% dei costi ammissibili Sviluppo sperimentale: fino al 25% dei costi ammissibili Per interventi che prevedono un impatto occupazionale fino a 149 nuovi addetti contributo Max 2M/€ per progetto Per interventi che prevedono un impatto occupazionale superiore a 150 nuovi addetti contributo Max 3 M/€ per progetto
C Aiuti alla formazione Fino al 50% dei costi ammissibili + 10% per svantaggiati o disabili + 10-20% per PMI (max. 70%) Contributo massimo 0,5 M€ per progetto di formazione
C Aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati 50% del costo salariale lordo se trattasi di lavoratore svantaggiato; 50% dei costi legati all’assistenza fornita al lavoratore svantaggiato; per 12 mesi (24 per lavoratori molto svantaggiati) Contributo massimo 1 M€ per impresa/anno
C Aiuti all’occupazione di lavoratori disabili 50 % del costo salariale lordo se trattasi di lavoratore disabile; 100% dei costi aggiuntivi finalizzati ad assistenza e sostegno al lavoratore disabile Contributo massimo 1 M€ per impresa/anno
D Aiuti per la tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica (Art. 41, paragrafo 6, lettera c, Regolamento GBER) 30% grande impresa; 40% media impresa; 50% piccola impresa
D Aiuti per la tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica (Art. 41, paragrafo 6, lettera a, Regolamento GBER) 45% grande impresa; 55% media impresa; 65% piccola impresa
F Aiuti per servizi di consulenza per le PMI 50% delle spese complessive ammissibili

TERMINE

La domanda potrà essere presentata dallo 01/12/2020 al 30/01/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a graduatoria.


Ottobre 7, 2020
emilia-romagna-promozione-export-eventi-fieristici-valore-consulting-1.jpg

FINALITÀ

La Regione Emilia-Romagna intende diversificare i mercati di sbocco delle imprese e rafforzare la propensione all’export del sistema produttivo regionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, aventi sede legale o unità operativa in Regione le quali esercitano la propria attività economica nei seguenti settori: C, D, E, F, J, M, N, Q, R.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto la partecipazione ad eventi promozionali B2B, fisici o virtuali, realizzati da organizzatori internazionali, purché di livello internazionale o la partecipazione, in Italia o all’estero a fiere internazionali, sia fisiche che virtuali.

I progetti avranno inizio dallo 01/01/2021 e dovranno essere conclusi entro il 31/12/2021.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • partecipazione a eventi promozionali o B2B fisici o virtuali realizzati da organizzatori internazionali;
  • partecipazione a fiere all’estero o in Italia di natura fisica o virtuale. Nel caso di fiere in presenza saranno ammessi i costi per affitto spazi, allestimento, gestione spazi, trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse, ingaggio di hostess e interpreti. Nel caso di fiere virtuali saranno ammessi i costi di iscrizione alla fiera e ai relativi servizi, consulenze in campo digital, hosting, sviluppo piattaforme per la virtualizzazione, produzione di contenuti digitali, accordi onerosi con media partners, spese di spedizione dei campionari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la forma di un contributo a fondo perduto nella misura del 100% delle spese ammissibili, entro il limite massimo di € 10.000,00.

TERMINE

La domanda potrà essere presentata entro una delle seguenti finestre di apertura:

  • 1° Call: dalle ore 12:00 del 04/11/2020 alle ore 16:00 del 04/12/2020;
  • 2° Call: dalle ore 12:00 del 01/06/2021 alle ore 16:00 del 30/06/2021.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 30, 2020
cciaa-reggio-emilia-voucher-internazionalizzazione-mpmi-2020-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La Camera di Commercio di Reggio Emilia sostiene l’acquisizione di servizi per favorire l’avvio e lo sviluppo del commercio internazionale.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese, anche in forma cooperativa, aventi sede legale o unità operativa nella provincia di Reggio Emilia.

Rientrano tra i beneficiari anche i consorzi di imprese costituiti da PMI nonchè le MPMI che appartengono al settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli primari.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto:

A. Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero consistenti in:

  • ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi Esteri o a sfruttare determinati canali commerciali;
  • sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di Temporary Export Manager e di Digital Export Manager in affiancamento al personale aziendale.

B. Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero consistenti in:

  • realizzazione di “virtual matchmaking” ovvero di incontri d’affari B2B virtuali fra buyer internazionali e operatori nazionali;
  • avvio e sviluppo della gestione di business on line attraverso l’utilizzo ed il corretto posizionamento su piattaforme, marketplace e sistemi di smart payment internazionali;
  • realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce;
  • partecipazione a fiere internazionali all’estero.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese sostenute tra lo 01/09/2020 ed il 30/11/2021. Sono altresì ammissibili le spese sostenute in data antecedente relative ad acconti per affitto dell’area espositiva o quota d’iscrizione purché riferite ad una manifestazione che si svolga nel periodo di ammissibilità delle spese sopra richiamato.

Rientrano tra le spese ammissibili le seguenti voci:

  1. servizi di consulenza o fornitura di servizi relativi a uno o più ambiti di attività a sostegno del commercio internazionale;
  2. acquisto o noleggio di beni strumentali;
  3. realizzazione di spazi espositivi compreso il noleggio e l’allestimento, nonché interpretariato e il servizio hostess e incontri d’affari.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assume la forma di un contributo a fondo perduto la cui intensità sarà pari al 50% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di € 5.000,00.

E’ prevista una premialità di € 250,00 per le imprese in possesso del rating di legalità.

TERMINE

La domanda deve essere presentata dal 19/10/2020 al 16/11/2020.

Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.


Settembre 15, 2020
cciaa-ferrara-ripartenza-in-sicurezza-valore-consulting.jpg

FINALITÀ

La CCIAA di Ferrara sostiene le imprese mediante tre misure di intervento che riguardano la ripartenza in sicurezza, l’informazione e la formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e tecnologie digitali per la ripartenza.

BENEFICIARI

I beneficiari sono le imprese con sede legale o unità locale nella provincia di Ferrara.

INTERVENTI

Gli interventi ammissibili devono avere ad oggetto i seguenti interventi:

  • Misura 1: igienizzazione e sanificazione di ambienti e attrezzature, acquisto di dispositivi di protezione individuale, termoscanner e test sierologici, consulenza sull’organizzazione degli spazi di lavoro;
  • Misura 2: formazione del personale e aggiornamento del documento di valutazione dei rischi;
  • Misura 3: implementazione dello smart working e dell’ e-commerce.

SPESE AMMISSIBILI

1. ripartenza in sicurezza

  1. igienizzazione e sanificazione di ambienti, strumenti e indumenti di lavoro;
  2. acquisto di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare e sanificare;
  3. acquisto di soluzioni disinfettanti per l’igiene delle persone;
  4. acquisto di dispositivi di protezione individuale e dispositivi di sicurezza atti a proteggere i lavoratori e a garantire la distanza di sicurezza;
  5. acquisto di dispositivi per la misurazione della temperatura corporea senza contatto;
  6. acquisto di dispositivi contapersone per tenere sotto controllo il flusso degli accessi fisici e contingentarli o bloccarli al raggiungimento di determinate soglie;
  7. spese per test sierologici o altri accertamenti diagnostici per ricerca Covid-19 sugli addetti dell’impresa;
  8. acquisizione di servizi di sicurezza per un controllo fisico degli accessi del pubblico;
  9. realizzazione di studi, consulenze e servizi per ripensare l’organizzazione degli spazi di lavoro.

2.  informazione e formazione sulla sicurezza dei luoghi di lavoro

  1. formazione del personale e altre consulenze in tema di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro;
  2. consulenze e servizi per l’aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi;
  3. materiali informativi, sia digitali che fisici per introdurre o aggiornare la segnaletica sulle nuove procedure di sicurezza;
  4. acquisizione di servizi di assistenza, finalizzati ad innovare la gestione del lavoro e gli stessi processi aziendali;
  5. spese per consulenze e servizi per nuove procedure di sicurezza sanitaria nelle imprese.

3. tecnologie e strumentazioni digitali per la ripartenza

  1. acquisto di pc portatili e software da destinare ai dipendenti per favorire la diffusione dello smart working;
  2. implementazione di sistemi di e-commerce o delivery;
  3. implementazione di sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  4. soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale;
  5. connettività a banda ultralarga dell’impresa o dei dipendenti in smart working.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE

L’agevolazione assumerà la veste di un contributo a fondo perduto con le caratteristiche indicate nella sottostante.

INTENSITA’ INVESTIMENTO MINIMO CONTRIBUTO MASSIMO
50% € 1.000,00 € 5.000,00
55% se in possesso del rating di legalità € 1.000,00 € 5.000,00

TERMINE

In attesa di pubblicazione del Bando da parte della CCIAA di Ferrara.

La domanda deve essere presentata entro il 23/10/2020.


finanza agevolata per la tua azienda

Contattaci












    Accettazione privacy (GDPR 2016/679)

    Iscriviti alla Nostra Newsletter












      Accettazione della privacy (GDPR 2016/679)

      Valore Consulting è in fase di certificazione della qualità presso TUV Sud

      Pending Certification